Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

DELLA ARCHITETTVRA ancora che lo Vliuo dura eternamente, & infra i primi annouerano il Boſſo-
lo: Nè ricuſano per queſto i Caſtagni, ancor che ſi fendino, & aprino; per le
opere che s'hãno da fare allo ſcoperto. Lodano ſopra tutto lo Vliuo ſaluatico
per la medeſima cagione che lo Arcipreſſo, che ei non intarla mai, nel qual nu-
mero ſono tutti li Alberi, che hanno infuſi dentro Sughi vntuoſi & gommoſi,
& maſsimo ſe ſono amari. Nelli Alberi di queſta ſorte, nõ entrano Vermi, & è manifeſto che e' nõ accettano gli humori, che di fuori li veniſſero. Cõtrarij
a queſti penſano, che ſiano tutti i legni, che hanno ſughi di dolce ſapore, & che
ardono facilmente; ma ne eccettuano però lo Vliuo dolce & il ſaluatico. Dice
Vitruuio che il Cerro, & il Faggio, ſon per natura deboli contro le Tempeſte,
& che non inuecchiano. Plinio dice che la Quercia infracida preſto. Ma lo
Abeto, & quello maſsimo, che naſce nelle Alpi di Italia, per le altre opere di dẽ-
tro nelle caſe, come per Porte, per Letti, ꝑ Tauole, per panche, & ꝑ ſimili coſe, è
ottimo; perche queſto Albero, è di ſua natura molto ſecco, & tenace delle colle
La Picea, & lo Arcipreſſo ſono molto buoni a ſimili coſe. Il Faggio per altro,
è fragile, ma per caſſe, & letta, è vtile; & ſi ſega in aſſe ſottiliſsime, & il Leccio an-
cora ſi ſega commodiſsimamente. Per fare Aſſe dicono che ſono inutili il Ca
ſtagno, lo Olmo, & il Fraſsino, perche ſi fendono facilmente, & ſe bene ſi fendo
no adagio, ſi fendono pur ageuolmente; & affermano che il fraſsino in ogni ope
ra, è obedientiſsimo. Ma io mi marauiglio che appreſſo de gli Antichi, non
ſia troppo celebrato il Noce: Cõcioſia che ſi come ſi può vedere. ei ſia & alla
maggior parte de lauori, & per far aſſe molto trattabile, & buono. Lodano il
Moro, sì perche dura gran tempo, sì perche per la antichità diuenta in proceſſo
di tempo piu nero, & piu bello. Teofraſto raconta che i Ricchi vſauano fare
le porti di Loto, di Leccio, & di Boſſolo. Lo Olmo perche egli riſerba ſaldiſ-
ſima la ſua durezza, dicono che è buono per fare ſtipiti da Vſci; ma biſogna uol-
tarlo capo piede, che la radice ſia di ſopra. Catone dice che le Manouelle ſi fac
cino di Agrifoglio, di Alloro, & di Olmo; lodano il Corniolo per fare Cauicchi
uoli, uſauano gli ſcaglioni delle ſcale, di Orniello, o di Acero. Scauauano il
Pino, la Picea, & lo Olmo per Doccie d'Acque; ma dicono che ſe non ſi ſotter-
rano, inuecchiano preſtiſsimamente. Finalmente dicono che hanno trouato
il Larice, la femina (dico) che, è di color ſimile al Mele nelli adornamenti delli
edificij, & per Tauole da Dipintori eſſere immortale; & che non ſi fende mai di
teſſo alcuno; Oltra di queſto, perche nõ ha le uene ſue lunghe, ma corte, ſe ne
ſeruinano a fare le Imagini de gli Dei, & oltra a queſto uſauano il Loto, il Boſ-
ſolo, il Cedro, & lo Arcipreſſo ancora, & le piu groſſe radici de gli Vliui, & il
Peſco di Egitto, che dicono che è ſimile a Loto: Se haueuano biſogno di fa-
re a Tornio coſa alcuna lunga, & tonda; uſauano il Faggio, il Moro, l'Albero
che fa la Trementina, & ſopra tutti gli altri il ſerratiſsimo Boſſolo, & che eccel-
lentemente ſi tornia; & per coſe ſottiliſsime, uſauano l'Ebano. Nè diſpregia-
uano per far ſtatue, o pitture l'Albero, il Gattice, il Salicone, il Carpino, il Sor-
bo, il Sambuco, & il Fico. I quali alberi, parte ſono utili per la loro ſiccità, & ugualità, a pigliare, & a mantenere le colle, & i lineamenti de dipintori, parte
ancora ad eſprimere le ſorme ſono ageuoli, & facili oltre modo. Ma è chiaro

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer