Full text: Vitruvius: Tesoro De Las Tres Lengvas Española, Francesca, Y Italiana

C V C V Cubattollo, Fioren. ſtrumento da vcella-
# re, engin d’oiſeleur, inſtrumento por ca-
# çar.
Cubebe, ſeme, o frutto aromatico, fruit aro-
# matique, Tortella.
Cubito, gombito, coudee, codada, medida del
# codo per miſura, che è di varie ſorti, vedi
# Vitruuio.
Cucca, o chicca, dicono Sene. per vezzi tut-
# te le coſe da mangiare che ſi danno a’
# bambini, e per i medeſimi, cucco all’huo
# mo, boullie ou viande pour les petits enfans, pu-
# chas, poleadas de niños.
Cucchiaio, ſtramento concauo da pigliare il
# cibo liquido, per il più d’argento, cuillier,
# cuchara.
Cuccia, Sen. per lettiera, chalit, armadura de
# la cana.
Cucciolino, diminut. de chalit.
Cucciolo, che è propriamente can da gio-
# gnere, giouane, che non ſia ancora da cac-
# cia, petit chein, perrillo, metaf ſi dice cuccio-
# lo all’huomo ſoto, ineſperto.
Cucco, Sene. huomo, voce de’ bambini, co-
# me pappa, e bombo. eſſer il cucco della
# mamma, è eſſer il vezzoſo, il più amato,
# mignon, poupon, fanton, ſer el mas querído de
# la madre.
Cuccuma, Fior. per rancore, e odio ſegreto.
# rancœur, odio.
Cuccina, ſtanza doue ſi cuoce la viuãda, cui-
# ſine, cozina, da’noſtri contadini e vſata
# anco per la viuanda ſteſſa, viande, ſoupe,
# ſauſſe, vianda, ſalça.
Cucinare, farla cucina, cuoſer le viuande,
# cuiſener, cozinar, guiſar.
Cuciniera, o.
Cuciniere, che fà cuocer la viuanda, cuiſinier,
# cozinero.
Cucire, adoperar l’aco perfare, o reſarcire
# veſtimenti, o altro, coudre, coſer.
Cucito, add. di cucire, couſu, coſido.
Cucito, ſuſt. la cuccitura, & il cucire, couſture,
# coſtura.
Cucitore, che cuce, couſturier, ſaſtre.
Cucitura, il cucire, & anco la congiuntura
# del cucito, couſture, coſtura.
Cuculo, vcello che hà nome dal ſuono del
# ſuo canto, coucou, cocu, cuclillo.
Cucurbirino, aggionto diverme che ſi gene-
# ra nella parte ſuperiore de gl’ inteſtini,
# nom de ver és boyaux, nombre de guſano de
# las tripas.
Cuffia, copertura del capo fatta di panno
# lino che ſi lega con due naſtri, o bende
# del medeſimo panno increſpandoſi da v-
# na banda, calotte, coife. cofia. vſcirſene pel
# rotto della cuffia, e liberarſi da pericolo,
# o da ſpeſa, ſenza, ſentir noia, o danno-
# Sen. non dicono cuffia ſe non a quella
# delle donne.
Cugino, figliuolo delzio, oouſin, primo.
# Cui, nome relatiuo, vale, il quale, o, chi, e
# trouaſi in tutti i caſi fuor che nel primo,
# e ſempre ſenza l’articolo, ſe ben talhora
# col ſegno della coſa, lequel, el qual.
Culaia, ela pancia d@gli vccelli ſtantij, ven-
# tre des oyſeaux en perche, vientre de los pa-
# xaros.
Culata, Sen. percoſſa di culo, calando all’
# indietro, cheute ſur le cul, cayda ſobre el
# culo.
Culiſeo, nome dell’anfiteatro di Roma per
# iſcherzo, pigliaſi per il culo, coliſee, amphi-
# theatre à Rome, coliſeo.
Culla, e yn’arneſe di ſtiance, o di vimini, o
# di legno, in forma di ceſta ouata col ſuo
# letticciuolo da tenerui il bambino a dor-
# mire, berceau des petits enfans, cuna de ni-
# ños.
Cullare, Sen. anninnare, dimenar la culla
# per far addormentare il bambino, bercer
# des enfans, brincar los niños.
Culo la parte di dietro de gli animali, nella
# quale e lo ſciacquatoio del ventre, cul,
# culo. Dar del culo in terra, e cadere di
# buono in gattiuo ſtato. Dar del culo nel-
# la pietra, o (comme dicono i Fior.) nel
# laſtrone, e rifutare l’eredità paterna, per
# non eſſer tenuto a debiti, etrouar culo
# da tuo naſo, trouar chi non habbia paura
# di tue brauate, modi baſſi.
Cultiuamento, labourage, labrança.
Cultiuare, labourer, arar.
Cultiuatore, laboureur, labrador.
Culto, il medeſimo che colto, culto di-
# uino è la veneratione, che ſi fà à Dio
# con atti eſterni, ſeruice diuin, culto diui-
# no.
Cultrice, Fioren. verb. ſem. per veneratrice,
# ſeruante de Dieu, ſierua de Dios.
Cultura, cultiuatura, ò cultiuatione, laboura-
# ge, labrança.
Cuna, la culla, berceau, cuna.
Cunicolo, ſtrada ſotterrana per iſcalzar
# mura, o per ritrouare gli ſcalzamenti de’
# nimici, oggi ſi dice minare, e contrammi-
# nare, mine ſous terre, mina debaxo de tier-
# ra.
Cuocere, e quel che fà il fuoco nelle coſe
# che ſe gli mettono ſopra, o d’appreſſo per
# mangiarle, o per altro vſo, cuire, cuiſiner,
# cozer, guiſar, metaf. per trauagliare, e
# diſpiacere, diceſi cuocere, l’operatione
# che fà intorno al cibo nello ſtomaco il
# calor naturale, che anche ſi dice conquo-

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer