Full text: Lib. III (3)

126 
GIUNTA IV. 
dell'occhio, ed FV uguale alla metà del raggio dell' occhio 
stesso; indi prende sopra la FA la parte FS uguale alla 
grossezza che si vuole attribuire al listello della voluta sot¬ 
to l’abaco, indi dal punto. S innalza la normale ST, per cui 
si avrà AF : AS = FV : ST, e determinata questa retta ST 
viene applicata di qua e di là dal centro C come in Ca ed 
in Cb; e finalmente sopra la ab costruisce un quadrato, e 
lo divide come il primitivo, ed i nuovi punti di divisione se¬ 
gnano i nuovi centri. Questa voluta risulta come si vede 
nella fig. 1. Tav. XXXIV. 
Ultimamente comparve in questo arringo il Marchese Cav. 
Luigi Marini col suo opuscolo intitolato: Il metodo di de¬ 
scrivere la voluta Jonica vitruviana, stampato in Roma nel 
1824. Ecco le sue parole. „ Le condizioni da Vitruvio pro¬ 
„poste sono: Prima, che la voluta incominci dalla sommità 
„del cateto sotto l’abaco; Seconda, che si descriva per mez¬ 
„zo di quadranti; Terza, che nella descrizione di ciasche¬ 
„dun quadrante si diminuisca il raggio dell'occhio; Quarta, 
„che venga a terminare nella medesima linea del quadran¬ 
„te sotto l’abaco, d’ ond’ ebbe principio; Quinta, che la 
„di lei altezza sia eguale alle otto parti del cateto; Sesta, 
„e questa l’esige la geometria, che i segmenti della curva 
„ componenti la voluta sieno fra di loro continui, cioè che 
„abbiano la tangente comune nel punto del congiungimento. 
„ Ponderate queste sei condizioni, e non avendole rinvenute 
„incompatibili, mi convinsi non esser corrotto il passo di 
Vitruvio, e mi accinsi valorosamente all'impresa, onde giun¬ 
97 
„si a quella semplicissima soluzione, che sono per esporre. 
„Si cali, come vuole Vitruvio, il cateto, e dal punto M 
„(fig. 2. Tav. XXXIII.) sotto l'abaco si divida in otto par¬ 
„ti uguali. Si prendano quattro parti e mezza sotto il me¬ 
„desimo, e fatto centro in D si descriva la periferia dell'oc¬ 
„chio con un diametro dell' una delle otto parti ; finalmen¬ 
„te si segni il diametro TG corrispondente al cateto. Sopra 
„questo diametro, con egual distanza dal centro si costrui¬ 
„sca verso la parte esterna il quadrato 1, 2, 3, 4, i di cui 
„ lati sieno uguali al raggio dell'occhio. Quindi fatto centro 
„in 1, coll'intervallo IM si descriva il primo quadrante MA 
„fino all'incontro della perpendicolare r, 2 prodotta ; poscia
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer