Full text: Lib. V (5)

LIBRO V. 
34 
paripate-meso, licano-meso, trite-sinemmeno, pa¬ 
ranete-sinemmeno, trite-diezeugmeno, parane¬ 
te-diezeugmeno, trite-iperboleo, paranete-iperbo- 
leo (1). 
31. Questi poi nel muoversi acquistano altre 
virtù: perchè hanno gl'intervalli e le distanze 
sempre crescenti. Onde il paripate, che nell ar¬ 
monia dista dall' ipate di una diesi, cangiatosi 
nel cromatico, ha un semitono; nel diatono un 
tono. Quello che nell'armonia dicesi licano, dista 
dall' ipate un semitono: trasferito nel cromatico, 
si avanza per due semitoni : per tre nel diatoni¬ 
co. Parimente i dieci suoni pei loro traslocamen¬ 
ti fanno nei generi una triplice varietà di modu¬ 
lazioni. 
32. I tetracordi sono cinque (2) : il primo 
gravissimo, che in greco chiamasi ipato: il secon¬ 
do mezzano, che si chiama meson: il terzo con¬ 
giunto, detto sinemmenon; il quarto disgiunto, 
(1) In italiano suonano: vicino al primo dei primi, indi¬ 
ce dei primi, vicino al primo dei mezzi, indice dei mezzi, 
terzo dei congiunti, presso l'ultimo dei congiunti, terzo der 
disgiunti, presso all' ultimo dei disgiunti, terzo dell' eccel¬ 
lenti, presso all' ultimo dell' eccellenti. L' Orsini dice che 
Vitruvio poteva benissimo spiegarsi con ogni facilità nella 
lingua propria, anzichè far uso di una straniera. Ma sarà 
giusto di riflettere che al tempo di Vitruvio quegli erano 
certamente termini teenici che non era permesso, od alme¬ 
no non proprio di tradurre, allo stesso modo che si hanno 
anche oggidi la maggior parte dei termini scientifici. 
(2) Questi stessi vengono da Marziano Capella cosi de¬ 
nominati: il primo delle principali, il secondo delle medie, 
il terzo delle congiunte, il quarto delle separate, il quinte 
dell' eccellenti.
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer