Full text: Angeli, Stefano: Seconde considerationi sopra la forza dell' Argomento fisicomattematico del Gio. Battista Riccioli contro il moto diurno della terra spiegato dal Michiel Manfredi nelle sue risposte e riflessioni sopra le prime considerationi

be cosìmentre per qualche tempo per l´empito diurno ſa-
rebbe ſoſtenuto nel medeſimo arco BH. come vediamo ſuc-
cedere, che _l´empito impreſſo nella palla dell´archibugio, ouero_
_dell´ artiglieria, preuale tanto alla grauità della palla, che non_
_comincia eſſa à diſcendere, ſe non dopo lungo ſpatio, e colpiſce il_
_berſaglio di punto in bianco, caminando per lungo tratto per_
_vna linea Orizontale, e poi comincia pian piano à declinare da_
_eſſa linea molto ſimile alla parabolica_.

Matt. S´inganna molto il Sig. Manfredi ſe crede, che la
palla ſia cacciata dal fuoco nè anco per vn momento per la
linea Orizontale. Subito vſcita la palla dalla Canna del
pezzo principia à ſcendere, mà vſcendo, il moto diſcenſiuo
nel principio è lẽtiſsimo, e il traſuerſale velociſſimo: quindi
è, che caminando per la parabolica, che per la fua ampiez-
za pochiſſimo in queſto principio ſi ſcoſta dalla tangente
Orizontale, colpiſce, come ſi ſuol dire, di punto in bianco-
Non già, che mai ſtaccata dal pezzo camini per la tangente
continuata con la rettitudine del pezzo. Tanto ſuccedereb-
be mouendoſi la Terra. Nè mai il graue ſi mouerebbe ſo-
lo circolarmente, ſtaccato che foſſe dal ſuo ſoſtentacolo; mà
ſubito principiarebbe diſcendere.

Cont. La quarta ſuppoſitione è ſttata, che diſcendendo
il graue per via obliqua colpiſce, o percoteſſe nel ſottopo-
ſto piano, mà dice che ſolo toccarebbe. E diſcorre così. II
graue B, cadendo verſo A, nel ſine di 4. ſecondi horarij ter-
minarebbe la diſceſa per BLMNC, ſopra l´A, trasferito in
C, & haueria con il moto diurno fatto l´A, l´arco AC, di
piedi proſſimamente 6798. & il graue B, la via obliqua
BLMNC, di piedi 1702. (credo voglia dire 6702). Hora
ſe queſto graue per la via obliqua non haueſſe fatto in que-
ſto tempo che piedi 6798. non arriuarebbe à toccare il cor-
po C, mà ſarebbe nella linea CN, da eſſo lontano per qua-
tro piedi, dunque per arriuare al ſemplice contatto di C, bi-
ſogna che faci quelli quatro piedi di più; e non hauendo
guadagnato maggior impeto, e velocità ſopra la fuga di A,
in C, non vi è ragione di dire, che lo ſpatio di quatro piedi

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer