Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

LIBRO SETTIMO. ſi pongono ſopra le uolti in queſto modo, pigliaſi non piu che la quarta parte, nè
meno che la quinta, de la larghezza de la facciata doue è il tuo cornicione, & queſta ti ſerue per il piu alto punto del mezo, dalquale habbino a pendere le
grondaie del frontiſpicio. Et ſopra quella ſommità ſi pongono certi Zoccoli
per metterui ſopra ſtatue. Quei Zoccoli, che ſi hanno a porre a le fini de le
grondaie ſieno alti quanto il fregio, & la cornice: ma quello, che ha a ſtare ſopra
la punta del mezo, ſia l’ottaua parte piu alto che quelli de gli illati. Dicono che
Buccide fu il primo che uſaſſe di por le ſtatue ſopra i frontiſpicii per adornamen
to, & che egli le fece di terra cotta roſſa, & dipoi ſi usò di metteruele di marm o
con tutte le tegole & l’altre coſe di marmo.

104.1.

35
40
5
10
15
20
25
30
35
40
5
10

105. De uani de tempij, delle finestre, porti, uſci, & de membri,
& ornamenti loro. cap. XII.

15

IVani de le fineſtre ne tempii è dibiſogno che ſieno piccoli & alti, per iqua-
li tu non poſſa riguardare altro che il Cielo; accioche & quelli, che ſacrifi-
cano, & quelli, che intorno al ſacrificio ſtanno attenti, non ſi ſuaghino per
eſſe punto con la mente. Quello horrore, che da la molta ombra è eccitato,
accreſce di ſua natura, nè gli animi de gli huomini una certa ueneratione, & la
auſterità in gran parte è congiunta con la maieſtà; oltre a che gli acceſi fuochi,
che ne tempii ſono neceſſarii, de’ quali non hai coſa alcuna piu degna, per hono-
re & ornamento de la religione, ne la troppa luce, perdono aſſai. Et perciò non
è marauiglia ſe gli antichi alcuna uolta ſi contentarono d’una ſola apertura de la
porta. Ma io certo loderò grandemente che l’entrata del Tempio ſia per quan-
to ſi puo chiara & ornata, & che il didentro doue ſi paſſeggia non ſia maninconi-
co. Ma il luogo doue ſi ha a collocare l’altare uorrei io che haueſſe piu toſto
maieſtà, che leggiadria. Torno hora a uani de’ lumi, e’ biſogna ricordarſi di
quel che altroue dicemmo, che i uani ſon fatti del uoto de gli ſtipiti, & del cardi-
nale, gli antichi non meſſono mai nè porte, nè fineſtre ſe non quadrangolari: ma
tratteremo prima de le porti. Tutti i migliori architettori, o Dorici, o Ionici,
o Corinthii, fecion ſempre le porti piu ſtrette da capo che da piede la quattordi-
ceſima parte di ſe ſteſſa. Al cardinale diedero quella groſſezza, laquale eglino
trouarono in teſta de lo ſtipite, & feciono le linee de loro adornamenti uguali, & ſimili a l’uno & l’altro, & le congiunſono inſieme auguate, & l’ultima cornice,
che ſtà ſopra il cardinale de la porta, uollono che andaſſe alta inſino al pari del di-
ſopra de capitelli, che ſono ne’ Portici; Si che in queſte coſe tutti oſſeruarono
quel che noi habbiamo detto: ma ne le altre coſe furono molto differenti l’uno
da l’altro. Percioche i Dorici diuiſono tutta queſta altezza, cioè dal piano del
pauimento ſino al palco, in ſedici parti, de lequali ne aſſegnarono a la altezza del
uano, da gli antichi chiamata il lume, dieci parti, & cinque a la larghezza & uno
a gli ſtipiti; in queſto modo gli ſcompartirono i Dorici: Ma gli Ionici diuiſono
quella prima maggiore altezza, ch’è inſino al diſopra de capitelli de le colonne
in diciannoue parti, de lequali ne aſſegnarono dodici a la altezza del lume, & ſei

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer