Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

5

17. DELLA ARCHITETTVRA
DI LEONB ATISTA
ALBERTI.

LIBRO SECONDO,
NEL QVALE SI TRATTA DE LEGNAMI.

10
15

18. Che e’ non ſi debbe cominciare uno edificio a caſo, ma biſogna hauere molto tempo prima
imaginato, & riuolto per l’animo, ch’ ente, et quale debba riuſcire un tal lauoro, Et che
ſi debbe bene conſiderare, & eſaminare con il parcre di huomuni intelligenti, tutto l’e-
dificio in ſe, & ciaſcuna proportione, & miſura di qualunque parte di qucllo, non ſola-
mente con hauerlo diſegnato, o dipinto, ma con hauerne fatti modegli, et eſempi, o d’ aſſe,
o di qualch’ altra coſa, accivche murato poi non ti penta di quel @ harai ſatto. Cap. I

IOnõ penſo, che le opere, & le ſpeſe de gli ediſicij ſi debbino co
minciare a caſo: sì per molte altre cagioni, sì ancora perche il fa
re queſto non nuoca, nè allo honore, nè alla riputatione. Per
cioche ſi come un’opera bene, & compiutamente fatta, arreca
lode a tutti coloro, c’hãno poſto in lei ogniloro ſapere, fatica,
& ſtudio; co sì ancora ſe ui ſarà coſa alcuna, nellaquale tu deſide
raſsi che l’autore haueſſe hauuto in conto alcuno alquãto piu arte, o ſapere, no-
cerà molto alla ſua lode, & riputatione. Et ſono certamẽte manifeſte, & quaſi
che in ſu gliocchi le lodi, & i difetti de gli edificij, & maſsime de publici: ne qua
li (io non ſo in che modo) quello che uiè, che nõ ſe gli cõuenga, tira gli huomini
a diſpregiarlo, piu toſto che quello che ui è di bello, & ben fatto, & cõpiutamen
te finito, non gl’induce a marauiglia. Et è certo coſa marauiglioſa, perche ſia
coſi, che per inſtinto di natura, o dotti, o ignorãti, tutti ſentiamo in un ſubito in
le arti, & ragioni delle coſe, quel che ui ſia, che ſtia bene, o male; & in sì fatte co-
ſe hanno certo gliocchi uno conoſcimẽto piu ditutti gli altri acutiſsimo. On
de auiene che ſe e’ ci uiene innanzi coſa alcuna zoppa, o corta, o che non ui fac-
cia niente, o che non ui habbia gratia, ſubito ci ſentiamo commouere, & deſide
riamo ch’ella ui ſia piu bella. La cagione perche coſi auenga non ſappian noi
tutti, ni entedimeno ſe noi ne fuſsimo dimandati, non ſaria neſſuno che non di-
ceſſe ch’ella ſi potrebbe rimediare, & correggere. Manon ſaprà ognuno gia
trouare il modo da rimediatui; Maſolamentente coloro che ſaranno in ciò pra
tichi, & eſercitatiſsimi. Egli è officio di huomo ſauio hauerſi da principio nel
l’animo, & nella mente ſua penſato, & recatoſi a fine, ogni & qualunque coſa. Accioche poio nel fare l’opera, o nella già fatta, non s’habbia a dire, io non uor
rei queſto, o io uorrei queſto altro. Et è certo coſa marauiglioſa, che di una
opera mal condotta, ſopportiamo non leggeriſsime pene. Percioche in pro
greſſo di tempo finalmennte ciaueggiamo, che noinon conſiderammo, quello
che pazzamente, & ſenza conſiglio, ci mettemmo a fare di principio. Onde

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer