Full text: Cavalieri, Bonaventura: Lo specchio ustorio overo trattato delle settioni coniche, et alcuni loro mirabili effetti intorno al lume, caldo, freddo, suono, e moto ancora

Delle Settioni tale artificio deluſi, e reſi del tutto inutili,
che parea più toſto ſcherzaſſe, che combat-
teſſe da douero con nemici così potenti. Perciò il medeſimo parlando di sì eminente
ingegno, ſoggiunſe nell’iſteſſo luogo. Archi-
medes is erat, vnicus ſpectator Cæli, ſyderumque,
mirabilior tamen inventor, ac machinator bellico-
rum tormentorum, operumq; quibus ea, quæ bo-
ctes ingenti mole agerent, ipſe perleui momento lu-
dificaretur. Furno le machine diuerſe, con le
quali così di vicino, come di lontano ſcaglia-
ua pietre di molta grandezza; & era di gran
marauiglia veder con vna mano di ferro, le-
gata ad vna forte catena, prender le naui per
la prora, e drizzatele ſopra la poppa, laſciarle
poſcia con ineuitabil naufragio, precipitoſa-
mente cadere. Altri parimente furono gli
ordegni, con che valoroſiſſimamente facea
à’nemici reſiſtenza, come raccontano Polibio
nellib. 8. Plutarco nella vita di M. Marcello,
Dione, & altri Hiſtorici famoſi, che tutti con-
cordemente eſſaltano l’ingegno d’Archime-
de, come coſa ſopra humana, e quaſi diuina: Ma fra tutte le marauiglioſe inuentioni di sì
grand’huomo, non vi è, per mio credere, co-

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer