Full text: Dalla Porta Romana fino alla Certosa (2)

152 
un dito da quella Vergine, del mal di un 
occhio, di Rutilio Manetti, siccome del me- 
desimo Pittore è l’altra Tavola con la figu- 
ra del B. Pietro (1) Petronj Senese, il quale 
mosso da particolare impulso del Divino Spi¬ 
rito, si taglia il dito indice sinistro, per ina- 
bilitare se stesso ad esser promosso dal Dia¬ 
conato al Sacerdozio, di cui riputavasi in¬ 
degno. Una tavola rappresentante Tobia 
in atto di essere risanato dalla cecità, di 
Bernardino Poccetti (2), ed altre molte, che 
lun¬ 
(1) Di questo Beato abbiamo una Vita stampata 
nel 1619. scritta dal P. Don Bartolommeo Mo¬ 
naco professo di questa Certosa, espressa, e de¬ 
scritta con tale elegante Latinità, con metodo 
cosi regolato, e con annotazioni cosi ben con¬ 
cludenti in comprovazione di quanto scrive, 
che niente più potea desiderarsi da uno studio¬ 
so, pio, e veridico Scrittore, quale egli è ve- 
ramente. Desiderabile sarebbe, che il pubblico 
vedesse la Vita ancora di S. Brunone scritta 
con non minore eleganza da Don Mariano To¬ 
nini Monaco professo di questa Certosa. 
(2) Avevano del Poccetti i Padri Certosini un li¬ 
bro di disegni di sua mano, dove erano studj, 
e alcuni Ritratti di que’ Monaci tocchi mira¬ 
bilmente, ed a principio vi era il ritratto dello 
stesso Bernerdino di matita nera in piccola pro¬ 
porzione, tocco con gran facilità, sotto cui si 
leggevano le seguenti parole : Vera eximii Pi¬ 
ctoris Bernardini Poccetti Florentini effigies ab 
ipsomet ex speculo delineata in Carthusia Flo- 
rentina, dum annum ageret tertium, & quadra¬ 
gesimum, hoc est, ab Orbe redempto 1591.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer