Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

LIBRO QVINTO. può, ad una uita quanto piu ſi può perfetta, queſto non farà egli mai per uia al-
cuna meglio, che per quella de la Filoſofia. Conciofia che eſſendo ne la natura
de gli huomini due coſe, che ci poſſono dar queſto, cioè la uirtù, & la uerità, quã
do auerrà che queſta ci inſegni quietar, & leuare uia le perturbationi de l'animo,
& quella ci dimoſtri, & ci communichi le ragioni, & i ſecreti de la Natura, per le
quali coſe, lo ingegno ſi purgherà da la ignoranza, & la mente da la contagione
del corpo; non ſarà marauiglia che mediante queſta entriamo in una uita bea-
tiſsima, & diuentiamo ſimili a gli Dij. Aggiugni quel che s'appartiene a gli
huomini buoni, ſi come debbono eſſere, & uogliono eſſere tenuti i Pontefici,
cioè, che debbono penſar a quelle coſe, ſtudiarle, & andar loro dietro, che e' co-
noſcono eſſer bene che gli huomini faccino inuerſo gli altri huomini, cioè di
giouare, & porger aiuto a gli infermi, a gli impotenti, & a gli abbandonati, con
fare buoni officij uerſo di loro, beneficarli, & uſarli miſericordia. Queſte ſo-
no quelle coſe, ne lequaliil Pontefice debbe eſercitare ſe, & i ſuoi. Di queſti sì
fatti Edificij appartenenti a maggiori, o a minori Pontefici douiamo noi tratta-
re, & però comincieremoci da Muniſteri. I Muniſteri ſono di piu ſorti, o e'
ſono riſerrati di modo, che e' non ſe ne eſce mai in publico, ſenon ne l'andar for
ſe nel Tempio, & a le Proceſsioni. O altri non ſtanno però coſi riſerrati, che
e' non ui ſi poſſa però mai entrare per neſſuno. Di queſti ancora altri ſeruono
per le Donne, & altri per gli huomini. I Muniſteri de le Donne, non gli biaſi-
mo che e' ſieno dentro ne la Città. Nègli lodo ancora grandemente che e' ne
ſieno fuori. Concioſia che fuori, la ſolitudine farà che e' non ſaranno molto
frequentati: ma chi ui frequenterà, harà piu tempo, & piu licentioſamente ui po
trà fare qualche ſcelleratezza, eſſendoui pochi Teſtimonij. Ilche non ſipuo fa
re doue ſono aſſai Teſtimonij, & aſſai che ne poſsino da ciò ſconfortare. A l'u
no, & a l'altro ſi debbe prouedere certamente, che e' non uogliono eſſer disho-
neſti; ma principalmente che e' non poſsino. Perilche ſi debbe, di modo ſer-
rare tutte le entrate, che e' non ui poſſa entrare perſona, & guardarle di manie-
ra, che non ui ſi poſſa aggirare alcuno attorno per tentare di entrarui ſenza ma-
nifeſtiſsimo ſoſpetto di ſua uergogna. Nè debbono eſſere tãto afforzificati gli
alloggiamenti di alcuna legione di ſteccati, o di foſsi, quanto i circuiti di coſto-
ro ſi debbono accerchiare d'altiſsime mura, intere ſenza porte, o fineſtre, o aper
tura alcuna, per lequali non pur gli eſpugnatori de la Caſtità, ma ne pur incita-
menti d'occhi, o di parole, poſsino penetrare dentro a incitare, & a maculare gli
animi di quelle. Habbino i lumi da lo lato di dentro, da una corte ſcoperta. In-
torno a la Corte, ſi debbono collocare le Loggie, i luoghi da paſſeggiare, le
Camere, il Refettorio, il Capitolo, & quelle coſe che ui fanno di biſogno, in
luoghi commodi, ſecondo la regola dele caſe de priuati. Nè uorrei che ui
mancaſsino ſpazij per Orti, & per Pratelli, iquali giouano piu a recreatione
de gli animi, che a nutrimento di piaceri. Lequali coſe eſſendo coſi fatte, auer
rà, che non ſenza buon conſiglio ſaranno remote da la frequentia de gli ha-
bitatori. I Muniſteri de l'una, & de l'altra ſorte, ſe e' ſaranno fuori de la Cit-
tà, ſarà bene; concioſia che quella aſsiduitàloro, dedicata a la ſantimonia, & quella ripoſata Religione de l'animo, a laquale ſi ſono interamente tutti dati,

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer