Full text: Angeli, Stefano: Terze considerationi sopra una lettera di Gio. Alfonso Borelli, scritta da questi in replica di alcune dottrine incidentemente tocche

in altro modo, che conlo _io giudico, io credo, io ſtimo._

Matt. A torto dice il Sig. Borelli, che da noi non
ſia ſtata addotta ragione alcuna, perche sà bene ſe
habbiamo addotto quella almeno, che gl´hà dato
ranto faſtidio, come confeſſa alle facciate 12. 13. & c. cioè che la caduta del graue ſarebbe più Orientale
della perpendicolare, il qual aſſurdo non ſi può fug-
gire.

Cont. Nella facciata 10. & anco in altri luoghi ſi
lamenta in vn certo modo della rigidezza con la
quale ſi procede nel conſiderare le coſe ſue, mentre
vi è gran differenza dalle coſe puramente geometri-
che alle fiſico-mattematiche; in quelle non è lecito
variare pure vn iota dalle prime ſuppoſitioni, in
queſte non vi è neceſſario queſto rigore; in queſte
ſi può variare qualche coſa, e baſta, che ſi verifichi-
no le coſe proſſimamente, altrimente il rechiedere
queſta puntualità nelle coſe fiſico-mattematiche il
_ſummum ius, eſt ſumma iniuria._

Matt. Realmente ſi vede, che la paſſione ne ac-
cieca nelli proprij intereſſi, sì che non deſcerniamo,
quello che ſia per noi, ò contro noi. In queſto ſuo
lamento ſomminiſtra il Sig. Borelli al Sig. di Fermat,
& à me vn capo di difeſa il maggiore, che poteſſimo
penſare, quando però ne haueſſimo biſogno, il che
nonè. Faciamo noi la noſtra ſuppoſitione geome-
trica, che vn punto ſi muoua dalla circonferenza
verſo il centro con due moti vno circolare equabile,

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer