Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

Infra le opere publiche ancora s'intendela loggia de litiganti, de giudici mi-
nori, laquale faceuano in queſto modo. La ſua grandezza era ſecondo la dignità
de la città, & del luogo aſſai grande & eranui giù per le loggie appicate per or-
dine alcune camere, nelequali ſi daua ſine a le ſacende ſecondo il parere di quei
che ui ſtauano dentro. Queſti ediſicii che io ho racconti inſino a quì pare che
ſieno ueramente i publici, concioſia che, & la plebe, & i Senatori inſieme libera-
mente per tutto ui ſi poteuano ritrouare, & interuenire. Ma de publici ce ne ſo-
no ancora de gli altri, che non ſi aſpettano ſe non a'Cittadini principali, & à quei
che gouernano lo ſtato, come è il luogo doue ſi raguna il conſiglio, la curia, & il
Senato, de' quali dob biamo trattare al preſente.

119.1.

5
10

120. Dello adornare, i luoghi del conſiglio, & le curie; de Boſchi, delle Città, de luoghi da
notare, delle Librerie, delle Scuole, delle Stalle, de gli Arzanali,
& de gli ſtrumenti matematici.

Cap. IX.

15

P Latone uòleua che'l luogo doue s'haueua a ragunare il conſiglio ſuſſe uno
Tempio. I Romani haueuano un luogo determinato, che lo chiamauano
Comitio. A Ceraunia era un boſco ſolto ſacrato a Gioue, doue gli Achei ſi
ragu nauano a diſcorrere le coſe de lo ſtato loro; molte altre città ſaceuano i lo-
ro conſigli nel mezo de la piazza. A Romani non era lecito ragunare il Se-
nato, ſe non in luogo determinato da gli augurii, & il piu delle uolte ſi raguna-
uano ne' Tempii. Dipoi uſarono di fare le curie, & Varrone dice che elle
crano di duc ſorti, una doue i Sacerdoti attendeuano a le coſe Eccleſiaſtiche,
l'altra doue il Senato daua ordine a le coſe ſecolari. De la proprietà di qual
s'è l'una di queſte non ho io coſa certa, ma noi posſiamo bene andare coniet-
turando che queſta ſuſſe ſimile al Tempio, & quella piu ſimile a la baſilica. La curia de Sacerdoti adunque ſarà in uolta & quella de Senatori ſarà col palco. In amendune gli huomini da conſiglio, hanno ricerchi, a dire il parer loro, & perciò biſogna hauere riſpetto a modi de le uoci, per tanto biſogna che e' uiſia
al cuna coſa che non laſci ſpargere in alto le uoci, & masſimo ne le uolti, accio-
che rimbombando non rintruoni ne gli orecchi, nèſarà marauiglia ſe per farle
piu gratiate, & per utilità ancora ui ſi metteranno ne le mura alcune cornici. Io ho conſiderato mediante le muraglie de gli antichi, che e' ſaceuano le curie
quadrate. A la curia in uolta ſaceuano il muro alto ſei ſettimi de la larghez-
za de la ſacciata, & ſaceuano la uolta a meza botte, rincontro a la porta a quei
che entrauano dentro ſi oſſeriua la tribuna larga, la cui ſaetta era per il terzo de
la ſua corda, la larghezza de la porta col ſuo uano occupaua il ſettimo del ſuo mu
ro. Intorno a la metà de la altezza del ſuo muro, & un'ottauo piu di detta
meza parte, ſi mettono con loro aggetti, architraui, ſregi, cornici, & colonne, le-
quali da alcuni ſono ſtate meſſe piu ſpeſſe, & da alcuni piu rade ſecondo che ſi
ſono dilettati d'hauerle piu ſolte, o piu rade, ſecondo il diſegno de' colonnati, & de le loggie de Tempi. Sopra le cornici da deſtra, & da ſiniſtra, collocauano
in certe Zane ſatteui nel muro, & ſtatue, & altre coſe attenenti a la Religione, ma
n el muro dela facciata di teſta apriuano al pari de l'altezza de le Zane una ſine-

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer