Full text: Angeli, Stefano: Della gravita' dell' aria e fluidi

SECONDO. impediti dal premere ſopra l’aria, cheriempieil cannellino; almeno noncon tutto quel momento, con cui premerebbe,
ro, ſe non s’appoggiaſſero ſopra eſſo. E perciò l’acqua ſot-
topoſta al vacuo del cannellino premuta meno di quello,
che ſia premuta l’eſteriore,è neceſſitata a ſalire. E perche
queſti impedimenti ſono tanto maggiori, quanto il cannel-
lino è più ſtretto, perciò l’acqua aſcende più per queſto, che
peril più largo. Ne ſe midica, che ſaliſca anco l’acqua (ben-
che non tanto quanto dentro) aldifuori del cannellino, per-
che milita la medema ragione; appoggiando molti delli
componenti l’aria alla ſuperficie eſteriore con vno delli ſuoi
capi, & impediti di premere totalmente dall’appoggiarſi
ſopra l’orlo del cannellino; il che non auuiene in poca di-
ſtanza da eſſo. Corre adunque l’impedimento medemo, ben-
che non tanto, che dalla parte caua; e perciò aſcende anco
qualche poco dalla parte eſteriore. Queſti ſariano li miei
diſcorſi, li quali però reſtariano atterrati dalle eſperienze in
contrario.

_Ofred_. Non tardi adunque più a narrarcele.

_Mate_. Le veda pure V. S. _nelli Saggi di nuoue eſperienze_ fatte dalli
famoſiſſimi Accademici del cimento, alla preſenza del Sere-
niſſimo Prencipe Cardinale Leopoldo, Mecenate de lette-
rati, in Firenze. Ritroui _la pagina_ 100. e vedrà con quanta. induſtria habbino tentato il predetto Fenomeno, ò nel vuo. to, ò in aria eſtenuata; e perciò deboliſſima a premere; e co-
me ſempre ſia ſalita l’acqua nel cannellino ſino al medemo
ſegno, oue aſcendeua nell’aria libera.

_Conte_. An sì, sì. Queſte forſe ſaranno quell’ eſperienze, delle
quali il noſtro Sig. Rinaldiniintende _nel Lib. de Reſol. & Comp_. _Mathem. pag_. 160. oue narrando l’opinione di quelli, che ſti-
mano queſto Fenomeno naſcer dalla diuerſa preſſione dell’-
aria, dice, _Res autem non ſic ſe habet, nam idem contingit in loco_,
_vbinullus aer, vel ſaltem adeo exiguæ quantitatis, vt vix credas ei_
_quidquam deferendum, quod nos Florentiæ ſumus experti_.

_Ofred_. Ne aſſegna egli alcuna cagione?

Conte. _Certo, ſoggiungendo queſte parole:_ Sed potius aliundè
id prouenit, quia ſcilicet dùm exilis ille tubulus immergitur non nibil
in fluidum, huius pars incluſa in anguſtia ipſius tubuli multum ammit

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer