Full text: Vitruvius: M. L. Vitrvuio Pollione De architectura

32. C ante T

Cteſiphonte: queſto fu architecto del tẽplo di Dia- # na Epheſia, dil quale ſcriue Plinio. # 97.

33. C ante V

Cubiculi: e cubili, cioe lecti, e lectice parati per dor- # mire, & eſſi loci doue entro ſi dorme. # 5. Cubilii: cioe ſedentie, e iacimenti annexi, benche an # chora ſi poſſiano dire lí buſi, o vero caui de li mu # ri doue alcuna volta fano li nidi alcuni vcelli, & # maxime li columbi, paſſere: tacquole, & corui. O # vero queſti cubili eſſere q̃lli, doue entro ſi pone- # no li canterii o vero trabelli, & ſimile coſe. # 17.39. Cubica ratione: queſta procede perche ogni nume # ro multiplicato in ſe medemo forma la ſua ſuper # ficie cubica ſi come vole Euclides, & tutti li excel # lenti mathematici. Culina: cioe cocqna, o vero cuſina come ſi dice vul # garmẽte il loco doue ſi fa foco, & ſi cucina. # 65. Cultro: queſto evno curruleto collocato in pede, il # quale ſi volge mediante li denti dil Timpano. Et # e dicto cultro, per che li antiqui diceuano cultrũ, # quaſi currum come atteſtano lí grãmatici. # 101. Cumbe: cioe loci da dormire o vero loci facti in # volta come ſi dice facti in croſera, o vero facti a # pauiglione, o vero in lunete. Similmente cumbe # non ſolum li Sabini le appellarno lectice, o vero # lectere coperte, ma perlifondi de le naue. Ancho # ra e ſtato dicto cumba, quaſi cymba, vulgarmen # te Gondule. # 67. Cumani monti: Cume ſi e Cita di Italia in Campa # nia appreſſo ad Baia in humile colle al mare Tir # rheno vergente, doue ſi e li appreſſo il ſubterra- # neo thalamo di la Sibilla vaticinatrice. # 15. Cunei: cioe parte diuiſorie exiente dal centro, & pro # tracte a la circũferentia del circulo. # 50. Cunei ſilacei: cioe pezi di pietre ſegate come vno # quadrato oblungo che fuſſe compoſito de dui # concluſi trianguli equilateri. Poi anchora inten- # dere cuneati, cioe angularii, per che non ſi po for # mare vno cuneo ſenza anguli. # 72. Cupreſſo: lavirtute & perpetuitate di queſto arbore # e notiſſima appreſſo a molti. # 20. Curia: queſta ſi e proprio il comitio, o vero il loco # de li ſenatori e rectori de la Republica, per che in # quello loco perueneno le cure de tutte le coſe cb [?] # ſe operano da li homini de le republice, o vero di # tutto uno ſtato. # 47. Curculioni: cioe quelli vermiculi alati, quali vola- # no voluntiera la nocte circa lo acceſo lume. Alcu # ni li dicono farfalla, alcuni parpagliete. Queſta e # coſa notiſſima che naſcono in lo calore del fru- # mento. # 65.

34. D ante A. & E

Dario: queſto fu Re di Perſia di grande potentia, íl # q̈le in guerra ſu occiſo da Aleſſando magno. # 68 Decaſtillo: cioe di dece diſtinctíone colonnare. # 24. Decaſtilla: cioe di dece colonne. # 24. Decenario nũero: q̃ſto Ariſtotile dice eſſere pfecto, # & comprehendere ogni numero de li numeri. # 22 Decore: cioe vna decente pulchritudine, o vero bel # lezza. Vede Ariſtotele doue il dice coſi: La forza # ſta in li nerui & ne li oſſi, ma il decore e vna certa # cõmenſuratione de li membri. # 5. Decurioni: cioe baſtoni, o vero legni facti come q̃l # li che portauano li Decurioni al tẽpo di Roma- # ni, li quali adeſſo ſono dicti capi di guarda come # ſaria vno bariſello, o vero vno capo di zaffi, o ve # ro birri. E ſono dicti decurioni per che hãno dece # homini ſotto diſe. # 70. Decuſſatione: cioe per tranſuerſo ſe faciano altre li- # nee che circundano eſſo trabe, talmente che per # le linee de la longitudine, & perle linee de la rotũ # datione ſe faciano quadreti, o vero ſpacii equal- # mente diſtanti, & li finiti puncti ſiano facti in cia- # ſcuni loci, doue le decuſſatione ſecarano le recte # linee, cioe doue farano le ſopradicte linee croce, # quale ſono dicte decuſſe per che ſignifica ciaſcu- # ne dece, & e deducto a decuſſe denario, che vale- # ua dece aſſi. E decuſſare ſignifica diuidere per trãſ # uerſo. # 9.101. Dei immortali: e da notare ben che molti autoti di # cono indiffe rentemente Dei, & Dee, nõ o [?] imeno # eſſere ſe non vno Dio invna trinitate come tutto # il mondo crede, ma queſta diuerſita non e venu # ta da altro ſe non dale diuerſe virtute & poteſta- # te diuine, quale ſono infinite & incomprehenſi- # bile. # 34. Deliquie: cioe canale grande da receuere laqua. # 61. Delphino: queſto e vno ſigno in cielo in forma di # Delphino, il quale ſopra il capo, & corpo, & cau- # da e ornata di alcune lucide ſtelle. # 89. Delo: queſta e vna inſula del peloponẽſe, o vero neſ # mare Egeo come Strabone ſcriue, ne la quale li # era vno magno templo di Apollo, oue lo oracu # lo daua reſponſo. # 85. Delumbati: cioe deperfilati, o vero diſtincti cõ il cir # cino. Ben che delumbare ſignifica debilitare ſeu # extrahere li lumbi corporei Ma ſi po ancho- # ra intendere delumbati, cioe delimbati, per che # limbus ſi e quella faſcia che circuiſſe la extremita- # te de le veſte. # 63. Demetrio: queſto fu Re di la Aſia, e fu figliolo di An # tigono, e fu grande expugnatore de Cita, e pero # fu dicto Poliorcetes. # 109. Democrito: queſto fu vno grande phíloſopho, e fu # di vna terra chiamata Abderita in grecia. # 14.68 Denario: queſta era vna moneta quale valeua dece # aſſi. # 23. Depalatione: cioe diuagatione, che vol dire quotti- # diano incremento, per che palari in latino ſigni # fica vagare. # 90. Denticulo: queſto vocabulo e notiſſimo a li mo- # derni, & e dicto denticello. # 30. Deſerto: cioe derelicto, e abandonato. # 12.

35. D ante I

Diagramma: cioe geometrica deſignatione, o vero
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer