Full text: Lib. VII (7)

GIUNTA 1. 
83 
le certi oggetti, debbono far conto che la tela sia il piano, 
che taglia tutte le piramidi, che hanno per base gli oggetti 
da rappresentarsi, e per vertice la pupilla di un occhio si¬ 
tuato in un determinato luogo. Che se il disegno non corri¬ 
spondesse esattamente agli oggetti, come sezione delle pira¬ 
midi, non potrebbe mai dirsi che rappresentasse quegli og¬ 
getti, i quali si vedrebbono dal medesimo luogo sotto angoli 
differenti, e con proporzioni diverse da quelle, che nel dise¬ 
gno appariscono. Non basta poi che il disegno sia stato pun¬ 
tualmente eseguito, ma per riconoscere la corrispondenza che 
ha cogli oggetti, bisogna che l' occhio di chi lo riguarda sia 
fermo nel punto, che fu preso per vertice delle piramidi; 
perchè cangiando luogo, difficile cosa sarebbe immaginare al¬ 
tri oggetti, i quali corrispondessero alle sezioni disegnate sul¬ 
la parete senza incorrere in qualche inconvenienza. Oltre il 
disegno, il quale nè può essere giusto senza essere confor¬ 
me alle regole di prospettiva, nè comparir tale senza che 
l'occhio sia debitamente situato, studiano i pittori di colori¬ 
re le loro tele, nel che le regole di prospettiva hon ponno 
essere di alcun soccorso. Certa cosa è, che se fossero tali i 
disegni, quali richiedono le sezioni delle piramidi sopraddet¬ 
te, e se fossero inoltre colorite le tele di maniera, che i 
raggi di luce riflessi sopra di esse giungessero all'occhio col¬ 
la stessa forza e colla stessa modificazione di colore, che se¬ 
co portano i raggi provenienti dagli oggetti, la pittura sa¬ 
rebbe eseguita con tal perfezione, che niente mancherebbe a 
far si, che chi la riguarda restasse ingannato, credendo di 
vedere gli oggetti stessi. 
Richiamati cosi i veri principj della prospettiva, i quali 
valgono egualmente per tutte e tre le arti del disegno, cer¬ 
chiamo di giovarcene nel giudicare le produzioni degli anti¬ 
chi. Fra tutto ciò, che in fatto d' arti belle, le devastazioni 
congiunte della barbarie e del tempo non ci poterono toglie¬ 
re, noi troviamo opere cosi perfette, che vengono costante¬ 
mente proposte per modello, e che, per consenso dei più 
dotti artisti, non potranno essere superate giammai. Ora nes¬ 
suno potrà negarci, che per giungere gli antichi a tanta per¬ 
lezione, d' imitar cioè la natura con quella esattezza che più 
per l'arte si possa, dovevano seguire tutte le leggi che la
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer