Full text: Lib. VI (6)

CAPO VI. 
41 
ture si possano vedere i verdi. Le altezze di que¬ 
sti (1) sorpassino d' una metà la loro larghezza. 
33. Negli edifizj di questo genere si dovran¬ 
no usare tutte quelle simmetrie, delle quali si po¬ 
trà trar partito senza impedimento del luogo. Chè 
se i lumi non saranno oscurati dall altezza delle 
pareti (2), potrannosi facilmente distribuire: se poi 
sieno impediti o per angustie o per altre neces¬ 
sità, allora sarà necessario coll ingegno e coll' a¬ 
cume il detrarre o l' aggiungere alle simmetrie, 
affinchè non dissimile da quella delle giuste sim¬ 
metrie ne risulti la venustà. 
(1) Non si determina che il rapporto fra l'altezza e la lar¬ 
ghezza dei ciziceni; ma deduce il Galiani che fossero qua¬ 
drati, tale essendo il rapporto stabilito poco prima pei con¬ 
clavj quadrati. Ma appunto per ciò, dice lo Stratico, non fa¬ 
cea d' uopo che si assegnasse l’altezza. E quindi più pro¬ 
babile che la lunghezza fosse doppia della larghezza, onde 
si potessero, come accenna Vitruvio, collocare due triclinj; 
ed allora è conveniente che l'altezza fosse nella ragione se¬ 
squialtera della larghezza. 
(2) Intendesi, al dir dello Stratico, di quelle pareti e muri 
che sono fuori dell'edifizio, e che possono intercettare la lu¬ 
ce; e per ciò se la ristrettezza od altre necessità vi accor¬ 
rono, si dovrà rimediarvi colla forza dell' ingegno. Ad esem¬ 
pio, se le finestre non possono per tal causa praticarsi a de¬ 
stra ed a sinistra, si dovranno aprire da quella parte d'on¬ 
de possa entrarvi la luce, ma in modo che non si rechi no¬ 
cumento all'interna simmetria.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer