Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

DELLA ARCHITETTVRA di Diana nel Portico Patritio, Et appreſſo a Tanagra che neſſuna Donna poteſſe
entrare nel boſco ſacrato, nè manco piu adentro ne penetrali del Tempio di
leruſalem, & che neſſuno, ſaluo che Sacerdote, & ſolamente per ſacriſicare ſi po
teſſe leuare nel Fonte uicino a Panto. Et che neſſuno in quel luogo che e’ chia-
mauano Dolioli preſſo a la ſogna maggiore di Roma, doue ſono l’oſſa di Pom-
pilio, poteſſe ſputare. Et ſopra alcuno tempietto ſcriſſono, che e’ non ui ſi me-
naſſe alcuna cantoniera. In creta nel Tempio di Diana non ſi poteua entrare,
ſe non a pie nudi. Et nel Tempio de la Dea Matuta non ſi poteua menare una
ſtiaua. A Rodi nel Tempio di Orodione non poteua entrare il Banditore, a Te-
nedo nel tempio di Tennio non poteua entrare il Sonatore de Pifferi. Del
Tempio di Gioue Alſiſtio non era lecito uſcire ſe prima non ſi ſacriſicaua. In
Atene nel Tẽpio di Pallade, & a Tebe in quel di Venere nõ ui ſi poteua portare
Ellera. Nel Tempio di Fauna nõ era lecito (nõ che altro) nominare il Vino. Et
ordinarono che la Porta Ianuale in Roma non ſi ſerraſſe mai ſe non quando era
guerra, nè che il Tempio di Iano s’apriſſe quando era pace, & uollono che il Tẽ-
pio de la Dea Horta ſteſſe sẽpre aperto. Se noi uorremo imitare alcuna di q̃ſte
coſe ſaria forſe bene che ſi faceſse uno editto che le Donne non poteisino en-
trare ne Tempij de Martiri, nè gli huomini in quegli de le ſante Vergini; Oltra
queſto quella è certo coſa digniſsima, pur che ella ſia fatta da lo ingegno de gli
huomini, che quando la leggiamo non ci perſuaderemo già mai ch’ella poteſſe
eſſere coſi fatta, ſe noi non uedeſsimo in alcuni luoghi ancor hoggi alcune coſe
eſſere ſimili. Sono alcuni, che dicono che per arte de gli huomini è ſtato fatto,
che in Coſtantinopoli le Serpi nõ nuocono a perſona, & che intra le Mura nõ ui
uolano le Mulachie. Et in quel di Napoli non ſi ſentono Cicale. In Candia nõ
ui ſono Ciuette. Ne l’Iſola Boriſtene nel Tempio d’Achille non entra Vccello
alcuno. In Roma preſſo al Foro Boario nel Tempio d’Hercole non entra nè mo
ſca, nè cane. Ma che coſa marauiglioſa è quella, che a Tempi, noſtri ſi uede che
in Venetia nel Palazzo publico de Cenſori non entra ſorte alcuna di Moſche? Et a Tolledo ne la publica Beccheria in tutto l’Anno non ui ſi uede mai piu
che una Moſca, & quella notabile certo, per la ſua bianchezza. Tali coſe mol
te certo, & infinite che ſi leggono, ſarebbe quì lunghe a racontare tutte, & ſe el-
leno ſono ſatte, o da la Natura, o da la Arte non sò io per hora ridire: Ma che
piu? con qual Natura, o Arte ſi potrà dire che ſia ſatto quel che in Ponto del
Sepolcro del Re Bebrio raccontano, che eſſendoui uno Alloro, dal quale ſen
è leuato ramo alcuno, & meſſo in una Naue, non ui ſi fermano mai le conte-
ſe, ſino a tanto che non ſi getta uia detto ramo. In Paſo, ſu lo Altare del Tem-
pio di Venere non pioue mai. Nela Frigia minore intorno al ſimulacro di
Minerua, i ſacrificij, che ui ſi lafciano non ſi corrompono mai. Se dal Sepol-
cro di Anteo è portato uia coſa alcuna, comincia a piouer da Cielo, ne reſta
mai per fin che non ſi riempie il luogo doue era ſtato ſcauato. Ma e’ ci ſono
alcuni finalmente, che affer mano che queſte coſe poſsino eſſere fatte da gli huc-
mini artifitioſamente con immagini, la qual arte è di già perduta, & le quali
immagini gli aſtronomi fanno proſeſsione di ſapere. Io mi ricordo haue-
re letto appreſſo di colui, che ſcriſſe la Vita di Appolonio, che in Babbilonia

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer