Full text: Dalla Porta Romana fino alla Certosa (2)

85 
presentò fatti di quattro Granduchi di To¬ 
scana, cioè: Nella prima la solenne entrata 
di Cosimo I. il Grande nella Città di Siena, 
dopo la conquista fatta di questo Stato: esso 
sopra un Carro trionfale, e i Senatori di 
quella Città, che gli portano le Chiavi. Nel- 
la seconda fece vedere ritratto dal vero il 
bel Colosso di Ferdinando I. colle figure di 
quattro schiavi legati attorno a quello, che 
di mano di Pietro Tacca si veggono nel Porto 
di Livorno, ove finse la Monarchia di To¬ 
scana, che conduce Pisa, e Livorno, a render 
grazie ad esso Ferdinando, per la loro mi¬ 
rabile restaurazione: e nella base di quel 
Colosso scrisse i seguenti versi, composti da 
Pier Francesco Rinuccini erudito Gentiluo- 
mo del Principe: 
Colma di gelo il cor, d'orror la fronte; 
Affrica sbigottita, Asia tremante, 
Mira, o Gran Ferdinando, alle tue piante 
Incatenato il Nil, servo l'Oronte. 
Nella terza dipinse quando Cosimo I. 
accomunò con Francesco suo Figliuolo il go¬ 
verno dello Stato. Nella quarta, veramente 
bellissima, quando sotto gli auspicj di Cosi¬ 
mo Secondo, vivente ancora il primo Ferdi¬ 
nando suo Padre, fu dalle Toscane galere 
fatta la grande impresa della Città di Bona 
in Barberia: In questa sigurò la persona di 
esso
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer