Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

DELLA AR CHITETTVRA a la larghezza, & a lo ſtipite una. Mai Corinthii le diuiſono in uentiuna par-
te, ſette de lequali ne aſſegnarono a la larghezza del uano, & per la lunghezza rad
doppiarono detta larghezza, & la larghezza de lo ſtipite fu per la ſettima parte
de la larghezza del uoto, in qual ſi uoglia di queſte porte gli ſtipiti furono archi-
traui. Et ſe io non m’inganno gli Ionici ſi dilettarono d’adornare i loro ſtipi-
ti di tre faſce, come gli architraui, & i Dorici ne leuarono i regoletti & i chiodi, & tutti poi per fare le porte piu adorne aggiunſono ſopra il cardinale la maggior
parte quaſi di tutte le leggiadrie de le loro cornici. Ma i Dorici non meſſono
ſopra l’architraue i Glifi: ma in quello ſcambio un fregio largo quanto gli ſtipiti
de l’uſcio, & ſopra il fregio aggiunſono una cimaſa, una goletta, & ſopra queſta
un regolo ſtietto, cioè dentello, & ſopra dipoi gli uuouoli, dipoi i menſoloni co-
perti con i loro aggetti, & con la loro cimaſa, & ne l’ultimo luogo una ondetta,
hauendo oſſeruate in queſte parti le miſure ſecondo quell’ordine di q́uelle coſe,
che noi dicemmo ne le architrauate de Dorici.

105.1.

20
25
30
35
40
5
10

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer