Full text: Vitruvius: M. L. Vitrvuio Pollione De architectura

# de quadrãguli, o vero de trigoni, anchora ſigni # fica la inſcriptione dellibro. # 48. Diaſtilo: queſto vocabulo ſi po dire per cõpoſitio- # ne da la greca prepoſitione {δι}ιὰ, che ſignifica per # in latino, & ςΗλος, cioe columna, & pero ſi dice # Diaſtilos che ſignifica per li colõnati, o vero per # fectamente colonnato. # 25. Διαθεοτν: cioe affecto, & e vno de li accidenti del # verbo: quale li latini lo domandano genus. # 4. Diapente: queſto e vocabulo greco, il quale ſignifi- # ca in latino quindeci. # 3. Diateſſaron: queſto e vocabulo greco, il quale ſigni # fica in latino quattordece. # 3. Diatonon: cioe di perfecta tonantia. # 48. Δι{αυ}λον: queſta e vna menſura che conſta de. Mcc. # pedi. # 54. Diazeugmatí: cioe le diſiunctiõe, o vero come vul- # garmente ſi dice li relaſſi. # 51. Dicalcha: o vero Tricalcha, queſte erano monete # minute che valeuano doi, o vero tre dinari ſtipẽ- # diarii deli predicti, & erano di argento, & chi di # eramo, & chi di horicalco. # 23. Δι{δω}ρον, Didoron conſta in longitudine vno pe- # de, cioe quattro palmi continuati inſieme, e lar- # go uno mezo pede, che ſono doi palmi. Vede # Plinio. # 14. Dimeron: che uol dire dodece. # 23. Dinocrate: queſto fu uno architecto al tẽpo di Aleſ # ſandro magno. # 12. Diogneto: queſto fu nobiliſſimo architecto di rho # di. # 109. Dioptre: queſto e uno inſtrumento da liuellare, & e # uocabulo greco il quale ſi dice da {δι}οια che ſigni # ſica doi o vero dopiamente, & οπΤ{ον} che ſigniſi- # ca uedere, inde οπΤικος, cioe viſiuo quaſi che ſia # uno inſtrumento che habia doi forami da uede- # re. Ma dioptra ſi po dire a {δι}ιο & οπΤρο che ſigniſi # ca cooperíre, cioe da laere coperta. Et anchora ſi # po dire da οπς che ſignifica cauerna, o uero ſucco. # Per che queſta generatione di uaſe ſi e come vna # cauerna, la quale contiene ſucco in ſi, o vero li- # quore di aqua. Ma anchora Dioptre ſono dicte # quelli enei inſtrumenti regulari, che in li loro ca- # pi hanno li picoli foramini per li quali ſi guarda # dentro, quali vſano li aſtronomi con la regula # enea centricata in li aſtrolabii. # 80. Διπλα{οι}ωγα: cioe duplicatione. # 23. Dirachio: queſto e vna Cita la q̈le adeſſo ſi díce Ra- # goſa, la quale e ſopra il lito dil mare Ionío, e con # fina con la Macedonica regione. # 78. Diris: queſto ſecondo Strabone e vno monte in Li # bia, il quale li greci domãdano Atlante, & li Bar # bari Dirim. # 77. Diſciplína: queſta e differente da la ſcientia, per che # la diſciplina ſi e quelia che con li precepti ſe im- # para da li magiſtri domente che deſideramo da # aquiſtare quella. Et e dicta a diſcendo, per che tut # ti quelli che imparano, o vero di diſcipline ſi eru # diſſeno dimonſtrano hauere il ſenſo imperſecto, # ſi come in tutte le arte liberale, o vero mechani- # ce. Ma la ſcientia e quella che da la verita cõpren- # ſa ſi ha certa, & immutabile ratione. # 3. Diſco: queſto ſi era uno inſtrumento col quale li an # tiqui ſi exercitauano a giucare, il quale era facto # in forma di uno uaſe tondo poco concauo, ma # di concauitate plana, che non e altro come una # piadena, o uero piatello da portare la carne. An- # chora diſco ſi era una ſpécie di horologio facto # in quella forma come e dicto diſopra. # 73.92. Diſpoſitione: cioe una apta collocatione de le coſe. Diſpluuiati: queſto uocabulo ſi díce a dis, & pluuia, # cioe díſſipando & ſpartendo la pluuia quaſi di- # cat deponendo la pluuia diuiſa, cioe che la pioua # giuſo in diuerſe parte diſpartita. # 61. Diſtenta: cioe diſtrita, o uero in diuerſe occupatiõe # tenuta. Ma diſtẽdere anchora ſignifica dilatare, o # uero implire, & ha molti altri ſignificati. # 44. Diuaricati: cioe partiti & diſtracti luno da laltro & # aperti a modo de le gambe di quello che patiſſe # le uarice cioe che ſiano in cima ſtrecti, e nel baſ- # ſo in terra largi. # 94. Diuiſione de la luce diurna, li antiqui haueuano di- # uiſa la luce diurna in. xii. parte equale di ogní tẽ- # po di lanno, talmente che le hore de li giorni eſti # ui erano longe, quelli de li hiberni erano breue, # e le altre erano mediocre, e coſi erano cognomi- # nate: Solſtitiale Brumale, & Equinoctíale. # 90. Dino: cioe aere, o vero ſcoperto cielo, come ſi dice # vno loco diſcoperto. # 70.

36. D ante O

Dolate: cioe adequate, e ingualate con la ferrea do- # labra, quale manera ſi dice. E ſi po dire dolabra a # dolando, che ſignifica a dolo librare, o vero libe # rare, p che ogni legno nõ eſſendo recto cõuiene # ſia adaptato e liberato da q̃lle ſue inequalitate. # 21. Dolii fictili: cioe vaſi di terra rotundi come olle, o # vero bocali. # 50. Dolii: queſti ſono vaſi grandi piu che li cadi dal vi- # no, ma alcuni li pigliano per vaſi, alcnni per tinel # li, o vero auelli di pietra. # 65. Domus: o vero dome, ſi e differente da caſe, per che # domus ſignifica edificare fundatamente cõ arte, # e ordinatamente ſimmetriate come ſono le caſe # ciuile, o vero de magne capacita de loci e de per # ſone. # 14. Dorici: cioe a modo de quelli populi che ſi chiama # uano dorici, ꝑ che erano in li edificii li popoli va # rií, ſi come Corinthii, Ionici, Dorici, & altri. # 5.36. Doron: queſto e come vno cubato corpo largo q̃t # tro digiti per ogni lato, quali digiti formano # vno palmo. # 14.

37. D ante R. & V

Dragma: queſta ſie vna menſura, o vero peſo, il q̃le # e cognito a tutti. # 23. Ductaria fune: cioe la fune quale per eſſe rodelle gi- # rando duce, o vero trahe al alto, o vero peril pla
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer