Full text: Angeli, Stefano: Seconde considerationi sopra la forza dell' Argomento fisicomattematico del Gio. Battista Riccioli contro il moto diurno della terra spiegato dal Michiel Manfredi nelle sue risposte e riflessioni sopra le prime considerationi

correndo portaſse vn Horologgio da poluere. ò da Acqua,
che cadeſse nell´ampolla di ſotto la poluere, ò Acqua.

Matt. Se non ſono à propoſito tal ſia di loro, e di chi li
adduce.

Cont. Dice però, che ſarebbero à propoſito in parte
quanto al ſminuire la velocità diſcenſiua. Sicome accade
in due cannoni dilatta eguali riempiti di Acqua, la quale la-
ſciando vſcir da eſſi, vſcirà più preſto queſta dall´immobi-
le, che da vno, che foſse portato da alcuno correndo.

Matt. Così credo anch´io, che ſucceda in queſti eſsempii,
perche il moto Orizontale è impreſso di nuouo nel Canno-
ne, e Acqua, e prima in quello, che in queſta. Anzi che
queſta nel diſcendere vrtando nel Cannone, èimpedita dal
far la ſua operatione diſcenſiua con la velocità, che richie-
de la grauità. Mà nel moto della Terra non ſarebbe così; perche il moto circolare ſarebbe coeuo alla Terra, & al gra-
ue; onde queſto non impedirebbe il diſcenſiuo. E ſe l´impe-
diſse, ciò ſarebbe proportionatamente; cioè diſcenderebbe
conforme li quadrati delli tempi, ma li ſpatii ſarebbero pro-
portionatamente maggiori, ò minori, conforme foſsero pa-
ragonati con moto circolare maggiore, ò minore.

Ofred. Hò notato in varii luoghi, che il Sig. Manfredi
ſeguitando la dottrina del P. Riccioli, dice à piena bocca,
che il moto circolare impedirebbe il diſcenſiuo. Se così è,
non biſogna, che s´arrecordi di quanto hà detto nel numero
5. Hauendo il Sig. Profeſsore detto nelle pag. 13. e 14. dal-
l´eſperienze fatte in Bologna, e Firenze, che alcuno potreb-
be dire, non eſser lecito argomentare ciò douer ſuccedere
da per tutto; onde [nell´iſteſso modo vno potrebbe deter-
minare, il graue all´ingiù ſimuoue acceleratamente, ma
diuerſamente, conforme richiedono li luoghi partecipanti
del moto più, ò meno veloce della Terra] dice egli. _Mà per_
_aſſerire, che l´argomento della velocità d´vn graue naturalmen-_
_te cadente trouato nel parallelo di Fiorenza, e di Bologna non_
_ſia il medeſimo, in altro luogo non vi è eſperienza alcuna, anzi_
_non vi è ſodaragione per dubitarne; perche dalla maggior velo_

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer