Full text: Angeli, Stefano: Della gravita' dell' aria e fluidi

_Ofred_. Tutto caminarebbe bene quando da queſte ſue eſpe-
rienze conſtaſſe queſt’elaterio dell’aria. Ma queſto non
hauer luogo tẽtorno alcuni di dimoſtrare appreſſo li Acca-
demici Fiorentini con’vna eſperienza ſimile à quella, che
hor hora proponerò da tentare nel noſtro inſtrumento ſo-
pra dichiarato. Auanti che con eſſo ſi procuri il voto, ſe
facia paſſare la canna LK, per vn bucco fatto nel fondo di
qualche maſtello, ſotto il quale ſia il vaſo del mercurio ſta-
gnante. Fatto il voto, e diſceſo il mercurio come nella
ſigura, ò come habbiamo detto, ſi riempia il maſtello d’ac-
qua, e ſi facia il buccolino vicino al C. L’acqua entrando
per il bucco C, e riempendo la palla, farà il medemo effet-
to di far ſalir il mercurio per la canna B A, che prima face-
ua l’ aria; ma con queſta differenza, che non ſolo ſalirà
v. g. in F, di modo che R F, ſia diti 29. come quando ſe riem-
piua d’aria, ma ſino all’E, di modo che F E, ſia la quartade-
cima parte dell’altezza dell’acqua, che nel maſtello preme
ſopra il mercurio MOR.

_Cont_. Non hò dubio che coſi non debba ſuccedere, perche in
queſto caſo ſopra il mercurio MOR, preme tutta l’acqua
contenuta entro il maſtello dalla ſuperficie M O R, ſino al
ſommo dell’acqua, e ſopra queſta l atmosfera. Hora queſta
deue alzar il mercurio nella canna BR, li ſoliti diti 29. e l’-
acqua vn quartodecimo della ſua altezza; eſſendo il mer-
curio quaſi 14. volte più graue dell’acqua.

_Ofr_. Hora V. S. otturi beniſſimo il bucco fatto vicino al C, e
facia vſcir tutta l’acqua dal maſtello. Vederà che il mer-
curio non diſcenderà nella Canna. Queſto non quuiene
per elaterio, che habbia l’acqua; adunque nè anco quando
la palla è piena d’aria, queſto effetto naſce dall’ elaterio, ò
molla, che ella habbia.

_Mat_. Non mi pare che la ſimilitudine corri. Poiche l’acqua
patiſse, in comparatione dell’ aria, pochiſſima compreſſio-
ne. Mentre adunque che queſta può pochiſſimo eſſer ri-
ſtretta in minor luogo (come diremo forſe frà poco) queſta
ſua repugnanza alla compreſſione è ſufficiente a render ra-
gione di queſto Fenomeno. Al contrario l’aria è ſott opo-
ſta à gran compreſſione, di modo che con forza potreſſi

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer