Full text: Vitruvius: I Dieci Libri dell' Architettvra di M. Vitrvvio

31. CAP. II. DI CINQVE SPECIE DI TEMPI.

CINQVE ſono le maniere de i Tempi, dellequali i nomi ſono queſti, Picnoſtilos, cioe di ſpeſſe Co-
lonne, Siſtilos piu larghe, Diaſtilos anchora piu diſtanti. Areoſtilos, oltra di quel, che ſi conuie-
ne, diſtanti, Euſtilos che ha conuenienti, e ragioneuoli interualli.

La humana cognitione, ſia di che uirtu dell’ anima eβer ſi uoglia, ò, del ſenſo, ò dell’intelletto, comincia prima (come detto
hauemo) dalle coſe confuſe, & indiſtinte, ma poi approsſimandoſi l’oggetto ſi fa piu particolare, & piu certa,nc uoglio
bora ſopra queſto filoſofare, ſolo ne darò un’eſſempio della cognitione de i ſenſi. Vedendo noi di lontano alcuna coſa, ci
formiamo prima una cognitione confuſa dipoi auuicinandoſi quella, uedemo, che col mouimento ella ſi porta in alcuna parte, & però dicemo
eſſer animale, ma piu oltre paβando conoſcemo eſſer un’huomo, et auicinandoſi anchor piu, trouamo eſſer un’ amico, etraffigurandolo piu d’ap-
preſſo ogni parte di lui diſtintamente conſideramo, & coſi dallo eſſer, che è uniuerſalisſima coſa, al mouimento uenimo, & dal mouimento ci
restrignemo all’animale, & à piu diſtinta cognitione peruenuti conoſcemo pbuomo,riconoſcemo Pamico, diſtingucmo ogniſua parte. Simil-
mente auuienè nella cognitione dello intelletto, pero degnamente Vitr. ci ha propoſto una indiſtinta, e confuſa cognitione de i ſacri Tempipreſa
dalla figura, & dello aſpetto loro, perche tra le coſe ſenſibili la figura è oggetto commune. Diſcende poi alla diſtanza delle parti, & uerra poi
finalmente alla particolare, & distinta miſura d’ogni particella, Sette adunque ſono i regolati aſpetti delle figure de i Sacri Tempi, i quali ſono
come uniuerſali principij della cognitione di queſta materia, & ſono i ſopraposti. Approſimandoſi poi all’ edificio uedemo gli ſpuij, che ſo-
no tra Colonna è Colonna, questi ſpacij eſſendo in alcuni Tempi piu riſtretti, in alcuni piu larghi portano all’ occhio diuerſe apparenze, & fanno diuerſi effetti ò di dolcezza, & bellezza, ò di grandezza, & ſeuerita, ſi come fanno gli ſpatij delle uoci nell’oreccbie, perche quello che è
conſonanza all’orecchie, e bellezza à gliocchi, però Viter. diſtingue le ſpecie de i Tempi ſecondo gli interualli, che ſono tra Colonna é Colon-
na, non in quanto al numero, ma in quanto alla quantita loro, & dice che la prima ſpecie è detta Picnoſtilos cioe di ſpeſſe, ò riſtrette Colonne,
quando una Colonna, è molto appreſſo Paltra. Lafeconda Siſtilos, quando i uani ſono piu larghi, perche albora le Colonne ſono piu diſtanti. Laterza è detta Diaſtilos, che anchora con piu larghi ſpatij ſi diβegna. La quarta Areoſtilos, che e quando piu di quel che biſogna diſtanti ſo
no gli ſpatij delle Colonne. La quinta Euſtilos, che ragioneualmente comparte i uani. Ma perche anchor a non ſi ſa quanto eſſer deono que-
ſti ſpacij grandi pero Vitr. diffiniſce ciaſcuna maniera, & dice.

31.1.

10
20

Picnoſtilos adunque è quella ſpecie nell’intercolunnio dellaquale ui cape la groſſezza d’una Colonna, è, mezza, come
nel Tempio di Diuo Giulio, & nel Foro di Ceſareil Tempio di Venere, & ſe altri Tempi ſono in queſta maniera
compoſti.

L’eſſempio di queſta ſpecie, e, nella ultima pianta ſottopoſta del Tempio ſcoperto doue da una colonna all’ altra, e, lo ſpatio di una Colonna e mez-
za. La groſſezza della Colonna s’intende il Diametro della teſta di eſſa. L’impie di queſto Tempio ſi ponera al ſuo luogo, inſieme con, i,leuati
de gli altri Tempi. Ma di quelli che Vitr. cita non ne ce restato alcuno. Iuocaboli ſeranno quegli iſtesſi nella noſtra lingua.

30

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer