Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

DELLA ARCHITETTVRA & eſſe robe al coperto; doue tu uuoi fare l'Aia, ſpianaui il terreno non a piano; ma corretto coſi leggiermente, dipoi uangalo, dipoi gettaui di molta morchia,
& laſcianela bene inzuppare; dipoi disfa bene le zolle; dipoi pareggialo, o con
il Cilindro, o con l'erpice, & battilo con le mazzeranghe. dipoi gettaui di nuo-
uo ſopra de la morchia, & quando ella ſarà raſciutta; nè Topi, nè formiche non
ui faranno nidio, nè diuenterà fangoſa, nè ui naſcerà erba; a coſi fatto lauoro
la Creta arrecherà gran ſaldezza. Et ſia detto a baſtanza de le habitationi
de lauoratori.

75.1.

10
15
20
25
30
35
40
5
10
15
20
25
30
35
40
5
10

76. De la Villa de Padroni, & de le perſone nobili, & di tutte le parti ſue, & del luogo loro
commodo. Cap. XV II.

LE caſe di Villa per i Padroni, ſono alcuni, che credono che e' ne biſogni
una per la ſtate, & l'altra per l'inuerno; & le diffiniſcono in queſta manie-
ra, che le Camere per la ſ [?] tate uogliono che ſieno uolte a leuãte d'inuerno,
& le Sale uolte a occidente equinottiale; & le Camere per lo inue [?] rno uogliono
uolte a mezo giorno, & le Sale a leuãte d'inuerno. I luoghi da paſſeggiare, uol-
ti a mezo dì ne lo Equinottio. Ma noi penſiamo, che ſecondo le uarietà de l'A-
ria, & del paeſe, coſi s'habbino ancora a uariare ſimili coſe; di maniera che le co-
ſe calde con le fredde, & le ſecche con le humide ſi temperino inſieme. Vor-
rei che le Caſe de la poſſeſsione de Nobili, non fuſsino poſte ne la piu graſſa par
te de la Campagna; ma bene ne la piu degna, donde ſi poſſa pigliare ogni com-
modità, & ogni piacere liberiſsimamente di qualunche Vento, ſole, o ueduta; ſcendaſi quindi faciliſsimamente ne le poſſeſsioni, riceua i foreſtieri che ui capi-
tano in luoghi conuenientemente ſpatioſi, ſien uedute, & uegghino la Città, le
Terre, il Mare, & una diſteſa pianura, & le conoſciut [?] e cime de le Colline, & de
Monti: Habbia poſti quaſi ſotto gli occhi dilicatezze di giardini, & allettamen-
ti di peſcagioni, & di caciagioni. Et concioſia che ſi come noi ti dicemmo, le
parti de le caſe, altre ſi apparrenghino a tutto lo uniuerſale, & altre a piu perſo-
ne inſieme, & altre a una, o piu perſone ſeparatamente. In queſte, quanto a le
parti, che s'appartenghino a lo uniuerſale imiteremo le Caſe de Principi. Innan
zi a la porta ſianui pratelli grandiſsimi, da poteruiſi correre con le carrette, & da maneggiarui caualli, che ſieno molto piu lunghi, che il Tiro de giouani de
Dardi, o de le Aſte. In caſa poi per le parti, che ſeruono a piu, non ui mancherã-
no luoghi da paſſeggiare, da farſi portare, da notare: & pratelli, & cortili, & log-
gie, e alcune in cerchio, doue i Vecchi l'inuerno a benigni Soli poſsino ſtare a ra
gionare, & la famiglia ui habbia a ſtare a feſteggiare, & a goderſi la ſtate de l'om-
bra. Et è coſa manifeſta, che ne le caſe, alcune coſe s'aſpc [?] ttano a la famiglia, & alcune a quelle coſe, che ſon grate a la famiglia. La famiglia ſarà queſta, il Mari-
to, la Mo glie, i figliuoli, & i parenti, & que' che per biſogno di coſtoro ui ſtanno
inſieme, que' che haranno cura de le coſe, i miniſtri, i famigli; oltre a che i fore-
ſtieri anc ora ſono nel numero de la famiglia. Biſogna per amore de la ſamiglia
hauerui le coſe per uiuere, come ſono le coſe da mangiare, & le coſe che ſeruo-
no per i biſogni, le Veſti, le Armi, i Libri, & i Caualli ancora. La principal

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer