Full text: Angeli, Stefano: Della gravita' dell' aria e fluidi

TERZO. che li Accademici Fiorentini _nelli ſaggi, & c. à carte_ 28. inſe-
gnano vn modo di vedere la loro ſalita, dicendo à queſto
propoſito. _Queſto ſi vede manifeſtamente ogni volta, che nella_
_canna s’introduce vn po d’acqua, la quale nel farſi il voto ſalendo_
_ſopra l’argento, diſcopre nel paſſaggio che fanno per lo ſuo mezzo,_
_quei finiſſimirebullimenti, che da eſſo verſo il voto s’inalzano._

_Cont._ Belliſsimo modo di vedere queſta falica quando lacqua
ſia purgatiſsima dall’aria, e dalli eflui, che eſcono da eſſa
ſenza comparatione in maggior quantità, che dal mercu-
rio. Onde quando non ſia purgatiſsima, ſarà difficile di-
ſcerner ſe ſiano efluui della medema acqua, ò pure del
mercurio.

_Mat._ Hora queſti eflui ſaliti ſopra il mercurio eſercitano ſo-
pra eſſo, e con eſso quella medema grauità, che eſercita-
uano entro eſso Onde, e del mercurio, e d’eſſi faſſi pure
vn compoſto, che ſi paragona con il cilindro d’aria, che
preme ſopra il mercurio ſtagnante, il qual cõpoſto è mag-
giore, e preme più che il ſolo mercurio. Ma quando nella
fiſtola ſi pone il mercurio purgato dall’aria, non ſalendo
ſopra eſso, o nulla, ò almeno pochiſſi no, ſeil mercurio s’-
hà da equilibrare con l’aria p@emente, bi ogna che ſaliſca
quel più, che premeuano quelli efluui, che erano in eſso, c [?]
che ſariano ſaliti ſopra eſso.

_Ofr_. V. S. dica anco la ſua opinione circa la cauſa della diſceſa
del mercurio più del conſueto quando queſto ſia ſcofso,
& agitato.

_Mat_. E queſta pure credo che naſca dalla ſalita delli efluui, e
purgamento del mercurio fatto ò auanti il procurarſi il vo-
to, ò anco in virtù dell’agitatione, e concuſſione. Ma per
intender il come, mi dica Signor Ofredi; ha mai oſseruato
quelli, che vendono il formento, ò altre bi [?] ade? C@oè quan-
to ſiano geloſi, che non ſe diano ſcoſse a ſtaio, ò altra mi-
ſura con la quale miſurano?

_Ofr_. L’ho oſseruato certo. Et hanno molto ben ragione d’eui-
tare queſte ſcoſse; perche ſe alcuno daise del piede nello
ſtaio gia pieno, farebbe non poco diſcender la biada; per-
che li grani, che ſi toccano con gran la ſſitudine, elibertà,
contenendo frà ſe infinite cauita aſsai conſiderabili; con

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer