Full text: Vitruvius: I Dieci Libri dell' Architettvra di M. Vitrvvio

LIBRO 
re, che dichiarito sia, & espresso di che maniera egli prende il numero, i nomi, & le parti de uenti d'onde spi¬ 
rino determinatamente, laqual cosa essendosi in questo modo inuestigata, accioche si sappia prendere le regio¬ 
„, cosi bisogna discorrere. Posto sia nel mezzo della città à liuello un piano quadro di mar¬ 
ni, & i nascimenti loro 
mo, ò uero il luogo sia si 
pianato, & pareggiato in modo, che il detto quadro Amusio detto, non si desideri, pongasi poi 
nel mezzo centro di e 
lo stile di rame, che dimostri l'ombra, & sopra il detto quadro segnisi lombra estrema 
fatta dallo stile quasil' 
quinta ante meridiana, & facciasi con un punto il segno, dapoi rallargata la sesta al pun 
to, che è segno della lunghezza dell'ombra, & fermata nel centro facciasi il giro finito: dapoi sia osseruato dopo il 
ggie combra crescente cagionata da questo stile, & quando quella hauerà toccato il giro gia fatto, & hauera pa 
sato all ombra ante meridiana quella fatta dapoi mezzo giorno, far bisogna in quel toccare un punto, da questi 
due segni con la sesta due segni in crocicchiati far si deono, & per tale incrociamento, & per lo centro nel mezzo si aa 
deue tirare una linea, che tocchi l'estremita del cerchio, accioche s'habbia il mezzo giorno, & la trammontana. Fat¬ 
to questo bisogna pigliare la sesta decima di tutta la linea circolare & porre il centro nella linea del meriggie, laqua 
le tocca la circonferenza, & sideue segnare dalla destra, & dalla sinistra nella ditta circonferenza, & dalla parte del 
mezzo d, & dalla parte della trammontana: da poi da questi quattro segni per mezzo del centro si deono tirare in 
croce le linee, che con le loro estremita tocchino la circonferenza, & à questo modo si hauera il dissegno dell'ottau¬ 
parte dell Ostro, & della Trammontana, le altre parti ueramente, che sono tre dalla destra, & re dalla sinistra egua 
à queste si deono in tutto la circonferenza distribuire, in modo, che l'eguali diuisioni de gli otto uenti siano neld 
scriuere, & compartire, dissegnate, all'hora per gli ar 
niguli tra due regioni de i uenti, pare, che drizzar si deueno le 
drittur 
: & capi delle uie, perche con tai ragion, & compartendo à quel modo, dalle stanze & da i bor¬ 
ghi, & contr. 
elclula la molest, & noiosa forza de i uenti; altrimenti quando le piazze per dritto de i uenti ao 
laranno dillegnate, l'impeto, & ilsoffiar frequente uenendo dallo ampio, & lbero spatio del Cielo rinchiuso nelle 
bocche, & nelle entrate delle uie, &am; delle strade, andrà con piu forzeuole mouimento uagando, per ilche le dritture 
de i borghi &am; dele uicinanze deono esser riuolte dalle regroni de i uent, accioche peruenendo quellia gli anguli del 
se Isole, & alle cantonate de i capi delle uie sieno rotti, & espuls, & dis sipati. 
Nella presente consideratione, i me pare, che bisogna sapere le qualita de i uent: ≈ liefeti, che fanno in diuersi lioghi, percioche per darne 
lo esem pio, Ostro in aleumi luoghi e mortale in altri nd cosi. Borea e sano in Veneti, ≈altroue dannoso, pero nelle driture delle trade biso 
gna hauer questa consideratione ; se for se no uogliamo dire, che ogniuento sia noioso & ma sano: Vitr adunque ha considerato l'uniuer sale. 
S bene pereche l particolure sdeue considerare da iparticolar; quli secondo le loro complesionisper deono qual uentogl sa giouenole 
& qual nous Dichiarano i preceti de medec lequalita de iuenti, & dimostrano qual uento à qua compleßione ouero nuoca, ouero sia die 
namento: lo à quel mando i curios, ostudiosi di queste cose. Hauedo fin qui Vitr datac utentione de drixgarelestrade¬ 
& le uie, uuole piu 
partitamente fare il medesimo, & formarne la sua figura: Ma prina ua indag ando. 
per sorte si troua piu numero di uenti; & dice. 
Ma forse quelli, che hanno piu nomi di uenti conosciuti prenderanno ma¬ 
uiglia, che io detto habbia otto soli uentiri 
trouari, ma se auertirannoilcircuito di turta la terra essere stato da Eratostene Cireneo co mathematiche agioniet 
uie ritrouato per lo corso del Sole & per 'ombre dello stile equinot iale dalla inclinatione delcielo essere di stadidu 
cento & inquanta due mila, che sono pasi. 150000. trenta una fata mille migliai, & inquecento fate mille& i 
questi la otaua parte da un uento esser occupata, che è di passi. 3977500. tre m 
iglia nouecento, & trentasette mi 
la, & cinquecento, non si doueriano marauigliare, se in tanto grande spatio un uent 
to uagando col cessare, & col rit¬ 
torno fara uarie mutationi di sofare & pero cerca POstro dalla destr, & ala snistra eil uento detto Leuconot 
& lueto nominato Altanus: d 'intorno allo Affico sofia ilLibonoto, & quello, che si chiama Sub uesperus: kint¬ 
no al Fauonio spiral Argest & eritempi Ethese, dailatidelcauro sta il Circio &am; CorocircailSettntrione do 
uno e che si chiama Thrascias, & altro Gallicos: dalla destr, & alla snistra delle Aquilone soffa il Borea, & Su¬ 
pernate: d'intornoil Solano è Carba, & ceri tempile Ornithie; ma del Euro, che tiene le partidi mezo dalle 
bande stanno Cecia, & Volturno. 
in questo luogo Vitr. risponde à quell, che se gli potrebbe opporre circa il numero de i uenti. Potrebbe dire 
A Alessandria. 
alcuno, o V itr tu hai noueratti solamente otto uenti, ma dei sapere, che ne sono molti altri anchora cono¬ 
B Siene. 
però non doueui affermare cio che detto hai: Risponde Vitr. che molto bene puo star quello, che 
A D il Gnomone. 
detto del numero de i uent, & che ancho altriuenti sieno conosciut & l ragione en questa perche 
C il Centro del Mondo. 
none marauiglia, se uno uento stesso uagando per grandi 
ßimo spacio col cessare, & col rittorno faccia di¬ 
FHCDG. iraggi 
uersamente soffiando molte uarietâ, dalle quali si prend 
sino duersi nomi di uenti; ma direbbe alcuno, ax; 
del Sole. 
che spatio e cosi grande, per ilquale ha da uagare il uento? 
?Risponde quello esser l'otaua parte di tutto il gi 
ADGeA CB. gli 
ro della terra, laquale otaua parte e miglia. 39 7. Prendendo adunque i uenti per lo grande spatio qualche 
Anguli corrispondenti. 
mutatione ouero per gli monti opposti, ouero per laltez xa dellat erra, o per qualche altra cagione non si 
douemomarauiglare seda ilat: de glioto uentialtri ne sono stati colocat come nara Vitr. in al nume 
ro di uentiquattro, & come appare per la sottoposta figura, et accioche s intenda questo; dice egli, che 
Erathostene Cirenco, he su grandißimo mathematico, rittrouo con uie et modi ragioneuoli tuto lgiro et 
circuito della tera esser stadi ducento cinquanta due mila, he sono miglia trent un milaet cinqueceto per 
che otto stadi sono un miglio,et sono paßsi. 31500000. perche mille pasi sanno un miglo ap; lpasso di ein 
que piedi, Pottaua parte di tutto ilcircuito e di migla 9 7. che sono pasa. 937500. ap. questo e losha= 
jche egli dice, ma in che modo per lo corso del Sole, & per Pombre dellostile equinotiale Erd 
rittr ouasse con ragioni Mathemathiche dalla inclinatione del Cielo il circuito della terra, horai 
al proposito nostro dicthiarire, benche altroue questo fatto habbiano manisesto. Erathostene prese due luo. 
Egito, Alesßandri, & Siene, quali due luoghi sono quasi sotto un stesso meridano ap; dallo spatio, 
ra un luoge, & altro eglitralse tuta la circonserenzadelatera, drix xo adunque sopra la terra 
in Alesandria lo gnomone. Dipoi eglinelmex xo di apunto quando il Sole nel principio del Caero con 
sideraua due ragg 
isolari, uno, che cadeua sopra Siene à piombo, perche Siene è sotto il tropico, Paltro, che 
cadeua sopra la pi 
nit delostlehri gato in Alessahra, Er getaua onbrauer o Setentrione verche 
Alesandriae d qua dal Tropico di Cancro & per ragione del gnomone al ombra per uia Geometrica 
egu trouo, chel angulo compreso sotoi guomone, &am; oto ragio solare, era la cinquantesina parte 
al quatro anguli arti, ep perd essendo questo angulo egude a quell, che nel centro delatera salr- 
70 
lospatiod eireonfereng ehe era da iene ad alsaneriasase aeinguanesina deltuto et perömisore= 
ta quela parte esser d. 000 Radi seguita, che tuta lo circonfrenga sadi 35000.stal, che sono. 
31450. miglia, em cosis pud aconciare & Vitr ap Plinio er seduersita tragli Autoripenso, chela 
ueng adalla duersita dellemisure, lafigura deladimnostratione di Erathoctene e la seguente. 
A Solanus
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer