Full text: Cavalieri, Bonaventura: Lo specchio ustorio overo trattato delle settioni coniche, et alcuni loro mirabili effetti intorno al lume, caldo, freddo, suono, e moto ancora

Coniche. Cap. XXXIX ra, aſtraendo adunque nel graue la inclinatio-
ne al centro di quella, come anco ad altro luo-
go, egli reſta indifferente al moto conferitoli
dal proiciente, e perciò ſe non vi foſſe l’@mpe-
dimento dell’ambiente, quello ſarebbe vni-
forme: ragioneuolmẽte adunque ſi potrà ſup
porre, che i graui ſpinti dal proiciente verſo
qualunque parte, mercè della virtù impreſſa,
caminino vniformemente, non hauendo riſ-
guardo all’impedimento dell’aria, che per eſ-
ſer tenuiſſima, e fluidiſſima, per qualche nota-
bile ſpatio, può eſſer, che gli permetta la ſu-
detta vniformità.

Reſta hora, chefacciamo rifleſſione all’ac-
coſtamento del graue, fatto alcentro della
terra, mercè dell’interna grauità, che vien
detto moto naturale, & al diſcoſtamento da
quello, per l’impulſo cõferitoli, che ſi chia-
ma moto violento; cheil graue, che ſi patte
dal la quiete, e ſi moue al centro, ſi vada ſem-
pre velocitãdo, quãto più ſi accoſta al centro,
o per dir meglio, quanto più ſi allontana dal
ſuo principio, e che il violento, o dal centro ſi
vada ſempre ritardando, ciò è ſta@o ſa puto da
tutti i Filoſofi ancora, ma con qual proportio-

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer