Full text: Alberti, Leon Battista: L' architettura

LIBRO TERZO. di ſopra, & apre feſſure, che nõ ſi poſſono rimediare; percioche quelle parti, che
ſaranno diuentate aride, non ſi riſtringhono inſieme per arte alcuna, & le parti
humide cedono facilmente, & uanno dietro a chi le tira. Io ueggo che gli An
t [?] ichi poſono le ultime corteccie, o di Terra cotta, o di pietra, & i Tegoli ueramẽ
te, oue non ſi uadia ſu con i piedi, ho io uiſti poſti larghi per ogni uerſo tre quar
ti di braccio congiunti con calcina rimenata con olio. Et ſi ueggono Matton-
cini minuti, groſsi un dito, larghi duoi, & lunghi quattro; commeſsi per il lato a
ſpinapeſce. Poſſonſi uedere in molti luoghi laſtricati di pietre, fatti di tauole
di Marmo grandiſsime, & di ſegate in piu minuti pezzi, & di quadretti. Ol-
tra di queſto ſi ueggono ammattonati, o ſmalti antichi, fatti d’una ſola materia,
cioè calcina, rena, & matton peſto, meſcolato per quanto io poſſo conietturare,
per terzo. Io ho trouato che queſti ſmalti, ſono piu fermi, & piu forti, ſe ui ſi
aggiugne la quarta parte di Treuertino peſto. Sono alcuni, che lodano gran-
diſsimamente per fare tal lauoro la poluere di Pozzuolo, che e’ chiamano Ra-
pillo. Gli ſmalti, che di una ſola materia ſono compoſti, biſogna eſperimen-
tarli con batterli ſpeſsiſsimo; & che con il batterli ſpeſſo e’ ſi guadagnino l’un dì
piu che l’altro, & lo eſſere ſerrati, & la durezza loro, tal che ſieno quaſi piu duri,
che la pietra. Et è chiaro, che ſe tali ſmalti ſi bagnano con lauatura di calcina,
& con olio di lino; acquiſtano una durezza ſimile al uetro, & che non è mai con
ſumata dalle tempeſte. La calcina rimenata con olio, dicono che ne gli am-
mattonati non riceue mai coſa alcuna nociua. Sotto lo ammattonato, o ſmal-
to io ueggo eſſerui poſta materia di calcina, & di pezzuoli di mattoni minuti, & rotti; groſſa due, ouero tre dita. Sotto queſta, ſi truoua quaſi come un ripieno,
parte di pezzami di mattoni, parte di ſcaglie di pietra, come quelle, che gli ſcar-
pellini leuano con le ſubbie; & la groſſezza di queſta è quaſi di un piede. Al-
troue infra quella di ſopra, e queſta, trouo eſſerui diſteſi pezzami di mattoni cot
ti; ultimamente nel piu baſſo luogo, ſi truouano ſaſsi non piu groſsi che un pu-
gno. Veggonſine ſiumi Saſsi, che ſi chiamano maſchi, come ſono quelli, che
ſono tondi, che tengono di ſelice, & di Vetrina, che fubito fuori dell’acqua ſi ſec
cano, ma il matton cotto, & il Tuſo, & ſimili riſerbano l’humidità gran tempo. Per laqual coſa ſono molti, che aftermano, che l’hnmidità, che eſce della Terra; non penetrerà mai a le corteccie de lo ammattonato, che harà ſotto un ſuolo di
tale Saſſo. Habbiamo uiſto ancora, chi ſopra piccoli Pilaſtri di tre quarti adat-
tati ſopra il ſuolo del Terreno, con ordine quadrato, ha uſato di por tegoli di ter
ra cotta, con iquali feciono l’ammattonato, o ſmalto, che noi habbiamo detto. Ma queſta ſorte di ſmalto s’aſpetta principalmente a Bagni, de quali diremo a
luoghi loro. Godono gli ammattonati de la humidità, & de la aria humida,
mentre che e’ ſi fanno, & ne luoghi ombroſi, & humidi, ſi mantenge [?] no piu
fermi, & piu interi; & a gli ammattonati nuocono principalmente la infermi-
tà del Terreno, & una ſubita diſeccatione. Percioche ſi come piouuto, & ri-
piouuto piu uolte, la terra a la Campagna ſi riſerra, coſi i pauimenti inhumiditi
abbondantemente, diuentano di una ſola, & ſalda durezza ſimile al ferro. Do
ue il pauimento habbia a riceuere l’acque che caſcano da le grondaie de Tet-
ti; biſogna farlo di pietre molto grandi, & molto ſalde; accioche egli (per dir

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer