Full text: Angeli, Stefano: Della gravita' dell' aria e fluidi

DIALOGO rienza moſtrerà che la laſtra ſuperiore s’alzi con la libra, ò
in altro ſimil modo, ſarà manifeſto che la difficoltà nell’al-
zarla non naſca dalla repugnanza al vacuo, ma bene dalla
preſſione dell’aria ſopra la colonna, che biſogna ſuperare
con il peſo della medema colonna.

_Cont._ Il nobiliſſimo Boile hauendo conſideratione a queſta v-
nione delle due la ſtre, che naſca dalla preſſione dell’aria. prende materia di dire, e proponer da conſiderare _ſect. 1. de_
_Firm. Illud quoque diſquiri poſſet dependeatne a principio iam ex-_
_plicato vitri ſoliditas. Etiamſi enim partes eius ramoſœ vel ſibi in_
_uicem intertextœ non videantur & politœ admodum ac lubricœ ap-_
_pareant, attamen, cum ignis, qui ad fuſionem eas reduxit, proinde-_
_que fluidas reddidit, iure eas ſubdiuiſiſſe, & in minutas valdè par-_
_ticulas red egiſſe ſupponi queat, eaſdemque adeò ad aerem a ſe-_
_metipſis ſecludendum iuuiſſe non adeò mirum videri debet, ſiim-_
_mediatus minutorum eiuſmodi & politorum corpuſculorum conta-_
_ctus ad eas in nexu retinendas dicatur ſufficere, & c._ Propoſta
la conſideratione, la laſcia indeciſa. Vorrei adunque ſen-
tire il parere diloro Signori.

_Ofr._ Io ſenza molto penſarui inclino alla parte negatiua. E la
ragione è queſta. La contiguità naſce dalla preſſione dell’-
aria; adunque rimoſſa queſta il vetro ſi diſſoluerebbe. Ma
ciò non ſuccede. Adunque, & c. L’eſperienza l’habbiamo
nel Baroſcopio, & altri vaſi di vetro con li qua li ſi fà il vo-
to; poiche fatto queſto le parti interiori di queſti non ſo-
no premute; adunque li vaſi douerebbero diſſoluerſi, e re-
ſoluerſi nelli minimi corpuſcoli; tanto più che le parti e-
ſteriori del vaſo ſono premute dall’aria, la qual preſſione
ſola alle volte (quando non ſono e groſſi, e di figura cur-
ua) è ſufficiente a ſpezzarli. Ma ciò non ſuccede, perche
quando non ſi ſpezzano nel modo predetto, ſi conſerua-
no totalmente. Adunque & c.

Di più alla cima d’vno di queſti vaſi per di dentro s’attacchi
vnſpaghetto, ò filo, dal quale penda vn pezzetto di vetro,
che fatto voto, reſti pendente in queſto, sì che poſſi libe-
ramente vibrare, e dondolare, e s’agiti il vaſo dimodo che
il pezzetto di vetro percuota nelli lati pur di vetro del va-
ſo. Mentre che li minimi componenti il vetro non ſono

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer