Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

DELLA ARCHITETTVRA go. Et ſe per auentura egli auerrà che queſte coſe non baſtino a biſogni de gli
huomini, ſi doueranno allhora, & con la mano, & con l’arte rimediare i difetti, ſe
alcuni per auentura ue ne fuſsino, & aggiugnerui quelle commodità che ui man
caſsino, il modo de lequali coſe tratteremo poi nel luogo loro.

58.1.

5
10
15
20
25
30
35
40
5

Della cóueniente muraglia de Porti, e de luoghi cómodi per le Piazze nelle Città. Ca. VIII.

HOr ſe egli è parte alcuna de la Città, che ſi confaccia con le coſe, che noi
douiamo trattare in queſto luogo. II Porto ueramente ſarà quel deſ-
ſo. Eſſendo certamente il Porto non altro, che quaſi un termine nel cor
ſo de Cauagli, dalquale, o tu ti muoua a corſo, o alquale arriuando, finito il corſo
ti fermi, & ti ripoſi. Altri forſe diranno che il Porto ſia la Stalla de le Naui, ſia
pure egli come tu ti uoglia, o termine, o Stalla, o ricettacolo; certamente ſe la
proprietà di qualunque Porto è di riceuer dentro a ſe le Naui, ſicure da l’im-
peto de le tempeſte; egli è di neceſsità che e’ le difenda: Sianoui fianchi ga-
gliardiſsimi, & alti; & oltra queſto biſogna che ui ſia una larghezza adattata
di maniera, chele Naui poſsino, & grandi, & cariche, commodiſsimamente
raccoruiſi, & ſicuramente ripoſaruiſi. Lequali coſe ſe ti ſi rappreſenteranno
da la opportunità del luogo, non harai da deſiderarui altro, ſe già non ti au-
ueniſsi come ad Atene, laquale haueua ſecondo che ſcriue Tucidide, tre Por-
ti fatti da la Natura; che tu habbia a ſtare in dubbio, quale di tanti tu ti uoglia
eleggere per il meglio, doue tu uoglia andare a prender Porto. Ma egliè cer-
tamente coſa euidentiſsima, mediante quelle coſe, che noi dicemmo nel pri-
mo libro, che e’ ſono alcune regioni, doue non poſſono tutti i Venti: & alcu-
ne, doue alcuni di loro ſono molto faſtidioſi, & continoui. Anteporremo
adũque a gli altri quel Porto, ne le bocche del quale ſpirino i Venti piu benigni
& piu quieti; & nel quale tu poſſa cõ buona gratia de Venti entrare, & uſcire ſen
za hauergli molto ad aſpettare. Infra tutti i Venti, dicono che Borea è il piu
benigno, & che il Mare commoſſo da Greco, ceſſato il Vento ſi quieta ſubito; Ma ſe bene ceſſono i Venti Auſtrali, il Mare dura nondimeno a fluttuare
gran tempo. Ma ſecondo la uarietà de luoghi ſi debbono elegger quelle co-
ſe, che ſono, & piu commode, & piu eſpedite a biſogni de le Naui. Deſidera-
uiſi un fondo grandiſsimo, sì ne la Foce, sì nel mezo, & sì a le ripe del Porto; ilquale non rifiuti le Naui da carico, graui per le coſe portate: Etè conuenien-
te che il fondo ſia purgato, & che non ui ſieno herbe in alcun luogo. Ancor
che taluolta le ſpeſſe, & intricate radici de le herbe, arrechino grandiſsima uti-
lità a fermar le Ancore; Io niente dimeno uorrei piu toſto il Porto, che non
generaſſe coſa alcuna, che haueſſe a contaminare la purità de l’aria, o a nuoce-
re a le Naui, come fanno le Alige, & le herbe, che naſcono ne le acque. Con-
cioſia che le eccitano a Nauilij Vermi moleſtiſsimi, Tigniuole, & lombricuz-
zi, & per il marcirſi di tai liti, uapori peſtiferi. Faranno ancora il Porto infer-
mo, & mal ſano, ſe ui ſi meſcoleranno acque dolci; & maſsimo quelle, che pio-
uute d al Cielo ui caleranno da Monti; Vorrei nondimeno che egli haueſſe
a canto, & uicino, fontane, & Riui, donde ſi poſſa prendere acqua chiara, &

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer