Full text: Cavalieri, Bonaventura: Lo specchio ustorio overo trattato delle settioni coniche, et alcuni loro mirabili effetti intorno al lume, caldo, freddo, suono, e moto ancora

Delle Settioni però laſcierò conſiderare alli Muſici prattici,
che facilmente comprenderanno, qual ſia la
migli r concordanza, che poſſino hauer fra
di [?] loro queſti vaſi.

Ma benche s’intendano queſte conſonan-
ze, e che Vitruuio c’inſegni, che queſti vaſi
deuono ſtar, doue ſono le celle, com’egli dice
nelluogo ſopracitato, con l’altre circonſtan-
ze, nondimeno pare, che la noſtra curioſità
non troui piena ſodisfattione nella dichiara-
tione, ch’egli fà intorno à queſti vaſi, poiche
ne c’inſegna, che forma debbano hauere, ne
men le celle, ne con qual proportione, riſpet-
to alle grandezze de’Teatri, ſi habbino da fa-
bricare, e con qual regola ſituarſi, dicendo
ſolo; F@unt vaſa ærea pro ratione magnitudinis
Theatri; moſtrando, che deuono eſſer caui,
per quelle parole; Tactuq́; feriens ſingulorum
vaſorum caua; non paſſando più oltre ne lui,
ne i ſuoi commentatori, almeno quelli, che
hò potuto vedere; Non mancherò perciò di
dire anco intorno à queſto il mio pẽſiero, non
perche io ſtimi d’indouinare il modo de gli
antichi; ma perche mi pare probabilmen-
te, che nella maniera, che penſo io, poteſſe

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer