Full text: Angeli, Stefano: Seconde considerationi sopra la forza dell' Argomento fisicomattematico del Gio. Battista Riccioli contro il moto diurno della terra spiegato dal Michiel Manfredi nelle sue risposte e riflessioni sopra le prime considerationi

due baiochi, hauerei piacere, che alcuno faceſſe queſta eſ-
perienza. Perche potrebbe dire alcuno, che non ſia tanta
la differ enza di queſta noſtra baſſa, ma libera a ria, e di quel-
la alta ſopra il monte, quanto foſſe la diuerſità di quelle ve-
locità circolari. In ſomma haurei guſto, che foſſe eſperimen-
tato, per potermi maggiormente confermare in quello, che
già sò, e tengo di certo, che il ſuo, Sig. Conte, ſia ſtato vn
mero capriccio, eſsendo fondato ſopra la falſiſſima ipote-
ſi Copernicana. Horsù ſeguiti Sig. Conte.

Cont. Seguita in queſto numero à dire coſe ſimili alle
paſſate; alle quali eſſendo ſtato à baſtãza riſpoſto, non credo,
che facia di meſtieri ſoggiunger altro. Tutto l´Equiuoco
del Manfredi è, che prende F S, come ſpatio paſsato dal
graue nel primo ſecondo horario. Dice però nel fine, che
nõ biſogna impegnarſi in miſurel di piedi certe da vna parte,
ma incerte dall´altra, nè pore in dubbio l´eſperienze dell´-
acceleratione delli graui, che raccontate alla buona memo-
ria del P. Caualieri, furno da eſſo approuate con guſto in-
dicibile.

Matt. Con non minor guſto le habbiamo approuate
ancornoi, e conceſse come belle, e buone. Anzi che con-
ceſse queſte accelerationi al P. Riccioli, habbiamo dedot-
to li ſuoi sbagli.

Cont. Nel numero 17. ſeguita à dire, che nõ egli, mà lei hà
grandemente equiuocato; e dice, _che non baſta da trè quan-_
_tità diſpoſte nella regola del trè c auarne vn quotiente in aſtrat-_
_to; ma biſognatrouare, che babbino la douuta proportione ri-_
_chieſta alla materia, che ſi tratta_.

Matt. Queſto è certiſsimo. Mà _quid contra nos_?

Cont. Dice, che ſi ſono ingannati quelli, li quali hanno
creduto, che eſſendo il diametro d´vna sfera di vn palmo, e
quello di vn´ altra di due, la ſolidità di queſta ſia doppia di
quella, eſsendo ottupla. Così eſserſi ingannato Ariſtoti-
le, il qual credete, che come la grauità, alla grauità, così
foſse la velocità del cadente alla velocità dell´altro. E poi
conchiude. _Mà non più di queſto_.

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer