Full text: Vitruvius: Tesoro De Las Tres Lengvas Española, Francesca, Y Italiana

C I C I Cicognino, figliuolo piccolo della cicognia,
# vn c@goneau, le petit d’vne cigongne, el cigue-
# ñito.
Cicolino, Seneſ per ciccione, petit fronc@e, to-
# lond@@no.
Cicoctola, Seneſ. la parte concaua di dietro
# tra’l collo, e la zucca dal capo, le col, cuel-
# lo.
Cicura, herba nota, velenoſa, ciguë, cic@-
# ta.
Ciecamente alla cieca al buio, e metaf in
# conſideraramente, & alla balorda, aueug@é
# ment, inconſid@rément, ſaciegas, ſin conſidera-
# cion.
Cieco, priuo di luce, aueugle, ciego, metaf.
# periſconſiderato, per oſouro, per occulto,
# prouerbi. l. baſtonart da ciechi, vol dir ſo-
# de, & in terta di ciechi beato chi ha vn’
# occhio.
Ciclo, la parte ſuperiore del mondo, le ciel,
# el cielo, per l’elemento dell’ aria, perla
# potenza ſopra humana, e per ſimilitud. la
# parte di ſopra di molte coſe, come
# ciel del forno, cielo del cortinaggio, e ſi-
# mili.
Cifera, e cifra, è vna maniera di ſcriuere oſ-
# curo da non eſſer inteſo ſe non da colui
# con ch@ ſi ſia conuenuto, e che habbia il
# contraſegno, che ſi chiama contracifera,
# faſſi in diuerſi modi, o col variare, e tra-
# ſporre lettere dell’ alfabero, o con nu-
# meri, o con nuoui caratteri, ſecondo che
# l’intelletto ſerue nel ſomminiſtrar in-
# uention@, chiſre, manera de eſcriuir in gua-
# riſmo.
Cigliare, e quel terreno rileuato che ſi fà
# nel campo alla riua della foſſa nel cauar-
# la, chauſſee, calçada.
Ciglio, que@l’ arco di peli che ſtà ſopra l’oc-
# chio, o per difeſa, o per ornamento, ſcurcil,
# ceja, per l’@ſteſſo occhio, o viſta, cil, œil, veuë,
# ojo.
Ciglione, il medeſimo che cigliare.
Cignere, Sen. cegnere. propriamente è lega-
# re il veſtimento nel mezzo della perſona,
# ceinare, ceñir, e ciner la ſpada, vale met-
# terſi la ſpada al ſianco, per auuinchiare,
# per circondare, diciamo coſtui te l’hà cin-
# ta, quando t’hà fatto qualche ſcherzo, e
# di male, o di burla modo baſſo, come an-
# co cignerla, che è il medeſimo che accoc-
# carla.
Cigno, cecero, cigne, ciſno.
Cigolare, lo ſtridere che fanno adoperando-
# ſi ferri, o legn@mi che trà loro ſi tocchi.
# no, gemir, bruire, lamentar, per lamentarſi,
# borbottando: onde è nato il prouerbio,
# la più triſta ruota del carro ſempre cigo-
# la; cio è colui che non n’hà cauſa ſi la-
# menta, e ſi fà ſentire.
Cilecca, è vna beffa che ſi fà col moſtrar vna
# coſa per darla, e non ſi dà, illuſion, illuzi-
# on.
Cil@ſtro, color di cielo, bleu, azul.
Ciliccino. che hà del ciliccio, qui eſt fait d’eſtœ
# m@ne, qui eſt hecho de cilicio.
Cli io, e vn’ @bitello fatto di ſetole di ca-
# u@llo annodate, che punge continua-
# mente, vſato de gli huomini ſpirituali
# pe@ mortificar la carne, eſtamine, haire, cili-
# cio.
Cilindrico, add che hà figura cilindrica, cio è
# lungo, e tondo a guiſa di colonna, rond, de
# figure r@nde, redundo.
Cima, ſommità, cime, feſte, el techado de
# la caſa. metaf. vale eccellenza, come, ci-
# ma d’h@omo. cima di grano, e ſimili. Au-
# dar @ù per le @ime de gli arbori, di chi
# pretende p@ù @el douere: e di chi và
# troppo ſofiſticando, o troua troppi pun-
# ti.
Cimare, è torvia la cima del pelo al panno
# lano, tondre, tundir, e.
Cimatore, ſi chiama colui che cima, e
Cimatura, il pelo che ſi taglia n@l cimare,
# col quale ſi riempieno baſt, le palle, &
# altro, e ſi chiama anco boria, bourre de lai-
# ne, borra.
Cimatio, quell’ huouo che s’intaglia nelle
# cornici, coſi detto da gli architetti, ouale
# de corniche, oual.
Cimbellare, Sen. toccare il cimbello, per al-
# lettare gli vccelli, metaladeſcare, apaſteler,
# ſeuar.
Cimbottolo, Sen. botto, il colpo che ſi da in
# terra chi caſca, bruit du coup d’vne choſe tom-
# bant en terre, ruido de vna coſa que cae en
# tierra.
Cimentare, eſperimentare, far proua eſſayer,
# eſprouuer, prouar.
Cimento, eſperienza, eſpreuue, eſſay, prue-
# ua.
Cimice, ſpetie d’inſetto noto di peſſimo o-
# dore, pun@iſe, chinca.
Cim@ero, quantità di piume, o impenſa, che
# ſi porta da’ caualieri in cima all’ elmetto
# cimier, creſte de ſalade ou d’armet d’vn hom-
# me d’armes, portant vn pennache, cimie-
# ro.
Chimino, cumino, cumin, cominos,
Cimitiero, luogo ſagrato doue ſi ſepeliſco-
# no i morti, cœmitiere, cementerio, piatire
# i cimitieri, ſi dice d’huomo che ſtia mal di
# ſan@tà.
Cimurro, infirmità che viene a caualli con
# fluſſo di marcia alle nari, ſi dice hauer il
# cimurro, vn che ſtia ſopra fantaſia, maladie
# aux narines des cheuaux, morue, mueruol.

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer