Full text: Gallaccini, Teofilo: Trattato sopra gli errori degli architetti

113. Una delle due porte di riva nel Palazzo de’ NN. UU. Peſaro ſopra il r [?] io.

Simigliante Architetoura non può in verun conto approvarſi, come quella, che è
deformata e falſa nelle ſue parti. Si oſſervi, quanto è ſgarbata la ſua poſitura, e
quanto male ſia appoggiata. Sono anche più biaſimevoli i ſuoi colonnati tozzi, e
deformati, sì mal meſſi nel loro peduzzo. Il rimanente poi, della cornice cioè, e
d’altro venne affai male concepito. Eppure l’Architetto credeva d’eſſerſi fatto par-
tito, col far moſtra d’una nuova invenzione, che ſi luſingava eſſere una prova di
ſua inſigne bravura. Gran cofa, che quell’Architettura tanto ftimata, onorevole, e
pura, colla quale i famoſi Artefici antichi adornavano le fabbriche con loro gloria,
e fama, per le ottime proporzioni, e adeguati penſamenti in tutti gli Ordini ſem-
pre diſpoſti con nobiltà: dove per lo contrario veggionſi ai tempi noſtri pregiudica-
te, e guaſte, con ornati privi di grazia deformati, e ridotti a sì mal partito, che
non ſi ſa oggimai più riconoſcere il pregio della felice, e virtuoſa Architettura.

Da queſta ſcorrettiſſima porta ſi potrà rilevare, quanto ſia biaſimevole l’ uſo di
ſcorrette proporzioni, che ſi ſcoſtano dall’unione di retta ſimmetria. Sembra, che que-
ſta porta ſia d’Ordine Toſcano, tanto ſi manifeſta l’alto, e il piano; concioſſiachè
le colonne ſieno ſcarſiffime nella loro altezza, come quelle, che non paſſano le ſei
teſte del loro peduzzo, compreſo il capitello. Quanto a me, penſo, che queſto Ar-
chitetto, che ſi valſe di sì ſcarſa miſura, pretendeſſe di ſecondare il gran Vitruvio,
ove dice, che nella Jonia fu fabbricato ad Apollo Pannionio un Tempio, perchè pri-
ma ne aveva veduto un altro eretto nella Città dei Doreſi, ove volendo por le co-
lonne, nè avendo peranche le ſimmetrie delle medeſime, perchè poteſſero reggere il
peſo con qualche vaghezza di proporzione, quel tale Architetto miſurò la pianta del
piede virile, e di groſſezza formando da baffo il fuſto della colonna, la levò ſei vol-
te in altezza da terra col ſuo capitello: e così appunto pretendeſſe di fare lui. In
queſto caſo può ſupporſi, che il ſuo ſpiritoſo intendere abbia penſato a quel bel ri-
piego moſtratoci dal Palladio nel ſuo IV. libro dell’Antichità, praticato per allungar
le colonne, veduto e difegnato da eſſo nel Tempio del Batteſimo di Coſtantino in
Roma, e da eſſo pur praticato in S. Giorgio Maggiore in Venezia alle colonne poſte
nella porta maggiore dentro la Chieſa, e ai due Altarinella crociera: così queſto pen-
sò valerſi dello ſteſſo partito, allungando colla pera aggiuntavi, e zoccolo al di ſot-
to, finchè arrivaſſero a far moſtra di quella grazia, che non avevano, e veniſſero a
comporre inſieme otto teſte della loro altezza. Siffatto ripiego fu buono nel Batteſi-
mo di Coſtantino, e più ancora del Palladio in San Giorgio Maggiore: ma in que-
ſto fa comparſa molto peſante, nè ha veſtigio della grazia e gentilezza delle colon-
ne accennate; ed in quelle pure vi è la ſua baſe ornata, e bella; dove in queſte,
ſuppoſto l’Ordine Toſcano, il loro plinto è troppo alto, e lontano dalla convenien-
te ſua proporzione, e bellezza. Sotto poi i regoloni vi è il modiglione cartellato per
ſoſtegno della detta colonna, ed in eſſo terminano gli ſcalini della ſteſſa riva.

Sopra le ſuddette colonne appoggia la cornice architravata e leſinata, con appreſſo
il pilaftro. Il punto ſta, come poſſanvi aver luogo l’altre leſinature al di dentro nel-
la ſteſſa cornice corrente fopra l’arco: può avervelo la leſinatura ſopra la ferraglia,
nol nego: ma che abbiaſi a leſinare perpendicolarmente anche ſopra le impoſte, e-
gli è errore majuſcolo, e ſommo, sì per l’una, che per l’altra parte, la quale le-
ſinatura ſta ſopra la ſteſſa cornice in aria, e queſta poſta ſull’ angolo dell’arco, ed
arriva all’ovolo ſotto il gocciolatojo. Come ſiaſi ideato tale improprietà lo ſpiritoſo
Architetto, non ſo comprenderlo, non eſſendovi la menoma ragione; che anzi per
lo contrario vi ripugna totalmente la buona Architettura: come altresì quel raggio,
che ſe ne ſta in aria così pendente, in vece d’appoggiare ſulle proprie impoſte,
centro per eſſo proprio: nè potrà mai ſalvar l’Architetto quella meſchiniſſima zat-
tina cerchiata, per indicare il ſuo appoggiamento ſaldo. In ſomma guaſta è una tale
Architettura, male eſeguita fuor d’ogni ragione. Così l’Architetto, che non ha fon-
do d’Arte, falla a occhi veggenti certamente.

114. La preſente figura ſi vede nella Chieſa di S. Maria dei Miracoli, e ſerve aſſai
per eſemplare delle ſoglie aggravate appunto ſul falſo.

In queſta Chieſa adunque ſi oſ@erva, per così eſprimerci, il modello di figura pe-
fante ſul falſo, aggravando la ſoglia, che la foſtiene, ed è alli due altari laterali

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer