Full text: Dalla Porta a San Frediano fino al Ponte a Greve (4)

144 
Giuliano suo fratello, il quale, o a bella po- 
sta, o a caso non essendo comparso ad un 
Convito, che quivi si fece al Card. Raffaello 
Riario nipote di Sisto IV, e ad altri Amba- 
sciatori, andò per allora a vuoto la trama. 
Hunc (Cardinalem) dice il Valori nella Vita 
di Lorenzo a pag 23, quum Laurentius in Foe- 
sulano suo lautissimo convivio accepisset, de¬ 
creverant Coniurati ibi inceptum facinus perpe- 
trare. Sed cum Julianus abesset, vel consulto, 
vel casu, consilium caedis, & locum mutavere. 
I fasti gloriosi della Letteratura Fiorentina 
dell'aureo Secolo XV. ci rammentano aver 
quivi fatti gran progressi la Filososia Plato¬ 
nica ripristinata sotto il poc'anzi non abba- 
stanza lodato Lorenzo il Magnifico, il quale 
v'institui la tanto celebré Accademia, a cui 
ascritto esser vi dovea, chi della sua grazia 
sentir volea i benefici influssi. Quivi a tale 
oggetto vi richiamava i più rari, e sublimi 
ingegni; di cui Firenze in que' tempi supe¬ 
riormente a qualunque Città del Mondo, 
soprabbondava, per meditare, e dilucidare 
le più profonde scienze, e le opere del gran 
Filosofo, e quindi per dar sollievo all'ani- 
mo stanco dalle continue applicazioni si 
portavano, come già dissi nel primo Volu- 
me pag. 55, a 7. Novembre, giorno emor- 
tuale di Platone, a Careggi, ove la di lui 
memoria si rinnovellava con un simposio 
all'uso degli antichi Accademici, condito 
delle
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer