Full text: Dalla Porta a San Frediano fino al Ponte a Greve (4)

106 
Ma è omai tempo, che noi passiamo a 
considerare la moderna maestosa Chiesa 
giacchè dell'antica non essendone rimasto 
vestigio, non se ne può dir cosa alcuna, se 
non che trovandola già adorna di diverse 
Cappelle, fa credere, ch ella fosse assai gran- 
de. Due infatti ne ricorda una Carta del 
Vescovo lacopo Bavaro dedicate a S Pietro, 
e a S. Romolo; due altre consacrate furono 
dal Vescovo Mainetto (1), una nel 1257, e 
e l'altra a’ 22. Ottobre 1275, la prima sotto 
il titolo di S. Alessandro, e la seconda di 
S. Donato. Di quest’ ultima esiste nell'Archi- 
vio Diplomatico un Lodo dato a’28. Dicem- 
bre 1441. dal Card. Giuliano Cesarini, come 
Arbitro, Giudice, e Commissario, di con- 
senso di Cosimo de' Medici, anch' esso Ar- 
bitro, e de'Priori delle Arti, e Comune di 
Firenze in una Controversia insorta tra' Mo- 
naci, e la Società di S. Donato di Scozia; 
nel qual Lodo dichiaransi liberi tutti gli 
Altari esistenti in detta Chiesa; s'impone 
inoltre a’ Monaci, e Convento di riedificare 
il testè menzionato Altare, ed a’medesimi 
si assegna una Casa, che possedeva la detta 
Società. Questa Cappella sarà stata forse e- 
retta in onore di S. Donato, in memoria 
di un prodigio quivi da Dio operato in con- 
testazione della di lui Santità, allorchè i 
Fie¬ 
(1) Ughelli Tomo 3. pag. 252.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer