Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

LIBRO PRIMO. lato del corpo, dallo acuto morſo ò ago della uelenoſa beſtiuola fatto ſi uede. Ma ſubito perduta la mente attoniti ſi lamentano, & ſe non è porto loro aiuto, ſi
muoiano, medicano queſta malattia con la medicina di Teofraſto, che di@eu@
che quegli che erano morſi dalle Vipere, ſi guariuano con il ſonare de Pifferi. I Muſici adunque con uarij ſuoni mitigano tale malattia, & quando poi peruen-
gono à quel modo di ſonare, che è loro proprio, ſubito quaſi deſtiſi, ſi rizzano,
& per allegrezza, ſecondo che è il deſiderio loro, con ogni sforzo di lor nerui, & forze, ſi eſſercitan in eſſo ſuono: Percioche tu uedrai alcuni coſi morſi, eſſercitar
ſi ſaltando, & alcuni cantando, & alcuni eſſercitandoſi & sforzandoſi in altre co-
ſe, ſecondo che il deſiderio, & la pazzia loro gli guida, inſino à tanto, che per ſtra
chezza non poſsino piu. Etſenza fermarſi mai punto, ſudare piu giorni, & non
per alcuna altra cagione, racquiſtare la lor ſanità, piu che per la ſatietà della prin
cipiata, & conceputa pazzia. Et habbiamo letto una coſa ſimile àqueſta, eſſer
accaduta appreſſo de gli Albani, che con tanto sforzo di cauagli combatterono
contro a Pompeio: percioche e’ dicono eſſer ſolito di generarſi in quel luogo
certe ragnateli, da quali eſſendo gli huomini tocchi, altri erano forzati à morire
ridendo, & altri per lo oppoſito à morire piangendo.

7.1.

15
20
25
30
35
40
5
10
15
20
25
30
35
40
5
10
15
20
25
30
35
40
5
10
15

8. Con quali inditij & conietture ſi habbia a inueſtigare la Commodità della
Regione. Cap. V.

20

NE queſte ſole coſe baſtano ad eleggere la Regione, le quali per loro ſteſ-
ſe ſi ueggano, & ſono manifeſte, ma biſogna ancora conſiderare ogni co-
ſa notãdo cõ l’aninio piu ſecreti inditii. Percioche ſaranno buoni indi-
tii d’ottima aria, & di acque perfette, ſe quella Regione farà in abbõdantia frut-
ti buoni, ſe ella nutrirà molti huomini, & uecchiſsimi, ſe la giouentù vi ſarà ga-
gliarda & bella, ſe continuamente ui ſi genererà, aggiuntoui ſe i parti ſaran-
no naturali & ſenza monſtri. Io certo ho uedute alcune città, lequali non uo-
glio nominare, riſpetto à tempi, nelle quali non è donna alcuna che non ſi ueg-
ga in un medeſimo inſtante eſſere diuẽtata madre di huomo & di moſtro. Vna
altra città ho ueduta in Italia, doue naſcono tanti Ghobbi, Guerci, Zoppi, & Biſtorti, che e’ non ui ſi moltiplica famiglia alcuna, che non habbia alcuno mon-
co ò alcuno ſtorpiato. Et certamente il uedere sì ſpeſſe, & grandi diſaggua-
glianze da corpo à corpo, & da membro à membro; ne auertiſce, che ciò in-
teruenga da difetto di Cielo, & di aria, ò uero da alcuna altra cagione piu
ſecreta di corrotta natura. Nè ſia fuor di propoſito, quel che e’ dicono, cioè
che nella aria groſſa habbiamo piu fame, & nella ſottile piu ſete, & manco ſi
diſconuengha che dalle forme, & effigie de gli altri animali ſi poſii coniettura-
re che corporature ui debbino hauere gli huomini: Percioche ſe ui ſi uedran-
no i beſtiami & le pecore gagliarde, grandi, groſſe, & aſſai, ſi potrà non à caſo
ſperare di douerui hauer figliuoli ſimili. Nè ſarà fuor di propoſiro, ſe noi pi-
glieremo inditii dell’aria, & dei uenti, da altri corpi, ne quali ſia ſpenta la ani-
ma uegetatiua: percioche dalle uicine muraglie degli edificii, poſsiamo con-
ſiderare, che ſe elleno ſaranno diuentate rugginoſe & ronchioſe, dimoſtrerran-

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer