Full text: Angeli, Stefano: Della gravita' dell' aria e fluidi

_QVINRO._ re. V S. milaſci infondere vn poco d’olio. Ecco che que-
ſto ſaliſce in diuerſe goccie formando diuerſe figure. Ve-
dono loro Signori quella gocciola, che aſcende aſſai len-
tamente, la quale par quaſi vna sfera perfetta? Vedono
quell’altra, che ha maggior conueſſità nella parte inferio-
re, che nella ſuperiore? Con quella facilità, che noi hab-
biamo oſſeruato queſti Fenomeni, con la medema potran-
no oſſeruarſi da chi ſi ſia.

_Mat._ Non vi ha dubio. Ceſſi adunque Sig Ofredi in lei il ſtupo-
re, che nel tubo, ecaſo del P. Riccioli l’aria aſcenda piǹ
lentamente che I’olio, perche queſto naſce dalla quanti-
tà notabile dell’aria, e dalla qualità del tubo del P. Riccio-
li. Non riuoltiamo il tubo, e conſtituimo in ſito perpendi-
colare all’orizonte che prima non ſe li facia parallelo, e
poi s’inclini, e che in queſto moto l’acqua non diſcenda
ſotto l’aria nel modo, che molto euidentemente dichiara
il Sig. Borelli _prop._ 78. Onde l’acqua ſe piglia in capo l’aria, e
principia ad eſtruderla; ma queſta eſſendo in notabile
quantità, perciò laſciando anguſto cale all’ acqua per di-
ſcendere, non può queſta ottener il ſuo intento che lenta-
mente; & in conſeguenza lentamente ſpinger insù I aria-
li che poi diuerſamente ſuccede quando l’acqua ha campo
di diſcendere a ſuo talento; perche in queſto caſo ſpinge
insù l’aria con tanto impeto che a pena l’occhio può ſe-
guire queſto moto. Ma quando ſi poteſſe riuoltaril tubo
ſenza che l’acqua poteſſe principiar a diſcendere come in
fatti ſuccede nelli cannellini, eſpeſſe volte nelli più grandi
quando ſe vi pone dell’olio, allora l’aria, & olio non aſcen-
dono in conto alcuno, perche l’acqua non può ſubintra-
re a ſcacciarli.

Quanto poi alla curuità, che nota il P. Riccioli formarſi nel-
la parte anteriore, oltre a quanto habbiamo detto, s’oſſer-
ui anco la dottrina regiſtrata pure del Signor Borelli _prop._ 72. cioè, _Quodlibet fluidũ homogeneum naturali inſtintu videtur_
_ſpontè coaleſcere, ac ſimul in ſuo toto partes ſuas conglutinare_-
Che perciò per maggiormẽte vnirſi affetta la figura sferi-
ca quanto puole. Così vediamo che le parti dell acqua ſe-
parate dall’altre ſi formano in goccie; e didue, ò più ap-

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer