Full text: Angeli, Stefano: Seconde considerationi sopra la forza dell' Argomento fisicomattematico del Gio. Battista Riccioli contro il moto diurno della terra spiegato dal Michiel Manfredi nelle sue risposte e riflessioni sopra le prime considerationi

tio camini alla riuerſcia di quello accade nella Leſina, della
quale ſi dice nel frontiſpicio del libro delli Leſinanti.

Quanto più s´aſsottiglia meglio fora. Quì parmi, che quanto più s´aſsottiglia il negotio, tanto
meno facia foro nelmio intelletto, e tanto meno vi entri.

Matt. lo non dico così. Mà dico bene à piena bocca,
che eſsendo queſte eſperienze tanto lubriche, e fallaci, non
potiamo dedur da eſse ragioni di qualità più ſoda, e ſtabi-
le.

Ofred. Odino loro Signori in ſimil propoſito le parole del
P. Riccioli degne di caratteri d´oro, regiſtrate da eſso nel
principio del cap. 19 del lib. 9. dell´Almag. precedenti im-
mediate à quel ſuo Asſioma. _Conſultiſſimè_ (dice egli) _ac de_
_inductria præmiſimus cap. 16. tot experimenta circa natur alem_
_deſcenſum corporum grauium, aſcenſumque leuium, vt ſolidio-_
_rapræijceremus fundamenta his, quæ mox proferemus, argu-_
_mentis contra motum Terræ quæ ſanè tantam babebunt eui-_
_dentiam phyſicam apudeos, qui experiri volent idem, aut tan-_
_tam fidem apud credentes noſtris experimentis, quantam cui-_
_dentiam habent ipſa experimenta._

Cont. Horsù feguirò à riferire quel tanto, che diceil
Manfredi nel medemo numero. Pretende prima, che mala-
mente ſia ſtato negato, che quella regola di Tolomeo ne gli
Armonici addotta da me, cioè, che _ſenſus dat propinquum,_
_ratio autem exactum_, hauer quì luogo. _Perche_ (dice egli)
_vale in tuttili caſi, quando con moltitudine di reitter ate eſpe-_
_vienze ſi trona l´iſteſſo à capello, almeno in molte l´iſteſſo, e nel-_
_le altre proſſimamente listeſſo, & c._

Ofre. Se così è, m´arriſchiarò anch´io di dire, che [la re-
gola di Tolomeo bella, e veriſſima non hà quì luogo] poi-
che nell´eſperienze addotte non ſolo non ſi ritroua l´iſteſſo à
capello, ma nè anco à gomena di galeone; e trà vna, e l´al-
tra vi è tanta lontananza, quanta ſi è veduta, non vicinan-
za.

Matt. Non per queſto però io biaſimo l´eſperienze, e chi
l´hà fatte; ma gli rendo gratie infinite. Solo biaſimo il vo-

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer