Full text: Angeli, Stefano: Della gravita' dell' aria e fluidi

00007-01

6. DIALOGO PRIMO
INTERLOCVTORI
CONTE LESZCYNSKY,
OFREDI, E MATEMATICO DI PADOVA.

O_Fredi_. Oimè Signor Profeſſore, che gra-
uezza di teſta, ch’ io mi ſento. O come
queſt Aria così humida, e fumoſa mi fà
dolere gl’occhi. In gratia, già che ſiamo
vicini alla caſa del Signor Conte, andia-
mo à conſumare @@ [...] di queſta
giornata ſeco in qualche virtuoſo diſcor-
ſo.

_Matem_. Faciamo come V. S. comanda. Saliamo le Scale. Bi-
fogna certo che ſi trattenga nel ſuo Studio, già che l’vſcio
è ſocchiuſo. Riſchiariamoſi vn poco, accioche ne cono-
ſca; e poi con vn tratto confidente entriamo dentro. Ser-
uitor Signor Conte.

_Conte_. Seruitor miei cari Patroni. Che buon vento conduce
loro Signori à fauorirmi?

_Ofred_. Non già il vento, mà ben sì vn’Aria humidiſſima ne hà
ſpinto quà ſopra.

_Cont_. Se nella loro bilancia la grauezza dell’ Aria li hà ſpinto
quà ſopra, è nella mia hà impedito la diſceſa, sì che non ſia
hoggi vicito di caſa; poiche appunto la mia fantaſia s’an-
daua ragirando intorno alia grauità dell’ Aria.

_Matem_. In gratia V. Sig. ne renda conſapeuoli di que-

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer