Toolbox

Themes:

LA HISTORIA AVGVSTA DA Giulio Cesare infino à Costantino il Magno ILLVSTRATA Con la verità delle Antiche Medaglie DA FRANCESCO ANGELONI ALLA MAESTA CHRISTIANISSIMA DI LVIGI XIII. IL GIVSTO Projektträger: Projekt Digitization Lifecycle der Max-Planck-Gesellschaft Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut 000232145 BV037572796

Im Allgemeinen werden Druckfehler der Vorlage identisch übernommen. Sehr offensichtliche Druckfehler wurden aber, soweit erkannt, über choice in den Texte gekennzeichnet. Innerhalb von choice steht der korrigierte Wert in corr type="misprint" und der originale Wert der Vorlage in sic . In der Editura-Basis HTML-Transformation wird zurzeit der Wert in corr realisiert.

Corrigendaverzeichnisse und Druckfehlerverzeichnisse fanden sich in den Vorlagen nicht.

Ggf. vorhandene unleserliche Stellen der Vorlage werden über unclear type="illegible" gekennzeichnet, durch Druckfehler entstehende Lücken im Text werden als gap ausgewiesen.

Bei der Zeichenerkennung wurde nach Vorgabe des DLC modernisiert.

letter-spacing: 2pt; text-align: center; text-indent: none; text-indent: -1em; text-indent: -2em; text-indent: -3em; text-indent: 1em; text-align: right; text-align: left; margin-left: 1em; margin-left: 2em; margin-left: 3em; margin-right: 1em; display: none; font-size: .8em; font-size: x-small; font-size: xx-small; font-size: large; font-size: x-large; font-size: xx-large font-variant: small-caps font-style: italic font-weight: bold font-family: "times new roman", times, serif; font-family: "times new roman", times, serif; font-size: .7em; vertical-align: super; font-size: .7em; vertical-align: sub; text-decoration: underline width: 100%; font-size:10pt; text-align:right; border-top-width:thin; border-top-color:#AAA; border-top-style:dotted; width: 90%; text-align:left; border-width:thin; border-color:#AAA; border-style:solid; vertical-align: top; Es wurden nur unnummerierte div s genutzt. Trägt obligatorisch die folgenden Attribute: n gibt die Originalseite der Vorlage wieder, facs ruft die Faksimiledatei auf, xml:id bildet für Seitenverweise eine ID aus dem Wert von n und einer laufenden Nummer. Wird pb in Fußnotentexten ein zweites Mal gesetzt, zählt die genannte ID eine Stelle hoch. Initiation $Revision: 1 $ , Fri, 03 Jul 2020 11:04:52 +0200

Type: drawing

Con Priuilegio del Sommo Pontefice e della Maestà del Re Christianissmo. IN ROMA, per Andrea Fei. M.D.C.XXXXI Con licenza de Superior.

   QVae fuerant longis agitata Numismata satis, Virtus à prisco funere clara refert; Et magis vt niteant, totum rediuiua per aeuum, Imprimit aeternum Diua perennis opus: I, fuge, Tẽpus edax: LVDOVICO hìc auspice, sẽper Augustos fama viuere d'isce Duces.

   Q Vesti, che fur da lunghi fati auuersi Sculti metalli in cieco oblio dispersi, Quì da la tomba la Virtù ritoglie, E de l'eternità nel sen l'accoglie, Che con mirabil'arte Gli eterna in dotte carte. Và, fuggi: e altroue pur l'auide voglie Tempo edace prepara: Viuer gli Augusti da LVIGI impara.     Imprimatur, si videbitur Reuerendiss. P. Mag. Sac. Pal. Apost.    I.B. Episc. Cam. Vicesg.     I L Reuerendissimo Padre Maestro del Sacro Palazzo, Fra Vincenzo Fiorenzuola, mi ha commesso il giudicio sopra l'Historia Augusta, da Giulio Cesare infino à Costantino il Magno. L'hauerla illustrata il Signor Francesco Angeloni, mi ha fatto conoscere, non esserui ombra di censura; e come queste Vite hanno verità nelle Medaglie de gli Antichi, così questo Autore douer viuere veramente nella memoria de' Posteri. Io Ottauio Tronsarelli.     Imprimatur,    Fr. Reginaldus Lucarinus Magister, & Socius Reuerendissimi P. Mag. Fr. Vincentij de Florentiola, Ordinis Praedicatorum Sac. Apost. Palatij Magistri.

   E Xponi nobis nuper fecit dilectus filius Franciscus Angelonus Ciuitatis Interamnen. quod ipse vnum Historia Augusta à Iulio Caesare, vsque ad Constantinum, & aliud le Lettere di buone Feste a Principi, & reliquum Operae Litterae diuersi generis in plures Tomos diuisum vulgariter respectiuè nuncupata à se composita in Alma Vrbe cùm imprimi facere intendat. Vereatur autem, ne alij, qui ex alieno labore lucrum quaerunt, eadem Opera imprimi facere curent, in ipsius Francisci praeiudicium Nos eius indemnitati, ne ex editione huiusmodi aliquod dispendium patiatur prouidere, illumque specialibus fauoribus, & gratijs prosequi volen. & a quibusuis excõmunicationis, suspensionis, & Interdicti, ali sque?? Ecclesiasticis sententijs, censuris, & paenis à Iure, vel ab homine quauis occasione vel causa latis si quibus quomodolibet innodatus existit ad effectum praesentium dumtaxat consequen. harum serie absoluen. & absolutum fore censen. supplicationib. dicti Francisci nomine, nobis super boc humiliter porrectis inclinati. Eidem Francisco, vt Decennio proximo durante: dummodo tamen dicta opera à Dilecto filio Magistro Sac. Pal. Apost. antea approbata sint impressione cõputan. Nemo tã in Vrbe, quã in reliquo Statu Ecclesiastico mediatè, vel immediatè nobis subiecto Opera praesentia. fine specialiter dicti Francisci, aut eius haeredũ, & successorum, vel ab eis causam habentium licentia imprimere, aut ab alio, vel alijs impressa vendere, seu venalia habere, seu proponere possit, & valeat, Apostolica auctoritate tenore praesentium concedimus, & indulgemus. Inhibentes propterea Vniuersis, & singulis vtriusque sexus Christi fidelibus, praesertim Librorum Impressoribus sub quingentorum ducatorum auri de Camera, & amissionis Librorum, & Typorum omnium pro vna Camerae nostrae Apostolicae, & pro alia eidem Francisco, & pro reliqua tertijs partibus accusatori, & Iudici exequen. irremissibiliter applicandis, & eo ipso absque vlla declaratione incurrendis paenis, ne dicto decennio durante Opera supradicta, aut aliquam eorum partem tam in Vrbe, quam in reliquo Statu Ecclesiastico praedictis fine huiusmodi licentia imprimere aut alibi ab alio, vel alijs impressa vendere, aut venalia habere, seu proponere quoquomodo audeant, seu praesumant. Mandantes propterea dilectis filijs. nostrae Apostolicae Sedis de latere Legatis, seu Vicelegatis, aut Praesidentibus, Gubernatoribus, Praetoribus, & alijs Iustitiae Ministris Prouinciarum, Ciuitatum, Terrarum, & locorum Status nostri Ecclesiastici, quatenus eidem Francisco, eiusque haeredibus, & successoribus, seu ab eis causam habentibus huiusmodi in praemissis efficacis defensionis praesidio assistentes, quãdocunque ab eodem Francisco, seu alijs praedictis fuerint requisiti, paenas contra quoscunque inobedientes irremissibiliter exequantur. Non obstantibus constitutionibus, & ordinationibus Apostolicis, ac quibusuis statutis, & consuetudinibus, etiã Iuramento confirmatione Apostolica, vel quauis firmitate alia roboratis, priuilegijs quoque, indultis, & litteris Apostolicis in contrarium praemissorum quomodolibet concessis, confirmatis, & approbatis, caeterisque contrarijs quibuscunque. Volumus autem quod praesentium transumptis, etiam in ipsis operibus impressis manu alicuius Notarij publici subscriptis, & sigillo alicuius personae in dignitate Ecclesiastica constitutae munitis, eadem prorsus vbique fides adhibeatur, quae adhiberetur praesentibus, si forent exihibitae, vel ostentae. Datum Romae apud S. Mariam Maiorem sub annulo Piscatoris die xiij. Octobris M.DC.XXXVIII. Pontificatus nostri. Anno Decimosexto. M. A. Maraldus.

   A Nos Amèz, & Feaux les gens tenans nos Cours de Parlement, Maistres des Requestes ordinaires de nostre Hostel, Baillifz, Senechaux, Preuostz, leurs Lieutenans, & tous autres nos Iustitiers, & Officiers qu'il appartiendra, Salut. Nostre cher,& bien amè le Sieur Francois Angeloni Italien de Nation Nous ayant faict entendre le desir qu'il à de mettre en lumiere vn Liure qu'il à composè en Langue Italiene, Intitulè La Historia Augusta da Giulio Cesare infino à Costantino il Magno, illustrata con la verità delle antiche medaglie, Lequel il nous à dediè, & que nous auons sceu estre vn excellent ouurage, & tres digne d'estre mis en nostre particuliere protection, auec le non de son autheur. & nous ayant tres humblement suppliè de luy permettre de choisir vn Libraire, qui aye seul le pouuoir d'Imprimer ledict Liure, & le debiter en tous les lieux de nostre Royaume, & de luy accorder nos lettres sur ce necessaires. Aces causes ayants tres agreable le dessein dudict Sieur Angeloni ence subiect. Et voulans en consideration de la deuotion singuliere, qu'il tesmoigne en ceste occasion à nostre seruice, le gratifier, & traicter fauorablement, Nous luy auons de nostre grace speciale, pleine puissance, & auctoritè Royalle dermis, accordè, & octroyè. permettons, accordons, & octroyons par ces presentes, signèes de nostre main, de faire imprimer, distribuer, & vendre par tel imprimeur ou Libraire que bon luy semblera, ledict liure d'Histoire, despuis l'empire de Iules Cesar, jusques à celuy de Constantin le grand, en tous les lieux de nostre Royaume, pays, terres, & Seigneuries de nostre obeissance, durant le temps, & espace de quinze ans, à compter du jour, & datte des presentes, faisans

faisans deffences tres expresses, à tous Libraires, imprimeurs, marchandz, & autres nos subiectz de quelque qualitè, & condition quils soient, d'imprimer ou faire imprimer ledict Liure, sans la permission dudict Sieur Angeloni, ny de le contrefaire en quelque maniere, que ce puisse estre durant ledict temps de quinze annèes, sur peyne de confiscation de tous les exemplaires, de deux mille liures d'amende moitiè aplicable audict exposant, & de tous despens dõmages, & interestz. voulons qu'en faisant mettre vn extraict Sommaire du present priuilege, au commencement ou à la fin de chacun exemplaire dudict Liure, il soit tenu pour deüement signiffiè, & venu à la cognoissance de tous, à la charge de mettre ou faire mettre par ledict exposant vn exemplaire dudict Liure en nostre Biblioteque, & vn en celle de nostre tres cher, & fealle Sieur Seguier Cheualier, Chãcelier de France. Si vous mandons que du contenu en ces presentes vous fassiès, souffrièz, & laissièz joüir, & vser ledict exposant ensemble le Libraire auquel il donnera en consequence de ces presentes la facultè d'Imprimer, distribuer, & debiter ledict Liure sans leur faire ny permettre qu'il leur soit faict aucun trouble ny empeschement au contraire. Commandons au premier huissier, ou sergent de faire pour l'execution de ces presentes tous exploictz, saisies, & autres actes requis, & necessaires, sans pour ce demander autre permission, car tel est nostre plaisir nonobstant oppositions, ou appellations quelquonques, & autres choses à ce contraires. Donnè à Sainct Germain en laye l'an de grace mil six cents quarãte vn, & de nostre regne le trẽte deuxiesme. Louis. de parle Roy. Sublet.

   A Lli nostri Amati, e Fedeli, le Persone, che tengono le Corti de' nostri Parlamenti: Maestri delle Richieste ordinarie del nostro Palagio: Balliuij, Seneschalli, Preuosti: li loro Luogotenẽti, & altri Officiali, e mininistri della noftra Giustitia, Salute. Essendoci Stato esposto dal nostro caro, e diletto il Signor Francesco Angeloni, di natione Italiano, che desidererebbe mettere in luce vn Libro, da lui in Lingua Italiana composto con titolo, & argomento della Historia Augusta da Giulio Cesare insino à Costantino il Magno Illustrata con la verità delle antiche medaglie. Il quale à noi ha dedicato, e che in effetto hauemo saputo essere vn Opera Eccellente, e degnissima d'esser messa, insieme col nome del suo Autore, nella nostra particolar Protettione. Et hauendo esso à questo fine à noi fatta humilissima supplicatione, accioche li vogliamo permettere di potersi eleggere vn Libraro, il quale solo habbia facoltà di stampare il detto Libro, e distribuirlo per tutti li luoghi del nostro Regno. Come anche concedergli le nostre lettere sopra di ciò necessarie. Per queste cause, hauendo noi gratissimo l'animo, e la brama circa di questo del detto Signore Angeloni, e volendolo gratificare, e specialmente fauorire in rispetto della singolar deuotione, che egli in questa occasione dimostra al nostro seruitio: gli habbiamo di nostra special gratia, potestà, & autorità Regia permesso, dato, e concesso: e per queste presenti, di nostro proprio pugno sottoscritte, permettiamo, diamo, e concediamo di far stampare, distribuire, e vendere da qualsiuoglia Stampatore, o Libraro li piacerà il detto suo Libro delle historie, dall'Imperio di Giulio Cesare insino à quello di Costantino il Magno, in tutti, e per tutti i luoghi del nostro Regno Paesi, Terre, e Dominij della nostra Vbbidienza, e questo per il tempo, e spatio durante di quindici anni da numerarsi dal giorno, e data delle presenti. E così inhibiamo, & espressamente vietamo à tutti i Librari, Stampatori, e Mercanti, & altri nostri sudditi di qualsiuoglia qualità, e conditione, che sieno, di stampare, o far stampare il detto Libro, senza la licenza di detto Signore Angeloni: nè meno di contrafarlo in qualunque modo, maniera, che si sia, per tutto il detto tempo durante di quindici anni, sotto pena di confiscatione di tutti gli essemplari di due mila franchi, applicabili per la metà al detto esponente, e di tutte le spese, danni, & interessi. Vogliamo però, che facendosi inserire vn'estratto Sommario del presente Priuilegio, nel principio, o fine degli essempi di detto Libro, sia con questo tenuto per debitamente significato, & à tutti notificato. Con obligo al detto Esponente di riporre, o far riporre nella nostra Biblioteca vn'essempio del detto Libro, & vn'altro nella Libreria del nostro carissimo, e fedele, il Signore Seguier Caualiero, Cancelliero di Francia. Per tanto vi mandiamo, che del contenuto delle presenti facciate, soffriate, e lasciate godere, & vsare il detto Esponente, & insieme il Libraro, al quale in conseguenza delle presenti darà egli facoltà di stampare, distribuire, e vendere il detto Libro: senza farlo, nè permettere, che gli sia fatto alcun disturbo, nè impedimento in contrario, e comandiamo sì al primo Macciero, o Sergente di fare in essecutione delle presenti, tutte le speditioni, sequestri, & altri atti richiesti, e necessarij, senza che si habbia da dimandarè à questo effetto altra facoltà, o permissione. Atteso che tale è nostro piacere, non ostante qualsiuoglia oppositioni, appellationi, & altre cose à ciò contrarie. Dato in S. Germano en Laye l'anno di Gratia mille sei cento quaranta vno, e del nostro Regno il trentesimo secondo. Signato. Luigi. D'ordine del Rè Sublet.     Sigillato col gran Sigillo Regio, pendente in cera gialla.

   G RANDISSIMA è la gloria di Vostra Maestà; perche senza il riguardo dell'altra d'enrico il Grande; la quale hereditaria in lei risplende, ne hà ella tanta, con le proprie attioni, acquistata, che ne resta sommamente illustrato il Mondo; & al suo lume deue riuolgersi, chi di virtù, e di generosi fatti pensa rendersi adorno, & eβer dalle bocche dell'immortal Fama portato a'Posteri. Hà la Maestà Vostra adeguato con la clemenza, e con la fortezza i Cesari, e gli Aleβandri; e superato qualunque habbia posto in vso, col mezo del Dominio, la virtù dell'animo, e la facoltà del corpo: eβendosi auanzata nella pietà verso Dio, nella carità in prò de'Popoli, e nel zelo dell'vniuersal bene; in tanto, che, per simili cagioni, le hà conceduto la Diuina Maestà, il poter frenare i Rebelli, il godimento del vedersi gli animi de'Sudditi ben'affetti, e la facoltà, con hauer'abbattuta l'eresia, di beneficare il Christianesimo tutto. La Virtù pertanto di Vostra Maestà gloria le produce; peroche più la grandezza di quella, che il fauore della Fortuna, à ciò fare, è valeuole; e di somma felicità degna la rende. Alla Maestà Vostra dunque, ben si confà il porre innanzi gli oggetti di coloro, che eser citati ne'sublimi Gouerni del Mondo, lasciarono del Reggimento di esso la norma, hauendo egli no operati fatti egregi, e memorandi, da prendersi etiandio per iscorta da chiunque la ragione del virtuoso Imperare vuol porre in atto. E benche Vostra Maestà sia già arriuata in ciò al colmo, punto ✠ 2 non

non disdirrà l'andar riconoscendo, quanto ella auanzi le attioni de' chiarissimi Imperadori de' tempi andati. L'Historia loro Augusta, da me col veridico testo dell' antiche medaglie illustrata, io mi son proposto di presentare, come fò, alla Maestà Vostra; accioche ella, con simil mezo, la propria perfettione comprenda, e nell'operare altamente, come suole, più goda. Scorta m'è stato in ciò il pregio dell'esser diuoto di Vostra Maestà; e'l certo sperare, ch'ella debba inchinarsi à gradire vn'Opera, che è esempio della sublimità Romana, com'io col maggior' ardore dell'animo ne la supplico; mentre prego Dio, ò Sire, che aumenti tuttauia la Gloria di lei, a segno, che'l Mondo, e la Chiesa Santa ne riceuano nuoui ristori, e solleuamenti: e con profondo inchino, io humil Seruo della Maestà Vostra, le bacio il ginocchio.     Di Roma, nel giorno di S. Luigi 1641.     Della Maestà Vostra Cristianissima. Humilissimo Seruo Francesco Angeloni.

DEL SIGNOR ANGELITA SCARAMVCCIA. A L chiaro lampeggiar de la tua Spada, Inuittissimo Re, nascon gli allori; E in qual parte ella vibra i suoi splendori, Forz'è, ch'ogn'altra spauentata cada. Ampia per l'Ocean si hà fatta strada, De' monti hà rotto i gelidi rigori; E già già parmi, che gli augusti honori Su'l Giordan glorioso a prender vada. L'Istro superbo, il Po famoso, il Reno D'Heroi sott'essa estinti a mille, a mille Portan le spoglie a strani lidi in seno. Di sì gran ferro a i colpi, a le fauille, Sorta da l'atra tomba al Ciel sereno Ti mira con stupor l'ombra d'Achille.

DEL SIGNOR GIO. PIETRO BELLORI. L A Giusta Lance, onde librate il pondo De la Terra, Signor, che da voi pende, Così chiara a mortali homai risplende, Ch'Astrea sembra dal Ciel discesa al Mondo. Voi deste, ò Alcide, i Gerioni al fondo, E qual'Hidra più fiera il Cielo offende: Ecco i suoi voti a voi la Francia appende, Che di Gigli, e di palme hà il sen fecondo, Già in van nube ribella il dì scolora, Che quella, onde v'alzate a' sommi Dei, Virtù superna i ferrei giorni indora. E (gl'ingiusti Acheloi vinti, e gli Antei) Astrea, doue il vostro Hercole s'adora, Nel Tempio di Virtù v'erge trofei. Alla

DEL MEDESIMO. M Entre, ò grand' Anna, con Augusti vanti Siedi nel Trono altter de' Franchi Regi, Immortalmente di tue glorie a i pregi Le ripe de la Sena odo sonanti. Trà famosi d' amore eccelsi canti Artemisia non più Mausolo pregi; O trà illustri d'honor titoli egregi Di Mitridate Ipsicratea si vanti. Bella non men, che saggia; a' rai del ciglio, Fai di gioia per te l'aria serena; E cede al senno tuo vinto il periglio. Di gratie, e di virtù la Gallia è amena: Sembri a Parigi di beltade il Giglio; E co'l senno sei Pallade a la Sena.

DEL SIGNOR ANGELITA SCARAMVCCIA. P Orti pur' altri al gran Natal de' Regi Di Tiro, e di Sabea porpore, e odori; E de l'Indo, e del Gange, e gemme, ed ori, E di barbara man ricami, e fregi. Al tuo nato DELFIN Campioni egregi Inalzano trofei, s'ornan d'allori, O gran LVIGI; e frà guerrieri ardori Di mille Heroi gl'offron le spoglie, e i pregi. Manda selue d'insegne il freddo Reno; Di tonanti dispersi alti nauigli Manda ricchi stendardi il mar Tirreno. Tali han di te augusti auspici i Figli: In tal di sangue hostil molle terreno Soglion di Gallia rinouarsi i Gigli. ALL'-

DEL SIGNOR GIO. PIETRO BELLORI. G ASTONE, al tuo gran nome i vanni suoi Di fama spiega la Virtude altera, E ne' tuoi studij fortunata spera Gli honori rauuiuar de' prischi Eroi. Ami dal Tempo riserbata a noi La memoria de' Cesari primiera, E d'Alma forte, in così augusta schiera Pasci d'immortal gloria i pensier tuoi. Chi più merti di lor frondoso alloro, Poria per te pugnar Senno, e Valore; Se non, che più bel pregio è Giglio d'oro. Da Marte hai forze, e da Virtude honore; Ogn'Hor crescon per te gl'imperi loro, E se GASTONE e'l nome, Augusto e'l core.

DELL'ISTESSO. M Entre al tuo grand' Augusto, in mezo à l'Armi, Sacro, e fedele Agrippa in vn ti mostri; O mentre in pace, già trafitti i mostri, Mecenate più degno il crin disarmi. Scioglie la Sena à te sublimi carmi, E versa più de l'or purgati inchiostri; Onde il nome Regale, e'l tuo, ch'inostri, Più chiaro, e stabil fia, ch'in bronzi, e'n marmi. Per te inuitta la Francia in doppi honori Và del Latio emulando i rai vetusti, Con felici d'Honor noui splendori. Per te co' Gigli d'alte glorie onusti Spunta Parigi gl'immortali allori, A ornar Maroni, e incoronar' Augusti. Ob Augu-

IO. PETRI BELLORI ROMANI. A Ngelicis radijs, LVDOVICO numine, surgis, Qui proprio occiduus Sidere Caesar eras.

T Roia olim, mox Roma suis tumulta ruinis Bis cadit, Argiuae fulmina paβa Deae. At postquam Angelico iam tertia lumine fulget, Perpetuo stabit Troica Roma die.

DEL SIGNOR FRANCESCO BRACCIOLINI DELL' API. A Ngel sourano, il cui sublime ingegno Col temerario oblio vince ogni guerra, E l'empia falce, ch'ogni vita atterra, Troua nelle tue man freno, e ritegno. Cade ogni Monarchia, giace ogni Regno Per colei, che le glorie anco sotterra, Ma già non cade il tuo tesoro in terra, Nè la Morte è per lui l'vltimo segno. Itene dunque, ò versi miei, là doue Giunger non osa il diuorar de gli anni Ciò, che si serba, e sol consuma altroue. Son lusinghe fallaci, e dolci inganni, Che mi vengon da voi, Figlie di Gioue; D'Angelo io bramo, e non di Cigno i vanni. IL

DI DOMENICO GILBERTO. GIà cadeuan nel Mar l'ombre, e le Stelle, E sorgea l'Alba innamorata in Cielo, Con diadema di lampi, e di fiammelle, Bianca il piè, bianca il sen, bianca il bel velo; E tergendo gl' Augei l'inculte piume, Stauan lieti aspettando il Rè del lume. A l'hor, che'l TEBRO, incoronati i crini Di mille palme, al corso il piè sospese; Due argini spumanti, e cristallini Fè di se stesso, e l'onda in alto ascese: Sorse il TEBRO FESTANTE, e gl'occhi affisse Ne la Reggia del Mondo, e così disse. O Reina immortal, quanto i tuoi Numi Furono vari, ed incostanti i Fati? Tù gl'Alberghi primieri in mezo a i dumi Alzasti, e fur le siepi i tuoi steccati; Nè fosti, che trà giunchi, e trà vil canne, Vn ridotto di Gregge, e di Capanne. Indi con forte, e generosa mano Drizzi a i Numi del Ciel Templi, ed Altari; Bellicosi recinti ergi dal piano, E formi d'ampio Vallo alti ripari: Poi ristretta in Città più t'assicuri, E d'inuitte Falangi armi i tuoi Muri. †† Esci

Esci poi di te fuori, e Squadre armate Mandi, a domar de' Popoli l'orgoglio; E i Regi, e le Prouincie incatenate Trionfante conduci in Campidoglio: E sì di senno, e di valor ti gonsi, Che le Glorie d'altrui son tuoi Trionfi. Spogliar di vecchie Selue Alpi sassose, Coprir di quercie alate il Mar crudele, E per tutto ingombrar le Spiagge ondose, D'Ancore, e Sarte, il Ciel d'Antenne, e Vele; E condur qua sopra volante Prora Col tronco crin la trionfata Aurora. Piantar su'l Nilo altier Palme Latine, Drizzar su'l biondo Tago Archi pomposi, Con gl'eserciti tuoi le Balze Alpine Valicar spesso, e i Pirenei neuosi; Ottener spoglie, prede, alte Vittorie, Son di te primi vanti, e prime glorie. Su'l Carro poi de' tuoi Trionfi assisa Passeggi, al par del Sole, il Mondo intero, Ed vnisci la Terra in se diuisa, E fai di mille Imperi vn sol'Impero; E spiegan per lo Ciel voli felici L'Aquile trionfali, e vincitrici. Volan di Libia a l'infiammate arene, E doue l'Arimaspia ha gelid'Alpe: Ed al Regno di te l'alta Pirene E Meta angusta, e la sassosa Calpe: Anzi doue il Sol more, o doue appare, Hai per confino il Ciel, per meta il Mare. Ma che? con mio gran duolo i tuoi Guerrieri Satij di dominar l'Onda, e la Terra, Di trionfar d'eserciti stranieri, Di far'al Mondo vniuersal più guerra, Ti mouon l'armi, e con nimici insulti Suscitan contro te risse, e tumulti. Così

Così qual vasta Mole a terra cade Dal troppo peso suo grauata, e spinta, Cadi trafitta al suol da le tue spade, E da' tuoi Figli incatenata, e vinta; Nè hauẽdo a opprimer più, tù resti oppressa, Nè doue vincer più, vinci te stessa. Ma poi quei grandi, e gloriosi Augusti Mossi a pietà ti solleuaro in parte, E rinouaro i secoli vetusti, Con l'opre hor di Mercurio, hora di Marte, E souente nel Foco, e ne l'Agone T'arrichiro di Palme, e di Corone. La vastità d'innumerabil campi Occupi tù co' tuoi gran giri immensi; Poi ti dilati, e sì di gloria auampi, Che di farti sol grande altro non pensi; E tanto è il Cielo al tuo desir secondo, Che quasi sembri epilogato vn Mondo. Da i Mari innauigabili, ed ignoti. L'intiere Balze in sù i volanti Abeti, E i metalli più occulti, e più remoti, Vengono ad innalzar tetti, e pareti; E per far più superbi i tuoi disegni, Manda l'Arabia tributaria i legni. Indi con tante Moli al Ciel sublime Vai sù le nubi accumulando i monti; De' superbi Obelischi alzi le cime, E con Archi immortali incurui i Ponti; E quà logge marmoree, e là si scerne Portico altiero di colonne eterne. Crescon Cerchi, e Theatri, e sì vicine Van le tue Therme al Ciel, che in lor souente Straccian le Stelle il luminoso crine, E v'vrta spesso il Sol col Carro ardente: Guidi i Fiumi per l'aria, e in luoghi cupi, Fai volte a lor di architettate Rupi. †† 2 Quindi

Quindi mouono poi dal Plaustro algente Crude Falangi ad assalirti i passi, E ti miro di foco in Cielo ardente, E vedo gl'empi incrudelir ne' sassi: Contemplo a l'hor con tua fatal ruina, Vinta cader la Maestà Latina. Struggon le Reggie tue le fiamme hostili, Cadono gl'Archi inceneriti, ed arsi, Fansi le Torri, e gl'alti Templi humili, E vedo al foco i Bronzi tuoi disfarsi: E tù pria tanto altera, e sì superba Sepolta cadi infrà l'arena, e l'herba. Corrono liete a pascolar le Greggie In sù gl'Archi abbattuti, e in sùi Teatri: Sento spesso le Moli, e le gran Reggie Strider percosse da gl'adunchi Aratri; Miro i rozi Bifolchi (ohime) più volte Da le glebe spiccar l'ossa sepolte. Così l'herba ricopre, e calca il piede Tant'Illustri stupori, alte fatiche; Fra i Colossi, e ne' Cerchi in te si vede Nascer le spine, e pullular l'ortiche: Su'l Campidoglio altier spunta la messe, E vil Capanna il Pastorel vapos;intesse. Ma tù l'alta ceruice a terra doma, Lacera il manto, e'l nudo sen ferita, Il piede auuinto, e la recisa chioma Mostri piangẽdo, e al Ciel domãdi aita, E'l Ciel di nouo al dominar t'appella, E da le stragi tue sorgi più bella. Passa tua Gloria a l'hor dal gran Tarpeo Con sacra pompa al Vatican beato, E v'alzi più d'vn Arco, e d'vn Trofeo De l'Inferno già vinto, e debellato; Quì dai al Mondo Oracoli, e Diuieti, E'l Ciel fin'obedisce a' tuoi Decreti. Con

Con la tua mano apri di gratie i Riui, Saetti i Draghi, e fulmini i Fetonti, Giungi à l'Abisso, e fin nel Cielo arriui, Ed à vn cenno di tè gl'Angeli hai pronti: Qui tù inalzi la Croce, e'l Brando afferri, E rinchiudi l'Inferno, e'l Ciel disserri. Vengon di là da i Termini d'Alcide Deuoti i Rè sol per baciarti i piedi; E tanto il Mondo à tua grandezza arride, Ch'al tuo Soglio prostrato ogn'vn ti vedi: Ti fai poi sempre in Maestà più altèra, E auanzi in fin la tua beltà primiera. Torni di nouo ad inalzar le Moli, Di Materia superbe, e d'Ornamenti; E dando quasi à i Parij Marmi i voli, Gl'alzi così, che ne confondi i venti; E tanti illustri sassi al Cielo estolli, Ch'aggiungi à sette tuoi cento altri Colli. Quìndi poggia fastoso il Quirinale; Cozzan quasi col Ciel Colonne altere; Tanto il Tempio di Piero in alto sale, Che sembra sostener l'eterne sfere; E s'ergon le Piramidi scolpite, Che già mandò la perfida Mensite. De' Farnesi immortali i Tetti aurati Fan vergognar di Babilonia i Muri; E su'l Campo di Flora i Marmi alzati Rendono i Mausolei di Caria oscuri: Lascio la Reggia al fin, c'han fatto poi Con sì bell'arte i BARBERINI EROI. Tal che, Roma, io ti miro (ò me felice) Fatta hor più vaga, e in Maestà più grande: Quasi vscita dal Rogo alma Fenice, Che più lieta, e più bella i vanni spande: E per meglio auanzar gl'honor vetusti, Mancauan sol gl'IMPERADORI AVGVSTI. ,†† 3 Mà

Ma l'ANGELON, che à vn Serafin da l'ali Suelse la penna, onde sì in alto arriua, Gli fà sorger nel Mondo; & immortali De' Latini Monarchi i nomi auuiua: E sù le carte sue tutti gl'adduce, A goder noui honori, e noua luce. O Gran Scrittor, che stilli i Fonti d'oro, Ed animi gli Estinti al par de' Viui; La tua Penna immortal versa vn tesoro, Anzi di Gloria, e d'eloquenza i riui. E terminate à l'hor queste parole, Tuffossi il TEBRO, e sorse à l'Orto il Sole.

Augusto sanè scribendus esset stylo Caesarum Augustus Historicus, FRANCISCVM dico ANGELONVM; Qui à Caesare vsque ad Magnum Constantinum Augustam scripsit Historiam. Omnibus absolutissimam numeris eam esse miraris? Quid, ni esset ab Ingeniosissimo Viro Et memoriarum Veterum peritissimo Diù elaborata? Scribebat enim Aeternitati, Vt ab hominum obliuione Vindicaret Augustos. Quantum est Ciues ab hostibus seruare? Sed tu quantus eris, ANGELONE, Qui Caesares à Temporis iniquitate Tuo seruas ingenio? Non poteras nobiliori Corona eruditissimus Caesarum seruator Ornari, quam Regio Liliorum Coronamento; Siquidem Augustam Historiam dum Inuictissimo Galliarum Regi dedicas, Coronam tibi facis ex Lilijs. Historiae tuae gloriosa Epitome dicetur LVDOVICVS XIII. Rex Galliarum, Qui Caesarum omnium Virtutes suo gerit in pectore, Vitia Heroico pede conculcat. Inuidorum tenebras tua luce dissipasti: Negent illi, si possunt, Interamnam Taciti Parentem fuisse, Quando Tu ex eadem Nobilissima Ciuitate, Vel Taciti surgis Aemulus, vel Victor. Nimirum facundam Illustrium Virorum Parétem Interamnam Haec vna manebat gloria, Te vt pareret, ac audiret. Disce Lector; Eruditorum Calamos, Vt esse assidui laboris Indices, Sic aeternae Vindices famae. Conciui Eruditissimo In Capitolio Immortalitatis, Vna cum suis Augustis Triumphanti, INNOCENTIVS CIAMBORLANVS Faustùm Acclamat.

Type: drawing

   SOLONE de' sette Saui della Grecia il Sapientissimo, andato in Sain Città dell'Egitto, diedesi a ricercare da quei Sacerdoti di Neite ciò, che di ricordanza serbauano de gli antichi fatti, e memorabili nel mondo accaduti, e di quelli sopratutto, che alla Grecia apparteneuano, essẽdone essi reputati peritissimi; e da vn di loro grande d'anni, e di sapere, in cotal forma, con breui, ma saggie parole, sentì fauellarsi. Egli è certo, ò Solone, che voi Greci siete sempre Fanciulli, nè della Grecia è alcuno, che vecchio sia. Di che il Sauio chiesta la cagione, simil risposta ne riportò. L'hauer voi Greci gli animi spogliati del conoscimẽto dell'Antichità, e della scienza delle cose passate, palesa la fanciullezza vostra. Il cui prudente detto hebbe per solo fine lo innalzare il sapere Egittio, e l'auuilire, ad vn tratto, gli Ateniesi, e gli altri Greci, appresso de'quali stauansi in obliuione le opere illustri, e per Antichità memorabili de'maggiori loro, non meno, che de'stranieri. E nel vero, che raccogliendosi l'antica nobiltà de' lignaggi dalla virtù de gli Aui, non può con giusto titolo dirsi giouane quel Popolo, che pregiar si può sopra gli altri di Eroica, e di famosa Historia. Quindi è, che i Romani propostisi d'immitare tutto quello, che di grande, e di ammirabile era per prima accaduto; non solamente celebrarono con sourani honori gli Autori loro, innalzando molte, e preclare memorie a Marte, & a, Quirino: ma denominarono se stessi Eneadi, e Dardanidi, per dar'a vedere l'origine, che da Troia traeuano. E quantunque lasciassero co'Tempij, co'Mausolei, co'Teatri, con le Colonne, con gli Archi, con le Statue, con l'Inscrittioni, con le Medaglie, e con più altri egregi testimoni, molti rincontri della virtù, e della magnificenza, e grandezza loro, se non in quanto la voracità del Tẽpo, e la barbara maluagità ne hanno con l'incendio, e col ferro, gran parte abbattuti; poco nondimeno è mancato, che Roma, el'Italia tutta, nõ ritornassero ad esser giouani nelle rouine di vno smisurato, & altissimo Imperio; la onde non comuni lodi si deono alli moderni Scrittori, che cõ l'inuestigare quelle, quasi estinte reliquie, hanno riposto il già perduto vso delle buone lettere nell'antico splẽdore,& aperta cõ ciò altrui la via di penetrare la sostãza d'infinite chiare memorie distrutte, che se fossero a noi giunte intere, sarebbono efficacemẽte valute per la più ispedita intelligenza de gli Antichi Autori; alcuni de'quali ben ci sono dal colmo di tante lunghe rouine auanzati; ma per lo più così contrari frà loro, o corrotti, o mancheuoli, che richiedono l'essere almen suppliti, là doue il modo si porge di farlo. E benche paia, che per tal conto fossero basteuoli le Inscrittioni antiche rimaste: essendo quelle nondimeno per lo più, di persone priuate, nè il pic??ol numero delle publice de gl'Imperadori,ò d'alcuni Magistrati, e Ministri loro principali con??enendo altro, che nomi, e titoli, o poco di vantaggio; principalissimo luogo si giudica perciò, che tengano in questa parte le Medaglie; poiche oltre il trouarsene in gran numero, non solamẽte abbracciano gli stessi nomi, e titoli; ma ci pongono dauanti l'ordine, e la successione de'tempi per mezo de gli anni, o delle volte, nelle quali gl'Imperadori sostennero la Dignità Imperatoria, o la Tribunicia Potestà, o il Consolato: e quello, che più vale, rappresentano le attioni de'Cesari, con immagini, e figure inuentate per signisicarle; di molte delle quali non fanno mentione gli Scrittori, contenendo etiandio delle particolarità, che in altri luoghi non si trouano; per la qual cagione, se all'Historia, & alla cognitione de gli antichi costumi, sì ha riguardo, sono veramente le Medaglie vn gran Tesoro. Ben'è vero, che se di ciascuno Imperadore si hauesse vna Colonna piena di bassi rilieui, come sono nella Traiana, e nell'Antonina, non resterebbe quasi, che desiderare: perche alcune gesta di tali Imperadori non potrebbono esser più al viuo espresse; massimamente quelle della Traiana, che tutte le forme militari, e molte del tempo di pace, ha recate

recate alla notitia nostra: ma ciò, che non leggiermente dee stimarsi delle medaglie è, che non potendo esse porger l'aiuto loro ad ogni Historia, a quella lo recano de gl'Imperadori Romani, che sopratutte sì giudica la più vtile, e la più prudente, e della quale esse non piccola parte, e la più certa ne abbracciano; imperoche essendo stato l'Imperio Romano, com'è notissimo, il maggiore, e'l più celebre del Mondo, sì per l'ampiezza, e potenza di esso, come pe'l valore delle Nationi, a quello sottoposte, e per le leggi, e gl'instituti, e l'arti della guerra, e della pace, che l'hanno reso in sommo grado eccellente; può concludersi, che quanto sono grandi, e nobili gl'Imperij, e maggiori le occorrenze di operare, più riescono etiandio eminenti li fatti, & illustri le cose, che se ne scriuono: nè la bellezza dell'Historia consiste nella sola grandezza de'soggetti in essa descritti; ma più tosto nella varietà de gli accidenti insoliti, e che recano esempio, e nella mutatione della fortuna, e dello stato. Perciò l'Historia Augusta ne mostra vna schiera d'huomini di altissimo grado; di somma virtù, e sommi vitij: di somma felicità, e somma miseria colmi. Mostra le innondationi de'Barbari, la distruttione delle buone arti, e la riuolutione delle cose humane, e Diuine: mostra i pessimi studi di quelle Corti, la falsità de' costumi, la varietà de gl'inganni, e le adulationi immoderate: mostra li miracoli humani del salire da vile, & infimo stato, al sublime della grandezza mortale, e del precipitare rouinosamente da quella cima; e mostra finalmente, che i sommi Imperi a grandissima instabilità, hanno spesso congiunte le somme rouine in guisa, che pochi Imperadori, e pochi di quei più grandi loro ministri, hanno potuto fuggire le morti violente de' ferri, de' lacci, e de' veleni. E quello, che più importa, si è, che non essendo questa vna Historia di Republica; nella quale si tratti solamente di guerre ciuili, & esterne, e di tumulti, e seditioni popolari, o di concioni ne' Comitij, o di elettione di Magistrati, o di zelanti, o di turbolenti Cittadini: ma di vno, o due, o più Imperadori compagni nell'Imperare, se però di fedel compagnia il Regno è capace, tutte le più sottili arti del Principato, e le più asture vie delle Corti, e de' Corteggiani, ci rappresenta; perloche conformandosi più dell'altre antiche, a'costumi de' nostri tempi; ne' quali poche sono le Republiche, e molti i Principati di vn solo, instruisce oltre modo, e fà saggi, e prudentii lettori di quella: e se fù copiosamente descritta, ne sono giunti a noi più tosto li compendij, che l'Historie a pieno distese, forse perche con la declinatione dell'Imperio cessando gli studi, e le arti, si smarrirono etiandio molti de'buoni Scrittori: onde ben può considerarsi, qual sia l'importanza delle medaglie, potendosi dire, ch'elle sieno rimase, come irrefragabili testimoni, per supplire quei mancamenti, e per riempire, & ampliare così vtile Historia. Ma vari sono i pareri, se fossero veramente fatte per solo fine di perpetuare la memoria de gl'Impdradori, o per semplici monete spendibili; e molte sono le ragioni che da ogni lato se ne recano: nè hora io intendo farmi dall'vno, o dall'altro, potendosene raccogliere gli argomenti da gli eruditi Antiquarij Sebastiano Erizzo, & Enea Vico, che di ciò, e delle materie, delle quali si coniauano, e dell'altre appartenenti a così fatta curiosità, pienamente discorrono. Egli è pertutto ciò vero, che molte ve ne sono di metallo di così grandi maestri, di alto rilieuo, e con tant'arte effigiate, e scolpite, col ritratto, e con l'Imprese del Principe, che restando vinta la materia dal lauoro, ben paiono alla sola eternità di essi consecrate, e che vi si dimostri tuttauia per entro la grandezza Romana, raccogliendouisi la forma, e l'anima loro ne' concetti figurati, che sopra vi sono; imperoche oltre l'effigie suddette, i nomi, e titoli di coloro, ad honore de' quali furono fatte, vi stanno espresse le attioni più riguardeuoli de' Principi Augusti, e specialmente le cose militari, le Insegne dell'Aquile, de'Dragoni, delle Mani, del Labaro, & altre, conle varie forme d'armi, e di vestimenta; le Allocutioni de gl'Imperadori alle Coorti; i giuramenti prestati loro da gli eserciti; la fede, e concordia delle Legioni; i segni delle Vittorie terrestri, e nauali; i Trofei, le Lauree, le Corone Ciuiche, Murali, Castrensi, Trionfali e Rostrate:

Rostrata: il Diadema, le Statue Equestri, il Castro Pretorio: le Città, le Prouincie soggiogate, e con queste, tutte le cose, che alla Religione loro apparteneuano, Tempij, Deità, Sacerdoti, Pontificati, Altari, Hostie, che s'immolauano: Vittime, Sacrificij, & Instrumenti da sacrificare, con le Deificationi, & altri riti profani: Lettisternij, Spettacoli, Giuochi Circensi, e secolari: Donatiui, Congiarij, misure, e tessere frumentarie:Annone prouedute: Colonie condotte: Fabriche d'Archi, Ponti, Porti, Naumachie, Terme, Cerchi, e Teatri: Figure mistiche, o simboliche delle virtù attribuite a gl'Imperadori: Alcuni affetti humani, come Speranza, Hilarità, e simili: le varie forme d'animali, a'quali s'assomigliano i vitij, come le Sfingi, gl'Hippogriffi, l'Harpie, l'Idra, il Cerbero, il Centauro, le Sirene, e mille alrre cose da hauersi in grandissimo pregio; e nondimeno vi sono stati di coloro, che hanno simile studio per vana, & inutile occupatione riputato, e ??e recano non piccolo biasimo a gli studiosi, dicendo, che altro essere stati Giulio Cesare, & Augusto, che crudelissimi Tiranni della Republica loro? ma vedendo costoro tanti huomini gra??issimi, & eruditissimi, che non solo in Roma, e nell'Italia, ma per tutte le contrade d'europa, ?? nella Francia specialmente, oue alle più belle professioni si dà opera, vi hanno consumato in??orno l'età, e li tesori; doueuano ben persuadersi, che indarno, e senza grandissimo profitto, e laude loro, ciò non si faceua. E quantunque si potessero, per auuentura, li nominati Imperadori con forti ragioni difendere; ne seguirono pertuttociò di molti, che segnalate, & egregie doti possederono: raccogliendosi in Vespasiano, & in Tito vn colmo di affabilità, e di heroico spirito, intanto, che l'vltimo, delitia del mondo fù detto; e Nerua, Traiano, Antonino Pio, Marco Aurelio, Pertinace, & altri, in più numero, furono tutti ottimi Principi:hauendo specialmente meritato Antonino, e Marco, che'l Popolo Romano, e gli Eserciti, ne'quali soleua, perlo più, ri??ursi la somma de gli affari, non ammettessero alcuno alla Dignità Imperatoria, che del nome di Antonino, reputato da essi sacrosanto, non fosse ornato: anzi teneuansi per sacrileghi coloro, ch'entro le proprie Case non serbassero l'effigie di Marco Aurelio. Nè io mi conduco a fauellare, per confusione di costoro, della vtilità, che recano le medaglie a quelli, che di scienze, e di facoltà fanno studio, hauendone altri scritto a bastanza: ma più tosto mi volgo al fine della mia ??ura principale, che è stato il porre insieme la serie delle medaglie de'Romani Imperadori, & Imperadrici, col numero maggiore de'rouesci, che io habbia potuti trouare, non perdonando ??spesa; accioche per rarità, o per conseruatione, fossero eccellenti(come appare in Roma nel mio studio di Pitture, disegni, metalli antichi, e di cose naturali, e peregrine) per ampliare, con l'autorità di esse medaglie, l'Historia de' Romani Principi, incominciando da Giulio Cesare, infino a Costantino il Magno, quando in Bizantio trasferì la Sedia Imperiale; poiche fino a cotal segno mi auuiene di trattare di vn solo Imperio, di vn gouerno solo, di costumi conformi, e di vna superstitiosa Religione, terminata nella Città di Roma in Costantino: ma per l'auuenire, s'io di auantaggio?? m'allargassi, mi conuerrebbe, per la diuisione, che Costantino ne fece, distinguere ?? Occidentale dall'Orientale; e di vno far due argomenti, e variare nel resto tutte le cose. Se io se??uitassi l'Occidentale, e quello di Roma, io potrei ben condurmi intorno ad anni centotrentotto, dopo Costantino, a Momillo Augustolo vltimo de gl'Imperadori di Occidente; li quali per. ??uta buona parte delle Prouincie, e con esse, anche Roma, furono incredibilmente da' Goti oppressi: ma oltre, che non si veggono in que'tempi se non calamità, e rouine, e l'argomento è af??tto Tragico; lascierei dall'vn de'lati l'Imperio all'hora florido d'Oriente. Se poi si volesse abbracciare amendue, come più tosto la ragione il persuade, dourei seguire il corso dell'Orientale, quasi anni mille dopo Momillo, e venire infino alla caduta fattane sotto il giogo de' Turchi: ma ??ne? nõ seguirei più l'opera incominciata, mancandoui le medaglie per la maggior parte di quel tempo; e sarei anche costretto, per altri rispetti, ad allontanarmi dal mio instituto. E s'io douessi solamente scriuere il corso, che contiene l'Imperio vnito, conuerrebbe senza fallo, il porre tut- ta

ta intera la vita di Costantino; perche egli fù l'autore della diuisione; benche non si mandasse a?? effetto, se non dopo la morte di lui, che seguì il Maggio dell'anno trecentotrentasette di nostra salute; nel quale s'incominciò ancora ad eleggere l'vn Consolo in Roma, e l'altro in Costantinopoli: la onde egli fù sempre Imperadore di vn solo Imperio, nella guisa, che i suoi antecessori erano stati; e dopo la morte di Licinio, fù ancora solo Monarca finche visse, in modo, che se dal principio dell'Imperio di Giulio Cesare infino alla morte di Costantino si conta, è stato il corso dell'Imperio Romano vnito, di anni trecentottantuno, se io non erro; & intorno ad altrettanto tempo verrebbe a durare la presente mia fatica; la quale traendo il principio dall'auttore di vn'Imperio, si fornirebbe a ragione, nell'institutore di vn'altro: nè ciò si può dire, che auuenisse a caso ??ma che Costantino vi fosse più tosto condotto da Diuina inspiratione: essendosi massimamente compreso da gli effetti, che per hauere in abominatione l'Idolatria de' Gentili, e per la Dignità della Religione Christiana, gli venne; imperoche dopo hauer'egli detestato in Campidoglio il rito de'Gentili, in certa festa celebrataui da essi, & oppostouisi, conculcando quel sacrificio, preso indi a non molto da Siluestro Papa il Santo Battesimo, si propose di trasferire in altra Città il Palagio della sua residenza; & andato nell'Asia, per fondarne vna presso l'antico Ilio, nè riuscitogli il sito, per vna particolar Diuina visione, che di notte gli soprauenne, come scriue Sozome??no, se ne passò in Bizantio; e fabricataui la Città, e ridottola, per quanto egli potè, alla forma di Roma, dedicolla al proprio nome, se ben mi souuiene, l'anno trecento trenta di Cristo. Quindi si vede, che volendo il Redentor nostro, con la somma sua prouidenza, ampliare la fede, ingrãdirla sua Chiesa, accrescerne, non dico la potestà, che da principio diede a Pietro, & a'Pontefici?? Romani suoi Vicarij in terra; ma il modo di esercitarla più facilmente; e volendo insieme illustrare, col lume della Fede, e con lo splendore dell'opere sante, le Nationi, e Popoli dell'Occidente e del Settentrione, facendone nascer tanti Regni, e Principati Cristiani, era conueniente, secondo la natura delle cose humane, che quell'Imperio Romano prima cadesse. Ma per tornare al primiero mio fine, che è, come sopra dissi, di scriuer le cose solamente, che all'Historia Romana appartengono, lascierò Costantino in Costantinopoli, potendo fors'altri seguitare il corso dell'Historia di Grecia, & hauendo incontrato con le medaglie gli scritti de'più celebri, & approuati autori, in quel modo appunto, che l'Orafo diligente, dal paragone la purità dell'oro comprẽde, mi son studiato di rinuenirne il netto, adducendo in qualunque fatto di questo, e quello Imperadore, il testimonio delle medaglie, ch'io tengo appresso di me, hauendouene pochissime ??poste, che mie non sieno, e queste ancora contrasegnate co'nomi de'Padroni loro; è nel fine della descrittione della vita, ne hò disegnata l'effigie, con tutti i rouesci per ordine de'nume?? in quelle descritti; hauendo ad vn tempo procurato, che lo stile, nè per troppa breuità sia oscuro, o per souerchia lunghezza noioso. Nè solamente hò scritto le principali attioni de gl'Imperadori; le quali con la varietà delle medaglie stesse possono autenticarsi: ma molt'altre ancora ve ne son'andato aggiungendo, che per l'ordine, e per l'intelligenza dell'Historia, conueniua di sapere oltra che mi hanno li rouesci dato il modo di porui di quelle cose, che gli Scrittori, in niuna maniera, ci esprimono, dichiarando al minuto ogni particolarità; la onde contenendosi nel presente mio libro le principali attioni de'Cesari ordinatamente distese, non può mettersi in dubbio, che vna vera, e formata Historia esso non abbraccia. Nè chi che sia mi riprenda, se io alcuna volta non farò affatto basteuole di rendere esquisite ragioni, nell'applicare i rouesci alle attioni de gl'Imperadori, douendo esser'a sufficenza, trattandosi di cose lontanissime da noi, se io le renderò probabili, e seguirò il documento di Platone;il quale vuole, che disputandosi di materia ferma, & intelligibile, è mestieri, che anche le ragioni sieno ferme, & immutabili, & all'hora, che si disput?? del simulacro di essa, bastano la ragioni verisimili; le quali rispondano alle superiori, come il simulacro all'esempio. Giulio

   DI Lucio Giulio Cesare, e d' Aurelia moglie di lui nacque Caio Giulio Cesare; il quale nell'età di sedici anni restò senza Padre, e fù nel decimosettimo eletto Sacerdote di Gioue. Diede licenza, nell'istesso tempo, à Cossutia già sposata giouanetta; e tolse Cornelia figliuola di Cinna, stato quattro volte Consolo, e n'hebbe Giulia. Diuentato Silla Signore del tutto, volle toglierli Cornelia, nè acconsentendoui, elesse, come parente di Mario, il partir di Roma, e verso la Bitinia diuentato preda de'Corsali, se ne riscattò: ma assalitigli poco appresso con le naui Milesie, e presigli, li fece impiccare. Fù eloquente, & acquistò gran riputatione con l'auuocare, nè minor beniuolenza conseguì dalla Plebe; la quale con l'humanità, con la clemenza, con la cortesia, con la, splendidezza de' conuiti, e de' costumi, si fece sua: Conobbe Cicerone l'animo di lui, che à gran cose tendeua: ma pensò ancora, e fù da gli altri creduto, che iscemate le facoltà di Cesare, ben presto suanirebbe il fauore, e l'autorità acquistata, poiche hauendo la Plebe per solo fine l'vtile, ella volge facilmente l'animo verso coloro, che meglio sanno, e possono adescarla; doue per lo contrario mancando la munificenza, e la liberalità, vien di leggieri meno il seguito di lei, e'l fauore. La qual cosa considerata da Cesare, lo pose in pensiero di meglio stabilire allhora la sua autorità, etiandio con l'armi, e spalleggiato però da essa Plebe, conseguì in competenza di Gneo Popilio, il Tribunato de' Soldati; e dall'istessa hebbe singolare applauso, quando, contra il solito de'giouani, egli lodò, con publica oratione, Cornelia sua moglie dopo morta. Passato Questore in Ispagna, prese, al ritorno, Pompea per terza moglie, e rappresentò spettacoli, e pompe, facendo de' conuiti con grandissima spesa, e magnificenza non più vsata; di che gli seguì lode, e fauor grande da ciascuno. Rinouò, e pose in vna notte su'l Campidoglio, le memorie, e li trofei di Mario, hauendo ciò dato animo, con allegrezza del popolo, a' parteggiani di quello, che sbigottiti, & abbattuti viueuano. Morto Metello, fù creato, per suffragi, Pontefice Massimo; e come Pretore, toccatagli la Prouincia della Spagna, vi si trasferì, e soggiogò iui, con la guerra, fino all'Oceano, coloro, ch'ancora non obediuano a' Romani; & assettataui ogni altra cosa, tornò co'l vittorioso esercito, à Roma; doue più si compiacque d'esser eletto Consolo, che di trionfare. Diede à Pompeo la figliuola Giulia per moglie, e riceuuto il gouerno della Gallia per cinque anni, fatto discacciar Cicerone d'Italia, andò all'esercito; col quale mirabilmente superato l'asprezze de'luoghi, la strettezza de'viueri, la perfidia, gli inganni, e la terribilità di quelle Nationi, e la moltitudine de'Nimici, e le doppie rebellioni loro, vsando in queste la mansuetudine, e la clemenza sua, in meno di dieci anni, che vi guerreggiò, fù tale la virtù, e la felicità delle sue armi, che prese à forza mille Città, soggiogò più di trecento Nationi, e combattendo in più fiate contra tre millioni di persone, ne tagliò à pezzi vn millione, e gli altri fece prigioni. Et hauendo largamente premiati, con le ricchezze raccolte nella guerra, gli huomini valorosi, mosso A da

da spirito di gloria militare, e dispregiati perciò i termini del valore d'altri Capitani, si condusse all'impresa della Brettagna, non tentata per lo innanzi da alcun Romano, & allargò sopra di quella l'Imperio, col soggiogarla. Morta in quel tanto Giulia di lui figliuola, e moglie di Pompeo, & indi à poco il parto, che n'era nato, videsi scemata con essi la pace, e la concordia, che in certo modo simil vincolo, fra amendue, manteneua; massimamente, che diuentato Cesare maggiore di quello, che da prima altri pensò, e credutosi, ch'egli aspirasse al farsi Rè, auanzaronsi i rispetti della diffidenza di Pompeo, che col negligente suo temporeggiare, e con la sola prosuntione dell'assai potere, tardi procurò di spogliar l'Emulo de gli eserciti, e di restar egli armato, e con la Prouincia, della Spagna cadutagli in sorte: nè volendosi l'vn l'altro cedere, auuenne, che passato Cesare, co'soldati, il Rubicone, nacque perciò in Roma tal terrore, che tolto la mente a ciascuno, & il consiglio, non sapendouisi qual'animo egli portasse, nè quali forze gli si potessero, in ogni caso, opporre, per non hauer Pompeo proueduto in tempo al bisogno, recando tuttauia la fama de gli auuisi più aspri, non faceua hoggimai mestieri di più venti al mare fremente, e procelloso di quel mal guidato Popolo: che anzi pensandosi da molti al douer mitigare gli affanni con volontaria morte, l'istesso Pompeo impresso di non poter rimediare all'euidente pericolo, il dissimulaua: ma dalla necessità nato finalmente in lui il consiglio, ordinato a'Senatori, che lo seguitassero, e traendone seco i Consoli, col migliore delle genti, si ricouerò a Brundusio; doue seguitato poscia da Cesare, che nondimeno più vie, tentò in vano, d'accordi, e di pace, trouatisi a fronte a Durazzo di Macedonia, venuti, dopo vari successi, a battaglia, ne seguì all'istesso Cesare così fatta rotta, che si restarono trentadue insegne all'Auuersario. Ma non mancando egli pertuttociò al natío valore, essendogli noto, che a gli animosi è fauoreuole la Fortuna, ristorato l'esercito, lo mosse contra Scipione, che trasferendosi nella Macedonia, diede a lui campo di pensare, che Pompeo si condurrebbe in luoghi di suo minor vantaggio per soccorrerlo: ma questi disposto di consumare l'esercito di Cesare temporeggiando, non, voleua più oltre auuenturarsi, se non che stimolato dalle altrui mormorationi, fù costretto seguitarlo ne'Campi Farsalici; doue Cesare, non ostante l'esser per la rotta suddetta debilitato di forze, inuitato à battaglia da'Pompeiani, che erano in numero più del doppio, ardì d'accettarla: onde la Fortuna, che le più volte conduce à duri casi coloro, già da lei co'benefici arricchiti, non più mostrandosi prospera a Pompeo, conuertita, tutta verso Cesare, gli concedette degno frutto della virtù, e della grandezza dell'animo di lui con tal vittoria, che rouinato affatto lo stato dell'auuersario, nè potendo questi sostenere col corpo l'affanno, nè con lo spirito la vergogna, confuso ne gli aggiramenti de' pensieri, che gli tempestauano la mente, con grande amaritudine d'animo, veduto fin, manomessi gli steccati, vestito d'habito miserabile, partì tutto cheto a piedi, con pochi de' suoi più intimi amici: nè volendo Cesare porsi in maggiore necessità con altri, comandò, che le lettere trouate ne'scrigni di Pompeo, che conteneuano il pieno dell'animo de'suoi auuersari, fossero incontanente arse. Concedette a Bruto, che poi l'vccise, & a molti altri il perdono; essendosi compiacciuto, che più si discoprisse per tal via, essere in lui la mansuetudine, che la seuerità. Datosi poi a perseguitar Pompeo, & vdito in Alessandria la infelice morte di lui, pianse della sua sciagura, quando per parte di Tolomeo hebbe, con la testa, l'anello di esso. Furono

   Furono tali i fatti di Pompeo, il quale contese dell'Imperio con Cesare, che ben richiede il farne vna particolar mentione. Hebbe Pompeo per Padre Strabone huomo bellicoso, e strenuo Capitano de'Romani, da'quali fù, per tema della grandezza da lui acquistata con l'armi, e per la sua ingorda auaritia, odiato in guisa, che vcciso dalla saetta, lo gittarono dalla bara, in cui per sepellirlo era portato, e ferongli altri vituperi: ma non fù in alcuno maggiormente, nè più tosto, ch'in Pompeo allogata la beniuolenza del Popolo, e nella felicità aggrandita, e nelle sciagure di lui continuata: chiaro segnale, che alle doti dell'animo, alla bellezza del corpo, & alla nobiltà de' natali, hebbe i costumi, e l'opere corrispondenti. Ancora giouinetto militò sotto il Padre contra Cinna, per le cui insidie corse rischio di esser a tradimento dal proprio compagno Terentio vcciso. Prese per moglie Antistia, & indi a poco sospettandosi dall'esercito istesso di Cinna, che questi hauesse ammazzato Pompeo, il quale non si trouaua, restò Cinna morto da vno de' Soldati. Nell'età di ventitre anni, non da alcuno creato Capitano, fatte tre legioni nel Piceno, e prouedutele de'necessari bisogni, con quelle si trasferì a Silla. Hebbe incontro Carinna, Celio, e Bruto, che disegnauano disfarlo: ma esso valorosamente combattendo, gli ruppe, come auuenne di Scipione allhora Consolo, che con esercito gli si oppose, & anche di Carbone. Congiuntosi con Silla, questi lo salutò Imperadore, & altri honori gli fece; & indi fù mandato ad assistere, con esercito, a Metello, che già vecchio guerreggiaua nella Spagna. Vinta da Silla l'Italia, e fattosi Dittatore, persuase a Pompeo illicentiare la moglie Antistia, e lo sposare Emilia sua figliastra nata di Metella già maritata in Scauro, e che pur allhora era grauida di altro marito: Ma Emilia appena fatta sposa, morì appresso di Põpeo sopra parto. Sedati cõ la morte di Carbone, stato tre volte Cõsolo, e d'altri nimici di Silla, li solleuamenti della Sicilia, fù destinato dal Senato, per combatter Domitio nell'Africa, & incõtratosi in vẽtimila nimici, soli tre mila ne lasciò viui, & esso ne fù chiamato Imperadore: Ma cotal nome non accettò Pompeo prima, che presi gli steccati nimici, anche Domitio nõ fosse morto. Vinta nel solo spatio di quaranta giorni cotal guerra, e soggiogata l'Africa, accordate le differenze, che verteuano fra alcuni di quei Rè, corrẽdo egli l'età di ventiquattro anni, tornò a Roma; doue hebbe incontro Silla; il quale stesagli molto di lontano la destra, e con gran voce salutandolo, chiamollo Magno. Chiesto il Trionfo, l'istesso Silla glie le cõtese, come a persona, che nè era Cõsolo, nè gli spuntaua appena la barba; nè il Senato l'haueua accettato per Senatore: ma dicendo Pompeo, che molti più riueriscono il Sole nascente, che quando tramonta, quasi la grandezza di lui stesse allhora in aumento, e quella di Silla declinasse, conseguì, col trionfare, il pieno del suo intento. Morto Silla fù da Lepido, che poco prima, con l'autorità di Pompeo hebbe il Consolato, presa in sè la fattione Sillana, e suscitate delle seditioni; per la qual cosa oppostogli dal Senato Pompeo, questi vinse, & ammazzò Bruto appresso Modona, e fugò Lepido in Sardegna, doue si morì oppresso da graue infermità. Rimandato Pompeo dall'istesso Senato Proconsolo, per difesa di Metello, contra Sertorio nella Spagna, ruppe sotto Valenza due suoi Capitani Herennio, e Perpenna, con morte di dieci mila, e più nimici; e combattuto con egual fortuna Sertorio istesso, non prima partì dalle conuicine Prouincie, che intese lui essere stato da'suoi medesimi vcciso: nè volendo pertuttociò rouinare lo stato di coloro, che a danno della Republica si teneuano con Sertorio, commise al fuoco le lettere, che gli furono trouate appresso. Ma restato tuttauia Perpenna potente; spin- A 2 se di

se di nuouo contra di esso l'esercito, e secondandolo la fortuna, lo disfece, & ammazzò. Tornato Pompeo in Italia, vi consumò le reliquie de' solleuati Serui, superati poco prima da Crasso, con morte di ventiduemila, e trecento, hauendone Pompeo vccisi cinquemila. Conseguito però in Roma il secondo trionfo, e con l'istesso Crasso il Consolato, si empirono fra tanto i mari di Corsali, nè alcuna sicurezza restando, etiandio nelle Città, di poter viuere; fù Pompeo dichiarato Capitano Generale con grandissima autorità sopra tutti gli huomini, e di molti Popoli, e Nationi, e di Rè potenti hebbe il comando. Con tale autorità, e col seguito di quindici Senatori da valersene a sua voglia per Luogotenenti, passò con grossa armata a così fatta impresa. E quantunque il mare Tirreno, l'Africano, quello di Corsica, e gli altri di Sardegna, e di Sicilia fossero del tutto infetti; nondimeno con la sagacità, prudenza, e valor suo, nello spatio di tre mesi, diede fine a simil guerra. Ma indi a non molto con autorità maggiore della già detta, e con più potente armata, fu spedito contra Mitridate, e Tigrane, li quali superò in più battaglie; e riceuuto Tigrane, che volontario, con vn figliuolo, gli si diede, vdita la morte di Mitridate, che se stesso vccise, si trasferì in Italia; doue inteso, che Mucia sua moglie haueua la fama di lui, con vitupero, macchiata, la ripudiò. Si hebbe allhora pensiero, che Pompeo douesse vsurpare la Monarchia: ma egli disfatto l'esercito, e mostrata in ciò la sua modestia, non pure si accrebbe la publica beniuolenza; ma ne fù ornato di modo il terzo suo trionfo, che nè il più ricco, nè il più splendido si vide per prima; peróche trionfando di varie Nationi, e conducendoui gran ricchezze, e trofei, parue, ch'egli trionfasse di tutto il Mondo; sicome dell'Africa, dapoi dell'Europa, & in quest'vltimo separatamente dell'Asia trionfò. Ben poscia si comprese, che il colmo della fortuna, e della gloria di Pompeo si restò in quell'humana apparenza terminata, e che pur all'hora il volgimento della felicità di lui hebbe suo principio, percioche con l'emulatione della sua potenza, fattosi grande Cesare, egli attese dapoi ad annichilare Pompeo istesso; il quale portatosi male contra Lucullo nell'Asia, a cui fece riuocare in Roma gli atti suoi, tornato questi di là, e volto l'animo alla Republica, fatte confermare le sue attioni, si diede a trauagliar Pompeo, che parimente s'haueua inimicato Cicerone: ma egli accostatosi a Cesare, e preso la figliuola Giulia per moglie, ancorache fosse promessa a Scipione, procurò con la moltitudine de' Soldati di mantenersi lo stato per forza: & auuedutosi, che l'amicitia, e la parentela di Cesare, appresso il Senato, gli era nociua; acconsentì, & operò etiandio, che Cicerone, allhora sbandito di Roma, vi fosse richiamato; e racquistata, col mezo di lui, la beniuolenza de gli Ottimati, e del Senato istesso; fu indi a poco eletto Capitano sopra il prouedere le vettouaglie; delle quali, per la vrgente necessità di Roma, e delle Città conuicine, si teneua gran bisogno: nel che fare, col rischio di se stesso, e con le diligenze vsate, operò, che l'abbondanza de'grani, e delle biade fosse in ogni luogo copiosa; la onde a cotal fine, e per memoria di simigliante beneficio, che fù vniuersale, decretò il Senato la medaglia   · Census ID10066535: »As of Sextus Pompeius (Janus / Prow, RRC 479.1) (owner: Angeloni)« ,    1. che dall'vn' de'lati contiene due volti, l'vno di rouescio all'altro, & ad vna sola testa congiunti, e coronati di spiche di grano; che quantunque si paia esser nell'vno la effigie di Pompeo, e nell'altra quella del figliuolo Sesto, ouero di Gneo, che fù il maggiore; può nondimeno ciò dar a vedere la prudenza vsata da lui, non solamente nel comprendere il bisogno, ma nel saperlo prouedere in modo, che senza danno altrui, la Republica se ne solleuasse: rappresentando la Corona di spiche l'istesso segnale dell'abbondanza, ch'egli intro-

   2. introdusse, e vi sono le lettere MGN che s'intendono per Magnus. Hà nel rouescio   · Census ID10066535: »As of Sextus Pompeius (Janus / Prow, RRC 479.1) (owner: Angeloni)« vna sola prua di Naue, con tali parole PIVS IMP la qual prua di Naue altro non pare, che dia a vedere, se non che Pompeo per cagion di far le suddette prouisioni si espose ad euidente fortuna di Mare; peròche mentre erano i venti contrari, e li Nocchieri temeuano di mettersi in alto, egli fù il primo, che entrato in Naue, e fatto sarpar l'ancore, gridò: Più a me conuiene il pensare in questo punto al nauigare, che al viuere: col qual animo, & estremo ardir suo, riempì il mare di Naui, e l'Italia di grani, e felicemente terminò così fatto Magistrato.    Ma Cesare riuolto al procacciarsi grandezza corrispondente all'animo di lui, non di mediocre gloria contento, nel condurre con facilità le guerre della Francia, occupaua, al medesimo fine gli animi, donando al Publico, & a' Consoli, & a Senatori, & ad amici, & anche alle mogli loro delle ricchezze acquistate de' Barbari. Morì in quel tanto a Pompeo la moglie Giulia, e poco appresso la fanciulla, che n'hebbe, & egli creato Consolo, celebrò nuouo matrimonio con Cornelia figliuola di Metello Scipione allhora vedoua di Publio nato di Crasso, giouane bella, e per altre parti lodeuole; di che gli seguì biasimo per la giouanezza di essa, e pe'l tempo importuno a lui di far nozze; mentre fra molte calamità correnti, si trouaua in carico publico. Eragli nondimeno portata tale beniuolenza da' popoli, che caduto grauemente infermo in Napoli, e guaritone, furono colà, e per tutta Italia, fatti sagrifici, per la salute di lui; e vedutolo sanato affatto, varie feste per molti giorni, se ne fecero: anzi, che tornando egli a Roma, le vie, i porti, e le Città erano piene di Vittime, e di coloro, che sagrificauano; e le persone ornate di ghirlande, e di fiaccole, col gittargli fiori addosso, il raccoglieuano, & accompagnauanlo. Fù ciò hauuto in luogo di splendido spettacolo, e se ne cagionò in esso, oltre l'allegrezza, non piccola superbia; in tantoche disprezzaua affatto Cesare, quasi fosse a lui cosa leggieri il toglierlo dall'acquistata grandezza, e lo si irritò fin col tentare di sneruarlo delle forze de gli eserciti, e del credito: non s'auuedendo, che nel ciò fare lo rendeua più cauto, e più forte; di modo, che quando esso hebbe a raunar gente, per difendere la Republica contra Cesare, non ne trouò la via, e gli conuenne di abbandonar Roma, nè gli bastarono le prouisioni fatte a Brundusio, nè l'applauso, che trasse dalla prima vittoria conseguita contra Cesare, che giunto in fine nelle campagne di Farsaglia, e venutoui a nuouo fatto d'armi, hebbe tale sconfitta, che non hauendo forse pensato, che più volte, che gli era stata prospera la Fortuna, poteua temere di douerla anche prouare auuersa, abbattuto d'animo, e postasi in dosso vna veste corrispondente all'infelice suo stato, dopo l'essere auuezzo per trentaquattro anni a vincere, & a soggiogare ogni cosa, comprese allhora qual sorte fosse di chi perdeua, e di chi fuggiua. Giunto nell'Egitto, doue appresso Tolomeo sperò trouar sicuro scampo a'suoi mali, fù da quello, nel corso di cinquantotto anni della sua età, fatto vccidere a tradimento in vna piccola barca: hauendo lasciati dolenti li figliuoli Pompeo, Sesto, e la moglie Cornelia. Cotal fine hebbe Pompeo il Magno; le attioni del quale, e le virtù, sono contenute da gli stessi termini, che hà il corso del Sole.    Vsò Cesare in Alessandria gran liberalità verso i Pompeiani, e vi dimorò, con fine di comporre le differenze, che verteuano frà Tolomeo, e la Sorella; peroche condottasi Cleopatra furtiuamente a lui di notte, & egli inuaghitosene, mandò nell' aurora per Tolomeo

Tolomeo; accioche si riconciliassero insieme. Adirossene il giouine, nè fù piccolo il pericolo passato iui da Cesare con la sua gente; benche in fine gli accordasse, concedendo loro, per egual parte, il Regno: ma non perciò la seditione incominciata fra li ministri Egittij lasciò di metterlo tuttauia in grandissime necessità, fin che sopragiuntogli Tiberio Claudio Nerone con soccorsi della Siria, soggiogò l'Egitto, e lo donò à Cleopatta; della quale si tenne, che generasse vn figliuolo. Impadronitosi in quel tanto Farnace dell'Armenia, e di alcuna Città nella Bitinia, si prouocò contra Cesare, che per reprimerlo mandò Gneo Domitio Caluino; il quale vinto in vna battaglia da Farnace, strinse l'Imperadore ad incontrarlo, e combatterlo nell'Armenia, doue lo superò; e gloriossi d'hauere in vn sol giorno, & in vn'hora istessa, giunto, veduto, e vinto l'inimico. Lasciato iui Domitio ad assettar meglio le cose, tornò in Italia; doue vditi nuoui tumulti suscitati nella Spagna da Pompeo figliuolo del Magno, si trasferì colà con buone forze, e vi sostenne delle difficoltà, e de'pericoli: essendoglisi animosamente opposti Scipione, Iuba, e Catone, con molti Romani, che vi si trouarono; benche con la virtù, e con la fortuna di Cesare il tutto restasse in prò di lui superato. Di là nauigò in Sardegna, e mandò Gaio Didio in Ispagna contra Pompeo, e giunto egli in Roma, vi trionfò in quattro giorni de'Galli, de gli Alessandrini, di Ponto, e dell'Africa; & eletto per dieci anni Dittatore, hebbe altri honori: onde celebrò splendidamente spettacoli, giuochi, feste, e conuiti. E perche si afferma, che con apparati vari fù condotto da Cesare ciascuno de'suddetti trionfi, e ch'egli magnificò, sopra tutti, quello dell'Africa, per l'vtile, che al Popolo Romano seguì di simile vittoria; e forse vi comparue sopra di vn Carro tirato da animali di quel paese; de'quali molti si videro in tal pompa, con de'lumi accesi sopra; quindi è, che rappresentandosene    3. la memoria entro la medaglia   · Census ID10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)«   · Census ID10066541: »Sestertius of Tiberius (Augustus in Elephant-Quadriga / SC, RIC 62) (owner: Angeloni)« , che contiene dall'vn lato la testa di Cesare laureata, co'l lituo stromento dell'Augurato, e lettere DIVOS IVLIVS, e dall'altro egli stesso in piedi su'l    4. carro di due ruote tirato da quattro Elefanti, in atto di trionfante, con le sole lettere S. C. hò però stimato di farne quì mentione: lasciando à' saggi il giudicare, se in vita, o dopo morte di Cesare, ella fosse stampata in honore di lui; quantunque il vedersi l'Imperadore su'l carro, pare, che approui, che in vita, hauendo soggiogato l'Africa, conseguisse l'honore.    Postosi Cesare à disporre le faccende della Città, vi diede molti ordini vtili, & impose premio à chi si studiaua di generar figliuoli. Corresse l'anno, & altre cose instituì appartenenti al buon gouerno. Rinforzò Q. Fabio Massimo, e Q. Pedio di gente, per reprimere nella Spagna Pompeo, e Sesto, che tuttauia accresciuti di forze, e di credito vi rumoreggiauano: nè stimatele poi sufficienti à tal effetto, lasciato Lepido con otto Prefetti al gouerno della Italia, vi si trasferì di persona, e di quei nimici ottenne notabile vittoria, della quale, benche non senza suo biasimo volle trionfare in Roma; doue inclinati i Cittadini alla fortuna di lui; poiche hauendo già riceuuto il freno, teneuano, che'l Principato di vn solo, douesse in alcun modo, recar solleuamento a'trauagli ciuili, il fecero perpetuo Dittatore, gli dedicarono, per la sua mansuetudine, il Tempio della Clemenza; e per certa grandezza più, che humana, gli aggiunsero nuoui honori, e titoli, concorrendo nel ciò fare gli stessi suoi Nimici; che quantũque lo conoscessero di tutto meriteuole, vi hebbero nõdimeno per fine il recargli carico, e'l renderlo a i più modesti odioso. Accettati da lui gli attribuiti honori, e specialmente il titolo più sourano d'Imperadore, che fù con l'altro di Cesare, comune a'suoi descendenti, poteua ben cõ ragione pregiarsi, che dopo hauer fon- dato

dato la nascente sua grandezza sù le cose auuerse, e saputo ben regolarsi nella prosperità, e nel vincer l'inuidia, con la gloria, fra' tentatiui di molti, alla sola virtù di lui incontrasse il dare lo incominciamento al maggior Imperio del mondo: ma come che egli fosse fin'allhora stato huomo prestante per grandezza d'animo, e per pratica di guerra; non seppe nõdimeno frenar tanto dapoi la sua voglia, che questa nõ lo trasportasse a trattare di tal guisa i suoi Cittadini, come se Principe loro antico, e legittimo fosse stato; e perciò, non permettendo la Fortuna la perpetuità nelle cose, conuenne, che'l preso inganno cadesse finalmente sopra il capo di lui; conciosiacosache dimorando egli in Roma ad ordinar tuttauia il gouerno di quella, e dell'Imperio, & ad apprestar i mezi opportuni, per vendicar contra Parti la morte di Crasso, essendo stato di già vincitore in cinquãtadue battaglie, si proposero Marco Bruto, e Cassio, & altri congiurati di vccider cotal huomo, come seguì, corrẽdo egli l'età di cinquantasei anni; peroche entro il Senato istesso, & appresso la statua di Pompeo, colpendolo con più ferite, spruzzarono quella del suo sangue, e lui estinsero. E benche prima del morir suo fossero stampate di molte medaglie   · Census ID10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)« , con l'effigie di esso, e cõ l'imprese fatte, e ve ne sieno    5. d'argento, e d'oro, e ch'io n'habbia delle tali; si vede nondimeno quella di metallo (douendosi di queste, più, che dell'altre trattare nella presente opera) con la testa di Cesare cinta di corona d'alloro; perche essendo egli caluo sopra la fronte, per coprir simil difetto, la vsaua del continuo, e gl'Imperadori dopo lui, con tal esempio, la portarono dell'istesse frondi: o perche erano credute asssai gioueuoli alla sanità; onde il Popolo Romanone daua a Calẽde di Gennaio a'nuoui Magistrati; quasi gli hauessero da serbare sani tutto l'anno: o perche col sempre verde eran simbolo di perpetuità di vita: o perche si tẽne tale arbore non mai tocco da saetta; e l'vsauano, cingendosene le tẽpie, e facendone de'suffumigi, co'quali teneuano di restare purgati dalle vccisioni fatte delli nimici: oltre che il lauro era notabile segno di allegrezza, e di vittoria appresso gli stessi Romani: hà tal medaglia nel dintorno    6. DIVOS IVLIVS, e nel rouescio   · Census ID10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)« la testa di vn giouinetto con lettere: CAESAR DIVI F. Questa si hà per l'effigie di Cesarione, che Cesare conseguì di Cleopatra: ma per lo più si afferma essere di Ottauio figliuolo d'vna sorella di lui, che si adottò; e che tal medaglia, dopo morto Cesare, fosse da Ottauio medesimo, per gratitudine, fatta stampare.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10066535: »As of Sextus Pompeius (Janus / Prow, RRC 479.1) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10066535: »As of Sextus Pompeius (Janus / Prow, RRC 479.1) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10066541: »Sestertius of Tiberius (Augustus in Elephant-Quadriga / SC, RIC 62) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)«

   MOrto Caio Giulio Cesare, molte cose furono intentate da Marcantonio, & da Lepido in assenza di Ottauio; ilquale per comandamento di esso Giulio dimoraua in Apollonia ad apprenderui le scienze. Fù questi figliuolo di Accia sorella di Cesare, e di Caio Ottauio, per discendenza da Veletri. Si tenne, che entrata Accia di notte nel Tempio di Apollo, fosse iui ingrauidata da vn Dragone, e che ne nascesse Ottauio; il quale orfano di quattro anni, si nudrì appresso la Madre; e cresciuto in età, si accostò a Giulio suo Zio, che non hauendo figliuoli, posto in lui sue speranze, lo si adottò. inteso in Apollonia ciò, che conteneua il testamento di Giulìo, fù a prender l'heredità in Roma, nè trououui il rincontro dell'amicitia di Marcantonio, che s'era proposta: anzi, che per rendersi più potente, attendeua ad assediare Bruto in Modona. Fattisi però partiali, con la propria liberalità, i soldati veterani, e conseguito, col mezo di Cicerone, il fauore del Senato, che dichiarò Antonio inimico della Patria, egli fù destinato, insieme con Hirtio, e Pansa Consoli a combatterlo; & eseguito in cotal guerra la parte di Capitano, e di soldato, ruppe (benche con la morte de' Consoli) l'inimico. Allontanatosi poscia, con suoi pretesti, da gli Ottimati, si condusse con l'esercito a Roma; doue preso nell'età di venti anni il Consolato, ordinò lo stato della Città, e Bruto, e Cassio fece assenti condannare. Si trasferì in Campo a Lepido, & ad Antonio, e compose, e stabilì con essi amicitia, e lega, fin col repudiare Seruilia, e prender per moglie Claudia figliastra di Antonio. Partironsi in terzo l'Imperio; e rinouato il detestabile esempio della iniqua proscrittione di Silla, vccisero gl'inimiei l'vn dell'altro. Tornati a Roma, e determinato di gouernare insieme, per cinque anni futuri, si chiamarono Triumviri; e lasciato Lepido, per opprimer Bruto, e Cassio, gli altri s'incaminarono nella Grecia; doue appena ne'Campi Farsalici campò Ottauio, che perduto, con la battaglia gli alloggiamenti, si ricourò alle genti di Antonio; ma non abbattuto, quanto al vigore dell'animo, raccolte le forze, si espose alla seconda giornata, e vinse, e distrusse gl'inimici, & inuiò a Roma la testa di Bruto, perche fosse confitta sotto la statua di Giulio, essendosi vcciso Cassio da sè stesso. Hauuta simil vittoria, e restato Antonio nell'Oriente, si trasferì Ottauio Cesare a Roma; donde spinse Lepido in Africa. Ma solleuato in quel tanto, per instigatione di Fuluia moglie di Antonio, il Consolo Lucio Antonio di lui fratello, che confidato nel proprio potere, e nella grandezza di quello, pensaua al fare delle nouità, rinchiusosi in Perugia, e da Cesare assediatoui, questi lo hebbe in mano, e potendo più in esso la misericordia, di quello, che per auuentura fosse valuto la giustitia della causa, per purgare la colpa di così fatto fallo, gli concedette il perdono. Si troua la effigie di Lucio Antonio in medaglia di argento   · Census ID10066544: »Denarius of M. Cocceius Nerva (M. Antonius / L. Antonius, RRC 517.5a) (owner: Angeloni) « : ond'io come cosa rara, l'hò quì riposta: ella si stà però nel rouescio    1. d'vna, che ve n'è di Marcantonio, la quale s'introdurrà a suo luogo; & è senza alcuna cosa in capo, e con lettere: L. ANTONIVS COS.    La fama di così fatta vittoria conseguita da Ottauio, conduse le Città d'Italia, alcune per volontà, & altre per forza, ad accostarsi a lui; quantunque de gli huomini, molti ad Antonio, & altri a Sesto si ricouerassero, fra' quali Tiberio Claudio Nerone, e la Donna sua

sua Liuia Drusilla, che fù poi moglie di Cesare istesso, e'l figliuolo di lei Tiberio, che gli succedette nel Principato. Vollero i Romani mostrare di sentir cõtento del seguìto, fin col portar Ottauio Cesare in habito Trionfale entro Roma, e con l'honorarlo d'vna corona di Lauro, secondo lo rappresenta la medaglia   · Census ID10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)« con sua effigie, e lettere: CAESAR DIVI F.    2. e che nel rouescio vi hà la già detta Corona con inscrittione: DIVOS IVLIVS. La qual corona,    3. quantunque propria de' Trionfanti, potè nondimeno esserui posta come per segnale del Decreto, che secondo riferisce Dione, fece il Senato: che il Lauro stesse dinanzi la Corte Regale di Cesare; e che la Corona di Quercia pendesse sopra il capo di lui: l'vno come a vincitore di nimici, e l'altra come a conseruatore di Cittadini.    Ma Antonio, che, per false querele della moglie Fuluia contra di Cesare, fù astretto di passare conducendo Naui in Italia per fargli guerra, trouato, che non haueua data cagione alcuna alla rottura seguita con essa, e con Lucio Antonio, si pacificò, e diuise con lui l'Imperio; e tornato al gouerno, vdì, che volutasi trasferire Fuluia nell'Asia per trouarlo, si era morta in Sicione; laonde Cesare per più stabilirsi con Antonio, gli congiunse la sorella Ottauia per moglie. Voltò poi l'animo a distrugger Sesto Pompeo, che essendo prima Capitano di Naue, deposto da simil carico, non volle abbandonare l'Armata: ma trasferitosi, con quella, di Spagna in Italia, si staua d'intorno l'Isole temporeggiando, con isperanza, che non hauendo hauuta nella morte di Caio Giulio alcuna parte, douesse Cesare restituirlo alla Patria: inteso poi, che era posto fra' proscritti, datosi a fabricar Galere, & a raccoglier coloro nell'istesso infortunio caduti, o per altre cagioni discaciati, e fattosi per tal via potente, preso Messina, e Siragusa, con altre Città, e impadronitosi del Mare d'Italia, con forte Armata, sotto Mena, e Menecrate corsali, a'Capitani di Cesare, & a lui medesimo recò gran trauagli, e diede rotte grandissime: intantoche Cesare hebbe tal fiata per molto accetto il riconciliarlosi. Al qual fine, contuttoche a due mariti, amendue Consoli, fosse stata congiunta Scribonia di Lucio Scribonio suocero di Sesto, e che dell'vno tenesse figliuoli; si maritò nondimeno con essa, e n'hebbe Giulia; e condottosi, col mezo di Antonio, a parlamentare, presso Miseno, con Sesto, accordato, ch'egli si godesse la Sicilia, e la Sardegna, e che serbando sicuro il mare da Corsali, mandasse a Roma certa quantità di grano, conuitaronsi insieme, e'l primo fù Sesto a riceuer gli altri nella sua Capitana, dicendo ad Antonio di volerlo condurre nelle Carine, cioè nel fondo di Galera: ma vi hebbe per fine il motteggiarlo, ch'egli la casa di lui paterna si hauesse in Roma occupata, che posta era in luogo detto le Carine. Mentre dunque si faceua, con allegrezza, il conuito, accostatoglisi all'orecchio Mena Corsale, con sommessa voce: Vuoi tu, ò Sesto, gli disse, ch'io tagli l'ancore, e non della Sicilia, e della Sardegna solamente; ma dell'Imperio Romano ti faccia Signore? rispose Sesto: bisognaua, o Mena, che senza dirlo, tu fatto l'hauessi: contentiamoci però di quello, che passa; percioche nè il giuramento, nè la fede mia romperei giamai. Stabilito pertanto il tutto, conuenne indi a non molto a Cesare, per la mala qualità de' costumi di Scribonia, il ripudiarla; e compiacciutosi di Liuia Drusilla moglie di Tiberio Claudio Nerone tornato di fresco in Roma con Antonio, benche di già madre di Tiberio, e grauida di sei mesi, chiestala nondimeno al marito, che rinuntiogliele, ne nacque, a suo tempo, Nerone Claudio Druso. Si ruppe con la concordia anche la guerra con Sefto; nella quale più fiate per fortuna di mare, e per valore di Pompeo, seguirono gran danni a Cesare: Onde Antonio, B con

con fine di vedere come le cose passassero, si trasferì di Siria in Italia; doue, co'l mezo di Ottauia, rinouò, con nuoui parentadi, l'amicitia con Cesare; peroche prese per Antillo suo figliuolo, e di Martia, vna figliuola di quello, e diede Antonia, generata di Ottauia, a Domitio Enobarbo; benche fosse vno de'percussori di Giulio, e lasciate a Cesare alcune naui, disposto di andar egli contra Parti, rimandò di Corfù Ottauia; la quale dimorò appresso il fratello fuor di misura honorata. Ma seguitandosi da Cesare la guerra con Sesto, quantunque perissero per tempesta il più delle Naui presso Velia, e Palinuro, e riceuesse all'incontro del monte Tauromino vna gran rotta, e gli fossero maltrattate le genti di terra; con tuttociò l'hauere Agrippa Luogotenente di Cesare felicemente combattuto nell'istesso tempo, con altra Armata nauale appresso Milo, e l'essersi ribellato Mena Liberto da Sesto, e datosi con l'Armata a Cesare, questi restò in fine vincitore di Pompeo, & anche di Lepido; il quale venutogli in aiuto come compagno, & insuperbito della grande Armata, e delle legioni, che dopo cotal rotta a lui restauano, volle occupare la Sicilia: Ma assediato nelle trincee da'Cesariani, & abbandonato da'suoi, con veste di duolo, si ripose nelle forze di Cesare; il quale concedutagli la vita in dono, lo spogliò di tutti i beni, e del Triumuirato, e d'ogni altra dignità, fuori che del Sacerdotio, e confinollo. E' restata nondimeno dell'infelice Lepido la memoria in varie medaglie: ma in quell'vna specialmente di metallo   · Census ID10066547: »Aureus of Lepidus / Mars (RRC 494.7a) (owner: Angeloni)« , contesta senza corona, e lettere scritte al rouescio: M. LEPIDVS III. VIR. R.P.C. COS. ITER. cioè. M. LEPIDVS III. VIR. R.P.C. CONSVL. ITER. cioè Marcus Lepidus, Triumvir Reipublicae    4. constituendae, Consul iterum, dimostra nell'opposta parte tre Insegne militari con tale inscrittione:    5. L. MVSSIDIVS T.F. LONGVS III VIR. A.P.F. cioè Lucius Mussidius Titi Filius Longus triumvir. Auro, siue Argento publico feriundo.

    H Ebbe Lepido per moglie Iunia sorella di Marco Bruto; della quale generò vn figliuolo, che portò il nome del Padre.

    S Esto dopo eseguito ciò, che a buon Capitano si apparteneua, perduto l'Armata, e le genti di terra, passò in Asia con la figliuola, e con gli altri suoi, e con tutto il tesoro, sopra alcune ben guernite naui; e postosi colà a machinare contra Antonio, al cui aiuto era ricorso; fù preso per ordine di lui, & vcciso. Sono varij li pareri di quale sia in medaglia la effigie di così fatto Capitano, vedendosene di quelle in argento, & in oro, che possono rassomigliarlo: ma perche resta il dubbio, se sieno di Gneo suo fratello maggiore, o di lui, hò più tosto eletto di non la porre, che di cadere in errore, approuando cosa, che non sia tenuta per vera.

    R Idotta da Cesare a sua vbidienza la Sicilia, e preso l'Africa, & acchetato certo ammotinamento di soldati veterani, e conceduta a Marco Agrippa la corona Nauale, non più vsata per l'addietro, tornò a Roma. Si raccoglie la memoria di simigliãte Corona entro la meda-

la medaglia   · Census ID10066550: »As of Caligula (Marcus Agrippa / Neptun, RIC 58) (owner: Angeloni)« , che d'ordine del Senato fù battuta ad honore dell'istesso Agrippa; peroche quantunque egli non fosse nobile, nè Imperadore, hebbe nondimeno tre Consolati, e fù marito di Giulia figliuola d'Augusto, e tanto potente, che perciò, e per la grandezza de' suoi fatti dentro, e fuori di Roma, furono battute delle medaglie in suo honore. Stà però    6. dall'vn lato la effigie di lui ornata della corona di rostri di naue, lauorata d'oro; la quale nè prima, nè dapoi fù attribuita simile ad altri: anzi si decretò allhora, che qualunque volta alcuno trionfasse cõ le corone dell'alloro, ad Agrippa solo il portare la rostrata si cõuenisse, e vi si leggono così fatte lettere; M. AGRIPPA L. F. COS. III. cioè Marcus Agrippa Lucij Filius, Consu. Tertiũ. Dall'opposto lato vi hà Nettũno, che sostiene nell'vna mano il Delfino,    7. mentre appoggia l'altra ad vn tridente: quasi egli in simigliante occorrenza vsasse nel mare l'Imperio di Nettuno, & il dominio, che tiene sopra gli animali maritimi il Delfino, e vi sono le lettere S. C. cioè Senatus Consulto: auuertendosi, che tali parole dichiarate vna volta non si replicheranno altroue.     In altra medaglia   · Census ID10025821: »Bronze Coin of Nemausus (Heads of Octavian and Agrippa / Crocodile, RPC I 525)« si vede vn contrasegno ben grande del valore, e della gloria di Agrippa; percioche vinto, ch'egli hebbe, come Capitano di Cesare, Marcantonio, e Cleopatra, e che fù debellato l'Egitto, volendosi mostrare il rincontro di tanta vittoria, fè stampare    8. la medaglia con due teste da vn lato, e lettere nel disopra: IMP. nel mezo PP. e nel disotto: DIVI F. cioè Imperator, Pater Patriae, Diui Filius. Et ha nel rouescio vn Cocodrillo legato ad vna    9. palma, dalla cui cima si vede pendere all'ingiù vna corona, e nel trauerso della metà, si legge: COL. NEM. la testa però, che dimostra maggiore età, è senza fallo quella d'Agrippa coronata di rostri, e l'altra cinta d'alloro è di Cesare. Hà nell'opposto lato il Cocodrillo legato alla vittoriosa, & inghirlãdata palma, per dar a vedere cõ la figura di cotal animale, de' quali l'Egitto abbonda, la soggettione seguìta di quella Prouincia: e le parole scritteui possono interpretarsi: Colonia Nemausium, ouero Nemausiensium: cioè, che la Colonia Nemausiense, che fù l'vna delle quattordici fatte da'Romani nella Gallia Narbonense, fabricasse simil medaglia a gloria di Cesare, e di Agrippa, il quale, senza l'altre sue lodeuoli virtù, hebbe in sè tale magnanimità, che quantunque fosse priuato Cittadino, gli diede nondimeno il cuore di edificare, à proprie spese, il Panteon à Gioue vltore, cioè vendicatore, di marauigliosa altezza, di forma rotonda, e di bellissima struttura: vna delle più ricche, e famose fabriche de'tempi andati, & in cui, oltre il massiccio, condotto con mirabile architettura, veggonsi pur'hoggi varie incrostature, & ornamenti di porfidi, di serpentini, e d'altri pregiati marmi, con alquante Colonne per grandezza, e per eccellenza di pietre, e di maestria notabili; sopra le quali vna ben grande, e maesteuole trauatura di metallo Corinto, sosteneua il tetto dell'ampio, e ben'ornato portico, che secondo il parere de'più antichi era già coperto di lamine d'argento: le porte, che chiudono il Tempio, fabricate, anch'esse, del medesimo metallo, dimostrano nella immensità dell'opera, maggiore l'artificio di que' gran maestri, non si scorgendo in esse cosa, che di altro dia segnale, che di vna esquisita, e lodeuole perfettione. Nè minore fù l'opera, che frà le molte, e ben grandi, fece Agrippa, riconducendo a proprie spese entro Roma l'acqua Martia già perduta, e la migliore, e la più purgata, che di presente ui sia, e chiamolla Augusta; di che tanto piacere si prese Cesare, che sopraggiunta la Città da penuria di vino, e querelandosene il Popolo, egli disse: hauere Agrippa proueduto a sufficienza, che non douesse perire alcuno di sete. Fece oltre a ciò rifare gli edifici publici, e tutte le strade, e nettare in guisa le fogne; che si B 2 poteua

poteua nauigando per esse passare nel Teuere; & altre cose operò di gran rilieuo in beneficio publico, senza però caricarlo di alcuna spesa: hauendo anche scacciati di Roma, mentre fù Edile, gli Astrologi, e gli huomini, che dauano opera all'arte magica.    Non potè in quel tanto la pace procurata da Cesare con gli altri, non aprir la guerra cõ Antonio; il quale incolpatolo d'hauersi fatte proprie le ragioni, e la potenza di Lepido, e di Sesto, senza participargliene; Cesare biasimaua all'incontro lui, che ritenesse per sè l'Egitto; il che per ragion di sorte non gli era toccato, e che hauesse vcciso Sesto, a cui egli perdonò: querelandolo etiandio delli smisurati doni di Città, e Regni fatti a Cleopatra, & a' figliuoli; l'vno de'quali, ridotto alla stirpe del Diuo Giulio, era da lui chiamato Cesarione: Queste furono le querele, che fra di essi correuano, e fin'allhora dissimulate da Augusto; peroche essendosi hoggimai tolti dinanzi gli ostacoli de gli altri, restaua il vedersi sacrificata questa sola vittima alla potenza di lui. Accesosi pertanto l'animo feroce, e bellicoso di Marcantonio, e venuti ben tosto amendue alla rottura di guerra, mandò Antonio ad Ottauia il repudio; hauendo generati di Cleopatra due figliuoli, e proposto di farla anche Imperadrice di Roma. Condottosi pertanto con grossa armata, & in compagnia di lei, ad affrontare Cesare ad Attio, e veduto, che Cleopatra nel maggior'ardore della battaglia si prese la fuga, senz'altro riguardo hauere di sè, o de'compagni, o dell'honore, si propose di seguitarla, e ne restò l'armata poco appresso sconfitta. Dopo la qual vittoria, lasciata da Cesare la cura di Roma, e dell'Italia a Mecenate, & Agrippa, esso, per debellare Antonio, si trasferì nell'Egitto; & assediatolo in Alessandria, ad ammazzarsi da sè stesso lo costrinse: come incontrò, quasi ad vn tempo, di Cleopatra. Vdita Cesare cotal morte, la pianse, come di parente, e di collega, e di suo compagno in molte imprese.

    N Acque Marcantonio di nobilissimo sangue: ma le pratiche della sua giouinezza mala fama gli recarono. Come Capitano di Caualli, si fece grande honore da prima in Siria. Aiutò a riporre Tolomeo nel Regno d'Egitto. Fù Tribuno della plebe, e poi Augure, e tenne con la parte di Giulio Cesáre; il quale si seruì di lui in molte guerre. Hebbe congiunto al valore, di molti vitij: ma fù nondimeno creato Consolo con Giulio Cesare; dopo la cui morte scacciò di Roma gli vcciditori di lui; & in compagnia di Ottauio, chiamato anch'egli Cesare, combattendoli, gli estinse. Si accese in Grecia di Cleopatra, che in fine lo rouinò. Chiamata costei in giudicio da Marcantonio in Cilicia per imputatione datale di hauer, nelle guerre, prestato notabile aiuto a Cassio, ella, che era nella età quando più le Donne di bellezza fioriscono, fornita di sontuosi presenti, senza far molta stima del giudicio, oue si douea presentare, cõ incredibile põpa nauigò pe'l fiume Cidno: hauendo il nauilio, che la condusse la poppa risplendente d'oro, le vele di porpora, li remi d'argento, che al suono di flauti, di pifferi, e di cetere, si moueuano; & ella standosi ornata alla guisa di Venere, sotto vn ricco padiglione, da più fanciulli, quasi da altrettanti Amorini, le era fatta corona; & alcune vaghe fanciulle, che rappresentauano le Nereidi, e le Gratie, al maneggiar de'caui, e delle funi, & al gouerno della Naue, si vedeuano disposte: & altre adorne di mirabili vestimenta, soauissimi odori ministrando, anche le riue del fiume riempiuano: in tanto che tratti i conuicini Popoli a così fatto spettacolo, coloro ancora, che

che dimorauano appresso di Antonio, vi accorsero; & egli quasi restato solo, lasciò poco appresso vincersi dall'inuito di Cleopatra d'esser con esso lei, nella sua naue, a cena: e quindi per la marauiglia delle cose, e per la bellezza di lei, inuaghitosene, le si diede poscia facilmente in balia. E perche pare, che anche in ciò l'adulatione potesse hauer luogo, e specialmente in coloro, che seguitarono la parte di Antonio; quindi è, che per opera di Pinario Scarpo si vide stampata la medaglia di metallo   · Census ID10066730: »Cistophorus of M. Antonius and Octavia / Dionysus (RPC 2202) (owner: Angeloni)« , entro di cui si volle, per auuentura, che peruenisse a'posteri vn segnale del suddetto Nauilio; scorgendosi dall'vn de'lati le    10. due teste di Marcantonio, e di Cleopatra, in profilo, e discoperte, con lettere: M. ANTON. IMP. COS. DES. ITER. ET TER. III. VIR. R. P. C. cioè Marcus Antonius, Imperator, Consul designatus    11. iterum, & tertiò, triumvir Reipublicae Constituendae nell'altro vna Naue co'remi, che a gonfia vela fà vista di proseguire suo viaggio, e vi si legge: L. PINAR. SCARPVS. IMP. A. F.     Ma anche in altre medaglie   · Census ID10066553: »Denarius of M. Antonius / Cleopatra (RRC 543.1) (owner: Angeloni)« d'argento si veggono l'effigie di Marcantonio, e di Cleopatra;    12. nel dintorno dell'vna delle quali, che è delle più notabili, e dou'è la testa di Marcantonio iscoperta, si legge: ANTONI ARMENIA DEVICTA; e nell'altro, in cui stà la Reina    13. sono così fatte lettere. REGINAE REGVM FILIORVM REGVM CLEOPATRAE; la qual medaglia   · Census ID10066553: »Denarius of M. Antonius / Cleopatra (RRC 543.1) (owner: Angeloni)« fù senza fallo battuta allhora, che fatto prigione da Antonio il Re di Armenia Artasse, e cõdotto nel trionfo in Alessandria, vi apprestò il conuito a gli Alessandrini, e posti nel mezo di quelli a sedere Cleopatra co'figliuoli, e dette loro alcune cose, comandò, ch'ella fosse nominata Reina de'Re, e che il simile si eseguisse di Tolomeo detto Cesarione, donando loro molte Prouincie, e Regni, e quello specialmente della soggiogata Armenia; La qual cosa fra gli eserciti, & a Roma notabile biasimo gli acquistò.     In altre medaglie   · Census ID10066556: »Denarius of M. Antonius / Octavian (RRC 517.2) (owner: Angeloni)« di metallo, e d'argento si raccoglie la testa di Marcantonio cõ lettere: M. ANT. IMP. AVG. III VIR. R. P. C. M. BARBA. cioè, Augur, Triumuir Reipublicae Constituendae. Marcus Barbatus: nell'opposto lato stà Augusto senza corona, con tale inscrittione: CAESAR. IMP. PONT. III. VIR. R. P. C. idest, Caesar Imperator, Pontifex, Triumvir. delle quali non ne hò quì posta alcuna, per essere assai comuni.    Trouandosi Cesare in Alessandria, volle vedere iui il corpo di Alessandro Magno, il quale riuerì, & ornò di corona d'oro. Gli fù detto, se voleua vedere Tolomeo: rispose essersi dilettato nel contemplare vn Re, nè curaua il vedere morti. Antillo figliuolo di Antonio, e Cesarione per detto di Cleopatra partorito di Caio Giulio, furono vccisi. Ridotto l'Egitto in forma di Prouincia, lo fece distretto di Roma; e per memoria della vittoria conseguita, edificò Nicopoli ad Attio, e vi instituì giuochi da farsi di cinque in cinque anni ad Apollo, chiamati dapoi Quinquennali. La fama, che fra tutte le cose è la più veloce, sparse bẽ tosto per tutta l'Asia il vero della suddetta vittoria, e per essa accrebbe Cesare in tal grado di stima appresso que'Popoli, che gareggiando insieme nell'eternare le memorie di lui, e del Padre Giulio, ciò fecero specialmente co'l mezo di medaglie: ma due   · Census ID10065328: »Bronze of Vienna (Caesar and Octavian / Prow, RPC I 517) (owner: Angeloni)«   · Census ID10066736: »Bronze Coin of Lugdunum (Heads of Caesar and Octavian / Prow, Eye and Dolphin, RPC I 515) (owner: Angeloni)« fra l'altre ve ne sono poco fra sè differenti; peroche contenendo amendue dall'vn lato le teste de gli stessi Giulio, e Cesare, in quella, che dimostra nel mezo loro vna palma, si leggono    14. i nomi d'essi in cotal forma: IMP. CAESAR DIVI F. DIVI IVLI. e nell'altra senza la palma stà    16. scritto: CAESAR DIVI F. IMP. DIVI IVLI. ma come la prima hà nel rouescio vna meza    15. naue, sù la quale stà vna Piramide, con la stella, e lettere nel disotto: COPIA; così pare, che possa, rappresentare, che dopo la vittoria hauuta da Cesare nell'Egitto, denotata nella palma fra le due teste, e nella Piramide, delle quali era quel Regno assai copioso, egli fa- cesse

cesse condurre di colà molta vettouaglia per beneficio dell'Italia, e di Roma. La stella crinita, quella si può credere, che significhi, nella quale si tenne, che dopo morto, si trasformasse il Diuo Giulio.    Il rouerscio dell'altra medaglia contiene la forma di vna simil naue: ma con l'arbore,    17. o antenna piantata in essa, e con certa machina a guisa di vn castello, e lettere nel disopra: C. I. V., che per auuentura possono dire: Colonia Iulia Victrix, o pure: Valentia, seu Victoria, e sarà la Colonia, che stampò simil medaglia. Direi, che pur questa contenesse la memoria della vittoria Attiaca: ma può esser, che fosse coniata di tal guisa per rappresentare, che conseguita da Cesare cosí gran vittoria, & edificato in Attio il Tempio ad Apollo, vi consacrò delle Triremi, e delle Naui, che fin dieci ordini di remi conteneuano.    Per così fatta vittoria, che recò smisurata lode a Cesare, inchinandosi di già ìn Roma tutte le cose alla virtù di lui, non vi si lasciò dimostratione di honore, che non gli fosse fatta; perche oltre l'hauer determinato, che nel suo giungere alla Città, lo incontrassero le Vergini Vestali col Senato, e'l Popolo, e le Donne, e li figliuoli, gli furono etiandio decretati de'voti, e delle Statue con la Tribunicia Potestà in vita, e dell'altre preminenze, volendo, che in tutte le Congregationi del Popolo vsasse la Corona Trionfale, e fosse chiamato Augusto, nome di veneratione, e di maestà, e col quale soleuano per prima chiamarsi i Dei; e ciò per distinguerlo maggiormente dalla conditione de gli altri huomini, e nel nome di Cesare si rappresentasse la successione del sangue, & in quello d'Augusto lo splendore della soprahumana sua dignità hauendolo anche denominato Padre; laonde per tal cagione, e per confirmatione del decreto stabilito, che fosse annouerato frà gli Dei, non pare, che vi sia dubbio, che stampasse il Senato, in vita di lui, molte medaglie   · Census ID10066560: »Dupondius of Tiberius (Augustus / SC, RIC 79) (owner: Angeloni)«    18. col titolo di Diuo, e che l'vna fosse quella con testa di Cesare in giouenile età ornata di Corona radiata, & inscrittione: DIVVS AVGVSTVS PATER. Fabricauasi d'oro la Corona radiata, con alcune punte, che inalzandosi d'intorno il capo, a guisa di raggi solari, per cosa Diuina dimostrauano colui, che tale la portaua: volendosi, che quelle punte fossero dodici in numero, o perche tanti sono i segni del Zodiaco, o perche altrettante furono le    19. fatiche d'Ercole: ha nel rouescio vna bellissima corona di quercia, nel cui mezo stanno poste le due lettere S. C. le quali denotano, che per Decreto del Senato, fù stampata cotal medaglia a gloria di Cesare. Del frutto della Quercia vissero già i primi huomini: e perche si tenne, che Gioue desse tal'arbore a'mortali per fine di mantenerli, co'frutti di esso, in vita; di questa però furono sempre simbolo le sue foglie, e se ne coronauano gl'Imperadori per l'augurio di lunga vita: concedendosi etiandio tal corona a colui, che saluaua in guerra vn Cittadino, come per testimonio, che gli hauesse, nel ciò fare, prolongata la vita. Ma se in altri, e specialmente ne' primi Imperadori la corona suddetta radiata significaua la Consecratione di essi, in Augusto la ragione non milita; perche là doue quelli furono Deificati, secondo l'vso antico, dopo morte; egli in vita, e quasi nel principiar del suo Imperio conseguì presso gli antichi l'esser nominato, e riuerito per Dio: dicendo Tacito, nel riferire le opinioni, che s'hebbero della vita d'Augusto, di così fatta guisa, se nella nostra fauella scriuesse: Niente esser più restato a gli Dei; poiche ancor esso voleua il medesimo culto di Tempij, d'Immagini, di Flamini, e di Sacerdoti. Et altroue, dopo hauer mostrato, che Tiberio disprezzò il Tempio, che volsero edificare a lui, & alla Madre, le Città della Spagna, soggiũge: Continuò poi anche ne'priuati ragionamenti a biasimare simil

simil culto, attribuendolo altri a diffidenza, & altri a bassezza, & a viltà d'animo, poiche è proprio de gli huomini di valore, lo ambire cose grandi: così Ercole, e Bacco fra' Greci, Quirino fra noi, furono fra gli Dei annouerati. E che meglio, e più egregiamente fece Augusto, che dirizzò l'animo, e la speranza all'esser adorato per Dio? E fauellandone Plinio: In somma disse, questo Iddio, il quale non sò se più si acquistò, o si meritò il Cielo, si morì, lasciando herede il figliuolo del suo nimico. E volendosi opporre, conforme l'opinione di Seruio, che la sopradetta medaglia fosse battuta ad Augusto dopo morto, per esserui il titolo di Diuo; il quale secõdo lui non ad altri s'attribuiua, che a gli huomini Deificati, vsciti ch'erano di vita; e che il nome Deus era il proprio delli Dei eterni: secondo ancora l'arguto, ma empio detto di Caracalla, riferito da Spartiano, verso il fratello Geta: sit Diuus, dum non sit viuus: e che nel vero si Deificassero gl'Imperadori già morti; ciò non toglie nondimeno, che alcuna volta il titolo, gli honori, e'l nome di Diuo non si concedesse ad alcuno Imperadore viuente, come si adempì in Augusto, & in altri dopo lui; percioche la grandezza de' fatti egregi di quello; e l'hauer partorito al mondo la pace, e la felicità, pose dubbio ne'mortali, s'egli fosse huomo, o alcuno de gli Dei: laonde se a lui viuente furono decretati Tempij, Altari, Sacerdoti, Voti, e Sagrifici, honori soliti concedersi à morti, e già attribuiti al Diuo Giulio; egli è però credibile, che anche gli honori della Diuinità presso i Gentili conseguisse, anzi in esso per maggior pregio s'accoppiassero i nomi Deus, e Diuus; onde ben potesse Virgilio celebrarlo, nel primo della Georgica, sopra Cesare, Bacco, Nettuno, e Minerua. An Deus immensi venias maris, ac tua nautae Numina sola colant.    Dione nel cinquantesimo primo libro di lui afferma, che: Decretum, vt in Hymnos iuxta Dijs immortalibus ipse describeretur. E parimente l'erudito Odolfo Occone lasciò scritto; Alij Imperatores post mortem tantum inter Deos relati sunt, Augustus autem Templa viuus meruit. E l'istesso Virgilio nell'Egloghe O Meliboee, Deus nobis haec ocia fecit. Namq. erit ille mihi semper Deus, illius aram Saepe tener nostris ob ouilibus imbuet Agnus.    il qual verbo erit, non è quì preso nel suo stretto significato, che riguarda solamente il futuro: ma nella sua larga intelligenza, che mira anche il presente: onde v'aggiunse il semper: cioè erit mihi Deus in vita, & post mortem. nè solamente egli il chiamò Dio, ma Diuo. Nec tam praesentes alibi cognoscere Diuos.    e tale nominollo Oratio nel 3. libro, ode 5. Coelo tonantem credidimus Iouem Regnare, praesens Diuus habebitur Augustus, adiectis Britannis Imperio, grauibusq. Perfis.    Su'l fondamento delle quali ragioni, & autorità pare, che si possa francamente affermare, che in vita di Augusto gli fossero stampate dal Senato delle medaglie col titolo di Diuo, & insieme di Padre, e ciò per confirmatione di quanto egli medesimo decretato gli haueua: sìche caminando con simil propositione, si può affermare, che vditasi in Roma la notabile vittoria di Augusto nell'Egitto, si pensasse di accrescergli, per qualunque via, la meritata gloria, con altra medaglia   · Census ID10066563: »As of Tiberius (Augustus / Thunderbolt, RIC 83) (owner: Angeloni)« , e testa nella    20. età già descritta, cõ la corona parimente radiata, e lettere: DIVVS AVGVSTVS PATER, che dimostra nel rouescio la forma di vn fulmine, con due ale nel mezo, & inscrittione S.C. il

il qual fulmine fù inteso da gli antichi Egittij, per l'ampiezza della gloria, e per la fama distesa da per tutto il mondo: essendo che niuna cosa vi è, che renda maggior suono, e che più comunemenre si oda, di quel che auuiene de'tuoni nell'aere; da'quali esce, accompagnato da eccessiuo, & vniuersale splendore, il fulmine; la cui velocità, nel produrre l'effetto suo, si rappresenta nell'ale suddette: la onde quello, che fù attribuito dal Senato ad Augusto, non altro si può credere, che significasse, se non solo l'ampiezza della gloria di lui palesata, e stimata per tutto il mondo: quando però non si volesse dire, che tal fulmine, egli stesso ordinò, che s'imprimesse nelle medaglie, per dar a vedere, che haueua pronto, e veloce il castigo verso coloro, che fossero tristi, o che intentassero delle nouità in Roma, o per l'Imperio.     Fù nella congiuntura di simil vittoria chiuso il Tempio di Giano, che due sole volte era per prima stato serrato; e stimo che si vegga di ciò la memoria nella medaglia   · Census ID10066566: »As of Tiberius (Augustus / Altar, RIC 80) (owner: Angeloni)«   · Census ID10044305: »As of Tiberius (Augustus / Altar, RIC 81)« , con testa    21. di Augusto ornata di corona radiata, e lettere, secondo le descritte, & vn Tempio nel rouescio con sue porte chiuse, leggendouisi: PROVIDENT. S. C. il qual Tempio per parere di Odolfo Occone, e d'altri, si tiene esser quello di Giano, chiuso per la Prouidenza vsata da Augusto nel conseguire il fine delle vittorie, ch'egli hebbe.    Nè pare, che possa contradirsi, che non gli fosse cotal medaglia stampata in vita; percioche, se diuersamente fosse incontrato, vi apparirebbe il segnale di chi l'hauesse restituita; nella forma appunto, che auuenne delle seguenti, che sono appresso di me, nè quì si pongono in disegno per non replicarle; contiene nell'vna   · Census ID10066745: »As of Nerva (Divus Augustus / Altar, RIC 133) (owner: Angeloni)« la testa di esso Augusto senza corona, & in età cadente, con lettere: DIVVS AVGVSTVS: & hà nel rouescio il Tempio di sopra descritto, leggendouisi IMP. NERVA CAES. AVG. REST. S. C.     Nell'altra   · Census ID10053873: »As of Titus (Divus Augustus / Altar, RIC 449) (owner: Angeloni)« stà la testa di Augusto, ma più simigliante a Tito, che a lui: hà la corona radiata, e lettere conformi alle suddette, vedendosi nel rouescio il Tempio già detto, con inscrittione: IMP. T. VESP. AVG. REST. PROVIDENT. S. C. cioè, Imperator Titus Vespasianus Augustus restituit. Prouidentia Senatus Consulto. dal che si raccoglie, che nelle medaglie stampate dopo la morte di coloro, alla cui memoria furono dedicate, vi si notò sempre il nome di chi le restituì: ma di ciò si vedranno altri rincontri.     Fra li molti, e segnalati honori fatti dal Senato, e dal Popolo Romano ad Augusto, dopo l'auuiso della suddetta vittoria, l'vno fu il decretargli delle Statue, fra le quali vna ve n'hebbe tutta d'oro, posta entro il Senato; e di questa tengo, che restasse accesa la memoria nella medaglia   · Census ID10066568: »Dupondius of Caligula / Augustus (RIC 56) (owner: Angeloni)« , in cui si vede la testa con la corona radiata, e lettere: DIVVS AVGVSTVS S. C. e si stà nell'opposto lato il medesimo Augusto sedente in habito Consolare, col capo discoperto,    22. in atto di Pacificatore, stende con la destra mano vn ramoscello d'oliuo, e con l'altra, che si stringe al petto, tiene vna patera: contrasegno della già attribuitagli Diuinità, e vi si legge: CONSENSV SENAT. ET EQ. ORDIN. P. Q. R. cioè, Consensu Senatus, & Equestris ordinis, Populiq; Romani. e tengo simil memoria fosse per rappresentare la Pace introdotta da Augusto, e stabilita per tutte le parti dell'Imperio.    Giunto pertanto Augusto di ritorno in Roma, vi triõfò in vn giorno de' Dalmati, degli Iapigi, de' Celti, e de' Galli già da lui di persona, o col mezo de' suoi luogotenenti vinti, e domati. Nel secondo giorno rappresentò intera la battaglia di Attio. Nel terzo volle mostrare la presa dell'Egitto, e vi fù condotta la effigie di Cleopatra in atto di esser morsicata dall'aspide, e con essa si videro li figliuoli. Terminò in venti due anni le guerre ciuili, & impadro-

impadronitosi dell'Imperio Romano, lo resse, e gouernò con tanta prudenza, e giustitia, che fece acquisto dell'amore vniuersale de'Romani, e dell'altre Nationi; percioche, se per l'addietro le cose nõ ben stabilite erano state facili ad esser'abbattute dalla discordia; regolate poscia da lui, & a placido temperamento di gouerno condotte, furono per lo innanzi, più habili a sostenersi nel fruttuoso modo del viuere, & a rendersi etiandio più dureuoli. Non accettò tuttauia il nome d'Imperadore, cioè quello che denota l'intera potestà dell'imperio, se non nel quinto suo Consolato. Soleuasi ben prima, secondo l'vso antico, per le vittorie conseguite, chiamare Imperadore qualunque Capitano: ma il titolo preso da Augusto, riuscì tanto maggiore del primo, quanto, che notificò la possanza, e lo stabilimento dell'Imperio in sè, e ne'descendenti. Hebbe dapoi il Pontificato Massimo; il quale honore, benche fosse da lui molto desiderato, non volle perciò toglier giamai a Lepido, che lo possedeua, fin che non fu morto. Si crede, che il nome di Pontefice traesse sua origine dal poter fare; poiche l'autorità di quello, & il potere era eminente sopra gli altri Sacerdoti, che a lui obediuano; e li primi Pontefici, al numero di quattro, furono creati di gente Patritia da Numa Pompilio: ma altrettanti ne volle dapoi la plebe, e tutti hebbero vn solo capo, chiamato Pontefice Massimo; appresso al quale stauano scritte le cose tutte appartenenti alla Religione di essi. Tale dignità si attribuirono poscia gl'Imperadori per la superiorità, che recaua con sè, non solamente per commodo proprio loro, ma per l'vtile comune; percioche tanto erano solleciti nelle cose della Religione, quanto in quelle del gouerno dell'Imperio. Entratone però Augusto al possesso, tengo, che così per contrasegno di ciò, come per la facoltà riceuuta del portare la laurea, fosse decretata la medaglia   · Census ID10063999: »Dupondius of Augustus / SC (RIC 426) (owner: Angeloni)« , in cui vedendosene coronato il capo di lui, gli stà dietro vna Vittoria, che fà vista di    23. mantenergliela aggiustata con la destra mano; sostiene con la sinistra il cornucopia, segnale di douitia, e di felicità, leggendouisi: CAESAR AVGVSTVS. PONT. MAX. TRIBVNIC. POT.    24. e nel dintorno del rouescio sono tali lettere: PVBLIVS LVRIVS AGRIPPA III. VIR. A. A. A. F. F. cioè Triumuir Auro, Argento, Aere Flando, Feriundo; Senatus Consulto. Il nome suddetto è del monetale, o sourastante della Zecca, che tal medaglia fece battere, denotando appresso le materie delle quali si soleuano stampare simili memorie: cioè d'oro, d'argento, e di metallo; e che tutto seguiua per solo decreto del Senato, come dall'altre medaglie battute in Roma a pieno si raccoglie.     Il titolo d'Imperadore si legge in poche medaglie   · Census ID10066572: »As of Augustus / SC (RIC 528) (owner: Angeloni)« di Augusto: ma pur si stà in quella, che contenẽdo la testa di lui laureata, e lettere: IMP. AVGVST. TR. POT. cioè Imperator Augustus Tribunicia Potestate. ha nel rouescio la corona di quercia con le sole lettere S. C. nel mezo, volendo significare con la corona di lauro, che tiene in capo, il vincere, che fece gl'inimici, e con l'altra di quercia, lo hauer saluati li Cittadini. Se n'è veduta vna simile, e però questa non si è posta in disegno, come souerchia.    Ridusse Augusto ad vso le buone leggi antiche appartenenti alla giustitia, & ne instituì dell'altre, comunicandole al Senato prima di publicarle. Corresse i costumi, e gli abusi intorno la Religione; e molte cose andò regolando per beneficio di Roma, e dell'Imperio Riceuè in amicitia gl'Indi, e gli Sciti, conosciuti per prima solamente di nome. Rihebbe da'Parti li prigioni, e le insegne militari già tolte à Crasso, & ad Antonio, e col riceuerne Ostaggi, gli accettò all'vbidienza, e alla sua diuotione. Diuersi Rè, deposte le insegne, e gli habiti Regij, si trasferirono à lui per conoscerlo, e per riuerirlo; e molti edificarono del- C le

le Città, e chiamaronle Cesaree. Non perciò si restarono gli empi di ordir delle congiure per vcciderlo, e de'Popoli, per desiderio di nouità, di ribellarsi: le prime iscoperte, furono oppresse; e li secondi, col mezo de'suoi Capitani, quantunque nella Germania si perdesse Druso di lui figliastro, e vi fosse morto Lollio, e Varo con tre Legioni, & altre genti, tagliate à pezzi; nondimeno egli tutto domò. Non volle la Dittatura offertagli dal Popolo. Hebbe in animo di render libera la Republica col rinuntiare l'Imperio: mà per consiglio di Mecenate, che contrariando il parere di Agrippa, ne lo dissuase, se ne astenne. Per cagiõ di guerra, o di visita viaggiò per tutte le Prouincie dell'Imperio dall'Africa; e dalla Sardegna in fuori, impeditoui dalle tempeste, e da gli affari. Li Regni acquistati per forza, o per ragion di guerra restituì quasi tutti a'primi posseditori, o gli concedette à nuoui Re. Ordinò vn'Armata di Mare à Miseno, e l'altra à Rauenna per sicurezza dell'Imperio. Con seuerità disciplinaua, e correggeua i Soldati, e coloro hebbe in pregio, & honorò, e con doni riconobbe, che erano valorosi, o letterati. Fù tredici volte Consolo; ma cotal dignità hebbe poi dal Senato, e dal Popolo in vita. Si portò placidamente nel Triumuirato, incomparatione di Antonio, e di Lepido, che come ministri vecchi di Caio Giulio, hebbero maggior'emulationi, & inimicitie di lui; e diede anche segnali del dispiacere, che sostenne per li mali accaduti. Rese adorna Roma di grandi, e ricchi edifici, e la fornì di gente, e di entrate publiche, lasciandola di marmo, là doue la riceuette di mattoni. Riformò, nel tempo della sua Censura cõ Agrippa, il Senato; e si studiò fuor di misura nel tenere ragione, e nel mostrarsi clemente, e pietoso: onde hauendo compito il quinto Consolato, hebbe dal Senato il titolo di Padre della Patria. Cõ magnanimità donaua à tutti, e souueniua il Popolo, ne'bisogni, di grani, e di altre cose. Fece celebrare giuochi, e feste bellissime; e per tal effetto volse l'animo a fornir di ristorare il Circo Massimo, la cui impresa fù incominciata da Cesare, e talmente lo accrebbe, & ornò, che poteua affermare essere stato del tutto rinouato da lui, non vi si comprendendo se non piccola parte di quello, che prima da Romolo, e poi da Tarquinio Prisco, & vltimamente dall'altro Tarquinio detto il superbo, fù fatto in esso. Veggonsi pur hoggi le vestigia di cotal Circo, che dalle radici del Palatino vanno dilatandosi verso l'Auentino, e lo arricchì Augusto, oltre à molti notabili ornamenti, di vn'Obelisco alto centotrentadue piedi, che di Hieropoli Città d'Egitto fece condurre à tal effetto, ordinando il tutto in modo, che ageuolmente vi si rappresentauano i giuochi di Cacce di animali, di Caualli, con Carrette, e senza: secondo richiedeuano le imprese, o le feste esercitateui; fra le quali introdusse, con grandezza militare, il giuoco Troiano, che da Ascanio figliuolo di Enea si vuole, che prendesse sua origine. Si partiuano in esso i giouinetti in due schiere, e sopra destri Caualli bene armati, o si affrontauano insieme, o fuggendo l'vno era dall'altro seguitato, à somiglianza di combattenti inimici. E ciò stimauasi ottimo per mantenere la giouentù Romana occupata ne gli esercitij militari. Della forma de'Cerchi, e di altri particolari ad essi appartenẽti, si vedranno de'raccõti in Nerone, in Traiano, & Alessandro; ma cõtenẽdo quello di cui si parla, poco meno di mezo miglio per lũghezza, & vn'ottauo di larghezza; si afferma, che vi dimorassero sedendo cento cinquanta milia persone. Se ne raccoglie tuttauia la forma nella medaglia   · Census ID10067930: »Contorniate with Augustus / Circus Maximus (owner: Angeloni)« battuta in Crotone, con testa laureata di Augusto, &    25. vna piccola palma nel dinanzi, e lettere: DIVVS AVGVSTVS PATER: vedendosi nel rouescio esso Cerchio fabricato sopra di più archi: mà sù li due, che erano li maggiori, e acco-

accomodati per l'entrata, stanno altrettante quadrighe, l'vna guidata da'caualli, e l'altra da Elefanti: hà nel mezo l'Obelisco già detto; e quattro de'simili, mà più piccoli sono posti, due per lato, del maggiore, e senza veruna lettera.     Molti grandi, & egregi Tempij furono edificati da Augusto; & quantunque ne fossero eretti ad honore di lui, non volle accettarli altramente, che col nome della Città, e suo: secondo lo dimostra la medaglia   · Census ID10066574: »As of Augustus / Altar (RIC 230) (owner: Angeloni)«   · Census ID10066577: »Sestertius of Augustus / Altar (RIC 229) (owner: Angeloni)« , con effigie di Augusto laureata, e parole: CAESAR.    26. PONT. MAX. & vn Tempio nel rouescio bene ornato, che rappresenta sopra gli angoli due Vittorie, le quali porgẽdo, con le destre, vna corona, sostengono, con le sinistre mani, vna palma per ciascuna, leggendouisi: ROM. ET AVG. cioè Romae, & Augusto, la qual medaglia si tiene, che fosse battuta in Pergamo, facendo mentione di vn cotal Tempio Tacito per bocca di Tiberio, mentre questi ricusò, che dalla Spagna ne fosse eretto vno à lui, & alla Madre Liuia.     Perche temè forte Augusto de' tuoni, e de' fulmini, intantoche portaua con se dicontinuo della pelle di Vitello Marino, edificò a Gioue Tonante vn Tempio in Campidoglio, o che egli per tal effetto lo facesse, o che nel principiarlo, o consacrarlo si vdissero veramente de'tuoni dal Cielo: ouero come riferisce Suetonio, che nell'andare all'impresa di Cantabria, trouatosi di notte in lettica, gli fù occiso dalla saetta colui, che gli portaua accanto la torcia, e a lui strisciò ben d'appresso senza offenderlo: vedesi pertanto vn cotal    27. Tempio entro vna bellissima medaglia   · Census ID10066579: »Denarius of Augustus / Jupiter Temple (RIC 64) (owner: Angeloni)« di metallo con sei colonne, che sostentano l'architraue col frontispicio; nel cui mezo si stà il simulacro ignudo di esso Gioue appoggiato, con la sinistra mano, ad vn'hasta, mentre stringe con l'altra il folgore con lettere dall'vn de' lati: IOVI, e dall'altro TON. cioè Ioui Tonanti. S. C. hauendo nel rouescio la testa di esso Augusto senza corona, e con parole: CAESAR AVGVSTVS. Fù anche tal Gioue detto Tonans, & fulgens; facendoglisi nella destra il folgore.     Essendogli poste in publico delle Statue di argento, fattele leuare, e fondere, volle, che la materia seruisse per vari ornamenti del Tempio di Apollo edificato da lui in certa parte della sua Casa, la forma del quale si scorge entro la medaglia   · Census ID10066582: »Dupondius of Tiberius (Augustus / Temple, RIC 74) (owner: Angeloni)« , che contenendo da    28. vn lato la testa di Augusto con la corona radiata, e lettere: DIVVS AVGVSTVS PATER, si stà nel rouescio esso Tempio; la cui facciata arricchita di sei colonne, dimostra nel mezo vna porta, e da'lati, due grandi base, sù ciascuna delle quali è allogato vn Bue; nè altro vi si legge, che S. C e ben pare, che li due Buoi suddetti lo dimostrino vn Tempio di Apollo; perciochè pur egli fù quà giù guardatore di armenti, & a lui cotali animali si sacrificauano in Delfo, nè io concorro con loro, che lasciarono scritto poter cotal Tempio essere vno delli molti, che da varie Prouincie furono eretti, e consecrati ad Augusto dopo la morte di lui; perche simil memoria sarebbe in tal caso stampata fuori di Roma, nè vi apparirebbe il segnale del decreto del Senato S. C. oltre che in questa medaglia, & in altre simiglianti, intendo, che militino le ragioni addotte di sopra, e per le quali appare, che Augusto fosse riuerito in vita per Diuo.    Fù Augusto Oratore, dilettossi di lettere Greche, e molte cose lasciò di sè in prosa, & in verso; fù sobrio, e temperato nel vitto, e nel vestire: ma incontinente, quanto alle Donne, & prestò fede a'sogni, & à gli augurij. Osseruò; e solamente tenne conto della Religione, e delle cerimonie antiche, nelle quali era alleuato: Morirono prima di lui Lepido, Mecenate, & Agrippa; il primo, quantunque participasse del Triumuirato, C 2 non

non fù tuttauia huomo di stima: ma egli lo mantenne sempre sommo Pontefice, nè tal grado si prese, se non dopo la morte di lui. L'altro fù Caualiere Romano, e tanto l'hebbe per confidente, che nelle infermità andaua à riposare nella sua Casa, e se ne seruì nel gouerno di Roma, e dell'Italia. Agrippa hebbe per moglie Marcella figliuola di Ottauia, e nepote di Augusto; dal quale fù astretto à lasciarla, & a prender Giulia sua figliuola. Generò di costei Caio, e Lucio, che furono adottati da Augusto, e introdotti ne' maneggi della Republica, e disegnati Consoli, & appellati Cesari: ma poscia l'vno morì in Licia, e l'altro in Marsilia per insidie di Liuia, come alcuni tengono, e fù dedicata loro da Augusto vna Basilica. Si vede la memoria di questi in alcune medaglie   · Census ID10065332: »Copper coin of Apamea ( Augustus / Gaius and Lucius, RPC I 2010A) (owner: Angeloni)« d'argento, e d'oro, & anche di metallo; trà le quali vna ve n'è piccola, che hà dall'vn' lato la testa di    29. Augusto senza corona, e con lettere: CAESAR AVGVSTVS; e dall'altro sono le due effigie di Caio, e di Lucio, che l'vna guarda l'altra, e frà amendue si veggono le lettere: C. L. che inferiscono i nomi loro. Nel dintorno ve ne sono dell'altre, ma corrose in guisa, che non possono leggersi; e saranno per auuentura l'istesse riferite da Odolfo Occone nel descriuer, che fa, simil medaglia, cioè: C. L. CAESARES AVGVST. F. COS. DESIG. PRINC. IVVENT. cioè: Caius, Lucius Caesares Augusti Filij, Consules Designati, Principes Iuuentutis. Cotal titolo di Principe della Giouentù conseguiuano li giouinetti Principi, quando deposta la veste puerile chiamata Pretesta, esercitauano poscia nell'età adulta il Consolato. Era la Pretesta vna veste lunga fino al tallone, così detta per ornamento della fascia di porpora, che la circondaua, vsandola insieme con la Bulla i fanciulli nobili, che diceuansi Pretestati; e fù data loro tale, accioche il rossore della porpora seruisse a quelli di ricordanza della vergogna, che a gli huomini liberi si conuiene. Portauano al collo la Bulla aurea fatta in forma di cuore per ricordanza, che doueuano auanzar di cuore gli altri nella prudenza, e nel valore. Morti Caio, e Lucio, e deredato, per suoi mali portamenti, vn fratello di essi detto Agrippa, diede Augusto à Tiberio la possanza Tribunicia, e lo si adottò, facendo, ch'egli si adottasse Germanico: non ostante l'esserui Druso figliuolo del medesimo Tiberio. Giulia madre de'suddetti, che già moglie di Marcello, poi di Agrippa, restaua uedoua, fù da Augusto maritata à Tiberio; facendogli per tal fine rinuntiare Agrippina di Marco Agrippa; della quale hebbe Druso.    Correndo il Consolato decimoterzo di Augusto con Marco Claudio Siluano, stabilita già la pace vniuersale, e chiuso il Tempio di Giano, venne nel fornir dell'anno, frà' mortali, col mezo del beatissimo parto di Maria sempre Vergine, la vera luce, che dà vigore alla Natura, e ciascheduna cosa creata rauuiua, dico CHRISTO GIESV dell'humano genere pietosissimo Redentore; il quale per Diuina permissione, da Augusto in sembianza di Bãbino frà vn gran splendore nel Cielo, per mezo della Sibilla, fu veduto; ouero (come dice il Baronio) cõ la lettura de'libri Sibillini vẽne Augusto in cognitione del Verbo incarnato. Massimamente che per prima dal confuso Oracolo Delfico, che poscia con gli altri ammutì, n'hebbe alcuna notitia, e gli eresse per tal rispetto in Campidoglio vn grandissimo Altare con elogio: ARA PRIMOGENITI DEI. Nacque

    N Acque Marcello di Ottauia sorella di Augusto; & hauendo questi riposte le sue speranze in cotal Nipote, diedegli per Moglie la propria figliuola Giulia; alle cui nozze ordinò, che assistesse Agrippa in sua assenza. Permise il Senato à Marcello di esser Senatore frà coloro, che erano stati Pretori; e che dieci anni prima, che non gli era lecito, chiedesse il Consolato, e fù Edile: ma ancora giouane soprapreso da infermità morì, non senza sospetto, che Liuia, per non vederlo anteposto a'figliuoli, ve lo aiutasse. Sepolto nel Mausoleo fabricato dal Zio, hebbe dal medesimo l'honore di molte lodi, & insieme la dedicatione di vn Teatro al suo nome. E perche io mi truouo la effigie di    30. Marcello in vna pasta antica di colore Zaffirino, di ottimo maestro, e grande, quanto il testone Romano, hò quì voluto riporla come cosa rara; essendo giudicata tale da'periti.    Passata Giulia alle terze nozze, e datasi à viuere con dissolutezza, fù astretto Augusto a ripudiarla per nome di Tiberio, che allhora dimoraua in Rodi; e la confinò nell'Isola Pandataria, doue con Scribonia sua Madre morì. Di detta Giulia, e di Agrippa restò vn'altra Giulia; che maritata in Lucio Paolo figliuolo di Paolo Emilio Censore non riuscì punto alla madre differente: onde fù confinata nell'Isola Trimera, e vi morì dopo venti anni, hauendo hauuto nelle sue delitie vn Nano detto Canopo, che non eccedeua due piedi di lunghezza: furono alleuati da Augusto la figliuola, e li Nipoti con supremo studio, e se ne doueua perciò sperar bene: ma volle nondimeno sua sorte, che ne rimanesse discontento. Trasferitosi, per cagion di alcune feste, à Napoli, & indi à Nola, iui vi morì nella età sua di settantacinque anni, due mesi, e ventisei giorni, e dopo quarantaquattro anni, meno tredici giorni d'Imperio assoluto: nè passò senza, che si temesse esserui stato alcuno de'soliti aiuti di Liuia, forse impatiente nell'aspettare di veder posseduto da Tiberio l'Imperio Romano. Spirato Augusto, e temendo Liuia di solleuatione, mentre si teneua, che Tiberio fosse ancora lontano, celò di modo simil successo, che non prima se ne vdì il vero, che s'intese esser tornato il figliuolo di Dalmatia in Roma: onde ad vn tempo fù palese la morte di Augusto, e la successione di Tiberio al Principato. Ricondotto da Nola il corpo morto entro di vna lettica d'auorio, e d'oro, coperta di vn ricco panno, vi si vide però solamente la immagine di Augusto in habito Trionfale, & vna simile di oro ne fù tratta fuori del Senato, e vn'altra se ne porto sopra vna carretta Trionfale; di questa giudico, che si lasciasse la memoria nella medaglia   · Census ID10066586: »Sestertius of Tiberius (Augustus in Elephant-Quadriga / SC, RIC 68) (owner: Angeloni)« , che hauendo dall'vn    31. lato S. C. con lettere: TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVGVST. P. M. TR. POT. XXXIIX. cioè Tiberius Caesar Diui Augusti Filius Augustus, Pontifex Maximus, Tribunitia Potestate trigesimum octauum. mostra nell'altro il carro suddetto tirato da quattro Elefanti caualcati da altrettante persone, e si stà sù'l carro la statua di Augusto sedente, che mentre appoggia la sinistra mano ad vn'hasta, porge con la destra vn ramoscello di alloro, e si legge nel disopra: AVGVSTO. S. P. Q. R. cioè: Senatus, Populusque Romanus. fù costume de gli antichi il rappresentare in varie guise l'Eternità, e fra queste, la dimostrarono con vno solo, o con più Elefanti, volendosi, che tali animali viuano sopra tutti gli altri vna lunghissima vita, la quale in paragon di quella, che comunemente si viue, pare eterna.    Si videro, nel cõdurre l'istessa pompa, varie immagini de gli antenati di Augusto, e fin di Pompeo il Magno: vi comparuero dipinte tutte le nationi da lui vinte, e debellate. Ho- norato

norato il corpo da Tiberio con Oratione, fù dal Senato, e dal Popolo e da tutti gli ordini d'huomini, e di donne, condotto sù le spalle in Campo Marzo, & iui riposto sù la Pira, fabricata per tal effetto: la circuirono prima i Sacerdoti, poscia i Caualieri, e coloro, ch'erano in Magistrato, e corsiui d'intorno gli huomini d'armi deputati a'presidij, e gittatoui sopra qualunque segnale di vittoria riceuuto da lui per alcun fatto notabile, e prese da'Centurioni le facelle tenute da'Senatori, con esse infocarono la Pira; dalla quale ardendo, vscì vn'aquila, che volata in alto, si tenne, che l'anima del morto nè portasse in Cielo. Deificato, anche dopo morto, per simil modo Augusto, gli furono decretati altri Sacerdoti, e giuochi; e Tempij; trà quali l'vno edificato da Tiberio, si raccoglie    32. in medaglia   · Census ID10066589: »Sestertius of Tiberius (Temple / SC, RIC 61) (owner: Angeloni)« con S. C. dall'vn lato, e lettere: TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVGVST. P. M. TR. POT. XXXVII; e nell'altro stà vn bellissimo Tempio; al quale, salendosi per gradi, fanno ornamento due statue, sù le loro base, da' lati de' gradi; e più in alto, otto colonne poste ad vn piano, con alcuni proportionati risalti, vanno à prendere il soprastante frontispicio. Si scorge etiandio dal foro di vna gran porta il di dentro del Tempio, & iui la Statua di Augusto, che sedendo, appoggia la sinistra ad vn'hasta, e sostiene con la destra mano vn ramoscello di oliuo in atto di Pacificatore: mà come da' lati del Tempio si alzano due ale di muraglia, che co'loro cornicioni, e con due finestre, accompagnano il rimanente; così non men sopra di essi, che del frontispicio medesimo, sono disposte varie statue, che rendono pregiato il rimanente: nè cosa alcuna si legge da cotal parte.     Ma perche stimo, che Tiberio volesse far apparire separatamente la memoria della    33. statua suddetta di Augusto, questa si vede in particolar medaglia   · Census ID10066592: »Sestertius of Tiberius (Augustus Seated / SC, RIC 49) (owner: Angeloni)« sedente, con la corona radiata sù'l capo, che appoggia la sinistra mano ad vn'hasta, e sopra vn'Ara, che le stà posta dinanzi, porge vn ramoscello d'oliuo con la destra, leggendouisi: DIVVS AVGVSTVS PATER: come parimente nel rouescio sono tali lettere. S. C. TI. CAESAR DIVI F. AVGVST. P. M. TR. POT. XXIIII.     Mà accanto à Tiberio, volle Tito restituire in due simiglianti medaglie   · Census ID10065069: »Sestertius of Titus (Augustus / S C, RIC Titus 404) (owner: Angeloni)«   · Census ID10053863: »Sestertius of Titus (Divus Augustus / SC, RIC 399) (owner: Angeloni)« , la memoria del Diuo Augusto, nè in altro differiscono dalla già descritta, che nelle lettere del rouescio, leggendouisi nel dintorno dell'vna, che contiene la medesima statua con la corona radiata: IMP. T. CAES. DIVI VESP. F. AVG. P. M. TR. P. P. P. COS. VIII. S. C. cioè: Imperator Titus Caesar Diui Vespasiani Filius Augustus, Pontifex Maximus, Tribunitia Potestate, Pater Patriae, Consul Octauum. Senatus Consulto. e nell'altra è la statua senza corona con lettere: IMP. T. CAES. VESP. F. AVG. P. M. TR. P. PP. COS. VIII. RESTI. S. C. cioè Restituit.     Dilettossi grandemente in vita Augusto, che il suo natale fosse seguito sotto il segno del Capricorno, il quale stà nel Cielo appresso il Sagittario formato di ventotto Stelle, e volle, che di ciò si comprendesse il rincontro in più medaglie   · Census ID10066596: »Sestertius of Tiberius (Shield / SC, RIC 63) (owner: Angeloni)« di metallo, d'argento, e d'oro. Cotal memoria adunque frà le più accette ad Augusto, rinouò Tiberio in la medaglia, con S. C. e lettere TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVGVST. P. M. TR. POT. XXXVII; vedendosi    34. nel rouescio due Capricorni, cioè dal mezo in sù Capre, e'l resto Pesce, di che posati i corpi sopra di vn globo, che la sfera celeste rappresenta, di colà l'vno all'opposto dell'altro s'inalza, e dalle corna escono due rami di quercia in giro, che vna corona vanno formando; nel cui mezo si legge: OB CIVES SER. & nel dintorno: DIVO AVGVSTO S. P. Q. R. la dilettatione suddetta in Augusto per cotal segno del Capricorno si vuole, che procedesse, che trouandosi egli in Apollonia per cagion di studio, andò insieme con

con Agrippa à visitar Teogene Matematico; dal quale intese Agrippa cose quasi incredibili di quelle, che doueuano incontrargli: ma veduta poscia la natiuità di Augusto, alzatosi di doue staua, sedendo, gli si lasciò cadere a'piedi adorandolo, dal che prese allhora Augusto gran fidanza di sè stesso; & a suo tempo fece batter delle medaglie d'oro, e d'argento con tal segno, e Tiberio le restituì poi di metallo.    Fù così venerando ne'posteri il nome di Augusto, che molti restituirono le memorie di lui, e l'vno fù Nerua; il quale hauendone fatta scolpire la testa laureata in medaglia con lettere. DIVVS AVGVSTVS; si pregiò, che apparisse nel rouescio il nome di sè stesso con simiglianti parole: IMP. NERVA CAESAR AVGVSTVS REST. S. C. come pur auuenne delle due seguenti.    Si stà nella prima la testa di Augusto con la corona radiata, e lettere DIVVS AVGVSTVS.    35. mostrando nel rouescio vn globo attrauersato da vn Timone di naue con inscrittione. IMP. NERVA CAES. AVG. REST. S. C. volendo col globo, che significa il mondo, dar'à vedere la Monarchia acquistata, e stabilita da Augusto; e col Timone, il reggerla che fece con la sua prudenza.    Contiene l'altra dall'vn lato, la testa di Augusto senza corona, e con lettere: DIVVS    36. AVGVSTVS; e nel rouescio vn'Aquila in piedi con l'ale aperte, e distese, fiera in vista, che stringe con gli artigli il fulmine, e vi si legge: IMP. NERVA CAES. AVG. REST. S. C. la quale, benche potesse inferire la Deificatione di Augusto, reca tuttauia cagione di ricordar quello, che Suetonio và scriuendo di vn certo prodigio incontrato all'hora, che raunate in Bologna le genti di Ottauio con quelle di Marcantonio, e di Lepido; postasi vn'Aquila sopra il padiglio ne di Ottauio, e combattuta da due Corbi, che presala nel mezo, la infestauano da ogni lato, essa arditamente dibattutigli, li gittò à terra: perloche da vn così fatto successo si argomentò la guerra, che doueua seguire fra quei trè Capitani, e che ne resterebbe Augusto il vincitore.    Le quali medaglie restituite da diuersi Imperadori confermano tuttauia la già presa opinione, che ne fossero stampate molte in vita di Augusto col titolo di Diuo.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10066544: »Denarius of M. Cocceius Nerva (M. Antonius / L. Antonius, RRC 517.5a) (owner: Angeloni) « 2. Census ID 10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10066538: »Dupondius of Octavian / Caesar (RRC 535.1) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10066547: »Aureus of Lepidus / Mars (RRC 494.7a) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10066547: »Aureus of Lepidus / Mars (RRC 494.7a) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10066550: »As of Caligula (Marcus Agrippa / Neptun, RIC 58) (owner: Angeloni)« 7. Census ID 10066550: »As of Caligula (Marcus Agrippa / Neptun, RIC 58) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10025821: »Bronze Coin of Nemausus (Heads of Octavian and Agrippa / Crocodile, RPC I 525)« 9. Census ID 10025821: »Bronze Coin of Nemausus (Heads of Octavian and Agrippa / Crocodile, RPC I 525)« 10. Census ID 10066730: »Cistophorus of M. Antonius and Octavia / Dionysus (RPC 2202) (owner: Angeloni)« 11. Census ID 10066730: »Cistophorus of M. Antonius and Octavia / Dionysus (RPC 2202) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10066553: »Denarius of M. Antonius / Cleopatra (RRC 543.1) (owner: Angeloni)« 13. Census ID 10066553: »Denarius of M. Antonius / Cleopatra (RRC 543.1) (owner: Angeloni)« 14. Census ID 10066736: »Bronze Coin of Lugdunum (Heads of Caesar and Octavian / Prow, Eye and Dolphin, RPC I 515) (owner: Angeloni)« 15. Census ID 10066736: »Bronze Coin of Lugdunum (Heads of Caesar and Octavian / Prow, Eye and Dolphin, RPC I 515) (owner: Angeloni)« 16. Census ID 10065328: »Bronze of Vienna (Caesar and Octavian / Prow, RPC I 517) (owner: Angeloni)« 17. Census ID 10065328: »Bronze of Vienna (Caesar and Octavian / Prow, RPC I 517) (owner: Angeloni)« 18. Census ID 10066560: »Dupondius of Tiberius (Augustus / SC, RIC 79) (owner: Angeloni)« 19. Census ID 10066560: »Dupondius of Tiberius (Augustus / SC, RIC 79) (owner: Angeloni)« 20. Census ID 10066563: »As of Tiberius (Augustus / Thunderbolt, RIC 83) (owner: Angeloni)« 21. Census ID 10066566: »As of Tiberius (Augustus / Altar, RIC 80) (owner: Angeloni)« 22. Census ID 10066568: »Dupondius of Caligula / Augustus (RIC 56) (owner: Angeloni)« 23. Census ID 10063999: »Dupondius of Augustus / SC (RIC 426) (owner: Angeloni)« 24. Census ID 10063999: »Dupondius of Augustus / SC (RIC 426) (owner: Angeloni)«

   NAcque Tiberio di Tiberio Claudio Nerone, e di Drusilla: il Padre fù preposto da Caio Giulio, come Questore, all'Armata in Alessandria, quando la debellò, & hebbe gran parte in tal vittoria; ottenne il Pontificato, in luogo di Scipione, e morto Giulio, non ostante che terminasse l'vfficio della Pretura, in cui si trouaua ritenne nondimeno le insegne del Magistrato, e trasferitosi a Perugia con Lucio Antonio Consolo fratello di Marc Antonio, egli solo fù, che non volle rendersi al vincitore Ottauio: ma andato in Sicilia à Sesto Pompeo, e di là in Acaia ad Antonio, con esso in breue, per la pace seguita, si ricondusse a Roma; doue essendogli chiesta da Ottauio Liuia Drusilla sua moglie, della quale era nato Tiberio, e ne attendeua nuouo parto, per compiacerlo glie le concedette, & indi a non molto morì, lasciati dopo sè oltre a Tiberio, anche Druso, che nacque l'vltimo. Tolse Tiberio per moglie Agrippina figliuola di Marco Agrippa, en'hebbe Druso; e quantunque di questa si contentasse, lo strinse nondimeno Augusto a licentiarla, & a prender Giulia di lui figliuola; della quale gli nacque vn solo maschio, che mancò infante in Aquilea. Fatto Tribuno de'Soldati, si diede ad esercitar il mestiere della guerra nella Biscaglia; e passato in Leuante, rese il Regno d'Armenia a Tigrane, hauendoui ricuperate l'Insegne perdute da Crasso. Gouernò, presso di vn'anno, la Franciaripiena di discordie: ma andato Capitano generale contra Retij, e contra Vandali, e vinti gli habitatori dell'Alpi, passò a soggiogare i Breuei, e gli Schiauoni nell'Vngheria; & indi fatta l'impresa de'Germani, e ricondottosi vittorioso a Roma vi entrò sopra d'vn Carro, stimandosi, che egli il primo fosse, che senza trionfare conseguisse l'Insegne, gli ornamenti, e gli honori, che si apparteneuano a i Trionfanti; e ciò si raccoglie dalla medaglia   · Census ID10065213: »Aureus of Tiberius / Tiberius in Quadriga (RIC Tiberius 1) (owner: Angeloni)« d'oro, e da vna simile d'argento, che nell'vn    1. lato contengono la testa di Tiberio in giouinile età, coronata di lauro, con lettere: TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVGVSTVS. cioè Tiberius Caesar, Diui Augusti Filius, Augustus. e dall'altro    2. egli stà sopra di vn Carro condotto da quattro Caualli, e con vna Insegna militare nelle mani, e lettere: TR. POT. XVI. IMP. VII. cioè Tribunitia Potestate decimum sextum, Imperator septimum. Nè dee nascere dubbio sopra la corona, che nelle ouationi soleua vsarsi di Mirto, essendo questa di alloro; perche già si è detto, che egli fù il primo, che senza trionfare conseguì le insegne, gli ornamenti, e gli honori de'trionfanti; e perciò potè anche cingersi in tale attione, la corona d'alloro. E se per auuentura si opponesse, che non era allhora Tribuno, si ricorda, che tale si dimostrò, mentre, come dirassi, stette esule in Rodi; doue riceuutaui certa ingiuria, comparue poco appresso co'suoi ministri nel Tribunale, e fece prendere, e carcerar colui, che tal'ingiuria fatta gli haueua, e colà spirolli ancora il quinto anno del suo Tribunato; il quale, nel ritorno à Roma ottenne per altri cinque anni; e forse che l'honore di cotal medaglia si differì dal Senato per dopo, che egli racquistò la gratia del Padre Augusto: ouero fù tante uolte ristampata, che potè cadere nell'vna di esse il Tribunato XVI. sotto di cui si vede notata: raccogliendosi, massimamente in quella d'argento, la Tribunicia Potestà XVII. Portauano li Trionfanti lo scettro, e la Toga Palmata, che era vna veste di Porpora grande, & am- pla;

pla; entro la quale vedeuansi tessute delle palme, segnali di vittoria, e di trionfo; non si lasciando la palma da verun peso piegare.    Passò Tiberio per gradia due Consolati; e fatti hoggimai grandi Caio, e Lucio figliuoli di Agrippa, e di Giulia, e nepoti di Augusto, volendo fuggir con essi qualunque ombra di sospetto di emulatione, si trasferì a Rodi; doue per otto anni corse varia fortuna; peròche la lunghezza della dimora, e l'esser preso in sospetto di esule, il condussero quasi in dispregio appresso quei popoli, e de'Romani istessi, che prima l'altezza dello stato di lui riueriuano: ma ritornato con buone speranze a Roma, e atteso per tre anni a'suoi priuati affari, e de gli amici, morti in quel tanto Caio, e Lucio suddetti, fù da Augusto per opera di Liuia, adottato insieme con Agrippa Postumo. E quantunque Tiberio si trouasse il proprio figliuolo Druso; gli conuenne nondimeno di adottare Germanico figliuolo del già Druso suo fratello. Creato Tribuno per cinque anni, passò à comporre alcune discordie suscitate nella Germania; & indi oppostosi, con grosso esercito, alla ribellione della Schiauonia, con gran strettezza di tutte le cose, e con molti pericoli di sè stesso, e dell'esercito: non ostante, che ne fosse con ordini riuocato; perseuerando nondimeno, superò le difficoltà, e soggiogò il tutto felicemente, con acquisto di gran nome; peròche si stimò tal guerra per la maggiore, & per la più faticosa, che dopo la Cartaginese, si fosse hauuta frà le esterne; nel qual tempo restato rotto, e morto Quintilio Varo in Germania: ciò accrebbe di molto il credito à Tiberio: giudicandosi, che se egli non debellaua la Schiauonia, si sarebbono congiunti li vittoriosi Germani con gli Vngheri a danno dell'Imperio, non senza tema che ne fossero seguiti più mali: già che non è cosa così florida, che non possa esser abbattuta, o crollata dalla fortuna, ma vna cotal disauentura cagionò, che benche a Tiberio fosse apperecchiato in Roma il Trionfo, con altri honori; egli differì nondimeno il riceuerne l'effetto; e ricondottosi in Germania, e combattutoui per due anni felicemente, tornato di là a Roma, godè allhora del Trionfo suddetto, e del quale stimo, che restasse la memoria nella medaglia   · Census ID10066600: »Sestertius of Tiberius (Quadriga / SC, RIC 60) (owner: Angeloni)« di metallo,    3. in cui si vede il carro sù due ruote, ornato di varie figure, condotto da quattro caualli: ma senza alcuno sopra, che vi stia, o che lo guidi: ha nel mezo del rouescio S. C. & intorno    4. si legge TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVG. P. M. TR. POT. XXXVII. Dal vedersi così fatto carro sgrauato del trionfante, pare, che si possa argomentare, che in ciò vollero gli antichi dimostrare veramente il segnale di esso Trionfo: ma in quel punto però, che secondo narra Suetonio, prima del giunger di Tiberio al Campidoglio, veduto il Padre Augusto starsi da lato per assistere al passaggio della pompa, disceso dal carro, e gittatoglisi a'piedi, lo riuerì; e rimontatoui dapoi, compì il rimanente del Trionfo: nè dee attendersi in ciò, che Tiberio non hauesse, forse in quell'atto, la Tribunicia Potestà XXXVII; perche l'honore della medaglia   · Census ID10065075: »Sestertius of Tiberius (Quadriga / SC, RIC Tiberius 66) (owner: Angeloni)« potè esser differito, o che quando gli fù battuta, vi fosse giunto: ouero che la memoria di simigliante attione, più fiate rinouata in medaglie, potè cadere nella Tribunicia Potestà suddetta: confirmandomene l'opinione il trouarsi appresso di me altra simil medaglia con la Tribunicia Potestà XXXIIX. la qual varietà dimostra, secondo si raccoglie in altre diuerse medaglie, il ristamparle, che si faceua sotto vari tempi: ma oltre à ciò, nè pur si truoua rincontro frà scrittori, che Tiberio trionfasse altra volta dopo questa. Hanno tenuto alcuni, che il Carro notato nella medaglia, suddetta, fosse quello celebre di Augusto: ma non se ne traendo da essa rincontro alcu- D 2 no,

no, non è meno da fondarsi in simile opinione, che non hà sussistenza.     Trouandosi nella Tribunicia Potestà di sopra accennata, vna medaglia   · Census ID10066603: »As of Tiberius / Caduceus (RIC 65) (owner: Angeloni)« con testa di Tiberio laureata, e lettere: TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVGVST. IMP. VIII. e che hà nel rouescio    5. il Caduceo alato con S. C. & inscrittione: PONTIF. MAX. TRIBVN. POTEST. XXXIIX. mi dà à credere, che per la stima, che si fece delle vittorie conseguite da Tiberio in prò dell'Imperio, si volesse dimostrare, ch'egli fosse stato autore della pace, e della felicità; peròche vogliono le fauole, che portando Mercurio nelle mani vna verga donatagli da Apollo, veduto combattere due serpenti, gittolla frà di essi, & ad vn tratto si pacificarono: per la qual cagione ornatola Mercurio co'serpenti, la chiamò Caduceo, e là doue questo appariua, tutte le discordie cedeuano, e fù però simbolo della pace, e della felicità; e gli Ambasciadori, che erano spediti per trattar di pace, lo portauano seco, e detti ne erano Caduceatori.    Fatto Tiberio, per legge de'Consoli Gouernatore dell'Imperio con Augusto, rassegnò con esso il Popolo; e ripassato nella Schiauonia, e intesoui il pericolo di vita, in cui era incorso il Padre, torno chiamato da Liuia; la quale hauendo celata, con studio, la morte di Augusto, assettò, per sua industria, le cose di modo, che fù publicato ad vn tempo l'istessa morte, il ritorno di Tiberio, e l'hauer egli preso il dominio. Ma questi già carico di Consolati, e di Trionfi, sdegnando, che dalla madre venisse simil grandezza, fece vista di ricusarla, fin che dal Senato, e dal Popolo, come il più eccellente di tutti, fù persuaso, con preghiere, di riceuerla. Stabilitouisi per tal via, e con la morte di Agrippa Postumo, che come nepote d'Augusto poteua aspirare al Principato, restò solamente in timore di Germanico figliuolo del proprio fratello, e di Agrippina; che essendo potente per le legioni, per gli eserciti, e per gli aiuti, che haueua, dubitò, che pensasse di voler più tosto allhora, che in altro tempo, godere dell'Imperio. Chiese però al Senato, che diuiso il Gouerno, ne lasciasse à lui conueniente parte, e si finse etiandio infermo; accioche entrato Germanico in isperanza di presto succedergli, deponesse l'esecutione de'suoi pensieri: ma iscemarono in Tiberio simili sospetti, vdendo, che Germanico non volle acconsentire, per sua modestia, alla violenta elettione fatta di lui dal suo esercito all'Imperio, e ne lo lodò, mandando ad esso, e ad Agrippina di molti doni per maggiormente addormentare amendue: essendoglinoto, che come Germanico haueua l'amore dell'esercito; così era la moglie fornita di vn'animo corrispondente alla sua parentela, e nascendo in esso i disideri l'vno dal fine dell'altro, giudicò conuenirsi o il ben sodisfarli, o il toglierli affatto del mondo, e si propose, per tal fine, di mostrarsi simulatamente a quelli amoreuole, e di regger, nel resto, con dolcezza l'Imperio, e d'accommodarsi a' costumi di ciascuno, vsando vna virtuosa moderatione nel viuer suo: intantoche punì molti di coloro, che faceuano il contrario; machinando però egli sempre con l'animo quello, che poi dimostrarono gli effetti, contra di Germanico, e d'Agrippina, li quali, regolandosi egli dalla peruersa sua volontà, teneua sospetti. Della finta moderatione, che Tiberio si studiò di mostrare, e di far apparire in Senato, e fuori, portandosi ciuilmente nel conuersare, e trattando le cose, come s'egli fosse stato persona priuata, ne conseguì l'adulatione d'vna medaglia   · Census ID10066606: »Dupondius of Tiberius / Shield with Laurel (RIC 39) (owner: Angeloni)« , nel diritto della quale è scolpita la testa con lettere:    6. TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVGVST. IMP. VIII. e nel rouescio vn rotondo scudo ornato, e cinto di corona di lauro; nel cui mezo stà riposta vna piccola testa di Donna, che può esser

esser della Dea Moderatione, essendoui scritto: MODERATIONI S. C. Vn'altra simigliante medaglia vi è, che nel solo titolo differisce, leggendouisi: CLEMENTIA S. C. Hanno la Moderatione, e la Clemenza vn'istesso fine, che è di temperare la seuerità, e di comporre vn perfetto modo di Giustitia, molto necessario a coloro, che gouernano.    Fece Tiberio morir di dispiacere Archelao Re di Cappadocia, perche più honorò in Rodi Caio, che lui, e sottomise, per tal via, quel Regno all'Imperio. Souuenne le Città dell'Asia da impetuosi terremoti grauemente dannificate, e ne restò la memoria    7. in medaglia   · Census ID10066609: »Sestertius of Tiberius / SC (RIC 48) (owner: Angeloni)« , che dall'vn lato mostra la figura Togata di Tiberio sedente sù la sede curule, senza corona in capo, tiene nella destra la patera, & appoggia la sinistra ad vn'hasta con lettere: CIVITATIBVS ASIAE RESTITVTIS, hà nel rouescio S. C. con tali note: TI. CAES D. F. AVG. P. M. TR. POT. XXIIII. ma così fatte lettere non si vanno replicando nel disegno, stimandosi souerchio??. Si crede, che li Terremoti, e danni suddetti auuenissero in tempo della crucifissione del Saluatore GIESV CHRISTO seguita con permissione del Padre Eterno a fine di redimere dal peccato di Adamo il genere humano; e nell'anno decimonono dell'Imperio di Tiberio: il quale volendo cõnumerare il Signor nostro fra'Dei, come Tertulliano, & altri affermano, non pur non v'acconsentì il Senato, a cui, secondo gli antichi riti, ciò apparteneua; ma fece Decreto, che li Christiani si discacciassero di Roma; di che tale sdegno si prese l'Imperadore, che con ordini contrari, non volle, che fossero accusati, nè molestati, e grandissima strage commise ne'Senatori. Tal caso ponderato da Otone Frisingense, stima egli, che fosse Diuina prouidenza, che Tiberio non conseguisse l'intento; accioche la Fede Cattolica non prendesse vigore dal testimonio di vno infedele, e per potenza di vn Principe sourano. Ma tornando alle souuentioni date dall'Imperadore alli Popoli dell'Asia nella già detta graue calamità loro, volendosene essi dimostrar grati, dedicarono a lui, & alla Città di Roma il Tempio, che stà in medaglia   · Census ID10066612: »Quadrans of Tiberius / Altar of Lyons (RIC 32) (owner: Angeloni)« con due Vittorie l'vna per lato di esso, che tengono vna Corona per ciascuna, essendoui scritto: ROM. ET AVG. cioè Romae, & Augusto. secondo se n'è veduto vn tale per appunto in Augusto.    Seguì poco appresso, per le insidie di Pisone, e di Plancina, animatiui da Tiberio, e da Liuia, la morte del buon Germanico in Antiochia; la quale pianta da'buoni, non fù punto gioueuole all'istesso Pisone, che chiamato da Tiberio, per proprio scarico, in giudicio, spauentato dall'atrocità del delitto commesso, e dalla potenza di Tiberio, che col supplicio di lui pensaua di ricoprire se stesso; e vinto dal timore de'tormenti, di propria mano si vccise. Terminato per simil successo in Tiberio ogni sospetto, egli rallentò il freno alla prauità del suo animo, tenuto, con dissimulatione, fin allhora celato; e posposta qualunque opera buona, si diede affatto in preda delle crudeltà, e delle dissolutioni, tormentando, e conducendo a morte coloro, che non per colpa, ma per isfogamento della crudel rabbia di lui, gli veniuano in mente. Hebbe in così fatta opera molto pronto l'aiuto di Lucio Elio Seiano nato di Seio Strabone in Bolsena, persona macchiata di disonestà, e che nondimeno fù inalzata da Tiberio al grado di Pretore, e di suo intimo Consigliere, e di principale ministro, e fin all'esser Suocero del figliuolo di Claudio: facendo etiandio dal Senato riporre nel Teatro vna statua di bronzo in suo honore. Entrato Tiberio nel quarto suo Consolato, col figliuolo Druso, forse con fine, che il giouane s'impossessasse del gouerno, si ritirò in Campagna; di doue, benche si vdissero varie ri- bellioni

bellioni nella Gallia, e in altri luoghi, nè sè, nè Druso spinse, o se non col mezo di legati a reprimerle, ma impetrò bene dal Senato al figliuolo la Potestà Tribunicia, nome di suprema autorità inuẽtata da Augusto per fuggire quello odiato di Re, o di Dittatore. Impaniatosi in quel tanto Seiano ne'souerchi benefici della fortuna, e facendosi perciò senza misura ad ogni hora più grande, e con isperanza di cose maggiori, non considerando punto, che'l corso di vna tanta felicità poteua condurlo a gradi di sommo pericolo, nè sofferendogli il cuore di sostener più oltre la emulatione di Druso figliuolo di Tiberio, e de gli altri nati di Germanico, preso l'opportunità di vna guanciata riceuta in certa occorenza da esso Druso, si diede a corrompere Liuilla moglie di lui, donna di piccola leuatura, che senza riguardo d'esser nepote d'Augusto, nuora di Tiberio, e che di Druso haueua figliuoli, guidata da lasciuia, e da scelerata speranza di conseguire, con Seiano, l'Imperio, si condusse a congiurare contra il marito, che di veleno restò finalmente estinto: di che, forse per fare ostentatione della fortezza del suo animo, poco mostrò dolersi Tiberio, che di tal fatto il netto non sapeua: ma prese all'hora a raccomandare al Senato li figliuoli di Germanico, come vnica consolatione del male seguito.

    F V generato Druso da Tiberio con Agrippina figliuola di Marco Agrippa, stato tre volte Consolo; la quale sposata, mentre era ancora priuato; egli repudiò per cõpiacerne Augusto, che lo congiunse a Giulia sua figliuola. Presa da Druso la toga virile, si sposò con Liuilla nata di Antonia minore, e di Neron Claudio Druso: fù prima moglie di Caio Cesare figliuolo di Marco Agrippa, e adottiuo di Augusto, & era cugina del medesimo Druso. Hebbe con essa due figliuoli maschi ad vn parto, de'quali, come di cosa rara, e lieta, anche ne'priuati, si rallegrò tanto Tiberio, che non potè lasciare di vantarsi in Senato d'hauer hauuto, il primo frà i Romani Principi, due ad vn parto della sua stirpe: quindi è, che il Senato per aumentare l'allegrezza dell'Imperadore, decretò, che la    8. memoria di così felice auuenimento si restasse nella medaglia   · Census ID10066614: »Sestertius of Tiberius (Crossed Cornucopiae / SC, RIC 42) (owner: Angeloni)« , che contiene due corni di douitia, ne'quali invece di frutta si rappresentano nella superficie loro due teste di fanciulli, che l'vno guarda l'altro, e si scorge nella metà di essi il Caduceo: volendo dar a vedere non meno la copia della fecondità del sangue Imperiale, che la felicità da questa cagionata; e per lo Caduceo, la pace, e la concordia, che trà fanciulli douea seguire, quando fossero in età adulta; e quella etiandio, che a'popoli, e all'Imperio procurerebbono con la prudenza loro. Il Corno di Douitia si vuole, che fosse l'vno del Capro figliuolo della Capra, che nutrì Gioue, detta Amaltea; il quale perche beuue con lui del medesimo latte, fù trasportato con la madre in Cielo: ma essendoglisi prima rotto l'vno de'Corni, questo pieno di vari fiori, e di frutta, fù presentato a Gioue ancora fanciullo, che l'hebbe accettissimo, e chiamollo Corno di Douitia, e della Copia. Tengono alcuni, che non quello del Capro, ma l'altro di Acheloo, nel trasformarsi in Toro, combattendo con Ercole, che glie le spezzò, fosse poi dalle Ninfe ripieno di fiori, e frutta, consacrato alla Copia, intesa per la Dea dell'Abbondanza: e questa appunto si volle significare nella medaglia suddetta, hauuendo Liuilla partorito due figliuoli ad vn tratto, leggon- si

si nel rouescio così fatte lettere: DRVSVS CAESAR TI. AVG. F. DIVI AVG. N. PONT. TR. POT. III. S. C. cioè Drusus Caesar Tiberij Augusti Filius, Diui Augusti Nepos, Pontifex, Tribunicia Potestate Tertium. Senatus Consulto.    Ma simile presagio non hebbe corrispondente il fine, peròche l'vno chiamato Tiberio morì infante, e l'altro, che pur tal nome haueua, disegnato Principe dall'Auolo insieme con Caio Caligola, quando questi ascese all'Imperio, fù da lui ammazzato. Druso mandato dal Padre Tiberio nell'Illirico, col pretesto dell'aiuto domandato da Sueui contra Cherusci, benche nel vero hauesse per fine di assuefarlo alla guerra, e che s'acquistasse, con la riputatione, l'amore dell'esercito, ritornò, non dopo molto, a Roma Ouante insieme con Germanico, e fatto consolo col Padre, preso la Potestà Tribunicia, & hauuti due Consolati, e'l grado di Pontefice, concitatosi Sei ano, per insidie di lui, e della propria moglie Liuilla, che vi acconsentì, restò morto di veleno. Truouasi l'effigie    9. di Druso in medaglia   · Census ID10066617: »As of Tiberius (Drusus Minor / SC, RIC 45) (owner: Angeloni)« con lettere: DRVSVS CAESAR TI. AVG. F. DIVI. AVG. N. e nel rouescio,    10. oltre il solito segnale di essere stampata per Senato Consulto, cioè con l' S. C. vi si legge: PONTIF. TRIBVN. POTEST. ITER.     Conuiene, che Tito Imperadore fosse stimulato da alcun rispetto a restituire la memoria del medesimo Druso; percioche raccogliendosi dall'vn lato d'vna medaglia   · Census ID10065071: »As of Titus (Drusus / SC, RIC Titus 414) (owner: Angeloni)« la testa con simili lettere: DRVSVS CAESAR TI. AVG. F. DIVI AVG. N. si leggono nell'altro due versi in giro con tale inscrittione: IMP. T. CAES. DIVI VESP. F. AVG. TR. P. PP. COS. VIII. RESTITV. S. C.     Non sò se per dimostrare la pietà, che s'hebbe dell'infelice morte di Druso, o per qual si sia altra cagione volesse il Senato perpetuarela memoria di lui; questo è almen chiaro, che si vede tal medaglia   · Census ID10066621: »Dupondius of Tiberius (Pietas / SC, Ric 43) (owner: Angeloni)« dedicata al suo nome, che contenendo dall'vn lato l'effigie    11. di donna velata con lettere nel disotto: PIETAS; si legge dall'altro: DRVSVS CAESAR TI. AVGVSTI F. TR. POT. ITER. S. C.    Non si estinse con la morte di Druso la sete dello scelerato Seiano, perche anche ad Agrippina, & a'figliuoli andò preparando delle insidie; massimamente, che con l'esser morto l'vno de'gemelli di Druso, più gli si facilitauano i disegni. Persuaso dunque a Tiberio, che la Città si staua in parte per vederuisi assai potente la fattione d'Agrippina, lo condusse a precipitare vari huomini, che con la virtù, e con la potenza loro haurebbon potuto opporsi a'disegni di lui. Scoperto Seiano a Tiberio la pretensione, che haueua di prender Liuilla per moglie, nè fù sospeso l'effetto: ma non potè fuggire l'Imperadore di restar persuaso ad allontanarsi da Roma: proponendosi Seiano di condurre a fine, in tale assenza, ogni suo disegno; e fatta auuertire Agrippina di guardarsi dal veleno preparatole dal Suocero, essa non prese l'auuiso come di nimico, nè prouò col dissimulare, di sottrarsi dalla potenza di chi era atto, & haueua destinato di nuocerle; che anzi tutta insospettita, si pose da se stessa in gran diffidenza con Tiberio, che stando anch'esso sù l'auuiso di toglierlasi dinanzi, ben tosto s'auuide di così fatta agitatione di lei. Trasferitosi egli in campagna, accrebbe l'amore, e'l credito a Seiano, essendo stato da lui difeso con la persona, nel rouinare di certa cauerna; e postosi questi su'l distrugger, sopra tutti, Nerone primogenito di Agrippina, più prossimo alla successione dell'Imperio, lo tolse di credito a Tiberio, & a ciascun altro, conciliandosi fin Druso di lui fratello col porlo in grandi speranze, abbattuto che fosse Nerone. Morì in queltanto Liuia Augusta dopo ot- tantasei

tantasei anni di vita: nè Tiberio la visitò, nè volle star presente all'esequie, nè che fosse celebrata frà gl'immortali: ma non lasciò il Senato di farle vari honori, hauendone in publico, & in priuato riceuuti di molti benefici.

    F V Liuia Drusilla Donna di eminente eccellenza, e nobiltà, & hebbe congiunta alla propria virtù, l'adottione delle due famiglie Liuia, e Giulia. Il Padre di lei Lucio Druso Calidiano seguitò la parte de gli vccisori di Giulio Cesare, e per non giunger viuo nelle mani de gl'inimici, vinti, che furono Bruto, e Cassio, sè stesso vccise. Hebbe Liuia per marito Tiberio Claudio Nerone, & andando egli in bando, per la guerra Perugina, lo seguitò nella Sicilia; doue si ricourarono a Pompeo col fanciullino Tiberio nato loro di fresco. Seguìta la pace co'Triumuiri, tornò Liuia in Roma col marito; e forte compiacciutosi Ottauio delle bellezze di lei, e dell'altezza de' costumi, non ostante, che fosse grauida di sei mesi, e che già hauesse il figliuolo Tiberio, la chiese a Nerone per moglie, e l'ottenne, dato ch'egli hebbe il ripudio a Scribonia. Entrata Liuia nella casa de'Giulij, vi partorì in trè mesi Neron Claudio Druso, e talmente s'impadronì della volontà di Cesare, che soleua conseguire da lui qualunque gratia, e lo condusse fino ad adottare Tiberio, e a farlosi herede dell'Imperio. Hebbe tale giudicio, e sapere, che Augusto si valse bene spesso del consiglio di lei in cose di momento. Egli le dedicò vn bello, e sontuoso Portico, & Augusta, e Giulia nominolla: onde con amendue simili nomi vien chiamata da gli scrittori. Portò colpa nella morte di Marcello, e che facesse perire di veleno Germanico di lei Nepote, e participasse nella morte di Caio, e di Lucio Cesari, e che per tema di vedere Agrippa chiamato dall'esilio all'Imperio, anche Augusto medesimo auuelenasse con fichi, e poco appresso facesse ammazzare Agrippa da vn Centurione. Fabricò in Roma vn Tempio ad Augusto, e con Tiberio insolentemente imperando, dall'entrare nel Senato in fuori; qualunque cosa eseguì con arroganza come Imperadrice. Fù parte per merito, e parte per adulatione, coniata la memoria di lei in diuerse medaglie   · Census ID10066624: »Dupondius of Tiberius (Livia (?) as Salus Augusta / SC, RIC 47 var.) (owner: Angeloni)« ; peròche hauendo, in certa occorrenza di congiura, persuaso ad Augusto il perdonare a'colpeuoli, come fece, & vsati altri segnali di clemenza verso il Senato, & il Popolo, fin con l'andare più fiate di persona a soccorrer le Case, che sottoposte in que'tempi a gl'incendij; bene    12. spesso ardeuano, fù battuta la medaglia col ritratto di lei in forma della Dea Salute, e lettere: SALVS AVGVSTA: leggendosi nel rouescio: TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVG. P. M. TR. POT. XXIIII. S. C.    Ma accanto simil honore, volle il Senato aggiungerle nuouo titolo, che rappresentasse, quanto ella amò, e procurò il giusto per coloro, che n'hebbero bisogno: hauendo etiandio nodriti i figliuoli di molti, e maritate del suo varie fanciulle: onde ne portò nome di Madre della Patria, e le fù conceduto per decreto del Senato vn'Arco trionfale: nouità non auuenuta giamai per Donna alcuna; benche, come riferisce Dione, inuidiando Tiberio la gloria di lei, ne vietò l'effetto, mentre persuase altrui di voler egli fabricar tale Arco    13. a proprie spese, e no'l fece. Stampò nondimeno il Senato la medaglia   · Census ID10066627: »Dupondius of Tiberius (Livia (?) as Justitia / SC, RIC 46) (owner: Angeloni)« con l'effigie di Liuia col

col diadema su'l capo, secondo si faceua alle Deità, e vi si legge nel disotto: IVSTITIA come nel rouescio l'istesse lettere di sopra notate.     Diuerse altre memorie   · Census ID10052399: »Sestertius of Tiberius (Carpentum / SC, RIC 50) (owner: Angeloni)« furono decretate dal Senato a Liuia; perche ella fù nel vero Donna di alto affare, & operò viuendo Augusto, e in tempo di Tiberio quello, che a grande, magnanima, e prudente Imperadrice è conueneuole. Ma trà le molte, l'vna fù, che potesse per dignità vsare la Carretta; e se ne raccoglie il segnale nella medaglia con lettere: TI. CAESAR DIVI AVG. F. P. M. TR. POT. XXIII. S. C. dimostrando nell'altro lato la Carretta coperta, & ornata di statue intagliateui di rilieuo, che sù due ruote vien tirata da altrettante Mule, con inscrittione nel disopra: S. P. Q. R. IVLIAE AVGVST. Per la qual medaglia si conferma, che ella fù intesa per Giulia, e per Liuia, e che si chiamò Augusta; quantunque paia, secondo Suetonio, che ricusasse cotal titolo viuente il marito, e che solamente dopo morto se ne seruisse.     Peruenuta Liuia all'età di ottantasei anni, terminò la vita: non senza sospetto, che vi fosse aiutata; poiche nè Tiberio volle visitarla inferma, nè interuenire alle sue essequie, nè acconsentire, che il Senato la celebrasse palesemente per immortale; ma ciò non ostante le furono fatte dal Senato istesso, e dal Popolo, come à loro benefattrice, di molti honori; tra' quali l'vno stimo, che appaia nella medaglia   · Census ID10066631: »As of Tiberius (Augustus / Female Figure Seated, RIC 72) (owner: Angeloni)« con testa di Augusto dall'vn lato, forse stampata dopo la Deificatione di lui, per la Stella, che si vede quasi congiunta alla corona radiata, che tiene su'l capo: hà parimente nel dinanzi del volto il fulmine simbolo della sua gloria con lettere: DIVVS AVGVSTVS PATER; e nel rouescio contiene la statua di Liuia sedente, che appoggiando la sinistra ad vn'hasta, porge con la destra la patera, segnale di Diuinità con S. C. essendo ella stata la prima Donna, che il Senato Deificasse.     Ma con la testa di Tiberio senza corona, e con lettere: TI. CAESAR DIVI AVG. F. AVGVST. IMP. VIII. si vede altra medaglia   · Census ID10065335: »Copper coin of Utica (Tiberius / Livia, RPC I 733) (owner: Angeloni)« con Liuia sedente, e simile inscrittione: C. VIB MARSO P. R. COS. DR. CAES. Q. P. R. T. C. RVFVS F. C. e per lo trauerso: D. D. P. P. Le quali pare, che possano interpretarsi: Caio Vibio Marso Proconsule, Druso Caesare Quaestore Populi Romani. Titus Crispinus Rufus fieri curauit. Decreto Decurionum Populi Patrensis.     Le seguenti medaglie   · Census ID10066568: »Dupondius of Caligula / Augustus (RIC 56) (owner: Angeloni)« , che trà l'altre sono rarissime, non sò ben risoluere se in vita, o dopo morto Augusto fossero stampate; perche quantunque egli si vegga dall'vn de'lati di amendue con la corona radiata, e lettere: DIVVS AVGVSTVS S. C. e nell'opposta parte dell'vna vi sia l'effigie di Liuia col velo, e lettere: DIVA AVGVSTA; e nel rouescio dell'altra si stia l'istessa Liuia senza velo, e con le treccie discoperte, nella guisa appunto, che si è rappresentata sotto il nome della Dea Salute, e vi si legge: DIVA AVGVSTA; nondimeno così ella, come il marito, si dimostrano nell'istesse medaglie in età assai fresca, e paiono esser in quella appunto, nella quale fù Augusto annouerato ne'gl'Hinni frà loro Diui, o poco dapoi, & in cui il nome venerando di Augusto accettò, e lo concedè etiandio tale alla moglie Liuia; la onde com'egli con insegne di Diuo, così Liuia honorasse il Senato in dette medaglie, di vn cotal titolo. Ma più mi cõferma l'essere state battute in vita d'amẽdue il vedersi nella seconda medaglia la testa di Liuia discoperta affatto, e ch'il sembiante è di giouanetta: oltre che la maestria, o maniera dell'artefice, che le fabricò amendue, è più conforme a quella vsata viuente Augusto, che all'altre posteriori; e vi sarà per auuẽtura alcun rouescio con Liuia ornata del Diadema, secondo lo ci dimostra la medaglia, E che

che rappresenta la Giustitia: onde potrebbe concludersi; che con le tre medaglie, nelle quali si raccoglie PIETAS, IVSTITIA, & SALVS, non altro si volesse dimostrare, che Liuia istessa: o per meglio dire, vn contrasegno delle virtuose operationi da lei procedute in prò del Senato, e del publico.    Peggiorarono per la morte di Liuia le cose; poiche per certa inuecchiata riuerenza portata a lei da Tiberio, egli si asteneua dall'esseguire molti suoi pensieri, nè era ardito Seiano di opporsi all'autorità di quella: onde precipitarono amendue nelle crudeltà, e nelle dissolutezze senza ritegno. Si ergeuano a Seiano publiche Statue, e gli erano fatti de'voti, e nell'assenza di Tiberio, che per lo più dimoraua nell'Isola Caprea inuolto in mille lussurie, si chiamaua temerariamente da per sè Imperadore: non considerando, che niuno fù tanto inalzato dalla fortuna, ch'ella non minacciasse di farlo anche cadere da cotale altezza; nè solamente Seiano col vano ritolo del Principato, ma come primo ministro di Cesare, come Consolo disegnato, e come Patrone; reggendo il tutto a sua voglia, si auanzauano etiandio le crudeltà contra i miseri. Le quali cose non passarono in fine senza porre in sospetto Tiberio istesso, che gli andamenti di lui meglio osseruando, per più assicurarlo, maggiore lo fece, lasciando, che non del Consolato solamente, ma dell' Imperio gli fosse disegnato compagno, e creollo Sacerdote; così venuto Seiano da debole principio, si vide fatta chiara la sua grandezza con l'eminenza dell'Imperio, e del Sacerdotio; ma vsandone egli sinistramente, in tanta alterigia montò, che a sè medesimo, come ad vn Dio, offeriua sagrifici; benche inteso, che anche Caio era stato honorato da Tiberio del Sacerdotio, e di molte lodi, quasi come suo sucessore, nè ciò piacendogli riuolse tosto l'animo al fare delle nouità: ma compreso il popolo più inclinato a Caio, che a lui, se ne astenne, fin che per infame sua orditura dichiarati da Tiberio ribelli Nerone, e Druso, il primo fù fatto morire nell'Isola di Ponzo, e'l secondo ritenuto prigione in Roma. Il comprendersi nondimeno da Seiano l'intorbidamento della sua fortuna, non gli lasciò godere affatto di tal successo, per altro desiderato da lui: Mancandogli il fauore di Tiberio, s'iscemaua verso di esso la stima, e gli amici se ne allontanauano. L'editto publicato, che non si sacrificasse ad alcun'huomo, lo trafisse: ma se ne ristorò con la speranza, che per adescarlo gli diede Tiberio di concedergli la Potestà Tribunicia. Entrato pertanto in Senato con gran fasto, e comitiua di gente, per riceuerla, nè vscì fatto prigione, & auuinto dalle funi, e circondato dalle guardie: non adorato come vn Dio, ma vilipeso??, e strapazzato come vn reo: non al palagio, ouero al Tempio, ma alla morte condotto. Tutte le statue di lui, e l'altre memorie, si videro abbattute ad vn tratto; & egli traboccato poco appresso dalle Scale Germonie, trascinato, e dannificato dal popolo, hebbe finalmente il fiume per tomba; nè meno lui, che i figliuoli, e la figliuola promessa al figliuolo di Claudio, restarono estinti: secondo auuenne di Liuilla; l'iniquità della quale risaputasi, fece Tiberio castigare con la morte. Ad vn tratto gli amici, e partigiani di Seiano imitarono l'ambra, che non accompagna l'huomo se non quando illumina il Sole: ma coprendosi l'aere di nuuoli, essa tosto sparisce; nientedimeno l'infame caduta di lui non potè seguire senza, che allo spettacolo di quella se ne aggiungessero de'maggiori; peroche anche li suddetti amici, e parenti suoi condotti da più cagioni, o se stessi vccisero per tema de'supplicij; o furono per accuse fatti morire, e le facoltà loro confiscate: nè inferiore alle sciagure de gli altri fù la morte della misera Agrippina, che sotto pretesto della sua

sua alteriggia, confinata nell'Isola Pandataria, iui pericolò: come nelle carceri per fame, auuenne di Druso. Hauuto Tiberio cognitione del seguito nella morte del figliuolo Druso, vi è maggiormente incrudelì, & innumerabili persone fece morire con tormenti: nè a'suoi Nepoti Caio, e Tiberio restatigli, hauerebbe perdonato, se la morte non lo interrompeua. Morì tal mostro di crudeltà, e di libidine; appresso Napoli in vna Villa di Lucullo nel settãtasettesimo anno della sua età, e nel vigesimo terzo dell'Imperio, affrettatoui, secondo si afferma, dal Nepote Caio; il quale per egual parte con Tiberio, restò herede. Fù studioso, e letterato in ogni scienza, e lasciò dopo lui alcune opere: ma il souerchio vitio offuscò in esso qualunque virtù.

    N Eron Claudio Druso, il quale nacque tre mesi dapoi, che inuaghitosi Augusto di Liuia Drusilla di lui madre; la si fè cedere da Tiberio Claudio Nerone, di cui haueua generato Tiberio, che fù Imperadore. Fatto Capitano contra Reti, e li Germani, nauigò il primo frà Romani l'Oceano settentrionale; e debellate quelle nationi, ne trionfò in Roma con gran pompa. Creato Consolo, si trasferì ad imporre fine alla medesima Impresa, e vi morì d'infermità. Fù ricondotto il suo corpo sù le spalle de'primati delle Città, per le quali seguiua simil passaggio; precedendogli sempre a piedi il fratello Tiberio, e sepellito nel Mausoleo, che per sè fabricò Augusto, fù con altri honori denominato, co'figliuoli, Germanico. L'hebbe il Popolo Romano gratissimo per la speranza conceputa, che se a lui fosse toccato l'Imperio, l'hauerebbe riposto in libertà. Lasciò di sè Claudio, che peruenuto al Principato, perpetuò la memoria di esso con la medaglia   · Census ID10066635: »Sestertius of Claudius (Nero Claudius Drusus / Claudius on Curule Chair, RIC 109) (owner: Angeloni)« , che dimostra, intorno    20. le sua effigie, le parole: NERO CLAVDIVS DRVSVS GERMANICVS IMP. e che contiene    21. nel rouescio la statua intera di se stesso sedente in vna sedia disposta sopra vari arnesi di guerra, e che tenendo con la sinistra il volume Consolare, porge con la destra vn ramoscello d'Oliuo, e leggonuisi tali lettere: TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. P. M. TR. P. IMP. S. C.

    H Ebbe Druso suddetto per moglie Antonia; la quale nata di Marcantonio Triumuiro, e di Ottauia sorella di Augusto, generò Germanico Cesare, e Tiberio Claudio Imperadore, con Liuilla. Restata Vedoua, e insieme priua di Germanico, superò con generosa sofferenza l'auuersa fortuna: quantunque, per la participatione hauuta da Liuilla in vn tradimento contra l'Imperadore Tiberio, le conuenisse farla perire per fame. Alleuò appresso di lei, e nella propria Casa il Nepote Caio Caligola con le Sorelle Drusilla, Agrippina, e Liuilla; di che le ne seguì, nel principio dell'Imperio di Caio, honorata ricompensa; posciache col decreto del Senato, la ornò de gli honori, e de'titoli istessi, che ottenne Liuia Augusta in più fiate; ma ella fù poi anche dal medesimo Caio, per hauerlo ripreso di alcune sinistre operationi, astretta di terminare con la morte i suoi trauagli. Restò di Antonia la memoria entro la medaglia   · Census ID10056852: »Dupondius of Claudius / Ceres Augusta (RIC 110) (owner: Angeloni)« di Tiberio Claudio di lei figliuolo, rac- E 2 cogliendo-

cogliendosi dall'vn lato la testa di esso, che si vedrà a suo luogo, con lettere: TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. P. M. TR. P. IMP. P. P. cioè: Tiberius Claudius Caesar Augustus, Pontifex    22. Maximus, Tribunicia Potestate, Imperator, Pater Patriae. e dall'altro vna figura sedente, che vien presa per l'istessa Antonia: benche si rappresenti sotto la Deità di Cerere in forma di Matrona, che sostenendo la face con la sinistra, stende con l'altra vn fascetto di papaueri, intesi per la fertilità: volendosi forse con ciò dar'a vedere dal Senato, che gli effetti di Cerere, che sono il produrre le biade, e'l nodrir con esse l'abbondanza, si traeuano etiandio dalle operationi di Antonia; la quale piena di bontà, e di continenza, produceua frutti vtili al publico, & al priuato, essendo ella stata madre di Germanico, tanto da ciascuno amato, che ne fù pianta singolarmente la perdita, & hauendo anche per figliuolo Claudio, che reggeua l'Imperio del mondo, e del cui Principato si hebbero, come si dirà a suo luogo, ottime speranze.

    G Ermanico Cesare figliuolo di Nerone Claudio Druso, e di Antonia Augusta, e fratello di Claudio Imperadore, giunto a conueneuole età, condusse per moglie Agrippina nata di Marco Agrippa, e di Giulia. Andò, mandato da Augusto, al comando delle otto Legioni, che dimorauano sopra il Reno, hauendolo prima fatto adottare da Tiberio Cesare. Fù giouane di marauigliosa affabilità, e succedette, per ragion del proprio valore, e della sua discendenza, nell'affettione, che portò il Popolo a suo Padre, hauendo continuato in esso la speranza d'esser riposto in libertà. Si fece amare fuor di misura dalle Legioni a lui commesse, intantoche morto Augusto; si solleuarono, anteponendolo, nel Principato, a Tiberio: ma egli fin col tentare di vccidersi, le mitigò, nè volle riceuer l'Imperio. Vinse, e debello li Germani, e ricuperò gli stendardi perduti da Varo. Ma inuidiato perciò da Tiberio, che lo vedeua guidar la sua vita felicemente, e con gloria de'suoi fatti, e che ne gli affari maneggiati da lui, le cose prospere, nè l'auuerse glì toglieuano punto l'vso della prudenza, richiamollo col pretesto del Trionfo; il quale hauendo egli, con sommo applauso condotto, gli aperse la via di esser col fauor del Popolo eletto da Tiberio per Collega nel Consolato. Vedesi la memoria di tal Trionfo in medaglia   · Census ID10051170: »Dupondius of Caligula (Germanicus / Germanicus, RIC 57) (owner: Angeloni)« con Germanico, che in atto di caminare alza la destra, quasi comandi alcuna cosa, e stringe con la sinistra vn breue bastone, o scettro, con l'Aquila sopra, che era la più principale, e frequente    24. insegna ne gli eserciti Romani, & appresso detta figura si legge: SIGNIS RECEPT. DE VICTIS GERMANIS S. C. e dall'opposto lato vi hà vna quadriga sopraui l'istesso Germanico trionfante, con lettere, che esprimono: GERMANICVS CAESAR: contenendosi in ciò la ricordanza delle Insegne suddette ricuperate dalli Germani.    Ma non guari dimorò, che pensando Tiberio di allontanarlosi, lo mandò in Asia; doue hauendo parimente inuiato, con carico, Gneo Pisone, persona altiera, e male affetta a Germanico, & essendo costume della Fortuna, non pure il sottoporre all'Inuidia coloro, che con la virtù, o altri lodeuoli mezi, a maggiore altezza di stato si auanzano; ma di mescolarui etiandio delle notabili infelicità si crede però, che per orditura di Pisone, e di

di Plancina di lui moglie, che con Agrippina emulaua, e col tacito consenso di Tiberio, e di Liuia, fosse al buon Germanico somministrato in Soria il veleno: nè ciò seguì senza dolore vniuersale de'buoni, che vollero non essergli per altro incontrata tal morte, che per lo pensiero, ch'egli hebbe, di restituire la libertà al Popolo Romano. La onde, chi pensò di accrescergli carico, accelerando per tal via il suo fine, concitò al nome di lui maggiore la vniuersale beniuolenza, & accrebbe a'generosi suoi fatti vna immensa gloria, essendo seguita, a coloro, che l'vccisero, con la pena, la debita infamia. L'effigie di cotal    25. Principe si vede senza corona entro la medaglia   · Census ID10066640: »As of Caligula (Germanicus / SC, RIC 35) (owner: Angeloni)« con lettere: GERMANICVS CAESAR TI.    26. AVG. F. DIVI AVG. N. e nel rouescio si legge: S. C. C. CAESAR AVG. GERMANICVS PON. M. TR. POT. raccogliendosi, che Caio Caligola fece stampare simil medaglia; ma Claudio ne restituì anch'esso la memoria, vedẽdosi alla testa, & alle lettere, come di sopra, il rouescio con tale inscrittione: S. C. TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. GERM. P. M. TR. P. IMP. P. P.

    H Ebbe Germanico per moglie Agrippina nata di Giulia figliuola di Augusto, e maritata in Marco Agrippa, huomo per propria virtù diuentato nobilissimo. Generò di Germanico noue figliuoli: ma soprauissero solamente Agrippina, Drusilla, e Liuilla; e de'maschi Nerone, Druso, e Caio Cesare Caligola. Le femine, e Caio soprauissero alla Madre. Nerone, e Druso furono, come ribelli; fatti morire da Tiberio: ma si vede tuttauia la memoria di essi in medaglia   · Census ID10066643: »Dupondius of Caligula (Nero and Drusus riding / SC, RIC 34) (owner: Angeloni)« ; nella quale quei due Cesari si esercitauano    27. caualcando, e forse nel giuoco detto di Troia, che per memoria della vittoria Attiaca soleua farsi fra' garzonetti nobili ogni cinque anni; e vi si legge: NERO, ET DRVSVS    28. CAESARES: seguitando nel rouescio: C. CAESAR AVG. GERMANICVS PON. M. TR. POT. S. C. dal che si raccoglie, che tal medaglia fù restituita da Caio Caligola fatto Imperadore, per serbare a' posteri la memoria di detti suoi fratelli.

    F V Agrippina Donna di gran cuore, & hebbe del virile, secondo ne apparuero segnali nella Germania; doue per alcuni giorni sostenne generosamente l'vfficio di Capitano, & estinse affatto la seditione trà Soldati: intantoche ne restò fuor dimisura insospettito l'Imperadore Tiberio. Perduto Germanico in Soria, nauigò a Roma con le ceneri di lui nel seno, e co' figliuoli: ma fù insidiata da Tiberio, nè essendogli sortito il tentatiuo di auuelenarla, la confinò nell'Isola Pandataria; doue finalmente per li biasimi attribuiti da lei all'Imperadore, fù battuta di suo ordine da vn Centurione, fin che priuatala di vn'occhio, astenendosi essa dal cibo, morì, e fù dal medesimo Tiberio diffamata, e vietatale la sepoltura de'Cesari. Hebbe Agrippina castissimo animo, & ardente amore verso il marito: ma troppo si dimostrò vaga del signoreggiare. Ricercò Caio suo

suo figliuolo le ossa di lei, giunto, che fù al Principato, e condottole, di persona, con gran pompa in Roma, le ripose nel Mausoleo d'Augusto: hauendone parimente ristituita la memoria in medaglia   · Census ID10066646: »Sestertius of Caligula (Agrippina Maior / Carpentum, RIC 55) (owner: Angeloni)« con l'effigie, e lettere: AGRIPPINA M. F. M. C. CAESARIS    29. AVGVSTI; cioè: Agrippina Marci Filia Mater Cai Caesaris Augusti ; e nel rouescio si    30. raccoglie la carretta, o come dissero gli Antichi, il Carpento di due ruote, coperto, & ornato nel dintorno di varie figure, tirato da due Mule, che mouendo loro passi, fanno vista di caminare, e con inscrittione nel disopra: S. P. Q. R. MEMORIAE AGRIPPINAE. il quale Carpento fù quello, che frà gli altri honori, volle Caligola, che fosse condotto nelle pompe funebri ordinate alla Madre.     Ma vn'altra medaglia   · Census ID10067666: »Sestertius of Claudius (Agrippina Maior / SC, RIC 102) (owner: Angeloni)« vi è di Agrippina, che oltre la testa, e lettere: AGRIPPINA M. F. GERMANICI CAESARIS, si legge nel rouescio: TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. GERM. P. M. TR. P. IMP. P. P. S. C. il che dà a vedere, che hauendola Claudio Imperadore molto riuerita per esser stata moglie di Germanico di lui fratello, volle, inalzato ch'egli fù all'Imperio, che col decreto del Senato restasse a'posteri la memoria, che di tal Donna, nell'istessa medaglia si raccoglie.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10065213: »Aureus of Tiberius / Tiberius in Quadriga (RIC Tiberius 1) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10065213: »Aureus of Tiberius / Tiberius in Quadriga (RIC Tiberius 1) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10066600: »Sestertius of Tiberius (Quadriga / SC, RIC 60) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10066600: »Sestertius of Tiberius (Quadriga / SC, RIC 60) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10066603: »As of Tiberius / Caduceus (RIC 65) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10066606: »Dupondius of Tiberius / Shield with Laurel (RIC 39) (owner: Angeloni)« 7. Census ID 10066609: »Sestertius of Tiberius / SC (RIC 48) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10066614: »Sestertius of Tiberius (Crossed Cornucopiae / SC, RIC 42) (owner: Angeloni)« 9. Census ID 10066617: »As of Tiberius (Drusus Minor / SC, RIC 45) (owner: Angeloni)« 10. Census ID 10066617: »As of Tiberius (Drusus Minor / SC, RIC 45) (owner: Angeloni)« 11. Census ID 10066621: »Dupondius of Tiberius (Pietas / SC, Ric 43) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10066624: »Dupondius of Tiberius (Livia (?) as Salus Augusta / SC, RIC 47 var.) (owner: Angeloni)« 13. Census ID 10066627: »Dupondius of Tiberius (Livia (?) as Justitia / SC, RIC 46) (owner: Angeloni)« 14. Census ID 10052399: »Sestertius of Tiberius (Carpentum / SC, RIC 50) (owner: Angeloni)« 15. Census ID 10066631: »As of Tiberius (Augustus / Female Figure Seated, RIC 72) (owner: Angeloni)« 16. Census ID 10066631: »As of Tiberius (Augustus / Female Figure Seated, RIC 72) (owner: Angeloni)« 17. Census ID 10065335: »Copper coin of Utica (Tiberius / Livia, RPC I 733) (owner: Angeloni)« 18. Census ID 10066568: »Dupondius of Caligula / Augustus (RIC 56) (owner: Angeloni)« 19. Coin not classified yet. 20. Census ID 10066635: »Sestertius of Claudius (Nero Claudius Drusus / Claudius on Curule Chair, RIC 109) (owner: Angeloni)« 21. Census ID 10066635: »Sestertius of Claudius (Nero Claudius Drusus / Claudius on Curule Chair, RIC 109) (owner: Angeloni)« 22. Census ID 10056852: »Dupondius of Claudius / Ceres Augusta (RIC 110) (owner: Angeloni)« 23. Census ID 10051170: »Dupondius of Caligula (Germanicus / Germanicus, RIC 57) (owner: Angeloni)« 24. Census ID 10051170: »Dupondius of Caligula (Germanicus / Germanicus, RIC 57) (owner: Angeloni)«

   SVccedette ben Caligola a Tiberio Cesare nell'Imperio con applauso vniuersale, quantunque lo si acquistasse con frode, e col mezo delle false promesse fatte ad Ennia Neuia moglie di Macrone Capitano de'Soldati Pretoriani, e con l'accelerare la morte ad esso Tiberio: ma non andò guari, che fù anche comune il dolore di vederloui inalzato; posciache nè il più libidinoso, o il più ribaldo di lui, o il più crudele, si trouò giamai. Degenerò dalla nascita, e fù l'opposito del Padre suo Germanico, che era ornato d'ogni virtù: nè si contenne di vsare con le tre sue Sorelle carnali, e di esporle poscia a'suoi cinedi, e buffoni; e finalmente satiatosene, come adultere, e consapeuoli di certa congiura, le confinò nell'Isole Pontie. Fece ingiustamente, e per solo suo capriccio, morire molte persone per qualità riguardeuoli; frà le quali ordinò d'improuiso, che suo fratello Tiberio fosse ammazzato da'Soldati. Haurebbe voluto vedere incontrata, a suo tempo, nel mondo alcuna graue calamità vniuersale, e si rammaricaua, che non auuenisse. Comandò, che a lui fossero fatti Tempij, Altari, e sagrifici come ad vn Dio. Hebbe oltre le concubine, varie mogli: cioè Giulia Claudia, Liuia Orestilla, Lollia Paolina, e Cesonia; della quale più, che dell'altre, si compiacque, non perche fossero in lei bellezze, nè giouentù: ma per essere oltre modo lussuriosa, e lasciua: questa gli partorì Drusilla, che fù con la Madre, e con Caio medesimo vccisa da Cassio Cherea Tribuno de'Soldati, correndo Caio l'età d'anni trentanoue, o poco più, e noue mesi, e ventotto giorni d'Imperio. Furono arse tutte le statue, e consumate l'altre memorie di Caligola, come di persona della quale, per la sua gran maluagità, non si stimaua bene, che giungesse il nome a'posteri; e dapoi, in tempo di Claudio, per de- creto

creto del Senato, si squagliarono i metalli, che conteneuano alcuna, benche piccola memoria di Caio: ma non pertanto si raccoglie essere stata tale in ciò la diligenza, che nõ sieno peruenuti a questa età molti rincontri di simile huomo; peroche si vede specialmente    1. impressa in medaglia   · Census ID10066649: »Sestertius of Caligula / SPQR (RIC 37) (owner: Angeloni)« la testa di lui con lettere: C. CAESAR AVG. GERMANICVS    2. PON. M. TR. POT. e nell'opposto lato la corona Ciuica; nel cui mezo sono le parole: S. P. Q. R. OB. CIVES SERVATOS. La qual medaglia senza fallo gli fù decretata per semplice adulatione, e non perche si troui, che egli la meritasse tale giamai, nè che facesse attione in prò de'Cittadini, che potessero, o douessero riconoscerlo per seruatore, o per loro Padre.     Ristorò in altra medaglia   · Census ID10066652: »Dupondius of Caligula (Nero and Drusus riding / SC, RIC 49) (owner: Angeloni)« grande la memoria de'suoi fratelli Nerone, e Druso, secondo altroue si disse: ma quella fù con essi a cauallo dall'vn lato, con sole lettere dall'altro; & in questa ben si vedono dall'vna parte li medesimi due Cesari a cauallo con inscrittione: NERO, ET DRVSVS CAESARES: ma dall'altro stà la testa di Caligola laureata, e vi si legge: C. CAESAR DIVI AVG. PRON. AVG. P. M. TR. P. IIII. P. P. cioè Caius Caesar Diui Augusti Pronepos Augustus, Pontifex Maximus, Tribunicia Potestate quartum, Pater Patriae.        3. Veggonsi in altra madaglia   · Census ID10066655: »Sestertius of Caligula / Adlocutio (RIC 32) (owner: Angeloni)« , oltre la testa di Caio laureata, e lettere; C. CAESAR AVG. GERMANICVS PON. M. TR. POT. le tre Sorelle di lui, cioè Agrippina effigiata per la Dea Constanza, la quale sostiene con la destra il Cornucopia, e s'appoggia con essa ad vna colonna. Drusilla rappresentante la Dea Concordia, con vn simile Cornucopia nella sinistra mano, e vna patera nella destra; e Giulia, che pur fú detta Liuilla, si dimostra per la Dea Fortuna col Cornucopia nella sinistra, appoggiata con la destra ad vn timone di Naue, e sopra ciascuna sono lettere, che palesano i nomi loro. Di dette Sorelle amò Caio suisceratamente Drusilla; intantoche de'suoi beni, e dell'Imperio, la instituì herede: ma sopraggiunta poco appresso dalla morte, egli ne restò per alcun tempo inconsolabile. La honorò per sè stesso, e volle, ch'il Senato, e'l Popolo la honorassero co'maggiori honori già conceduti a Liuia, & al Diuo Augusto: giurò, e fece giurar sempre per lo nome di Drusilla; oltre che le instituì più feste, e giuochi, & eresse Statue notabili: nè essendogli di gran lunga così grate l'altre due Sorelle, che soprauissero, le diede in preda, e confinò, come si disse.     Stà in diuersa medaglia   · Census ID10064024: »Sestertius of Caligula / Adlocutio (RIC 48) (owner: Angeloni)« la testa laureata con inscrittione: C. CAESAR DIVI AVG.    4. PRON. AVG. P. M. TR. P. IIII. e nella parte opposta è la persona dell'Imperadore, che in piedi, benche iui habbia vna sedia, parla dal tribunale ad alcuni Soldati, li quali coperti d'armi, con le Insegne militari nelle mani, rappresentano le Coorti, e lo stanno ascoltando, leggendouisi: ADLOCVT. COH. cioè Adlocutio Cohortis, ouero Cohortium. Tali allocutioni, o parlamenti a'Soldati si faceuano; quando questi erano astretti a prestare il giuramento militare, o che il Capitano, o Imperadore dell'esercito diuifaua?? con essi il modo della battaglia, o della retirata, o de'stipendij, o d'altre simili occorenze; il consentimento de'quali, alle cose proposte, si raccoglieua, o dal percuotere l'haste sopra gli scudi, o dall'alzare in alto il dito grosso, o dall'accostarsi al collo le spade ignude. Ma doue si hauesse Caio l'opportunità di parlamentare per alcuno de'capi suddetti, non sò raccogliere; percioche quantunque in diuerse fiate egli facesse prouedimenti da guerra, non pertanto mai guerreggiò: onde voglio credere, che tal medaglia fosse a lui decretata dal Senato per semplice adulatione dell'imprese eseguite più con la imma- F ginatione

ginatione, che con l'effetto, e che in dette vane occorrenze parlasse a'Soldati, accioche fatti animosi dalle sue persuasioni, si conducessero più francamente a combattere i Nicchi, e le Conchiglie gittate a'lidi del Mare Oceano; e per la cui segnalata vittoria, dopo hauerne fatto raccogliere notabile quantità, e chiamatele spoglie dell'Oceano debite al Campidoglio, edificò iui vn altissima Torre, sopra la quale, per additare la strada a'Nauiganti, ripose per la notte lumi accesi; e volle etiandio di cotal vittoria condurre in Roma il Trionfo.     Rappresentasi in varia medaglia   · Census ID10066659: »Sestertius of Caligula (Pietas / Caligula, RIC 44) (owner: Angeloni)« vna figura sedente in habito Donnesco, e col capo    5. velato, che tenendo nella destra la patera, appoggia il sinistro braccio sopra il capo d'vn fanciullo, e si legge nel disotto: PIETAS, e nel dintorno: C. CAESAR DIVI AVG. PRON.    6. AVG. P. M. TR. P. III. P. P. Si vede nel rouescio vn bellissimo Tempio ornato di sei colonne, con architraue, che sostiene diuerse figure, & hà nel mezo vna quadriga con ornamento, di vn lungo festone, che legato sù i capitelli delle prime colonne, va formando vn mezo cerchio: stà sù l'atrio del medesimo Tempio Caio istesso in piedi, ornato di vestimenta Sacerdotali, e che con la patera nella destra, fà suoi sacrifici sopra di vn Ara. Ha dinanzi il Vittimario, che mantiene legato la Vittima; e vi è nel didietro altra figura, che dalla sinistra mano lascia pendere vna gran patera col manico, e forse di quelle vsate per raccogliere il sangue dalla scannata Vittima; delle quali serbo io vna nel mio studio delle cose antiche, & è di metallo Corinto, con patena sanguigna, ottimamente conseruata. Dal fianco destro del Tempio si legge: DIVO, si come dall'altro: AVG. S. C. Nel che si rappresenta la consecratione, ch'egli fece d'vn Tempio già incominciato da Tiberio Cesare, e da esso fornito, e consecrato in honore del Diuo Augusto; e volendo in cotal attione dar a vedere d'hauer vsato gran pietà, fece, che nell'vn de'lati apparisse il simulacro di simil Dea sedente: ma in atto di sacrificare, secondo si raccoglie nella medaglia. Haueua però prima proueduto Tiberio, che detto Tempio non rimanesse senza culto, col crearui il Collegio de'Sacerdoti detti Augustali; e souuenendo largamente a'bisogni di esso, dotollo.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10066649: »Sestertius of Caligula / SPQR (RIC 37) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10066649: »Sestertius of Caligula / SPQR (RIC 37) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10066655: »Sestertius of Caligula / Adlocutio (RIC 32) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10064024: »Sestertius of Caligula / Adlocutio (RIC 48) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10066659: »Sestertius of Caligula (Pietas / Caligula, RIC 44) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10066659: »Sestertius of Caligula (Pietas / Caligula, RIC 44) (owner: Angeloni)«

   NOn affettò ad alcun modo Claudio l'Imperio: ma l'hebbe, quando nascondendosi da gli vcciditori di Caio, più temeua la morte, che sperasse di riceuere simil ventura. Nacque di Antonia figliuola di Marcantonio Triumuiro, e di Nerone Claudio Druso, e fù fratello del buon Germanico. Attese alle scienze, e riuscì in esse più che mediocremente buono: ma fù ftimato stolido da ciascuno, e da far poca riuscita. Potè solamente ottenere da Tiberio gli ornamenti Consolari, mentre lo richiese del Consolato: onde auuilitosene, menò per alcun tempo vita retirata. Imperando Caligola, fù in sua compagnia creato Consolo per due soli mesi, e nella prima vscita, in habito Consolare, hebbe l'augurio d'vn Aquila, che dal destro lato gli andò volando: ma gli sortì dapoi il Consolato intero. Di cinquant'anni, molto a caso, hebbe l'Imperio; perche ributtato da coloro, che vccisero Caligola, e nascostosi dietro vna porta, vi fù scoperto da vn certo Soldato, e riconosciuto; perloche stimando all'hora Claudio di trouarsi a mal partito, a'piedi di quello si gittò: ma esso fattogli riuerenza, lo chiamò Imperadore, e con altri Soldati assettatolo entro vna Lettica, lo condusse all'esercito; dal quale hebbe il giuramento: come pur l'ottenne, poco appresso, dal Popolo, e dal Senato. Fatto certo dell'Imperio, & auuedutosi con suo contento, che più ch'egli ad vna cotal felicità si staua lontano, quella bene all'infretta gli s'era fatta incontro; dati suoi ordini, voltossi il più presto, che fù possibile, all'opere della pietà. Osseruò pertanto fuor di misura il nome di Augusto, e volle, che Liuia sua Auola fosse venerata fra'Diui, e che in honor di lei comparisse, nella pompa de'giuochi Circensi, vn Carro tirato da Elefanti. Al Padre suo Druso, & alla Madre Antonia instituì publiche essequie, e che nel dì Natale del Padre fossero celebrati ogni anno i giuochi Circensi. Ordinolli già Romolo ad honore di Nettuno, ouero del Dio Conso, come alcuni affermano, e furono chiamati Circensi; perche correuano in cerchio, tirando alcune carrette intorno le mete dirizzate per tal effetto. Statuì, che in honore della Madre andasse vna carretta intorno la piazza del Circo Massimo, e la cognominò Augusta. Di tale Antonia sono rarissime le memorie, nè perciò è marauiglia, se tal fiata trà l'effigie di lei, e quella di vn'altra Antonia Augusta, che fù figliuola del medesimo Claudio, sieno stati presi degli errori: onde per chiarezza di ciò, e non perche si habbia proponimento di discorrere sopra le medaglie Greche, si pone quella   · Census ID10068267: »Copper coin of Crete (Head of Claudius / Antonia Minor and Nero Drusus, RPC I 1031)« , che fù stampata da alcuna Città della Grecia diuota ad essi Principi, che contiene dall'vn lato la testa laureata di Claudio con lettere: ΤΙ. ΚΛΑVΔΙΟΣ ΚΑΙΣΑΡ. ΓΕΡΜ ΣΕΒΑΣΤΟΣ. cioè: Ti. Claudius Caesar Germ. Aug. e dall'altro l'effigie d'Antonia cõ piccolo segnale di Diadema sopra il capo velato, e questa si guarda col suo marito Druso, che le stà di rincontro, con lettere disopra: ΔΡΟΥ. ΚΛΑΥ. ΓΕΡ. cioè Drusus Claudius Germ. e di sotto ANTONIA. cioè Antonia , e mancandoui alcune lettere, hà del uerisimile, che potessero dire Augusta.    Fù Claudio dedito al vino, & al coito, e al sottoporsi a'suoi liberti, e alle Concubine: temette di essere ammazzato, e faceua cercare coloro, che andauano a lui, accioche nõ portassero armi coperte; la qual cosa, come che sia in ciascuno miserissima, più nondimeno F 2 appariua

appariua calamitosa in colui, che posto in tanta altezza di stato, viueua con sollecito timore di douer prouare, qual fosse la Fortuna spauenteuole inimica di ciascun felice; ma pertuttociò si dispose all'impresa d'Inghilterra per solo disiderio di trionfare, come seguì, & operò molte cose degne di lode, e ne fù comunemente amato; ma inchinò anche tanto all'esser crudele, e sitibondo del sangue, che fece tormentare più volte, e scannare varie persone dinanzi a lui. Si tenne, che in fine, per via di veleno, terminasse sessantaquattro anni di vita, con quattordici d'Imperio. La sua effigie stà in medaglia   · Census ID10066662: »Sestertius of Claudius / Spes (RIC 115) (owner: Angeloni)« ;    3. nel cui dintorno si legge: TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. P. M. TR. P. IMP. P. P. cioè Tiberius Claudius Caesar Augustus, Pontifex Maximus, Tribunicia Potestate, Imperator, Pater Patrię    4. hà nel rouescio il simulacro della Speranza in piedi, coperto di vn sottilissimo velo, che di ragione dee esser verde, e sostenendone vna falda con la sinistra mano, porge con la destra il fiore del Giglio, o come alcuni vogliono, vn herba di tre sole foglie con lettere: SPES AVGVSTA S. C. Si dipinge la Speranza fanciulla; poiche in quella età si conseguisce ciò, che in ciascuno può sperarsi di buona, o temere di cattiua riuscita: nè quello che si spera, si gode perfettamente, secondo pur è imperfetta la fanciullezza. Veste di lungo; percioche di qualunque speranza pare, che non giunga mai l'effetto; e l'habito sottile, e trasparente dimostra, che nella speranza traluce la cosa, che si desidera. Il Giglio, quantunque ogni altro fiore desti in noi la speranza de'frutti, egli nondimeno, come più soaue di ciascuno, la porge maggiore; o quando pur sia l'herba suddetta di tre fronde, si stima quelle essere le prime, che escono dal grano seminato, che dimostrano il verde della speranza, nè senza fondamento il velo è verde, e camina con la similitudine dell'herbe, recando queste la speranza di buona ricolta. Il medesimo velo è scinto; perche la speranza non prende, nè stringe la verità; ma solamente quello, che suggerisce il pensiero. Io tengo, che tal medaglia fosse di simil guisa decretata dal Senato ad honore di Claudio, per sodisfare principalmente al publico all'hora, che come riferisce Suetonio, egli era tanto amato, e così fù conceputa buona la speranza del suo gouerno, che trasferitosi vna volta ad Hostia, s'intese in Roma egli essere stato vcciso a tradimento; onde il Popolo non restò mai di bestemmiare i Soldati, e'l Senato, chiamandoli traditori, e parricidi, fin che venne poscia l'auuiso, che l'Imperadore era saluo.     Vna simigliante medaglia   · Census ID10066665: »Sestertius of Titus (Claudius / Spes with flower, RIC 475) (owner: Angeloni)« , e con l'istesso rouescio, se non quanto in vece di Spes Augusta, si legge: IMP. T. VESP. AVG. REST. fù restituita a Claudio dall'Imperadore Tito, secondo cotal descrittione lo dimostra.     Con testa, e lettere descritte, si vede la medaglia   · Census ID10063215: »Sestertius of Claudius / Oak-wreath (RIC 96) (owner: Angeloni)« con la corona ciuica, entro la quale si    5. legge: EX. S. C. OB. CIVES SERVATOS. Stampata per la cagione detta in Augusto, intorno la corona, che di continuo staua pendente sopra la porta dell'Imperadore.     Trouasi nell'opposto lato   · Census ID10066668: »As of Claudius / Libertas (RIC 113) (owner: Angeloni)« di vna testa con le già dette lettere, il simulacro della Libertà;    6. cioè vna Donna con vestimenta sottili, che stendendo la destra mano, sostiene con la sinistra il pileo, con lettere: LIBERTAS AVGVSTA S. C. E fù per auuentura battuta all'hora, che ricusato vari honori, e magistrati, e l'esser chiamato Imperadore, non faceua quasi alcuna attione, che denotasse segni d'Imperio, senza impetrarne licenza dal Senato, o che non fosse da quello approuata; intantoche molte fiate compariua entro a'Magistrati come persona priuata per consigliare, e non per comandare; e cotal modo di gouerno si rendeua in guisa piaceuole, che a ciascuno pareua di viuere con l'antica libertà.

    Fù Claudio tanto diligente, e sostenne tali fatiche nell'amministrare la Giustitia, e nel tenere ragione, quando era Consolo, e fuori del Consolato, che non risparmiò li dì festiui, e solenni, e che per antica vsanza erano Religiosi; nè men quelli, che particolarmente si guardauano per ragion de'suoi parenti; e così fù studioso nel moderare, e nell'addolcire l'asprezza delle leggi, e nel castigar coloro, che ne abusauano, e commetteuano delle frodi, fin col fargli diuorare dalle fiere, che per ciò giudico fosse decretato    7. l'altro rouescio   · Census ID10066671: »As of Claudius / Constantia (RIC 111) (owner: Angeloni)« di vna figura in piedi vestita alla militare, col paludamento gittato nel didietro, con celata in capo, & vn hasta nella sinistra, e tiene il secondo dito della destra mano alzato al pari della faccia, a guisa di chi afferma constantemente alcuna cosa; leggendouisi: CONSTANTIAE AVGVSTI S. C. poiche la Costanza è compagna della Fortezza e della Giustitia, e questa si conuiene così a chi giudica, come a'Soldati nell'esercitio loro Militare.     Ma per confirmare il concetto medesimo della diligente, e retta giustitia amministrata    8. da Claudio, vedesi in medaglia   · Census ID10066677: »Quadrans of Claudius (Hand Holding Scales / SC, RIC 85) (owner: Angeloni)«   · Census ID10050144: »Quadrans of Claudius (Hand Holding Scales / SC, RIC 91)« , oltre la testa, e parole descritte, vna mano, che con le dita pollice, & anulare, tiene librata vna bilancia con lettere: P. N. R. S. C. le tre prime delle quali, altro non mi posso dar a credere, che vogliano inferire, che il nome del monetale, sotto di cui fù stampata tal medaglia. Per l'altre s'intende Senatus Consulto. Giustitia è quella volontà costante, che si tiene perpetua di dare a ciascuno quello, che gli si dee, & è veramente vn bene, che abbraccia tutti gli altri beni. La Bilancia è simbolo della Giustitia, perche come da quella si aggiustano le cose graui, e materiali; così dalla Giustitia, che è virtù, si agguagliano i beni dell'animo, e si pone regola alle attioni dell'Huomo. Ouero le bilancie, in cotal guisa disposte, furono come contrasegno dello studio vsato da Claudio, che non solamente le monete fossero nel suo tempo di buona lega, ma etiandio di giusto peso; e dimostrassero le dette lettere il contrasegno del monetale, accioche fosse palese sotto qual ministro erano battute.     E'anche in altro rouescio   · Census ID10066680: »As of Claudius / Minerva (RIC 100) (owner: Angeloni)«   · Census ID10050426: »As of Claudius / Minerva (RIC 116)« vna bellissima Minerua, che sostiene vn'hasta con la destra,    9. in atto di lanciarla, e con la sinistra imbraccia lo scudo, & hà il capo armato di celata, vestendo habito lungo, e schietto, e quasi, che ella muoua il passo per caminare: nè altro vi si legge, che S. C. Simil rouescio mi persuado, che fosse stampato di tal guisa per denotare, che Claudio fù amicissimo di Minerua; poiche fin da piccolo diede grande opera alle scienze, & alle arti liberali, & in tutte mandò fuori delle compositioni, mostrandosi in varie occorrenze dotto, & eloquente. Ma douendo continuar la proua del sopraintendere, che faceua Claudio, accioche la Giustitia hauesse suo luogo, si può in tal proposito soggiungere, che essendo Minerua la Dea della prudenza, e del sapere, dimostra, con lo scudo rotondo, che'l mondo, dell'istessa forma, è gouernato con infinita prudenza, e non a caso: dando a vedere col dardo, che'l prudente può nuocere altrui etiandio di lontano: ouero, che la forza della prudenza penetra la durezza delle più difficili cose: oltre che dauasi a Minerua il nome di Ciuile, e di Vrbana, volendosi gouernare le Città, e li Popoli pacificamente, e con prudenza.     All'altre cose, che operò Claudio a gloria de'suoi parenti, hauendo richiamate Giulia, & Agrippina da'confini, doue Caio le condannò; & instituito il giurare per lo nome di Augusto; & allogata l'Auola Liuia fra'Diui, & ordinate essequie, & altri honori al Padre Druso, e alla Madre Antonia, e celebrato il nome di Marcantonio suo Auolo, aggiunse

agginnse il perfettionare l'Arco Trionfale di marmo già stabilito dal Senato nella via Appia ad honore di Druso, e vi fece scolpire li trofei, e le vittorie di lui: onde per tal memoria si vede la medaglia   · Census ID10066683: »Sestertius of Claudius / Arch (RIC 98) (owner: Angeloni)« , che nel giro dell'effigie laureata di Claudio, contiene simili parole:    10. TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. P. M. TR. P. IMP. & hà nel rouefcio il detto Arco, che posato sopra quattro Colonne, sostiene nel mezo della parte superiore, la statua di Druso a cauallo in atto di correre incontro a'nimici, vedendosi da'suoi lati due trofei composti di varie spoglie militari con lettere: NERO CLAVDIVS DRVSVS GERM. IMP.     Furono in tempo di Claudio alcuni anni di tanta siccità, che ne seguì grandissima carestia di tutte le grascie: onde prouide il grano, e l'altre vettouaglie col premiare ciascuno, che conduceua robe in Roma, e fin volle, che fossero nauigate a rischio suo; accioche la diligenza de'mercatanti, nel souuenire la Città, non fosse intepidita da niuno interesse, e vi si visse dapoi commodamente. Non per altro dunque, che per serbare la memoria dell'abbondanza introdotta da lui, stimo, che si decretasse il rouescio d'vna    11. medaglia   · Census ID10056852: »Dupondius of Claudius / Ceres Augusta (RIC 110) (owner: Angeloni)« di Cerere posta sù vna sedia molto ornata, che porge con la destra alcune spiche, o papaueri, come Dea delle biade: significando gli vltimi la fertilità di esse; e sostiene con la sinistra vna facella accesa; la quale denota, che nutrendosi il Verno sotterra il seminato col calore, con l'istesso produce, e à suo tempo matura il frutto. Fù anche intesa simil figura di Cerere, per Antonia Madre del medesimo Claudio, secondo si è detto a suo luogo; leggendouisi CERES AVGVSTA S. C. Ma potendo conuenire al concetto descritto, si è stimato, che non debba disdire lo hauerla riposta in questo luogo.    Mentre Claudio fù giouinetto hebbe per moglie Emilia Lepida bisnepote di Augusto; ma non hauendone pur toccata la virginità, sentito, che il Padre di lei tentaua vna congiura contra di Augusto, la ricusò, e prese in suo luogo Liuia Medullina della discendenza di quel Camillo Dittatore, che serbò già Roma dalle mani de'Galli; ma questa nel giorno istesso, che si doueuano celebrare le nozze, infermò, e si morì. Gli fù data dapoi, e mentre ancora era priuato, Plautia Erculanilla; che per cagion d'impudicitia compresa in essa, e per altri rispetti, ripudiò. Di cotal Donna nacque Druso; il quale maritato giouinetto in vna figliuola di Seiano, s'affogò con vna pera; e la Sorella di lui Claudia giudicò bastarda. Si congiunse con Elia Petina nata di Padre Consolo, e poscia per lieui offese la licentiò, hauendone hauuta Antonia, la quale diede in matrimonio a Gneo Pompeo cognominato Magno; e poco appresso la maritò con Fausto Silla: ma perche morta che fù Poppea di Nerone, non volle Antonia congiungersi con esso, preso da lui il pretesto, che contra l'Imperio machinasse, la fece ammazzare. Dalla medaglia   · Census ID10066686: »Dupondius of Claudius (Antonia / Claudius, RIC 104) (owner: Angeloni)« di questa Antonia,    12. che ne dimostra l'effigie in età assai giouanile, e forse quando fù maritata a Pompeo a cui restituì Claudio il sopranome di Magno toltogli da Caio, può argomentarsi, che a lei concedesse quella di Augusta; leggendouisi: ANTONIA AVGVSTA. Hà per rouescio la    13. figura intera di Claudio togata, e col capo coperto, secondo era costume de'sacrificanti, che lo copriuano con velo, con panno, o con vna parte della veste, per mostrarsi ben humile, nè poter vdire, o vedere cosa trista, nè vergognosa, mentre era ne'sacrifici occupato; tiene il Simpolo nella destra mano, e stà in atto d'incominciare alcun sacrificio: volendo facilmente dare a vedere quello, ch'egli stesso fece, mentre la maritò, e vi si legge: TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. P. M. TR. P. IMP. P. P. S. C. Era il Simpolo vn piccolo vaso di terra col collo, o boccaglio angusto, con cui prima, che il sacrificante spargesse il vino su'l capo

capo della vittima, ne faceua l'assaggio, e se ne vede la forma in molte medaglie.    Si maritò dapoi Claudio con Valeria Messalina figliuola di Barbato Messala di lui cugino, e n'hebbe Ottauia, e Britannico; il quale morì di veleno datogli da Nerone. Fù Messalina oltre ad ogni credere libidinosa; perche non contenta di viuere nel Palagio del Marito, volle, come Meretrice, prouare di concorrere con le più famose nella libidine, che fossero ne'luoghi publici; & in cotal concorrenza, restò sempre di gran lunga vincitrice, e fin costringeua altre Donne nobili a far l'istesso, per hauere, in così nefande attioni, la compagnia delle sue eguali. Innamoratasi di Caio Silio bellissimo giouane, e negando questi di acconsentirle, operò, che gli fosse imposto da Claudio, che la vbidisse in qualunque cosa, e per tal guisa lo si godè: ma nè di ciò contenta, volle sposarsi con esso lui; e fattolo Consolo, celebrò solennemente le nozze; mentre Claudio dimoraua in Ostia. Risaputasi da lui cotale sfacciataggine della moglie, acconsentì, che fosse ammazzata, & il Senato ne fece disperdere ogni memoria: ma non perciò si resta senza hauerne alcune medaglie   · Census ID10065337: »Copper coin of Crete (Claudius / Messalina, RPC I 1002) (owner: Angeloni)« , benche piccole; nelle quali stà dall'vn lato la effigie di Claudio    14. con lettere: TI. CLAVDIVS CAESAR AVG. e nell'altro quella di Messalina, intorno la quale è scritto: VALER. MESSALINA AVG.    Morta Messalina, restò persuaso Claudio di prender per moglie la propria Nepote Agrippina figliuola di Germanico, e dell'altra Agrippina di Marco Agrippa, che maritata prima in Pasieno Crispo Oratore, stato due volte Consolo, fù dapoi data per moglie da Tiberio suo Zio a Gneo Domitio Eneobarbo, per nobiltà antichissimo; e del quale restò priua, generato che hebbe Domitio Nerone. Volle congiungersi con Sergio Galba vedouo di Lepida: ma fatto Principe Caio di lei fratello, si stette con esso per concubina fin, ch'egli la diede in preda a'Cinedi, e che poscia come adultera, e consapeuole di certa congiura, la confinò nelle Isole Pontie; di doue riuocata da Claudio suo Zio, mancata Messalina, celebrarono insieme le nozze; e tolta Ottauia, figliuola di Claudio, al Marito Lucio Silano, la sposò a Nerone; il quale, aiutataui da Pallante Liberto, fece riceuere nella famiglia de'Claudij, & adottare dal Marito. Cotal Donna fù di grande autorità, e ne vsò per iscemare il credito a Britannico Cesare, e per accrescerlo a Nerone, e per togliere insieme di vita molte persone per suoi odij, e priuati sospetti: intantoche temendo di prouare per simili misfatti gli auuersi riuolgimenti della fortuna, e compreso che Claudio si era pentito d'hauer preso lei per moglie, & adottato Nerone, valutasi di certa Donna detta Locusta, e di Alotto Eunuco, e ministro della viuanda, auuelenò il marito ne'funghi, e diede l'Imperio nelle mani di Nerone; col quale, per la sua insopportabile superbia, venuta a rottura, patì molti naufragi: ma tutto superò, fin che disposto Nerone ch'ella morisse, mandò a tal effetto Aniceto; a cui essa scoprì il ventre, dicendo che quello ferisse, che tal mostro al mondo prodotto haueua; & essendo stata figliuola, moglie, e Madre d'Imperadori, morì di serite. Sono le medaglie   · Census ID10067988: »Sestertius of Claudius (Agrippina / Chariot RIC 103) (owner: Angeloni)« di cotal Donna rarissime, & io mi pregio nondimeno d'hauerne vna grande di metallo con testa di lei in giouanile età, e lettere: AGRIPPINA AVG. GERMANICI F. CAESARIS AVG. & hà nel rouescio Cerere sedente con le spiche di grano, e con la face nell'istessa guisa, che in Antonia, & in Claudio si è descritta. Ma non posso persuadermi con qual pretesto le fosse battuta simil medaglia; benche per auuentura nell'istesso tempo, & ad vn fine medesimo, fù at- tribuita

tribuita la gloria a lei, che al marito, ouero al figliuolo, per cagion dell'abbondanza procurata da Claudio.     Si è già detto, di cui nascesse Nerone, e che prima di giungere all'Imperio hebbe per moglie Ottauia figliuola di Claudio: nè perciò disdirà il porre in questo luogo la memoria,    17. che si serba in medaglia   · Census ID10065340: »Copper coin of Crete (Nero / Octavia and Nero, RPC I 1006) (owner: Angeloni)« di così fatto maritaggio battuta à Nerone, & ad Ottauia. Si vede però dall'vn de'lati la effigie di esso Nerone in giouinile età, e senza corona, e vn piccolo scettro nel fornir del collo; segnale ch'egli era all'hora Principe della Giouentù;    18. e vi si legge: NERO CLAVDIVS IMP. LVRINO VOLVMNIO II. VIR. e questo è il nome del monetale: hà per rouescio la testa di Ottauia con meza Luna sopra il ciuffetto dinanzi, e le stà incontro Nerone giouinetto con vna Stella, che lo rappresenta il Sole, guatandosi amendue in segno di concordia; e si vuole, che così fossero effigiati ad imitatione de'figliuoli di Marcantonio, e di Cleopatra, che il Maschio Sole, e la Femina Luna furono detti, vedendouisi scritto: NERO CLAV. CAESAR IMP. ET OCTAVIA AVGVST. F. cioè: Nero Claudius Caesar, Imperator, & Octauia Augusti Filia.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Coin not classified yet. 3. Coin not classified yet. 3. Census ID 10066662: »Sestertius of Claudius / Spes (RIC 115) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10066662: »Sestertius of Claudius / Spes (RIC 115) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10063215: »Sestertius of Claudius / Oak-wreath (RIC 96) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10066668: »As of Claudius / Libertas (RIC 113) (owner: Angeloni)« 7. Census ID 10066671: »As of Claudius / Constantia (RIC 111) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10066677: »Quadrans of Claudius (Hand Holding Scales / SC, RIC 85) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10050144: »Quadrans of Claudius (Hand Holding Scales / SC, RIC 91)« 9. Census ID 10066680: »As of Claudius / Minerva (RIC 100) (owner: Angeloni)« 9. Census ID 10050426: »As of Claudius / Minerva (RIC 116)« 10. Census ID 10066683: »Sestertius of Claudius / Arch (RIC 98) (owner: Angeloni)« 11. Census ID 10056852: »Dupondius of Claudius / Ceres Augusta (RIC 110) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10066686: »Dupondius of Claudius (Antonia / Claudius, RIC 104) (owner: Angeloni)« 13. Census ID 10066686: »Dupondius of Claudius (Antonia / Claudius, RIC 104) (owner: Angeloni)« 14. Census ID 10065337: »Copper coin of Crete (Claudius / Messalina, RPC I 1002) (owner: Angeloni)« 15. Census ID 10067988: »Sestertius of Claudius (Agrippina / Chariot RIC 103) (owner: Angeloni)« 16. Census ID 10067988: »Sestertius of Claudius (Agrippina / Chariot RIC 103) (owner: Angeloni)« 17. Census ID 10065340: »Copper coin of Crete (Nero / Octavia and Nero, RPC I 1006) (owner: Angeloni)« 18. Census ID 10065340: »Copper coin of Crete (Nero / Octavia and Nero, RPC I 1006) (owner: Angeloni)«

   NErone adottato da Claudìo peruenne all'Imperio nell'età di diciasette anni per opera della Madre Agrippina, che dopo hauer celato astutamente la morte di esso Claudio, per attendere il punto felice predetto da gli Astrologi in prò del figliuolo, aperte su'l mezo giorno le porte, volle, che Nerone, insieme con Burro Prefetto delle Coorti, si facesse da quelle vedere: indi portato a gli alloggiamenti de'Soldati, tenendo tuttauia appresso di sè Burro, parlò a gli eserciti, e promesso loro il donatiuo, secondo l'opportunità richiedeua, fù subito salutato Imperadore, e confirmatoui da'Padri, e dalle Prouincie, che lo colmarono di più titoli. Diede principio, con atti di pietà alla sua amministratione, hauendo prima honorato Claudio di lodi, e consacrato, e postolo fra'Diui. Celebrò poscia la memoria del Padre suo Domitio, e sopra tutto fece molti honori alla Madre Agrippina. Si raccoglie il parlamento fatto a gli eserciti, colà ne gli alloggiamenti, in medaglia   · Census ID10064438: »Sestertius of Nero / Adlocutio (RIC 132) (owner: Angeloni)« con testa in età giouinile coronata di alloro, e lettere: NERO CLAVD. CAESAR AVG. GERM. P. M. TR. P. IMP. P. P. cioè: Nero Claudius Caesar Augustus Germanicus, Pontifex Maximus, Tribunicia Potestate, Imperator, Pater Patriae, & egli si vede    1. nel rouescio sopra di vn tribunale in piedi in habito lungo con Burro accanto ornato di    2. vestimenta più succinte, & alla Soldatesca; e di là parla alle Coorti, che con l'insegne militari stanno appresso di alcune fabriche ad vdirlo, e vi si legge: ADLOCVT. CHO. S. C. cioè Adlocutio Cohortis. Erano le Coorti più compagnie, o reggimenti di mille cinquecento fanti, e cento caualli, solite farsi di Soldati eletti chiamate Militarie, e si serbauano per li bisogni più importanti: ma però variauano nel numero, secondo la volontà de'Principi, o che lo stato delle cose lo richiedesse. Vi erano le Coorti Pretorie, e le Vrbane; e queste furono ordinate da Augusto sotto l'obedienza del Prefetto di Roma per guardia della Città. Eranui parimente le Coorti ordinarie così de legionarij, come di aussiliari di cinquecento cinquanta fanti, e sessantasei caualli, dieci delle quali faceuano la legione: ma trouandosi tal volta simil numero alterato ne gli autori, pare verisimile, che conforme i tẽpi, e le occasioni, o'l volere de'Capitani, si variasse; nè se ne può però dar certa forma.    Fù tale l'amministratione del Gouerno di Nerone ne'primi cinque anni, che passò in esempio di ottimo. Donò largamente a'Soldati, & al Popolo danari, grano, & altre cose di pregio. Tali donatiui dati al Popolo da gl'Imperadori, si chiamauano Congiari, a differẽza di quello, che doueuano a'Soldati, che era detto donatiuo, e ciò nacque, perche distribuendosi grano, vino, olio, sale, e cose simili, tutto si misuraua col vaso detto Cõgio; che conteneua il peso di dodici libre. E quantunque si dessero de'danari, come spesso incontraua, solendosi donare la somma di cinque, e più milioni d'oro per volta; veniua nondimeno anche ciò compreso sotto il nome di Congiario: secondo seguì de gli aromati, e del balsamo distribuiti copiosamente da Adriano. Furono vsate delle simigliãti liberalità in varie occorrenze da gl'Imperadori stati prima di Nerone; ma non hauendone veduto rincontro nelle medaglie, non si è meno potuto dimostrare prima il segnale, che apparisce nelle due seguenti stampate, per rappresentare il primo, e'l secondo Cõgiario distribuito da Nerone al Popolo; ma non però si legge se non di vn solo, nel quale diede

diede quattrocento nummi per ciascuno, che montano cinque scudi correnti. Tuttauia douendo le medaglie fare historia la doue manca, o contradice lo scrittore, conuiene però di affermare, che due fossero li Congiari dati da Nerone: vedendosi nell'vna   · Census ID10066692: »Sestertius of Nero / Congiarium I (RIC 154) (owner: Angeloni)« di esse    3. l'Imperadore sedente sopra di vn palco, e con le mani distese in cotal modo, che fà sembiante di ordinare alcuna cosa, e come hà più vicina vna figura in piedi armata di corazza di celata, e d'hasta, & appresso l'altra di Donna, che con la tessera frumentaria nella destra mano rappresenta la liberalità del Principe; così in riua del detto palco stà altra persona sedente, che ad vno, che per gradi vi sale, distribuisce il Congiario; & al piè della scala non manca chi attende di poterui salire, quando l'altro ne discenda. Si legge in cotal rouescìo: CONGI. I. DAT. POP. S. C. cioè, Congiarium primum datum Populo.     Ma nell'altro   · Census ID10066695: »Sestertius of Nero / Congiarium (RIC 160) (owner: Angeloni)« , benche l'Imperadore si dimostri sopra di vn palco sedente, & habbia,    4. appresso di sè persona, che gli assiste, si vede tuttauia vna figura giù del Palco, che fà vista di porgere alcuna cosa ad vn togato, che fatto vn seno della veste, iui la prende: ma nel didietro di quel, che porge, è vn edificio, a guisa di loggia, o portico; appresso del quale, è parimente vna figura con braccia, e mani alzate, in atto forse di chiamare il Popolo ad accostarsi; ouero di magnificare la liberalità del Principe, leggendouisi: CONG. II. DAT. POP. S. C. cioè: Congiarium secundum Datum Populo; e ne'rouesci di amendue le descritte medaglie stà la testa di Nerone laureata con lettere quali sono l'altre di sopra notate.     Fece Nerone celebrare molte feste, e spettacoli per piacere al Popolo, & edificò per seruitio di quello varie Terme, e Stufe publiche. Tolse in tutto, & altroue moderòli tributi delle Prouincie, & altre opere egregie vscirono da lui: intantoche ciascuno ne viueua contento: laonde il Senato per riconoscere la ottima dispositione di simil Principe, o che celebrasse il suo giorno Natale, che si chiamaua la festa del Genio, o che la sola medaglia   · Census ID10068024: »As of Nero / Genius Augusti (RIC 214) (owner: Angeloni)« gli decretasse, questa almen si truoua, che oltre la testa di lui in età giouinile, con    5. la corona radiata, e lettere descritte, hà di rouescio il Genio di Nerone rappresentato in vn giouinetto ignudo, se non quanto vn velo gli cuopre le vergogne: sostiene con la sinistra il cornucopia segnale di douitia, e nella destra la patera in atto di sacrificare sopra di vn Ara, che gli giace dinanzi; leggendouisi: GENIO AVGVSTI S. C. Tennero gli Antichi, che per lo Genio s'intendesse la tutela, e la conseruatione delle cose, & a tutto perciò lo assegnarono, trouandosi rincontri, che alle Colonie, alle Centurie, alle Decurie, a'fonti, a'luoghi, e fino a'libri, & a gli autori, dauano il Genio. Ma Genio s'intende la inclinatione, che hà l'animo humano ad alcuna cosa più particolarmente, che ad vn'altra; e perciò con verità stà figurato il Genio nelle medaglie: vedendouisi il Genio del Popolo Romano con vn ramoscello d'alloro, o di oliuo nell'vna mano, e nell'altra vn'hasta, come quello, che era egualmente disposto alla pace, & alla guerra. In altre si vede il cornucopia, per dimostrare le grandi ricchezze, che esso Popolo possedeua, & all'acquisto delle quali staua intento: ouero per dar a vedere il premer, che faceua nel mantenimento dell'abbondanza. In alcune medaglie di Traiano, e di Marcaurelio si vede con la patera, e con delle spiche nelle mani, per rappresentare con l'vna la Religione, e con l'altra lo studio, che quelli poneuano nell'Abbondanza. Simile è l'altro veduto in Nerone. Ma nel vero non si può far congettura se per merito, o per adulatione gli fosse stampato tale: questo è almen certo, che'l Genio del Principe era riuerito da ciascuno più degli altri, e G 2 che

che giurandosi il falso per lo Genio del Principe, che appresso gli antichi era giuramento grauissimo, veniua seueramente punito.     Ma come che sotto diuerse forme rappresentassero gli antichi l'vno, e l'altro Genio dell'Huomo, già che portarono opinione, che ciascuno ne hauesse due, cioè il buono, & il reo, riferendo Plutarco del Genio cattiuo appresso a Bruto, l'vno de'percussori di Cesare prima in Asia, e dapoi ne'Filippi, doue rotto da'Cesariani vccise sè stesso; non si raccoglie nondimeno nelle medaglie   · Census ID10067933: »Contorniate with Nero / Snake (owner: Angeloni)« la figura del Genio cattiuo, quantunque vi si vegga effigiato in più modi. Hora lo ci dimostra assai vario da gli altri la medaglia in Nerone, che hauendo nell'vn lato la testa laureata con lettere descritte, contiene nel rouescio vn'albero,    6. sotto di cui stà vn gran Serpente con la coda auuiticchiata, e che il restante del corpo, con leggiadro giro, solleua in alto, e distende la testa là doue la fiamma accesa d'vn Ara gli si rappresenta dinanzi con sembiante di auuicinaruisi. Cotal medaglia fà vista di non esser battuta in Roma, non lo dimostrando il segnale del S. C. solito di porsi in tutte quelle, che per decreto del Senato vi si coniauano. Mentre Enea rinouò l'essequie del Padre Anchise, apparue colà d'improuiso vn Serpente, che lo lasciò in forse, se quegli era il Genio del luogo: quindi presero alcuni argomento di mostrare la figura del Genio anche sotto la squammosa forma del Serpente, come nella medaglia suddetta di Nerone è incontrato.     E cosa nota, che Tiberio Claudio edificò il sontuoso Porto d'Ostia, e che Nerone ne fabricasse vn'altro ad Antio con intollerabile spesa, nè si raccoglie perche non lasciasse Claudio vna tal memoria a'posteri nelle proprie medaglie, e che volle più tosto Nerone effigiar nelle sue il Porto d'Ostia, che quello d'Antio fatto da lui: che quantunque egli hauesse per auuentura fornito, o restaurato il primo, doueua nondimeno, per ragion dell'affetto, che ciascun tiene alle cose proprie, eternare più tosto il secondo. Vedesi dunque nell'opposto lato d'vna medaglia   · Census ID10066699: »Sestertius of Nero / Ostia (RIC 178) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere, simiglianti alle descritte, vn Porto    7. in giro con fabriche, e vari seni, doue possono ripararsi le naui; e però che fà vista d'hauer due bocche, o vscite, si scorge in quella esposta verso l'alto Mare, vna Colonna, ouero Torre, che sostiene vna statua, e vi si legge. AVGVSTI. Che questo fosse il simulacro d'Augusto, o di Claudio, ouero di Nerone, variano le opinioni: ma comunque sia, si crede, che da quello si palesasse alcun lume per iscorta de'Nauiganti. Nell'altra bocca della inferior parte stà Nettuno, ouero Portuno, che fù il Dio de'Porti, sedente, & ignudo, che posando la destra mano sopra vn timone, solleua con la sinistra vn Delfino; dal quale si stẽde vn piccolo pãno verso le parti vergognose, e si legge nel disotto POR. OST. S. C. cioè Portus Ostiensis S. C. nel bel mezo del qual Porto si veggono sette grandi Naui con vna più piccola barca, alcune in atto di viaggiare, & altre già fermate a'luoghi loro. Et essendo egli fabricato per salute delle Naui, e de'Nauiganti; che dopo varcati gl'immensi seni del vasto Oceano, fà loro mestieri di prender riposo, ciò non più sicuramẽte può auuenire, che dal fermarsi in alcun seno, o porto, doue si promettano di star sicuri da'venti, e dalle procelle: quindi è, che si vede Nettuno giacente, il quale pare, che alla quiete, in simigliante luogo, inuiti ciascuno.     Chiuse Nerone il Tempio di Giano Gemino, cioè di due faccie; essendo, che all'hora nè in mare, nè in terra si facesse guerra alcuna. Fù perciò decretata la medaglia   · Census ID10066702: »Dupondius of Nero / Temple of Janus (RIC 284) (owner: Angeloni)«   · Census ID10054977: »Sestertius of Nero / Temple of Janus (RIC 438)«   · Census ID10053305: »Sestertius of Nero / Temple (RIC 323)« cõ testa, &    8. inscrittione come disopra, col Tẽpio suddetto chiuso, e lettere: PACE P. R. TERRA, MARIQ. PARTA

PARTA IANVM CLVSIT. cioè Pace Populi Romani Terra, Mariq. Parta Ianũ Clusit. Il chiudere il tempio di Giano, mentre si godeua da per tutto la pace, fù vsanza posta da Numa Pompilio, che gli edificò il Tempio in Roma nel luogo detto Argileto con due porte solamëte, e volle, che facendosi guerra si aprisse, e nella pace si chiudesse. Onde ne fù Giano chiamato ne'sagrifici Patulcio, & Clusio, da due voci Latine, che l'vna significa aprire, e l'altra serrare. Si truoua, che prima dell'auuenimento di CHRISTO, dell'humano genere pietosissimo Saluatore, tal Tempio fù chiuso trè sole fiate in segno di Pace vniuersale: la prima, mentre visse Numa: l'altra dopo la seconda guerra de'Romani co'Cartaginesi: e la terza sotto Augusto, vinto ch'egli hebbe Marcantonio nell'Epiro: e poscia per la quarta, lo chiuse Nerone. Fù dipinto Giano con due faccie, forse perche riguardasse con l'vna le cose della guerra, già introdotta, e con l'altra il fine di quella, che è la Pace. E si apriua detto Tempio, mentre era la guerra, accioche vi si douesse sacrificare, non meno per gli euenti buoni di essa, che perche ne seguisse dapoi la Pace; la quale ottenuta, si chiudeua il Tempio: quasi non facesse più mestieri l'vso di simili sacrifici.     Per la suddetta ragione dunque fù Nerone il primo, dopo Augusto, ad alzare l'altare    9. della Pace in Roma; onde vedendosi questo nel rouescio di vna medaglia   · Census ID10066705: »As of Nero / Ara Pacis (RIC 527) (owner: Angeloni)« con lettere: ARA PACIS S. C. si è voluta quì porre.     Hebbe Nerone a far guerra co'Parti ribellati, e sotto la scorta di Corbulone valoroso Capitano, dopo varie battaglie li vinse di nuouo. La onde per simili successi prosperi, quasi Nerone medesimo vi si fosse trouato di persona, continuandosi da'Padri lo stile grà preso di adulare a'loro Principi, fù da essi salutato Imperadore, fatte le solite supplicationi, dichiaratolo continuo Consolo, erette Statue, fabricati Archi; & honorato in altre guise,    10. e fin col decretar la medaglia   · Census ID10066711: »Sestertius of Nero / Arch (RIC 146) (owner: Angeloni)« , in cui dall'opposto lato della testa, con l'istesse lettere, che nell'altre si leggono, stà vn bellissimo Arco d'vn solo corso, ornato di Colonne, di Statue, e di Quadrighe, di Vittorie alate, e d'altri abbellimenti in modo, che è marauiglioso, nè vi si legge se non solo: S. C.     Per simigliante Vittoria stimo, che fosse stampata la medaglia   · Census ID10065077: »Sestertius of Nero / Victory (RIC Nero 198) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere vsate    11. & vna maesteuole Donna nel rouescio, vestita di sottilissimi drappi a lungo, che con l'ale a gli homeri, e distese, fà vista di caminare, e di porgere con la destra vna corona di alloro, mentre sostiene con la sinistra vna gran palma, e vi si legge: VICTORIA AVGVSTI S. C. Rappresentarono gli Antichi la Vittoria in vna Vergine, applicandole le Ale, o perche più presta, che riesce la Vittoria, è sempre maggiore, o perche inchinando hor dall'vn lato, hor dall'altro, si dimostra variabile: le dauano la palma rendendo l'effetto della Vittoria più forte colui, che la conseguisce, si com'essa rinforza contra ogni peso, che le si ponga sopra, e porta etiandio il vittorioso alla memoria de'posteri, non si corrompendo nè meno il legno di essa, nè perdono giamai il verde le sue frondi. La Corona di lauro denotaua l'honore debito all'istesso Vittorioso, che ne soleua portar cinto le tempie.     Ma si vede ancora in altra medaglia   · Census ID10066715: »As of Nero / Victory (RIC 316) (owner: Angeloni)«   · Census ID10061314: »As of Nero / Victory (RIC 351)« il simulacro dell'istessa Vittoria, che in atto di volare    12. sostiene con la destra vno scudo, in cui si legge: S. P. Q. R. S. C.    In quel mentre, che così fatti honori veniuano attribuiti a Nerone, egli non potè cõtrastar tanto alla cattiua sua intentione, tenuta per vn tempo celata, che questa non fosse accresciuta con stimoli, da Otone, e da Claudio Senicione bellissimi giouinetti, quegli di famiglia Consolare, e questi nato di vn liberto di Cesare; li quali tennero mano, che egli

egli si congiungesse con Atta Liberta; e poscia ad altre dissolutioni lo confortarono: intantoche non hauendo potuto Agrippina nè con l'esibire se stessa al figliuolo, nè con altri mezi rimouerlo da così fatte pratiche, tentò di farlo col timore, e prese perciò ad esaltare Britannico figliuolo vnico di Claudio, affermando, che l'hauerebbe condotto a gli alloggiamenti de'Soldati, accioche giunto all'età di poter gouernare, fosse inalzato da quelli all'Imperio. Per la qual cosa impaurito Nerone, fece prima auuelenare con acqua Britannico nel proprio conuito, & indi si dispose al procurare la morte ad Agrippina; e conuenuto del modo con Aniceto Liberto Capitano dell'Armata di Miseno, fecene vari tentatiui, e tutti in vano. Condottosi finalmente Aniceto, con altri armati, ad vna Villa di lei, la fe prima colpire di vn bastone in testa: ond'essa iscoperto il ventre accennaua, che quello ferissero, che l'abomineuole mostro di Nerone portato haueua, e di più ferite fù morta. La quale nefanda attione vscita da persona di gran potenza, e verso la propria madre, fù affatto colma di biasimo, non potendo mancare a lui de'modi meno crudeli di correggerla se errato haueua; niente dimeno gli auuenne di colorire tanto bene la sua iniquità, che concorsero prima li Centurioni, e li Tribuni a rallegrarsi, che fosse campato dall'improuiso pericolo ordinatogli dalla maluagia Madre, dando egli a vedere, che vno de'Liberti di Agrippina, che andò per visitarlo, volesse vcciderlo: onde participato, di Napoli, al Senato così fatto accidente, e che la madre ne haueua sostenuta la meritata pena, furono per tal effetto decretate supplicationi, e che si celebrassero li giuochi Quinquatrij, con nuoue sorti di giuochi. Erano questi sacrati a Minerua; la memoria del nascimento della quale si rinouaua in essi non permettendosi all'hora il far sangue, nè l'vccidere alcuna Vittima: ma con soli prieghi, e voti, e con odori si celebrauano: forse non hauendo ella voluto, che alcuna cosa si togliesse di vita in quel giorno, che essa l'acquistò. Ma altri honori attribuirono a Nerone, trà quali mi dò a credere, che decretassero la medaglia   · Census ID10066721: »Dupondius of Nero / Securitas (RIC 190) (owner: Angeloni)« con la Dea securità di rouescio: quasi che essendosi liberato dalle    13. insidie della Madre, potesse hoggimai viuer sicuro da quelle di ciascun'altro. Si stà cotal Dea a sedere sù vna sedia molto ornata, & appoggiando sù quella il destro gomito, questo pur serue di fortezza alla mano, che aperta riceue in sè il peso del capo, e lo sostiene: la sinistra stringe vn bastone, & hà nel dinanzi vn'altare col fuoco acceso: volendo forse inferire, che chi procura di star bene con Dio, al quale, e non ad altri si appartiene il sacrificio, non dee hauer tema di alcun male; e vi si legge: SECVRITAS AVGVSTI S. C.    Quando si faceuano le supplicationi disopra accentiate, era vso de'Romani, frà l'altre cerimonie, di fare ne'Tempi alcuni letti chiamati Lettisterni, sopra de'quali si poneuano le viuande, e'l conuito a gli Dei; mangiandosi all'hora giacendo: e perche il Tempio di Gioue Capitolino era il più principale, in quello a Gioue, a Giunone, & a Minerua si preparauano trè letti, ponendo sù nell'vno la statua di Gioue a giacere, e negli altri le due Dee a sedere: volendo Valerio Massimo, che non fosse all'hora permesso alle Donne il mangiare giacenti. Le viuande, e cibi pretiosi, che copiosamente, per loro si preparauano su'letti, erano poscia diuorate da sette Sacerdoti di quelle solennità, detti Epuloni. Si raccoglie la memoria di vn simil letto nella medaglia   · Census ID10067936: »Contorniate with Nero / Olympias (owner: Angeloni) « con testa laureata, e lettere: IMP.    14. NERO CAESAR AVG. P. M. vedendosi l'vna delle Dee sedente; la quale sostenendosi su'l sinistro lato, distende la destra mano ad vn Serpe, che da'piedi di lei sorge in alto: onde ben pare, che simile cerimonia fosse fatta a bella posta anche per impetrare al Principe la salute

salute: potendosi stimare opera di alcuna delle Città affettionate a Nerone, già che tale medaglia non hà il rincontro dell' S. C. che è solito vedersi in quelle, che per decreto del Senato furono stampate in Roma.    Trouandosi Nerone scarico del timore della Madre, più fece chiara la pessima sua inclinatione, peroche hauendo appresso di sè persone scelerate, ritornato di Campagna a Roma, diedesi, con tal compagnia, a più sorti di esercitij vili, e fino al guidare le Quadrighe, & al comparire sù le publiche scene, e quindi commettendosi le più nefande libidini, nacquero etiandio i rubamenti, e gli homicidij, e le ingiuste calunnie, che si attribuiuano a diuerse persone, per toglier loro ad vn tempo la vita, e le sostanze. Morì in quel tanto Burro con sospetto, che vi fosse aiutato col veleno, & a Seneca furono tagliate le vene: onde liberato per tal via Nerone da gl'impedimenti, che questi poteuano recare alla sfrenata vita, si condusse ad andar sonando, e cantando, non per Roma solamente, ma per le Città della Grecia; hauendo atteso da giouinetto, oltre la Filosofia; e l'arte dell'orare imparata da Seneca, a comporre versi, a scolpire, e dipingere, a maneggiare caualli, a cantare, a sonare: e tanto se ne compiacque, che stimò di non poter in alcune essere da chiunque auanzato, e specialmente nella melodia del canto, e nel destro sonare suo di cetra, e ne procurò il guiderdone delle corone, e conseguillo; e volle per tal cõto esser veduto, nel suo ritorno a Roma, sopra il carro del Diuo Augusto nel mezo di più Musici, e sonatori, condurre il Trionfo: ma quantunque non confacessero alla maestà del suo grado simili esercitij; vedendosi nondimeno, che fuor di misura se ne pregiaua,    15. decretò il Senato, per adularlo, la medaglia   · Census ID10066724: »As of Nero / Apollo Citharoedus (RIC 380) (owner: Angeloni)« , che nell'opposto lato alla testa contiene la figura di lui in habito di Comico, che suona sopra d'vn palco in attitudine di cantare, e di ballare, e vi si legge: PONT. M. TR. P. IMP. P. P. S. C.     Era tanto inuaghito Nerone del suo cantare, che studiaua particolarmente di conseruare la voce; la quale si daua ad intendere di hauere per tal conto eccellentissima; e si guardaua sopra tutto di non sconcertarla troppo; mentre pur gli conueniua di parlare alli Soldati: nel qual caso gli era ricordato da alcuno il non affaticarsi molto: e benche ciò potesse incontrare più fiate, & in varie occorrenze; si può nondimeno fare argomento, che auuenisse specialmente all'hora, che per cagione di alcune opportunità, parlò alle Coorti rappresentate entro la medaglia   · Census ID10065079: »Sestertius of Nero / Nero with soldiers (RIC Nero 136) (owner: Angeloni)« ; che contenendo dall'vn lato la testa laureata, e    16. lettere: NERO CLAVDIVS CAESAR AVG. GERM. P. M. TR. P. IMP. P. P. si scorge nell'altro l'Imperadore, che da vn luogo rileuato, con persona appresso alquanto più piccola di lui atteggia con la destra, fauellando a trè Soldati, ciascun de'quali tiene vna Insegna militare; e vi si legge nel disotto: ADLOCVTIO COH. S. C. Adlocutio Cohortis.    Non potendo Nerone contenersi dal guidare in publico le Quadrighe, con vilipendio notabile dell'essere di lui, fù da Burro, e da Seneca, innanzi che morissero, fatto fabricare nel Vaticano vn serraglio, doue senza esser veduto potesse fare a sua voglia l'Auriga, e caualcare, & esercitare l'habilità, che in altro si daua a credere di possedere: ma egli, che vergogna non conobbe giamai, volle, che colà entrasse il Popolo a vederlo, e caualcando, e gareggiando co'migliori di simili arte, tal'hora con vno, e con due caualli faceua vista    17. di correre armato. Ma il Senato per colmarlo delle solite adulationi, stampò l'vn rouescio di medaglia   · Census ID10067759: »Sestertius of Nero / Decursio (RIC 174) (owner: Angeloni)« con esso a cauallo correndo, & vn pedone, che gli precede, & vn'altro dietro, e poco meno che al fianco di lui, leggendosi nel disotto: DECVRIO S. C. Per

    Per l'istesso fine si vede diuersa medaglia   · Census ID10067761: »Sestertius of Nero / Decursio (RIC 170) (owner: Angeloni)« , in cui precedendo Nerone con la lancia    18. impugnata, ad vno, che parimente a Cauallo col Labaro, o cornetta, lo seguita, vi si legge: DECVRSIO S. C. Decursioni erano le rassegne de'Soldati per esercitarsi, mentre non stauano in fattione; e mescolandone delle simili Nerone tra'l suo caualcare, e'l guidar delle Carrette, & compiacendosene, non era marauiglia, se per adularlo, furono battute le suddette medaglie.     Si dimostra nel rouescio di altra medaglia   · Census ID10067938: »Contorniate with Nero / Circus (owner: Angeloni) « con testa, e lettere: IMP. NERO CAESAR    19. AVG. P. MAX. il serraglio, ouero Cerchio del Vaticano, di forma più lungo, che largo; nel cui mezo hà per lo trauerso il muro chiamato tela, che dall'vn capo all'altro termina in due mete con trè punte piramidali per ciascuna; e là doue i caualli prendeuano la volta, era cotal luogo formato alla guisa d'vn mezo cerchio. Contiene nel centro vn grande Obelisco di piedi settantadue di altezza, vicino al quale si scorgono alcune porte; e per sù la tela del muro suddetto stà dall'vn lato vn Leone, nè molto distante ve n'è vn'altro; e come il primo è scarico d'ogni soma, così l'vltimo sostiene la Dea Cibele col capo turrito. Corrono nel dintorno quattro Quadrighe: ma quel che fà vista, che douesse aumentare il piacere in simiglianti feste, è il vederuisi vn Lepre cacciato da vn cane, e che dopo essersi auanzato nel corso, volge il capo verso l'inimico, forse mirando, quanto quegli li sia lontano. Tali Cerchi conteneuano luoghi da sedere solleuati da terra per comodità di coloro, che stauano vedendo i corsi de'Caualli, le Caccie, le battaglie nauali, e simili feste, che vi si faceuano; e nelle quali, per ordine del Principe, si gittauano al Popolo vccelli, & altre varie cose, per accrescere, in così fatta guisa, l'allegrezza, e l'applauso.    Nerone nel diuentare peggiore, e nel procurare la distruttione de'suoi Cittadini, e della Republica, col farne morire molti de'migliori, e de'più potenti, per togliersi dinãzi simili testimoni delle sue sceleratezze, e per leuar loro la roba, più che per hauerne giusta cagione, volle ancora per celare il ragioneuole trauaglio, che sostener doueua de gl'infelici successi di Peto fra'Parti, aggiunger danno a danno; peròche non con altro lo seppe fare, che col gittar nel Teuere il grano vecchio delle monitioni, e col non volere, che se ne aumentasse il prezzo, quantunque ve ne fosse strettezza, e che nel Porto ne perissero, per fortuna, dugento Naui, e cento altre, già entrate nel Teuere, restassero disgratiatamente arse dal fuoco: dimostrando per tal via la sicurezza dell'abbondanza, e che anche il male fatto da lui, poteua egli cambiare in bene. E nel vero, che come nella carestia, è degno d'esser compatito il Principe, che fatte sue diligenze, in prò de'Popoli, nè sortenendone l'effetto, se ne rammarica; così è da esser altrettãto biasimato quegli, che non pur negligentemente opera il contrario, ma accresce con malitia il male, secondo fece Nerone: nondimeno quantunque si comprendesse, che'l fine di così fatti danni, poteua, per l'auuersa natura dell'Imperadore, esser l'incominciamento di molti altri, fù da'suoi adulatori procurato la publicatione della medaglia   · Census ID10067706: »Sestertius of Nero / Annona and Ceres (RIC 137) (owner: Angeloni)« con Cerere sedente, che distende    20. la destra verso alcune misure di Grano, e fà vista d'accennare, che con quelle doueua procedersi alla distributione di esso: tiene nella sinistra vna lunga face, il cui simbolo si è dichiarato altroue: le stà dinanzi vna donna in piedi col cornucopia, forse denotando con esso, non meno l'abbondanza, che la cura nel rimetter le biade a'suoi tempi, e nel custodirle; e la naue, che vi si scorge, pur dà segno, che tal prouisione era così disposta per coloro, che dimorauano in terra, come per gli altri, che per cagioni d'Ar mate

mate, o di viaggi solcauano i mari: oltra che portandosi con le Naui il grano, si recaua anche l'abbondanza a Roma istessa, e vi si legge: ANNONA AVGVSTI CERES S. C. deriuãdo cotal nome di Annona dall'Anno; nella cui rinouatione si distribuiuano i frumenti al Popolo.    Esercitò Nerone la crudeltà più d'ogni mostro, distruggendo con varie morti gran parte del Senato, de'Cittadini, e fino il Fratello, la Madre, e la Zia di lui medesimo, e collo studiarsi di apparire inimico di tutti i buoni, e di mandare ad effetto qualunque disonestà. Ma appresso di ciò, volle lo scelerato Principe, che seguisse al misero Popolo vna delle grandi, e più atroci calamità di quante mai, per violenza di fuoco, ne fossero state in Roma; poiche cupido di gloria, la fece bruciare tutta, per edificarne egli vna nuoua e chiamarla col nome di lui. E nel vero, che non con altro poteua purgarsi quella gran Città dalle abomineuoli sceleratezze introdotte, & esercitateui da così iniquo, e persido huomo, che col fuoco; il quale acceso da principio verso il Cerchio, frà i monti Palatino, e Celio, portato poscia dal vento, nè ritardato da alcun riparo, già che le forti mura delle case, o i portici, o le testudini de'Tempij non furono in ciò valeuoli, dilatato l'incendio con impeto, non ammettendo rimedij, auualorate le fiamme, e sormontati i tetti incenerirono non meno i legnami, & altre cotali esche del fuoco, che gl'infermi non ageuoli a trasportarsi; le Donne, e fanciulli colti dal repentino accidente; e molti, che troppo cupidi di saluar roba, o cose più care, volendo vscir di là, doue poco prima entrarono, vedutisi ad vn tratto circondati dal fuoco, & auuampati dalle fiamme, vi periuano. La onde grandissime erano le strida di quelli, e de gli altri oppressi, e dal dolore trafitti, e delle Donne senza consiglio, e de'fanciulli sbigottiti, e de'vecchi impotenti, e de gl'infermi, che anche a coloro, che d'aiuto erano, per vari casi bisogneuoli, chiedeuano mercè: aggiuntiui gli vlulati, il battere delle palme, la sollecitudine de'più animosi nel saluare oue persone, oue robe; e'l ritardamẽto d'altri già incaminati a simili souuenimẽti, che soprapresi dal timore, si arretrano: le voci, che acqua, o soccorso, o altra cosa addimandano: lo strepitar delle fiamme già da per tutto sparse, generauano tutti insieme vn così confuso rumore, che da chi ne'luoghi più alti l'vdiua, era sentito con doglia, e riceuuto con silentio; percioche la grauezza del male instupidì le menti, & inorridì gli animi, vedendosi non da altro, che dal terrore, e dallo spauento, e da'pericoli circondati: nè potendosi meno, con opportuni argomenti a simil danno, riparare, già che coloro, che nel ciò fare erano disposti, ne veniuano, con minaccie, da ogni lato distolti; e doue la voracità dell'incendio, per sè stessa, o con l'aiuto del vento non fosse ancor giunta, vi si gittauano, a bella posta, nel cospetto di ciascuno delle facelle accese, dicendo essere ciò comandato. Fattosi però chiaro, che non dal caso, ma dall'humana malitia cotale ineuitabil rouina procedeua, nè comprendendosi con quali argomenti poter souuenire al publico bisogno, o al priuato: ouero al dolore, e alla somma pena di ciascuno; spogliati però di speranza, giuano quasi forsennati hor l'vna strada, hor l'altra scorrendo; doue meno di riceuer molestia dal fuoco pensarono; & auuenuti là, doue erano i Tempij, le Terme, i Teatri, e le publiche fabriche, sopra l'altre riguardeuoli, vedutele abbronzate, e guaste dal fuoco, e che i marmi, e le più dure pietre, vinte dalla violenza di quello, ridotte in piccoli frammenti, conuertiuansi in calcina: accresciuto perciò doglia a doglia, stanchi hoggimai per la veduta di così fatti spettacoli, e per la fatica de'corpi, e per l'agitatione de gli animi, essendo continuato sei giorni, e sette notti il conuertirsi ciascuna H cosa

cosa in rouine, & in ceneri, nè sapendo, qual partito prendere, o qual ricusare, volgendo ogni vno la mente a sè medesimo, condottisi là doue il caso, o'l disperato lor consiglio li guidaua, e di cibi, e di tetti, e d'ogni sostanza priui, la sola doglia, gli amari pianti, e li muggiti lamenteuoli, era il nutrimento loro. Corso pertanto il fuoco dapertutto, nè vi restando luogo non cõsumato dalle voraci fiamme, satiossi etiandio la barbara crudeltà di Nerone; il quale, bruciando Roma, salito la Torre di Mecenate nell'Esquilie; la cui altezza si rendeua maggiore con l'esser edificata nel più eminente della Città; vestitosi da Histrione, cantando iui ciò, che Omero lasciò scritto della bruciata Troia, godeua entro l'animo suo crudele, di veder, col mezo di così fatto incendio, ridotte al niente le memorie egregie lasciate da vari huomini de'secoli andati, e delle quali più si pregiaua il mõdo, che di qualunque altra cosa mortale. Seruendosi egli pertanto dell'infelice esterminio della Patria, ad edificar si diede per sè vna Casa, e la riempì non meno di gemme, e d'oro e di altri ornamenti per eccellenza notabili, che di campagne, di stagni, di selue, e di grandissimi spatij, che per veduta, e per diporto seruiuano: intantoche prendendo il suo principio dal Monte Celio, fino all'vltima parte dell'Esquilino: cioè dalla chiesa hoggi de' Santi Giouanni e Paolo, per diritto il Coliseo, a S. Pietro in Vincola, e Santa Maria Maggiore stendendosi, giungeua appresso Termine, non senza la forma d'vna ben grande    21. Città. Si vede per mio credere cotal fabrica entro la medaglia   · Census ID10067772: »Dupondius of Nero / Macellum (RIC 184) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere già dette, che sostenuta da due ordini di Colonne, dimostra nel bel mezo vna porta assai ornata; a cui si giunge per gradi: ma benche per le parole scritteui: MAC. AVG. S. C. sia tenuto da molti, che non la Casa aurea, ma vn Macello cotal fabrica rappresenti; io nondimeno fra'l dubitare de gli altri, non trouando Historico, che di vn così sontuoso Macello faccia mentione, nè medaglie, che rappresentino la Casa aurea suddetta, tanto celebrata dagli scrittori, porto opinione, che altro non dimostri simil fabrica, che la Casa istessa di Nerone: raccogliendosi massimamente nella medaglia, che l'vltima lettera stimata vn C, può essere vn G; e che perciò la prima parola dica: MAGNA, segua AVGVSTI, vi s'intenda: DOMVS, per la casa istessa colà impressa, che tale si dimostra: perche, che importaua il fare vn macello, a cui per gradi si salisse, e che oltre la nobiltà della struttura, e delle Colonne, e de'Cornicioni intagliati, e di altri ornamenti, che vi si vedono, fosse anche nella superiore parte arricchita di festoni, che di marmo, o di metallo doueuano essere? e se qualunque scrittore concorda, che nell'entrare la Porta della Casa Aurea, staua il Colosso di bronzo di Nerone di cento venti piedi d'altezza, e nella detta medaglia simile statua si scorge, non sò come questa possa dirsi, che anche nel macello stesse riposta: oltre che nella medaglia lasciataci da Tito per memoria della consecratione fatta da lui del Coliseo, e che à suo luogo si può vedere, se crediamo a coloro, che affermano cotal fabrica fosse fondata sù vna parte della Casa di Nerone, vi si scorgono dall'vn lato due Colonne, che altre due sopraposte ne sostengono, co'cornicioni, e membri simiglianti a quelli, che stanno entro la medaglia, della quale si discorre; e queste poterono essere per auuentura, dall'vn de'lati in piedi, quando vi fù fabricato il Coliseo, apparendoui di rincontro la Meta sudante, le cui rouine tuttauia si comprendono accanto il Coliseo medesimo; & in quel luogo, doue il Monte Celio hà sue radici, la Casa Aurea haueua il suo principio. Nè stimo veridica l'opinione di coloro, che lasciarono scritto, dette Colonne esser parte del Settizonio, percioche le rouine di questo si sono vedute, non hà gran tempo, verso S. Gregorio, & era composto di più ordini di Colonne tramezzate di mura di pie- tra

tra cotta; là doue quelle, delle quali si parla, sono solamente quattro colonne, due piantate in terra, e due altre a quelle sopraposte, se non quanto il cornicione le diuide, nè vi è alcun muro, e per ragion verisimile stanno in luogo assai più congiunto, per vicinità, al Coliseo, che a S. Gregorio; il cui sito è anche per fianco a quello, che per dirittura dalla Meta alle suddette Colonne, si descriue. Ma ciò, che meglio chiarisce il tutto, è, che la medaglia citata fù impressa da Tito, & il Settizonio fù edificato, o ristaurato gran tempo dapoi da Settimio Seuero, e nel luogo suddetto di lontananza notabile dal Coliseo: sì che tornando al Macello, quello che si chiamò Liuiano, si legge, che stesse nella Regione Esquilina, là doue si vede hora la Chiesa, che vien tuttauia chiamata S. Vito in macello; & vn'altro si vuole, che ne fosse su'l Monte Celio detto Magno, doue si vendeuano le cose bisogneuoli alla vita humana: tenendosi, che non fosse altro il Macello, che vna piazza commoda per così fatti esercitij. Da Piazza dunque, ad vn'edificio in forma di grande, e nobil Casa, o Palagio, pare, che sia molta differenza. Ma tengasi ciascuno la propria opinione, che della mia hò qui voluto far mostra, benche in questa, e in altre cose, che recano con sè delle dubitationi, io non mi faccia lontano dal concorrere col saggio parere de gl'intendenti.     Bruciato Roma, e poscia dal misero Popolo, con diuerso ordine, ridotta di nuouo habitabile, volle Nerone ornarla a proprie spese di Portici, e d'altri abbellimenti, & a coloro diede premij, che ad vn termine prefisso, hauessero condotto il tutto a buon fine. Per la qual cura, e spesa, quantunque il danno cagionato da lui fosse grauissimo, e per ogni capo insopportabile; tengo nondimeno, che volendosi secondare la vsata adulatione, fosse impressa la medaglia   · Census ID10067777: »Sestertius of Nero / Roma (RIC 273) (owner: Angeloni)«   · Census ID10067775: »Sestertius of Nero / Roma (RIC Nero 358) (owner: Angeloni)« con testa, e solite lettere, e'l simulacro di Roma sedente sù varie spoglie    22. di guerra, armato di celata, e di stocco, che sostiene con la destra mano il Palladio, &    23. hà nel disotto le parole: ROMA S. C. Era il Palladio la statua di Pallade; la quale fù detto, che visibilmente cadde dal Cielo, e nella più riposta parte di vn Tempio si teneua custodita da sacre Vergini; ad vna sola delle quali era lecito il vederla, e toccarla: volendosi, che hauesse virtù di conseruar, da qualunque disauentura, la Città, dou'era così guardata; e che oltre a ciò le daua Signoria, & Imperio sopra le altre. Per la qual cagione fecero gli antichi simile immagine sù l'vna delle mani del simulacro di Roma, correndo fama, che Enea la portasse in Italia, e che per tal via l'hebbero i Romani, e che insieme fosse simbolo della Eternità.     Precipitò Nerone in tanto vitupéro, che douendosi fare il concorso de'Lustrarli, che di cinque in cinque anni si soleua celebrare con l'interuento de' più famosi Oratori, Poeti, e Musici, pensò il Senato, per toglier a lui la vergogna, e velar la bruttezza del suo cõparire sù le scene a gareggiar con simiglianti persone, di esibirgli, come fece, la vittoria del canto, e la corona de gli Oratori: ma ricusando Nerone simil dimostratione, col saldo proponimento di concorrere con coloro, che stimaua suoi emuli, e di volerne riportare la meritata lode, guadagnandola, volle entrarne alla proua, e soggiacere, in paragone de'più vili, a quel, che ne fosse decretato da'Giudici, e ne ottenne la vittoria; in segno della    24. quale, pregiandosi egli tuttauia de'suoi vitupéri, fù stampata la medaglia   · Census ID10067765: »Semis of Nero / Table (RIC 243) (owner: Angeloni)«   · Census ID10061339: »Semis of Nero / Table (RIC 244)« ; nel cui rouescio si vede sopra di vn bello, & ornato tripode, vn vaso da due manichi, e vna Corona con inscrittione: CERTA. QVINQ. ROM. CO. S. C. cioè Certamen Quiuquẽnale Romae Conditum. Senatus Consultum. Giudico, che trattandosi di scherzi Poetici, e Musici, perciò vi si vsasse il Tripode: mostrando il vaso, che vi è sopra, il sacrificare, che prima doueua farsi H 2 ad

ad Apollo, e che poscia si allogasse la Corona, premio del vincitore sù l'stesso Tripode quasi in luogo sacro. Si vuole, che tali giuochi fossero instituiti dal medesimo Nerone da celebrarsi da cinque in cinque anni, e Suetonio l'afferma.    Già si disse, che Nerone hebbe per moglie Ottauia figliuola di Messalina, e di Claudio, nata però prima, ch'egli fosse Imperadore, e sposata giouanetta in Lucio Sillano; il quale, a requisitione di Agrippina, la cedette al figliuolo Nerone, hauendola prima Claudio fatta adottare in altra famiglia; accioche non apparisse, che la Sorella si congiungesse col fratello, essendo Nerone di lui figliastra. Infastiditosene questi in breue, discacciolla, e tentò più fiate di farla morire, quantunque ella fosse honesta, e stimata per lo nome Paterno; & in fine la confinò, come sterile in Campagna, col farla guardare da'Soldati. Ma vdito il biasimo, che gli ne seguiua dal Popolo, con singolare allegrezza di quello richiamolla, benche guasto di nuouo di Poppea Sabina, che si teneua per concubina, ordinò con Aniceto suo liberto, che confessato d'essersi congiunto con Ottauia, come adultera, l'accusasse; e che hauesse nascosti li figliuoli nati di adulterio: nõ ricordandosi d'hauerla prima discacciata come sterile. Fù dunque confinata nell'Isola Pandataria, e poco appresso ammazzataui. Si teneua Nerone in secondo luogo Poppea suddetta figliuola di Poppeo Sabino, che di bassa conditione ascese al Consolato, e di Sabina Poppea, che per tema di non esser carcerata, per l'accusa hauuta di adulterio, vccise sè stessa. Fù la giouane Poppea moglie di Ruffo Crispo Caualiere Romano; al quale partorì vn figliuolo dell'istesso nome; e leuata da Nerone al marito, la diede in guardia ad Otone suo amico, fin che si sbrigasse di Ottauia: ma questi inuaghitosene, non pur l'hebbe come adultera, ma la si congiunse come moglie. Ciò fù cagione, che Nerone, per voglia di conseguirla, si tolse Otone dinazi, inuiandolo legato in Lusitania. Fù Donna disonesta, e lussuriosa: hebbe i capelli di colore d'ambra. Chiamolla il Marito Augusta: ma tornato vn giorno tardi dalle feste Quinquennali, alterato per non hauerui conseguito il premio della vittoria, e l'honore del guidar le Carrette, e del canto, fù da esso vccisa di vn calcio, con allegrezza publica, per la impudicitia, e crudeltà di lei. Ma ne sentì ben dolore Nerone, il quale hebbe di essa la figliuola Claudia, che chiamata da lui Augusta, si morì in breue, e Deificolla. Voltato l'animo a prendere Antonia figliuola di Claudio, fù da lei ricusato; la onde col pretesto, che alcuna cosa machinasse contra l'Imperio, la fece vccidere. Volle per terza Moglie Statilia Messalina, che fù sua amica, prima che si maritasse ad Attico Vestino di lei adultero; il quale, per volontà nata in Nerone d'hauerla per Moglie, restò di suo ordine, mentre era ancora Consolo, tagliato da'suoi Satelliti a pezzi. Costei, morto l'Imperadore, disegnò maritarsi ad Otone; ma perche egli si vccise, hebbe solamente le sue ceneri in cura.    Essendo però hoggimai tempo, che per le atroci sceleratezze di così nefando mostro qual fu Nerone, ciascuno si commouesse, e che colui, temuto da molti, douesse temere molti, e che hauendo odiato l'humano genere, egli fosse da quello hauuto in odio, sollecito ogni vno del proprio pericolo, per la inhumanità di lui, incominciarono, con gli odij palesi, anche le rebellioni, fin che il Senato condannandolo giudicollo Inimico: onde Nerone già insuperbito per la fortuna prospera, inuilì, e si perdè anche ad vn tratto nell'auuersa; ed a tanta miseria si condusse, ch'egli stesso aiutato da Epafrodio scriuano de'memoriali, si vccise, col ferro, in luogo vilissimo: hauendo trentadue anni viunto, e tenutone tredici l'Imperio di Roma.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10064438: »Sestertius of Nero / Adlocutio (RIC 132) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10064438: »Sestertius of Nero / Adlocutio (RIC 132) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10066692: »Sestertius of Nero / Congiarium I (RIC 154) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10066695: »Sestertius of Nero / Congiarium (RIC 160) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10068024: »As of Nero / Genius Augusti (RIC 214) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10067933: »Contorniate with Nero / Snake (owner: Angeloni)« 7. Census ID 10066699: »Sestertius of Nero / Ostia (RIC 178) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10066702: »Dupondius of Nero / Temple of Janus (RIC 284) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10054977: »Sestertius of Nero / Temple of Janus (RIC 438)« 8. Census ID 10053305: »Sestertius of Nero / Temple (RIC 323)« 9. Census ID 10066705: »As of Nero / Ara Pacis (RIC 527) (owner: Angeloni)« 10. Census ID 10066711: »Sestertius of Nero / Arch (RIC 146) (owner: Angeloni)« 11. Census ID 10065077: »Sestertius of Nero / Victory (RIC Nero 198) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10066715: »As of Nero / Victory (RIC 316) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10061314: »As of Nero / Victory (RIC 351)« 13. Census ID 10066721: »Dupondius of Nero / Securitas (RIC 190) (owner: Angeloni)« 14. Census ID 10067936: »Contorniate with Nero / Olympias (owner: Angeloni) « 15. Census ID 10066724: »As of Nero / Apollo Citharoedus (RIC 380) (owner: Angeloni)« 16. Census ID 10065079: »Sestertius of Nero / Nero with soldiers (RIC Nero 136) (owner: Angeloni)« 17. Census ID 10067759: »Sestertius of Nero / Decursio (RIC 174) (owner: Angeloni)« 18. Census ID 10067761: »Sestertius of Nero / Decursio (RIC 170) (owner: Angeloni)« 19. Census ID 10067938: »Contorniate with Nero / Circus (owner: Angeloni) « 20. Census ID 10067706: »Sestertius of Nero / Annona and Ceres (RIC 137) (owner: Angeloni)« 20. Census ID 10032931: »Sestertius of Nero / Annona and Ceres (RIC 139)« 21. Census ID 10067772: »Dupondius of Nero / Macellum (RIC 184) (owner: Angeloni)« 22. Census ID 10067775: »Sestertius of Nero / Roma (RIC Nero 358) (owner: Angeloni)« 23. Census ID 10067777: »Sestertius of Nero / Roma (RIC 273) (owner: Angeloni)« 24. Census ID 10067765: »Semis of Nero / Table (RIC 243) (owner: Angeloni)« 24. Census ID 10061339: »Semis of Nero / Table (RIC 244)«

   SVccedette all'infame Nerone il buon vecchio Galba, il quale nè per nobiltà di sangue, nè per ricchezze, fù pũto inferiore à molti Romani: anzi di facoltà, e di gentilezza auanzando tutti gli huomini del suo tempo, visse sotto cinque Imperadori con gloria, e con honore; e più con l'autorità, che con la potenza, si leuò dinanzi Nerone, peroche non era trà coloro, che contra di esso congiurarono, chi fusse stimato degno dell'Imperio, quantunque alcuni da per sè lo si persuadessero, e solo Galba vi fù chiamato, & accettollo non con fine di riceuere la Republica per lui, ma di concedere se medesimo alla Republica; poiche soprafatto da gli anni, e dall'armi, e dalle fatiche della guerra; si era per l'autorità, e per l'esperienza, non men reso grande, e prudente, che degno di essere inalzato sopratutti all'Imperio: ma datosi dapoi in preda di Tito Giunio, già suo Luogotenẽte in Ispagna, e di Licaone Prefetto del Pretorio, e de'suoi liberti, li quali con insatiabile ingordigia faceuano ciascuna cosa per danari, non lasciò dopo sè alcuno, che desiderasse l'Imperio di lui: ma si ben molti, che si lagnarono della sua morte infelice. Nacque Galba di Sergio Sulpitio Galba, e di Mummia Attia pronepote di Lucio Memmio cognominato Acaico; il quale prese, e distrusse Corinto; e fù congiunto in parentela con Liuia Augusta: hebbe vn fratello detto Caio, che consumate le proprie facoltà, partì di Roma: e perche Tiberio gli vietò nell'età legittima il Proconsolato, si morì di morte volontaria. Prese per moglie, nello stato priuato, Lepida, che riuscì Donna impudica, infame, & vbriaca; & essendogli dapoi morta, insieme con due figliuoli, che n'hebbe, non volle prenderne altra. Conseguì il Consolato per opera di Liuia, & appresso gouernò l'esercito di Germania, e poscia il Proconsolato dell'Africa, fin che mandato da Nerone nella Spagna, vi dimorò otto anni. Mossa la ribellione da Vindice nella Gallia, egli ne fù consapeuole, e la celò. Stimolato da Vindice istesso a prendere l'Imperio, accomodatosi a parlare con l'esercito, fù da quello, ad vn tratto, salutato Imperadore: nè egli accettò simil nome; ma solamente si compiacque di quello di Commissario in prò del Senato, e del Popolo Romano. Fattolo, per tal rispetto, Nerone dichiarare dal Senato per inimico, gli furono confiscati, e venduti li beni; e Galba vendè quelli, che Nerone hebbe in Ispagna; e stabilitosi poscia con intrepido animo, contra le agitationi di vari successi, sperando, che alle cose giudicate col buon consiglio douesse seguire il fine perfetto; vdita la morte di Nerone, e d'esser egli assunto dal Senato all'Imperio, ricordandosi, che l'huomo sollecito hà la buona fortuna per guida, si condusse tosto a Roma; doue conseguì molti honori, e quello specialmente delle medaglie   · Census ID10064422: »Sestertius of Galba / Oak-wreath (RIC 404) (owner: Angeloni)« , e l'vna, in esecutione del Senato Consulto altra volta stabilito, che sopra la porta del Palagio Imperiale stesse la Corona Ciuica; si vede stampata con detta Corona, & inscrittione nel didentro di essa: S. P. Q. R.    1. OB. CIV. SER. cioè Senatus, Populusque Romanus, Ob Ciues Seruatos. contenendo nell'opposto lato la testa con lettere: SER. GALBA IMP. CAESAR AVG. TR. P. Sergius Galba, Imperator Caesar, Tribunicia Potestate: e ciò forse per dar a vedere, che la vigilanza dell'Imperadore nel gouernare i Popoli rendeua salue le persone, e l'hauere di essi, e che perciò ben si confacesse loro il perpetuo attributo di conseruatore de'Cittadini: ma sopratutti si stimò, che a Galba

a Galba conuenisse, essendo valuto il nome, e l'autorità di lui, per distruggere l'infame e crudo Nerone. Faceuasi di quercia così fatta corona, e se ne coronauano le statue di Gioue, quasi ella fosse segnale di vita: la onde, per dare l'insegna della vita a chi era stato altrui cagione di viuere, soleuano i Romani inghirlandare quel tale di frondi di quercia, & essendo perpetuo questo attributo ne gli Imperadori, per l'auuenuta cagione; perciò simile corona pendeua del continuo sopra la porta del Palagio di lui, e tal volta ne fù incoronato Galba, secondo lo dimostrano molte delle sue medaglie. Di essa corona, come già veduta in Claudio, non si replica la forma in questo luogo, stimandosi souerchio.     Furono rappresentate ne'rouesci di due medaglie   · Census ID10066754: »Sestertius of Galba / Victory (RIC 397) (owner: Angeloni)«   · Census ID10067780: »Sestertius of Galba / Victory (RIC 456) (owner: Angeloni)« con teste, e lettere come disopra,    2. altrettante Vittorie alate, in atto di caminare, e che portando l'vna con la sinistra la palma vittrice, porge con l'altra vna corona trionfante con S. C. Fecero la Vittoria alata gli antichi, quasi ella volasse dal Cielo a coloro, ch'ella voleua con prosperi successi, fauorire    Ma la seconda, benche porti anch'essa nella medesima mano la palma, hà tuttauia sù    3. la destra vn piccolo simulacro di Pallade con lo scudo imbracciato, e con l'hasta vibrante: nè sò altro persuadermi intorno a ciò, se non, che l'vna riguardi il merito di simil Principe, che lo rese degno di glorie, di corone, e del Principato istesso; e l'altra la Prudenza, rappresentata per Pallade; con cui regolando le sue attioni riportò felice vittoria di qualunque difficoltà incontratagli: o che pur denotasse lo stabilimento dell'Imperio, secondo etiandio si tenne, che là doue stesse allogato il Palladio, s'hauesse iui per eterno il dominio: nè più lettere si leggono in simili rouesci di S. C.     Stà in altra medaglia   · Census ID10064426: »Sestertius of Galba / Mars (RIC 481) (owner: Angeloni)« con testa laureate, e lettere: SER. SVLPI. GALBA IMP. CAESAR.    4. AVG. TR. P. il simulacro ignudo di Marte, se non quanto hà armato il capo di celata, e porta, con la sinistra mano appoggiato alla spalla, vn Trofeo confitto nell'hasta, e vi si legge: MARS VICTOR S. C. Il significato del qual rouescio pare, che potesse essere: che hauendo Galba caminato a gli honori, e gradi della Militia, & essendoui giunto col menar vita modesta, e temperata, quindi è, che Marte, non col souerchio peso dell'armi, ma cõ la nudità del corpo, e con la sola virtù, si dimostra vittorioso, e che hora giunto Galba all'Imperio, porta il Trofeo delle gloriose attioni di lui col motto di vincitore; e tiene solamente il capo armato, per mostrare la custodia hauuta, che la sua prudenza douesse esercitarsi in quelle cose, che recassero gloria, & vtile ad esso, e alla Republica.     Ma come la sola virtù condusse Galba, per gradi, fino al colmo dell'honore; così volle    5. il Senato, che a gloria di lui ne apparisse il segnale nella medaglia   · Census ID10064424: »Sestertius of Galba / Honos and Virtus (RIC 476) (owner: Angeloni)« ; in cui, oltre la testa laureata, e lettere: SER. GALBA IMP. CAESAR AVG. P. M. TR. P. P. P. dimostra nel rouescio vn giouane in piedi agile, e bello, che hauendo coronato il capo di alloro, e'l petto ignudo, appoggia la destra mano ad vn hasta, e sostiene con la sinistra il Cornucopia, coprendo il rimanente del corpo col manto: hà questi all'incontro vn altra figura parimète in piedi, armata di vsbergo, e di celata, che stringendo con la destra il Parazonio, appoggia la sinistra ad vn hasta, e calca col destro piede vn Elmo, leggendosi d'intorno ad amendue: HONOS, ET VIRTVS. S. C. E'dunque primo l'Honore, il quale si tiene essere stato figliuolo della Vittoria, nè se gli dà Padre, volendosi, che dall'acquistata vittoria lo conseguisca. A costui fù edificato da'Romani vn Tempio tanto congiunto a quello della Virtù, che impossibile era il penetrarui, se prima non si entraua nell'altro: volendosi dar a vedere, che l'Honore si acquista col solo mezo della Virtù. Honore è nome di possessio- ne

ne libera, e volontaria de gli animi virtuosi, attribuita all'huomo per premio di essa Virtù. Si figura giouine, e bello; perche da per sè solo alletta ciascuno, e fà desiderarsi: porta il petto ignudo, e nella destra mano vn hasta, dimostrando, che l'Honore dee defendersi con la forza, e conseruarsi con la candidezza: cuopre il rimanente della persona cõ vn manto, che dee esser di porpora; perche è ornamento Regale, & inditio di supremo Honore: gli cinge il capo la corona di Alloro significata per la scienza; percioche hauẽdo cotale arbore le frondi continuamente verdi, ma al gusto amare, anche la scienza, che con gran fatica, e sudore s'acquista, fà immortale chi la possiede. Viene attribuito all'Honore il Cornucopia; perche oltre all'esser simbolo della felicità, che godono le persone honorate, desta anche i beni, e le ricchezze; delle quali sogliono diuentare posseditori. Posa il sinistro piede sopra di vna celata; perche secondo io stimo, dal porsi questo per difesa della più nobil parte dell'huomo, che è il capo, mentre di tal guisa lo calca, può raccogliersi, che non fà mestieri di altra difesa a colui, che mena sua vita con Honore.    Acquistò Galba la virtù col mezo delle fatiche, e dal possesso di essa gli seguì l'Honore: la onde si vede nel medesimo rouescio il simulacro della Virtù armato, e con l'hasta; perche la virtù guerreggia di continuo col vitio: hà sembiante virile, traendo suo nome a Viro, vel a Viribus, e dimostra nel tutto la fortezza, che s'appartiene al virtuoso: calca col destro piede vna Testuggine, forse perche può in parte esser simbolo della virtù: volẽdo i Naturali, ch'ella fugga il congiungimento col maschio: perche essendole necessario il voltarsi in quell'atto col ventre all'in sù, nè potendosi dapoi riuoltar come prima, viene a restar in preda d'altri animali, e specialmente dell'Aquila, di cotal cibo vaga: la onde con somma continenza astenendosi, per tal via dal coito, prepone la salute a quel libidinoso piacere.     Il primo motiuo fatto da gli eserciti, chiamando Galba Imperadore, mi dò a credere, che volesse rappresentare il Senato ne'due rouesci delle medaglie   · Census ID10066762: »As of Galba / Aquila between two Standards (RIC 428) (owner: Angeloni)«   · Census ID10066771: »As of Galba / Aquila between two Standards (RIC 507) (owner: Angeloni)« ; nell'vna delle quali, essendo dall'opposto lato la testa laureata, e lettere come disopra, stanno trè insegne militari    6. confitte in terra. Rappresentansi queste in vari modi: ma quì si dimostrano con tre haste, sopra le quali, incominciando dalla metà, sono effigiate altrettante meze Lune; e da quelle s'inalzano alcuni piccoli scudi, o corone, che soleuano contenere le immagini de'Principi; e la superiore parte termina con alcune mani aperte, ouero Aquile, denotando le prime la concordia da vsarsi ne gli eserciti, e l'altre la Vittoria, vincendo l'Aquila di valore tutti gli vccelli. Aggiungeuano tal fiata ne gli artigli dell'Aquila il fulmine: volendo quasi rappresentare, per tal guisa, Gioue istesso combattere irato contra gl'inimici; nè altro si legge appresso cotali Insegne, che S. C.        7. Nel secondo rouescio   · Census ID10066771: »As of Galba / Aquila between two Standards (RIC 507) (owner: Angeloni)« ben si veggono delle Insegne simili alle descritte: ma oltre all'esser più ornate, ve ne sono due fitte col calce entro altrettanti rostri di Naue; e la terza posa sopra il cappello riuoltato all'insù, che costumaua di portare il Gran Pontefice, con lettere: S. C. e ciò credo voglia denotare la fede dell'Armate di Mare, che nell'ingresso di Galba all'Imperiò gli fù serbata, benche le fluttuationi di tutte le genti fossero in que'mouimenti della morte di Nerone grandissime; e che lo scolpirui il Cappello Pontificio recasse per auuentura vn segnale della potestà, che non meno sopra gli eserciti, che sopra le cose appartenenti al culto, e alle superstitioni di que'tempi, come Pontefice Massimo, egli teneua. Hebbe

    Hebbe Galba in gran riuerenza Liuia Augusta, e visse vn tempo sotto la protettione di lei, e ne fù perciò fatto Consolo, e nominato etiandio da essa nel testamento per principale legatario: onde stimo, che per rinouare la memoria di cotal Donna, e perche apparisse verso di lei la propria gratitudine, egli si compiacesse nel fare stampar la medaglia   · Census ID10066774: »Sestertius of Galba / Livia (RIC 337) (owner: Angeloni)«    8. con testa di esso da vn lato, e che mostra nell'altro la statua Deificata di Liuia sedente, che con la destra fà vista di sacrificare stendendo la patera, mentre appoggia la sinistra ad vn hasta con parole nel disotto: AVGVSTA S. C.     Nè forse sarà lontano dal vero senso il dire, che l'altre due medaglie, che dimostrano ne'rouesci, l'vna   · Census ID10065210: »As of Galba / Ceres (RIC Galba 291) (owner: Angeloni)« Cerere sedente, che porge delle spiche, ouero papaueri, e sostiene la, face con lettere: CERES AVGVSTA S. C. e l'altra   · Census ID10068871: »Dupondius of Galba / Vesta (RIC 374) (owner: Angeloni)« il simulacro di Vesta sedente, che hà nella destra il Palladio, e nella sinistra mano lo scettro, con parole: VESTA S. C. sieno anche queste dedicate alla memoria di Liuia: ma amendue così fatti simulacri si sono di già veduti.    La vita modesta, e temperata, che di continuo menò Galba, e'l non hauer, dopo giũto all'Imperio, conceduto a'Soldati, nè al Popolo, i soliti donatiui, gli recarono nota d'auaro, intantoche da qualunque scrittore gli si attribuisce vna così fatta infamia, senza addurne di lui rincontro, che ne lo solleui. E nel vero, che non è vitio il più detestabile in vn Principe, quantunque, per altro, valoroso, e che più oscuri la gloria di lui, e che sia atto a fargli commettere delle attioni ingiuste, dell'Auaritia: proprio vitio dell'animo confirmato con l'habito: ma trouandosi pur vn testimonio grandissimo, per mio credere, della liberalità di Galba nelle medaglie, non si dee lasciare così buon vecchio priuo della lode offuscatagli sinistramente da'scrittori, che caminando in molte cose al buio, hanno con ciò recato non piccolo pregiudicio a'posteri. Chiaro, e magnifico segnale adunque    9. di liberalità in Galba si vede espresso nella rarissima medaglia   · Census ID10064028: »Sestertius of Galba / Galba in Quadriga (RIC 134) (owner: Angeloni)« con testa laureata, e lettere: SER. GALBA IMP. CAESAR AVG. P. M. TR. P. P. P. che rappresenta vn Tempio, ouero Arco; il cui coprimento, che è piano, e rotondo, vien sostentato da quattro Colonne, e vi si veggono disopra altrettanti Caualli congiunti ad vn carro; sù'l quale standosi l'Imperadore in atto di Trionfante, gli vien posta su'l capo la corona d'alloro da vna Vittoria alata, & egli sostiene sù la destra mano il Palladio, leggendouisi XXXX REMISSA S. C. Non hà dubbio, che essendo stato Galba persona consumata virtuosamente in prò della Republica, non gli potè l'honore di simil medaglia essere attribuito per altro, che per gratitudine, e per riconoscimento della virtù di lui; percioche oltre il rappresentare, che fà nel rouescio, che egli annullò, per quel ch'io mi creda, il decreto già fatto da Caligola; che chiũque litigaua, fosse tenuto pagare la quarantesima parte della somma litigata; pur si dimostra dalle lettere intorno la testa di lui, che fù Pontefice Massimo, e che'l Senato lo chiamò Padre della Patria: attributi ben degni di Galba in riguardo della nobiltà de'suoi fatti, e del merito acquistato, e che gli erano etiandio douuti per lo solleuamento, che recò dal togliere a'Popoli così fatta grauezza.     La qual cosa pur si conferma in altro rouescio di medaglia   · Census ID10064418: »As of Galba / Libertas (RIC 296) (owner: Angeloni)« , cõ testa, e lettere descritte, e che dimostra nell'opposto lato vna Donna in piedi, vestita di schietta Tunica, col Pileo    10. nella destra, & vn hasta nella sinistra mano, e titolo: LIBERTAS AVGVST. e per lo trauerso: R. XL. S. C. cioè Remissa Quadragesima. Senatus Consulto; denotando, che col liberare i Popoli dalla grauezza della quarantesima parte di quello, che si litigaua, ripose la primie- I ra

ra libertà ne'litiganti: nè è senza argomento di benificenza in cotal Principe quello, che ne afferma Suetonio: che dopo la morte di lui, come prima fù lecito al Senato, ordinò, che ne fosse posta la Statua sopra vna Colonna rostrata in quella parte della Piazza, doue egli fù empiamente tagliato a pezzi.    Gouernando Galba gli eserciti della Spagna, non gli furono nascosti gli ordini dati da Nerone in pregiudicio della vita di lui, nè lasciò di stare auuertito, per non esser colto sẽza auuedersene; e mentre dimoraua in cotal sollecitudine, fù persuaso da più lati ad accettare l'Imperio: ma sopra tutti ve lo riscaldò grandemente Tito Giunio Capitano delle sue guardie; perloche salito nel Tribunale ad effetto di parlare a'Soldati intorno la liberatione de gli Schiaui, non terminò il suo ragionamento, che dall'esercito fù acclamato Imperadore: ma non accettando egli così fatto titolo, si dichiarò esser solamente Commissario del Senato, e del Popolo Romano. Le due attioni narrate, l'vna della liberatione de'Schiaui, e l'altra del dichiararsi, che fece non Imperadore, ma Commissario del Senato,    11. mi reca la cagione di applicare alla prima il simulacro della Libertà publica, che si raccoglie nel rouescio di vna medaglia   · Census ID10066783: »As of Galba / Libertas (RIC 70) (owner: Angeloni)« di lui, e che pur è Donna, che stando in piedi, sostiene con la destra vn piccolo Pileo, e s'appoggia con la sinistra ad vn hasta, con lettere: LIBERTAS PVBLICA S. C. se però non si volesse pensare, che tal medaglia fosse battuta all'hora, che publicata in Senato l'adottione fatta da lui di Pisone, egli espresse con molto ardore le seguenti parole riferite da Tacito, che così suonano in lingua nostra. Se questo corpo smisurato dell'Imperio potesse stare da sè, e reggersi senza chi lo sostenesse, niuno era di me più atto a dar principio alla libertà: ma siamo hora già caduti in questa necessità, che non può la mia vecchiezza giouare con altro al Popolo Romano, che col prouedere di vn buon successore; poi soggiunse. Sotto Tiberio, Caio, e Claudio siamo stati come heredità di quella famiglia. Sarà hora in vece di libertà l'hauer dato principio all'elettione; & estinta la Casa de'Giulij, e de'Claudij, seruirà l'adottione, per ritrouare i migliori.     Ma continuando di applicare anche il rouescio dell'altra medaglia   · Census ID10066786: »Dupondius of Galba / Pax (RIC 280) (owner: Angeloni)« , che ci dimostra il    12. simulacro della Pace in piedi, la quale porge vn ramoscello d'oliuo con la destra, e sostiene con la sinistra il cornucopia, con lettere: PAX AVGVST. S. C. non posso altro credere, se non che essendosi trouato all'hora Galba in pensiero di non accettare il titolo d'Imperadore, come chi determinaua d'vsare più tosto il carico di Capitano, o di Commissario, per procurare con le forze del suo esercito, in tanti riuolgimenti di cose, la Pace al Senato, & al Popolo Romano, gli fosse dapoi per memoria di cotal sua ottima volontà, decretata essa medaglia. E' propria virtù de'Principi il far nascere, e'l mantenere la Pace nelle Città, e ne'Regni, & abbassare l'arroganza de'Superbi, che la perturbano. Nel cornucopia, che si dà al simulacro di essa, si rappresenta l'abbondanza de'beni da quella cagionata, come il ramo dell'oliuo denota la mitigatione de gli animi adirati.     Deesi hora portar l'altra   · Census ID10066789: »Sestertius of Galba / Adlocutio (RIC 464) (owner: Angeloni)« , che contiene l'allocutione fatta da Galba all'esercito, quando volle adottarsi per figliuolo, e per herede nell'Imperio, Pisone Frugi, giouane di spirito,    13. e dotato di virtù. Ciò appare dunque nella medaglia, che oltre la testa, e lettere descritte, contiene nell'opposto lato l'Imperadore armato di corazza, e col Paludamento gittato sù le spalle, che tenendosi accanto il suddetto Pisone, dopo hauerlo mostrato a'Soldati, e publicatolo per suo figliuolo, stà tuttauia sopra di vn Tribunale in piedi, parlando all'esercito, che d'intorno lo ascolta; vedendouisi le insegne militari, e tra'Soldati, vn Ca- uallo,

uallo, e'l Labaro, segnale, che anche la Caualleria fosse iui ad vdirlo: ma perche egli non fece mentione del donatiuo da darsi loro, vi si vedono alcuni, che crucciosi, o gli voltano le spalle, o mostrano, con l'ardore del sembiante il mal talento conceputo ne gli animi contra di lui, e vi si legge: ADLOCVTIO S. C.    Pensò ben Galba di frenare con l'adottione fatta di Pisone Frugi i mouimenti, che come Principe stimato crudele, & auaro, e che si lasciasse gouernare da'suoi fauoriti, si andauano suscitando contra di lui: ma più tosto aggiunse, con ciò, stimoli ad Otone, che vedendosi escluso dal pretendere, ch'egli faceua, di essere adottato, non si acchetò fin, che non vide, per opera propria, e de'suoi parteggiani, non solo affatto commossa la seditione de'Soldati, ma l'Imperadore istesso tagliato a pezzi, e che non gli venisse anche recata la testa del misero Pisone. Fù morto Galba nella età sua di settantatre anni, e dopo essere stato solamente sette mesi Imperadore.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10064422: »Sestertius of Galba / Oak-wreath (RIC 404) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10066754: »Sestertius of Galba / Victory (RIC 397) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10067780: »Sestertius of Galba / Victory (RIC 456) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10066754: »Sestertius of Galba / Victory (RIC 397) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10067780: »Sestertius of Galba / Victory (RIC 456) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10064426: »Sestertius of Galba / Mars (RIC 481) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10064424: »Sestertius of Galba / Honos and Virtus (RIC 476) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10066762: »As of Galba / Aquila between two Standards (RIC 428) (owner: Angeloni)« 7. Census ID 10066771: »As of Galba / Aquila between two Standards (RIC 507) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10066774: »Sestertius of Galba / Livia (RIC 337) (owner: Angeloni)« 9. Census ID 10064028: »Sestertius of Galba / Galba in Quadriga (RIC 134) (owner: Angeloni)« 10. Census ID 10064418: »As of Galba / Libertas (RIC 296) (owner: Angeloni)« 11. Census ID 10066783: »As of Galba / Libertas (RIC 70) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10066786: »Dupondius of Galba / Pax (RIC 280) (owner: Angeloni)« 13. Census ID 10066789: »Sestertius of Galba / Adlocutio (RIC 464) (owner: Angeloni)« I 2

   OTone figliuolo di Lucio Saluio Otone, e di Albia Terentia, trasse sua origine da Ferentino di Campagna. Col fauore di Alica Libertina, s'introdusse alla famigliarità di Nerone; dal quale, per la conformità de'costumi, fù tanto amato, che fidato gli Poppea, fin che sbrigatosi da Ottauia, potesse con più libertà tenerla per sua, vsando Otone della confidenza, che haueua con l'Imperadore, non pur la godè, ma la si prese per moglie; nè altro risentimento n'hebbe, che di essere spedito da Nerone in Lusitania per Legato. Accostossi Otone alla parte di Galba all'hora, che fù assunto all'Imperio; & in Roma, con promesse, e con doni, si rese amici gli eserciti. Ma cessatagli la speranza d'essere adottato da lui, operò, ch'egli fosse vcciso da'suoi parteggiani; e col fauore de'Soldati, per simil via indiretta, ottenne il Principato. Ma tale fù il credito che si hebbe in lui, che da ciascuno, quasi a forza, fù condotto a simil grandezza.    1. La onde decretò il Senato la medaglia   · Census ID10066792: »Denarius of Otho / Pax (RIC 4) (owner: Angeloni)« d'argento; nella quale, oltre la sua effigie con lettere:    2. IMP. M. OTHO CAESAR AVG. TR. P. si vede nel rouescio la Dea Pace in piedi, che vn ramoscello d'Oliuo porge con la destra, e vi si legge: PAX ORBIS TERRARVM. La qual medaglia fors'anche fù stampata, quando sedò in Roma, con piaceuole oratione, il pericoloso tumulto sascitato di notte da certi vbriachi, per cagion d'hauer vedute trasportare, in quel tempo oscuro, di molte armi, e per lo quale tutto il Senato si spauẽtò fuor di misura: ma con la prudenza di Otone acchetato il rumore, ne conseguì gran lode, e per auuentura fù decretata la detta medaglia: potendosi dire, che dalla Pace nella Republica, poteua sperarsi ancora quella vniuersale del Mondo, e che la terminatione di così impetuoso tumulto fosse come inditio di Pace nel resto della Terra.     Ma ripigliando il concetto, che si hebbe dell'ottima riuscita di simil Principe, e che potesse attendersi vna sicurezza vniuersale sotto il suo Imperio; si vede l'altra medaglia   · Census ID10066795: »Aureus of Otho / Securitas (RIC 7) (owner: Angeloni)« d'argento, entro la quale, dall'opposto lato della testa di Otone, con lettere descritte,    3. è impressa la Dea Securità, anch'essa in piedi, che sostiene vna corona di felce con la destra, mentre mostra con l'altra vn hasta, o scettro, e vi si legge: SECVRITAS P. R. cioè Populi Romani. Securità è la fermezza, che hà l'huomo nello stato suo, e dal quale nõ teme di esser rimosso. Questa si attribuisce, nel suddetto rouescio, al Popolo Romano, facendolesi l'hasta, o scettro nell'vna delle mani, per dimostrare l'Imperio di lui, e'l serbarlosi, che intendeua fare, sotto il Dominio dell'Imperadore Otone. La Felce è intesa, per la sicurezza, hauendo occulta proprietà di tenersi lontane le nociue Serpi, e però se ne orna il simulacro della Securità.    In quel tanto, che simili cose, per gloria di Otone, s'andauano decretando in Roma gli eserciti della Germania inalzarono all'Imperio Aulo Vitellio; con le quali venute le genti di Otone a giornata, e restate vinte, stimando egli esser meglio, e più conueniẽte cosa, che vno morisse per molti, e non molti per vno; dopo hauer distribuite robe, e danari a'suoi amici, e confortato Lucio Titiano di lui fratello, e Saluio Cocceiano figliuolo di esso Lucio, e raccomãdate le sue ceneri a Messalina di Nerone, che s'haueua disegnata per moglie, feritosi col pugnale morì; e benche ne riportasse lodi, e l'amore de'Soldati,

de'Soldati, molti de'quali, là doue il corpo di lui fù bruciato, se stessi vccisero: volendosi, che la pietà verso la patria, e'l sangue ciuile conducesse Otone a cotal fine; niente dimeno, non perche egli operasse da huomo forte, nè da sauio, fuggendosi per tal guisa dalla vita: che anzi doueua attendere prima ciò, che la Fortuna portasse; massimamente, che non ostante la rotta riceuuta, non gli mancauano forze, per rinouare la guerra con Vitellio, nè gli animi de'Soldati poteuano esser verso di lui più disposti, e pronti a ritentare la sorte con nuoua battaglia. Ma tutto fù giuoco della Fortuna, che suol cangiare in miseria anche le somme felicità. La vita di Otone fù di trentadue anni, e nouantacinque soli giorni hebbe d'Imperio.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10066792: »Denarius of Otho / Pax (RIC 4) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10066792: »Denarius of Otho / Pax (RIC 4) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10066795: »Aureus of Otho / Securitas (RIC 7) (owner: Angeloni)«

   AVlo Vitellio, che in concorrenza di Otone hebbe l'Imperio, nacque di Lucio Vitellio, la cui discendenza si stima incerta. Ma Lucio fù Consolo, e gouernando la Siria, portò nome di persona da bene, industriosa, e valente; benche si desse in preda di vn Libertino, che fù raro adulatore. Morendo lasciò la moglie Sestilia, stimata Donna honesta, costumata, e non ignobile; e con essa due figliuoli, che poi furono Consoli; e l'vno detto Aulo Vitellio dimorò fanciullo a Capri in seruigio di Tiberio, nella cui scuola macchiato d'ogni vitupero, riuscì dapoi caro a Caio, per dilettarsi nel guidare le Carrette, & hebbe la famigliarità di Claudio per cagion del giuoco: ma sopratutto per li suddetti, & altri simiglianti rispetti, fù anche grato a Nerone. La onde auanzatosi nella beniuolenza di tre Principi, ottenuti i primi Magistrati, e gli vffici Sacerdotali di Roma, si trasferì al Proconsolato dell'Asia. Fù sua cura il mantenere gli edificij publici della Città, e rubò gli ornamenti trouati in essi, riponendo in luogo de gli ori, e de gli argenti, dell'ottone, e dello stagno. Hebbe due mogli, l'vna Petronia figliuola di huomo Consolare, della quale generò Petronio cieco di vn occhio da lui emancipato, e poi vcciso per sospetto, che no'l volesse ammazzare; e l'altra, Galeria Fondana nata di Pretore, e ne conseguì due figliuoli, vno maschio impedito di lingua, & vna femina. Gouernò la Germania inferiore sotto Galba, che ve lo mandò perche essendo quella Prouincia abbondante, potesse esercitarui la crapula, & empirsi la gola a suo

suo piacere: già, che in Roma per ciò fare, era restato pouero, e pieno di debiti. Quell'esercito lo riceuette allegramente, per essere male animato contra l'Imperadore, e per lo concetto preso della nobiltà di Vitellio, e che fosse prodigo, non che liberale. Vi fece però egli del buon compagno con tutti; e più si rese affettionati, per tal via, gli animi loro, fin, che d'improuiso lo salutarono Imperadore; & accostatosi ad esso l'esercito della Germania superiore, che prima si era ribellato a Galba, & al Senato, l'accettò volẽtieri, acconsentẽdo d'esser cognominato Germanico: ma non volle riceuere per all'hora il nome di Augusto, nè quello di Cesare in perpetuo. Per memoria dunque di cotale elettione fatta dagli eserciti, e che essi erano del tutto pronti a difenderlo, & a discacciate chiũque hauesse contradetto loro, stimo, che fosse stampata la medaglia   · Census ID10065207: »Aureus of Vitellius / Mars (RIC Vitellius 4) (owner: Fabio Nucula)« con testa laureata,    1. e lettere: A. VITELLIVS IMP. GERMAN. e con Marte Gradiuo nell'opposto lato, che    2. stringe vn dardo nella destra, e porta con l'altra il Trofeo, e vi si legge: CONSENSVS EXERCITVVM S. C. Afferma Adolfo Occone, che vna simigliante medaglia fù già trouata ne'Campi di Colonia, là doue l'esercito acclamò Imperadore Vitellio: ma questa inuiatami, cõ altre, dal Dottore Fabio Nucula mio Concittadino in Terni, legista di gran pregio, versato in molte scienze, intendente delle Antichità, & amatore di esse, serbo, in memoria di lui, nel mio Museo, e per gratitudine quì ne ripongo il testimonio.     Morto Galba, & vdita Vitellio l'eletione fatta in Roma di Otone, e che questi era stato sconfitto, & vcciso da'suoi Capitani sotto Bibriatico nella Lombardia, si trasferì a Roma, e vi prese il Pontificato Massimo, col perpetuo Consolato. Per la suddetta Vittoria contra Otone, e per lo suo ritorno in Roma stimo, che fosse stampata la medaglia   · Census ID10066802: »Sestertius of Vitellius / Mars (RIC Vitellius 116) (owner: Angeloni)« , intorno    3. la testa della quale si legge: A. VITELLIVS GERM. IMP. AVG. P. M. TR. P. & hà nel rouescio Marte, che portando sù la destra mano il simulacro della Vittoria, sostiene con l'altra, vna Insegna militare con l'Aquila sopra, & esso, in atto di affrettare il passo, camina: quasi, che si studi di recare verso Roma il nome di così fatta vittoria, e'l pregio diessa, ch'era l'Imperadore medesimo, che vi si trasferì: leggeuisi: MARS VICTOR S. C.     Si vede in altra medaglia   · Census ID10066808: »Sestertius of Vitellius / Mars (RIC Vitellius 158) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere descritte, l'istesso Marte ignudo, e con    4. la sola celata in capo, che portando sù l'omero sinistro vn Trofeo, impugna con la destra mano il Pilo, e stà in atto di caminare, leggendouisi: S. C. Questi è Marte Gradiuo in atto di scacciare gl'inimici: volendosi, credo io, annuntiare con ciò a Vitellio, che discaccerebbe Otone; ouero hauendolo discacciato teneuasi, che nel ciò fare gli fosse stato guida Marte Gradiuo; massimamente, che gridato Imperadore dall'esercito, e portato per le strade da'Soldati, egli tenne sempre nelle mani la Spada del lor Diuo Giulio, spiccata dal Tempio di Marte, e data a lui da certa persona, come per buono annuntio dell'Imperio.     Fù anche stampata l'altra medaglia   · Census ID10068973: »Sestertius of Vitellius / Victory (Coh. 104) (owner: Angeloni)« , che serba memoria della Vittoria ottenuta da'suoi    5. a Bibriatico contra Otone, vedendouisi dall'vn lato la testa, e lettere come disopra, e dall'altro la Vittoria alata, che calcando vn elmo col destro piede, stà in atto di acconciare vno scudo sopra l'arbore di Palma, entro il quale, e nel dintorno, si legge: VIC. AVG. S. C.     Col medesimo fine si vede altra medaglia   · Census ID10066815: »Denarius of Vitellius / Victory (RIC 112) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere descritte, che hà nel rouescio    6. la Vittoria, la quale compone il Trofeo sopra vn tronco di Palma, sostenuto da vna

vna piccola figura, che stà tutta raccolta, sedendo sù diuersi arnesi militari; e vi si legge: VICTORIA AVGVSTI S. C.     Si giudicò, che la felicità dell'ingresso di cotal Principe all'Imperio, e da cui si vedeua accompagnato, douesse apparire ne'contrasegni delle medaglie ; la onde fù decretata    7. quella, che oltre la testa, e lettere, come disopra, hà nel rouescio due Cornucopij colmi di fiori, e di frutta; nel mezo de'quali stà disposto il Caduceo con le Serpi auuolte: essendo, che tutto è simbolo di felicità, e di pace, mostrandosi ne'Cornucopij il frutto conseguito delle fatiche, senza le quali si giudica impessibile il giungere alla felicità, che per mezo di esse, si comprende, e si conseguisce; & in fine denotano l'allegrezza, dalla quale lo stato felice non si diuide giamai; volendosi, che anche il Caduceo, la Virtù, e'l Cornucopia la Ricchezza significhino, e che sieno però stimati felici coloro, che possedendo delle facoltà corporali, souuengono con esse le necessità del corpo, & abbattono, con la virtù dell'animo, le humane passioni: nè vi è altro scritto, che S. C.     E perche dalla già detta felicità stimò il Senato, che si potesse etiandio sperare la bramata Pace, volle almeno annuntiarla all'Imperadore, & a se stesso, col farne apparire segnale nella medaglia   · Census ID10066818: »Sestertius of Vitellius / Pax (RIC 118) (owner: Angeloni)« , in cui, di rouescio alla testa di Vitellio, si vede il simulacro della Pace in piedi col Cornucopia nella sinistra, che sostiene con la destra vn ramoscello di Oliuo con lettere: PAX AVGVSTI S. C. ma essendosi tal rouescio veduto in Galba, non si replica però in questo luogo.    Morto Otone, furono trouati cento venti memoriali di altrettante persone, che chiedeuano premio per essersi adoperati nella vccisione di Galba: onde Vitellio gli fece carcerare, e priuò de' priuilegi della Militia li Pretoriani, come quelli, che per la morte di Galba haueuano commesso gran delitto, & introdotto male esempio ne gli altri: hauendo etiandio voluto, che deponessero l'armi nelle mani de'Tribuni, le quali cose si tẽnero per molto egregie, talmente, che sperò il Senato di godere nel Principato di lui vn    8. ottima Pace. Stampò pertanto l'altra medaglia   · Census ID10065316: »Dupondius of Vitellius / Vitellius and Roma (RIC 147) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere descritte, e con l'Imperadore nel rouescio, che in piedi, & armato porge la destra a persona togata, che gli stà da lato, e vi si legge; PAX AVGVSTI S. C. quasi egli medesimo si compromettesse di serbare a se, & al Senato vna buona, e sicura Pace, per vigore della quale, potendosi coltiuare i campi, e frequentare le merci, e fare mille altri beni, si acquistano, & aumentano le ricchezze, si nobilitano con fabriche le Città, e crescono i Popoli.     Roma, che attendeua di godere col mezo della vittoria conseguita da Vitellio, la desiderata tranquillità, e di essere tuttauia sotto l'Imperio di lui trionfante, si vede rappresentata    9. nel rouescio d'vna medaglia in piedi con habito, che si stende fino alle ginocchia: stringe con la sinistra mano l'hasta, e le si vede sù la destra vna piccola Vittoria, che le porge la Corona verso la celata, che hà su'l capo, con lettere: ROMA S. C.     Quasi, che per la conceputa speranza del buon gouerno del nouello Principe Vitellio apparisse Roma restituita da lui nell'antico splendore, e che douesse godere sotto di esso dell'vsata grandezza; si volle per auuentura rappresentare vn simile coneetto nella medaglia con testa, e lettere descritte, col rouescio di Roma ginocchioni dinanzi all'Imperadore,    10. che porgendole la destra, stà in piedi, & in atto di solleuarla, hauendo due Soldati armati accanto di sè, e con questo titolo: VRBEM RESTITVTAM S. C. la qual medaglia, che è rarissima, si vede nel celebre studio dell'Eminentissimo Signor Cardinale Francesco

Francesco Boncompagno Arciuescouo di Napoli, che con singolare diligenza hà fatto raccogliere varie cose antiche, e pregiate, delle quali hà piena intelligenza, & vna ben grande dilettatione.    Volendo Vitellio dare a vedere colui, ch'egli si era proposto d'imitare nel gouerno, celebrò l'essequie di Nerone, e fece cantare le sue lodi. Gl'Histrioni, e li guidatori de' Carri disponeuano di tale Imperadore, e specialmente Abatico di lui Liberto, che fatto dell'ordine de'Caualieri, l'ornò dell'anello d'oro. Cõ lo spesso vomitare riparaua al souerchio cibo da lui preso giornalmente. Fù crudele, e vendicatore, e perciò molti fece vccidere con inganno. Gli si ribellarono in breue vari eserciti, che Vespasiano assẽte fecero Imperadore; e restate vinte le genti di Vitellio, egli si sbigottì, e disse, che rinũtiaua l'Imperio: ma poco appresso raccolto l'animo, giurò, e fece altri giurare, che sarebbe anteposta la Pace publica a qualunque interesse; e trattosi vn pugnale dal fianco, e stesolo prima al Consolo, e dapoi a gli altri Magistrati, & a ciascuno de'Senatori, e tutti ricusandolo, si partì, mostrando di volerlo allogare nel Tempio della Concordia: e gridandosi da alcuni, che egli medesimo era la Concordia, non solamente ritenne con lui il pugnale, ma accettò ancora cotal nome, quasi buono augurio di quello, che desideraua gli auuenisse. Perciò giudico, che fosse stampata la medaglia   · Census ID10056318: »Dupondius of Vitellius / Concordia (RIC 126)«   · Census ID10066828: »Dupondius of Vitellius / Concordia (RIC 162) (owner: Angeloni)« ; nella quale, di rouescio    11. alla testa con le già dette lettere, stà scolpita la Dea Concordia sedente, che con la patera nella destra mano sacrifica sopra di vn Ara, e sostiene il Cornucopia con la sinistra, essendoni tale inscrittione: CONCORDIA AVGVSTI S. C. La patera dà a vedere, esser cosa sacra la Concordia, e degna di honori, e di sacrifici. Il Corno di Douitia mostra, che mentre vi è la Concordia, e la Pace, anche l'Abbondanza vi concorre.     Il qual fatto mi conferma nell'opinione, che con l'istesso fine di rappresentare l'Equità dimostrata da Vitellio, mentre intendeua di anteporre al suo interesse, il bene, e la quiete    12. del publico, fosse anche battuta le medaglia   · Census ID10066834: »As of Vitellius / Aequitas (RIC 125) (owner: Angeloni)« , in cui stà di rouescio l'Equità in piedi, appoggiata con la sinistra ad vn hasta, e che con la destra sostiene la bilancia, con lettere: AEQVITAS AVGVSTI S. C.    Ma ciò non toglie, che li disonesti vitij di Vitellio non fossero in colmo; e che le cose fatte senza ragione, quanto più erano veementi, tanto riusciuano più moleste, & odiose a ciascuno: egli per tanto diuentato abbomineuole per essi, e per le crudeltà vsate, e specialmente con l'vccisione della propria madre, vietandole in certa sua infermità il cibo; suscitarono da ogni lato le ribellioni; e col giungere a Roma Vespasiano, al qual s'erano dati gli eserciti, videsi ad vn tratto, quãto la fortuna si dimostrasse sinistra riuolgitrice de'felici auuenimẽti di Vitellio; impercioche preso, strascinato, schernito, e frà gli oltraggi di parole, e di fatti, condotto per la via sacra, infestaro con molte, ma piccole ferite, fù in fine al piè delle scale Gemonie, fornito di vccidere: nè di ciò contenti, lo strascinarono tuttauia con vn vncino entro il Teuere, nell'età sua d'anni cinquantasette; de'quali otto mesi, e giorni cinque imperò, essendo stati ammazzati ad vn tempo anche il fratello, e'l figliuolo di lui.

   IL naufragio sostenuto lungo tempo dall'Imperio, terminò in fine con la tranquillità recata dalla famiglia Flauia, e da Vespasiano il primo di essa, che ne entrò al possesso: il quale generato da Sabino figliuolo di Tito Flauio Petronio terrazzano di Riete, e da Vespasia Polla nata di nobile famiglia in Norcia, che lo partorì in Falacrina piccolo Borgo, fù a suo tempo Tribuno de'Soldati, e Questore, dopo hauuto il gouerno di Cista, e quello di Cirene, giunse ad essere Edile, e poi Pretore, e fatto amico di Caligola, prese per moglie Flauia Domitilla, che prima di esso morì, come auuẽne della Madre. Essendo ancora priuato, s'innamorò, e si tenne quasi in luogo di moglie Cenide Liberta di Antonia. Andato in tempo di Claudio al gouerno di vna legione in Germania, passò di là in Inghilterra; doue per trenta fiate venne a giornata co'nimici. Soggiogò all'Imperio Nationi, e Città varie, e ne conseguì le insegne, e gli ornamenti soliti de'Trionfanti. Giunse due volte al Sacerdotio, & esercitò il Consolato per due mesi. Hebbe in gouerno l'Africa, & indi passato Capitano nella Giudea, si seruì per l'vno K de'Legati

de'Legati di Tito suo figliuolo, La contesa nata frà Otone, e Vitellio fù a lui stimolo, per volgersi a conseguire l'Imperio; massimamente, che per molti prodigi stimò essergli promesso, e comprese l'ardore de'Soldati assai acceso nel concedergliele, come seguì; peroche vditasi la morte di Otone, non stettero guari a dipingere il nome di Vespasiano sù le Insegne; & acconsentitoui Tiberio Alessandro Prefetto dell'Egitto, anche gli altri Gouernadori delle Prouincie vi concorsero. Trouatosi però nel Tempio di Serapide in Alessandria, vi sacrificò, e postosi dapoi su'l Tribunale, si tenne da'Gentili, che rendesse la luce ad vn cieco con lo sputo, e che con vn calcio guarisse vno, che era zoppo. Per la qual cagione accreditato co'Popoli, e morto in quel tanto Vitellio, arriuò Vespasiano in Roma, attesoui auidamente dal Senato; percioche essendo fresca la memoria delle auuenute calamità per la mutatione de'Principi, staua colmo di desiderio di riceuerui vn tale Imperadore honorato dell'honore della Vecchiezza, e della maturità de'gesti bellici, e la cui prudenza si speraua, che douesse essere commoda ad ogni stato; perche il Popolo vessato da'mali domestici, teneua di vscire col mezo di lui, dalle miserie, e di rihauere, con le antiche ricchezze, anche la libertà di goderne. Le genti Militari non vedeuano l'hora, ch'egli giungesse, essendo loro nota la grandezza de'suoi fatti, e che gli errori seguiti per imperitia di altri Capitani resterebbono corretti, & esse riposte nell'antico pregio, dal quale si trouauano all'hora abbattute: onde per la degna preminenza delle virtù, e per la gloria inalzata dalle attioni egregie di tale Imperadore, conceputasi specialmente ne gli animi delle genti Militari ottima la speranza in prò di sè stesse, e dell'    1. Imperio, stimo, che ciò volesse esprimere il Senato nella medaglia   · Census ID10065215: »Sestertius of Vespasian / Spes (RIC 206) (owner: Angeloni)« con testa laureata, e    2. lettere: IMP. CAES. VESPASIAN. AVG. P. M. TR. P. P. P. COS. III. e col simulacro della Speranza, che stendendola destra verso trè Soldati; due de'quali tengono, l'vno il Labaro, Insegna della Caualleria, e l'altro l'Aquila solita portarsi da'Pedoni, vi si legge: SPES AVGVSTA S. C.     Giunto pertanto Vespasiano in Roma attese a rassettare, e stabilire, non meno la Città, che la Republica, per molti capi cadente; e tornato dapoi anche il figliuolo Tito vittorioso de'Giudei, amendue di quelli trionfarono. Per serbare dunque perpetuo l'honore della vittoria, e del Trionfo istesso così al Padre, come al Figliuolo, si veggono, per la medesima cagione, decretate diuerse medaglie   · Census ID10065085: »Sestertius of Vespasian (Titus / Victory, RIC 501) (owner: Angeloni)« ; in vna parte delle quali stà effigiato quel buon Principe in età matura, con lettere suddette, & COS. II. e nell'vn rouescio    3. è la figura della Vittoria ignuda dal mezo in sù, coperta, nel resto, da vn panno, o zendado: tiene l'ale distese, e calca col piè sinistro vn Elmo, facendo mostra di starsene tutta attenta scriuendo sopra di vn scudo, che sostiene con la sinistra mano su'l arbore Dattero: vedendouisi in terra sedente vna Donna affatto mesta. Questa, che è figurata per la Giudea, piange iui la disauentura incontratale per pena della sola sua perfida ostinatione: essendo stata per virtù dell'Imperadore, e per la potenza del Popolo Romano vinta, e debellata, e vi si legge: VICTORIA AVGVSTI S. C.     Ma seguita l'altra   · Census ID10066841: »Sestertius of Vespasian / Iudea Capta (RIC 168) (owner: Angeloni)« , in cui si comprende l'Imperadore, che appoggiato ad vn hasta,    4. calca col sinistro piede vna celata, e stringe con la destra il Parazonio, in atto di mirare l'istessa figura della Giudea, che dolente, sotto l'arbore della Palma, stà sedendo, con inscrittione: IVDEA CAPTA S. C. La Giudea viene rappresentata con l'arbore della Palma, per cagione della quantità, che ne produce cotal Prouincia, e perche anche la Fenicia, che

che le stà congiunta, ne è copiosa.     La terza, benche rappresenti l'istesso dell'altre due   · Census ID10066844: »Sestertius of Vespasian / Judaea and Captive (RIC Vespasian 161) (owner: Angeloni)« , varia nondimeno da quelle; però    5. che vi si veggono diuerse armi, e spoglie inimiche; appresso le quali stà legato vn personaggio Hebreo, e trà esso, e'l simulacro della Gìudea, sorge l'arbore della Palma: nè più la Giudea in terra, ma in luogo eminente si vede sedere, e come la destra mano, così il sinistro gomito riposa sopra di vn rotondo scudo in atto lagrimeuole, e mesto, con lettere: IVDEA CAPTA S. C.     In altra guisa fù honorata la memoria della soggiogata Giudea; perche entro il rouescio    6. di medaglia   · Census ID10066852: »As of Vespasian / Iudea Capta (RIC 305) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere descritte, si vede ben l'arbore della Palma circondato di arnesi Militari; ma al piede di quello stà sedendo vna Donna, che appoggiata la, guancia sù la sinistra mano, riposa sù l'vn ginocchio il gomito, e si mostra del tutto dolente: questa pur è l'istessa Giudea; leggendouisi: IVDEA CAPTA S. C.     Per honorare Vespasiano, e per riconoscerlo in alcuna guisa del beneficio fatto da lui in più modi alla Republica, col soggiogare specialmente la Giudea, si volle mostrare, che hebbe in ciò fauoreuole Marte, stampando nel rouescio di vna medaglia   · Census ID10066855: »Sestertius of Vespasian / Mars (RIC 199) (owner: Angeloni)« di lui Marte Gradiuo nella guisa, che si è descritto in Vitellio, e forse fù così detto, o perche procedeua con ordine ne'fatti della guerra, o ne'l vibrare dell'hasta, o perche, secondo l'intesero i Traci, egli fù stimato essere bellicoso, e forte; e vi è notato S. C.     Si decretò parimente l'altro rouescio   · Census ID10066858: »Sestertius of Vespasian / Clasped hands (RIC 70) (owner: Angeloni)« con due mani, che congiunte insieme, stringono l'Insegna Militare confitta nel rostro di vna Naue con lettere: FIDES EXERCITVVM; secondo se ne rappresenta vn simile in Nerua: Da candidezza d'animo dee essere accompagnata la Fede in qualunque stato di persone; e sincera, e schietta deono serbarla gli eserciti a'Principi loro, non mancandoui massimamente da questi d'essere verso di essi benigni, e liberali.     Se Galba fù honorato della Corona Ciuica con lettere nel mezo: S. P. Q. R. OB CIVES SERVATOS; non gli ne portò inuidia Vespasiano, che ottenne simigliante rouescio entro la medaglia   · Census ID10065320: »Sestertius of Vespasian / Oak-wreath (RIC 211) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere già notate.     Ma perche col valore, e con la propria prudenza haueua terminate dapertutto le Guerre, introdotta vna ottima Pace, e vna felicità veramente vniuersale nel mondo, stãpò il Senato per testimonio di gratitudine la medaglia   · Census ID10066867: »Sestertius of Vespasian / Pax and Minerva (RIC 179) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere descritte, & vna    7. Donna in piedi col ramoscello d'Oliuo nella sinistra mano, & vna face accesa nella destra, incendendo, con questa, molti arnesi di guerra, che giacciono accanto di vn Ara. Le stà dietro vna colonna, con sopra vna figura; & si appoggia alla base di essa vno scudo, & vn hasta, leggendouisi: PAX AVG. Il ramoscello d'Oliuo è vero contrasegno della mitigatione de gli animi irati: La facella può prendersi per l'amore vniuersale, e scambieuole ne'Popoli, che consuma le reliquie de gli odij restati dopo le guerre: La Colonna può dinotare la fortezza dell'animo, con cui vincendosi le difficoltà, e superandosi i pericoli della guerra, si acquista la vittoria, che può essere la figura sostenuta sù la cima della Colonna, e si rende stabile la Pace: come pur lo scudo, e la lancia rappresentano gl'instrumenti, per acquistare simile vittoria: ma si tengono dietro le spalle dalla Dea Pace, che è la Donna suddetta; perche non fà mestieri di loro là, dou'ella hà suo dominio. Ma si fà tuttauia, che la Pace brucia le armi, per dimostrare, ch'ella non si acquista, nè si mantiene se non per virtù propria; la onde cotal via viene ad essere più commendabile. K 2 Fù

    Fù sacrificato per lo ritorno buono dell'Imperadore, alla Dea Fortuna, e ciò si vede entro il rouescio della medaglia   · Census ID10065313: »Dupondius of Vespasian / Fortuna (RIC 1139) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere già dette, & COS. III. & essa Fortuna    8. in piedi col Cornucopia nella sinistra mano, e'l ramoscello d'Oliuo nelle destra, che posa sopra vn timone di Naue leggendouisi: FORTVNAE REDVCI S. C.    Tal fiata simil Fortuna col timone, e senza ruota, s'intendeua per alcun buon successo di guerra maritima: e forse, che di ciò vollero dar segno in simile ritorno dell'Imperadore; perche si comprendesse questo essere seguito, dopo d'hauer egli vinti, e superati per terra, e per mare, gl'Inimici, denotandolo etiandio il ramoscello di Palma, segno di vittoria, e di pace, & il Cornucopia, che rappresenta l'abbondanza, che da quelle deriuano.     Trouaronsi tanto contenti il Senato, & il Popolo di vn così ottimo Imperadore, che attribuendo ciò a felicità publica, decretarono la medaglia   · Census ID10066871: »Dupondius of Vespasian / Felicitas (RIC 392) (owner: Angeloni)« , in cui, oltre l'effigie di esso,    9. e lettere, che suonano come le descritte, vi stà la figura in piedi della Felicita col Caduceo nella destra, e'l Cornucopia nella sinistra, leggendouisi: FELICITAS PVBLICA S.C. E' la felicità il possesso di vn bene sommamente conosciuto, e desiderato, e disiderabile: Il Cornucopia fa mostra del conseguimento di tale felicità; e percioche quasi a tutte le Deità dipingeuano gli antichi l'hasta in mano, ne porterò in questo luogo alcuna cagione, per non lasciar di sodisfare anche in ciò, là doue la curiosità lo richiedesse. Dice Giustino, che ne'primi tempi l'hasta era portata da i Re in vece del diadema, o dell'Insegna Regale, e che gli Huomini non hauessero all'hora Statue de i Dei; li quali riueriuano, & adorauano sotto la forma d'vn hasta: giunti poscia a fabricare delle Statue, & adorarle, per serbare nondimeno accesa la memoria dell'antica Religione, aggiunsero a così fatti simulacri l'haste: quindi è, che quasi a tutte le figure della Deità si vede l'hasta nell'vna delle mani.     Poteua veramente dirsi, che stando il Senato, e'l Popolo Romano sotto la Tirannide in tempo di alcuni predecessori di Vespasiano, la bontà di lui hauesse posti loro in isperanza di non sostenere le asprezze, e li pericoli già prouati, e che goderebbono vna lieta, e piaceuole libertà. Si vede però la medaglia   · Census ID10065324: »Sestertius of Vespasian / Libertas (RIC 82) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere come disopra, col rouescio della Dea Libertà in piedi col pileo nella mano destra, e l'hasta nella sinistra, secondo fù decretata in Galba, e con inscrittione: LIBERTAS PVBLICA S. C.     Ma vn testimonio più chiaro volle rendere il Senato del concetto, in che tenne, che Vespasiano fosse introduttore, e difensore della libertà publica, decretandogli la medaglia   · Census ID10065326: »Sestertius of Vespasian / Legend in oak wreath (RIC 124) (owner: Angeloni)« , che oltre la testa, e lettere già dette, contiene vna corona di lauro con tale elogio scrittoui nel mezo: S. P. Q. R. ADSERTORI LIBERTATIS PVBLICAE; la qual medaglia, che non è comune, non fù stampata per dimenticanza.     Non gli furono scarsi, nel rappresentare la concordia, con la quale egli procurò, che non meno li Popoli, che i propri figliuoli viuessero; benche Domitiano, per desiderio d'imperare, hauesse spiriti, che lo inclinassero al fare delle nouità. Scolpirono adunque in vna medaglia   · Census ID10065322: »As of Vespasian / Concordia (RIC 9) (owner: Angeloni)« , oltre la testa, e lettere notate, la Dea Concordia sedente, che tiene con la destra la Patera, sacrificãdo sù vn prossimo altare, & ha il Cornucopia nella sinistra, leggendouisi: CONCORDIA AVGVSTI S. C. secondo si rappresentò in Vitellio. Produce la Concordia frutti vtili, e piaceuoli; percioche cõ l'essere stimata Diuina, tenendo la Patera in mano, mostra di starsene vnita con Dio; dal quale, mentre in vna Casa, o in vn Po- polo

polo si viua concordemente, deriuano tutti i beni significati nel Cornucopia, coltiuandosi i terreni, esercitandosi i traffichi, felicitandosi i matrimoni, e la posterità, & ogni altro auuenimento.     In tempo di Vespasiano non fù punito alcuno, che non hauesse errato; anzi, che Heluidio, che l'offese, fù sostenuto da lui; benche dapoi riceuesse la morte da' Ministri. Ordinò vn particolare Magistrato, che soprastasse alle liti, e che facesse restituire a'propri Padroni le cose rubate in tempo di guerra, amando, che ciascuno si godesse il suo. La onde il Senato decretò la medaglia   · Census ID10065217: »Dupondius of Vespasian / Aequitas (RIC 257) (owner: Angeloni)« con testa laureata, e lettere: IMP. CAES. VESPASIAN.    10. AVG. COS. III. & vna Donna stà nell'altro lato in piedi, che sostenendo con la destra vna librata bilancia, stringe con l'altra la palma, e v'è notato: AEQVITAS AVGVSTI S.C.     Hauendo Vespasiano dichiarato Tito per suo compagno nell'Imperio, e disegnato Domitiano Consolo per la seconda volta, tengo, che in memoria di ciò fosse battuta la medaglia   · Census ID10067793: »Sestertius of Vespasian / Titus and Domitian (RIC 146) (owner: Angeloni)« , che rappresentando la testa con inscrittione citata, si vedono nel rouescio li    11. due suoi figliuoli in piedi, e in habito militare, s' appoggia ciascuno d'essi ad vn hasta, potendosi giudicare, che l'vno dal destro lato sia Tito, e l'altro Domitiano, come pare, che lo dimostrino le lettere scritteui: CAESAR AVG. F. DES. IMP. AVG. F. COS. DES. IT. S. C. cioè Caesar Augusti filius, Designatus Imperator; Augusti filius, Consul Designatus iterum.     Come procurò Vespasiano di ristorare in molte guise la desolata Roma, e di consolar quel Popolo, che per le passate borasche restaua ancora percosso, sbattuto, e inuolto ne' spauenti, e ne'disagi, così con l'introdurui specialmente l'abbondanza del viuere, lo solleuò in modo, che per segnale di gratitudine si vede, nel settimo Consolato di lui, la medaglia   · Census ID10065219: »Sestertius of Vespasian / Annona (RIC Vespasian 876) (owner: Angeloni)«    12. con testa, e lettere già dette, & vna Donna sedente con alcune spiche nelle mani, e parole: ANNONA AVGVSTI S. C. Fù chiamata Annona da gli antichi, come si è detto altroue, perche annualmente fà mestieri a'Popoli il prendere gli alimenti, e merita somma lode il Principe, che inuigila, e prouede con industria, e con spesa, che non manchi il vitto a'suoi Popoli.     Ma come la suddetta medaglia   · Census ID10067796: »Sestertius of Vespasian / Annona (RIC 987) (owner: Angeloni)« fù stampata nel Consolato settimo di Vespasiano; così altre simili se ne vedono nel Consolato ottauo: chiaro segnale, ch'egli non cessaua, per quello, che tocca al Principe, di essere sollecito come Padre vniuersale, nel prouedere a'sudditi il necessario vitto.     Decretò anche il Senato per gloria di Vespasiano, e per dimostrare il pieno della virtù di lui la medaglia   · Census ID10067804: »Sestertius of Vespasian / Honos and Virtus (RIC 232) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere descritte, che hà nel rouescio le due figure dell'Honore, e della Virtù, nella guisa, che si è rappresentato in Galba.     E perche furono ampliati da Vespasiano li termini dell'Imperio, con hauer fatte a quello soggette, e tributarie molte Prouincie; le quali, benche per prima fossero amiche, non perciò pagauano tributi, nè faceuano altri atti di seruitù; volle però il Senato    13. honorarlo della medaglia   · Census ID10067810: »As of Vespasian / Eagle (RIC 322) (owner: Angeloni)« , nel cui rouescio stà vn Aquila in atto di volare, che stringe il mondo frà suoi adunchi artigli, e con le sole lettere S. C. volendo, cred'io, rappresentare con la figura dell'Aquila, la souranità, che essa tiene frà gli vccelli, e che a questa, intesa per l'Imperio Romano, soggiacesse il dominio del mondo.     Ma raccogliendosi, che Roma nel Principato di cotal Imperadore era più, che mai trionfante; quindi prese il Senato a serbarne la memoria entro la medaglia   · Census ID10068317: »Sestertius of Vespasian / Roma (RIC 1135) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere solite, che dimostra nel rouescio Roma armata di celata, & a sedere sopra vsber- ghi,

ghi, e scudi, la quale distendendo la destra mano, mostra sù quella vna piccola Vittoria in atto di porgerle la corona, secondo si è dimostrato in Nerone.     Rifece Vespasiano il Campidoglio bruciato da Vitellio, e rinouò Roma nelle passate turbolenze affatto guasta, e deformata. A Pallade, & alla Dea Pace eresse due Tempij;    14. e si vede dell'vltimo il rincontro nella medaglia   · Census ID10067813: »Sestertius of Vespasian (Head Of Vespasian / Temple Capitoline Iupiter, RIC Vespasian 886) (owner: Angeloni)« con testa laureata, e lettere suddette col Tempio formato di sei Colonne, che sostentano l'architraue, su'l quale si posa il frontispitio: e come è ornato nel disopra, e da'lati, di molte Statue; così nel didentro se ne vedono tre, cioè vna sedente nel mezo, che potè essere della Dea Pace, e l'altre da'lati in piedi rappresentauano, per auuentura, Vespasiano, e'l figliuolo Tito. Questo fù in quel secolo il maggiore, e'l più ricco Tempio di Roma; perche oltre le spoglie della Giudea, che vi furono riposte, egli hebbe de'pregiati ornamenti, e le persone ricche vi riponeuano i loro Tesori, fin che sotto l'Imperio di Commodo arse, cõ quelli, anche tutto il Tempio, senza poteruisi recare alcun riparo: nè altro si legge, che S. C.    Rinouò Vespasiano il Tẽpio del suo Diuo Claudio atterrato da Nerone, & edificò l' Anfiteatro, l'vno de' miracoli delle fabriche antiche, non potendo essere stato fatto simile senza, che più montagne si rouinassero per tal fine, tante sono le smisurate pietre, che si veggono in esso, e le cagioni della marauiglia in coloro, che considerano, come si potessero condurre così fatte machine alla sommità, e con maestreuole ordine congiungerle insieme. Fù dunque l'Anfiteatro fabricato da Vespasiano, consacrato da Tito, e per parere di Martiale, ornato da Domitiano; e rapppresentando la forma di due Teatri accoppiati insieme, mostra nel difuori vn perfetto cerchio, e nel didentro è di figura ouale. Hebbe suo principio con l'ordine Dorico, ma si vede poscia risaltare coll'Ionico, & indi col Corinto, e termina col Composito, in quella proportione, che importa la diuersità dell'vn ordine all'altro, caminando con la medesima regola in tutto il suo componimento. Le reliquie, che se ne veggono intere, dimostrano, quanto fosse la bella sua proportione, e grandezza, essendo in tutte le parti compartito egualmente, & ornato di pilastri, e di colonne di mezo rilieuo; le quali tutte d'intorno, in vn medesimo piano il circondano. Questo essendo di dentro di figura ouale, hà di lunghezza palmi DCCCXX. Romani, e di larghezza DCC. li suoi archi, che sono nel piano intorno la sua circonferenza, hanno di vano palmi XIX; e vn terzo, e sono in tutto LXXX. benche ve ne sieno alcuni più larghi de gli altri; e la grossezza de'Pilastri, che sono frà l'vn arco, e l'altro, hà per vn versopalmi XII. e per l'altro X. Poteuano interuenirui cõmodamente, per l'occorrenza delle feste, ottantasette mila persone, entrandouisi, & vscendone d'ogni intorno per gli spessi Portici, senza recare incõmodo, o confusione alcuna: si vedrà rappresentata in Tito vna così fatta fabrica, per l'occorenza della consecratione, ch'egli ne fece. Ma volendo pur il Senato far mostra della gratitudine serbata da lui per simiglianti benefici riceuuti da così buono, e valoroso Principe, decretò il rouescio della medaglia   · Census ID10068595: »Sestertius of Vespasian / Roma (RIC 102) (owner: Angeloni)« , in cui stà il simulacro di Roma in piedi coperto di vsbergo, e di celata, che sostiene con la destra il Palladio, mentre appoggia la sinistra ad vn hasta con lettere: ROMA S. C. quasi douesse perciò intendersi, che eterna sarebbe in Roma la memoria dell'opere egregie in prò di lei, e dell'Imperio, effettuate da Vespasiano: ma simile rouescio si è veduto in Vitellio.     Conseguì, senza fallo, Vespasiano, oltre le Terrestri, anche delle vittorie Nauali, e specialmente nella Germania sotto la condotta di Ceriale: nè piccolo testimonio, frà lo altre,

altre, ne rende la medaglia   · Census ID10068862: »As of Vespasian / Victory (RIC 331) (owner: Angeloni)« stampata nel suo terzo Consolato, in cui il simulacro di essa Vittoria calca vn rostro di Naue, e porta la palma con la sinistra, mentre porge con la destra la laurea, e vi si legge: VICTORIA AVGVSTI S. C. s'è veduta tale altroue.     Accanto tutte le suddette medaglie, vna   · Census ID10068976: »Dupondius of Vespasian / Vespasian (owner: Angeloni)« io ne tengo mezana del medesimo Imperadore, che hauendo dall'vn lato la testa conuessa laureata, e lettere: IMP. CAES. VESP. AVG. P. M. TR. P. COS. IIII. CENS, stà nell'altro il concauo di detta testa, e delle medesime lettere con ottima conseruatione, persuadendomi, che vedendosene, appresso di esse, delle simili in Nerone, & in altri Imperadori, & anche in quelle d'argento, ciò non altro dimostrasse, che la peritia de gli artefici, che di così fatta guisa prendeuano piacere di coniarle.     La Felicità, dal Popolo, e dal Senato sotto cotal Principe, volle dimostrarsi con diuerso modo da quello, che in altra medaglia si è già rappresentato, raccogliendosi in questa   · Census ID10067818: »Dupondius of Vespasian / Caduceus (RIC 758) (owner: Angeloni)« la testa laureata, e lettere: IMP. CAESAR VESPASIANVS AVG. e nell'opposto lato due Cornucopij pieni di frutta, e di fiori, col caduceo nel mezo, tutti segnali di Pace; dalla quale nasce l'Abbondanza, e da queste deriua la Felicità, ieggendouisi: PON. MAX. TR. POT. P. P. COS. V. CENS. cioè Pontifex Maximus, Tribunicia Potestate, Pater Patriae, Consul quintum, Censor. Il quale rouescio s'è veduto in Vitellio.    Fù notato Vespasiano di auaritia, perche impose delle Gabelle, e le riscosse con rigore: ma oltre, che trouò l'Imperio esausto, e bisognoso d'essere in ogni sua parte ristaurato, souuenne anche a'poueri, rifece le mura di molte Città, e gli edificij, e tutto spese in prò del Publico: onde pare, che simile nota secondasse più il mal costume introdotto di recare de'mancamenti a chi regge, che perche tale ne seguisse l'effetto. Egli fù buono Imperadore, e dopo noue anni di lodeuole gouerno, e sessantadue di vita, lasciatosi per successore Tito, impose fine a'suoi gouerni.

    P Rima, che Vespasiano giungesse all'Imperio, hebbe per moglie Flauia Domitilla; della quale conseguì tre figliuoli Tito, Domitiano, e Domitilla. Questa insieme con la Madre morì, mentr'egli era in vita priuata. Ma hauendone Domitiano restituita la memoria, alcuni dubitano, se sia della Madre, o della Sorella, essendo amendue simili nel nome. E tuttauia da credersi, che la gratitudine più lo mouesse di ciò fare verso la Madre, che lo    15. generò. La onde per cotal Donna si rappresenta in questo luogo la medaglia   · Census ID10065416: »Sestertius of Titus (Carpentum / SC, RIC 262-3) (owner: Angeloni)« ; la quale contiene dall'vn lato il Carpento tirato da due Mule, con lettere nel disopra: MEMORIAE    16. DOMITILLAE, nel disotto S. P. Q. R. e nel dintorno del rouescio: IMP. CAES. DOMIT. AVG. GERM. COS. XVI. CENS. PERP. P. P. S. C. cioè Imperator Caesar Domitanus Augustus, Germanicus, Consul decimum sextum, Censor Perpetuus, Pater Patriae Senatus Consulto.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10065215: »Sestertius of Vespasian / Spes (RIC 206) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10065215: »Sestertius of Vespasian / Spes (RIC 206) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10065085: »Sestertius of Vespasian (Titus / Victory, RIC 501) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10066841: »Sestertius of Vespasian / Iudea Capta (RIC 168) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10066844: »Sestertius of Vespasian / Judaea and Captive (RIC Vespasian 161) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10066852: »As of Vespasian / Iudea Capta (RIC 305) (owner: Angeloni)« 7. Census ID 10066867: »Sestertius of Vespasian / Pax and Minerva (RIC 179) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10065313: »Dupondius of Vespasian / Fortuna (RIC 1139) (owner: Angeloni)« 9. Census ID 10066871: »Dupondius of Vespasian / Felicitas (RIC 392) (owner: Angeloni)« 10. Census ID 10065217: »Dupondius of Vespasian / Aequitas (RIC 257) (owner: Angeloni)« 11. Census ID 10067793: »Sestertius of Vespasian / Titus and Domitian (RIC 146) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10065219: »Sestertius of Vespasian / Annona (RIC Vespasian 876) (owner: Angeloni)« 13. Census ID 10067810: »As of Vespasian / Eagle (RIC 322) (owner: Angeloni)« 14. Census ID 10067813: »Sestertius of Vespasian (Head Of Vespasian / Temple Capitoline Iupiter, RIC Vespasian 886) (owner: Angeloni)« 15. Census ID 10065416: »Sestertius of Titus (Carpentum / SC, RIC 262-3) (owner: Angeloni)« 16. Census ID 10065416: »Sestertius of Titus (Carpentum / SC, RIC 262-3) (owner: Angeloni)«

   NOn entrò nell'Imperio Romano Principe in peggiore stato di gratia, nè cõ più mal nome nel publico di quel, che auuenne di Tito; percioche posto dal Padre a parte del gouerno, fattiui ammazzare alcuni a lui sospetti, si acquistò nome di crudele: come dal tenersi Berenice per Donna, e dalla pratica hauuta con giouinetti, la conseguì di dishonesto. Ma giunto ad essere Imperadore, dopo il Padre, dato bando a ciascuna delle cose, che gli recarono biasimo, riuscì tanto buon Principe, che ne fù det- to

to l'amore, e la dilitia del genere humano. Nacque in Roma, e s'alleuò con Britannico Cesare in Corte: hebbe facile la Latina, e la Greca lingua, e si esercitò nel caualcare, e nel maneggio dell'armi, & in varie scienze: conseguì il Tribunato della Militia nella Germania, e nell'Inghilterra, e ne riportò fama, e riputatione. Di Arricida figliuola di Tertullo Caualiere Romano, e Capitano de'Soldati Pretoriani, che prese per moglie, non hebbe figliuoli: ma rimaritato in Martia Fuluia nobile gentildonna, & hauutane Giulia, ricusolla. Fatto Questore, Capitano, e Colonnello d'vna Legione in Giudea, vi espugnò Tarichea, e Gamala; & in fine, sotto gli auspici dell'Imperadore Vespasiano suo Padre distrusse la gran Città di Gierusalemme, che conteneua due millioni, e passa settecento migliaia di assediati; nel colmo della quale allegrezza fù chiamato Imperadore dall'esercito. Ricondotto in Roma, & entrato a parte dell'Imperio, e del Gouerno col Padre, trionfò    1. con esso della Giudea. Si vede impressa in medaglia   · Census ID10067823: »Sestertius of Vespasian / Titus (RIC Vespasian 611) (owner: Angeloni)« , non pur la sua effigie con inscrittione: IMP. T. CAES. VESPASIAN. AVG. P. M. TR. P. P. P. COS. III. cioè Imperator Titus Caesar Vespasianus Augustus, Pontifex Maximus, Tribunicia Potestate, Pater Patriae, Consul tertiũ    2. ma nel rouescio è vna bella, & ornata Quadriga con lui stesso trionfante, e lettere S. C.     A questa aggiunse il Senato l'altra medaglia   · Census ID10068003: »Sestertius of Titus / Judaea (RIC 150) (owner: Angeloni)« con l'arbore del Dattero, che dall'vn lato    3. di esso mostra il simulacro della Giudea mesto sedente, e dall'altro vn cattiuo con diuerse armi, che egli hà da lati, e lettere: IVD. CAP. S. C. cioè Iudaea Capta.     Già si disse in Vespasiano, che dichiarò Tito Compagno suo nell'Imperio, che disegnò Domitiano per la seconda volta Consolo: la onde il Senato, per serbare la memoria    4. di simile attione, decretò all'hora, come si può credere, la medaglia   · Census ID10068497: »Sestertius of Vespasian (Titus / Domitian riding, RIC 418) (owner: Angeloni)« con testa laureata, e lettere: T. CAES. VESPASIAN. IMP. PONT. TR. POT. COS. II; e la Statua Equestre di Domitiano con lo scettro nella mano sinistra; e vi si legge: CAESAR DOMITIAN. CONS. DES. II. S. C. cioè: Caesar Domitianus Consul, Designatus secundum.     Fù Tito Censore insieme col Padre, secondo gli fù compagno nel Tribunato, & in sette Consolati, decretò il Senato la medaglia   · Census ID10068480: »As of Vespasian (Titus / Spes, RIC 636) (owner: Angeloni)« con testa di lui assai giouinetta, e lettere: T. CAES. IMP. PON. TR. P. COS. II. CENS. contiene nell'altro lato la Speranza con S. C. intorno la quale si scrisse a bastanza in Claudio. Non restò punto defraudato il Publico di quella, che prese del buon gouerno di Tito, ad honore del quale fù stampata simile medaglia; poiche in qualunque cosa egli adempì interamente la Speranza, che dalle prime sue attioni, entrato, che fù al totale gouerno dell'Imperio, si hebbe di lui.     Volendo mostrare il Senato quanto esso, & il Publico haurebbono corrisposto al buon concetto, dell'ottimo gouerno di Tito, decretò la medaglia   · Census ID10068838: »As of Vespasian (Titus / Clasped Hands, RIC 484) (owner: Angeloni)« con testa laureata, e lettere: T. CAESAR VESPASIAN. IMP. III. PON. TR. P. II. COS. II. e'l rouescio di due mani,    5. che giungendosi insieme, stringono due spiche; nel cui mezo è il Caduceo, e vi si legge: FIDES PVBLICA S. C. intendendosi ciò per la Fede publica verso di Tito, dalla quale molti beni poteuano nascere in prò della Republica, e di se stesso, rappresentati nelle spiche, e nel Caduceo; la cui virtù era d'introdurre la Pace, e la Concordia là, doue appariua cotal segno.     Non restò il Senato, per fine di mostrare, che tal Principe fosse conforme al cuore del Publico, di stampare l'altro rouescio   · Census ID10067942: »As of Titus / Genius (RIC 228) (owner: Angeloni)« col buon Genio di lui giouane ignudo, nella guisa, che fù descritto in Nerone, e col titolo: GENIO AVGVSTI S. C. Festeggiauano, e faceuano sagrifici gli antichi nel giorno Natale, detto del Genio de'Principi loro; per la cui L memoria

memoria si stampauano simili medaglie.     Il Marte Gradiuo con S. C. che si vede impresso nella medaglia   · Census ID10066596: »Sestertius of Tiberius (Shield / SC, RIC 63) (owner: Angeloni)« di Tito, fù decretato, per mio parere, volendo mostrare, ch'egli così nella speditione della Giudea, come ne gli altri carichi di guerra esercitati da lui, non tralasciò in conto alcuno la vigilanza, e l'altre parti, che conuengono al Capitano, per condurre l'imprese a felice fine; percioche si vede il Marte Gradiuo in atto di caminare, di lanciare, di portare Trofei, & in fine tutto pronto all'operare, & al riceuere le opportunità, quantunque improuise, di ben fare i suoi fatti. Il che, quanto confacesse a Tito, leggansi i progressi diffusi della vita sua militare, che espressamente vi si comprenderà; ma sopra di simile Marte si è fauellato altroue.    Furono rappresentate entro vna medaglia di Tito trè Insegne militari fitte co'calci in terra, con le sole lettere: S. C. Si vede in quella di mezo l'Aquila; e forse ciò auuenne per serbare la memoria delle Legioni a lui già commesse, e dalle quali veniua particolarmente amato; ouero per mostrare la Fede serbatali da gli eserciti, Ma delle simili Insegne si sono vedute in Galba.     Non perdonò Tito giamai a fatica, nè a se stesso: che anzi il primo si espose molte fiate valorosamente, di persona, a pericoli, correndo sopra i nimici, o precedendo l'esercito ne gli assalti de'luoghi. La onde, per serbare eterna la memoria dell'ardire suo, e de'pericoli    6. corsi, vi è l'altro rouescio   · Census ID10068506: »Sestertius of Vespasian (Titus / Titus riding, RIC 429) (owner: Angeloni)« con lui medesimo a cauallo, che armato, vibrando l'hasta, si spinge sopra l'Inimico, e vi sono le sole lettere: S. C.     Il rouescio   · Census ID10067923: »As of Vespasian / Aequitas (RIC 720) (owner: Angeloni)« con la figura dell'Equità, che stando in piedi, sostiene la bilancia, & appoggia la sinistra ad vn hasta con lettere: AEQVITAS AVGVST. S. C. gli fù conueneuolissima; percioche trattò sempre il Popolo con piaceuolezza, e con humanità, nè tolse giamai cosa alcuna a veruno: anzi fù in tutte le sue attioni giusto, clemente, liberale, e piaceuole. Ma il simulacro di simile virtù si è parimente veduto in Vitellio, e si vedrà in Pertinace, & in altri, contra quello, che ne scrisse il Coul nel suo discorso della Religione antica Romana, cioè, che l'vsanza di fare le bilancie al simulacro dell'Equità, non passaua le medaglie di Claudio, e di Nerone.     Hebbe comuni, col Padre Vespasiano, i rouesci   · Census ID10068460: »As of Vespasian (Titus / Victory, RIC 485) (owner: Angeloni)« delle Vittorie di Terra, e di Mare; poiche gouernando con esso l'Imperio, gli furono participati dal Senato gli honori, che si    7. attribuiuano al Padre. Ma però due simulacri   · Census ID10068460: »As of Vespasian (Titus / Victory, RIC 485) (owner: Angeloni)« di esse, che non sono tali in Vespasiano,    8. si raccolgono in questo luogo; e la Vittoria senza ale, con la palma, e la Corona d'alloro si tiene fosse fatta tale da Tito con proponimento, che non hauendo, con che volare, non douesse mai partire da lui.     La Deità sedente della Concordia posta in Vespasiano, si vede nelle medaglie di Tito; ma a questo più particolarmente pare, che fosse conueneuole; poiche auuisato il Padre, che l'altro figliuolo Domitiano daua di sè mal nome in Roma, si studiò Tito di persuaderlo a non alterarsene, per semplici relationi di Calunniatori, e di serbarsi sincero, e placabile al proprio figliuolo; concludendo, che nè anche tra essi fratelli sarebbe stata giamai buona concordia, mentre egli, che era Padre, non ne daua loro esempio. La Concordia nel publico, e nel priuato, fù sempre produttrice di molti beni, poiche dall'vnione de gli animi in vna sola volontà questi germogliano, e s'auanzano in prò di ciascheduno, Tito, che era di ottimo volere, procuraua, che la Concordia fosse specialmente nella

nella sua Casa, e che l'auuerso fratello si conducesse ad esser concorde con esso, e col Padre.     Le due Annone, che nel sesto, e nell'ottauo Cõsolato di Tito si veggono nelle medaglie   · Census ID10068843: »Sestertius of Titus / Annona (RIC 137) (owner: Angeloni)« di    9. lui, rappresentãdosi, l'vna cõ Dõna sedẽte, e'l Cornucopia, e lettere: ANNONA AVGVSTI S.C. e la secõda con Donna in piedi, che nõ pur hà il Cornucopia nella sinistra mano, ma sostiene cõ la destra il Palladio; dal cui lato si vede in terra il Cõgio, o vn cesto con delle spiche di grano; e dall'altro vn timone di Naue con lettere: ANNONA AVG. S. C. danno ad intendere la special cura, che insieme col Padre, hebbe cotal Principe di operare, che i Popoli si godessero dell'abbondanza de'viueri: ma la forma della figura sedẽte si è già veduta simile in Vespasiano.     Roma cõtentissima del Principato di così buono, giusto; e valoroso Imperadore, si pregiò etiãdio d'essere scolpita entro vna medaglia   · Census ID10067827: »Dupondius of Titus / Roma (RIC 503) (owner: Angeloni)« nell'opposto lato della testa di lui; e quasi sẽta stimolo di mostrar gratitudine de'benefici da esso riceuuti, se ne stà sedẽdo sopra vari arnesi di guerra, armata di celata, e porge cõ la destra vna Corona, cõ let. ROMA S. C. veduta in Nerone.     Tito, quantunque auuezzo nell'armi, procurò nondimeno, che nel suo Principato seguisse la Pace, & in Roma specialmente, doue per le calamità passate, se ne sẽtì più, che altroue, il beneficio: la onde si vede il rouescio in vna medaglia   · Census ID10068854: »Sestertius of Vespasian / Pax (RIC 423) (owner: Angeloni)« , col simulacro della Pace, che porge cõ la destra vn ramoscello d'Oliuo, e sostiene con l'altra il Cornucopia, e tal'vna ve n'è, che tiene in quella vece il Caduceo, con lettere: PAX AVGVSTI S.C. come parimente in Vitellio se n'è rappresentata vna simile. L'Oliuo è sẽpre segno di Pace, come il Cornucopia dimostra, che nella Pace fioriscono, e s'aumentano le ricchezze, & i beni. E Tito poteua ben gloriarsi di quella serbata da lui nel suo Prĩcipato, hauẽdola, cõ la ꝓpria virtù, acquistata col mezo della guerra.     Dedicò, e cõsacrò, secõdo l'vso superstitioso di que'tẽpi, l'Anfiteatro edificato cõ singolare    10. magnificẽza dal Padre cõ lo spẽderui immẽso tesoro. Vedesi cotale marauigliosa fabrica scolpita entro la medaglia   · Census ID10066886: »Sestertius of Domitian (Titus / Colosseum, RIC 131) (owner: Angeloni)« , che hà dall'vn lato l'istesso Tito sedẽte sù la sedia curule posta sopra diuerse armi; fra le quali vn lũgo scudo gli sostiene dinãzi vn elmo: egli è vestito d'habito lũgo, coronato d'alloro, e porge cõ la destra vn ramoscello d'Oliuo cõ lettere: DIVO AVG. T. DIVI    11. VESP. F. VESPASIAN. S. C. e nell'opposta parte stà l'Anfiteatro detto dal volgo, Coliseo, che nel di fuori cõtiene ornamẽti di statue, e d'altro cõ alcune Quadrighe: e trà'vani delle Colõne si veggono, nel didentro, i lati, doue il Popolo sedeua ad assistere a'spettacoli, & ancora le teste de' spettatori disposti a'luoghi loro; peroche fino al numero di 87. mila ve ne capiuano. Nell'istesso rouescio dell'Anfiteatro si scorge la Meta sudãte; della quale appariscono pur hoggi rileuate vestigia; si tiene, che sostenesse vna Statua di Gioue. Hebbe cotal nome in riguardo d'vn capo d'acqua, che per comodità del Popolo, dalla sommità di essa discendeua al basso. All'incontro della Meta stà, nella medesima medaglia, vn edificio fabricato di due ordini di Colonne, l'vno sopraposto all'altro, senza segnale di muraglia, che vi si interponga. E come la machina dell' Anfiteatro fù fondata sopra vna parte della Casa aurea di Nerone; così stimo, che tale edificio di Colonne fosse mẽbro di quella, e restasse iui per alcun tẽpo in piedi.     Ma se dall'opposto lato dell' Anfiteatro s'è detto esserui la figura di Tito sù vari arnesi di guerra sedẽte; vna simil figura, cõ la medesima Inscrittione, & attributo di Diuo, stà intorno la testa laureata, e lettere: IMP. T. CAES. VESP. AVG. P. M. TR. P. P. P. COS. VIII. E tal medaglia   · Census ID10067913: »Sestertius of Titus / Flavian Amphitheatre (RIC 184) (owner: Angeloni)« , veramẽte antica, battuta nel suo ottauo Cõsolato, dimostra, che in vita di lui ciò seguì: che quãtũque gli Historici dicano, che il titolo Diuus solamẽte dopo morte cõcedeuasi; questo nõ toglie però il pregio dell'autorità alle Medaglie, che de gli Historici istessi sono correttrici, discoprẽdosi da queste gli errori loro. Nomina Lãpridio nella sua Historia il figliuolo di Macrino Diadumeno, e pur nelle Medaglie, Diadumeniano sẽpre si legge: Geta da Spartiano è solamẽte Cesare appellato, e nõdimeno nella prima medaglia di esso, posta dall'Erizzo, per non

nõ allegare in questo luogo le mie, leggesi: IMP. CAES. P. SEPT. GETA PIVS AVG. Et altre simili ne pone nel suo Tesoro il Golzio. Perciò Enea Vico nel secõdo libro de'discorsi sopra le Medaglie diffusamẽte, e cõ verità, nota simili errori de gli Historici: nõ douẽdo essi, dopo il tratto di molti anni, pregiudicar, cõ le loro imaginationi, alle medaglie, che ne'propri tëpi de gli Imperadori furono impresse; le quali dopo morte è chiaro, che Diui, e Dei indifferẽtemẽte si chiamarono; ancora che Seruio lib. V. dell'Eneade scriua: Dij perpetui, Diui ex hominibus facti. Che fossero Diui dopo morte nõ porta dubbio: e l'esser nominati Deus , leggesi nell'Erizzo in Augusto cõ statua sedẽte coronata, & inscrittione: DEO AVGVSTO: E l'Occone pone l'istesso Augusto cõ testa radiata, & Inscrittione: AVGVSTO DEO, segnali di morti Imperadori: & altre delle simili medaglie in essi Scrittori si leggono. Ma egli è tuttauia manifesto ancora, che in vita hebbero Tẽpij, e come Dei furono adorati: prouãdosi particolarmëte cõ l'essẽpio di Augusto: del quale si legge in Tacito lib. 1. Annal. Qui se Templis, & effigie Numinum per Flamines, & Sacerdotes coli voluit: e Dei, come si hà in Domitiano, in vita s'appellarono, e portarono le risposte loro nome di voci celesti, e di Oracoli: come altresì Diui (benche eglino viuessero) furon detti; e ciò si potria facilmente prouare cõ la medaglia, che l'Erizzo pone di Augusto segnata da vn lato cõ Diua Augusta, in forma di Cerere, e dall'altro con testa, e lettere: DIVVS AVGVSTVS N. C. A. P. R. cioè Nobis concessum a Populo Romano: Dalla qual voce nobis raccogliesi, che in vita loro auuenne tal concessione di honore, e di titoli. Ma chiaramẽte la parola Diuus trouasi in altre medaglie pure in vita stampate, come in quelle poste dall'Occone, cõ le Tribunicie Potestà, e li Cõsolati, e'l titolo di Diuo in cotal forma: DIVO NERVAE TRAIANO AVG. P. M. TR. P. COS. III. P. P. PROFECTIO AVG. GERMANIAE S. C. E ve n'è appresso vn'altra cõ l'Allocutione a' soldati, seguendone parimente vna, ou'egli sacrifica: V'è poi anche quella, che con l'istesso titolo di Diuo, fa l'allocutione alle Coorti: DIVO NERVAE TRAIANO AVG. P. M. TR. P. COS. III. P. P. S. C. e l'altra egli pone, in cui sacrifica il Toro alla presenza di Vesta. simili titoli di Tribunicie Potestà, e di Cõsolati riguardano la distintione de'tẽpi, ne'quali cõ diuersi numeri si denotano le cose da loro fatte, e che ne morti, già fuori di tẽpo, nõ si attẽdono, e cagioneriano cõfusione: essendo cosa molto lõtana dal vero il dire, che Traiano morto ad alcuna Impresa s'incamini, o a'soldati parlamẽti, o che faccia Sacrifici: e tutto nacque, sẽza fallo, dall'adulatione del Senato, che a suoi Imperadori attribuiua, ad vn'hora, gli honori humani, e li Diuini, come dalla sopracitata medaglia di Tito chiarissimamẽte si raccoglie, cõtenẽdo essa da vn lato gli honori humani, mentre, come s'è detto, v'è scritto: IMPERATOR. T. CAES. VESP. AVG. P. M. TR. P. P. P. COS. VIII. e dall'altro i Diuini, cõ la Inscrittione: DIVO AVGVSTO. T. DIVI VESPASIANI S. C. e però chi nõ ha veduto, o lette le medaglie, di Giudice, nè di Perito si vãti.     Hauendo però Tito dedicato, e cõsecrato il Coliseo, & edificatoui vicino delle Terme, vi fece fare, con magnificenza grandissima, il giuoco de'Gladiatori, e la battaglia nauale; in cui volle, che si rappresentassero in cãpo i Gladiatori medesimi; e vide all'hora il Popolo in vn solo giorno la comparsa di cinque mila fiere di ogni generatione. Fù Tito amoreuolissimo verso ciascuno, e la gran pietà di lui apparue in molte occorrenze: ma specialmente verso il Padre, per honor del quale fece solenni essequie; lo cõnumerò fra'Diui, e volle, che nella põpa, e forse ne'Giuochi Circensi, secondo auuenne di Augusto, fosse cõdotto il Carro, con la statua    12. di lui sedente, che appoggiando la destra ad vn hasta, porge cõ la sinistra il simulacro di vna Vittoria alata; e simil Carro, in cui si veggono   · Census ID10067953: »Sestertius of Titus (Deified Vespasian / SC) (owner: Angeloni)« scolpite varie Insegne Sacerdotali, e Trofei Militari, tirato da quattro Elefanti cõ altrettãti huomini, hà lettere tali: DIVO AVG. VESP. S. P. Q. R. e nel rouescio: IMP. T. CAES. DIVI VESP. F. AVG. P. M. TR. P. P. P. COS. VIII. S.C.     Volle, che anche in altra medaglia   · Census ID10067969: »Sestertius of Titus (Deified Vespasian / SC, RIC 261) (owner: Angeloni)« , nell'vn lato della quale si leggono le sudette lette- re

re    13. fosse scolpita la statua del Padre sedente in habito Trionfale, col capo radiato, e con    14. l'hasta nella sinistra, e vn ramoscello d'Oliuo nella destra mano, & elogio: DIVVS AVGVSTVS VESPASIAN.     Non si concedendo nella presente vita la felicità, e li contenti interí, non potè meno così buono Imperadore, qual fù Tito, godere di tanta sua grandezza senza stimolo. Tale gli fù Domitiano suo minore fratello; poiche con la prosuntione di se stesso, e col disiderio di dominare, tentò fin di solleuar gli animi de'Soldati contra di lui. Ma Tito, la cui dispositione era ottima, non solamente dall'vdire cotal fatto non si mosse ad vcciderlo, o a confinarlo, o ad hauerlo in minor grado di prima: che anzi più fiate in segreto con preghiere, e con lagrime, gli chiese in gratia di portargli, vna volta, il medesimo animo,    15. che egli haueua verso di lui. Vedesi in tal proposito vn rouescio ad vna testa di Tito in medaglia   · Census ID10068006: »Sestertius of Titus / Titus and Domitian (RIC Titus 159) (owner: Angeloni)« ; doue egli tiene lo scettro nella mano sinistra, e porge la destra a Domitiano, che gli è all'incontro, in testimonio di Concordia, e di Pace; e frà amendue si scorge vna Donna, che stà con essi in piedi, e pare, che s'interponga per la fraterna vnione loro, le quale si giudica essere il simulacro della Pietà di Tito medesimo, & altri, che sia Domitilla, da cui principalmente era stimolato di procurarsi l'amore, la beniuolenza, e l'vnione dell'auuerso fratello; e vi si legge: PIETAS AVGVSTA S. C.     Dichiaratosi Tito, che dal giorno, ch'egli hebbe l'Imperio, stimò, e tenne Domitiano suo fratello per compagno, e per successore nel Principato, e come tale lo trattò,    16. non ostante le continue machinationi di lui: si vede pertanto l'altro rouescio di vna medaglia   · Census ID10068008: »Sestertius of Titus / Vespasian and Titus (RIC 162) (owner: Angeloni)« , che lo dimostra in piedi insieme col fratello, amendue in atto di porgersi le destre; nel cui mezo stà vn globo, simbolo del mondo, ouero del gouerno di esso, e vi si legge: PROVIDENTIAE AVGVST. S. C. La Prouidenza, che è parte principale della Prudenza ciuile, dirizza le cose da venire con preseruatiui, accioche non seguano de'mali, & oppone rimedij per quelli, che potessero nascere, e per essa più s'assomigliano i Principi a Dio, del quale è proprio il preuedere, e'l prouedere al tutto. Ne adoperò Tito, ponendo Domitiano a parte nel Gouerno dell'Imperio: o lo facesse per fortificarne la successione, o per vietare in simile modo, ch'il fratello, verso di lui male inclinato, non intentasse, per cotale rispetto, delle nouità.    Stimò il Senato essere sua felicità, e del Popolo, l'hauere vn Principe della bontà, e del valore di Tito: massimamente, che egli, per cagione di vn'incendio, che per tre giorni seguì in Roma, volle, che del prezzo de gli ornamenti del suo Palagio, si rifacessero i Tempij rouinati per tale infortunio, e prouide, con ogni rimedio, ad vna crudele peste, che suscitò in tempo di lui. Non fù meno liberale di qualunque suo antecessore, hauendo lasciato di riscuotere le solite collationi, e tributi, e donato de'Congiari al Popolo, e fatte altre opere; per le quali ben potè giudicarsi quel secolo essere sotto di vn simile Principe felice, e rappresentarne etiandio il segnale, che se ne vede in medaglia   · Census ID10068050: »Sestertius of Titus / Felicitas (RIC 143) (owner: Angeloni)« con testa, e lettere: IMP. T. CAES. VESP. AVG. P. M. TR. P. P. P. COS. VIII. e nel rouescio vna Donna in piedi nobilmente vestita, con l'hasta nella destra, e'l Cornucopia nella sinistra mano, essendoui scritto: FELICIT. PVBLIC. S. C. secondo si vide simile in Vespasiano. Felicità Publica può stimarsi quella di hauere vn Principe, che indirizzi le operationi sue alla vita perfetta col mezo della virtù, e che tutto tenda al beneficio, non meno di se medesimo, che de'Popoli. Mentre

   Mentre il Mondo si rendeua vago delle amabili, e virtuose attioni di Tito, che come animoso nella guerra, e giusto nella Pace, fù tenuto degno, e gran Principe; terminate, che furono con applauso vniuersale le feste, che si celebrarono per cagione della consecratione dell'Anfiteatro, egli nel quadragesimo secondo anno della sua vita, e nel secondo, e due mesi, e venti giorni d'Imperio, fù dalla morte, con publico dolore, oppresso. E perche, nondimeno, il peruerso fratello di lui lo consacrò, se ne vede pertanto il rincontro nella medaglia   · Census ID10066983: »Sestertius of Domitian (Titus, RIC 127) (owner: Angeloni)« , che rappresenta la Statua di Tito in habito Consolare; la quale col capo radiato, con l'hasta nella sinistra mano, e con vn ramoscello nella destra, stà presso di vn Ara sedendo, e vi si legge: DIVO AVG. T. DIVI VESP. F. VESP. nè più oltre si conoscono le lettere corrose dal tempo. Nel dintorno del rouescio stà scritto: IMP. CAES. DIVI VESP. F. DOMIT. AVG. P. M. TR. POT. S. C. Vna simigliante medaglia si è veduta in Augusto, e solo differisce nelle lettere.

    S I disse, che in vita priuata, hebbe Tito per moglie Arricidia figliuola di Tertullo Caualiere Romano, la quale morì, senza hauergli generati figliuoli. Dopo questa si sposò in Martia Fuluia di nobile famiglia, & hauendogli partorito Giulia, fù da lui repudiata. Ciò seguì prima, che egli giungesse all'Imperio: onde non sò comprendere la cagione, che persuase alcuna delle Città di Grecia, a rinouare, in medaglia , la memoria di cotal Donna, se non si fece per auuentura in gratia di Giulia di lei figliuola, o in riguardo    17. di alcun beneficio riceuuto da Tito. Si vede pertanto l'effigie di Fuluia figurata con assai vezzoso sembiante in medaglia con lettere: ΦΟΥΛΒΙΑ ΣΕΒΑΣΤΗ, cioè: Fuluia Augusta ; & hà    18. nel rouescio, per mio parere, Diana Cacciatrice in vestir breue, e succinto, & in atto di caminare, mentre solleua la destra, e stringe con la sinistra vn piccolo dardo, con portamento su'l capo alla simiglianza de'Parti, e vi si legge: ΑΡΓΕΙΡΑΙΩΝ. cioè Argyraeorum: Popoli dell'Acaia. E perche potrebbe riuocarsi in dubbio, che essendo stata Fuluia repudiata da Tito prima, che egli imperasse, non potè però portare il nome di Augusta, che si legge intorno la testa contenuta nella già detta medaglia: pare, che a questo possa rispondersi, che con l'esempio di Caligola, che fece decretare all'Auola sua Antonia gli honori, e titoli conceduti in vari tempi a Liuia; e con l'altro di Claudio, che l'Auola di lui Liuia volle, che fosse riuerita, & adorata in paragone di coloro già fatti Diui, ordinando, che la Madre Antonia, già morta molto prima, si cognominasse Augusta, e con la rinouatione seguita, benche molto dapoi, d'ordine di Settimio Seuero, delle Statue per memoria di Martia prima moglie di lui, e presa nello stato priuato; potesse anche Tito per sè solo, o per compiacerne la figliuola Giulia, operare verso Fuluia, Madre di lei, l'istesso, eseguito in casi simili, da altri: e ch'egli istesso fece, col restituire in medaglia la memoria di Flauia Domitilla morta prima del giungere di lui all'Imperio. E lo poterono trascurare gli scrittori, come incontrò di altre infinite cose di rilieuo, e delle quali s'hanno veridichi rincontri nelle medaglie. Oltre che nel Tesoro del Golzio, dopo hauer egli descritto tutti i nomi, cognomi, titoli, e dignità de gl'Imperadori, & Imperadrici, ripone per vltimo il nome di Fuluia Augusta con simiglianti lettere: ΦΟΥΛΒΙΑ ΣΕΒΑΣΤΗ. cioè Ful- uia

uia Augusta. lasciando egli a gli studiosi la congettura di chi fosse moglie cotal Fuluia; ne ve n'essendo altra, a cui si potesse attribuire il titolo di Augusta, pare, che debba conchiudersi essere l'istessa, che fù moglie di Tito. Ma quale sia il fatto, la detta medaglia di buona conseruatione, e che può riporsi frà le rarissime, stà nello studio del Signore Alessandro Rondanini Gentil'huomo, che co'beni di Fortuna, hà congiunti quelli dell'animo; peroche all'essere erudito, e di più scienze posseditore, segue in esso vna lodeuole dilettatione di Pittura, di Scoltura, di Medaglie, e d'altre cose antiche, da lui con molta spesa raccolte, e per entro il suo Palagio diligentemente custodite. Ma ciò che aumenta la lode, e la marauiglia; parmi, che sia il vedere, che la Signora Felice Zacchia Moglie di esso Signore Alessandro nobilissima de'Natali, e dell'animo, non hauendo lasciato di dare opera a gli studi delle belle lettere, e di giungere in ciò a segno più che ordinario, non pure camina con pari passo nel diletto, e nella cognitione delle cose antiche col Signor suo Consorte; ma vale ancora a lui di stimolo, per farne ricercare sempre, e perche egli ne comperi, etiandio a rigorosi prezzi: parendo all'altrettanto nobile, quanto generoso spirito di lei, non meno bene impiegate le ricchezze in così fatte materie, che pascono i virtuosi intelletti, di quello, che sarebbono, se fossero conuertite in altri vsi. Essendosi però tal Signore compiacciuto, che di questa, e d'altre quattro delle sue rare medaglie, che si vedranno a'luoghi loro, io possa arricchire la presente opera, hò voluto luto con tal piccola ricordanza della virtù, e della cortesia di esso, dimostrarmene grato.

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10067823: »Sestertius of Vespasian / Titus (RIC Vespasian 611) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10067823: »Sestertius of Vespasian / Titus (RIC Vespasian 611) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10068003: »Sestertius of Titus / Judaea (RIC 150) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10068497: »Sestertius of Vespasian (Titus / Domitian riding, RIC 418) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10068838: »As of Vespasian (Titus / Clasped Hands, RIC 484) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10068506: »Sestertius of Vespasian (Titus / Titus riding, RIC 429) (owner: Angeloni)« 7. Census ID 10068460: »As of Vespasian (Titus / Victory, RIC 485) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10068460: »As of Vespasian (Titus / Victory, RIC 485) (owner: Angeloni)« 9. Census ID 10068843: »Sestertius of Titus / Annona (RIC 137) (owner: Angeloni)« 10. Census ID 10066886: »Sestertius of Domitian (Titus / Colosseum, RIC 131) (owner: Angeloni)« 11. Census ID 10066886: »Sestertius of Domitian (Titus / Colosseum, RIC 131) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10067953: »Sestertius of Titus (Deified Vespasian / SC) (owner: Angeloni)« 13. Census ID 10067969: »Sestertius of Titus (Deified Vespasian / SC, RIC 261) (owner: Angeloni)« 14. Census ID 10067969: »Sestertius of Titus (Deified Vespasian / SC, RIC 261) (owner: Angeloni)« 15. Census ID 10068006: »Sestertius of Titus / Titus and Domitian (RIC Titus 159) (owner: Angeloni)« 16. Census ID 10068008: »Sestertius of Titus / Vespasian and Titus (RIC 162) (owner: Angeloni)« 17. Coin not classified yet. 18. Coin not classified yet.

   FV Domitiano peruerso d'animo, e di volontà con ciascuno, e con Tito specialmente; poiche non lo hauendo lasciato viuere nell'Imperio senza sollecitudine, volle, che dopo morto, più apparisse il proprio veleno, ordinando, che mentre spiraua, fosse abbandonato; nè fece altra dimostratione in suo honore, che di consacrarlo: anzi procurò di abbattere, in qualunque guisa, il gouerno, e la gloria di lui. Nacque Domitiano, mentre il Padre era disegnato Consolo, nè hebbe inclinatione a studio alcuno fuori della Poesia; nella quale compose, e recitò alcune sue opere. Da giouinetto fù hauuto in sospetto di disonesto. Nella guerra Vitelliana si ritirò, con Sabino suo Zio in Campidoglio: ma essendoui entrati gl'Inimici, & acceso il fuoco nel Tempio, si ricouerò la notte Domitiano appresso colui, che haueua la cura delle cose sacre, & appena potè la mattina saluarsi dalle mani di coloro, che lo cercauano per vcciderlo. Per la quale cagione, fatto Imperadore, edificò nel Campidoglio il Tempio in honore di Gioue Custode, o Conseruadore; & il Senato, per serbare la memoria dello scampo di Domitiano, in così    1. pericoloso caso, decretò la medaglia   · Census ID10067445: »As of Domitian / Jupiter (RIC 220) (owner: Angeloni)« con testa laureata in età giouanile, e lettere: IMP. CAES. DOMIT. AVG. GERM. COS. XI. cioè Imperator Caesar Domitianus Augustus, Germanicus, Consul    2. vndecimum: e con Gioue in piedi ignudo, che da vn solo piccolo panno gli si vedono coperte le vergogne: appoggia la sinistra ad vn hasta, e stringe il folgore con la destra, leggendouisi: IOVI CONSERVATORI S. C.    Sedate se cose, fù Domitiano chiamato Cesare, e fatto Pretore Vrbano col solo nome di Consolo. Fin d'all'hora mostrò d'hauere animo Tirannico, e violento. Tenne la pratica di Donne maritate; e finalmente prese per moglie Domitia Longina, quantunque fosse congiunta ad Elio Lamia. Volle, ancora giouinetto, il carico della guerra contra i Galli, e contra l'vna, e l'altra Germania. Giudico, che nell'atto di tale speditione fosse decretata dal Senato la medaglia   · Census ID10068865: »Dupondius of Vespasian (Domitian / Domitian riding, RIC 1102) (owner: Angeloni)« con testa di lui in giouanile età, e lettere: CAESAR AVG.    3. F. DOMITIAN. COS. VII. & egli si vede nel rouescio a cauallo con mazza, o scettro nella destra mano, e solleuando l'altra, fà vista di comandare alcuna cosa; mentre anche il Cauallo stà in atto di velocemente caminare, e vi è tale encomio: PRINCEPS IVVENTVTIS S. C. che era il titolo solito de'figliuoli, o parenti de'Principi, mentre erano giouinetti, e prima che fossero dichiarati Cesari.    Potrebbe dirsi, che tal medaglia fosse battuta a Domitiano all'hora, che morto Vitellio, & egli trattosi di là, doue s'era nascosto, fù da tutti, con gran concorso di Soldati, salutato Cesare; e se il Consolato settimo lasciasse in ciò luogo da dubitare, può credersi, che tal memoria gli fosse ristampata più fiate, e che ne cadesse la rinouatione nel Consolato suddetto. Egli non interuenne per tutto ciò nella guerra contra Galli; perche prima, che si auuicinasse all'Alpi con Mutiano, hebbe nuoua de'successi prosperi ne'Treueri; e persuaso da esso Mutiano, che non sarebbe stata riputatione di lui, essendo fornita la guerra, il comparire colà testimonio dell'altrui gloria, si fermò in Lione; di doue si credette, che tentasse l'animo di Cereale, se andando egli di persona in Germania, gli ha- M uesse

uesse consegnato l'esercito con l'Imperio, col quale pensiere non si può affermare, se Domitiano mirasse di far guerra al Padre, o di preparare forze, o ricchezze contra il fratello: ma perche Cereale ne'l dissuase, auuedutosi, che da vecchi non era stimata la sua giouinezza, sotto colore di volere attendere a sè, e di mostrarsi modesto, si ritirò affatto da'carichi dell'Imperio prima esercitati da lui. Per la quale cagione io tengo, che    4. assunto al principato, fosse battuta, per adularlo, la medaglia   · Census ID10068070: »Dupondius of Titus (Domitian / Concordia, RIC 335) (owner: Angeloni)« con la Dea Concordia sedente, e nella forma descritta altre volte, con lettere: CONCORDIA AVG. S. C. Concordia è il concorso de gli animi di molti nel volere, o non volere alcuna cosa; e quindi procede lo stabilimento, che suole seguire nelle humane operationi. Si fà sedendo la Concordia, per dimostrare la quiete, con la quale si dee procedere nell'vso di essa. Le si fà il Cornucopia; già che da lei infiniti beni deriuano; e le si giunge la Patera nella destra mano; peroche è cosa Diuina la Concordia.     Frà molti spettacoli, che fatto Imperadore, rappresentò Domitiano al Popolo, l'vno fù quello de'giuochi Secolari; che perche si celebrauano ogni secolo, cioè ogni cento anni, furono però detti con tal nome. Si faceuano simili giuochi per la salute del Popolo in tre giorni, e tre notti continue, con Lettisternij, cantandosi de gl'Hinni ad honore di Apolline, chiamati Peani, che si diceuano, per lo più, da giouani, e da fanciulle ballando. Si vsaua il sacrificare in essi delle vittime di colore nero a Plutone, & a Proserpina in altari sotterranei. Se ne vede rincontro in due differenti medaglie   · Census ID10067604: »Dupondius of Domitian / Domitian, River God and Players of Instruments (RIC 621) (owner: Angeloni)« , amendue però con testa, e lettere: IMP. CAES. DOMIT. AVG. GERM. P. M. TR. P. VIII. CENS. PERP. e l'vna    5. di esse hà nel rouescio vn edificio con trè architraui, che sostenuti da varie colonne, formano il Tempio; appresso il quale stà Domitiano in habito di sacrificare: ma col capo discoperto, e con la Patera nella destra mano, fà vista di adempire suoi sacrifiici sopra di vn Ara, che gli stà dinanzi; e vi sono due figure, che suonano, l'vna due Tibie, e l'altra la Cetera: volendosi, che ciò seguisse, perche cotali suoni così intonassero il capo al sacerdote, & a gli astanti, che non potessero vdire altra cosa, che non fusse sacra; e stessero però con tutto l'animo intenti al sagrificio: ma oltre di queste v'e vn Vecchio sedente, che può essere il Teuere; percioche accanto di cotale fiume in luogo, chiamato Tarento dall'acqua, che radendolo il consuma, era il Tempio di Plutone, e di Proserpina, al quale si discendeua per gradi: essendo che gli altri de gl' Iddij Infernali soleuano farsi sottoterra in luogo profondo; & a questi tre si sacrificaua in dette feste, secondo la stessa medaglia ne serba la memoria, leggendouisi: COS. XIIII. LVD. SAEC. FEC. cioè Ludos Saeculares fecit.     Nell'altra   · Census ID10067607: »As of Domitian / Domitian Sacrificing (RIC 623) (owner: Angeloni)« è sostenuto vn solo architraue del Tempio da sei Colonne, e vi si vede l'Imperadore,    6. che in habito stà sù la soglia sacrificando, come s'è detto: hà appresso di lui due sole persone; l'vna delle quali suona due Tibie, e l'altra la Lira, o Cetera, e vi si leggono l'istesse lettere scritte nella sopracitata medaglia. Ma l'intaglio di questa, s'è trasportato, nel fine dopo Giulia al numero sei.    Mentre durauano i giuochi Secolari celebrati cento anni dapoi, che li solennizzò Augusto, vsò Domitiano di molte liberalità, non meno di danari, che d'altre varie cose distribuite al Popolo; fra le quali ne furono di quelle atte a suffumigare, & a mondarsi prima d'interuenire alli sacrifici, che in così fatta festa doueano celebrarsi; peroche era di costume il purificarsi, spargendosi d'acqua, nella quale fossero stati estinti de'carboni, tolti

tolti dall'altre, oue si faceua il sagrificio, e ciò eseguiuano etiandio i Sacerdoti: ma non però sempre ad vn modo; perche, secondo la varietà de'sacrifici, variaua ancora la forma del purificarsi; & in questi specialmente de'giuochi Secolari doueuano, oltre il mondarsi, per la via suddetta, fare anche de'suffumigi col solfo, e con l'incenso; e così fatte cose si conteneuano ne'due vasi posti a'piedi dell'Imperadore; il quale adoperaua, nel distribuirle, la Patera, come istrumento più accomadato a prenderle, a porgerle, & a bene scompartirle; parendo massimamente, che vna ve ne sia nella mano di colui, che di già hà preso da Domitiano la roba donata, come dalla medaglia   · Census ID10067277: »Sestertius of Domitian / Domitian, Citizen and Child (RIC 609) (owner: Angeloni)« decretata dal Senato, per memoria    7. di cotale liberalità, si raccoglie; poiche oltre la testa coronata di Lauro, e lettere: IMP. CAES. DOMIT. AVG. GERM. COS. XIIII. CENS. PERP. P. P. dimostra nel rouescio l'Imperadore sedente sopra di vn palco, a piedi del quale sono due Cesti, o Vasi, l'vno per lato; & egli, ad vna persona togata, che gli stà incontro, stende la destra col destinato donatiuo: e sendoui pur anche vn fanciullo parimente togato, che alzando le braccia, stà con mani aperte attendendo ciò, che l'Imperadore è per dargli; e come si legge nel dintorno: PONT. MAX. TR. P. VIII. LVD. SAEC. così nel giro del palco, la doue posano i piedi del Principe, stà scritto: SVF. P. D. cioè Suffimenta Populo Data.     Celebraua Domitiano, in qualunque anno, nel Monte Albano la festiuità di Minerua; la quale perche faceuasi in cinque giorni; ouero perche era principiata cinque giorni dopo gl'Idi del mese di Marzo, fù detta Quinquatria. Rinouauasi nel primo giorno la memoria del suo nascimento, nè era lecito in esso il far sangue, o l'vccidere alcuna vittima; e solamente con prieghi, voti, & odori si adoraua. Ne gli altri giorni si sacrificauano Tori bianchi, o delle Giouenche indomite con le corna dorate. Ordinò per tal conto vn Collegio di Sacerdoti, traendo di essi vn certo numero, che come procuratori di tale vfficio, haueuano la cura de'Sagrifici fatti nel primo giorno, e di rappresentare Caccie magnifiche, & altre feste, e giuochi, insieme con delle Comedie, e delle Tragedie.    8. Si vede però la seguente medaglia   · Census ID10067611: »Sestertius of Domitian / Domitian Sacrificing (RIC 277) (owner: Angeloni)« con inscritrione: IMP. CAES. DOMITIAN. AVG. GERM. COS. XI. che hà nel rouescio il Tempio fabricato su'Colonnati; nell'atrio del quale stà, sopra di vn altare, il simulacro di Minerua, e l'Imperadore, con l'habito Sacerdotale, e la Patera nella destra, che vi stà sacrificando: essendoui le lettere: S. C.     Non fù Domitiano prudente, nè letterato, nè armigero: anzi come persona neghittosa, non conoscendo, o non curando il pregio del tempo, staua per alcune hore del giorno, in luogo solitario, a prendere mosche, & ad infilzarle: con tutto ciò hebbe in singolare veneratione Minerua, dandosi a credere d'essere certamente figliuolo di lei, e volle, che anche gli altri ciò credessero, e che qualunque sua operatione seguisse col consiglio    9. di cotal Dea; il simulacro però della quale si vede in molte medaglie   · Census ID10066709: »As of Domitian / Minerva (RIC 87) (owner: Angeloni)« di Domitiano; e l'vna lo dimostra vestito donnescamente; ma con la destra armata d'hasta in vista di lanciarla, e che con la sinistra tiene imbracciato lo scudo, hauendo il capo coperto di celata: nè altro vi si legge, che S. C. Volle Minerua, per mostrarsi più terribile nelle battaglie, portare sù lo scudo, che era di lucido cristallo, duro, e trasparente, e tal volta nel petto, il capo spauenteuole di Medusa, che l'istessa forza di prima ritenne nel trasformare gli huomini in pietre; il quale abbigliamento chiamauasi Egide: mostrandosi con ciò la forza del sapere, e della prudenza, che con l'opere marauigliose, e co'saggi consigli fà stupire, e quasi conuertire altrui in sasso per la marauiglia. M 2 Viè

    Vi è vna piccola medaglia   · Census ID10066781: »Semis of Domitian (Minerva / Owl, RIC 651) (owner: Angeloni)« , che hà nell'vn lato la testa di Minerua armata di elmo, & inscrittione suddetta, e: COS. XIIII. e nell'altro vna Ciuetta con S. C. Io tengo, che cotal    10. testa fosse di Domitia, amata da lui singolarmente, vedendosi molto giouanetta, e    11. rappresentata in forma di Minerua: secondo egli volle, che le fossero stampate delle medaglie in altre guise; e con molti rouesci. Fù Domitia figliuola di Domitio Corbulone, che seruì nell'Armenia, per Nerone, contra i Parti. Inuaghitosene Domitiano, fece vccidere Lucio Elio Emiliano di lei marito, per hauerla per moglie, e n'ottenne vn figliuolo, che morì Infante. Innamoratosi Domitia di Paride Histrione, fù repudiata da Domitiano: ma vinto poscia dall'amore, che le portaua, la si fece tornare in casa. La Ciuetta, intesa per Minerua, come a lei dedicata, può dare a vedere, che essendo questa la Dea della Prudenza, e del Consiglio, egli teneua in egual pregio l'amata Domitia; e valeuasi del Consiglio di lei. Vien presa la Ciuetta per lo saggio, e buon Consiglio dell'Huomo prudente, e si dipingono gli occhi di Minerua di colore simile a quelli della Ciuetta; la quale vede di notte benissimo: intendendosi, che l'Huomo saggio scorge, e conosce le cose quantunque difficili, & occulte, e che leuatosi dall'animo il velo delle menzogne, penetra la verità con la vista dell'intelletto, stando quella celata, nè lasciandosi vedere da ogni vno.     Vi è altra medaglia   · Census ID10066896: »Quadrans of Domitian (Ceres / Bag of Corn Ears, RIC 315) (owner: Angeloni)« piccola con testa di Donna, e lettere: IMP. DOMIT. AVG. GERM. COS. XI. hà nel rouescio vn Cesto, o Paniere, colmo di spiche di grano con S. C; la cui    12. testa, secondo si confà nel sembiante con l'antecedente; così può credersi, che sia di Domitia.    13. Hà il capo ornato di spiche; e perciò hauendola rappresentata per Cerere, volle, per auuentura, farla partecipe dell'applauso recatogli dal Popolo, per cagion dell'abbondanza de'viueri procurata da lui: ouero hebbe in animo di rappresentare li molti doni fatti da esso al Popolo all'hora, che celebrò i giuochi Secolari; hauendo in tre giorni seguiti, dati ad ogni huomo trecento nummi il giorno, che di moneta Romana, montano circa sette scudi; e ciò perche se ne comperasse il formento: ma può denotare ancora la memoria de'donatiui seguiti nella festa, che celebrò in Roma ad honore de'sette Colli, chiamata Settimontiale; poiche diede a mangiare al Popolo nel Palagio; & a'Senatori, e a'Caualieri distribuì alcuni Panieri, o Cestoni di Pane; & a'Plebei alcune Cestelle con diuerse cose magnatiue: peroche come la distributione, che si faceua del formento, era significata col Congio; così quella del Pane s'intendeua per lo Cesto, o Paniere. Ma chiaro è, che ciò reca segnali di donatiui, e d'abbondanza.     Come facesse stampare a sè stesso la seguente medaglia   · Census ID10066766: »Semis of Domitian (Apollo / Raven, RIC 710) (owner: Angeloni)« , non sò comprendere; poiche l'effigie è di Domitiano: ma la capigliatura è affatto lunga, crespa, innanellata, & acconcia    14. in guisa, che altro, ch'essere di femina, non può giudicarsi: vi hà sopra vna gentil corona d'alloro, e lettere descritte con COS. XV. ergendosi, dal fornire della gola, vn ramoscello, non sò se d'alloro, o di Palma: & hà nel rouescio vna Cornacchia sù vn ramo    15. di Lauro, in atto di gracchiare, con S. C. nel disotto. Simile animale fù già amato da Minerua, hauendolo fatto diuentare vccello, di bella giouane, che egli era per prima, e ciò per difendere quella da Nettuno, che n'era innamorato; e seruissene fin, che mossa dallo sdegno, per l'accusa fatta contra le figliuole di Cecrope, di bianco, che egli era, la cangiò in nero, come hora si vede; e discacciolla, togliendo in suo luogo la Ciuetta. Volle forse Domitiano esprimere tal fauola in simile rouescio, come quegli, che si

si studiaua di rappresentare Minerua in vari modi. Alcuni hanno voluto, che la Cornacchia sia simbolo di Concordia; peroche congiunti il maschio, e la femina, vna volta insieme, si osseruano inuiolabile fede, mentre viuono, non vsando giamai alcuno d'essi con altri, nè essendo morto l'vno, si accompagna più quel, che rimane: anzi se ne stà in luoghi solitari, fuggendo qualunque compagnia.     Rinouò Domitiano molte vsanze antiche ad vtilità publica, e prouide sopratutto, che l'abbondanza del viuere si aumentasse; e compreso, che questa iscemaua per la souerchia diligenza vsata nel fare delle Vigne, e che percio le sementi si trascurauano, ordinò, che almeno la metà delle viti fosse tagliata nel distretto, e che queste non si rinouassero per tutta l'Italia. E quantunque si stimi, che tale opera non si perfettionasse; non perciò fù tanto vota di effetto, che non ne seguisse buon frutto, secondo lo dimostra la medaglia   · Census ID10066934: »Dupondius of Domitian / Annona (RIC 287) (owner: Angeloni)« , nel cui rouescio stà la figura dell'Annona sedente, con vn fanciullo dinanzi,    16. che fà vista di aiutarla a tenere disteso vn panno, o altra cosa simile; sopra del quale si veggono molte spiche di grano, & hà colà appresso vna prua di Naue: volendo forse inferire, per lo fanciullo, la purità, che si dee vsarsi nel distribuire, e nel vendere il grano, o altre cose per viuere; e per la prua di Naue, che tale abbondanza fosse all'hora vniuersale, e vi si legge: ANNONA AVG. S. C.     Simigliante attione di Domitiano, come grata al Senato, e vtile al publico, tengo, che recasse la cagione di decretare la medaglia   · Census ID10067619: »Dupondius of Domitian / Shields over Vexillum (RIC 539) (owner: Angeloni)« , che contenẽdo dall'vn lato la testa laureata    17. con queste note: IMP. CAES. DOMIT. AVG. GERM. COS. XIIII. CENS. PERPET. cioè Censor Perpetuus: si vede nell'altro vn Leone, che in atto di caminare, porta in bocca vn scettro, e vi si legge S. C. Il Leone per la magnanimità, & altre qualità riguardeuoli potè essere inteso per l'Imperadore; e come lo scettro denota Dominio in chiunque l'vsa così potrebbe dirsi, che Domitiano adoperaua l'autorità per ben custodire i suoi stati, e per renderli abbondanti: ma essendo pur anche il Leone simbolo della terra; poiche finsero gli antichi, che il Carro della Dea Cibele fosse tirato da due Leoni, e che per quelli s'intendeua l'Agricoltura, ciò etiandio dimostrarebbe l'ordine da lui tenuto, per aumentare simile arte, e che le semente non si trascurassero, secondo si faceua per prima.    Disperse affatto Domitiano, quante scritture furono trouate a suo tempo, che contra l'altrui fama, o costumi, erano piene di maledicenze, e di biasimi, e nelle quali stauano notati gli huomini, e le Donne principali di Roma: nè ciò seguì senza danno, o vergogna, o dishonore di coloro, che ne furono gl'inuentori. Ma egli portò anche lode d'industrioso, e diligente nel tenere ragione: nel castigare li Giudici ingiusti, o che si lasciassero corrompere: nel correggere, e nel raffrenare coloro, che erano preposti a'Magistrati: nell'emendare i costumi, e gli abusi delle genti, e delle operationi: nel punire le spie false, e fino le Vestali trouate in colpa: e così seppe per alcun tempo, astenere sè stesso, che non auaro, nè cupido: ma liberale, e splendido apparue; e ne fù perciò stimato virtuoso: massimamente; che ammoniua gli amici, e famigliari suoi, che non facessero alcuna cosa, che potesse portare nota di viltà, o di vitupero. Per la quale cagione io penso, che fosse decretata la medaglia   · Census ID10066905: »As of Domitian / Virtus (RIC 300) (owner: Angeloni)« , in cui di rouescio, stà vna figura di Donna    18. in piedi, che armata di celata, e con donnesco vestire; ma sottile, & ispedito, appoggia la destra ad vn hasta, e sostiene con la sinistra il Parazonio, calcando col sinistro piede vn altra celata, con titolo: VIRTVS AVGVSTI S. C. Si è discorso altroue, & in Galba specialmente

specialmente sopra simile figura della virtù.     Prese Domitiano a fare volontaria guerra contra i Catti popoli nella Germania, e per necessità, la fece parimente contra i Sarmati, & i Daci. Destinata la speditione de gli eserciti, prese la fede da'capi di quelli, secondo richiedeua il costume, e l'importanza della cosa. Si vede il segnale di simile attione entro la medaglia   · Census ID10066862: »Sestertius of Domitian / Domitian and Soldiers (RIC 473) (owner: Angeloni)« con testa laureata, e lettere    19. descritte, ET COS. XII, CENS. PERP. con quattro soldati forniti d'armi, e d'insegne: ma quello, che dimostra essere il capo di essi, porge la destra all'Imperadore, che in piedi, appresso di vn Ara, stende al medesimo la sua; nè vi si legge altro, che S. C. Faceuansi giurare i Soldati, peroche non v'era cosa, che più di questa li facesse temere della Religione.     Perdè in simile guerra Domitiano alcuni Capitani, & hebbe sconfitte di eserciti; ma in fine, di tutte trionfò: benche, per la vittoria riceuuta de'Sarmati, egli presentasse vna sola corona di alloro a Gioue Capitolino. Perciò stimo, che fosse decretato il rouescio della    20. medaglia   · Census ID10067411: »Sestertius of Domitian / Jupiter (RIC 275) (owner: Angeloni)« , in cui è Gioue sedente, col Palladio nella destra, che appoggia la sinistra ad vn hasta, con lettere: IOVI VICTORI S. C. quasi egli il tutto vincesse, e che da lui ogni vittoria venisse conceduta; stà sedente Gioue, perche la virtù, che regge il mondo, e lo conserua, è stabile, e ferma, nè si muta mai: hà le parti disopra ignude; perche egli si manifesta alle Diuine intelligenze solamente, e coperte sono quelle disotto, non si concedendo a'mortali il vederlo da questo basso mondo: sostiene la sinistra mano sù l'hasta, dimorando in quella parte il cuore, membro principale; da cui deriuano gli spiriti, che dapertutto il corpo si spandono, e in tal guisa il mondo hà la vita da Dio; il quale come a lui piace, la dispensa, e gouerna: sostiene sù la destra la Vittoria, mostrando essere a lui soggette tutte le cose, come se per ragione di vittoria acquistate le hauesse.     Conseguì Domitiano dal Senato l'honore di altre medaglie, che serbano la memoria    21. delle suddette vittorie; e nell'vna   · Census ID10068874: »Sestertius of Domitian / Domitian Riding (RIC 280) (owner: Angeloni)« di esse stà l'Imperadore a cauallo armato, che correndo sopra vno de gl'Inimici; questi coperto di vn grande scudo, sembra, che benche sia in terra abbattuto, pensi nondimeno al difendersi, con lettere S. C.     Nè con differente fine vi è il rouescio   · Census ID10066810: »Sestertius of Domitian / Domitian and Victory, RIC 639) (owner: Angeloni)« con l'Imperadore in piedi appoggiato ad vn hasta,    22. e che stringendo nella destra il fulmine, significato per la chiarezza della gloria; hà nel didietro vna Vittoria, con la palma, che gli porge vna corona verso il capo, e con lettere S. C.     Il Marte armato   · Census ID10066832: »As of Domitian / Mars (RIC 496) (owner: Angeloni)« , che si affretta di caminare, e sostiene con la destra vna piccola Vittoria,    23. mentre porta con la sinistra vn Trofeo sopra vn hasta con S. C. altro non pare, che anch'esso significhi, se non il presagio, che reca della medesima vittoria Germanica, e'l trofeo di essa.     Si vede composto, in vario rouescio   · Census ID10068868: »Dupondius of Domitian / Germania (RIC 295) (owner: Angeloni)« , il Trofeo sopra d'vn tronco, con due prigioni mesti    24. sederui al calce, nè altre lettere si leggono, che S. C. potendosi credere, che li prigioni dinotino le Prouincie, o i Popoli suddetti da lui vinti, e soggiogati.     Per simigliante vittoria ridusse di nuouo Domitiano all'obediẽza dell'Imperio la Germania, e le pose il freno, che faceua mestieri per mantenerla soggetta. La onde fù ciò    25. rappresentato in medaglia   · Census ID10067627: »Sestertius of Domitian / Domitian with Captive (RIC Domitian 279) (owner: Angeloni)« , con lui stesso in piedi armato, e col paludamento, che sostiene con la sinistra il Parazonio, & hà la Germania prostrata inchineuolmente a'piedi; la quale appoggia la sinistra sopra vn grande scudo, mentre distende la destra tutta suppli- cheuole

cheuole all'Imperadore, egli si raccomanda, essendoui S. C. Paludamento è il mantello militare, come il Parazonio è lo stocco senza punta, che portauano i Tribuni, che erano, quali sono i nostri Capitani; volendosi, che coloro, che comandano, non debbano vccidere i sudditi: ma correggerli.     Terminata simil Guerra, e douendone restare il solito Trofeo, fù questo impresso entro    26. la medaglia   · Census ID10066912: »Dupondius of Domitian / Victory (RIC 297) (owner: Angeloni)« , in cui il simulacro della Vittoria lo compone sopra di vn tronco, e vi stà scritto: VICTORIA AVGVSTI S.C.     Furono molti gli Archi, le Quadrighe, e le Insegne de'Trionfi, che per le Regioni di Roma, edificò Domitiano, per fine di perpetuare la fama della sua gloria; e l'vno de gli    27. Archi di vn solo corso con vari ornamenti, e quattro Caualli, o siansi Elefanti nella superiore parte con figure, che ben non si distinguono, si vede nella medaglia   · Census ID10068667: »Bronze coin of Corinth (Bust of Domitian / Arch with quadriga, RPC II 107)« con testa laureata, e lettere: IMP. CAES. DOMIT. AVG.    In quel tanto, che col fasto della suddetta vittoria si attendeua dal Senato ad honorare Domitiano, suscitò la Guerra ciuile, mossa da Lncio Antonio detto Saturnino; il quale col pensiero di occupare l'Imperio, si ribellò a Domitiano: ma oppostosegli Appio Normando, fù tale in questo il fauore della Fortuna, che dispostosi al fare la giornata col Ribello, traboccò nell'istesso giorno, per cagione delle disfatte Neui il Reno, allagando in modo le vicine pianure, che il soccorso mosso d'altri lati in prò di Lucio Antonio, non potè congiungersi con le genti di lui; onde ne restò sconfitto, e morto. La fama della quale vittoria, per secondare il pieno della felicità di Domitiano, si vdì in Roma nel giorno medesimo, che si fece tal guerra in Germania: onde stimo, che fosse all'hora stampata la    28. medaglia   · Census ID10066890: »Dupondius of Domitian / Fortuna (RIC 370) (owner: Angeloni)« con l'istessa Fortuna in piedi, che tiene il timone di Naue con la destra, e'l Cornucopia con la sinistra mano, leggendouisi: FORTVNAE AVGVSTI S. C. ouero cotal simulacro vorrà rappresentare la Fortuna Prenestina, alla quale per tutto il tempo del suo Imperio egli raccomandò anticipatamẽte gli anni, che entrauano, e nè riportò sempre risposte, se non nell'vltimo di sua vita, che glie le diede sinistre, enõ senza mentione di sangue.     Non con diuerso fine stimo, che fosse stampata l'altra medaglia   · Census ID10066937: »Sestertius of Domitian / Pax (RIC 284) (owner: Angeloni)« , in cui si vede la grauità    29. piaceuole di Donna in piedi, che sostenendo con la sinistra il Cornucopia, porge con la destra vna face accesa, con la quale brucia, e consuma Scudi, Vsberghi, Celate, Lance, & altri Arnesi bellici, con lettere: S. C. Questa, è la Pace, del tutto inimica a qualunque incendio di guerra, e che a quello specialmente si oppose, che fierissimo accese all'hora Lucio Antonio, con la rebellione; poiche con la morte di lui restò debellato quel temerario esercito, & estinti i mezi, che la Pace contrariauano.     Rifece Domitiano molti grandi, e belli edifici già guasti, e consumati dal fuoco, & in tutti pose il suo nome, senza far mentione di coloro, che da prima gli edificarono: nè sarebbe perciò gran fatto, ch'egli ristaurasse il Tempio della Dea Salute fabricato da Augusto, o che alcun'altro ne facesse egli fare di nuouo: o che il Senato lo votasse per la salute    30. di lui: vedendosi cotal Tempio nel rouescio di medaglia   · Census ID10066954: »As of Domitian / Altar (RIC 225) (owner: Angeloni)« del medesimo Domitiano, con lettere: SALVTI AVGVST. S.C.    Ma non si douendo togliere la parte, che tocca alla Virtù, già che fra'vitij di Domitiano, non può in fine dirsi, che alcuna non ve ne fosse; raccogliendosi dalle cose narrate, che contrastaua in lui con la praua, la retta ragione; non bastano tuttauia le buone operationi per fare, che altri sia veramente virtuoso; quando queste vengano da'vitij offusca- te:

te: valendo l'vso della virtù, se nel tutto, & insino al fine, lo studio del conseruarla non si mantiene. Cadde dunque Domitiano nella nota di crudele, di rapace, e di temerario; e ciò per la ingiusta vccisione di molte persone Consolari, & altre, e fin di vn suo Zio: facendo prouare delitti non commessi, per impadronirsi delle sostanze loro: le quali pessime attioni non rettamente giudicate dall'imprudente, e crudo animo di lui, resero infruttuoso, quanto egli s'era già studiato di operare in prò del publico, e dell'Imperio; massimamente, che a tanta alterigia si condusse, che con temerario ardire, volle pareggiare se medesimo a Dio, mentre dettando vn Epistola in nome de'Procuratori suoi, giunse a dire nel principiarla: Il Signore, e Dio nostro comanda, che quello, che segue si faccia: e volle, che per l'innanzi nè parlando, nè scriuendo, ardisse alcuno di mentouarlo diuersamente. Tale sfrenato appetito d'huomo di niun termine contento, mostrò ben presto, che come la pietà è commendata in ciascuno; così all'impietà si ripara dalla Diuina giustitia con rigido castigo; conciosiacosache diuentato Domitiano a tutti, per tal conto odioso, permise Iddio, che da'suoi stessi famigliari, nell'età d'anni quarantacinque, e nel quintodecimo dell'Imperio, fosse vcciso.

    B Enche per entro la vita di Domitiano sieno toccate alcune cose appartenenti a Domitia di Corbulone, che fù amata dall'istesso Imperadore, e presa per moglie, & hauutone vn figliuolo, che morto infante, fù da lui Deificato; hauendosi tuttauia hauuto modo di più particolarmẽte riporre quì la sua effigie tratta da vna medaglia del Signore Alessandro Rondanini; hò voluto soggiungere, che essendo verisimile, che dopo la Deificatione seguita del figliuolo, essa come Madre, non con la sola tenerezza, che reca con sè vn simile grado: ma col porgergli etiandio de'sacrifici, procurasse di fare apparire il suo cordiale affetto verso vn figliuolo, & vn Dio, secondo la falsa credenza di quei tempi, ciò fosse secondato con senso di adulatione dal Senato, concedendo, che per simigliante atto di pietà si stampasse la medaglia   · Census ID10066967: »Dupondius of Domitian (Domitia / Domitia, RIC 136) (owner: Angeloni)« ; nell'vn lato della quale stà effigiata Domitia, con lettere: DOMITIA AVG. IMP. CAES. DOMITIAN. AVG. cioè Domitia Augusta Imperatoris Caesaris Domitiani Augusti. e dimostra nell'altro vna Donna in piedi appoggiata con    31. la sinistra mano ad vn hasta, che distende ad vn tempo la Patera con la destra sopra l'Ara, in atto di sacrificare; e vi si legge, DIVI CAESARIS MATER S. C. la quale effigie reca la cognitione    32. più certa, che le medaglie di Donna, portate in Domitiano, furono fatte per essa Domitia; ma questa amando più il suo Paride Histrione, che non Domitiano, si crede, che per amore di quello, tenesse mano alla congiura ordita contra l'Imperadore, che ne restò morto.

    V Olle Tito dare per moglie a Domitiano Giulia sua figliuola: ma perche questi si trouò inuaghito di Domitia, la ricusò: onde fù maritata a Sabino: ma viuendo ancora Tito, peròche a gli altri vitij hebbe Domitiano, congiunta in sommo grado, la libidine, vsò con l'istessa Giulia, e le tolse dapoi a suo Marito, fatto poco appresso ammazzare da lui per farla sua moglie. Indi costrettala ad isconciarsi, forse del parto, che con Sabino haueua conceputo, le cagionò la morte. Si vede l'effigie di essa Giulia in medaglia   · Census ID10068021: »Denarius of Titus (Iulia Augusta / Vesta, RIC 390) (owner: Angeloni)« testa

testa, e vaga acconciatura di capelli, e lettere: IVLIA IMP. T. AVG. F. AVGVSTA cioè: Iulia Imperatoris Titi Augusti Filia Augusta; e come questo lato è conuesso, così l'altro, essendo concauo, rappresenta per appunto l'effigie, e lettere medesime.     Con l'istessa testa, & inscrittione, vi è il rouescio   · Census ID10068021: »Denarius of Titus (Iulia Augusta / Vesta, RIC 390) (owner: Angeloni)« con la Dea Vesta sedente, che sostenendo con la sinistra l'hasta, porge con la destra il Palladio, e vi è scritto: VESTA S. C. Vesta di tal forma sedente, è intesa per quella, che fù Madre di Saturno, e tenuta per la Terra, dimostrando, col sedere, la propria fermezza: Fù detta Vesta, dal vestirsi, che fà bene spesso d'herbe, e di fiori; mantenendosi etiandio, per sua virtù, nel mezo dell'vniuerso, senza essere da alcuna cosa sostenuta: Fù Moglie di Titano, che è il Sole, e forse in ciò vollero adulare Domitiano, che come moglie si tenne Giulia. Opera il Sole nella Terra, come in materia atta a produrre qualunque animale, metalli, gioie, e cose simili: ella produce, e nodrisce le cose atte al mantenimento de'mortali: serba i frutti: dà l'esca a gli vccelli: i pascoli a i bruti, de'quali pur si nodriscono gli huomini: e fù in fine chiamata Gran Madre; perche come tale nodrisce, con abbondanti modi, le cose mortali; e nel suo grembo raccoglie quelle, che muoiono: Le fecero in mano il Palladio, tenendosi essere eterna la Terra; si come pur quegli è simbolo della Eternità: Le posero in mano l'hasta, come era costume l'attribuirla a tutte le Deità; poiche prima, che si giungesse a fare le Statue de gli Dei, erano adorate, in vece di quelle, le haste; le quali per serbare l'antica Religione, aggiunsero dapoi sempre alli simulacri.     Scorgesi nel rouescio d'altra medaglia   · Census ID10068057: »Dupondius of Titus (Julia / Ceres, RIC 391) (owner: Angeloni)« di Giulia, la Dea Cerere in piedi, che mentre appoggia la sinistra ad vn hasta, porge con la destra alcune spiche, e papaueri, col titolo: CERES AVGVSTA S. C. Fù stimata Cerere la Dea delle biade, volendosi, ch'ella mostrasse specialmente a'Siciliani, & a gli Eleusini Popoli vicini ad Atene, il modo di coltiuare la Terra, di seminarui il grano, di raccoglierlo, e farne pane: e diede etiandio loro le leggi, sotto le quali douessero viuere: onde per simili cagioni meritò da quella cieca gente l'essere tenuta per Dea, e le sacrificauano il Porco, & ancora del Latte, versando dell'acqua: già, che alcuni tengono, che in tale sacrificio non vsassero vino; e le offeriuano le primitie delle biade, e le verdi herbe, quando di Primauera spuntauano dalla Terra. Lo attribuirono il papauero, per la conformità, che hà con la terra, essendo rotondo, e con delle inequalità, che mostrano i Monti, e le Valli, che rendono parimente ineguale la superficie della terra; e i molti grani, che rinchiude in sè, dinotano non meno la fertilità delle biade, che la moltitudine de gli huomini, e de gli animali, contenuti dalla Terra: le danno l'hasta per le cagioni dette nell'antecedente medaglia. Tutto ciò puotè essere applicato a Giulia per fine di adularne Domitiano, del quale ella era Nepote, e le fù poi concubina, e finalmente moglie; poiche le adulationi fatte a lei, rifletteuano nell'Imperadore, che dopo Domitia, ne fù inuaghito, intantoche fieramente s'attristò, e sentì dolore della sua morte.     Frà gli honori fatti, per sommo effetto d'amore, da Domitiano, a Giulia, l'vno fù il Deificarla, secondo lo dimostra la medaglia   · Census ID10066740: »Sestertius of Domitian (Carpentum / SC, RIC 760) (owner: Angeloni)« col Carpẽto di due Mule, solito guidarsi nelle pompe funebri delle Imperadrici, o d'altre Donne d'alto affare, con parole: DIVAE IVLIAE AVG. DIVI T. F. S. P. Q. R. e nel rouescio stà scritto: IMP. CAES. DOMIT. AVG. GERM. COS. XVI. CENS. PERP. P. P. S. C. ma perche simile Carpento, s'è di già veduto in Agrippina, & in Giulia Augusta, non se ne replica il disegno, come nè meno si farà dell'altre medaglie vna volta stampate, per non moltiplicare l'opera senza frutto. N

Type: drawing
Coin drawings starting from upper left: 1. Census ID 10067445: »As of Domitian / Jupiter (RIC 220) (owner: Angeloni)« 2. Census ID 10067445: »As of Domitian / Jupiter (RIC 220) (owner: Angeloni)« 3. Census ID 10068865: »Dupondius of Vespasian (Domitian / Domitian riding, RIC 1102) (owner: Angeloni)« 4. Census ID 10068070: »Dupondius of Titus (Domitian / Concordia, RIC 335) (owner: Angeloni)« 5. Census ID 10067604: »Dupondius of Domitian / Domitian, River God and Players of Instruments (RIC 621) (owner: Angeloni)« 6. Census ID 10067277: »Sestertius of Domitian / Domitian, Citizen and Child (RIC 609) (owner: Angeloni)« 7. Census ID 10067611: »Sestertius of Domitian / Domitian Sacrificing (RIC 277) (owner: Angeloni)« 8. Census ID 10066781: »Semis of Domitian (Minerva / Owl, RIC 651) (owner: Angeloni)« 9. Census ID 10066781: »Semis of Domitian (Minerva / Owl, RIC 651) (owner: Angeloni)« 10. Census ID 10066896: »Quadrans of Domitian (Ceres / Bag of Corn Ears, RIC 315) (owner: Angeloni)« 11. Census ID 10066896: »Quadrans of Domitian (Ceres / Bag of Corn Ears, RIC 315) (owner: Angeloni)« 12. Census ID 10066766: »Semis of Domitian (Apollo / Raven, RIC 710) (owner: Angeloni)« 13. Census ID 10066766: »Semis of Domitian (Apollo / Raven, RIC 710) (owner: Angeloni)« 14. Census ID 10066934: »Dupondius of Domitian / Annona (RIC 287) (owner: Angeloni)« 15. Census ID 10067619: »Dupondius of Domitian / Shields over Vexillum (RIC 539) (owner: Angeloni)« 16. Census ID 10066905: »As of Domitian / Virtus (RIC 300) (owner: Angeloni)« 17. Census ID 10066862: »Sestertius of Domitian / Domitian and Soldiers (RIC 473) (owner: Angeloni)« 18. Census ID 10067411: »Sestertius of Domitian / Jupiter (RIC 275) (owner: Angeloni)« 19. Census ID 10068874: »Sestertius of Domitian / Domitian Riding (RIC 280) (owner: Angeloni)« 20. Census ID 10066810: »Sestertius of Domitian / Domitian and Victory, RIC 639) (owner: Angeloni)« 21. Census ID 10066832: »As of Domitian / Mars (RIC 496) (owner: Angeloni)« 22. Census ID 10068868: »Dupondius of Domitian / Germania (RIC 295) (owner: Angeloni)« 23. Census ID 10067627: »Sestertius of Domitian / Domitian with Captive (RIC Domitian 279) (owner: Angeloni)« 24. Census ID 10066912: »Dupondius of Domitian / Victory (RIC 297) (owner: Angeloni)«

   EStinto Domitiano, e per la sua sceleratezza abbattute dal Senato, le Statue, e l'altre memorie di lui, fù Coccea Nerua inalzato all'Imperio. Trasse questi sua origine di Spagna, manacque in Narni dell'Vmbria, di parenti nobili, e di gran ftima, fù persona di bontà, e di virtù insigne, eglie ne seguì credito, e riputatione; e prima di giungere all'Imperio, hebbe due Consolati, secondo si raccoglie nelle prime    1. medaglie stampate a suo nome, leggendosi intorno la testa dell'vna: IMP. NERVA CAES. AVG. P. M. TR. P. COS. II. P. P. cioè Imperator Nerua Caesar Augustus, Pontifex Maximus, Tribunicia Potestate, Consul Secundum, Pater Patriae & hà nel rouescio il simulacro della Libertà publica, rappresentato con Donna in piedi, che sostiene il Pileo, e con la sinistra mano lo scettro, con lettere: LIBERTAS PVBLICA S. C. secondo si vide simile in Galba. S'intende per lo scettro l'Imperio, che tiene di sè medesima la Libertà, essendo ella vn assoluto dominio d'animo, di corpo, e di roba, che per diuersimezi, si muouano al bene. Ma non hauendo io osseruato, se non in questa medaglia lo scettro, overga nella mano della Libertà, già che nell'altre si vede l'hasta, si può però anche tenere, che tal verga N 2 chiamata

chiamata da gli Antichi Vindicta, fosse quella; con la quale il Pretore nella cerimonia del dare a'serui la Libertà, toccaua loro il capo: Le si dà poscia il Cappello; percioche dopo hauere i Romani raso il capo al seruo, che intendeuano far libero, lo copriuano con esso; e cotal cerimonia faceuasi nel Tempio della Dea Feronia; la quale era tenuta protettrice dicoloro, che acquistauano la Libertà, e che erano dapoi chiamati Libertini. Simil medaglia potè, per l'vna delle due cagioni essere decretata a Nerua dal Senato: o per la Libertà conseguita per sè stesso, e per lo publico, vedendosi sottratto dalle bestialità vsate da, Domitiano, e condotto sotto il gouerno di vn buon Principe: ouero perche il medesimo Nerua tolse l'esilio a coloro, che da qualunque Città dell'Imperio furono sbanditi da Domitiano, concedendo a ciascuno ilviuere con la legge, che più gli era in piacere: col quale beneficio, etian dio infiniti Christiani, furono dal bando, o da'confini riuocati.    In riguardo della buona fortuna, che condusse tale Imperadore, a simile altezza, decretò il Senato la medaglia, contesta laureata, e lettere descritte: hà nel rouescio la Dea Fortuna, che posa la destra sopra vn timone di Naue, e sostiene con la sinistra il Cornucopia, leggendouisi: FOR TVNA AVGVST. S. C. perche quantunque sia la Fortuna, secondo i Gentili, vna Dea mutatrice de'Regni, e che ad vn tratto riuolga le cose mondane, che però le si fà il timone, quasi che regoli il tutto a voglia sua, e conceda i beni, figurati nel Cornucopia, a coloro, che più le sono in piacere; l'hebbe nondimeno Nerua fauoreuolissima, persè, e per lo publico, concedendo all' vno l'Imperio, & all'altro vn Principe ottimo: ma simile rouescio si è anche veduto in Domitiano.    Fece Nerua reintegrar coloro, che de'beni, e d'alrre loro cose, furono dal suo antecessore spogliati per forza. Mostrossi liberale a ciascuno, che dalle impositioni, o da'Tributi si trouò grauato, riuocandogli affatto; la onde si vede, per testimonio di ciò, eper rincontro di gratitudine, la medaglia, che dall'opposto lato all'effigie dell'Imperadore, con    2. lettere, come di sopra, contiene due Mule, che disciolte da'legami attendono a pascolare; e dall'vn lato si scorge vn timone di carro, cõ sue ruore, edue gioghi, l'vno per lato del tine, con lettere: VEHICVLATIONE ITALIAE REMISSA S. C. Si crede, chetrà le grauezze sostenute dall'Italia, quella del douere, a proprie spese, trasportare conle carrette i carichi d'armi, di bagaglie, o d'altro, che per vso de gli eserciti era mestieri, fosse intolerabile; e perche per benignità di Nerua, ne restarono le Città sgrauate, e di simile beneficio publico sentì il Senato vn singolar piacere, gli decretò pertanto cotal eterna memoria: rappresentandosi per le Mule, che pascolano, il retiramento loro dalle fatiche del condurre i pesi.    Gli eserciti di Terra, e di Mare mostrarono gran contento dal vedersi vnImperadore, che per inuecchiato vso; era giudicato ottimo: la onde fù per segnale di ciò stampata la medaglia, con testa, & inscrittione già detta, e due mani congiunte;nel cui mezo passa    3. vn hasta, che contiene i segni militari, & è confitta, nel disotto, ad vna prua di Naue, cõ lettere: CONCORDIA EXERCITVVM S. C. Volendo con ciò dare a vedere, quanto concordemente determinassero d'esser pronti, gli eserciti, ad obedire i cenni di cotale Imperadore: dimostrando, le due mani, la Concordia, sicome l'Insegne militari, e le prue delle Naui, gli eserciti rappresentano. Dalla Concordia procede la quiere, e'lriposo de'viuenti; e quella nisee dall'amore scambieuole, che procede dall'interno calore dell'animo. Non

   Non trouo farsi mentione da scrittori, della liberalità, che trà molte altre, vsò Nerua nell'assegnare alla Plebe Romana il necessario formento per sostentarla; e ciò accadde per auuentura in tempo di alcuna gran carestia: ma come, nel tutto, deono le medaglie formare    4. l'historia; così trouandosi, nell'vn rouescio di esse, in Nerua, il Congio pieno di spiche di grano, trà le quali è il papauero, con lettere: PLEBEI VRBANAE FRVMENTO CONSTITVTO. S. C. parmi di potere affermare, chetal memoria rappresenti ciò, che dinanzi s'è narrato. Il Congio era la misura, con la quale soleua misurarsi il formento, e l'altre biade, quando di così fatte cose, per liberalità de'Principi, si donauano al Popolo, eperciò cotali donatiui, misurati per lo più con la misura del Congio, la quale conteneua dodici libre di peso, chiamauansi Congiari, come in Nerone s'è detto. Con tal misura dunque piena dispiche, e con le lettere descritte, si dà a vedere, che la distributione assegnata alla Plebe della Città di Roma, fù di formento. Vi si vede il papauero, per le cagioni poche anzi dette in Giulia Augusta; significando l'abbondanza de'grani, e dell'altre biade poste nelle mani di Cerere, e nel Cornucopia, e ne'Congij, e là doue il rappresentare l'abbondanza fà mestieri. Egli nondimeno, che infonde il sonno, in chi ne mangia, pare che dia in tal luogo, avedere, che coloro, che hanno il necessario vitto, possono conagio, e senza pensieri dormire.    Fù oltre a tutto ciò, liberalissimo Nerua; perciòche distribuì maggiore quantità di danari a'Cittadini, di quel, che giamai si facessero gli antecessori suoi, trouandosi, che ascese alla somma di tre millioni; e che ciò esegui in riguardo della calamità, nella quale, per le cose andate, si trouauano posti. Elesse ancora alcuni dell'Ordine Senatorio, perche cõprassero de'Campi, e quelli diuidessero a'poueri: ordinando, che li fanciulli, e le fanciulle, nati di parenti bisognosi, fossero alimentati nelle Città d'Italia, a spese publiche: nè per ciò fare bastandogli l'entrace dell'Imperio: vendè prima le veste, epoi li vasi d'oro, e d'argento, e l'altre cose pretiose di suo proprio, e del Publico: volendo, che anche gl'infermi fossero ne'mali loro, col necessario gouerno, solleuati: nè fù pigro nel giouare, e nell'inalzare gli amici, e coloro, che ne stimò meriteuoli. Afferma Sueronio, che li Giudei, nel tempo di Domitiano, pagauano molte grauezze al sisco, oltre all'essere sopra gli altri acerbamente trattati; ma non sostenendo la benignità di Nerua, che questi non douessero lodarsi di lui al pari de gli altri, tolseloro ogni peso, ene riportò dal Senato la medaglia,    5. che contenendo la testa, con lettere già descritte, mostra nel rouescio, l'arbore della palma, co'suoi frutti: e vi si legge: FISCI IVDAICI CALVMNIA SVBLATA. S. C. volendosi parimente alludere, in ciò, al Decreto, che fece Nerua, riferito da Dione, chei serui non potessero chiamare in giudicio i padroni, nè meno fosse lecito diaccusare, per lo innanzi, l'impietà, ouero la setta Giudaica.    Benche Nerua fosse per sè dotato di gran prudenza, e di sapere, non seguì però cosa giamai nel suo gouerno, senza la participatione de'migliori Senatori, de'quali giurò di non fare vccidere alcuno, & osseruollo, quantunque da'medesimi fossero alui tese delle insidie. Ordinò molte leggi vtili alla Republica. Fù di tale integrità, e fede, che vantossi di non hauere mai eseguito cosa, che deposto l'Imperio, gli douesse nello stato priuato interrompere la quiete. Ma non perciò lasciarono alcuni empi di congiurare, per vcciderlo: e ne fù capo Crasso Calfurnio. Simile male non hebbe effetto, e quantunque Nerua di ciò consapeuole, mostrasse gran fortezza d'animo ponendosi a'lato, nello spettacolo, al

al detto Calfurnio, & ad altri congiurati; a&quali si contentò poscia d'imporre il solo casti go dello sbandirgli. Suscitata indi, a non molto, certa incitatione fatta da Eliano Casperio alle Coorti Pretorie, delle quali era Prefetto; accioche la morte di Domitiano vendicassero contra coloro, che colpa vi haueuano, fù tale mouimento, e l'effetto di esso tanto subito, che essendo Nerua vecchio, e per tal capo, poco temuto, egli potè più palesare il suo dispiacere, che vietare, che Partenio, e Petronio, che l'haueuano prontosso all'Imperio, fossero, co'partigiani loro vccisi: onde commosso da simile fatto atroce l'Imperadore, pensando al douer appoggiare la cadente sua età con l'adottarsi alcuno, che nel Principato gli succedesse, salito in Campidoglio, publicò per suo figliuolo adottiuo, e per Cesare, Marco Vulpio Traiano, conosciuto da lui il più eccellente huomo di quella, età & al quale mandò subito in Germania, doue era Pretore, le insegne Imperiali, inuitandolo, che venisse a soccorrerlo; & atteso, nel resto, ad esercitare l'vsata bontà, e la Clemenza sua, hauendo con tale adottione assai raffrenato l'impeto de'seditiosi, auuenne, che grauato dall'età, dopo tre mesi, che tale risolutione eseguì, & anni settantuno, o settantacinque, come alcuni dicono, che egli visse; & vno, con quattro mesi d'Imperio, lasciò quello insieme con la vita.

Type: drawing

   VAriamente si discorre intorno la nascita di Traiano; perche quantunque la maggior parte de'Scrittori conuenga, che egli fosse Spagnuolo, e disceso dalla Città d'Italica, tengono alcuni nondimeno, che hauesse per Patria Todi dell'Vmbria; parendo, che ciò si raccolga da Aurelio Vittore. Ma comunque la cosa stia, questo è almen certo, che nacque di nobili parenti, e Traiano chiamossi il Padre, & egli riuscì va; loroso,

loroso, e ditanta virtù adorno, che ciò potè persuadere a Nerualo eleggersi più tosto lui, che alcuno de'propri parenti, per successore nell'Imperio. Riceuè dunque in Colonia, le Insegne Imperiali, inuiategli a tal effetto; e di là partito per Roma, correndo l'età di quarantadue anni, vdì nel viaggio, la morte del Padre Nerua: onde accelerò l'arriuo, per celebrargli, come fece, solennemente l'esequie. Giurò in Senato, che non haurebbe facto morire giamai alcun huomo pacifico, e buono, e lo mantenne. Hebbe per Moglie Plotina Matrona di qualità riguardeuoli. L'vniuersale certezza del valore, e dell'altre virtuose parti di Traiano lo rese caro a ciascuno, e tutti senza repugnanza l'vbidirono. E'facil cosa, che mentre egli dimorò fuori in vari carichi, si come hebbe modi, perfarsiamare in Roma, così n'vsasse in quelle parti; e che perciò vditauisi la successione di lui all' Imperio, facessero que'Popoli, delle dimostrationi d'allegrezza, nè lasciassero di publicare, in molte guise, le memorie gloriose di cotale Imperadore, e che gli stampassero etiandio    1. delle medaglie: vedendosene alcune, e specialmente quella, che oltre la testa, e tali note: IMP. CAES. TRAIANVS AVG. P. M. TR. P. P. P. PROCOS. cioè Imperator Caesar Traianus    2. Augustus, Pontisex Maximus, Tribunicia Potestate, Pater Patriae, Proconsul: dimostra vn carro di due ruote, tirato da altrettanti Centauri animali, che dal capo fino alle parti estre. me del ventre, hanno forma humana, e'l restanre del corpo è del tutto simile ad vn Cauallo; e mentre quelli, de'quali si tratta, fanno vista di caminare, e voltano le faccie verso la persona, che stando su'l Carro, solleua amendue le mani, le mostrano due piccole Vittorie, che sostengono sù le palme; nè altre parole vi si leggono, che: L. IB. Intorno al quale rouescio par, che possa dirsi, che come tal'vno dipinse, per la velocità della vita humana, il Centauro; così chi stampò simile medaglia volesse rappresentare a Traiano, il quale su'l Carro, in atto stà di contemplare, che quantunque soprauenga, con veloce corso, il termine della vita, essendo, che l'huomo, con marauigliosa prestezza cadendo, è dalla, morte rapito; non pertanto morirà giamai il nome di esso, fatto per propria virtù, e per l'ottenute vittorie immortale. Ma delle lettere: L. IB. essendo singolari, e senza senso, pare, che possa addursi l'vso de'Greci, che si valeuano di così fatti caratteri dell'alfabeto per numeri, benche varijno per ordinario, secondo si raccoglie ancora nelle medaglie di qualunque sorte, battute in Egitto. La prima è vn gamma riuoltato, ouero vn L. latino col punto, che denota Anno, e le due seguenti sono numerali: peroche congiungendosi le lettere in simil forma: IA. IB. IA. le prime s'intendono per XI. le seconde per XII. e le terze per XIII. e tali numeri possono denotare gli anni, che correuano delli Magistrati di quel tempo sopra l'Officio della Zecca. Si che le suddette lettere, secondo tale espo sitione, danno a vedere, che nell'anno duodecimo de'Monetali, che all'hora soprastauano alla Zecca, fù stampata la descritta medaglia ad honore di Traiano, e forse nell'Egitto; doue specialmente più se ne stampauano a lui, ad Adriano, & ad Antonino Pio, che ad altri Imperadori.    Appresso cotale medaglia, ve ne è altra con testa, e lettere descritte, con Apollo ignudo    3. nel rouescio, che solleua con la destra vna corona d'alloro, e sostiene con la sinistra la palma, standosi frà due Muse; l'vna delle quali, che gli è dal sinistro lato, pare, che somministri, col fiato, il suono ad vn flauto, mentre l'altra và forse spiegando con l'armonia, del canto le lodi dell'Imperadore, e vi si legge nel disopra: FILINVS il quale potè essere alcuno famoso musico di que'tempi, a cui apparteneua la corona, e la palma suddetta, e che

che doueuano, come dagiudice, essergli concedute da Apollo supremo direttore delle Muse, del canto, e del suono.    Fù anche rinouata in medaglia con testa laureata, e lettere: TRAIANVS AVG. la memoria    4. del nascimẽto d'Alessandro il Magno; vedẽdosi nel rouescio Olimpiade Madre di lui, che sopra d'vn letto parte si giace, e parte siede, & appoggia il sinistro gomito su'l dorso d'vn Delfino, che per ornamento del letto, cred'io, serua in tal luogo; ouero per denotare la saluezza; poiche col mezo del Delfino molte persone furono tratte salue dal Mare: con la sinistra mano fà vezzi ad vn Serpente, che le stà dinanzi in piedi, se non che in alcuni lati si ritorce, e vi si legge: OLIMPIAS REGINA. Non saprei giudicare qual senso s'hauesse, chi stampò tal medaglia: ma egli hebbe forse per fine il mostrare, che come nacque Alessandro di Olimpiade, col cõcetto d'essere figliuolo del Dio Ammone, che in forma di Serpente vsò con essa; consì parimente si giudicasse Traiano essere figliuolo d'alcun Dio, tata virtù, e tanto valore dimostrò in qualunque attione: ouero, che a guisa del parto d'Olimpiade, da gl'indouini pronosticato, per inuincibile, haurebbe anch'egli, cõ la sua virtù, debellato il Mondo: o pure si volle intendere, con alcun senso d'adulatione, che Traiano trasse sua antica origine da Alessandro.    Visitò Traiano, di persona, gli Offici, e l'arti di Roma, e la doue accadde, impose vtile riforma al tutto, ordinando, che chi non poteua lauorare, fosse alimentato dal publico. Moderò l'osseruanza delle feste, riducendole a minor numero; e souuenne di varie cose coloro, che n'erano in bisogno, honorando, & esaltando ivirtuosi; benche egli molto dotto non fosse, everso chi ne fù meriteuole si mostrò magnanimo, liberale, e clemente; la onde giudico, che per rappresentare principalmente la clemenza vfata da cotal Principe, si stampò la medaglia con testa coronata d'alloro, e lettere: IMP. CAES. NERVA TRAIANVS    5. GERM. P. M. & vna maesteuole sigura di Donna nel rouescio, che sedendo con agio sopra vna bellissima sedia, porge con la destra vn ramo scello di lauro, e sostiene, con la sinistra lo scertro, leggendouisi: TR. POT. COS. III. P. P. S. C. la quale figura non può dirsi, che altro sia, che la Dea Clemenza, e quella appunto, che in qualunque sua attio ne vsò il valoroso Traiano; percioche egli hebbe tal virtù d'animo, che lo rendeua facile alla compassione, al perdonare, e pronto al souuenire altrui ne'bisogni: si figura tal Deità sedente, per dimostrare in simile guisa la mansuetudine, e la quiete: lo scettro dà a vedere, che può, nè volle vsare ilrigore: come col ramoscello dell'alloro si purificauano, coloro, che haueuano offesi gli Dei. La Clemenza è propria del Principe: il quale o gouerni nella pace, o nell'armi, esercitando la giustitia vendicatiua, doma con tal virtù l'ira, passione veementissima, togliendo la vendetta; di che non è cosa al senso humano più dolce, 'egli ne resta perciò glorioso.    Gli adulatori, li detrattori, e li buffoni, come persone di peruersa, e maligna natura, & atte ad inquietare lo stato tranquillo, non meno delle Case, o Palagi, che delle Città, non hebbero luogo appresso di lui. Inclinò, per sua natura, alla guerra: ma non lasciò di conseruare la pace. Ristorò, aggrandì molti edificij in Roma, & altri grandi, e nobili edificò di nuouo: publicando etiandio, che chiunque hauesse voluto fabricarui, gli verrebbe somministrato il terzo della spesa dall'erario publico; e tutto eseguì, senza recare grauezza ad alcuno. Matrà le fabriche prese a ristorare dalla magnanima grandezza di Traiano, l'vna fù quella del Circo Massimo, già da più lati cadente; nel quale egli mostrò altrettanto

altrettanto lo splendore dell'animo suo, quanto posso io pregiarmi d'essere stato honorato dal Signore Marchese Vincenzo Giustiniano della medaglia, che simile Circo contiene. Questo Caualiere, con l'aumento fatto de'Tesori lasciatigli dal Signor Gioseppe suo Padre, per serbare in grado distima, e di dignità la propria nascita, s'èanche mostrato di essi largo dispensatore, col comperarne delle Castella, con l'edificarui delle Chiese, col mantenere de'virtuosi, ecol fare acquisti di Pitture, e di Scolture celebri in questo secolo; peroche hauendo ornate le numerose Stanze del suo Palagio di quadri fatti da'maggiori maestri, hà con triplicati ordini ripiena di Statue vna lunga Galleria, e sparse per le Stanze istesse, per le scale, per li Cortili, e per più suoi giardini, delle figure, delle teste, de' vasi, e de'bassi rilieui di marmo antichi di notabile bellezza, e valore: intantoche dimostra vna sembianza, a chi colà si conduce, d'vn'habitatione Reale, d'vn Museo, e d'vna beneampia Accademia di virtuosi, gran numero de quali hà, di tempo in tempo, il Signore Marchese beneficati, rendendosi, per così fatta via, per le qualità sue nobili, e per la propria virtù, riguardeuole a ciascuno. Detto Signore, benche auuezzo alle cose grandi, e di rilieuo; essendosi nondimeno compiacciuto di vedere le piccole, e di poco momento, ch'io serbo in più stanze del mio studio, e compresa la particolare mia dilettatione intorno le medaglie antiche, m'hà fatto godere della sua liberalità, con l'hauermene mandate in dono alcune ben grandi, e pregiate di metallo; l'vna delle quali, ch'è Crotoniata, e che sola intendo descriuere in questo luogo, rappresenta, dall'vn lato, l'effigie di Traiano coronata d'alloro, e con lettere: DIVO NERVAE TRAIANO; e nell'altro contiene    6. vna lunga tela dimuraglia, con tre mete, per ciascun capo diessa, & vn grande obelifco nelmezo, con altri ornamenti: ma vi si veggono correre d'intorno quattro Quadrighe; ciascuna delle quali, alla vittoria aspirando, si studia in quanto può, di fare suo corso veloce, per giungere al punto della desiata meta. Così fatta fabrica, non d'altro, che del Circo Massimo fà mostra; il quale con Reale splendore, e magnificenza fù, come s'è detto, da cotale Imperadore risarcito, & ornato. E quantunque in Augusto, & in Nerone si toccassero molte cose appartenenti a così fatti Cerchi; non mancando pertuttociò luogo di fauellarne di vantaggio, si soggiunge: che nel rappresentarsi da gli Antichi, delli spettacolial Popolo, alcuni di questi seguiuano il diletto, che sitrae dalla pace, e dall'otio; & altri erano indirizzati allo studio della guerra, e del negotio: e si come ne'primi s'haueua per fine il risuegliare ilvigore della mente, e dell'ingegno; così ne'secondi si eccitaua la gagliardia delle forze, e dell'animo; & amendue tendeuano all'ornamento, e alla salute della Patria. Nella prima dunque, doue si scorgeua il diletto della pace, veniuano introdotti i poeti, i musici, e gl'histrioni; come nella seconda, che riguardaua gli studi della guerra, si faceuano diuersi certami, e contese spettanti alla forza, e alla destrezza de'corpi. A'primi si daua il Teatro, che altro, cotal voce non suona, che spettacolo, oluogo da guardare. A'secondi, se erano spettacoli di agilità, e di destrezza, come correre, saltare, e simili, si daua il Circo; doue il Popolo circolarmente disposto, staua mirando ciò, che colà entro si rappresentaua. Se poi li giuochi erano di forze, cioè di fare assalti, o di combattere con le siere, o con gli huomini, dauasi a questi l'Anfiteatro; il quale di due Teatri congiunti insieme, con le fronti loro, si componeua. Era la sorma del Teatro simile alla Luna, quando inuecchia: piegaua il Circo con le corna in lungo, e stendeuasi molto, perche fosse commodo alle Carrette, & a'Caualli; che vi correuano; e vi si soleua anche O introdurre

introdurre dell'acque, e farui dentro delle pugne nauali. Il Circo non haueua portici, e si vuole, che fosse fatto ad imitatione delle cose celesti; peroche dodici erano iui l'entrate, secondo pur sono dodici isegni: sette mete, e termini, per li sette pianeti; & erano le mete distribuite nel mezo della lunghezza del piano da Leuante a Ponente di proportionata distanza frà loro, in guisa, che le Carrette poteuano correre per mezo gli spatij del Circo, come sono vsi di sare il Sole, e la Luna sotto il Zodiaco: nè silanciauano in cotal luogo più di ventiquattro dardi, per le ventiquattro hore, che fanno vna riuolutione del Cielo: Diuideuansi i corridori in quattro liuree, cioè l'vna di color verde, per dinotare la Primauera; l'altra di rosato, per significare la State; la terza di bianco posta per l'Autunno; e l'vltima fosca, per rappresentare il Verno: Chiamauasi carcere il luogo, di doue s'incominciaua il corso; ed è quello, che viene hoggi inteso col nome di mosse. Ma furono più Cerchi in Roma, e l'vno detto Massimo, del quale si fauella in questo luogo, hebbe suoi principij, & accrescimenti, secondo si disse in Augusto; & essendo poi, in gran parte rouinato, fù da Traiano risaroito, & accresciuto, e di molti vari, e belli ornamenti arricchito: ondeper gloria di lui, e perserbare la memoria d'vn così fatto beneficio, gli fù stampata la descritta medaglia.    Hebbe Traiano in gran pregio il vedersi ergere in publico delle Statue d'oro, e d'argento. Fù notato per carnale, e che il vino gli nocesse: ma nè vsò giamai violenza ad alcuno, nè si conobbe, che beuendo, gli restasse offuscato l'intelletto. Non lasciò di vsare varie liberalità verso il Popolo; e se ne raccoglie vn segnale nella medaglia, che alla testa laureata, e lettere: IMP. CAES. TRAIAN. AVG. GERM. P. M. TR. P. s'aggiungono nel rouescio    7. due palchi; sù l'vno de'quali siede l'Imperadore, che cõ lo stendere la destra mano sà segno d'ordinare alcuna cosa ad vna sigura sedente sù l'altro, e che distribuisce il Congiario a persona, che volendolo riceuere stà salendoui, e si vede iui il simulacro della Liberalità, con la tessera nella destra mano, nè altro vi si legge, che: COS. S. C. già che'l resto, per iscarsezza del metallo, non si vede; e giudico, che questo fosse il primo Congiario, ch'egli, peratto di spontanea liberalità, donò al Popolo. Ciò, che sia Congiario, si disse in Nerone.    Solleuatosi, nel secondo anno del suo Imperio, Decebalo Re de'Parti, che sotto Domitiano haueua imparato di tenere a vile il Popolo Romano, determinò Traiano di trasferirsi in persona a cotal guerra; verso doue tosto si spinse, con piccolo, ma scelto, & ispedito esercito. Prese, per mio credere, da simigliante prontezza, il Senato così fatta speranza della vittoria, che non contento d'hauerla in sè, volle per auuentura annuntiarla all'Imperadore, con la publica dimostratione d'vna medaglia, con testa, e lettere descritte, che hà nel rouescio il simulacro della Vittoria togato in atto di caminare, econ le ale a gli homeri, e distese, che sostiene con la destra vn rotondo scudo, in cui stanno impresse le lettere: S. P. Q. R. e stringe con la sinistra vna palma, leggendouisi: TR. POT. COS. IIII. P. P. ma simile rouescio s'èveduto in Nerone.    Giunto Traiano quasi a fronte dell'inimico, che con grosso esercito gli si fece incontro, veduta da alcuni la disparità delle forze, si diedero a persuadere l'Imperadore, che col mezo ditregua, o di pace, si ritirasse da così fatta impresa: ma egli, che più, che vedeua la fortuna dubbiosa, più aumentaua d'animo, e cresceua nella speranza, che la fortezza de'suoi Soldati non si lasciarebbe sopraffare dal numero delli Nimici, rimosso da essi,

essi, con la persuasione, il vano terrore, & auanzatosi sopra di alcune Città, e presele, pose ad vn tratto col valore, e con la benignità, lo spauento, elo stupore in Decebalo, che si condusse ad inginocchiarsi a lui supplicheuole, e a darglisi per vinto. Accettollo l'Imperadore, compiacendosi, che dalla forza, con cui l'haueua superato, nascesse in publico la cagione di sperimentare la clemenza, che vsaua co'vinti: ma volle pertuttociò, che chiedesse al Senato il perdono della rebellione; & indi visitati li Germani, tornato, dopo due anni, in Roma, trionsò di cotal vittoria: nè hà dubbio, che molte medaglie furono decretate, in memoria di simil fatto, a Traiano: matrà queste, l'vna fù con testa,    8. e lettere già notate, che dimostra nel rouescio vna bellissima Vittoria alata, che quasi ignuda solleua con la destra vna corona, estringe la palma con la sinistra, leggendouisi: TR. POT. COS. IIII. P. P. S. C. Fù tenuta la Vittoria essere Dea comune, perche essendo il fine delle Guerre dubbioso, essa stà nel mezo, & a quella parte si dà, che può pigliarla.    Quì m'occorre il dire, che io non sò comprendere, come Dione, & altri vogliano, che solamente dopo la guerra Partica, fossero, per decreto del Senato, stampate a Traiano delle medaglie, col titolo d'Ottimo Principe; mentre si vede, da quello, per tal vittoria attribuitogli, che molto prima ne seguì l'effetto: come ben lo dimostra la medaglia, con testa laureata, e lettere: IMP. CAES. NERVAE TRAIANO AVG. GERM. DAC. P. M. TR. P, COS. V. P. P. cioè Imperatori Caesari Neruae Traiano Augusto, Germanico, Dacico, Pontifici    9. Maximo, Tribunicia Potestate, Consuli Quintum, Patri Patriae, & hà nel rouescio la corona ciuica, nel cui mezo stà scritto: S. P. Q. R. OPTIMO PRINCIPI. S. C. Dal che pur si raccoglie, che s'hauessero hauuto gl'historici la necessaria cognitione delle medaglie, con migliore certezza de'tempi, e de'successi del Senato, e de'Principi, haurebbono scritto.    Dimoraua Traiano in Roma, attendendo con sollecitudine a bene gouernare la Republica, & ad amministrare retta giustitia a ciascuno, quando Decebalo non potendo coprire, con lieto volto, l'amaritudine del cuore, nè regolare l'animo suo superbo sotto levoglie altrui, stimando egli cosa preclara il difendere la libertà con l'armi, e lo studiarsi, con ogni forza, di non seruire, e che l'auuersa fortuna, vna volta prouata, non potesse continuare ad essere graue nell'istesso modo; prima con segreti prouedimenti, di ciò, che a fare guerra è di mistieri, e poi col procedere palesemente contra i confe derati de i Romani, pose il Senato in nuoua necessità di dichiararlo Inimico; e Traiano, che per la nuoua ingiuria comprendeua essere infruttuosi i suoi benefici, non volendo sopportare, che la patienza di lui fosse più oltre di cotal guisa tentata, preso a suo carico il castigare Decebalo dell'essergli mancato di parola, stabilì con feroce animo l'andar di persona a combatterlo, senza volere nell'esercito altro Capitano di se stesso. Per ricordanza della quale speditione, e del valore vsato in cotal guerra da Traiano, stimo, che fosse decretata la medaglia con testa, e lettere notate, che contiene nel rouescio l'Imperadore armato, che sopra'l Cauallo corre, in atto di lanciare vn dardo verso l'inimico, mentre quegli si dimostra poco meno, che abbattuto, e vi è espresso: S. P. Q. R. OPTIMO PRINCIPI: ma simile pur s'è veduto in Tito.    Vn caso veramente degno di eterna ricordanza, e da essere ascritto a gran lode di Traiano auuenne, mentre disposto all'armi, & al viaggiare; già salito, frà leschiere de gli armati, il Cauallo incaminato all'vscire di Roma, sattaglisi incontro vna Vecchia Vedoua, e pouera, che hauendo vna sola figliuola, quella, disse a Traiano, essere stata sforzata da O 2 vno

vno disua Corte, chiedendone con grida, e pianti giustitia: ond'egli intento al prosegnire il preso camino, voltatoglisi, giurolle per gli Dei immortali, di sodisfarla al ritorno, e che per all'hora altra molestia non gli recasse: ma essa non cessando: e chi, ò Imperadore mifarà certa, gli replicò, che tù dalla guerra, doue t'incamini, sia pertornare? Dalle quali parole vinto l'animo giustissimo di lui, che ben sapeua quello essere suo proprio vfficio, non volendo incontrare il detto di vna simile Donna a Demetrio, che negatole l'audienza, vdì dirsi: non dei nè meno reggere, nè gouernare Popoli: dismontato Traiano dal Cauallo, e postosi da vn lato a sedere, non di colà partì, che hebbe la Donna di ragioneuole giustitia sodisfatta. La quale attione fù da alcun Popolo di lui affettionato espressa    10. in medaglia con testa laureata, e lettere corrispondenti a quelle disopra scritte, e che hà dall'auuerso lato vna Donna in piedi ignuda, che parla con persona a sedere pure ignuda, se non che vn panno, dal mezo in giù, nel dinanzi le pende, e questa fà vista di atten. tamente ascoltare. Indi con poca distanza, stà vn Cauallo tenuto a freno da huomo in piedi ignudo, con hasta nella mano sinistra, nè vi è lettera alcuna, enè meno il Senato Consulto solito mettersi nelle medaglie decretate in Roma: oltre che la maniera del Maestro, che questa fabricò, è tale, che a quelle in niuna guisa corrisponde: oltre che iui non haurebbono forse disegnate le sigure di tal fatta ignude, come vi si vedono, e di sconcio, e male inteso disegno.    Difendeuasi Decebalo, da principio, con le forze, nè le comprendendo basteuoli, hebbe ricorso a gl' inganni; col cuì mezo fù tal volta l'Imperadore posto in pericolo: ma attendendo egli nondimeno a stringere l'Inimico, e volendo ciò ageuolare, per ogni possibil via, fabricò in breue vn ponte sopra il Danubio, che diuideua la Dacia dall'Imperio; e tale il fece, che de'simili, per marauiglia di sabrica, non si videro giamai; peroche conteneua venti archi, l'vno congiunto all'altro, che inalzauano cento cinquanta piedi sopra i fondamenti, e ciascuno era sostenuto da vna quadrata colonna di pietra. L'interuallo da vna colonna all'altra, era di piedi centosessanta: La larghezza, che nel disopra de gli archi si conteneua, era di piedi quaranta; e la pietra, della quale il tutto fù edificato, era densa di materia, ma però così lacida nel disuori, che la fortezza mostraua cotale edificio per eterno, e la bellezza lo ren leua di stima incomparabile. E nel vero, che fuori dell'animo ardito, e magnanimo di Traiano, e delle abbondanti ricch ezze de'Romani, non farebbe stato, chi tal marauigliosa fabrica hauesse a lodeuole termine condotta; la quale dapoi, con sini diuersi da quelli, che hebbe, chi la edificò, fù demolita da Adriano. Si    11. tiene, che la memoria di cotale marauiglia si raccolga entro la medaglia con testa, e lettere descritte, e che hà nel rouescio cosa simile ad vn Ponte, scorgendouisi nell'entrata vna porta, che dà segno d'essere forte, & ornata; & vn altra pare ve ne sia nell' opposto lato: Vipassa il siume, frà alcuni ripari di catene, o altra cosa simile; & v'è vna barchetta: nè le parole scritteui differiscono da quelle poste nel rouescio della passata medaglia. Ma se questo sia il medesimo Ponte sopra il Danubio, o alcuno de'molti fabricati in vari luoghi, pare, che possa restare dubbio. Egli è pertuttociò vero, che concedendomisi il dirne il mio credere, negherei assolutamente, questo essere Ponte, non che il già descritto su'l Danubio. Ma di quello fauellando, si disse poco anzi, ch'egli conteneua venti Archi, nè in questo ne appare alcuno, secondo dalla medaglia posta da Sebastiano Erizzo, e da altre mie, chiaramente si raccoglie; e pur ve ne sono delle piccole d'argento, che ne contengono

contengono tre, e quattro; e la medaglia suddetta, essendo grande, poteua tappresentarne di molti. Sitiene, che ciascuno Arco di quel Ponte fosse sostenuto da vna quadrata Colonna, nè di ciò pur si vede iui la dispositione, che suol mostrarne l'Architettura: e terminandosi cotale edificio, da amendue i lati, con vna Torretta, o Riuellino, si spicca dalla già nominata Porta dell'vno, posta in faccia, vna comoda scalinata, che nella sottoposta acqua conduce; & indivn riparo, ocatena, si parte, che aì fornire della fabrica, la doue stà l'altro Riuellino, và a congiungersi, e chiude quel seno, doue vna Barca dimora: nè essendo solito, che si chiudano le bocche de'Ponti: che anzi sotto di quelle si dà spedito il transito all'acque, nè a verun modo vi si riparano le Naui; non pertanto pare, che simili conditioni si accomodino alla struttura, nè alla comodità de'Ponti; li quali, non in forma curua, ma distesi, e per linea retta, sogliono edificarsi, & essere da vn lato almeno, alla Terra appoggiati: ma simile edificio è affatto, da amenduei lati, distaccato. Nè fù edificato il Ponte su'l Danubio da Traiano, per solamente godere la vista dell'acqua, come seguì di quello di Caligola su'l Mare, vna sola parte del quale sù la Terra appoggiaua, ma pcr trasportare dall'vna all'altra ripa gli eserciti Romani; e perciò doueua ad amendue le ripe di quel rapido siiume essere congiunto. Allargandosi pertanto la forma del nobile edificio posto nella medaglia, di cui sitratta, alla guisa di vn seno, più egli si dimostra acconcio al chiudere l'acque nelle fortune del mare, & al mantener le iui placide, dall'ingiuria de'Venti difendendole, che ad altro: onde io concluderei, che fosse più tosto vn Porto, denotandolo etiandio li Riuellini: il non hauere appoggio alla Terra: la scalinata in acqua: la Porta per cui entrano coloro, che fanno lo sbarco: la catena, che suol valere a chiudere i Porti, e la Barca entroui riposta; massumamente, che dal primo, che io vidi nel nominato Erizzo eruditissimo sctittore, quello, ch'egli pur ch iama Ponte, e dal considerarlo dapoi nelle medaglie, mi corse all'animo essere il Porto fabricato, o con mostra della vsata grandezza d'animo, ristaurato da Traiano, con l'aggiunta di vn marauiglioso Arco Trionsale, condotti con immensa spesa, e notabile artisiicio, nell'antica, efamosa Città d'Ancona; souuenendomi essere quasi tale la forma di esso; quantunque ne resti hora parte consumato dal tempo, o forse anche dalla malitia humana, e parte sia variato dal primiero suo essere, per le aggiunte fatteui da'moderni: essendo loro stato mestieri, il secondare la instabile agitatione del Mare, o'l bisogno presente: ma non affatto della conceputa opinione sidandomi, inuiato il disegnò di tale rouescio, e dell'altro posto da Antonio Agostini col titolo: PORTVM TRAIANI, al Signore Giulio Bonarelli Canonico in quella Città, con fine di riceuere il senso suo, e d'altri colà su'lfatto, se quale delli due si giudica essere veramente il Porto d'Ancona; auuenutosi egli nel Signore Guido Baldo Trionsi nobile gentil'huomo, ornato di molte virtù, e dell'Architettura intendente, postosi questi ad inuestigare, con virtuosa curiosità, quel sito, riconobbe, etiandio con le misure, l'antica pianta del Porto, e paragonatala col disegno inteso per Ponce, trouatoui il Seno, che quello rappresenta, co'Riuellini, e la Scalinata, che discende al Mare, stimò in fine, ogni cola tanto a quello conforme, che per suo parere, non vi resta luogo da dubitarne: affermando in oltre, che la fabrica disegnata col titolo: PORTVM TRAIANI, non corrisponde in veruna guisa al sito, nè alla pianta, nè a quello, che nel Porto suddetto, resta di antico: e ciò è facile a credersi; perche questo dimostra più tosto l'altro, che lontano due sole miglia da Ostia, incominciò Claudio, e con

con magnisicenza grande, fornì Traiano.    L'hauere Traiano ageuolato il passare, oltre il Danubio, col mezo del già detto Ponte edificato sopra di esso, e che facile gli s'era però reso il soggiogare la Dacia, e'l ridurla; come dapoi fece, in Prouincia, pare, che voglia intendersi per la medaglia, con testa laureata,    12. e lettere disopra segnate: hà nel rouescio due sigure, l'vna delle quali atterrata dall'altra, che resiste all'auuentarlesi, che quella fà, & al premerla con l'vno de'ginocchi, & al ghermirle la spalla con la destra mano, mostra a gli abbigliamenti essere la Dacia; e colui, che le stà sopra, dal mezo in sù ignudo, e con vn velo, o zendado dietro al capo, che sparso al vento lieuemente ondeggia, e che stringe con la sinistra vna canna, si dà a vedere per vn fiume: onde io direi, che ciò denotasse, che hauendo il Danubio riceuuto sopra disè il Ponte, fosse cagione, che si aprisse cotal via alle incursioni, senza impedimenti, e ne restasse la Dacia abbattuta, oppressa, e ridotta in Prouincia, e fatta in fine soggetta a'Romani, e vi si legge l'istesso, che ne'passati rouesci.    Vedutosi Decebalo condotto a mal partito, non meno per l'esterminio delle forze, che per la fallacia de'suoi inganni; e compreso, che la fortuna gli moltiplicaua i mali, nè egli più a verun conto valeua a fare contrasto alla potenza dell'Imperadore, e che dall'errore commesso, imparaua tardi l'vso della prudenza, conuenendogli il cedere alle prime speranze, che per la libertà lo stimolarono a fare pruoua di nuoui partiti; abbattuto d'animo, e preso in odio la vita, nè volendo giungere viuo nelle mani inimiche, quella a sè stesso tolse col ferro. Fattogli pertanto Traiano spiccare il capo, lo mandò a Roma; esoggettata in tal guisa, e ridotta in Prouincia la Dacia, ne restò il testimonio entro la    13. medaglia, nel cui rouescio, dall'opposto lato della testa, con lettere già descritte, stà il simulacro di essa Prouincia, coronato di spiche di grano, a sedere sù vna rupe, con l'insegna militare nella sinistra mano, e distende la destra ad vn fanciullo, che le porge vna delle simili spiche; & vn altro, che le stà accanto, sostiene vn grappolo d'vua, e vi si legge: DACIA AVGVSTA PROVINCIA. S. C.    Quasi tre anni pose Traiano nel totale conquisto della Dacia, e nel farui ricchissimi edifici, e nel risormare le leggi, e i costumi, mostrandosi nel tutto liberale, clemente, e giusto; intantoche i popoli conuicini, per Ambasciadori, si consederarono con lui, mostrando dispiacere, che così buono, e valoroso Principe douesse allontanarsi da loro. Partì Traiano per Roma, & hebbe nel viaggio varie Ambasciarie, per nome de'Regi esterni, e sin de gli Indi, che al grido delle grandi, ed ottime qualità di lui, mandarono a visitarlo, & a stringeruisi in amicitia. Giunto in Roma, v'entrò con solenne trionso; le cui feste, che furono sontuose, e grandi, continuarono per cento venti giorni. Cotale ritorno lieto dell'Imperadore, giudico, che recasse cagione al Senato di decretare la medaglia con testa laureata, e lettere: IMP. CAES. NERVA TRAIAN. AVG. GERM. DACICVS P. M.    14. e'l simulacro diRoma, che armato d'vsbergo, e di celata, stà sedendo sopra alcuni arnesi di guerra: e mentre appoggia la sinistra ad vn hasta, riceue con la destra, la Vittoria, che con l'istessa mano, le è presentata dall'Imperadore; il quale in piedi, etogato, si mostra lieto d'hauer fatte maggiori le glorie, e le ricchezze di quella, colrecarui etiandio grandissimi tesori di que' Barbari: ma si vede a'piedi dell'Imperadore, e dell'istessa Roma, vna sigura sedente in terra, che dimostra essere togata; e pare, che sostenga con la sinistra la palma, ouero il rotolo consolare cõ lo stendere la destra verso vnglobo, rappresentante il

il Mondo. Io direi, che tal sigura, già che non è fiume, come in altre si vede, nè meno Prouincia, non lo dimostrando l'habito, nè il tenere della palma, o titolo suddetto, sia il Genio ciuile dell'istesso Traiano; il quale oltre la gloria, che con la Vittoria suddetta recaua a Roma, glie le promettesse tuttauia maggiore: volendole tutto il Mondo soggiogare, nella forma appunto, che seguì, e vi stà scritto: TR. P. VII. IMP. III. COS. V. P. P. S. C.    Se grande, e magnifico fù il Trionfo menato da Traiano all'hora, che da prima vinse Decebalo, maggiore fù senza fallo, quando essendo quegli già morto, debellò il Regno, e lo ridusse a Prouincia: peroche le feste di questo du rarono, come s'è detto, quattro mesi continui, con apparati di gran marauiglia, con sagrifici, e con donare danari, e con fare altre opere degne del suo grande animo. Il segnale di simile Trionso, si vede in medaglia,    15. contesta, e lettere descritte, e con lui stesso sopra d'vna Quadriga, che stringe nella sinistra lo scettro con l'Aquila, proprio de'Trionfanti, e porge con la destra, vn ramoscello d'alloro, leggendouisi: S. P. Q. R. OPTIMO PRINCIPI. S. C.    Nè v'è dubbio, che in tale congiuntura di Trionsi, e di feste, non fossero procurate, e fatte di molte memorie, alla Eternità di così degno Principe; tra le quali sarà l'vna quella, che si raccoglie in medaglia, con testa, e lettere già dette, e coltrofeo d'alcuni scudi    16. di varie forme, col Labaro, emolte haste congiunte insieme, & encomio: S. P. Q. R. OPTIMO PRINCIPI. S. C. il quale trofeo rappresenta per auuentura il segno della Vittoria Dacica, già, che vinti gl' Inimici, era costume l'appendere ad alcun tronco d'arbore, delle armi de'vinti, per dimostratione della conseguita vittoria, e questi chiamauansi Trofei.    Simigliantemente, per testimonio della pace, che impetrò Traiano dal Senato a gli Ambasciadori de'Daci dapoi, che gli hebbe soggiogati con la guerra, si vede in altro rouescio    17. alla testa di Traiano, come disopra, la sigura di Donna in piedi, che sostenendo con la sinistra il corno di douitia, porge con la destra vn ramoscello d'Oliuo, mentre col piede dell'istesso lato, calca il collo d'vna sigura prostrata in terra; e vi si leggono le stesse lettere descritte disopra. Tengo, che la sigura soggetta, sia la Dacia, e che l'altra in piedi rappresenti la Pace.    Si vede in simile soggetto la medaglia dell'istesso Traiano, con testa, e lettere nella formagià    18. detta, che hà nel rouescio vna Donna sedente; la quale porgevn ramoscello d'Oliuo ad vna sigura, che standole dinanzi ginocchioni, alza le mani in atto di chiedere mercè. Questa, come è verisimile, che sia la Dacia, oalcuno de'suoi Ambasciadori, che d'ordine dell'Imperadore si trasferì ad humiliarsi al Senato, a chiedere Pace, & a rendersi soggetto; così l'altra, che le porge il ramo può credersi, che sia il simulacro della Pace medesima.    Non hauendo Traiano potuto condurre il Re Decebalo viuo nel Trionfo, si crede, che non lasciasse d'osseruare almeno il costume antico, conducendoui il Simulacro di lui. Perla quale cagione, tengo, che fosse stampata la medaglia con testa cinta di corona radiata, e lettere: IMP. CAES. NERVAE TRAIANO AVG. GER. DAC. P. M. TR. P. COS. V. P. P.    19. con huomo nel rouescio in habito straniero; il quale sedendo sopra d'alcune armi, appoggia sù la destra mano il capo, facendo vista d'essere dolente; e quasi a'suoi piedi sorge in alto vn tronco, che da imo a sommo, è guernito di spoglie militari, formandosene vn trofeo; e vi si legge l'istesso elogio, che nell'altre. Nè io concorro con coloro, che lasciarono scritto essere cotal medaglia decretata a Traiano, per lo vincere, che fece la prima volta

volta Decebalo; perche non era entrato all'hora nel quinto Consolato: ma solamente nel terzo, secondo le medaglie di quel tempo lo dimostrano: nè, quantunque della vittoria Dacica egli trionfasse, menò pertuttociò Decebalo nel trionfo: ma si bene vn figliuolo di lui, che haueua con sè per ostaggio, nè questo a guisa di schiauo, ma come amico, essendogli tale restato il Padre, che Rè, & insieme padrone del Regno, in Dacia, egli lasciò.    Segnale stimo, che sia dell'istesso trionfo Dacico, l'altra medaglia, con l'effigie di Traiano coronata d'alloro, e lettere solite, e nel rouescio la Vittoria; dinanzi la quale stando vn tronco d'arbore, ella và disponendoui sopra, con la destra mano, varie armature, ene hà di già composto vn bel troseo: sostiene, con la sinistra, la palma, e vi si legge l'istesso, che ne' passati rouesci: ma simile s'è veduto altroue.    Per l'istesso fine si raccoglie entro la medaglia con testa, e lettere già dette, la Vittoria    20. in piedi, che calcando colsinistro piede vna celata, appoggia la manoad vn rotondo scudo, acconcio inisopra vn tronco di palma, con lettere scritteui per entro: VIC. DAC. cioè Victoria Dacica; e sostiene con la destra vn ramo pur di palma, consolito elogio.    E' impresso da per sè solo, in altra medaglia, il bellissimo Trofeo della Vittoria Dacica    21. composto di varie armisopra d'vntronco; al cui calce si scorgono alcuni scudi, con lettere descritte.    Se alcuno Imperadore, tra'Gentili, fù degno d'honore, e di gloria, nel vero, che Traiano dee essere in ciò posto fra'primi; perche nè tirannicamente, nè con ingiustitia, conquistò, e resse l'Imperio, ma per la sua virtù ne fù stimato degno; e furono parimente le sue attioni virtuose, e magnanime, e nel tutto la giustitia hebbe suo luogo. Per le quali cagioni, non meno, che per la vittoria Dacica acquistata da lui, mipare, che possa giudicarsi, che il Senato decretasse la medaglia, nel cui opposto lato della testa, con lettere, descritte, si vede l'Imperadore in piedi armato, col paludamento, che stringe nella destra il folgore, mentre appoggia la sinistra ad vn hasta, dal cui lato stà il simulacro della Vittoria, che sostenendo con l'vna mano la palma, l'altra solleua al capo dell'Imperadore, cingendoglielo di corona, con elogio descritto. Intendesi, come in Domitiano si disse, il folgore, per l'ampiezza della gloria, in ogni parte del mondo distesa. Apelle dipinse Alessandro il Magno, colfolgore in mano, per rappresentare in quello il chiaro nome acquistato co'suoi gran fatti: ma ciò insegnò, molto prima, di fare il Cielo istesso; percioche ad Olimpiade, Madre di Alessandro, parue sognare, quando ingrauidò di lui, che scop piato vn gran tuono, il folgore, che n'vscì, le entrasse in corpo, e che essendosi da quel colpo auuampato il fuoco, questo si dilatò per grandissimo paese. Può tuttauia vn cotal folgore dare a vedere la celerità grande, che fù in Alessandro, & in Traiano nello incominciare, e nel proseguire le guerre da essi felicemente condotte. La Vittoria, che incorona Traiano, tenendo l'ali pronte al volare bene in alto, dimostra l'eminenza del valore il quale, campeggiando in esso la felicità, haueua al sommo delle mondane glorie cotal Imperadore, sopra gli altri, inalzato: tiene in mano il ramoscello d'alloro, o di palma, per segnale dell'honore douuto al Principe, che la Vittoria, in beneficio dell'Imperio, haueua conseguita. La Corona, di cui gli và cingendo il capo, è segnale del premio da lui meritato, e della giusta Signoria, che, come benefattore, hà sopra de'benesicati. Il quale rouescio, a questo simigliante, si mostrò in Domitiano.    Per denotare maggiormente il Senato la virtù di Traiano, oltre a vari testimoni, che di esso

   22. di esso in più medaglie, si raccolgono, v'è quello della Claua d'Ercole posta soprail teschio d'vn Leone, con solite lettere. Simile Claua fecesi Ercole da per sè di Quercia, o di Oliuo siluestre: arbori, che danno segno di fermezza, e di forza, attribuendosi ciò a coloro, che seguono la virtù; la quale non s'acquista, senza lo stabilimento di superare molte difficoltà. Il teschio Leonino dimostra la fortezza dell'animo, e pare, che si voglia conchiudere, che di simiglianti virtù vsò Traiano in qualunque sua attione, intantoche ne fù pregiato etiandio da'Barbari, e da gl'Inimici suoi, e resta tuttauia celebre ne'presenti tempi.    Frà l'allegrezze di tante feste, oltre li molti sagrisici fatti da Traiano a gli Dei, volle    23. ancora fabricare loro de'Tempij; & vno ne fece specialmente a Gioue, che sù bellissimo, vedendouisi nel frontispitio tre Vittorie, come anche, nell'entrata, la statua di Gioue, ouero dell'istesso Imperadore sedente: ma, o per maggiore magnisicenza, o per meglio ageuolare l'adito del Tempio, vi si veggono congiunti da'lati, due ornati portici, sostenuti da doppio numero di Colonne: e come nel d'intorno d'vna medaglia, con testa di Traiano, si leggono li titoli disopra descritti; così nel rouescio si vede l'istesso Tempio, con elogio disopra notato.    Ne edificò parimente vno, nel medesimo Consolato quinto, e potrebbe essere quello riferito da alcuni, che egli fece al Dio Incognito de'Romani: ouero l'altro, che fabricò a Marte, come a Dio della Dacia. Ma qualunque si fosse di questi, vedesi nel rouescio d'    24. vna medaglia, contesta, e lettere descritte, il Tempio, con otto Colonne, e cinque Statue allogate su'l frontispitio, essendouene vna, nell'entrata, in piedi, che fà vista di quasi riempire il vano nel mezo da terra al superiore cornicione; & hà d'intorno l'istesse lettere già notate.    Non in Roma solamente, ma in altre Città, per li felici successi di Traiano, in prò dell'Imperio, furono fatte gran feste, e sagrisici a gli Dei, rendendone loro le douute gratie, e supplicandoli di concedergli nuoue, e maggiori felicità. E perche si vede entro vn medaglione,    25. la testa laureata, senza lettere, con sigura, nel rouescio, d'huomo in piedi, che fa vista di condurre, l'vno per lato, due Montoni, con alcune note Latine, ma di modo corrose, che non si leggono; l'hò nondimeno, come cosa rara, voluto portare in questo luogo; non potendo per mio credere, altro rappresentare, che quegli sia il Vittimario, che conduca la Vittima a sacrificare, e ciò potè, per auuentura, accadere in alcuna Città diuota a Traiano. Il quale sagrisicio di Montoni afferma Erodoto, che soleua farsi a Gioue nel giorno della sua festa; e ne fù la primiera cagione, che non volendo questi essere veduto da Ercole, che fuor di misura lo desideraua, vinto finalmente da'prieghi di lui, gli si mostrò coperto d'vna pelle di Montone; e quindi gli Egitij presero a fare il simulacro di Gioue, in cotal forma, chiamandolo Ammone. Sacrificato pertanto nella sua festa simile animale, e vestito poscia la Statua di Gioue della pelle di esso, lo trascinaua ad Ercole, & indi ben battuto lo scorticato Montone, quello era rinchiuso da gli astanti entro di vna sacrata vrna, e con riuerenza sepellito.    O che fossero celebrati, per gloria di Traiano, li giuochi Olimpici, o altri simili, ne i    26. quali soleuano gareggiare le Carrette; chiaro è, che la memoria di così fatti giuochi restò impressa entro il medaglione, con testa laureata, e lettere: TRAIANVS P. F. AVG. cioè Pius, Felix Augustus: hà nel rouescio vna Quadriga, sopraui vn huomo, che alzando P la

la destra, in atto di sferzare: solleua con l'altra, la palma, e vi si legge: EVTHYMIVS. Cotal nome hebbe Euthimio Pitta, che per comandamento dell'Oracolo Delsico, secondo Plinio afferma, fù consacrato viuo; perche da vna sola volta infuori, riportò sempre la vittoria in Olimpia. Nacque in Locri Città nell'Italia, e colà, & in Olimpia glifurono erette Statue, le quali caddero poscia in vn giorno, percosse dalla saetta: ma a lm, come ad vn Dio, in virtù del suddetto Oracolo, fù sacrificato in vita, e dopo morto: nè altro era in fine, che vn eccellente Quadrigario. Può essere, che l'vna delle Carrette, che gareggiaua sotto gli auspicij di Traiano, restasse vincitrice, e quasi l'hauesse condotta vn nuouo Euthimio, vollero honorare, simile attione, di cotal nome, appresso loro Diuino, ed attribuirne la gloria a Traiano.    Più cose operò Traiano in prò del publico, con fine ancora di conseguirne gloria, e trà le molte, l'vna ve ne fù assai necessaria in Roma; la quale per l'abbondanza dell'acque, che pervari condotti, sin hoggi, vi s'introducono, non solamente gode di ciò il beneficio, per l'vso di esse: ma etiandio per accrescere le delitie ne'Giardini, per arricchire le Piazze, e le Strade di Fontane, eper altri bisogni necessari all'arti. La più chiara nondimeno, la più sresca, e la più sana, si stima essere l'acqua Martia, così detta; perche Anco Martio Rè, il primo fù, che da'Monti de'Peligni, la condusse. Altri la restituirono, mentre per diuersi casi andò mancando; & è fama, e Frontino lo afferma, che Traiano, dalla Via Valeria, per lo tratto di ventitrè miglia, la conducesse nell' Aucntino. Ma ciò, che maggiormente ci dimostra cotal verità, è la medaglia istessa, in cui d'intorno la testa si legge: IMP. CAES.    27. NERVAE TRAIANO AVG. GER. DAG. P. M. TR. P. COS. V. P. P. e si vede nel rouescio la sigura d'vn fiume, che giacendo dal mezo in giù, sopra d'alcuni scogli, stringe nella destra vna canna, & hà sopra di sè vn arco, che l'acquedotto, per doue fà suo camino, può denotare. Vi si legge la solita inscrittione: S. P. Q. R. OPTIMO PRINCIPI, AQVA TRAIANA. S. C.    Prouide oltre a ciò in Roma l'Annona, cioè l'abbondanza del vitto, per ciascuno: distribuì del grano, e fece altre insinite opere, per le quali ne restò solleuato il publico, e'l nome di lui colmo di gloria. Dell'Annona suddetta appare il segnale nella medaglia    28. stampata sotto il medesimo Consolato quinto, con testa, e lettere descritte: hà nel rouescio vna Donna in piedi, che stende con la destra delle spiche: sostiene con la sinistra il Cornucopia; e dall'vn lato de'piedi, stà vn rostro di Naue, e dall'altro il Congio, con delle spiche, e'l già descritto elogio.    Attese Traiano, non meno al gouerno della Republica, che ad illustrare Roma di sabriche, di strade, di ponti, e d'altre memorie ben degne del nome, e della grandezza di lni. Edificò molte Librerie publiche, evifece riporre gran quantità di volumi, di qualunque scienza, e lingua. E nel vero, che riuscendo le attioni di Traiano, non meno degne di laude, che d'eterna memoria, non mancò punto in ciò il Senato; peroche all'altre cose decretate alla gloria di lui, aggiunse il fare alzare nella Piazza chiamata Dacia, l'alta, e grossa Colonna, che ancora vi si vede: volendo per auuentura inferire, che era meriteuole d'essere inalzato sopra gli altri a suprema gloria; & essendo simile Colonna fatta a guisa di chiocciola, visiscorge nel difuori dal piede sino alla cima, vna fascia, che la cinge, entro la quale con singolare artisicio stanno scolpite l'Imprese condotte da Traiano, rappresentandosi in esse la vera disciplina, el'arte Militare antica; hà nel didentro cento

cento ventitre gradi, per li quali si giunge alla sommità; vi sono quarantaquattro piccole finestre, che per dar lume, e per vedere nel difuori le scolture, vi stanno scompartite. Ella è di altezza di cẽto vẽtotto piedi, e leggesi intagliato nella Base, adorna di vari Trofei: Senatus, Populusque Romanus, Imp. Caesari Diui Neruae F. Neruae Traiano Aug. Germ. Dacico. Pontif. Maximo, Trib. Potes. XVII. Cos. VI. Imp. VI. P. P. ad declarandum, quantae altitudinis mons, & locus tantis operibus sit egestus. palesandosi, con tale inscrittione, che'l Senato, e'l Popolo Romano hà fatto dirizzare, in honore di Traiano Imperadore, simile Colonna, per dimostrare l'altezza del Monte; il quale fù abbassato, per farui il foro; benche Dione fosse di parere, che egli stesso la si dirizzasse, dicendo: Egli nel suo foro dirizzò vna Colonna molto grande, o perche ella gli seruisse per sepolcro, ouero a pompa, e per ostentatione delle cose fatte: ma tenen dosi da molti, che la suddetta inscrittione sia mancheuole di alcune lettere nel fine; non perciò si può ben comprendere, se tratta del sito, oue fù posta la Colonna, che di Monte fù ridotto in piano: ouero se dee intendersi dell'opere egregie adempite da esso Traiano in prò dell'Imperio. Come si sia, volle il Senato, che tal memoria apparisse nella medaglia con testa, e lettere: IMP. CAES. NERVAE TRAIANO AVG. GERM. DAC. P. M. TR. P. COS. VI. P. P. con l'istessa Colonna nel rouescio sopra la    29. sua base, & ornamenti, e con la Statua di Traiano sù la cima, & elogio: S. P. Q. R. OPTIMO PRINCIPI. S. C.    Assai chiaro dimostra Dione, che nel principio dell'Imperio di Traiano, tra le molte cose ordinate da lui a fauore, e per solleuamento de'poueri, l'vna fù, che per tutta Italia, fossero i fanciulli alimentati, fino a certa età, dal publico. Ma io non truouo pertuttociò, che la memoria di così fatta attione, che ben fù degna d'vn tanto Principe, sia stata esposta con memorie dal Senato, se non dopo la guerra Dacica, e nel sesto Consolato di lui; e forse, che se ne coniò la medaglia sotto vari Consolati, come auuenne di molte altre. Quella dunque, di cui si fauella, oltre le effigie, e lettere descritte, contiene etiandio, vna Donna in piedi, che sostenendo, con la sinistra, il Cornucopia, porge con la destra    30. alcune spiche di grano ad vn fanciullo, e v'è il di già notato titolo, con di più: ALIM. ITAL. S. C. cioè Alimenta Italiae.    Nel medesimo Consolato sesto di Traiano, appare da vn altra medaglia, con testa, e lettere già dette, che egli facesse alcuna Via di nuouo, o la ristaurasse; e che essendo stata di ciò l'opera, e la spesa ben grande, volle perciò il Senato, che la memoria ne giungesse a'posteri. Si vede dunque nel rouescio di tal medaglia vna Donna, che coricata in terra,    31. posa il sinistro gomito, e tutto il braccio, sopra di alcune scoscese pietre, e sostiene con la mano istessa vn ramoscello, mentre appoggia la destra sù vna ruota di carro con l'ordinario elogio, e di più: VIA TRAIANA. S. C. volendo per auuentura dinotare, che quantunque la Via fosse per prima disastrosa, e cattiua; a cotale stato nondimeno l'hauea ridotta l'Im peradore, che non i passaggieri a piedi, e gli huomini a Cauallo solamente; ma anche i Carri vi poteuano ageuolmente passare. Molte Vie fece risarcire Traiano: ma quella, che si stima recasse a lui più gloria, per l'opera in sè grande, difficile, e di molta spesa, fù l'Appia: detta hoggi di S. Sebastiano; e questa fino a Brindisi, essendo dirupata, e guasta, fù da Traiano lastricata; perloche fare gli conuenne seccar paludi, riempire valli, porre sassi intorno le vie, e fabricare ponti bellissimi: onde per l'ageuolezza, P 2 e per

e per la bellezza, in cui l'Imperadore la ridusse, e perche quasi tutti i trionfi vi passauano, sù detta la Reina delle Vie.    Grandi, e notabili furono l'Imprese fatte da Traiano, e molte le speditioni de'Soldati, che per esse auuennero, e per le quali può credersi, che il Senato gli decretasse diuerse memorie, e specialmente in medaglie; doue, come in publici annali, le attioni de'Principi loro faceuano scolpire: e se di queste ci fosse giunto intero il numero, o c he si potessero tutte in alcun modo rappresentare; non hà dubbio, che il frutto sarebbe maggiore; ma trouandosene poche, nè potendosi da vna persona sola hauere quelle, che vi sono, conuiene perciò l'andare tal volta rompendo la tela dell'Historia, & accorrere in molte cose, con delle congetture, là doue pur se ne truouino nelle medaglie, e delle quali niuna mentione fecero gl'Historici. Si và tuttauia, in ciò, prendendo la Regola dall'ordine de'tem pi: nè il narrare questo, è stato del tutto infruttuoso; percioche incontrando il douer contrariare le opinioni altrui, si comprenda almeno, che vi s'è hauuto il debito riguardo, e che, nel ciò fare, alcuna ragione s'è preso per guida. Si truoua però    32. vna medaglia, che oltre la testa, e lettere poc'anzi notate, hà nel rouescio l'Imperadore sopra d'vn palco sedente frà due Senatori, che parla a'Soldati; alcuni de' quali stanno a cauallo, e vi si veggono espresse le Insegne Militari, portate da' Dragonari, da Labariferi, e da gli Aquiliferi; i quali soleuano ornarsi la testa con teschi di Leoni, e d'altri animali fieri, per apparire in tal forma, più terribili a'nimici, e nella parte di sotto si legge: IMPERATOR VIII.. S. C. Simile allocutione, si tiene, che facesse Traiano, mentre accelerò l'vna delle speditioni contra'Daci: ma così il titolo d'Imperadore VIII. come il Consolato VI. che sono scolpiti nell'istessa medaglia, pare, che impugnino cotale opinione; percioche quando Traiano trionfò della Dacia, vuole Adolfo Occone, e da molte medaglie si raccoglie, che fosse nella Tribunicia Potestà quinta, e nel consolato quarto, è chiamato solamente tre volte Imperadore. Per le quali ragioni pare, che debba concludersi, che tale allocutione facesse Traiano al suo Esercito, all'hora, che essendo si recato ad onta, per sè, e per lo Senato, e Popolo R omano, che'l Rè d'Armenia dicesse, che non da' Romani, ma dal Rè de'Parti, haueua pigliato la Corona, l'Insegne Reali, e la giurisditione del Regno, determinò di mouere ad amendue la guerra, e che a tal'effetto si condusse con grosso esercito a danneggiare que'Regni.    Volle forse alcuna delle Città di Grecia, diuota di Traiano, far voti, per impetrare la vittoria, e'l trionfo di lui nell'occorrenza, per la quale si trasferiua all'hora ne'Parti; e percioche Bacco il primo fù, che soggiogata l'India, inuentasse il condurre trionfi, a quello Dio facilmente, i voti loro, e li sagrifici, per conseguire il pieno di simil gratia, indrizzarono, raccogli endosi il segnale di ciò entro la medaglia, con testa laureata, e lettere:    33. IMP. CAESAR. . . . . COS. IIII, & hà nel rouescio vn piccolo carro rotondo di due ruote, tirato da altrettante Tigri, sopra del quale stà Bacco sedente ornato di lunghe vestimenta, che volge il tergo colà, doue si và facendo il viaggio: tiene la sinistra, mano su'l capo, che lascia andare cadente all'indietro, ad vso di chi, in simile opportunità, si dispone di riposare: verso la punta del sinistro ginocchio si vede vna fanciulla, che con ambe le mani gli porge vna tazza, o siasi il Corno, col quale si solea mescere in que' tempi: Nel destro lato, camina, al pari delle Tigri, vna Baccante, che suona due tibie ad vn fiato; e precedendo dinanzi a lei, vn Fauno, con ritorto bastone nella destra mano, questi

questi si volge a mirarla: ma appresso di lui, & a fronte delle Tigri, stà vn Satiretto, che porge all'vna di esse, non sò se cibo, o altro, o pure vi scherzi. Vestirono, tal fiata, gli antichi il Dio Bacco d'habito feminile, e massimamente quando ad Arianna si trasferiua; e da Ninfe, da Sileni, da Satiri, e da Siluani ministri, e seguaci di lui, v'era accompagnato, chiamandosi quello il Choro, e la compagnia d'Arianna. E perche quì stà Bacco in atto di riposo, e di quiete, si volle forse annuntiare a Traiano, che dopo le fatiche della guerra, douessero a lui seguire le vittorie, li trionfi, la quiete, e l'humane sodisfattioni, che Bacco, dopo trionfato dell'Indie, conseguì. Ma in altro modo, mentre pur egli si studiaua d'andare ad Arianna, lo dipinse dentro vna sua tela, il Gran Titiano; la quale, per l'ammirabile maestria vsataui da così fatto artefice, è celebre, e stà nel ricco studio di Pitture, e di Scolture, che l'eminentissimo Cardinal Hippolito Aldobrandino tiene nel suo delitioso Palagio su'l Quirinale; perche quantunque il Carro di Bacco vi sia tirato dalle Tigri, & egli v'habbia l'vsata compagnia di Ninfe, di Satiri, di Siluani, e di Sileni, che scotendo tal'vno i verdi Thirsi, portano altri le squarciate membra del Vitello, e cinti si mostrano di ritorti Serpenti; & altri percuotono, con aperte palme, i risonanti timpani, e con strideuoli corni, e co'i crotoli, e con le straniere Tibie fanno rimbombare l'aere: non è però il Carro istesso della forma di quello descritto dianzi, ma nel disopra è piano, e Bacco vi si vede non vestito, ma ignudo: non sedente, ma in piedi: non in atto di riposo, ma di furibondo, e che da quello si precipita, fatto impatiente nell'arriuare, come desidera, la sua Arianna, che inuolta in breui panni, & a'piedi, verso il vicino mare stende frettolosa i passi, con isperanza forse, che pentito Teseo dell'hauerla lasciata in quel lido soletta, debba anche tornare a ripigliarla.    Vditasi da i Re de'Parti, e de gli Armeni l'animo hostile, col quale Traiano procedeua contra di essi, di ciò forte impauriti, si trasferirono ad incontrarlo con ricchi doni, e gli si diedero. La cui certezza recò tal contento al Senato, che stabilì vari honori per nuoua e maggiore gloria di Traiano, stimando grandissimo il pregio da lui acquistato, che dal solo suo nome, Rè così potenti, diuentati timidi, gli si rendessero; poiche altre volte, ciascuno da per sè, e li Parti, specialmente, recarono grandissimi danni a'Romani. Vuole Dione, che frà le preminenze attribuite, per tal cagione, a Traiano dal Senato, l'vna fosse lo intitolarlo Ottimo Principe: ma io non sò, come possa in ciò hauere luogo il detto di lui; mentre cotal titolo, e quello etiandio di Padre della Patria, appare stampato nelle medaglie, fin quando Traiano portò la prima guerra nella Dacia. Ben concorro, che all'Imperadore fossero decretati nuoui honori, frà quali è la medaglia, in cui si vede la testa, con la corona radiata, e lettere: IMP. CAES. NERVAE TRAIANO OPTIMO AVG. GERM.    34. e col rouescio di vna bellissima corona d'alloro con: S. C. nel mezo, & intorno: DAC. PARTHICO P. M. TR. POT. XX. COS. VI. P. P.    Nè minor segnale di simile gloriosa vittoria hauuta, ad vn tratto, da Traiano di due gran Regi, appare nell'altra medaglia, che la testa, con la Corona radiata ci rappresenta, e lettere: IMP. CAES. NER. TRAIANO OPTIMO AVG. GER. DAC. PARTHICO P. M. TR. P.    35. COS. VI. P. P. e dall'opposto lato stà l'Imperadore frà due Trofei; de'quali, mentre abbraccia l'vno con la destra, stende all'altro la sinistra mano armata di dardo, & vi si legge: SENATVS, POPVLVSQVE ROMANVS. S. C. volendosi dare a vedere, che in breue tempo, di due vittorie, hauesse l'Imperadore, riportati doppi trofei. Sottoposti

   Sottoposti gli Armeni, e li Parti da Traiano, egli volle, che'l Rè di questi, oltre al farsi tributario de'Romani, riceuesse da lui la Mitra, o Cidara, proprio ornamento de'Regi Parti; perloche inginocchiato dinanzi all'Imperadore, acconsentì al tributo, e riceuè detta Cidara dalle sue mani. La quale attione come grande, e principale, si vede scolpita in medaglia; doue intorno la testa coronata di alloro, si legge: IMP. CAES. NER. TRAIANO    36. OPTIMO AVG. DAC. PARTHICO P. M. TR. P. COS. VI. P. P. e nel rouescio stà vn palco, sopra del quale, è l'Imperadore sedente, col parazonio nella sinistra, e con persona, che in piedi gli assiste, & esso con la destra incorona il Rè, che già in terra, dinanzi a lui, in piedi, riceue simile honore; mentre la Prouincia della Partia ginocchione, e supplicheuole, di così satta, e d'altre gratie, richiede l'Imperadore; e vi stà scritto: REX PARTHIS DATVS. S. C.    Tolse il Regno a'Partasimiro Rè de gli Armeni, per castigo del suo temerario ardire, mentre mostrò tenere in maggiore stima i Parti, che i Romani; pregiandosi d'hauerlo riceuuto da quelli, e non da questi, e lo diede al figliuolo: volendo Traiano fare apparire in ciò la Giustitia conueneuole al Padre, e la Clemenza vsata al Figliuolo. Andò visitan do quelle Prouincie, e benignamente trattati que'Rè, che si mostrarono vbidienti, confermò loro i Regni, e gli altri ne priuò, che gli si opposero, concedendoli a gli amici, e mandando quelli a Roma prigioni. Le quali opere, che furono grandissime, si veggono    37. confermate per la medaglia con testa laureata, e lettere allegate; & vn palco nel rouescio, sopra di cui stà sedendo l'Imperadore, con due figure da'lati in piedi, & egli stende la destra ad vno, che da terra solleua la sua, in atto di prendere da esso alcuna cosa, e due altre sigure si veggono dietro di questa nel piano medesimo, leggendouisi: REGNA ADSIGNATA. S. C.    Le quali cose auuenute, per effetto della prouidenza vsata da Traiano nell'mcaminare il tutto con ottima dispositione, persuasero il Senato a rẽ dere di ciò vn chiaro, e glorioso    38. testimonio, in prò di lui, decretando la medagha, con solita testa, e lettere, & vna Donna in piedi stolata, che appoggiato il sinistro gomito sopra vna Colonna, stringe in quella mano lo scettro, o hasta; mentre abbassando la destra, accenna col dito il Globo Celeste, che cinto dalla fascia del Zodiaco, le giace a'piedi, leggendouisi: PROVIDENTIA AVGVSTI S. P. Q. R. S. C. Frà i Popoli pare, che la Prouidenza deriui immediatamente dal Principe loro: Di questa volle intendere il Senato, nel decretare simile medaglia, e non dell'altra, che procede da Dio. Come dunque, secondo il concetto de gli Antichi, la Prouidenza del Principe gouerna quà giù il tutto; così la figurarono, che accenna il Mondo, come a lei soggetto: ma è ben vero, che le stà il Globo lontano, e solamente l' accenna col dito, per dimostrare, che non impone necessità, o forza: lo scettro, che hà nella mano, dimostra tuttauia il dominio, che ne tiene; e si appoggia ad vna Colonna, per la fermezza, che è propria della Prouidenza.    Terminati da Traiano gli affari ne gli Armeni, e ne'Parti, sopraggiunto dal Verno, ritirossi con l'esercito in Antiochia, e suoi contorni; doue s'vdì tal terremoto, che grandissime rouine, e portenti spauentosi vi cagionò. Se ne partì l'Imperadore nella Primauera, & andato nella Siria, gli conuenne d'attaccare iui, co'Barbari, fiera zuffa: hauendo in quei stretti passi, hauuti specialmente incontro gli Adiabeni; e vi pose tutta la State a soggiogarli. Nell'entrare suo nella Siria, giunto all'eufrate, trouò i Ponti rotti, le

le Naui bruciate, e quei Barbari posti in armi, che per vierargli il modo d'appressarsi loro, haueuano fino i Boschi bruciati; accioche nè le Naui, nè i Ponti potesse di nuouo edificare: ma egli con la sua potenza superato il tutto, rifece i Ponti, e le Naui, e passando in qualunque luogo, gli fù in piacere, li conquistò. Il sourano ardire dimostrato in tale impresa da Traiano, rappresentò, per auuentura, alcuna delle Città a lui diuota entro il medaglione, con testa laureata congiunta a tutto il petto, e lettere: DIVO NERVAE TRAIANO    39. AVG. e lui medesimo a cauallo, che vibrando vn hasta, quasi per segnale di dominio, si spinge oltre d'vn l'onte, alla congiunta pianura; e si vede non da quello distante vn Leone, che condotto per gran sete sotto l'istesso Ponte, stà beuendo; e forse ciò per dinotare, che simile paese abbonda di così fatte fiere. Che in detta medaglia, e nell'altra col Circo Massimo fosse attribuito a Traiano il nome di Diuo, non dee recare marauiglia, perche ciò si stimaua all'hora come douuto a'suoi gran fatti, & in altre medaglie si vede che fù per tal guisa honorato: oltre che gli stessi Barbari della Siria, quando lo videro esporsi con tanta audacia a grauissimi pericoli, & entrare ne'Regni loro, e trasportare per terra le Naui da vn fiume ad vn altro, e fare di simili attioni da persona di gran cuore lo giudicarono non huomo, ma alcuno de gl'Iddij venuto per distruggerl i: simile medaglione mi fù recato con altre medaglie dal Signore Gasparo Altadiani di San Seuerino Beneficiato in S. Pietro di Roma, buono, e leale mio amico, e grato a ciascuno, per la sua naturale amoreuolezza, & affabiliià.    Trasferitosi in Babilonia, tentò di farui vn opera, che auanzasse l'altre ben grandi condotte da lui a glorioso fine; peroche aperti i Letti delli fiumi Tigre, & Eufrate, fece di amendue vna profonda Valle, per la quale l'acqua dell'vno, potesse entrare nell'alueo del l'altro, e vi fabricò vn Ponte, con habitationi, giardini, & altre commodità; le quali furono poscia vsate da'paesani, chiamando cotal luogo Traianica Babilonia. Ridusse alla sua obedienza Atabilo Rè, che dimoraua, co'Popoli a lui soggetti, in vna grande Isola del Tigre; & entrato con l'armata nel Mare, con fine di passare nell'India, questo gli fù da molte, e grandi difficoltà impedito: intantoche hebbe cagione d'inuidiare Alessandro, che tal viaggio felicemente proseguì. Di colà Traiano mandò a Roma Ambasciadori con molte ricchezze per serbare nell'erario, e co'nomi delle Prouincie, dell'lsole, delle Nationi, e de'Popoli da lui vinti. La quale cosa fù di grande allegrezza in Roma, & all' Imperadore cagione di lodi, d'vn Arco eretto nel foro, e d'altre eterne memorie del suo singolare valore: secondo seguì della medaglia, che olrre la testa con solite lettere, hà nel    40. rouescio il simulacro dell'Arabia, con vestimenta lunghe, coronata di spiche, o d'alcuna delle cose odorifere, che colà produce abbondantemente la Natura: hà nella destra vn ramoscello, che forse dell'istesse herbe può credersi, che sia; e con la sinistra sostiene cosa più simile ad vna piramide, che ad vn parazonio, vedendosi a'suoi piedi, vn Dromedario, o Camelo; de'quali il paese abbonda, e vi si legge: S. P. Q. R. OPTIMO PRINCIPI, e di sotto: ARAB. ADQ. cioè: Arabia Adquisita. S. C.    E perche l'Armenia, e la Mesopotamia erano comprese nella nota inuiata da Traiano al Senato de'Regni da lui vinti, anche per cotal memoria, vi è la medaglia con testa, e    41. lettere descritte, che hà nel rouescio Traiano istesso armato; il quale appoggiando la destra ad vn hasta, sostiene con la sinistra il parazonio; dal cui lato ricade il paludamento. A'piedi di lui stanno sedenti tre figure; l'vna, che è nel destro lato, si tiene abbracciata l'vrna

l'vrna, onde si versa l'acqua, e stimasi il fiume Tigre: l'altra, che si vede più in fuori dal sinistro, può essere l'eufrate. Il primo hà suo nascimento da'Monti de gli Vssij, nè alcun altro fiume nelle parti d'Oriente corre di quello più veloce, tirando egli con sè l'acqua furiosa, e sassi di molti altri fiumicelli: ond, e dalla sua velocità, ne vien detto Tigre, che in lingua Persiana significa Saetta, e per lo spatio di dieci Stadij, ciascun de'quali, è l'ottaua parce di vn miglio, corre frà le ripe sassose di molte selue impetuosamente: ma entrato poscia ne'cam pi, diuisi dalle sue acque, più facile si rende alla nauigatione; e passato, per seicento stadij, ne'terreni de gli Armeni, de gli Arabi, de gli Orci, e de gli Adiabeni, girato li Monti Gordiani, verso la Seleucia Babilonia conduce l'acque sue nel Mare di Persia. Il secondo nasce da Ninfate Monte d'Armenia, e fatto grande, e profondo, passa per Babilonia, e chiudendo la Mesopotamia dall'Occidente, come il Tigre la circonda dall'Oriente, amendue poscia si congiungono, & al Mare Rosso portano l'acque loro. Ma perche più presso là doue, l'Imperadore posa co'piedi, stà altra persona sedente con postergate braccia, & in atto mesto; questa giudico, che possa essere la Prouincia Partica da lui soggiogata; massimamente, che d'intorno la testa di Traiano si legge il titolo di PARTICO, & in simile rouescio stà scritto l'encomio: ARMENIA, ET MESOPOTAMIA IN POTESTATEM P. R. REDACTAE. S. C.    Soggiogate da Traiano tutte l'Isole, e le Città, che si trouauano dall'vn lato all'altro del Mare Eritreo, e fatto sudditto de'Romani il Rè Attauilo, co'suoi Popoli detti Sipasini, entrò con l'armata nel Mare, per passare di là nell'Indie: ma riceuutiui di notabili impedimenti, e intese, sopratutto le riuolutioni di molti Popoli, che pensando non douere egli campare da'flutti di que'Mari, si ribellarono: quantunque prouedesse, co'suoi legati, a così fatti disordini; nondimeno, vedendosi contrario il fato, e che non poteua superare la gloria del Magno Alessandro, col farsi tributarie l'Indie, colmo di malinconia tornò, d'onde partì; e trouato morto Arturo da lui coronato Rè de'Parti, ne inuestì, col consenso de'Popoli, Parnapate valoroso, e prode huomo, e della Partia nationale. Ma continuando in Traiano la presa tristezza, per non essersi potuto trasferire nell'Indie, essendo stato nel resto molto sano di sua vita, sbattuto in fine da lunghi, e perigliosi viaggi, e da patimenti sostenuti nelle guerre: ma molto più dall'animo suo afflitto, non sen zasospetto di veleno, benche il suo fine al male di morici fosse attribuito, si morì in Seleucia d'età di settantatre anni: hauendone regnati ventuno, sei mesi, e quindici giorni. Io tengo, che alcuna delle Città, a lui diuote, volesse, dopo morto, serbare la memoria della cagione del suo fine, che fù il riceuere impedimenti nel proseguire il destinato viaggio nell'Indie; percioche si vede il medaglione, con testa laureata, e lettere: DIVO NERVAE    42. TRAIANO, che contiene nel rouescio l'opporsi, che suol fare il fiero mostro di Scilla a' nauiganti, che di colà vicino si conducono a viaggiare; peroche egli con sembiante, dal mezo in sù, di giouane Donna, hà la inferiore parte del corpo composta di dodici piedi, & con sei colli, & altrettanti capi di Lupi, e di Cani, con le code di Delfini, e tre ordini di denti, per ciascuna bocca, e sempre con horribili latrati facendo risuonare li conuicini lidi, si rende di modo infesto a'nauiganti, che perlo più gli sommerge, e gli diuora. A fronte di così fatto mostro, che stringe, con la sinistra mano, vn gran timone, stà vna Naue afferrata da esso, con la destra, nè pur fà vista di voler impedire il destinato viaggio, che di sommergerla anche procura; mentre i marinari, con ispauento si pongono alla

alla difesa, & alcuni Delfini, mossi di loro a compassione, di colà oltre nuotando, si mostrano presti ad aiutarli, essendo tale la natura di così fatti pesci, che volentieri s'impiegano in prò de gli huomini: ma pertuttociò vno de'passaggieri sommerso nell'onde, e che è di aiuto mancheuole, pare, che più oltre, non gli auuenga di fare contrasto al fiero suo destino. Sdruscirono le Naui di Traiano nell'ingolfarsi entro il Mare, e frà gli altri vari impedimenti incontrati, per li quali non potè proseguire il viaggio dell'Indie, quello non fù piccolo del vedersi venute meno le Naui istesse, e che non poteua seruirsene di vantaggio, nè adempire per tal via il pensiero, che haueua di superare il Magno Alessandro; e questo fù, che gli cagionò la malinconia, che si disse; li cui pestiferi effetti, poco appresso, al suo vltimo fine lo condussero.

    C Ome Traiano hebbe per Sorella Marciana, così fù di lui moglie Plotina; la quale non trascurò punto d'accrescere la propria lode; peroche auuedutasi, che erano le Prouincie grauate di souerchio da'ministri dell'Imperadore, ne riprese il marito, rappresentandoli, che egli auuiliua con ciò la sua gloria, e che nè gli eserciti, nè li tesori sono li presidij de gl'Imperadori: ma più tosto gli amici acquistati, e mantenuti col beneficio, e confirmati con la fede: onde Traiano biasimandone l'effetto, disse, che veramente l'esattioni del fisco rendeuano lui più pouero, restando mancheuole dell'amore de'Popoli, impoueriti per simile rispetto. Fù tanta, nel rimanente, la modestia di Plotina, che quando da prima le conuenne entrare nel Palagio Imperiale, proferì simili parole. Quale entro quà, tale io desidero vscirne; e visse sempre in modo, che alcuno non potè giàmai dolersi di lei. L'effigie di cotale Donna si vede entro la medaglia di metallo, con acconciatura di capo assai vaga, e lettere: PLOTINA AVG. IMP. TRAIANI. Hà nel rouescio vna Donna in piedi, con schietto vestire, che sostiene con la sinistra mano, vn canestro di fiori, e di frutta, e porge con la destra delle spiche: intendendosi ciò per l'Annona, e vi si legge: FIDES AVGVST. S. C. ma in altra medaglia di Plotina, che hà l'istesso rouescio, & è pur nel mio Studio, si legge: FIDES PVBLICA.

    M Arciana disopra nominata, hebbe per figliuola Matidia honorata col titolo di Augusta, e d'essere dopo morta annouerata fra'Dee. Di lei nacque Sabina, che fù moglie d'Adriano, & anche vn altra Matidia, la quale viene fin hora da'scrittori confusa, con la Madre. Odolfo Occone afferma, che'l primo a distinguerla fù Marco Velsero, persona eruditissima, e che ciò auuenne in virtù d'vna antica Inscrittione, che egli teneua, frà molte altre, ne'suoi Giardini. Il non hauere io medaglia alcuna di simile Donna cagiona, che non ne pongo la effigie, nè che più oltre mi allarghi ne'fatti di lei. Q

Type: drawing

Type: drawing
Q 2

   CIascuno Autore concorre, che Adriano fosse Cugino di Traiano, e che per opera della moglie di lui Plotina, egli l'adotasse nell'Imperio. Ma ciò si rende più chiaro dalla medaglia di Adriano istesso, con testa, in età giouanile coronata di lauro,    1. e lettere: IMP. CAES. DIVI TRAIAN. AVG. F. TRAIAN. ADRIAN. OPT. AVG. GFR. cioè Imperatori Caesari, Diui Traiani Augusti Filio, Traiano, Adriano, Optimo, Augusto, Germanico.    2. & hà nel rouescio Traiano in piedi, togato, che ad Adriano, parimente togato, porge con la destra vn globo significato per lo gouerno del Mondo, con lettere, che seguitano le già dette, cioè: DAC. PARTHICO. P. M. TR. P. COS. P. P. S. C. la quale medaglia rappresenta, per mio credere, la nominata adottione, & anche l'hauerlo Traiano posto a parte dell'Imperio, e concedutogli i titoli vsati da gl' Imperadori, e specialmente da lui medesimo.    Si tiene, che Adriano nascesse insieme con Paolina sua Sorella, in Adria Città d'Italia, e fossero il Padre Elio Adriano, e la Madre Domitia Paolina di natione Spagnuola. Di dieci anni restò senza Padre, & Vlpio Traiano, e Celio Vatiano furono suoi tutori. Imparò lingua Latina, e Greca. Di quindici anni si applicò nella Patria a gli esercitij Militari: si dilettò di Filosofia, di dipingere di scolpire, e d'altre professioni, e in prosa, e in versi lasciò dell'opere. Di anni dicianoue, richiamatolo a Roma Traiano, lo tenne con sè, come figliuolo, e deputollo fra'Decemuiri a terminare le cose del Popolo. Fatto Tribuno della seconda Legione, si condusse al gouerno della Misia, e con ottima fortuna lo terminò. Per obedire Plotina, prese per moglie Sabina Nepote di Traiano, e la memoria di ciò può tenersi, che per acquistare la beneuolenza di amendue, rappresentasse il    3. Senato, assunto Adriano all'Imperio, nella medaglia con testa laureata, e lettere: IMP.    4. CAES. TRAIAN. HADRIANVS AVG. e l'effigie della moglie nel rouescio, con inscrittione: SABINA AVGVSTA ADRIANI AVG. P. P. cioè Patris Patriae.    Nella prima guerra fatta da Traiano contra i Daci, Adriano vi fù Questore, e nella seconda gouernò la prima Legione, la quale dalla Dea Minerua era protetta; e tanto vi si segnalò, che hebbe in dono da Traiano il diamante già dato a lui da Nerua: la onde maggiore si fece in esso la speranza di douergli succedere nell'Imperio; massimamente: che non lasciaua d'inuestigare sopra ciò il senso de gli Astrologi. Tornato l'Imperadore in Roma, restò Adriano Pretore nella Dacia; di doue trasferitosi in Vngheria, vi acchetò li tumulti, che v'erano suscitati, e l'anno seguente hebbe il Consolato. Indi a non molto, col fauore di Plotina, e di Sura fù adottato da Traiano, e costituito successore nell'Imperio, come si raccoglie dalla medaglia disopra addotta. Hebbe dapoi il secondo Consolato, e giuntogli in Siria l'auuiso dell'adottione, vi fece celebrare, con giuochi, il giorno del suo Natale. Ma non molti mesi passarono, che morto Traiano, si seppe prima in, Roma, per opera di Plotina, l'adottione istessa in persona d'Adriano, che la morte dell Imperadore. Accettato Adriano l'Imperio, fece dal Senato annouerare Traiano fra'Diui; e ricondotte con pompa le ceneri di lui a Roma, e dal Popolo riceuute con segnali di tri- stezza,

stezza, le allogarono dentro vnapalla d'oro sopra la Colonna, già alzata nel suo foro. Nell'anno primo dell'Imperio d'Adriano egli rilasciò molti Regni, e Prouincie acquistate dall'antecessore, per la solleuatione, che tutti fecero; e Psamatosiro, fatto da Traiano Rè de'Parti, non volendolo quelli vbidire, fù dalui impiegato al comando d'altri Popoli. Tornando Adriano in Roma, volle il Senato concedergli il trionfo, che de'Parti doueua il Padre condutre, & esso lo ricusò, ordinando, che l'Imagine di Traiano, fosse portata in quella pompa; accioche si godesse, anche in morte, del meritato honore. Mostrò il Senato il ragioneuole contento del suo ritorno, e ne decretò il segnale in medaglia, con    5. testa, & inscrittione poc'anzi notata, che hà nel rouescio l'Imperadore togato in piedi, con dinanzi a sè Roma sedente, sopra dialcune spoglie militari, che appoggia la sinistra ad vn hasta, e porge a lui la destra, leggendouisi: PONT. MAX. TR. P. COS. II. ADVENTVS AVG. S. C.    Viaggiu nse poscia l'altra medaglia, che oltre la testa, e caratteri descritti, dà a vedere    6. la Dea Fortuna sedente, che tenendo, con la destra, il timone di Naue, sostiene con la sinistra il Cornucopia, e vi si leggono le stesse parole dell'altra, se non, che in vece di ADVENTVS AVG. vi stà posto: FORTVNAE REDVCI. Della Fortuna si dissero alcune cose in Nerua: main questa si dee più specialmente riferire, che le persone, da lungo viagg o ricondotte alle proprie case, a lei sacrificauano: stà a sedere, volendo denotare il riposo con seguito, e l'hauere ricuperato il possesso delle fortune, e de'beni. Le si fà il Cornucopia; il quale dimostra l'abbondanza delle cose, come altroue si è detto; volendosiintendere de'beni, alcuni dell'animo, altri del corpo, & altri esteriori, o della Fortuna; e tal volta si attribuiuano quelli del corpo, e gli altri dell'animo, alla Fortuna stessa, sotto la sedia della quale si soleua porre vna ruota: volendosi con ciò, dar a vedere, che ancora, che ella stia sedendo, è tuttauia mobile.    L'honore del titolo di Padre della Patria, già attribuito dal Senato ad Adriano, e che nella medaglia di lui si era incominciato a vedere, egli ricusò; stimaudolo più proprio del PadreTraiano, che suo, nè volle per molto tẽpo vsarne. Non accettò dalle Città d'Italia il tributo solito darsi a'nouelli Imperadori, per fabricarne le corone d'oro; & iscemò quello, che haueuano per costume di contribuire l'altre Prouincie, giudicandosi altrettanto ricco, quanto si fossero serbate tali le Nationi a lui soggette. Isgrauò i Popoli de'nuoui tributi, e gl' inuentori di quelli licentiò. E perche la strettezza delle vettouaglie cagionaua carestia, fece ogni diligenza di prouederne; accioche in Roma non fusse conosciuta, & il Senato ne mostrò gratitudine, decretando la medaglia, che oltre la testa con tutto il petto,    7. e lettere già dette, contiene di rouescio il Simulacro, in piedi, dell'Annona, la quale posando la destra su'l fianco, sostiene con la sinistra il Cornucopia, e le si vede a'piedi la misura detta Congio, con dellespiche di grano dentro, e col papauero; & vna prua di Naue appresso, leggendouisi: PONT. MAX. TR. POT. COS. II. e nel disotto: ANNONA AVG. S. C. Tal Simulacro dimostra l'abbondanza, e che per la diligenza vsata dall'Imperadore per terra, e per mare, questa non era per venire meno, e però vi stà la prua di Naue. Le spiche entro il Congio, denotano l'istesso; nè il papauero è inferiore simbolo dell'abbondanza, come altroue si è detto; poiche, ne gli anni fertili, molti se ne truouano per la campagna: oltre che è pur verità, che coloro, che sono proueduti divitto, possono meglio, e senza pensiero dormire. Vi è

   Vi è ancora il contrasegno del Congiario, che diede Adriano al Popolo, per l'adottione fattain persona di lui da Traiano, oltre la testa da vnlato dimedaglia più simile al Padre, chea lui, con tali note: IMP. CAES. TRAIANVS HADRIANVS AVG. stà scritto nel    8. rouescio PONT. MAX. TR. P. COS. II. S. C. evisono due palchi, sopra ciascuno de'quali stà sedente l'vno de'due Imperadori, &vn di essi attende alla distributione del donatiuo atteggiando l'altro con la destra, quasi egli alcuna cosa comandi: essendoui anche il simulacro della Liberalità, e persona, che sale la scala, per giungere a prendere dalle mani dell'Imperadore ciò, che egli distribuisce: con lettere: LIBERALITAS AVG. senza nota di prima, seconda, o terza: onde può stimarsila prima, già che nelle seguenti ve n'è particolare distintione. E perche così fatti donatiui specialmente nelle solennità delle adottioni seguiuano di varie cose, come d'Oro, d'Argento, di Gioie, Vesti, Caualli, Pitture di pregio, Serui, Naui, Case, Campi, e simili, che importauano di molti millioni di valuta; dauano all'hora gl'Imperadori alcuni contrasegni detti Tessere, che erano certi legnetti piccoli quadri, soprai quali era contrasegnata la sorte di quello, che a ciascuno toccaua, e che gli era poi proueduta da'Ministri a tale affare deputati: come si tiene, che seguisse parimente ne'Congiarij, distribuendosi in essi non pur danari; ma grano, vino, olio, sale, e simili, chiamandosi tutto col nome di Congiario; perche toltone il danaro, era sodisfatto, al contrasegno delle Tessere, con la misura detta Congio, che dodici libre di peso conteneua. La onde, ancorache fosse la distributione d'Oro, d'Argento, e fin di Balsamo, dato dal presente Imperadore Adriano, tutto veniua compreso sotto il nome di Congiario, secondo si disse in Nerone. Stimasi pertanto, che la dimostratione fatta su'Palagi da gl'Imperadori fosse di distribuire, con grandissime acclamationi, & applauso de'circonstanti, le Tessere suddette, e non la roba istessa; la quale siriceueua poi da gli Edili, o altri, che tal cura haueuano.    Come si vede essere stato dato il suddetto Congiario nel Consolato secondo di Adriano: così nel medesimo, dimostra altra medaglia, esserui il terzo; peroche hauendo questa non più la testa similea Traiano, ma di Adriano laureata, e lettere: IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS AVG. P. M. TR. P. COS. II. v'ènel rouescio vn solo Palco, & vn solo Imperadore sedente, con persona dietro, & vna nel dinanzi, amendue in piedi, e in vestire breue, e questa tiene la Tessera, ne v'è scala: ma, da terra vn togato, stà per prendere, col seno della veste aperto, quello, che gli si darà, e v'è scritto: LIBERALITAS AVG. III. S. C. dimodo, che nell'istesso Consolato secondo, vedendosi il passato Congiario senza numero, che si stima fosse il primo, e poi questo segnato per il terzo, egli debbe dare tre Congiarij, douendoui pur esser la medaglia, che dimostri il secondo.    Tutto ciò si conferma, poiche nel Consolato terzo appare il quarto Congiario, e fù per auuentura quello del Balsamo, vedendosi in medaglia la testa di Adriano laureata, con lettere: HADRIANVS AVGVSTVS, e con l'Imperadore nel rouescio sedente su'l palco,    9. con la sola Liberalità stolata in piedi, che versa da vn Corno la roba, che si dona, nel seno di persona pure stolata, che da terra la raccoglie, e v'è notato; COS. III. e disotto: LIBERALITAS AVGVSTI IIII. S. C. Tale rouescio non s'è posto in stampa, benche più raro sia da gli altri, essendo del tutto simile a quello, che si vede poco appresso al numero II. fuori che in questo è vna figura di meno in terra, la doue nello stampato, ve ne sono due. Simili Congiari importauano, come s'è accennato, la valuta di molti millioni, per ciascuna

ciascuna volta: segno euidente delle grandissime ricchezze di que'tempi, e della magnificenza, e gran liberalità de'Principi. La tauoletta, che si vede nelle mani della figura, intesa per la Liberalità, che stà su'Palchi, era anche essa detta Tessera, di forma per ogni lato, quadra; e v'erano de'punti, o delle piccole pallottine, che denotauano la quantità delle cose da distribuirsi in quel Congiario.    Le diligenze suddette, e la liberalità vsata da Adriano, non hà dubbio, che gli apriuano la strada alla beneuolenza del Senato, e del Popolo, facendosi con piccolo capitale, gran guadagno da'Principi, lusingando isudditi con il buon gouerno, e co'doni; onde si mosse in quelli bene ardente il desiderio di vedere eternato il gouerno di lui, mentre il mezo, & il fine douessero a così fatti principij corrispondere. Il quale annuntio, che si può argomentare, gli facessero i Popoli, pare, che venga rappresentato nella medaglia, con testa cinta di corona radiata, e lettere: IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS AVG. P.    10. M. TR. P. COS. P. P. hà nel rouescio vna Donna in piedi; la quale tenendo amendue le mani alzate, solleua con esse, due teste, l'vna dalla parte destra rappresenta il Sole co'suoi raggi, e l'altra dalla sinistra dimostra la Luna col titolo: AETERNITAS AVGVSTI. S. C. Descrissero gli Antichi la Eternità in più guise: ma l'esprimerla, secondo siraccoglie in tale medaglia, è assai vago, e pellegrino: la Donna può essere Tetide figliuola di Nereo Dio Marino, e Madre d'Achille, intesa anche per il Mare; la quale il Sole sù la mano destra, e la Luna sù la sinistra sostiene; perche fece Dio prima il Sole, e dapoi la Luna, e pose a questa i confini dell'Occidente, & a quello, all'incontro, nell'Oriente: chiamandosi in Cielo l'Oriente parte destra, e sinistra l'Occidente. Apparendo pertanto alla vista humana l'vscire di cotali due gran luminari dal Mare, & insieme la subordinata vicissitudine, nel Sole, enella Luna, mentre il lume dell'vno viene immediatamente seguitato dallo splendore, che riflette nell'altra, quindi l'eternità ci si rappresenta: volendosi, che amendue sieno perpetui genitori delle cose, e che per propria virtù, generino, conseruino, e diano nutrimento a'corpi inferiori: e gli Egitij tennero, che questi due lumi delmondo douessero perpetuare infiniti secoli, e che fossero conseruatori, e nudritori di tutte le cose, sotto diessi create.    Simili honori erano, senza fallo, acutissimi stimoli all'animo d'Adriano di conseguire, col mezo della vircù, l'amore del Popolo; onde egli vsaua per ciò continui atti di liberalità, per gli effetti della quale decretò il Senato il bellissimo rouescio, che hauendo dali'opposto    11. lato la testa laureata, con lettere: IMP. CAES. TRAIAN. HADRIANVS AVG. P. M. TR. P. COS. II, contiene l'Imperadore sopra d'vn palco a sedere, con tenersi appresso il Simulacro della Dea Liberalità, che d'ordine di lui, versa dal Cornucopia, molta moneta, a due figure, che stando in terra, si dimostrano attente al prendere quello, che intorno ad esse, và cadendo; con tale elogio: LOCVPLETATOR I ORBIS TERRARVM. S. C. Quasi, che Adriano, frà tutti gl'Imperadori, fosse stato egli solo, l'arricchitore del Mondo, senza essere in ciò da altri auanzato.    Continuando Adriano nelle solite virtuose attioni, volle, che gli sbanditi di Roma, o coloro, che erano prigioni per debiti contratti col fisco, fossero assoluti, e restituiti alla patria: nè comportò, che li beni de'condannati si confiscassero per la sua Cam mera; anzi ordinò, che siponessero in publico, nè mai disdisse il fare giuste gratie ad alcuno, e la doue non poteua co'fatti, adempiua con le parole. A'Fanciulli, a'quali Traiano determi- nò per

nò per tutta Italia, gli alimenti, esso gli accrebbe. Per la pietà dunque, che dimostraua in simighanti opere, verso ciascuno, fù stampata la medaglia, che nell'opposto lato della    12. testa, con la corona radiata, e lettere descritte, sta il simulacro della Dea Pietà velata, dinanzi ad vn Altare, da cui si vede inalzare la fiamma; & essa tenendo il volto, e la destra mano solleuati, sostiene con la sinistra ciò, che di sacrificare intende, e vi si legge: PIETAS AVGVSTI. S. C. La quale Pietà altro non è, che la riuerenza, che si dee a Dio, a'maggiori, a'parenti, a gliamici, & alla Patria.    Fù Adriano dalle sue attioni giudicato, non men pio, che clemente: la onde nel rouescio    13. di altra medaglia, con testa laureata, e parole: HADRIANVS AVGVSTVS, si vede la Clemenza in piedi con la patera nella destra mano, & l'hasta nella sinistra; con la prima stà in atto di sacrificare, e di mantenere in quel tanto l'hasta quasi lontana da sè: mostrando, che può, nè vuole vsare il rigore, e che in tal vece manda ad effetto la Clemenza, si. gnificata nella patera; che è instrumento, con cui si sacrificaua a gli Iddij; de'quali è propria cotal virtù; e vi si legge: CLEMENTIA AVG. COS. III. P. P. S. C. Era la Patera vn vaso alla guisa di vna scodella, ma piano, & atto ariceuere il sangue della Vittima, o vino, o altra simil cosa da versare sopra l'Ara accesa, per adempirui alcun sagrificio.    Volle rappresentare il Senato la prudenza, con cui Adriano reggeua il tutto, mentre in vna medaglia, con testa, e lettere descritte, effigiarono la Dea Minerua, in habito Donnesco, se non quanto imbraccia, con la destra, lo scudo, e stà in atto di lanciare, con l'altra vn dardo, secondo fù rappresentata in Domitiano, e vi si legge: COS. III. S. C. Fù Minerua posta da gli Antichi per la Sapienza; evogliono coloro, che tutti i Dei alle diuerse potenze del Sole riferiscono, che Minerua sia certa virtù, che da lui viene, e che alla mente de gli huomini porge la prudenza, e'l sapere; perche questi, così fanno mestieri in tempo di guerra, doue conuiene, che l'huomo vegga molto, e con prudenza si gouerni, come in quella di Pace; nel quale può attendere al gouerno delle Città, al. le scienze, ed a tutte le arti. Chiamossi Minerua Dea della Guerra, & in forma di guerriera fecero la Statua di lei, con l'elmo in testa, con l'hasta in mano, e lo scudo imbracciato, secondo si è veduto in Claudio.    L'esempio delle buone, e continuate attioni d'Adriano, accrebbe, senza fallo, nel Senato, e nel Popolo, la speranza di vederlo sempre più acceso nel bene operare in prò del publico. Gli stamparono però la medaglia, con testa laureata, e parte del busto armato, e lettere: IMP. CAESAR TRAIANVS ADRIANVS AVG; & hà nel rouescio il Simulacro della Speranza, secondo nelle medaglie dell'Imperadore Claudio è descritta, leggendoui si: P. M. TR. P. COS. III.    E perche simile Speranza dimostraua il concetto, che si hebbe della retta giustitia di Adriano; si raccoglie però nel rouescio di altra medaglia, con testa, senza corona, e parole:    14. HADR I ANVS AVGVSTVS, vna Donna sedente, che mentre appoggia la sinistra ad vn hasta, porge con la destra la Patera, ev'è questa lode: IVSTITIA AVG. COS. III. P. P. Si fà la Giustitia sedente, richiedendo a'Saui, che deono giudicare, il riposo; e perciò il giudicio dee farsi sedendo. Tiene l'hasta, per la misura da vsarsi nell'amministrare la Giustitia; e la Patera dà segno, ch'ella è cosa Diuina: hauendo pur occhi di accutissima veduta, intanto che niuna cosa a lei è nascosa. E'bella Vergine, ma terribile nell'aspetto; non però superba, nè humile: ma tale, che con honesta seuerità, si rende degna di riue- renza.

renza. Così fatti deono essere i Ministri di lei: douendo penetrare, con acutissimo vedere, la più occulta verità, poiche questa riuolta sotto mille coperte, si stà nascosa, nel più profondo; e mostrerannosi, alla guisa delle caste Vergini, puri, emondi, contra le lusinghe, o altro, che potesse corromperli, giudicando per ragione, con ferma seuerità. Ma egli vi è pur anche la Giustitia distributiua, che comprende il donare, e'l fare delle gratie, e de'benefici; e questa s'appartiene al solo Principe; benche qualunque habbia gouerno di Stati, hà officio di Giudice; & Augusto l'esercitò spesso, anche mentre era infermo, e'l simile seguì d'altri Imperadori, e d'Adriano specialmente.    Col medesimo pensiero di mostrare la Giustitia, con la quale, in tutte le cose procedeua Adriano, e per la cui e se cutione ognifelicità si proua nelle Republiche, decretò il Senato la medaglia, con testa laureata, e lettere: IMP. CAESAR TRAIAN. HADRIANVS AVG.    15. mostra nel rouescio il Cornucopia, con sopraui vna bilancia, in equilibrio, e vi si legge: P. M. TR. COS. III. Virtù, propria del Principe, è la Giustitia, e la Clemenza: ma la prima, è di proprio suo officio, conuenendo a lui il gouernar bene, e rettamente I sudditi, accioche con tranquillità si viuano; e la principal parte del Gouerno è il giudicare, e dare ad ogni vno quello, che gli appartiene, o per debito, o per conuenienza, che è opera della perfetta Giustitia.    Mostrò il Senato, che Adriano a Giunone, a Gioue, & a Minerua fosse specialmente caro: ouero, che egli si confermasse nell'operationi sue a quelle, che a simili Deità si attribuiscono. La onde si vede entro vna piccola medaglia la testa laureata con lettere:    16. HADRIANVS AVGVSTVS, & vn Pauone, che con distese penne và facendo la superba sua ruota: vn Aquila, che stà in atto di guatarlo; & vna Ciuetta ad vn pari con esse: volendo rappresentare col primo Giunone, con la seconda Gioue, e con l'altra Minerua, delle quali Deità gli stessi animali sono figura. Ma forse vi si hebbe per fine d'intendere, col Pauone lo splendore delle operationi, con l'Aquila la generosità dell'animo; e con la Ciuetta la prudenza di Adriano.    Si legge, che per tre giorni, celebrò Adriano la festa del Dio Genio, cioè del suo nascimento; nel quale fece conuiti a'primati di Roma, e dell'Imperio, e per sei altri giorni rappresentò le feste de'Gladiatori: ma non perciò si troua scritto, che celebrasse i giuochi Quinquennali; e pur vi è vna piccola medaglia, nella quale si vede la memoria di cotali giuochi, nell'opposta parte della testa, e lettere suddette, scorgendouisi vna tauola, col vaso sopra, e con la corona, nell'istessa forma, che per entro la medaglia di Nerone si descrisse, leggendouisi in questa: COS. III. De'nominati giuochi fù detto alcuna cosa, in Augusto.    Gouernaua Adriano con la solita prudenza la Città, e la Republica, mostrandosi conuerseuole con gli amici; liberale co'poueri; pietoso con gl'Infermi, visitandoli di persona; e stimatore de'Virtuosi souuenendoli, quando dispose di trasferirsi a visitare la Gallia Transalpina. Per la qual cagione, è facile il credere, che non si ponesse in viaggio, senza lasciare Roma, e l'Italia, in cura di persone sagge, e che conducesse con lui armata di Mare, e di Terra per tntto quello, che gli fosse d'improuiso accaduto. Si vede ciò espresso    17. in varie medaglie; l'vna delle quali nell'opposto lato alla testa con lettere descritte, dimostra vna figura a cauallo, che fà vista, alzando la destra mano, di comandare alcuna cosa, mentre il camino affretta, e visilegge: COS. III. S. C. EXPED. AVG. R L'altra

   L'altra contenendo l'effigie laureata, con parte del petto ignudo, e inscrittione: IMP.    18. CAESAR TRAIAN. HADRIANVS AVG. hà nel rouescio vn rostro di Naue, intorno di cui si legge: P. M. TR. P. COS. III. S. C.    Nella terza, oltre la testa dell'Imperadore, si rappresentano tre insegne militari, o legionarie, con lettere: COS. III. S. C. Ma di simili insegne, si sono vedute altroue.    Si raccoglie il progresso felice de'viaggi, che fece Adriano, dalle Naui, che stanno scolpite    19. in differenti medaglie dall' oppoito lato della testa, con lettere: HADRIANVS AVGVSTVS; sopral'vna delle quali, che vien detta Pretoria, o Rostrata, si legge: FELICITATI AVG. e nel disotto; COS. III. P. P.    Segue bene in diuersa medaglia, vna simile Naue; ma di più della prima, hà le vele    20. gonsie, e vi si veggono due Insegne militari, oltre i remiganti, & vna figura, che se ne stà a poppa sotto coperta, in atto di comandare, che può essere l'Imperadore; & hà sù la prua vn Tritone con sua coda di pesce, che fà vista di dare il fiato ad vna ritorta conchiglia di terribile suono, detta buccina; & al piè de'remi si scorgono alcuni pesci, & vn Delfino, leggendosi sù la vela: FELICITATI AVG. come nel disotto della Naue: COS. III. P. P. Intendono alcuni, che tal Naue rostrata, o Galea, debba hauersi per la felicità dell'Imperadore; massimamente, che le lettere scritteui: FELICITATI AVGVSTI, pare, che lo confermino: maio non sò qual fondamento, si habbia cotal ragione; perche anche di simili vascelli, per cagione di tempeste, sono agitati, vanno a trauerso, e rompono in Mare: oltra, che si truouano della felicità altri simboli senza, che di Naui, o di Galee si facciain essi mentione; e raccogliendosi, che nel Consolato terzo d'Adriano, egli viaggiò verso la Francia, & altre parti del Mondo, stimo più tosto, che simili viaggi, fossero da lui fatti, per lo più, sù le Naui, o Galee, e che il Senato mirasse il rappresentare ciòcon le medaglie descritte, e che con le lettere: FELICITATI AVGVSTI, gli annuntiasse felici i viaggi: ouero, che hauendoli egli terminati dapoi felicemente, lo rappresentasse entro le medaglie, come di auuenimento felice incontrato in persona dell'Imperadore: Le Vele gonfie da'fauoreuoli venti, sono senza fallo, gran parte di felicità per coloro, che nauigano, rendendosi, con simile aiuto, minore la fatica loro: oltre, che più tosto al destinato termine si conducono: Il Tritone, che suona la buccina, sù la prua della Naue, essendo Dio Marino, e da tutti chiamato Araldo, o Trombettiere del Mare fà, per tal via, la sua parte, disgombrando col terrore del suono, i mostri, che in molte guise haurebbono, per auuentura, il preso viaggio ritardato: ma pur vi si veggono alcuni Delfini guizzare d'intorno; perche essendo questi Regi de'pesci, secondo sono i Leoni delle Fere, e l'Aquile de gli Vccelli, si dimostra anche, in ciò, la felicità, che viaggiando hebbe Adriano.    Per così fatti viaggi per Mare dell'Imperadore giudico, che dal Senato, e dal Popolo Romano fosse sacrificato al Dio Nettuno; accioche lo conducesse, e riconducesse prospero, e che se ne raccolga principalmente il segnale nella medaglia, con testa, e nome descritto, e Nettuno ignudo in piedi, che appoggiato con la destra al tridente, tiene nella    21. sinistra vn Delfino, calcando col piede dell'istesso lato, vna prua di Naue, nè altro vi si legge, che: COS. III. S. C. Dipinsero, gli Antichi Nettuno col tridente, cioè con l'hasta armata ditre punte, sì perche seruiua a correggere nel Mare il gregge ondoso, come per denotare li tre golfi del Mediterraneo, che escono dal grande Oceano: ouero per le tre

tre nature dell'acqua; essendo quelle de'fonti, e de'fiumi dolci: quelle de'Mari salse, & amare, e quelle de'Laghi, quantunque non sieno amare, non riescono nondimeno grate al gusto humano. Tiene nelle mani il Delfino, per dare a vedere il dominio di lui sopra de'pesci, e Mostri Marini, come dianzi si disse: ma cotal pesce gli fù anche più caro de gli altri; perche volendo egli hauere per moglie Anfitrite, ella con pensiero diviuere Vergine, si nascose appresso Atlante: la onde mandò Nettuno molti di lei cercando, e solamente l'vno detto Delfino trouolla, e con tanta efficacia la porsuase, che si contentò di essere sposa di Nettuno; e perciò quello ne fù da cotal Dio molto amato, e tenuto sempre appresso di lui: gli si vede il panno cadente, che doueua essere di colore celeste, per rappresentare con esso il Mare, che di simile colore è tinto; & hà su'l capo vna corona di colore bianco, dimostrando in ciòla spuma, che le agitate onde marine vanno facendo. Lo rappresentarono, credo io, in questo luogo, in atto di riposo, col piede sopra vn timone di Naue; accioche nell'istessa guisa piaceuole, e riposato, nel viaggiare di Adriano, si disponesse al recare sicura, e quieta la Naue di lui: ouero per la prosperità di già recatale, mentre solcò l'onde Marine. Fù Nettu no inuentore delarte dell'Nauigare, e perciò Dio del Mare fù chiamato.    Restrinse Adriano i termini dell'Imperio ampliati da Traiano oltre il Danubio, col guastare il ponte, che egli vi edificò e ciò forse per togliere le cagioni de'solleuamenti, che suscitarono in diuerse Prouincie nel principio dell'Imperio di lui. Ma ben poi si vide, che partendo di Roma per visitare la Gallia, e le altre parti del Mondo, soggette all'Imperio, ciò seguì con determinatione di opporsi con le forze, là douefosse nata la guerra, essendogliben palese questa essere solita di nascere dal bel mezo della Pace; la quale prontezza dell'Imperadore di viaggiare, e di domare gl'inimici, con l'armi, venendone il bisogno, stimo, che rapprcsentasse il Senato nella medaglia, con testa senza corona,    22. e nome sopradetto, e lui stesso a cauallo, che stringendo vna lancia nella destra mano, fà vista di andare ben veloce, e pronto adincontrare qualunque opportunità di guerreggiare, e vi si legge: COS. III. P. P. S. C. La quale opinione vien confermata, per mio parere da quello, che nella vita di lui si legge: cioè, che i Principi del Mondo, si mantennero in pace con esso; perche era loro noto, che egli si staua sempre proueduto di fare la guerra.    Giunto Adriano nella Francia, e visitatala, vi liberò li Soldati. che da alcuna cagione impediti, non poteuano più stare sottoposti al mestiere dell'armi; & ordinò molte cose vtili a que'popoli; e fatteui di nuouo delle fabriche, ristoratone molte delle vecchie, parti, lasciando ciaseuno, di lui ben sodisfatto. Io mi dò a credere, che la liberalità di così fatto Principe nel restituire a'Soldatiinhabili la libertà, rappresentasse il Senato entro la medaglia, che oltre la testa laureata, e titolo: IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS    23. AVG. mostra l'Imperadore sedente sopra d'vn palco; e che da terra gli stà dinanzi, in piedi, vna Donna ben grande, con lunghe vestimenta, che sostenendo su'l sinistro braccio, vna piccola figura, con le braccia aperte verso l'Imperadore, vn altra, che le stà accanto in piedi, ne addita con la destra: quasi ella sia la Dea Libertà istessa, che per quelle figure, intese per li Soldati infermi, o da altri impedimenti oppressi, chiede, che sieno esẽtati dal seruitio; la qual cosa col distẽdere, che fà l'Imperadore la destra mano, pare, che vẽga da lui cõceduta, e vi è scritto: PONT. MAX. TR. POT. COS. III. LIBER TAS RESTITVTA. S. C. R 2 E perche

   E perche auuicinandosi Adriano alle Prouincie, che andaua visitando, può credersi, chei capi di esse incontrandolo, molti honori gli facessero; quindi cred'io, che per serbarne la memoria, fossero stampate più medaglie, che tale auuicinamento, l'incontro de' Popoli, e'l riceuerlo con sacrifici, & annuntij buoni, rappresentino: secondo si raccoglie nell'vna, con testa coronata di lauro, e lettere: HADRIANVS AVG. COS. III. P. P. hà    24. nel rouescio l'Imperadore togato, col volume nella sinistra, che alza la destra in atto di promettere alcuna cosa a persona purtogata, che gli stà all'incontro, porgendo la patera sopra d'vn ara, apparecchiata, nel mezo di essi, insieme con la vittima, per sacrificarui, e vi si legge: ADVENTVI AVG. GALLIAE.    Passò Adriano nella Germania, cupido di pace, ma però sempre apparecchiato alla guerra; poiche manteneua in tal guisa in operatione il suo esercito, come s'hauesse ad ogni hora hauuto incontro l'Inimico; & esso mescolandosi tra'priuati Soldati, nel cibo, nel portare armi, & altri arnesi, si faceua di eguale conditione di coloro, ch'erano vsati di soggiacere ad altri, trattando per tal via, duramente il corpo; accioche egli fosse più pronto ad obedire all'animo. Conosceua ad vno ad vno gli stessi Soldati, sapendone il numero preciso; & a chi'l meritaua, faceua manifesta, con premi, la virtù loro: e di modo ripose l'esercito entro il rigore dell'antica militare disciplina, che ciò credo desse cagione    25. al Senato di rappresentar la singolare virtù di così fatto Principe, entro la medaglia, con testa, e lettere descritte, e l'Imperadore istesso armato, che solleuando la destra, vi stringe il Parazonio, ouero vn bastone da comando, mentre calca col piè dell'istesso lato, vn elmo, & appoggia la sinistra ad vn hasta, leggendouisi: P. M. TR. P. COS. III. e per lo trauerso: VIRT. AVG. S. C. si vede rappresentata in questo luogo, la Virtù, in habito di maschio, in riguardo della Fortezza, che si richiede a ciascuno, che possiede la Virtù.    Aquesto si aggiunge la medaglia, che dimostra dall'vn lato la testa, col nome già detto;    26. e dall'altro la disciplina, in cui egli mantiene l'esercito: vedendouisi l'Imperadore, il primo in ordine, caminare dinanzi a'Soldati, e che per auuentura insegna loro quello, che deono eseguire, non senza vsare della fatica solita, di nudrire l'animo suo grande, e generoso, hauendo egli virtù basteuole, per sopportarla. Tutto però si rappresenta col numero di quattro di essi, tre de'quali lo seguitano con l'Insegne Legionarie: potendosi credere, che l'altro senza Insegna, sia alcuno de'capi, e che dietro segua il rimanente dell'esercito; e nel disotto di così fatta medaglia, leggesi: DISCIPVLINA AVG. S. C. Si distinguono con l'Insegne le squadre, s'ordina con facilità l'esercito, gli si fà con esse la scorta nel viaggiare; e nelle strette battaglie si stimola la virtù de'Soldati, a difendere ciascuno lasua: essendo più fiate accaduto ne'casi perigliosi, che tolta da'Capitani, l'Insegna di mano al Banderaio, e gittatala nel Campo inimico, i Soldati di quella, fatto impeto, per ricuperarla, scompigliarono per tal via gli ordini de gli auuersari, e seguitati animosamente da'compagni, ne riportarono di memorabili vittorie. Furono le principali Insegne de'Romani l'Aquile sopra l'haste, per essere tal vccello dedicato a Gioue, e sempre di buono augurio: ma ve n'hebbero diuerse altre: gli eserciti loro minori erano almeno di due Legioni, ciascuna delle quali portaua vn Aquila; e queste si formauano, di diece mila Fanti, & altrettanti aussiliarij, e circa mille ottocento Caualli. La Legione costaua di dieci Coorti, con vna Insegna per vna, formata col Dragone; poiche essendo cotale animale vigilantissimo, fù perciò posto a guardia de gli Horti Hesperidi, ricordandosi, con esso,

esso, a'Soldati la vigilanza, che s'apparteneua loro d'vsare in guerra. Ogni Coorte conteneua almeno cinquecento Fanti, e sessantasei Caualli regolati sotto particolare bandiera; e perche non parue, che a tanto numero fosse facile il riconoscere vna sola Insegna, specialmente combattendo, doue di leggieri si confondono gli ordini, diuisero le Coorti in centurie; e di queste portaua ciascuna la propria Insegna col nome della Coorte, sotto la quale militaua, & anche il numero: cioè se era la prima, la seconda, e come segue; accioche dal vedere ogni vno la sua Bandiera, siritenesse ne gli ordini, o disordinati, più facilmente si riordinassero. Ogni Legione dunque haueua vn Aquila, dieci Draghi, e almeno cinquanta altre Insegne: oltre lo Stendardo Generale, che solamente nell'atto del dare la battaglia, era spiegato. V'erano in oltre le appartate Bandiere de'Saccomanni, e Viandanti, a dugento per Bandiera; & anche la Imagine dell'Imperadore portata nella prima Coorte: riferendo Tacito, che Tiridate, depose il Real Diadema a'piedi dell'effigie di Nerone, che era nel Campo di Corbulone. Ma così le Coorti, come le Legioni s'alterauano, e scemauano di numero, secondo i tempi, el'occorrenze, o il piacimento de'Capitani, e de'Principi: trouandosi in ciò differenti così fatti numeri ne gli Autori. Equesta, e anche maggiore quantità di Soldati veniua disciplinata da Adriano, senza perdonare a fatic a, per hauere l'esercito pronto, e ben instrutto nell'arte militare, & in quello, che richiede l'obedienza, e'l buon gouerno.    La medesima cura, che hebbe Adriano nel tenere ammaestrati i Soldati, si raccoglie    27. nelle due seguenti medaglie, vedendosi in amendue l'Imperadore a cauallo parlamentando a gli eserciti, rappresentati in tre Soldati, che gli stanno dinanzi a'piedi, con l'Insegne Legionarie; e che nell'vna sia l'esercito Dacico, e nell'altra il Retico, contenendo dall'vn    28. lato la testa di esso nel Dacico, senza corona, e nel Retico con la laurea, e lettere disopra notate, e come si legge nell'vna: EXERCITVS RAETICVS. S. C. COSÌ stà scritto nell'altra EXERCITVS DACICVS. S. C.    Si trasferì Adriano dalla Germania, in Inghilterra: ma non hauendosile medaglie, che rappresentano tutti li viaggi di lui, si recheranno quelle, che io tengo appresso di mè. Molte leggi egli impose, & altre ne corresse, e riformò in detta Prouincia, & vdito, che frà le Colonie, già condotteui da Cesare il Dittatore, e gli antichi Habitatori del Paese, passaua notabil discordia, nè alcun ripiego trouandoui, per fargli restare vniti; dispose diuider loro, per lo mezo, il Regno, & a cotal effetto, fabricò vna muraglia da Mare a Mare; la quale per l'opera, e per la spesa riuscì così grande, che con ammiratione di tutto il Mondo, ne fù l'animo di Adriano stimato grandissimo. Composta simile differenza, passò nella Gallia Transalpina, doue per cagione di confini era nata seditione, & acchetatoui il tutto, vdito colà esser morta Plotina di Traiano, le innalzò vn Tempio di mirabile opera in Nimes, & andato nella Spagna, vedesi il segnale di cotal viaggio nella medaglia, con    29. testa, e nome suddetto; hà nel rouescio l'Imperadore togato, in atto di dire alcuna cosa ad vna sigura, che sopra le vestimenta lunghe, che porta, hà vn mantello; e tiene nella sinistra vn ramo, che può credersi d'oliuo, o d'alloro, mentre, con la destra, porge la Patera verso vn Ara, per sacrificarui; al piè della quale, stà apparecchiata, per tal fine, la vittima, e vi si legge: ADVENTVI AVG. HISPANIAE. S. C.    Dimorò Adriano tutto il Verno in Tarracona; doue ristaurò, a sue spese, il Tempio di Augusto. Conuocati iui li Primati della Prouincia, molte leggi vtili instituì, e singolari gratie,

gratie, e donatiui fece loro, componendoui le differenze, che per cagione de'confini, v'erano nate; e postiui gran pilastri di pietra, per segnali, il tutto lasciò in assetto. Morto nella Germania vn Rè, ne creò vn altro Adriano, e vi fù riceuuto, & obedito. Voltossiad acchetare alcuni moti suscitati nella Mauritania, e nel solo giungerui, ciascuno si compose. Vedefi la memoria di simil viaggio in medaglia, che nell'opposto lato della testa, con    30. lettere descritte, dimostra lui togato, che fà vistà di parlare alcuna cosa a persona, che in habito succinto, gli stà dinanzi, con la vittima, & vn hasta nella sinistra, sopraui vn Insegna, alla guisa del Labaro, e col capo coperto della proboscide di Elefante, che si erge in alto, leggendouisi: ADVENTVI AVG. MAVRITANIAE.    Solleuaronsi in quel tanto i Parti, & il moto loro, che fù grandissimo, seguì fin che giunse Adriano a parlamentare con essi. Nauigando dapoi per l'Asia, approdò nell'Acaia, e con l'esempio di Hercole, e di Filippo; si prese in Eleusina le cose sacre, e condottosi in Atene, vi honorò i Filosofi, facendo loro, & a molti Popoli, di gran doni. Indi verso la Macedonia incaminato, si raccoglie la memoria di tal viaggio nel rouescio di medaglia,    31. con solita testa, e lettere, e l'Imperadore in pieditogato, fauellando ad vna figura, che gli si vede dinanzi in atto di sacrificare sopra di vn Ara; a'piedi della quale è la vittima: ma essa porta vestire breue, e con certo manto in dosso, gittato nel didietro, con tali note: ADVENTVI AVG. MACEDONIAE. S. C.    Giunse parimente Adriano nella Giudea, e nella Bitinia, apparendo la prima in medaglia,    32. Donna sacrificante ad vn Ara con la vittima a'piedi, a cui l'Imperadore stà dinanzi togato, in atto di parlare, etiene due piccoli fanciulli, l'vno per lato: ma quello, che si vede nel sinistro, sostiene vna lunga palma, con questi caratteri: ADVENTVI AVG. IVDEAE. S. C.    La Bitinia ci si dimostra, in medaglia, Donna con habito lungo, ma diuisato in sè col    33. manto sopra, e con ornamento in capo, a guisa di due meze Lune: tiene con la sinistra, cosa simile ad vn timone di Naue, e con la destra mano sacrifica ad vn Ara: hauendo nel dinanzi l'Imperadore, che le stà parlando, e vi si legge: ADVENTVI AVG. BITHYNIAE. S. C.    Si trasferì poscia Adriano a Roma, e simile ritorno si raccoglie nella medaglia, con testa,    34. e lettere descritte, e con l'Imperadore togato, in atto di parlare, con persona, che nel vestire, hà sembianza di Donna; la quale porgendo, con la destra la patera sopra di vn Ara, al cui piede è la Vittima, sostiene con la sinistra il Cornucopia, e vi è notato: ADVENTVI AVG. ITALIAE. S. C.    Dee credersi, che Roma sentisse contento del ritorno del suo Principe, e che facesse etiandio de'sacrifici alla Dea Fortuna riconduttrice: mentre il Senato lo dimostrò in medaglia, contesta, ornata di corona radiata, e lettere; IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS AVG. P. M. TR. P. COS. III. e la suddetta Dea Fortuna sedente, che appoggiando la destra ad vn timone di Naue, sostiene con l'altra il Cornucopia, e vi hà vn tal titolo: FORTVNAE REDVCI. S. C. la quale si è nella forma istessa, poco innanzi, dimostrata.    Ma per fare apparire, come io mi persuado, il contento del publico, per tal ritorno, si vede l'altra medaglia, con testa laureata, e lettere: HADRIANVS AVGVSTVS, che contiene il Simulacro di Roma armato, e sedente sopra vn vsbergo; con la destra mano sostiene il Palladio, e con la sinistra il Cornucopia, per segnale della felicità, leggendouisi: COS.

COS. III. S. C. la qual figura di Roma s'è veduta specialmente in Nerone.    Volle etiandio il Senato, che ad honore di Adriano apparisse altra memoria della felicità    35. di lui nella medaglia, con testa, e lettere: HADRIANVS AVG. COS. III. P. P. e la Dea Felicità, che tenendo nella sinistra il Caduceo, porge la destra all'Imperadore, che togato le stà dinanzi, leggendouisi: FELICITAS AVG. S. C. E'veramente felice il Principe, che senza sentir trauagli, mena sua vita, fino all'estremo, nello stato medesimo, nel quale nacque; ma felicissimo era Adriano, che gli affarisuoi, e quelli dell'Imperio conduceua con incredibile felicità.    Appresso questo, appare vn segnale della religione di Adriano nel medaglione, contesta laureata, e titoli suddetti, che contiene la Dea Vesta sedente, col Palladio nella destra, e l'hasta, o face nella sinistra mano, consolamente: VESTA. Cotal Dea intesa pe'l fuoco, reca segnale di Religione; perche niunsagrificio si fà senza fuoco, & essa in tutti, prima di qualunque altro de gli Dei, era inuocata: e perche il Palladio denota Eternità, e nel Tempio di Vesta si serbaua il fuoco inestinguibile, & eterno, però le si faceua simil Palladio nelle mani: così fatto-simulacro, si è veduto in Galba.    Può credersi, che nel ritorno di Adriano, egli non lasciasse di vsare della solita liberalità verso il Popolo, per souuenimento de'suoi bisogni, vedendosene il rincontro nella medaglia, con testa, e lettere: IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS AVG. P. M. TR. P.    36. cos. e col palco, sopraui l'Imperadore sedente, che tenendosi appresso vna Donna in piedi, questa versa, dal Corno di Douitia, delle monete nelgrembo di persona togata, che stà in terra. Tal Donna dee essere la Liberalità: leggendouisi: COS. III. S. C. LIBERALITAS AVG. IIII. Questa è la Virtù principale, che rende grati i Principia'Popoli; massimamente, che stando appresso di essi le ricchezze, e dispensandole a coloro, che ne tengono bisogno, si rendono nel ciò fare simili a Dio, che è il vero, e singolare datore di tutti i beni.    Appena giunto Adriano in Roma, non ricusando, per desiderio d gloria, fatica ne i pericoli, prese di nuouo il camino verso l'Africa, doue allogò molti beneficij. Fù tale la celerità di questo Principe, nel ricercare tanti paesi, e nationi, che non vi hebbe, chi lo auanzasse; per la qual cagione stimo, che si veggala medaglia, in cui rappresentan dosi la testa dell'Imperadore, con la corona radiata, e lettere: HADRIANVS AVGVSTVS, contiene    37. nel rouescio il Cauallo Pegaseo, che con disciolte gambe, e con ale grandi, e distese, velocemente fà suo corso, nè altro vi si legge, che COS. III. S. C. Simile Cauallo, oltre, che da alcuni è tenuto, persimbolo dell'Africa, ci significa ancora la Fama, e la Gloria.    Ma simigliante celerità pare, che traesse sua origine dalla sola vigilanza, con cui procuraua Adriano, che le cose dell'Imperio, e de'sudditi sortissero felicemente; e quindi giudico, che prendesse occasione il Senato di palesare tal concetto nella medaglia; in    38. cui, oltre la testa, e lettere descritte, si vede nell'opposto lato vn Grifone, che mentre tiene amendue le gambe di dietro in atto di riposo, non tanto però in ciò si studia, che non si dimostri insieme pronto al correre, & al volare, hauerido l'ale distese in alto, e'l destro piede dinanzi alzato: quasi egli guardi con diligenza, o custodisca alcuna cosa, e che tratto tratto si moua, mostrando il sospetto in cui stà, che non gli sia tolta, e vi si legge: COS. III. S. C. Terminati

   Terminati gli affari dell'Africa tornò Adriano in Roma, per passare subito, come fece, in Asia, & ad Atene, doue fornì il Tempio incominciato, & a Gioue Olimpico dedicollo, & altri molti ne edificò. Preseanticipato, da Cappadoci, il tributo, per pagarne l'esercito. Conuitò di que'Potentati; tra'quali Codro Rè de'Persi, a cui restituì vna figliuola, che Traiano si era per ostaggio ritenuta, efecegli altri ricchi doni. Fù da vari Rè visitato, & a Farasmano Rè de gli Alani, che inuitato non vi si trasferì, tolse, con ragione, il Regno, elo sbandeggiò dell'Asia, constringendolo, per tal via, di chiedergli inginocchioni quello, che per prima di buona voglia, e cortesemente conceduto gli haurebbe. Visitò i Gouerni della Prouincia, ene tolse molti abusi, castigando seueramente li colpeuoli. Hebbe in tant'odio gli Antiocheni, che perche la Città loro non fosse, com'era, Metropoli della Siria, e della Fenicia, tentò diuidere dette Prouincie. Vietò a'Giudei il circoncidersi, & essi, per tal rispetto, presero l'armi per ribellarsi. Salì di notte su'l Monte Olimpo, pervederui, nel mattino, il nascere del Sole, e per sacrificarui: ma vna saetta cadutaui dal Cielo, glie le impedì. Si mosse verso l'Arabia, e visitolla; e giunto a Pelusio rinouò, & arricchì la sepoltura di Pompeo il Magno.

    C Onduceua con sè Adriano vn bellissimo giouinetto, per nome Antinoo, di Citinide, Città di Bitinia, detta anche Claudianopoli, che fù nelle sue delitie, il più accetto. Questi in tal viaggio morì, o perche cadesse nel Nilo, o perche, per sodisfare alla souerchia curiosità dell'Imperadore, ne fosse fatto sagrificio, vsando esso gli indouinamenti, e qualunque arte magica: onde facendogli mestieri dell'animo d'vno, che spontaneo morisse a sua richiesta, offertoglisi Antinoo, si tenne, che lo sacrificasse. Ristaurata pertanto notabilmente Adriano la Città, in cui simil giouane morì, volle, che col nome di quello si chiamasse; e fecegli quasi in tutte le parti del mondo, dirizzare delle Statue: hauendo operato, chei Greci fra'Diui lo riponessero, e che, appresso Mantinea, gli fosse edificato da essi vn sontuoso Tempio di Sacerdoti, e d'altri bisogni fornito; e gli ordinò giuochi detti Antinoi: affermando l'Imperadore, che certa Stella, che all'hora sivide, era Antinoo istesso, & egli la contemplaua con singolare attentione. Furono etiandio stampate in varie Città delle medaglie, perserbare la memoria di cotal fanciullo, che sono pertuttociò rarissime. Si vede l'effigie di lui, con gran capigliatura, & innanellata,    39. entro vn medaglione, con lettere: ANTINOOΣ HPΩΣ. che si spiega Antinous Heros; percioche dall'essere stato traslato da'mortali, fra'Diui, gli fù attribuito cotal nome di Eroe. Contiene nel rouescio vn bellissimo Ariete in piedi, efiero nel sembiante, con    40. lettere corrose, benche il resto sia conseruatissimo. Vogliono alcuni, che l'Ariete s'intenda, in cotal luogo, per la lussuria; percioche sù vari monumenti de gli Antichi, per espressione dell'affetto Venereo, si effigiaua simile animale, evedeuasi specialmente sù quello di Laide appresso Corinto, per segnale della libidine di quella gran Meretrice. Potrebbe tuttauia dirsi, connuouo pensiero, che hauendo Adriano sacrificato il giouane Antinoo, vi hauesse hauuto per fine lo impetrare, per tal via, l'aiuto del Dio Marte, per alcuna sua determinata impresa, e che per esprimere, a cui il sacrificio egli

egli indirizzò, facesse effigiare nelle memorie di Antinoo l'Ariete, come animale solito, per propria ferocità, non solamente di procurare l'incontro di quelli della sua specie, correndosi l'vn l'altro a fronte, ma d'incontrare etiandio gli huomini, e di prouocarli a guerra. E quindi per auuentura fù il Montone Celeste dedicato a Marte: volendosi, che se alcuna forza di cotal Pianeta domini il corpo humano, ciò segua nel fiele, in cui dimora lasede dell'Ira. Et Origene hebbe in pensiero, che il sacrificio dell'Ariete, solito farsi da gli Hebrei, hauesse per fine lo estinguere l'Ira: tenendosi massimamente cotal animale perfuor di misura iracondo. Appressoa tutto ciò, per variare il concetto, o l'espositione del suddetto Ariete, si potrebbe aggiungere, che fù antico costume il pregare felicità a' morti, che vissero bene, raccomandandogli alli Dei Infernali con Epitaffij scritti sù i sepolcri; in vece de'quali vsauano anche tal fiata lo scolpirui solamente diuersi capi di Mõtoni tramezati da bacche, e da frondi d'edera, che vi andauano, con vaga mostra, scherzando intorno; e ciò forse per dare a vedere, co'capi de'Montoni tronchi, che l'Ira di chi colà giaceua, era anche essa estinta, e che degno perciò si rendeua di riposare fra'Dei. Aggiungeuansile bacche, e le frondi dell'edera, come di pianta dedicata ad Osiride, e delle quali, nelle superstitiose cerimonie di que'tempi, si faceua maggiore stima, che della pianta, e delle frondi di vite: essendo, che quelle serbauano, in qualunque stagione, la natia verdura, doue questa, ne'tralci, si dimostra arida, e perde affatto nel verno le frondi. Ma essendo seguito il caso di Antinoo nell'Egitto, là doue Gioue Ammone era, sotto la forma dell'Ariete, adorato; perche non potrebbe dirsi, che a cotal Dio sacrificasse Adriano per l'eternità di quello, e ciò voglia il rouescio, di cui si fauella, rappresentare? E forse anche la Città, appresso la quale fù battuta cotal medaglia, portò per publica impresa vn così fatto animale: non parendo verisimile, che mentre sipensò di sodisfare al gusto di Adriano, deificando Antinoo, si volesse ad vn tempo recarevitupero a questo, e rimprouerare a quello alcun suo difetto, colsenso già detto della libidine.    Si raccoglie in altro rouescio di medaglia di Antinoo, cõ testa, e lettere, descritte, il simulacro della Luna Maschile giouanetta, &in habito tãto succinto, che fin le ginocchia le si cõ prendono ignude: porta i coturni, e'l cappello alla Frigia le cuopre il capo; e si vede sorgere dalle punte delle spalle, con eguale proportione, vna meza Luna: distende la destra mano ad vn'ancora di naue, & appoggia la sinistra sù vn'hasta, ma le lettere di tal rouescio non silasciano distintamente leggere. Adorauasi da'popoli Niceni cosìfatto Deus Lunus : secondo seguiua etiãdio nelli Carreni Popoli della Mesopotamia; li quali vollero, che chiunque diceua douersi chiamare la Luna di genere, o col nome di Donna, soggiacesse colui, per sempre, al comando delle Donne; e chi perlo contrario teneual la Luna essere maschio, fosse loro superiore: Intendeuano li Carreni, che la Luna, come prima causa di tutto l'humore, facesse l'operatione di persona virile, nella somministratione di quello; e perciò la chiamarono Luno. Ma si volle forse intendere, per adulatione, che Antinoo, già per credenza d'Adriano conuertito in Stella, douesse, in paragone del Dio Luno, da cui l'Egitto era particolarmente dominato, produrre colà effetti non inferiori in prò delle cose create: che perciò gli eressero Tempij, co'Sacerdoti, e quanto di più, per sacrificargli, come ad vn Dio, era di mestieri. Non mancarono tuttauia di coloro, che affermarono, l'anima di Antinoo essere stata collocata nell'orbe della Luna.    Dalla non maia bastanza lodata cortesia del Sig. Alessandro Rondanini, mi è venuta S in dono

in dono vna bellissima medaglia di Antinoo, non molto grande, ma ottimamente conseruata, con la testa, e'l petto, e che dalla cima della fronte sorger si vede vn fiore, secondo, che per segnale della Deificatione, erano soliti farlo gli Egittij, sopra il capo del Deificato;    42. e vi si legge: ANTINOOΓ HPΩOΣ. cioè Antinoi Herois. Rappresenta nel rouescio l'istesso giouninetto, consua lunga, e crespa chioma, che ignudo, se non quanto vn panno, o zendado, la sinistra spalla, e parte del petto gli và coprendo. Questi sopra vn forte, & agile destriere caualca, che in atto sìstà, o di velocemente correre, o di far co'suoi salti, e corbette, di sè leggiadra mostra: e mentre egli la sinistra mano tiene ingombrata delle redini, porta con l'altra, ben diritto, verso la destra spalla, il Caduceo, che non più Antinoo, ma il Dio Mercurio lo fà rassimigliare: nè più lettere vistanno scritte, che 10, e per lo trauerso vn L, che poterono essere contrasegni del monetale, ouero numeri, secondo ne vsauano, come si disse in Traiano, de'tali gli antichi. Direi, che il senso di così fatto rouescio potesse essere quello tenuto da alcuni, che a gli Heroi fosse solito l'attributo del Caduceo: ma quello portato da Antinoo, non si mostra del tutto simigliante all'altro di Mercurio, mancandoui l'ornamento dell'ali; posciache si vede formato d'vn hasta schietta, verso il mezo della quale escono le code congiunte di due Serpenti, che là doue possono vnire la parte de' corpi, rappresentano nel disotto vn cerchio, & inarcandosi poscia amendue, dal mezo in sù, vn semicircolo ci dimostrano, che ne'due fieri capi, l'vn verso l'altro riuolto, resta terminato. Vn simile annodamento di Serpenti si vuole, che i Gerifei popoli della Beotia, facessero portare alla fronte dell'esercito loro, quando che Eumolpo superò gli Ateniesi, e che ciò eseguissero, per dar a vedere, che offeriuano egualmente la pace, e la guerra a coloro, che l'vna, o l'altra hauessero voluta. Ben si disse nella dichiaratione fatta sopra il rouescio del Montone, che forse fù sacrificato Antinoo al Dio Marte da Adriano, per fine di hauerlo propitio in alcuna sua determinata impresa; e quì si raccoglie, che fà vista di mandare il giouane, in quella guisa, sù vn feroce destriere, ad annuntiare, col Caduceo, la pace a coloro, che di obedirlo si disponeuano, e la guerra a gli altri, che contradetto hauessero all'imperio di lui: quasi facesse stima l'Imperadore di hauer promessa da gli Dei, per lo fatto sagrificio, che in suo potere si douesse stare il tutto, e ch'egli non men pacifico, che guerriero, haurebbe il Mondo a sua balia dominato.    Fece Adriano motire varie persone per crudeltà; fra le quali vno fù Seueriano marito della propria sorella, e non per altro, che perche non si potesse vantare di essergli soprauiuuto. Fù Astrologo, e ciò, che di giorno in giorno doueua incontrare, nel corso dell'anno, lasciò scritto: e lo fece specialmente in quello, che egh morì, notando gli accidenti, fino al giorno del termine, ad esso prefisso: la quale diuinatione, essendo da lui, per altre vie procurata, e riuscitagli diletteuole, stimo, che desse cagione al Senato, per adularlo, di stampare la medaglia con testa, e lettere: IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS AVG. P.M.    43. TR. P. COS. III. P. P. e che lo dimostra nel rouescio in piedi togato, che solleuando la destra mano, accenna con quella vn'Aquila, che dall'istesso lato gli appare in alto, tenendo egli con la sinistra il bastone chiamato lituo, instrumento dell'Augurato, e vi si legge: Prouidentia Deorum. S. C. Simigliante bastone, senza nodi, e piegato nella superiore parte, fù prima vsato da Romolo; il quale nel prender de gli Augurij, misuraua, con esso, le parti del Cielo, e poscia lo adoperò nell'assuntione al Regno di Numa Pompilio colui, che era chiamato Sacerdote Augure, e tanto di veneratione acquistò, col tempo, simil Sacerdotio, che ne

che ne fù ordinato il Collegio detto de gli Auguri; posciache, ne'principij, tre soli ve ne fossero instituiti da Romolo, perle tre Tribu. Ne crearono dapoi quattro, & indi a non molto, volendoui hauere parte anche la Plebe, ne furono conceduti a quella cinque. Esercitarono tuttauia, molto prima de'Romani, vna cotal arte i Caldei, e li Greci; appresso a'quali Anfiarao, Mopso, e Calcante furono pregiatissimi. Indi passò in Toscana, e poscia ne'Latini, e l'istesso sondatore di Roma fù Augure; per ordine del quale tutti li Magistrati, con gli Augurij, da'successori di lui, si confirmauano: nè si partiua esercito, nè a fronte dell'Inimico giungeua, o con quello si azzuffaua, o altra simigliante cosa importante si faceua, se prima, con le debite cerimonie, non erano presi gli Augurij.    Tanto desiderò Adriano di conseguire fama, che diede a'suoi liberti vn libro, in cui era scritta la vita di lui, accioche la publicassero. Fù facilissimo nel dar nota a'Musici, a Poeti, ad Oratori, & ad altri letterati: ma gli honorò ancora, & arricchì. Fù vario ne'vitij, e tal'hora inconstante nelle virtù. Vinse tutti i Rè nella liberalità, e co'doni. Ciò, che lesse delle marauiglie sparse pe'l Mondo, volle egli stesso vedere; onde li freddi, e le tempeste sofferì di modo, viaggiando, che nè meno copriua il capo: essendo tale la natura de gli animi virtuosi, e forti, che da gl'impedimenti cauano prositto. In tutte le Città fece de gli edifici, e v'instituì de'giuochi: per la quale cagione, e per memoria de'beneficij fatti in varie guise, la doue egli si trasferì di persona, stimo, che il Senato gli decretasse di molte medaglie; e frà di esse, le seguenti dimostrano la forma, con cui le Prouincie si humiliauano all'Imperadore, e veggonsi gli habiti loro diuersi, e le particolarita di ciascuna. Sono però simili medaglie, con testa in alcune laureata, & in altre senza corona: matutte con lettere: HADRIANVS AVG. COS. III. P. P. e la prima in ordine contiene, nel rouescio l'Imperadore in piedi togato, col volume nella sinistra mano, e porgela destra ad vna figura, che con l'vn ginocchio piegato a terra, gli stà dinanzi in habito succinto col cappello    44. su'l capo a piramide, ma ritorto nella cima, dietro al quale pendono due lunghe bende: tiene nella sinistra vna brieue, e ritorta verga, e vi stà scritto: RESTITVTORI FRIGIAE, S. C. dal che si raccoglie questa esser la Prouincia, e l'habito de'Frigi.    Vedesi la Spagna ginocchioni in altra medaglia, col ramoscello d'oliuo nella sinistra    45. mano, vn coniglio a'piedi, & essa in atto di porgere la destra all'Imperadore, che standole dinanzi togato, col volume, distende la sua per solleuarla con lettere: RESTITVTORI HISPANIAE. S. C.    Incontra l'Acaia la sua destra con quella dell'Imperadore, mentre, stando egli in piedi,    46. essa, col destro ginocchio piegato, lo riuerisce, e mostra segnale di gratitudine, presentandolo di vn vaso, entroui certo fiore, che frà amendue stà riposto: forse, che alcuna particolare proprietà di quella Prouincia vi si dee comprendere; e vi si legge: RESTITVTORI ACHAIAE. S. C.    Si dimostra la Macedonia ginocchioni, che porgendo la destra all'Imperadore, che    47. le stà dinanzi togato, le viene da lui fatto segno, che si solleui, e vi è scritto: RESTITVTORI MACEDONIAE. S. C.    L'Africa prostrata nell istessa guisa dinanzi all'Imperadore, stringe con la sinistra delle    48. spiche di grano, & altre se ne veggono sorgere da terra. Ma simile Prouincia porta il capo guernito col teschio d'elefante; vedendouisi etinadio i denti, e la tromba detta proboscide, dimostrandosi con ciò essere colà gran numero di così fatti animali, e che tale S 2 Prouincia

Prouincia abbonda di grani, e vi sono tali parole: RESTITVTORI AFRICAE. S. C.        49. Stà la Sicilia ginocchioni: eporge, come l'altre, la destra all'Imperadore, mentre stringe varie spiche di grano con la sinistra, e ne porta coronato il capo: chiaro segnale, che ella ne è abbondantissima, e v'e è notato: RESTITVTORI SICILIAE. S. C.        50. De'benefici fatti da Adriano all'Italia restò il segnale nella medaglia col simulacro di Donna, che piegato l'vno de'ginocchi dinanzi all'Imperadore, che vi stà in piedi, gli porge la destra; mentre sostiene con la sinistra il Cornucopia; & egli la sua altresì distende a lei, in atto di solleuarla, conlettere: RESTITVTORI ITALIAE.    Delle quali sopradette memorie più, che Adriano con modesto disprezzo si mostraua alieno, più la vera gloria de'lodeuoli suoifatti conseguiua; e quantunque in Roma, & in vari luoghi del Mondo continuasse di fare nuoue fabriche, e grandi, e che assorbissero intollerabili spese, non perciò vi scrisse il suo nome, fuori, che nel Tempio edificato da lui al Padre Traiano; il quale stimo, che possa essere quello ben grande, e magnifico, che    51. si scorge nella medaglia, con testa, e lettere descritte; raccogliendosi nel rouescio la prospettiua di esso Tempio, e che da dieci bellissime colonne si sostenta vn ben grande, e maesteuole architraue, il quale, così nella parte dinanzi, come ne gli angoli suoi, è ornato di varie statue, dando parimente a vedere, che lo ascendere al piano, la doue le basi delle Colonne stanno poste, si fà per via di molti gradi; sotto de'quali si legge: S. P. Q. R. S. C.    Conuiene, che Adriano aggiungesse all'altre sue grandi attioni, etiandio quella del fabricare vn Circo; del quale, benche non facciano mentione gli Scrittori, si tiene nondimeno il veridico rincontro nella bella medaglia, che già vidi nello Studio del Signore Ludouico Compagni, Vecchio Antiquario, che contenendo dall'vn lato la testa laureata,    52. con lettere: IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS AVG. P. M. TR. P. COS. III. P. P. dimostra nell'altro vna Donna sedente, che tiene su'l destro ginocchio vna ruota, e vi soprapone la mano dell'istesso lato, mentre volge il capo per fianco, facendo vista di guatar coloro, che si apprestano di correre, o di fare alcun giuoco, e col sinistro braccio si appoggia a tre mete, che le stanno vicine, leggendouisi: ANN. DCCC. LXXIIII. NAT. VRBIS CIR. CON. S.C. Cioè: Anno octingentesimo septuagesimo quarto, Natalis Vrbis Circum condidit. In questa sola medaglia mi souuiene di hauere veduto simile numeratione de gli anni dall'edificatione di Roma; li quali si volle, che cadessero nell'anno quarto dell'Imperio di Adriano, e forse egli ristaurò, ouero aprì alcuna strada, appresso il medesimo Circo per esporlo più a'passaggieri, onde grido, e fama gli ne seguisse; percioche la Donna con la ruota si è veduta in Traiano per simbolo della via Appia rifatta da lui, cõ grãdissima spesa, e ridotta a maggiore ageuolezza, per li viandanti. Il Panuinio pone nel suo disegno della Roma antica il Cerchio suddetto, nel Campo Vaticano, dietro la Mole del medesimo Adriano. Ciò, che fosse Circo, e quello che vi si rappresentaua, si è in più luoghi dimostrato.    Già si disse essere Adriano cupido di fama, e che per varie vie, la si procuraua, con l'vso però della sua modestia, e se ne raccoglie il segnale nelle cose già dette; percioche quantunque egli non riponesse il proprio nome, in così fatti edifici, ciò nondimeno aumentaua di molto la gloria di lui massimamente, che ristaurato anche in Roma il Panteon con altre fabriche principali, già abbattute dal tempo, volle, che vi si vedessero li soli no- mi

mi de'primi loro edificatori. La onde pare, che possa ben dirsi con ragione, che pensasse il Senato, come poter, la magnanimità di Adriano, pareggiare con la gloria, e che gli decretasse per tal fine la medaglia, con testa laureata, e lettere: IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS AVG. P. M. TR. P. COS. III. e luinel rouescio in piedi togato, che porgendo la destra ad vna Donna, che hàla testa cinta di corona turrita, cioè a guisa di muraglie, sostiene con la sinistra il globo; e posto il destro ginocchio in terra, porge all'Imperadore la mano, essendoui impresso l'elogio: RESTITVTORI ORBIS TERRARVM. S. C. quasi egli hauesse rinuouato tutto il Mondo, con la sua liberalissima magnificenza.    Ma volendo più particolarmente il Senato notificare li beneficij fatti da Adriano all'istessa Roma, ristaurando le più famose fabriche di essa, & aumentandole la gloria, col mezo    54. del valore, e delle virtuose sue attioni in tempo di pace, e di guerra;perciò tengo, che stampasse la medaglia, con testa laureata, e lettere: HADRIANVS AVGVSTVS, la quale mostra nel rouescio vn'huomo in piedi, che fino al ginocchio è coperto di armatura, e caminando, stringe, con la destra, vna lunga hasta, o pilo: sostiene con la sinistra, vn tronco; sopra di cui stà vn trofeo composto diarnesi da guerra, col titolo di ROMVLO CONDITORI. E quantunque la forma delle lettere, e la maestria di simile medaglia sieno del tutto conformi alle stampate in Roma; non vi si vedendo nondimeno il S. C., non sò qual cosa giudicare intorno a ciò: ben tengo, che si rappresentasse Romolo nel modo istesso, che s'è veduto in Vitellio, & altroue Marte Gradiuo; perche egli fù stimato figliuolo dell'istesso Marte, e porta il trofeo su le spalle, hauendosi Romolo acquistate le spoglie, dette Opime, quando vccise in battaglia il Rè de'Ceninesi: e come Romolo fù l'edificatore di Roma, e'l primiero Rè, che la rendesse riguardeuole di leggi, e di sabriche; così volle, per auuentura, intendersi, che simile Città, gran splendore riceuesse, per fabriche, e per gloria in tempo d'Adriano; e che perciò egli si potè ragioneuolmente chiamare Romulo Conditori.    Nell'vltimo ritorno fatto da Adriano in Roma, può credersi, che'l Senato, & il Popolo, non lasciassero dimostratione, onde si facesse palese l'allegrezza de gli animi loro, e che    55. l'vna fosse il decretar la medaglia, con testa laureata, e lettere: HADRIANVS AVG. COS. III. P. P. elui medesimo nel rouescio in pieditogato, che mentre stringe con la sinistra il volume, porge la destra alla Dea Fortuna, che la sua gli distende, e sostenendo con l'altra il cornucopia, và appoggiandola sopra vn timone di Naue, e v'è scritto FORTVNAE REDVCI. S. C.    E per mostrare di vantaggio l'allegrezza di simil ritorno, si vede, per mio parere, la medaglia,    56. con testa coronata di alloro, e titolo. HADRIANVS AVGVSTVS P. P., e nell'opposto lato, stà vna giouanetta in piedi, con ghirlanda di fiori sul capo, che prendendo, con la destra, la palma dalle mani di vn fanciullo, che glie le porge, sostiene, con la sinistra, il cornucopia; & vn'altro sanciullo, le stà da quellato, toccando i lembi della veste, leggendouisi: HILARITAS P. R. cioè Populi Romani: COS. III. S. C. sono la giouentù, e la palma, segnali d'allegrezza, come pure stanno i fanciulli sempre allegri, & era già costume, che nelle publiche solennità ciascuno coronaua se stesso, le porte delle case, e de'Tempij con delle ghirlande di fiori.    Per colmare tuttauia la gloria dell'Imperadore, è verisimile, che dal Senato gli fossero decretate molte medaglie, e che fra di esse non tenessero inferiore luogo quelle, che rappresentauano le Prouincie da lui visitate, o che essendo state da altri fatte loggette, egli le racquistò: ouero, che con la munificenza sua, arricchì di gratie, di fabriche, di leggi, e di più doni;

più doni; e che poscia alla Republica Romana furono da lui restituite. L'vna di queste fù l'Egitto, il quale nel rouescio della testa laureata con lettere: HADRIANVS AVG. COS. III. P. P.,    57. si rappresenta in vna Donna, dal mezo in giù, prostrata in terra, e che la sinistra appoggia sopra vn paniere colmo di frutta, mentre alza, con la destra, il Sistro, & a'piedi le stà l'vccello detto Ibis con lettere: AEGYPTOS. S. C. Non hà dubbio, che la Donna sedente rappresenta l'Egitto, ponendolesi perciò in mano il Sistro, instrumento di metallo fabricato alla guisa de gli Archi di corde intrecciati, co'quali si giuoca alla palla, & è attrauersato da tre verghe dell'istesso metallo, che trappassando da ogni lato per alcuni buchi, nello scuoterlo, risuonano; perche i lati, doue passano le verghe, sono concaui, e ciascun capo di quelle termina in vna testa di serpente; con la cui grossezza facendosi, nello scuotere, la percussione, e ripercussione, generasi il suono, e l'armonia. Trasse, il Sistro, suo nome dalla voce, che significa agitare, vibrare, escuotere; poiche secondo Apuleio, scosso tre volte col vigoroso moto del braccio, rende arguto il suono. E Seruio vuole, che fosse proprio instrumento della Dea Iside; dal cui mouimento significasi il crescere, e lo scemare del Nilo, o conforme Plutarco, la continua agitatione delle cose naturali, intendendosi sotto il nome d'lside la Natura dell'vniuerso: ma non meno si poneua il Sistro nelle mani di varij Dei Egittiaci, come appare dalle medaglie, e da altre antichità, che l'vsauano etiandio li Sacerdoti della suddetta Dea, chiamati perciò da Martiale, Turba Sistrata. Adoperauasi nelle Guerre, e seruiuano alle Amazoni, in vece di Trombe: volendo Virgilio, che anche se ne valesse Cleopatra nella battaglia Attiaca, dando di sù la poppa della Naue, il segno alle Schiere col Sistro; il quale afferma Apuleio, che si fabricaua di rame, d'argento, e d'oro: ma che il primo preualeua, riuscendo più sonoro. Tibullo il conferma, intendendo pe'l rame il Sistro. E Statio, ramisonante chiamaua il Nilo; e Sesto Pompeo, e Macrobio dicono essere solico l'vso de gli instrumenti di rame, o metallo, nelle cose Sacre. Il volgersi nel disopra alla guisa dell'Arco, si è meglio raccolto dal Sistro, tenuto nel suo Museo dal Signor Caualiere di S. Stefano Francesco Gualdi da Rimini; e ciò si tiene, che dia a vedere, che la parte del Mondo alla generatione, & alla corruttione sottoposta, viene circondata dal Cielo della Luna, & che iui tutte le cose inseriori si muouono: vedesi, sopra la parte curua di tale instrumento, effigiato vn Gatto con volto humano, e nel disotto, entro le parti, che si crollano, stà nell'vna l'effigie d'Iside, e nell'altra quella di Nefti; con le quali rappresentasi la generatione, e la corruttione, che sono i moti, ei giri de gli Elementi. Il Gatto denota la Luna, per la varietà di tal animale, per le sue notturne fatiche, e per la fecondità: oltre che le pupille de'suoiocchi sono, a Luna piena rotonde, elarghe, & alla scema diminuite, e ristrette: volendosi, che la faccia humana rappresenti, imutamenti della Luna essere da mente superiore gouernati. Il Paniere, che tal Donna hà sotto l'vn braccio, dà a vedere la fertilità del paese d'Egitto. L'Vccello Ibis, o Ibide è proprio animale di quella Regione, e simile ad vna Cicogna, e tal volta eglisolo è inteso per l'Egitto. L'adorarono più Popoli, perche da'Serpenti gli difendeua, che ad infestargli, passando dall'Arabia nell'Egitto, con quelli azzuffatisi, gli vccideuano.    Appresso l'Egitto segue il Nilo, rappresentato in vn Vecchio giacente, dal mezo in sù    58. ignudo, e che il destro braccio appoggia ad vn scoglio, stringendo con la mano vna canna, mentre con la sinistra sostiene il Cornucopia. Alato del ginocchio, gli stà vn fanciul- lo,

lo, & vn altro caualca, come per giuoco, l'animale detto Hippopotamo, e vi appare il Cocodrillo, nè alcuna lettera vi si legge; forse per essere la medaglia alquanto logora: Si fà Vecchio il Nilo, in riguardo, del nascimento di lui, che è antichissimo. Stà mezo giacente, e nel resto solleuato, per mostrare le varietà, che hanno in sè le acque; poiche tal'hora placide, e quiete; & altra volta corrono gonfie, veloci, e precipitose: Stringe vna canna, per la copia, che se ne truoua ne' luoghi humidi: Sostiene il Cornucopia, che dimostra l'abbondanza, & insieme la felicità, che con quella reca a'Popoli, mentre le campagne larghissime dell'Egitto và inaffi indo con le sue onde: Il fanciullo, che gli stà al sinistro ginocchio, e che adegua col capo la superficie del Cornucopia, dà a vedere, che la crescenza delle sue acque era allhora giunta a segno, chese ne poteua attendere vn'abbondante fertilità, volendosi, che il crescenteloro nõ auanzasse giamai l'altezza di sedici cubiti; però si vede in Roma nel Vaticano vna sua statua antica di bianchissimo marmo meza giacente; su la quale stanno scherzando sedici fanciullini, che il maggior crescimento suddetto rappresentano. Le acque del Nilo sono di dolcissimo sapore, e fresche; intantoche gli Egittij, hauendo poco bisogno del vino, beono di tale acqua pura, nè per lo più con altro nappo, che con la mano; peròche incuruatala, la tuffano, e piena d'acqua, la portano alla bocca, che la riceue: l'altro fanciullo, che caualca l'Hippopotamo, può esserui posto per dar a vedere, che tal animale diforma, quasi simigliante all'Orso, benche lo auanzi di ferocità, si nutrisce dell'acqua, e de'pesci del Nilo: Viappare il Cocodrillo, de'quali tal fiume abonda: Egli è vn pesce, la cui grossezza non hà proportione con la lunghezza: la pelle è coperta di squame durissime: hà quattro piedi alquanto riuolti in fuori, come quelli della testuggine terrestre: la coda è lunga, e grossa, e tutta soda, partita nel disopra in durissime spine, la quale vsa in vece di bastone, facendo in vn colpo molte ferite: non hà collo, ma la testa si vede congiunta col busto, e con esso egualmente a filo: è nel resto horribile, ma più nelle mascelle, che sono lunghe, e le apre largamente; intantoche, in tale atto, la testa diuenta tutta bocca; peròche stando la mascella di sotto ferma, apre quella di sopra, e l'apertura giunge fin, doue si diuisarebbono le spalle, hauendo molti denti disposti in lungo, e stretto ordine: esce in terra afar delle prede per pascersi; & vcciso, che hà l'huomo, fermatosegli sopra il capo, piange; perche con l'amarezza delle lagrime gli rompe il cranio, e si mangia le ceruella. Comprende per naturale instinto il prefisso termine del prossimo accrescimento del Nilo, e lo dà a vedere, mentre non potendo nell'humido partorire, nè dall'acqua dilungarsi, ne aggiusta così fattamente la misura, che partorisce, e coua l'oua in luogo tanto proportionato, fra i due estremi dell'humido, e del secco, che quelle si conseruano asciutte, senza punto bagnarsi: ne partorisce sessanta, e così fatto numero di giorni richiede, per condurre il parto alla perfettione. e tanti anni è parimente lunga la vita de'Cocodrilli. Fù tale animale tenuto da gli Egittij fra'loro falsi Dei, & adorato: nè ciò seguiua, secondo loro, senza ragione apparente; perche essendo egli, fra tutti gli animali, senza lingua, si volle, che rappresentasse, per tal rispetto, che la fauella di Dio non hà bisogno di voce: ma dirizzando il camino della giustitia senz'altro suono, gouerna, per tal via tutte le cose mortali: & oltre a ciò, del solo Cocodrillo vna simil proprietà si racconta, che stando egli nell'acqua, gli cala su la fronte vna certa membrana sottile, e rilucente, che coprendoli gli occhi, esso vede, nè è veduto; il che parimente si confà al sommo Iddio. Il Cocodrillo, là dou'egli si vede

vede effigiato, è simbolo dell'Egitto; & io ne tẽgo vno benissimo cõseruato nel mio studio.    Mostrasi poscia la Dacia figurata, in vna giouane assai suelta, che sedendo sopra di vn Monte, sostiene, con la destra mano, l'Insegna militare, e stringe con la sinistra, vna brieue    59. verga. Il vestire è succinto; ma le si vede indosso vn mantello, che le cuopre le spalle, e di là ricade al basso; leggendouisi: DACIA. S. C.    Appresso vi hà la Cappadocia giouane in piedi coronata di Torri; forse per la frequente    60. popolatione di tal Prouincia. Il vestire è succinto, e s'appoggia con la sinistra ad vn hasta, sù la quale stà riposta vna Insegna simigliante al Labaro, per dare, credo io, a vedere, la continua residenzain essa, di alcuna quantità di Caualleria Romana. Sostiene sù la destra mano alcune palle, per dimostrarsi Prouincia tributaria, o che contenesse delle miniere d'oro, e d'argento. Dal ginocchio in giù è ingnuda, se non quanto porta i coturni, e vi stà scritto: CAPPADOCIA. S. C.    E'figurata etiandio la Spagna in vna Donna a sedere, che con la destra porge vn ramo    61. d'oliuo, e posa l'altra sopra di vno scoglio, hauendo a'piedi il Coniglio, con tali lettere: HISPANIA. S. C. Può il ramo dell'Oliuo denotare così il molto olio, che in quella Prouincia si raccoglie, e si portaua anticamente a Roma, come la Pace colà goduta lungamente che pare si dimostri nella Donna sedente. E'il Coniglio proprio animale di quel paese, che ne abbonda fuor di misura: ma egli potrebbe anche significare i cuniculi, o le caue, che vi erano, e di doue si traeuano vari metalli.    L'Africa è con sembiante parimente di Donna a giacere, che s'appoggia col sinistro    62. gomito ad vn scoglio, sostenendo con mano il Cornucopia, mentre sù la sinistra, dimostra vn Scorpione; & hà a'piedi vn cesto pieno di spiche, solleuandolesi dal capo la proboscide di Elefante, che vi porta, col titolo: AFRICA. S. C. Si dipinge Mora l'Africa, perche è sottoposta al mezo dì, e parte ne soggiace alla Zona torrida, onde gli Africani sono per lo più bruni, e mori: le si fà su'l capo la testa, o proboscide dell'elefante, come di animale proprio di tal Prouincia. Stà sedente, e si appoggia ad vno scoglio, o monte, dimostrando, che di pianure, e di monti è il suo sito copioso. Nel Cornucopia, si denota l'abbondanza, che vi è delle biade, volendo alcuni, che visi mietano due volte l'anno, e'l simile significato è nel paniere con le spiche: lo Scorpione può dare avedere, che di animali simili, e d'altri velenosi; produce in gran copia.    Simbolo della Mauritania è vna giouane in habito di Soldato; che tenendo, con la sinistra    63. mano vna bacchetta, ouero vn dardo, l'altra distende alle redini di vn Cauallo, che hà sembiante di corridore, e che in atto di caminarele stà d'appresso, essendoui scritto: MAVRETANIA. S. C.    Ma cotal Prouincia si rappresenta in altra medaglia, col Simulacro di Donna in habito    64. assai succinto, che precede, caminando, vn Cauallo, che preso con la destra mano per le redini, lo si fà dietro caminare, e voltataglisi, lo mira, e stringe nella sinistra vna bacchetta, leggendouisi: MAVRETANIA. S. C.    Accanto le fabriche infinite, che in Roma, & in vari luoghi del mondo, fece Adriano, aggiunse il Ponte sopra il Teuere detto Elio, dal nome di lui, & anche la Mole, che vi stà incontro, edificata per propria Sepoltura, e che con l'istesso nome volle chiamare. Rimosse dal suo luogo il Colosso, che prima nella Casa Aurea rappresentò Nerone, e che toltane la testa, fù poi dedicato nel Colosseo al Sole; e per ciò fare, adoperò ventiquattro Elefanti:

Elefanti: ma vn'altro simile 'ne fece fabricare da Apollodoro, e lo dedicò alla Luna. Hebbetal memoria, e così pronto l'ingegno, che ad vntempo scriueua, dettaua, ascoltaua, e co'suoiamici presenti ragionaua. Fù nel suo tempo il Mondo dalla peste, dalla fame, eda'terremoti notabilmente dannisicato, & egli a tutto, per quanto fu in lui, magnisicamente riparò, e molte Città desolate per simili cagioni souuenne, erestituì. Fù accuratissimo nel serbare gli eserciti disciplinati, e nel farsi' da quelli amare, hauendo vsata, verso di essi, gran liberalità, Li Parti hebbe sempre per amici, e così gli Armeni, i Mesopotamij, gli Adiabeni, gl' Iberi, li Battriani, & altre Nationi, e ciò per cagione delle gratie, e de'beneficij fattiloro. Tenne egual cura della disciplina ciuile, che della militare; ementre dimorò nell'l talia, altr'habito non hebbe in vso, che la Toga. Arricchìsponta?eamente molti poueri, eli ricchiinsolentihebbe in odio. Fù nelle cose Sacre di Roma accurato; male foraftiere disprezzò, evolle esercitare il Pontesicato massimo. Ascoltò con frequenza le cause di Roma, e delle Prouincie, & al suo consiglio aggiunse quello de'Consoli, de'Pretori, e de'migliori Senatori. Ma in fine, dopo hauer cercato, a capo nudo, quasi tutto il Mondo, senza punto temere di caldo, o difreddo, mortalmente di flusso di sangue cadde infermo. Siadottò Ceionio Commodo Vero, contra il parere di molti prudenti; li quali gli fece tutti morire, secondo seguì della propria Moglie Sabina. Pertale adottione celebrò i giuochi Circensi, & al Popolo, & a'Soldati distribuì il solito donatiuo, e'l figliuolo adottato honorò con la Pretura, chiamandolo Elio Vero Cesare, e gli concedette il secondo Consolato. Mainfermatosi Elio stesso, dopo tale Adottione morì in breue. Costretto però Adriano di eleggere altro successore; ciò seguì in persona di Arrio Antonino, che fù detto Pio, imponendogli, che siadottasse Annio Vero, c Marco Antonino. Peggiorato, per la infermità l'Imperadore, tanto diuentò molesto a se stesso, che tentaua di vccidersi, e pregò altri, che colferro, o col veleno, di cotal noia lo traessero: ma fecelo Antonino guardare con diligenza; accioche, per tal vianon gl'incontrasse alcun male. Fatto il testamento, elasciato alla cura dell'Imperio il figliuolo Antonino, si trasferì a Baia; doue tuttauia peggiorando morì alla presenza di Antonino istesso, che poco prima vi si era condotto, hauendo viuuto annisessantadue, mesi cinque, e giorni diciasette, tra'quali, venti, & vndeci mesi, resse l'Imperio. Gli atti suoi, forse in riguardo della crudeltà vsata verso molti, facendoli morire, volleil Senato annullare; nè tra'Diui pensaua di annouerarlo: se non, che pregatone da Antonino, non pur ciò gli concedette; ma ancora la erettione di vn Tempio appresso Pozzuolo in honore di lui, e li Giuochi Qninquennali, con altri diuersi. Ne è lontano dal verisimile,    65. che nella pompa funebre di Adriano, fosse condottoil Carro, con sopraui la suaimagine, in atto di Trionfante, mentre mitruouo la medaglia, con testa di esso da vn lato, madi modo corrosa, insieme conle lettere, che nè quella sidiscerne, se non pereffigie di Adriano, nè l'altre possono leggersi; & hà nel rouescio vn Carro di due ruote, tirato da quattro Elefanti, enella dispositione suddetta, vi si vede stare sopra l'Imperadore. Ma potè anche essere tal medaglia stampata, per memoria d'alcun trionfo, condotto dalui in vita, e del quale forse non lasciarono rincontro gl'Historici. T Sabina

    H Ebbe Adriano per Moglie Sabina, che essendo nata di Matidia Sorella di Marciana edi Traiano, fù Nepote di questo, Portò concetto d'impudica, massimamente all'hora, che Adriano si trattenne nell'Inghilterra. Non generò figliuoli: onde per ciò, e per la mala sodisfatione, che dilei hebbe, e per trouarsi Adriano nell'estremo di sua vita, grauemente fastidito dall'infermità, non volendo forse, che soprauiuendole Sabina, ella    66. tentasse delle nouità, la fece morire di veleno. Si vede l'effigie di essa, con tre varie conciature di testa, leggendouisi: SABINA AVGVSTA HADRIANI AVG. P. P., e nel rouescio    67. dell'vna medaglia è la Dea Concordia sedente, con la Patera nella destra, che appoggia la sinistra mano sù la Sedia, con lettere: CONCORDIA AVG.S. C.    Nell'altro la Dea Pietà sedente, con lo scettro nella sinistra, e la Patera nella destra mano,    68. einscrittione: PIETAS AVG. S. C.    La qual Pietà, in diuerso rouescio, stà in piedi con due fanciulli, l'vno per lato; verso    69. i capi de'quali, essa distende amendue le mani, leggendouisi: PIETAS AVG. S. C.    Nella quarta appare la Dea Concordia in piedi, che porgendo, con la sinistra, la Patera,    70. sostiene con l'altra vn doppio Cornucopia, con parole: CONCORDIA AVG. S. C. Questa vuol siguificare la Concordia, che grandissima passaua frà lei, e'l Marito: denotandolo anche li due Corni di Douitia; peroche l'abbondare doppiamente ne'beni, doppia concordia produce. Tiene in mano la Patera, mostrando essere cosa Diuinala Concordia.    Si vede la testa di Sabina, con altra leggiadra acconciatura di capelli, e lettere, come    71. di sopra, & vna Donna sedente, che sostiene sù la destrail Palladio, e stringe vna verga,    72. oscettro con la sinistra, col solo: S. C.    In vario rouescio si scorge vna Donna sedente, con delle spiche nella sinistra mano, e    73. la face nell'altra, nè vi hà dubbio, che ella è la Dea Cerere. Diqueste, come ditutte le seguenti medaglie, si descriuerannoi rouesci loro, senza porli in disegno, quando vna volta ne sieno rappresentati de'simili, per non moltiplicare, per tal via, le figure senza frutto dell'opera, secondo si è fatto per l'addietro, col fine medesimo.    O che Sabina fosse deificata in vita di Adriano, o che ciò operasse dapoi Antonino per gloria di lei: chiaro è, che il segnale, che simile honore le fosse fatto, appare da vna sua medaglia, con cesta velata, e lettere: DIVA AVGVSTA SABINA, ehànel rouescio vn Aquila in piedi, con l'ali aperte, e lettere; CONSECRATIO. S. C. Simile Aquila si è vedutain Augusto, entro vna medaglia, restituita alla memoria di lui dall'Imperadore Nerua.

Type: drawing
T 2

Type: drawing

Type: drawing

   DI Ceonio Commodo, che adottato da Adriano Imperadore, portò nome di Lucio Elio Vero Cesare, non si può ?arrare cosa memorabile. Fù figliuolo di Ceonio Commodo dinobilissima schiatta, la quale trasse sua origine di Faenza Città posta nella Romagna. Adottato da Adriano, mentre era grauato d'infirmità, efatto da esso Pretore, e capo de'Pannonij, hoggi Vngheri, come deputato all'Imperio lo disegnò Consolo laseconda volta. Videsi, perauuencura, scolpita ad vn tratto l'effigie di Elio entro la medaglia, senza corona, e con lettere: AELIVS CAESAR, ecol simulacro della Speranza nel rouescio, che facendo sembiante di caminare, solleua, con la destrail fiore del giglio; mentre con la sinistra sostiene la veste, evisilegge: TR. POT. COS. 11. S.C, In Claudio si disse a bastanza quello, che può importare tal rouescio, essendouisi posto anche il diseglio diesso.        2. Volle il Senato honorarlo in la medaglia con testa, e lettere, descritte, e la Pannonia, Prouincia, a lui data in cura; la quale, vestita con habito Donnesco, coronata di torri, per dimostrare la sua populatione, appoggia la sinistra mano al fianco, e sostiene, con la destra l'Insegna militare simigliante al Labaro, per segnale, cred'io, che colà fossero allogate delle Colonie, odella Caualleria, & altre genti da guerra; e vi si legge: TR. POT. COS. 11.S.C. eper lo trauerso di essa figura sonotali lettere: PANNONIA.    Si propose il Senato di mostrare la Concordia, che passaua frai due Imperadori, facendo apparire in medaglia simil Deità in piedi, con la patera nella destra mano, che sostiene con la sinistra due Cornucopij, etitolo: CONCORDIA AVG. S.C., la quale pur si è veduta in Adriano.    Diede Adriano, per allegrezza di tale adottione, il Congiario al popolo, & a'Soldati. Celebrò i giuochi Circensi, nè lasciò difar cosa, che potesse rappresentare il contento da lui preso, pertale adottione. Ma riuscendo, per lo più, fallaci gli humani proponimenti, infermò di modo Elio, che ben presto del seguìto fece pentir l'Imperadore: nondimeno il Senato, per dar tuttauia a vedere d'hauer grata l'attione del Principe, o che volesse in ciò adularlo, o che pensasse diacquistar la beneuolenza d'elio, fece stampare la medaglia contesta, e lettere descritte, riponendo nel rouescio la Dea Salute sedente, ed in atto di sacrificare    3. sù vn'ara, dalla quale esce vn Serpente: leggendouisi: TR. POT. COS. 11. S.C., e nel disotto SALVS. Era sacrosanto l'Altare appresso gli Antichi; e coloro erano fatti salui, ch'a quello s'auuicinauano, non hauendo altri ardimento d'offenderli: onde l'Ara suddetta è simbolo disalute, come anche il Serpente, che ogni anno si rinoua, & a molte medicine è valeuole: denotandolo etiandio la tazza, o Patera, col mezzo delle quali s'introd ucono ne'corpi vari medicamenti per la bocca. Ilsedere, che fà la Dea Salute, cagiona la quiete; che pur è segnale di sanità ne' corpi humani.    Ma nè l'allegrezza dell'adottione, nè quella, che cagionauano le feste fatte, per tal conto, nè li sacrifici, nè li medicamenti, poterono prohibire, che non giungesse Elio in pochi giornial fine della vita, edi così fatta grandezza. Lucilla

    L Vcilla di Lucio Elio, fù figliuola di Nigrino, edi essa nacque Lucio Aurelio Vero, e Cesonia. Questa per ordine di Adriano, fù presa da Marco Aurelio per Moglie, mamorto quell'Imperadore, esso la ricusò, per p?endere Faustina di Antonino Pio. Furono due Lucille, le quali quasinel sembiante si rauuisarono: ma la presente varia nondimeno alquanto nel profilo del volto, nella lunghezza del collo, nell'acconciatura del capo & ancora ne'titoli, leggendosi nell'altra, che fù Moglie di Lucio Vero: LVCILLA AVGVSTA M. ANTONINI AVG., & in questa si legge: LVCILLA AVGVSTA solamente. Ma l'altra Lucilla non fece figliuoli, nèle si doueua perciò stampareil rouescìo con la Fecondità, che si vede in questa. Per la qual cagione pare, che possa francamente affermarsi, che Lucilla Augusta fosse la moglie del suddetto Elio Cesare, echeil Senato, perhonorarla,    4. facesse stampare delle medaglie, tra le quali, l'vna fù con testa, e lettere: LVCILLA AVGVSTA,    5. & vna Donna sedente, che con la destra porge la Patera, e con la sinistra si appoggia ad vn'hasta, e vi stà scritto: IVNO.S.C. Vollero gli Antichi, che Giunone fosse Sorella di Gioue, eche, come egli il fuoco, così essa dominasse l'aere, e che da amendue, come da Elementi, che nelle cose create hanno forza maggiore de gli altri, cada perciò in terra certa virtù seminale, da cui il tutto quà giù si produce. Per tal rispetto tennero Giunone essere soprale Donne pregnanti, e che queste, nell'atto del partorire, a lei ricorressero con preghiere, d'essere dalla morte difese. Non è perciò da marauigliarsi se frequente, ne'rouesci delle Donne Auguste, si vede posta vna tal Deità: ma potrebbe anche dirsi che figurandosi tal volta Gioue nell'Imperadore, come quello, che quà giù reggeua il tutto; così intendessero per Giunone le Imperadrici. Tiene tal simulacro la Patera nella destra mano, dando con ciò a vedere d'essere cosa Sacra. Stà sedendo, per mostrarsi pacisica, e quieta; benchetal fiata sia stata terribile, e feroce, secondo lo prouarono specialmentei Troiani: tiene l'hasta nella sinistra mano, apparendo in ciò l'antica veneratione de gli huomini verso l'haste, che adorauano in vece delle statue de'Dei. Ma trouato poi l'vso dirappresentare gl' istessi Dei con simulacri, si serbò nondimenola memoria di quell'ancica Religione, con l'aggiungere l'haste a così fatti simulacri Diuini. Fù l'hasta da gli antichi hauuta più di ogni altr'arme in istima, el'hebbero per segnale di maggioranza, e d'Imperio: perloche a gli huomini valorosiera donata l'hasta; la quale quasi appresso di tutte le Deità, si vede riposta, come in Vespasiano fù detto.    In altro rouescio di medaglia di Lucilla, contesta, e lettere descritte, stà vna Donna    6. sedente: e come dietro, & innanzi la Sedia sivedono due fanciulli in piedi; così vn'altro ella ne tiene in grembo, quasi in atto di porgerli la poppa, e vi si legge: FOECVNDITA.S.S.C. La maggiore felicità, che può incontrare a Donna maritata, è quella d'essere feconda, e di produrre que'frutti, per fin de'quali si congiunge in matrimonio: essendo naturale instinto, e necessariane gli huomini laprocreatione de'figliuoli. Per questa cagione hebbero già coloro, che molti ne procrearono, grandi, & honorati titoli nella Republica, & Augusto vari priuilegi, & honori volle, che fossero conceduti alle Donne feconde.

Type: drawing

   TRasse Antonino Pio sua origine da Nimes Città della Gallia, da parenti Consolari, essendo stati Aurelio Fuluio suo Auo paterno due volte Consolo, e Prefetto di Roma: secondo, che pur fù Aurelio Fuluio suo Padre. Hebbe per madre Arria Fadilla, e per moglie Annia Faustina figliuola di Annio Vero, e ne conseguì due maschi, che morirono fanciulli, e due femine, che l'vna maritò in Lamia Sillano Consolo, che poscia mancò giouanetta, e l'altra in Marco Antonino. Nacque con esso, ad vn parto, Giulia Fadilla, e ciò seguì in Laurina; il gual luogo nobilitò dapoi con sontuosi edifici, e con gran priuilegi. Nella pueritia accostossi all' Auo paterno, e fattomaggiore, si raccomandò alla protettione di Arrio Antonino altro suo Auo materno, stato due volte Consolo; col cui aiuto in varie scienze diuenne dotto, e si fece eloquente, & in ciascuna cosa acquistò somma lode: onde ne fù da buonirassimigliato a Numa Pompilio. Verso il Suocero si mostrò fuor dimisura caritatiuo; perciòche essendo decrepito, lo aiutò più fiate, con sua gran fatica, a condursi in Senato. Molti fece vscir dalle prigioni, pagando loro i debiti, e saluò li condannati da Adriano nel fine della sua vita. Fastidito l'Imperadore medesimo dal male, volle da sè vccidersi: ma lo fece diligentemente Antonino guardare; e dopo morto, hauendogli il Senato contrariati i soliti honori, ottenne Antonino, per gratia, che fatti gli fossero. In qualunque attione fù sempre clementissimo, nè cosa aspra operò gia mai contra di alcuno: e quindi con gran ragione gli fù attribuito il nome di Pio. Hebbe la Questura, fù Pretore, e Consolo; e così ne'carichi publici, come ne'priuati fece palese la suavirtù. Fra quattro Consoli eletti da Adriano al gouerno dell'Italia, hebbe la mag- gior

gior giurisdittione. Si portò in modo nel Proconsolato dell'Asia, che egli solo vi fù, che superasse la gloria di vn suo Auo: ma nell'andarui, perdè la maggior figliuola maritata in Sillano, & hebbe in tuttii carichi vari segnali del suo futuro Imperio. Tornato à Roma, sivalse frequentemente Adriano delsuo consiglio; e morto Elio Vero, ch'egli si adottò, costituì nell'istesso modo Antonino per suo successore, contal conditione, cheegli siadottasse Marco Antonino figliuolo divn fratello di Sabina sua moglie, e conlui Lucio Vero figliuolo del già morto Elio. Rese di ciò Antonino legratie ad Adriano in Senato; e questilo si fece Collega nell'Imperio, e nella Tribunicia Potestà: raccogliendoseneil segnale nella medaglia, con testa senza corona, e lettere. IMP. T. AELIVS CAESAR ANTONINVS; cioè Imperator Titus Aelius Caesar Antoninus, col simulacro della Dea Pietà in piedi dinanzi ad vn'Ara, sopra dicui è vna piccola fiamma accesa: solleua la destra mano in alto, e con l'altra tiene l'Acerra, secondo stà posta in Adriano; e vi si legge: TRIB.POT.COS.PIETAS. S.C. volendo ciò senza fallo alludere alla pietà già detta di Antonino.    La memoria dell'adottione, che Antonino fece in persona di Marco Aurelio si raccoglie in medaglia, dall'vn lato della quale stà la testa laureata, e lettere: ANTONINVS AVG. .PIVS P.P., e contiene nel rouescio Aurelio in età giouanile, senza corona, leggendouisi: AVRELIVS CAES. AVG. PIIF. COS. DES. S.C. cioè Aurelius Caesar Augustus Pij Filius, Consul Designatus. Senatus Consulto.    Della Adottione fatta da Adriano in persona di Antonino Pio si vede, se io non sono errato, la memoria nella medaglia, con testa senza corona, e lettere: IMP.T.AELIVS CAESAR ANTONINVS: Hà nel rouescio vna Donna in piedi magnificamente vestita, che fà mostra di dire alcuna cosa ad vna sigura togata di grandezza inferiore; la quale in atto di caminare, volta verso di lei la testa, & essa le dimostra, con la sinistra, vn'altra figura parimente togata di grandezza inferiore; la quale, in atto di caminare, volta verso di lei la testa, & essa le dimostra, con la sinistra, vn'altra figura parimente togata, ma più piccola, che le stà d'appresso, con tale inscrittione: TRIB. POT. COS., e sotto a'piedi della Donna: PIETAS, e da'lati S.C. Questo stimo essere il simulacro della Pietà, e dell'altre virtù di Antonino; le quali valsero per sè sole, di persuadere Adriano ad adottarlo, & a lasciargli l'Imperio, potendosi giudicare, ch'Adriano sia quell'vno, che si vede alla destra della Pietà, e l'altro alla sinistra Antonino.    Assunto Antonino all'Imperio, diede, del proprio, il Congiario al Popolo, & a soldati, e v'aggiunse etiandio quello promesso da Adriano. E l'oro, che secondo l'vso, per fare le Corone, gli fù presentato dalle Prouincie, e dall'Italia, in tutto a gl'Italiani, e per la metà a'Prouinciali restituì. Per cagion della quale liberalità dimostrata verso l'Italia, rendendole cotale oro, stimo, che il Senato decretasse la medaglia, con testa laureata, e nome di sopra notato; & vna bellissima Donna nel rouescio, con la testa coronata di Torri, che tenendo con la destra il Cornucopia, stringe con la sinistra vn scettro, e siede soprail globo Celeste, essendoui scritto: TR. POT. COS. III. ITALIA. S. C. Si volle per auuentura denotare, che l'Italia Signora, e Reina del Mondo (poiche gl'Imperadori, che habitauano in essa, erano dominatori, del tutto) veniua hora più che mai nobilitata dalla gran virtù, e dalla somma liberalità di Antonino. Dipingesi bella l'Italia per la dignità, e per l'eccellenza delle cose, che contiene; le quali sono state in essa perpetue. Tiene il Cornucopia, così per l'abbondante viuere di ciò, che fà mestieri, come per la felicità, che per V molti

molti capi, in quella si gode: lo scettro dimostra l'Imperio sostenuto per propria virtù sopra l'altre Nationi: la corona di Torri rappresenta le Città, Terre, e Castella, che le fanno vaga, e riguardeuole corona, & ornamento, dimostrando poi ancheil Mondo, sopra del quale stà sedendo, che di esso ella hà hauuto il pieno Dominio.    Ma bellissimo rincontro si raccoglie in alcune medaglie del presentare, che fecero le Prouincie le corone d'oro ad Antonino, quale volle forse il Senato far, per tal guisa, apparire in testimonio della già detta liberalità vsata dall'Imperadore nel rilasciare buona parte di cotal oro alle medesime Prouincie, che glie le mandarono, e ciò seguì nel Consolato secondo di lui, e nel primo anno dell'Imperio: nè si dee hauere in riguardo, se la medaglia, col simulacro di Roma già descritto, fà vista, che fosse stampata nel Consolato terzo; perche simili memorie, si rinouauano in diuersitempi, secondo si è accennato altroue.    5. Si vede pertanto sù l'vno de'rouesci, con testa laureata, e titolo già descritto: secondo stà ne gli altri seguenti, vna Donna in piedi coronata di spiche di grano, che mentre solleua con la sinistra mano certo velo, o lembo della veste, porge con la destra vna corona, che quella d'oro suddetta, fà mostra, che sia, e vi si legge: SIC ILIA COS. II. S.C. Questa à vn Isola posta nel Mare Tirreno già detta Trinacria dalli tre promontorij, che riguardano altrettante parti del Mondo, il Peloro, il Pachino, e'l Lilibeo; e variati puì nomi, fù in fine chiamata Sicilia dalli Siculi antichissimi, e molto potenti Popoli d'Italia;è abbõdantissima di tutte le cose al vitto humano necessarie; e per la quantità de'grani, che vi nascono, fù detta il Granaio de'Romani, & era perciò dedicata a Cerere Dea delle biade.    In altro rouescio stà vna Donna in piedi, con habito breue, e succinto, e maniche aperte,    6. che col restante delle vestimenta le arriua alle ginocchia: tiene, con la sinistra la Insegna delLabaro, forse perche in tal Prouincia stesse allogata della Caualleria Romana, e sù la destra sostiene cosa simigliante ad vn Vaso scoperchiato; contenendo questo, per auuentura, l'oro, che per fare la corona all'Imperadore, essa offeriua. A'piedi di cotale Donna veggonsi alcune fiamme; nel cui mezo stà vn Vaso, come apparecchiato, per fonderui l'oro da farne l'opera destinata, e vi è scritto: CAPPA DOCIA COS. II.S.C. Ella è parte della minore Armenia, che dal fiume Eufrate, viene dalla maggiore diuisa.    Con habito alquanto diuerso, ma breue, si vede altra Donna in piedi, che hauendo    7. dal sinistro lato vna palma, porge anch'essa, con la destra mano, la corona, e v'è notato: PHOENICE: cioè Fenicia, Prouincia assai abbondante di palme: consinaua con la Giudea, & era assai famosa per le due Città Sidone, e Tiro.    Il simbolo della Dacia rappresentasi in questo luogo, con Donna in piedi; in habito    8. ben diuerso dalle suddette: ma però succinto, e che nonle passa le ginocchia. Tiene con la sinistra mano il Labaro, e porge con la destra vn vaso di strana forma, entro di cui doueua esser rinchiuso l'oro, ev'è scolpito: DACIA COS. 11. S. C. Questa Regione era della Scitia Europea, e chiamasi hoggi Vallacchia.    Poco differente dalla Cappadocia, stà in altro rouescio la Partica. Questa nel vestire    9. breue, e nelle maniche aperte, e lunghe, a quella è simigliante: posa tuttauia la sinistra mano sopra l'arco, e'l turcasso pieno difreccie, che da terra verso di lei s'inalzano, e con la destra porge la corona d'oro, leggendouisi: PARTHIA COS. II. S. C. Tal Prouincia hebbe XXII. Regni secondo Plinio: Ha per confini dall'Oriente gli Arij, da mezo giorno i Caramanij, dall'Occaso i Medij, è dal Settentione gl'Hircani. Accanto

   Accanto a tutto ciò volle il Senato mostrare, quanto la virtù di Antonino fosse conforme al genio del Popolo Romano; e decretò, per tal fine, la medaglia, con testa, e lettere    10. descritte: hà nel rouescio vna figura ignuda, se non, chevn panno ricuopre levergogne; porge, con la destra mano, la Patera sopra divn Ara, e con l'altra sostiene il Cornucopia: leggendouisi: TR. POT. COS .II. S.C. e nel di sotto: G. P. R. cioè: Genio Populi Romani. Può anche essere, che al medesimo Genio, il Senato, e'l Popolo Romano sacrificassero, per la salute, e per la felicità lunga di Antonino, come altroue si è mostrato, che era in costume di fare.    Confirmò li Ministri posti da Adriano, e per via de'Legati fece più guerre; percioche vinse li Britanni colmezo di Lollio Vrbico; e li Mauritani furono astretti di chieder pace come i Germani, li Daci, e li Giudei ribellati superò con le forze de'Presidenti, e de'Legati; hauendo parimente raffrenati i moti de gli Alani, e le rebellioni nell'Acaia, enello Egitto. Per così fatte vittorie ottenute entro a pochi mesi, decretò il Senato varie medaglie; nelle quali può credersi, che hauesse per fine il perpetuare la memoria de'fatti di Antonino; e l'vna fù qùella, con testa, e corona radiata, e titolo: ANTONINVS AVG. PIVS P. P. TR. P. COS .II. che rappresenta nel rouescio Marte Gradiuo, il quale non meno porta sù l'homero sinistro il Trofeo confitto in vn hasta, di quel, che si vada vibrando, con la destra, vna lancia, e v'è scritto: S.C.: simile s'è veduto in Vitellio.    Segue la Vittoria alata, che con amendue le mani porta vn hasta, nella cui cima, stà il    11. Trofeo, e vi si legge: IMPERATOR II. S.C.    Appare col medesimo fine, in altra medaglia, Antonino sopra divna Quadriga Trionfante,    12. non con altre lettere, che: COS .III.    Vna simile Quadriga è in diuerso rouescio, guidata da vna Vittoria, con ale lunghe, e    13. distese, con inscrittione: TR. POT. COS .III. e nel disotto: VICT. AVG. S.C.    Ma con più particolarità si truoua il segnale della vitto ria Britannica, in medaglia,    14. che oltre la testa, e lettere descritte, quella vi si vede alata, che porta, con la destra, vn rotondo scudo, entro di cui stà scritto: BRITAN. cioè Britannica, e d'intorno si legge: IMPERATOR II. S.C.    E perche l'ottime qualità di simil Principe richiedeuano la corrispondenza di qualunque honore: nè il Senato era in ciò scarso; può dunque credersi, che per rinouare la memoria dell'vno de'prodigij hauuti da Antonino prima del giungere suo all'Imperio, stampasse la medaglia, in cui stando la testa, con la corona radiata, e caratteri: ANTONINVS AVG. PIVS P. P. TR. P. COS .III. si raccoglie nell'auuerso lato ilfolgore, co'raggi d'intorno, e parole: PROVIDENTIA DEORVM. S.C. la qual cosa, cred'io, che voglia inferire, chesecondo fra la plebe, la Prouidenza dee attendersi dal Prineipe; così da'Principi, questa si dee sperare da Dio: e che rappresentandosi nel folgore il potere di Gioue, così volesse intendersi, che per la prouidenza di esso, fosse dato al Mondo vn Imperadore, che con la pietà, e con la virtù propria, doueua sopra gli altri risplendere, & essere glorioso: già, che il fulmine è, come in Augusto, & altroue si è det to, il simbolo della gloria de'Principi; & il prodigio fù, secondo Giulio Capitolino riferisce, che spiccatosi dal Cielo sereno vn fulmine, entrò nella casa di Antonino, senza recaru i d anno, o molestia alcuna. Erano li fulmini bianchi, o neri: ma rosso era nondimeno qu ello, che vsciua dalla mano di Gioue; perche ciò, che gli si faceua incontro, bruciaua: li bian chi essendo composti della più V 2 purgata,

purgata, e sottile parte del fuoco, e però di materia chiara, e penetrante, liquefanno mirabilmente le spade ne'foderi senza lesione del corame: asciuttano il vino nelle Botti senza offendere il legno, e cose simili. Di questi auuenta Minerua, e se ne valse, bruciando l'armata de'Greci. Il nero hauendo più dell'humido, e del rosso tinge solamente; e Volcano l'adoperaua: la onde ferendo i fulmini di così fatta guisa in tre modi, si vedono però scolpiti con tre punte, come lo dimostra il disegno di essi rappresentato in Augusto: ma il fulmine attribuito a gl'Imperadori, significa ancora la suprema autorità, e l'Imperio loro.    Non truouo rincontro del Rè, che diede Antonino a gli Armeni, quando però non seguì all'hora, che gli liberò dall'assedio de'Parti: ma comunque sia, vedesi la medaglia con testa laureata, e scrittura tale: ANTONINVS AVG. PIVS PATER P. la quale parola Pater,    15. così distesa, hò notata per rara: seguita: TR. P. COS .III. Contiene nel rouescio l'Imperadore istesso Paludato, che pone la destra mano su'l capo del Rè, che standogli dinanzi, solleua la destra, e vi si legge: REX ARMENIIS DATVS. S.C.    Nelle quali attioni apparendo da per sè, quanta fosse la felicità dell'Imperadore, volle il Senato, che per maggior gloria di lui ciò apparisse entro la medaglia, che oltre la testa,    16. esolite lettere, stà nel rouescio, il simulacro della Felicità, che tenendo nella sinistra vn ramoscello d'oliuo, vero segnale, che, anche nella Pace da lui serbata, la Felicità si rendeua perfetta, solleua con la destra il Caduceo, sigmficante la virtù, con cui era simil Felicità mtrodotta, e conseruata dall'Imperadore, e vi stà scritto: FELICITAS AVG. S.C. Gran selicità è veramente quella, che si riceue dalla quiete dell'animo: nè questa può incontrare ne'Principi molestati da noiosi pensieri di guerra, o da altri simili infortunij. e perche Antonino, con la somma sua prudenza gouernaua la Republica, e l'Imperio placidamente, e i suoi consigli sortiuano ottimi effetti; però doppia fù stimata la felicità di lui: massimamente, che l'esercitio delle sue operationi proce deua dalla somma perfettione acquistata per l'habito fatto nella virtù.    Coloro, che per cagion d'aggrauij ricorreuano contrai ministri Imperiali, erano vditi volentieri da Antonino. Cancellò gliabusi introdotti in pregiuditio de'negotian ti; e tanto pio, e piaceuole egli era per natura, che il Senato, e ciascun'altro, nõ meno con lui negotiaua, che con qualunque Cittadino si fosse auuezzo di fare. Il nome di Padre della Patria, molto prima concedutogli dal Senato, e da lui per modestia ricusato, col rendimento di molte gratie in fine accettò; la qual cosa congiunta con le ottime attioni, che a beneficio publico egli giornalmente faceua, può ben credersi, che l'amore, e la comune beneuolenza de'Popoli gli aumentasse, e che ciascuno a gara di ben seruirlo, e di perpetuare la sua memoria, e quella delle sue attioni, in guisa si studiasse, che ne douessero giungere i douuti segnali a'posteri. E ciò giudico, che si volesse principalmente esprimere, dimostrando, che con la sua prudenza nel gouerno, e con la soauità de'costumi, egli haueua riposto Roma nel buon essere in cui fù lasciata da'suoi primieri Fõdatori, e che per affettione verso di quella, nõ cedeua a gli Edificatori, & aggranditori di essa: e ciò vollero, se io nõ erro, fare apparire in varie medaglie, l'vna delle quali ci rappresenta, oltre la testa laureata,    17. etitolo: ANTONINVS AVGVSTVS PIVS P.P., il lor Diuo Marte; il quale con la lancia impugnata, e l'elmo in capo, pare, che discendendo da alto, vada auanzandosi verso vna Donna giacente, e vistà notato: TR. P. COS .III. S.C. Ciò s'intende, per mio credere, che

che lo Dio Marte discende dal Cielo, per fine di congiungersi con Rea Siluia Vergine Vestale; di cui nacquero poscia Romolo, e Remo fondatori di Roma, secondo con tali parole Liuio afferma, se però in nostra fauella parlasse: Proca generò Numitore, & Amulio, & a Numitore, ch'era di maggiore età, lasciò l'antico stato della famiglia de'Siluij, benche la forza potesse più, che la volontà paterna, o il rispetto della maggiore età. Regnò dunque Amulio, hauendo cacciato il fratello di stato; e così all'vna sceleratezza aggiungendo l'altra, estinse ogni stirpe de' figliuoli maschi di lui; & a Rea Siluia pur figliuola di esso, tolse ogni speranza di partorire, hauendola, sott'ombra di honore, eletta Sacerdotessa di Vesta, & a perpetua Verginità consecrata. Ma certamente, secondo, ch'ei pensò l'origine di tanta Città, e'l principio di quell'Imperio, che dopo il poter de gl'Iddij, haueua ad esser grandissimo, e potentissimo, doueua insieme esser fatale, fù violata questa Vergine di Vesta, & hauendo partorito due figliuoli ad vn corpo, affermò il padre di quelli esser Marte: o perche pur così credesse, o perche la cagione del suo fallo, essendo stato vno Iddio, fosse più honorata.    Dopo simil medaglia, pare, che volesse mostrar tuttauia il Senato il progresso di tale    18. historia, col rappresentare, in altro rouescio vna Lupa, che standosi tutta mansueta, e distesa, dà campo a due piccoli fanciullini, di suggere il latte delle sue mammelle, e di attaccarsi ad esse con le tenere mani, mentre carponi, vi si vanno assettando dapresso: e nel disotto vi si vede vna piccola barca solcare il Teuere, accanto il cui letto simigliante caso incontrò, e vi sono lenote: IMPERATOR II. S.C. Intorno al quale quuenimento continua Liuio di così dire. Ma nè gl'Iddij, nè gli huomini liberarono lei, e li fanciulli dalla crudeltà del Rè; percioche ella fù strettamente incarcerata, & i fanciulli per commessio ne del Rè, mandati a gittare nel fiume. Era per Diuina dispositione, traboccato il Teueresopra le ripe, oltre alle quali allagando l'acqua, e stagnando, impediua sì, che da lato alcuno, non si poteua accostare alla corrente del letto del fiume: ma porgeua bene speranza a quei, che portauano i fanciullini, di poterli in ogni poca d'acqua annegare. Onde come hauessero sodisfatto a bastanza al comandamento del Rè, gli lasciarono a caso nella più vicina acqua, oue hora è il fico Ruminale, chiamato già, come si dice Romolano. Credesi, secondo la fama, che hauendo l'acqua, la quale era bassa, lasciato in secco la cesta, ouero cassetta, entro di cui erano stati esposti i fanciulli, vna Lupa assetata, scesa da'Monti, che sono d'intorno, sivoltò al pianto di quelli, e tanto mansuetamenteporse loro le poppe piene di latte, che soprauenendo il Maestro del pecuglio del Rè, la trouò, che ancora gli forbiua, e leccaua con la lingua.    Ma da più lunga mano, giudico, che il Senato volesse dimostrare l'origine di Roma    19. proceduta da Enea, anche per gloria di Antonino, facendo stampare in altro rouescio di medaglia, vna Scrofa, che standosi all'ombra del tronco d'vn arbore radicato sù la riua del fiume, dà il latte a molti porcellini, che le si vedono attaccati alle poppe, e si legge dal canto della testa; ANTONINVS PIVS COS .III. Virgilio nell'ottauo fà, che apparendo in sogno il vecchio Tebro ad Enea, non pur lo consola de'già scorsi trauagli, ma lo conferma etiandio nella già presa speranza, che douessero ben tosto terminare: affermandogli lui essere giunto; doue di stabilire la Sede gli era da'fati conceduto; e dielli di ciò il con. trasegno della candida Troia, che sotto la fronzuta Elce, atrenta de'suoi candidi figli, il latte per le mammelle compartiua. E ciò potè anche alla pietà d'Antonino hauer riguar- do;

do; poiche in paragone di quella fiera, che molti figliuoli hauendo, tutti nondimeno col proprio latte sodisfaceua: così l'Imperadore di molti Popoli padrone, ciascuno col vigilante, & ottimo suo gouerno, rendeua contento.    Conuiene il credere, che auuedutosi il Senato di hauer così buono Imperadore, qual fù Antonino, egli non lasciasse di fare de'voti, per godere, con la continuata conseruatione di lui, il beneficio del suo retto gouerno; e che specialmente a Giunone Sospita l'vno di essi voti fosse indirizzato, e che si volesse farne apparire la memoria, entro la medaglia, con testa laureata, e lettere: ANTONINVS AVG. PIVS P.P. TR. P. COS .III., che hà nel rouescio    20. Giunone in piedi, con lungo habito, ma sopraui vna pelle di Capra; la cui testa cornuta, le copre il capo, e quella stà in atto di caminare, e di lanciare vn dardo, con la destra, mentre sostiene, con la sinistra, vn grande scudo: le precede, caminando, vn Serpente, e vi è scritto: IVNONI SOSPITAE. S.C. intendendosi per Giunone Saluatrice: e forse, che vn cotal voto si adempì in tempo di alcuna infermità graue di Antonino; percioche teneuano gli antichi, che simil Dea hauesse facoltà di saluare chiunquele si raccomandaua: oltre che il Serpente, che le precede, è segnale di salute: e tal Dea hebbe il Tempio in Roma nel Foro Olitorio.    Appresso a tutto ciò aggiunse il Senato vn'altro honore ad Antonino, entro lamedaglia;    21. in cui stanno scolpiti due scudi di forma ouata; che oltre a certo guernimento, che mostrano di hauer congiunto nel difuori, sono ornati di rabeschi nella superficie loro, e vi si legge: IMPERATOR II. ANCILIA. Scriue Plutarco, che nell'anno ottauo di Numa Pompilio, vn'influsso pestilentiale occupò l'Italia, e Roma; perloche standosi il Popolo di mala voglia, si tenne, che vno scudo di bronzo cadesse dal Cielo nelle mani di Numa, e si publicò, che simil portento recaua la salute della Città, e ch'era mestieri di ben custodirlo: affermandosi, che là doue quello scudo fosse serbato, iui la sedia dell'Imperio del mondo dimorerebbe: laonde da così fatta speranza stimolato il Popolo, mosso dal dubbio, che non sosse cotale scudo rubato, altri vndici ne fece fabricare del tutto a quello simiglianti, perche il vero non si riconoscesse; e postigli in confuso entro il Tempio di Marte, vi deputò ventiquattro Sacerdoti chiamati Salij, per ben custodirli. Questi furono così detti, perche andauano per la Città a suon di piue ballando, e saltando, e solennemente cantando alcuni hinni. Le vesti, e paramenti loro erano di colore cangiante, con vn pettorale di bronzo al petto, e portauano in mano i suddetti scudi, percotendoli spesso con alcuni coltellini. Giudico pertanto, che con lo stampar, che fece il Senato, ad honore di Antonino, la forma di così fatto scudo, volesse intendere, che egli medesimo, per la salute della Republica era mandato dal Cielo; e che conueniua il procurare, ad ogni possibil modo, la conseruatione di lui, & il venerarlo del continuo, come cosa appunto venutagli dal Cielo.    Fù particolar pensiero di Antonino il serbare, per quanto potè, la pace a sè, & all'Imperio; & vsò gran studio, che così seguisse: ma quando in alcun luogo si moueua la guerra, egli era presto, col mezo de'Legati, a reprimerne i principij, nè abbandonaua intanto la cura della Republica; la quale con l'assistenza di lui godeua la sicurezza della pace, senza prouare la noia, e li disagi della guerra. Ciò tengo, che intendesse di rappresentare il Senato decretando la medaglia, con testa, e titoli descritti, e col rouescio di vna Donna in piedi, che stringendo lo scettro con la destra mano, appoggia il sinistro braccio sù vna Colonna, con tale elogio: SECVRITAS PVBLICA. S.C.; intendendosi in ciò la fermezza

fermezza in ogni stato, senza pericolo di alteratione, che però le si fà il sostegno della Co lonna: e se nello scettro dimostra l'Imperio, o maggioranza, dalla quale si corre il pericolo di cadere, egli dà anche a vedere la virtù, con cui si può conseruare, e stabiliruisi con honore.    Vedesi rappresentata in altra medaglia la prudenza di Antonino, con Donna in piedi; la quale, benche coperta da lungo manto, mostra nondimeno la destra spalla, e coscia, e gamba, & ambedue le braccie ignude, & hà due volti; peròche l'vno dinanzi, in profilo, è di fresca giouanetta, e l'altro di dietro mostra esser di canuto vecchio. Appoggiala sinistra mano ad vn bastone, intorno al quale si auuiticchia vn serpe, e vi è notato: TR. POT .XXIIII. COS .IIII. Tal simulacro della Prudenza co'due volti, dà a vedere esser necessario, in qualunque attione, il pensare non meno alle cose già fatte, che a quelle da farsi; perciòche il consiglio delle cose a venire dee nascere dalle passate, e quindi possono ordinarsi le presenti, preuedendo le future. Il serpe, mentre è combattuto, si fà incontro con tutto il corpo alle percosse, e solamente il capo, con molti giri di sè stesso, procura difendere: dimostrandoci, che essendo il capo la perfettione humana, tutte le altre cose deono esporsi, fuor di quello, alla fortuna; stimandosi ciò atto di vera Prudenza.        24. L'altro rouescio di Antonino, che contiene la figura in piedi di Apollo giouinetto, con chioma copiosa, & habito lungo, che tenendo, con la destra, la Patera, sostiene, con l'altra a lira, con lettere: APOLLINI AVGVSTO S.C. mi dà a credere, che sì come la giouentù è lperpetua in Apollo; poiche quel calore, che di lui esce, e dà vigore alle cose create, è sempre il medesimo, nè inuecchia mai tanto, che diuenga debile; così teneua il Senato, che il senno di Antonino fosse tale, che l'aumento, e non la diminutione della virtù douesse produrre. La chioma in Apollo dimostra lo splendore de'suoi raggi; e questo s'intende in Antonino, per la chiarezza della sua gloria: l'habito lungo di quello dà a vedere la sua Deità; e l'habito della Prudenza in Antonino, lo faceua, a guisa di Deità, da ciascuno ammirare: Ma potrebbe anche dirsi, che cotale habito lungo di Apollo volesse denotare lo spander, ch'egli fà, in qualunque parte della terra, i raggi suoi; intantoche quella se ne auualora, e si rende feconda, e le cose produce, che all'vso dell'human genere fanno mestieri: nella qual guisa anche il prudente gouerno di Antonino, dilatandosi per tutte le parti dell'Imperio, ciascuno ne restaua profittato; poiche da quello germogliauano effetti di pace, e di giustitia; da'quali ne seguiua il beneficio vniuersale di tutte le Nationi. Tengono però alcuni, che il simulacro suddetto di Apollo, quello rappresenti, che in Attio haueua il suo Tempio, & era adorato; & altri il prendono per vna Musa, in riguardo dell'habito lungo, che porta; e forse così il fecero, per dar a vedere, ch'egli il primo fù, che pose in vso il sonare della cetera.    Il rouescio di altra medaglia in Antonino, contiene vna bellissima figura ignuda, sè    25. non quanto vn panno, che dalla sinistra spalla, leggiadramente cingendola, le ritorna sotto il braccio dell'istesso lato, e ne restano quelle parti coperte, che meno honeste dell'altre, comprende in sè l'huomo: appoggia la destra mano ad vn hasta, e con la sinistra sostiene il Cornucopia, leggendouisi: GENIVS POP. ROMANI. S.C. Teneuasi da gli Antichi esser il Genio vn certo Nume, che dal primo nascimento accompagna gli huomini sempre, & ailuoghi ancora erano tal volta attribuiti, come particolari custodi di essi. Quindi il diedero al Popolo Romano, facendogli l'hasta, e'l Cornucopia; l'vna per dimostrar la Diuinità contenuta

contenuta dal Genio, già che l'adorarono anche come Dio della generatione, ouero la dispositione, che hau eua sem pre alla guerra, e'l Cornucopia per la felicità, che accompagnaua il medesimo Popolo, o per le ricchezze grandissime, che possedeua.    Appresso a questo ci vien posto innanzi in diuerso rouescio vn vecchio graue, che stende con la destra vn ramoscello d'alloro, e sostiene con la sinistra lo scettro, con inscrittione: GENIO SENATVS S.C. Raccogliesi, nella diuersità de'due Genij descritti, quanto si studiassero gli antichi nel rappresentare i concetti loro, perche tenendo per certo, che ciasoun huom o hauesse il Genio buono, e'l cattiuo, hebbero anche per fermo, che così il Popolo, come il Senato, hauessero i proprij Genij, e quasi armiggero formarono il primo, facendolo con l'hasta, in atto assai ispedito, e pronto a prendere qualunque occasione, già che pure il Popolo Romano era egualmente disposto alla guerra, & alla pace: ne' quali casi l'abbond anza del vitto faceua sempre di mestieri; e perciò vi aggiunsero il Cornucopia, volendosi anche in ciò dimostrare le ricchezze da lui possedute, e la felicità, con la quale conduceua qualunque suo fatto: l'altro, che rappresenta il Genio del Senato, dimostrarono in persona di età graue, e togata, per maggiormente darlo a vedere di maturi pensieri, e più apparecchiato al consigliare, che al maneggiar dell'armi.    Ma come l'amore de'Romani andaua sempre più auanzandosi verso l'Imperadore Antonino; così non si lasciaua da essi di annuntiargli sempre il bene: e vollero dimostrarlo etiandio nel rouescio d'vna medaglia, in cui figurarono il buon'euento, che denota prospero    27. successo, e felice fine delle attioni, e delle imprese. Vedesi però vn'huomo affatto ignudo, che sacrifican do con la Patera, tiene pendenti, con la sinistra mano, vna spica di grano, & vn papauero, e vi è notaro. BONO EVENTVI. S.C. Sacrifica, cred'io, perche volendosi conseguire la somma felicità, & i buoni successi delle cose, dee ricorrersi a Dio, che lo conceda: si dimostra ignudo, forse per dinotare, che simili Euenti buoni deono essere spogliati di ogni tristezza: porta la spica, e'l papauero, consistendo la humana felicità nell'abbondanza delle cose, e del vitto specialmente, e della quiete significata nel papauero incitando quello al sonno.    Nel medesimo Consolato terzo decretò il Senato l'altro rouescio, con Vecchio giacente    28. dal mezo in sù ignudo, che ad vn scoglietto appoggia gli homeri, e vi riposa il sinistro braccio, la cui mano sostiene vna tremola canna, mentre distende la destra alla prua di naue, che gli giace vicina, leggendouisi: TR. POT. COS .III. TIBERIS S.C. Tal figura, non hà dubbio, per quello, che si dimostra, e le lettere la palesano, essere il fiume Tebro. Se questo fosse applicato alla gloria del Principe, quasi, che col Genio del popolo, e con l'altro del Senato, e col buono Euento, concorresse a mostrarsi riuerente verso vn tanto Imperadore, o che a suo tempo, come Giulio Capitolino afferma, fra le disauenture, che auuennero, restò la Città innondata dal Teuere, io non sò distinguere. Si fà vecchio il simulacro del fiume, perche col mondo nacquero le acque; e s'appoggia ad vn scoglio, essendoche la sua nascita segue fra monti: gli si dà la canna, che denota abbondanza di simile elemento, propagandosi queste ne'luoghi acquosi; e tiene vicina la prua di naue, per segnale, che cotal fiume è nauigabile; il quale vscendo sopra Tiferno dal destro lato dell'Apennino, diuide la Toscana dall'Vmbria, e Campagna, com'anche fende pe'lmezo la Città di Roma: dimostransi giacenti i fiumi, essendo che il proprio loro è lo andare per la terra ser pendo. Accanto

       29. Accanto a simile rouescio, ve n'è vn'altro, con persona di età, la quale sembra Antonino medesimo, ella è togata, ma con alcuni seni, che nel più honorato, e pomposo vestire soleuano vsarsi, allargandosi molto con varie pieghe. Si crede, che l'habito fosse di materia trasparente, e leggieri, come sono tali le cose dell'Honore: ma la testa cinta di corona radiata, contraria a quelle, che siattribuiscono all'Honore; volendosi, che s'incoroni di palma, o d'alloro: mala radiata forse differisce dall'altre per la mostra, che fa di rappresentar l'Honore d'vn'Imperadore: porta nella sinistra il Cornucopia, volendo l'Honore hauer congiunto l'vtile, cioè le ricchezze; per le quali può l'huomo essere honorato: tiene nella destra vn ramo triplicato, che mostra esser di palma, il cui arbore è segnale di vittoria; perche qualunque peso non è atto di far cedere, o di piegare i suoi rami: anzi che con maggior vigore allhora s'inalzano, che si procura di abbassarli; & essendo l'Honore stimato figliuolo della Vittoria, ben si conuiene, ch'egli vada ornato delle insegne materne. Si dice, che l'Honore sia l'ombra della virtù; nè gli Antichi poteuano entrare nel Tempio dellvno, se prima non passauano in quello dell'altra: l'applicatione però, che forse potè fare il Senato di vn cotal rouescio, al buono Antonino, sarà facile il com prendere, se fù equiualente al merito di lui, mentre si mirerà, che per la singolar virtù sua, egli era giunto al colmo di qualunque honore. Visi legge intorno: HONORI AVG. COS .III. S.C.        30. Volendo rappresentare il Senato la virtù grande di Antonino stimo, che miglior via non potesse in ciò tenere, che col figurar, nel rouescio di altra medaglia, il Dio Ercole tutto ignudo; il quale sostenendo su'l sinistro braccio il vello Leonino, e stringendo in quella mano l'Arco, & vna freccia, s'appoggia con la destra sù la Claua, e vi si legge: COS .III. S.C. Ercole fù dotato digran forze, e fece molte attioni, che lo dimostrarono forte oltre modo: ma si tiene tuttauia, che la fortezza di lui non fosse del corpo, ma dell'animo, con cui superò gli appetiti disordinati, che alla ragione sono rebelli, e che quasi ferocissimi mostri conturbano, e trauagliano l'huomo. E peròche Ercole fù amatore di prudenza, e di virtù, gli attribuirono la pelle di Leone; il quale Regio animale significa la grandezza, e la generosità dell'animo: gli danno la mazza nella destra, che rappresenta il desiderio della prudenza, e del sapere, fingendo le fauole, che con essa vccidesse il Drago, per far lacquisto de'tre pomi d'oro da lui custoditi, con fine di mostrare, che superato l'appetito sen suale, liberasse da quello le tre potenze dell'anima, e che di opere giuste, & honeste le ornasse: l'arco, e la freccia, che stringe nella mano, sì come l'esfetto dell'vno è il portar da lungi quello, che da lui si scocca, così l'altra velocemente sospinta dalla forza di esso, a configgersi nel prefisso termine se'n vola. Direi, che'l primo dimostrasse la forza dell'intelletto; dal quale scoccandosi le freccie de'concetti, quantunque sieno immanenti attioni di esso, vanno tuttauia a configgersi nelle altrui menti, che, fatte di quelli vaghe, ne restano anch'esse feconde.    Hebbe, come si disse, Antonino due figliuoli, che morirono infanti, e solamente di due femine potè chiamarsi padre: l'vna di esse maritò in Sillano Consolo, e l'altra in Marco Aurelio, che gli succedette nell'Imperio. Non sò qual felicità si proponesse il Senato di attribuirgli, mentre fece stampare entro vna medaglia, due Cornucopij, sù la superficie di ciascun de'quali stà vna testa, per mio credere, di fanciullina, con alcune spiche di grano, che le pendono intorno, e col titolo: TEMPORVM FELICITAS COS .IIII. S.C. percioche se li figliuoli di lui fossero stati maschi, pare, che cotal felicità douesse esser più X singolare,

singolare, che per le femine, essendo vtilità, e ricchezza grande, e specialmente in vn Principe, l'hauer figliuoli: ma forse nel ciò fare, hebbe in riguardo il Senato, che tra'Principi, eguale felicita recano le femine, per ragion de'parentadi, che col mezo loro si stabiliscono nelle case de'grandi.    Si dimostra ancora, in altro rouescio di Antonino, vna Donna sostenere, con la destra,    32. vna ben librata bilancia, e con la sinistra il Cornucopia, con lettere: COS .IIII. Tal Donna altri non è, che la Equità, virtù eccellentissima in Antonino: la veste, che la cuopre, può esser bianca; percioche, con la candidezza dell'animo, non si lasciando deuiare da gl'interessi, premia placidamente, e condanna: rappresentandosi l'effetto di ciò dalle bilancie, e dal Cornucopia, che l'vna l'Equità, e l'altro la Felicità, diriuate da simile virtù, sig nisicano.    Volle il Senato dara vedere la stabilita prudenza, con cui reggeua Antonino sè stesso,    33. e l'Imperio, figurando in medaglia il Dio Termine, con due faccie, l'vna di rouescio all'altra: l'vna in età giouanile, e l'altra di vecchio, e vi si legge: TR. POT .XXIIII. COS .IIII. La eccellenza di tal virtù consiste, come dianzi si disse, nell'ordinare le cose presenti, col ricordare Ie passate, e preuedere le future: nè ciò era difficile di conseguire ad Antonino, che habituato nelle virtù, il tutto regolaua in modo, che non hebbe giamai cagione di pentirsi di cosa da lui disposta; e perciò tengo, che si figurasse la prudenza di esso, alla guisa di vn termine, per più dimostrare in lui, per l'habito fatto, ben ferma, e stabile vna simile virtù.    Scorgesi, in altro rouescio, vna figura in piedi, col capo circondato di raggi, che le    34. pende il paludamento dalle spalle, mostrando tuttauia il petto, e'l resto affatto aperto, quantunque vn breue vest ire non lasci vedere le parti ignude fino al ginocchio, & hà ne piedi i coturni: stringe nella destra mano vna sferza, e con l'altra vn dardo, leggendouisi: COS .IIII. S.C. Questi tengo, che rappresenti Apollo, mostrandolo non meno i raggi del capo, che la sferza, la quale egli porta, come Auriga: nè il dardo armato di due punte è gran fatto dissimile dalla saetta: volendo forse inferire, che come quella per la forza del fuoco, che la spinge, non pur fende con violenza l'aere, ma penetra le più profonde viscere della terra; così i raggi solari adempiono virtual mente l'istesso effetto. Il manto, che gli pende dalle spalle, può rappresentare lo splendore, con cui cinge tutto il Mondo. L'applicatione di tal medaglia dedicata dal Senato ad Antonino, non sò vedere, che possa meglio attribuirsi, che alle tante virtù, che erano in lui, & a quelle principalmente della pietà, e della carità sua; le quali, alla guisa di Apollo, allargauano i raggi de gli effetti loro per le Città, e per le Prouincie soggette all'Imperio, inuigilando Antonino, che la Giustitia fosse rettamente amministrata in qualunque luogo: che i Ministri non grauassero i Popoli; che si seruasse l'abbondanza: che le fabriche si ristaurassero; e che ciascuno della retta intentione, e del buon Gouerno di lui sentisse il ragioneuole frutto.    Fù effetto della gran virtù di Antonino, e dell'ottima sua intentione, che nel Principato di lui, le cose dell'Imperio passassero tranquillamente, e volle il Senato darne segnali    35. nella medaglia, con testa laureata, e lettere: ANTONINVS AVG. PIVS P. P. TR. P .XXI. hauendo nel rouescio la Dea Fortuna in piedi, col Cornucopia nella sinistra, e la Patera nella destra mano, appoggiata sopra vn timone di Naue, e vi stà scritto: FORTVNA OBSEQVENS COS .IIII. quasi la Fortuna gli fosse stata nel tutto obediente, & hauesse seconda- to in

to in modo qualunque suo pensiero, che gli effetti non differiuano punto da quelli.    Morì, nell'anno terzo dell'Imperio di Antonino, la Moglie di lui Faustina, la quale posta dal Senato fra le Diue, fù anche honorata di giuochi Circensi, di vn Tempio, di Sacerdoti Flamini, e di statue d'oro, e d'argento. Il rincontro di così fatta Deificatione appare in diuerse medaglie di Faustina, che a suo luogo si vedranno. Ma, forse per consolatione di Antonino, vno più particolare, volle che ne fosse stãpato entro la medaglia, con testa laureata, e lettere: ANTONINVS AVG. PIVS P. P. TR. P. COS .III. che hà l'effigie di Faustina, con l'vsata sua conciatura di capo, & inscrittione: DIVA FAVSTINA: la quale effigie, douendosi vedere altroue, basterà d'hauere quì citata così fatta medaglia.    Nell'istesso anno, persuaso Antonino da'Senatori, creò Consolo Marco Aurelio, e disegnò, innanzi tempo Questore Anneo Vero: nè per corrispondere alla sua bontà, eseguiua alcuna cosa, senza riceuerne il consiglio de'prudenti, Leuò gli accusatori, che riceueuano la quarta parte de'beni confiscati. Ciò, che gli era donato, impiegaua in prò della Republica, non prouedendo a'suoi bisogni, o de'parenti, senon col proprio patrimonio, del quale etiandio alla stessa Republica donaua il frutto. I suoi Bagni esibì al Popolo; accioche, senza farui spesa, ne potesse vsare. Tolse i salarij, che dell'erario si dauano a molte persone ciuili. Fù liberalissimo, e diede più Congiari al Popolo, col solito donatiuo a'Soldati. Instituì gli alimenti alle fanciulle, in honore della Moglie Faustina. Ma il segnale di alcuni Congiari, stà in vari rouesci di medaglie, e specialmente nell'vna, con    36. sopra di vn palco l'Imperadore sedente, & altra persona, che gli assiste in piedi, e la Dea Liberalità, che tenendo il Cornucopia nella sinistra mano, solleua con la destra la tessera di forma quadra, e con vari punti, secondo si è detto altroue, come anche del Cornucopia: ma al piede del palco, stà persona, che fatto vn grembo della veste, riceue il Congiario, leggendosi nel disotto: LIBERALITAS AVG .IIII. Segnale, che anche per prima vsò il Principe di così fatte liberalità al Popolo. Non consiste la Liberalità nell'atto casuale del donare altrui le cose proprie; ma nell'habito, e nell'intentione della mente, in paragone dell'altre virtù.        37. L'altro appare nel rouescio di testa laureata con lettere descritte, e: COS .IIII. vedendouisi il palco, con l'Imperadore sedente, e'l solo simulacro della liberalità in piedi, mentre stà in terra persona togata in atto di stender la destra, per prender quello, che dall'Imperadore vien donato, e v'è scritto LIBERALITAS AVG .S.C.        38. In diuersa medaglia è vn palco maggiore, con due sedie, e due Imperadori, atteggiando con le dcstre, quasi discorrano, o comandino alcuna cosa; & a' piedi loro sono, l'vn per lato, due soldati, con l'hasta, o dardo, per ciascuno, nè vi si legge, se non S.C. Dà ben così fatto rouescio a vedere di esser anch'egli vn Congiario, dalla forma del palco: ma nè vi è il simulacro della Liberalità, nè meno alcuno, che riceua la distributione; & oltre di ciò, contiene due Imperadori sedenti in eguali sedie; e li due soldati a' piedi del palco, pare, che dimostrino esserui la guardia Imperiale: onde mi dò a credere, che altro non si vogha con ciò rappresentare, che alcuna publica attione fatta da Antonino dapoi, che hauendo maritata in Marco Aurelio la figliuola Faustina, e quello dichiarato Cesare, e fattoselo compagno nell'Imperio, incominciaua ad amministrare con esso lui il Gouerno della Republica.    Segue l'altro rouescio, che, per mio parere, dimostra l'institutione, che egli fece de gli X 2 alimenti

alimenti per le fanciulle, che in honore della moglie furono chiamate Faustiniane: veden    39. dosi in cotal medaglia vna Donna in piedi, che sostiene, con la sinistra mano, vna fanciullina, mentre due altre le ne stanno a'piedi, e tiene, con la destra, cosa, che fa vista di esser pane legg end ouisi: PIETATI AVG. COS .IIII. S.C. nè hà dubbio, che cotal Donna non sia la Pietà, rappresentata per quella, che vsò Antonino nell'atto di alimentare molte piccole creature, come si è detto.    Meritò non vna, ma mille corone Antonino, per le altrettante qualità lodeuoli, e virtuose,    40. che risplendeuano in lui: nè il Senato, per corrispondere a quanto, per ciò douea, gli fù fcarso de'conueneuoli honori, e di rappresentarlo in molte guise: ma specialmente lo fece in vn rouescio, nel quale si vede, per fianco, l'Imperadore togato a sedere, che mentre, con la destra sostiene il globo, inditio del Gouerno del Mondo, gli stà dietro vna Vittoria volante, che porge al capo di lui la corona, con parole. TR. POT .XV. COS .IIII. la qual cosa da per sè mostra il gouerno di lui essere stimato ottimo, e ch'egli era degno di qualunque honore.    Gl'Historici, e Giulio Capitolino specialmente, non fanno mentione di altre fabriche e dificate in Roma da Antonino, che di vn Tempio dedicato al Padre Adriano, e di hauer ristaurato il Gregostasi arso dal fuoco: Era questo illuogo, in cui si riceueuano gli Ambasciadori delle Nationi esterne, e specialmente de'Greci: che hauesse, in oltre, risarcito l'Anfiteatro, il Sepolcro di Adriano, il Tempio di Agrippa, il Ponte Sublicio, il Faro, il Porto di Gaeta, quello di Terracina, il Lauacro Ostiense, com'anche gli Acquedotti di Antio, e che molte Città aiutò di danari, accioche facessero nuoue fabriche, e ristaurassero le vecchie: ma vedendosi tuttauia in Roma nella Piazza, detta di Pietra, vna gran fabrica, e sontuosa, che doueua esser ornata di buona quantità di colonne, mantenendosene ancora in piedi vndici di fino marmo striate, e che fin hoggi si chiama la Basilica del Diuo Antonino, questa non viene ricordata: nè mentione alcuna si fà dell'hauer egli ristaurato il Tempio di Augusto posto nel foro già lasciato imperfetto da Tiberio Imperadore, e poscia    41. fornito, e consacrato da Caligola, la cui memoria si raccoglie in medaglia di esso Antonino, che contiene cotal Tempio, e'l Portico ornato di otto colonne, sopra le quali, e dell'Architraue, che a quelle sourasta, sono varie statue; e nell'entrata stanno riposte due    42. figure sedenti, che li simulacri d'Augusto, e di Liuia Deificati, si stima, che sieno, e v'è la inscrittione: TEMPLVM DIVI AVG. REST. S.C. COS .IIII.    E'vn'altro Tempio in diuerso rouescio, il cui architraue posa sù dieci colonne, evisono delle statue, & altri ornamenti, che ben dimostrano cotal fabrica non essere stata volgare, leggendouisi: ROMAE AETERNAE. Io non affermo però, che sia quello, che Giulio Capitolino vuole, ch'egli edificasse al Padre Adriano: ma comunque la cosa vada, così per questo, come per l'altro di Augusto, e per la fabrica, che si vede in Roma della Basilica Antonina, di sopra detta, può argomentarsi, che fossero fatti da lui altri edifici, e che questi lasciassero gl'Historici nelle penne loro, secondo si raccoglie, per vari rincontri di medaglie, che seguisse etiandio di altre opere egregie di ciascuno Imperadore; de'quali, se si potessero hauere tutte le medaglie battute in que'tempi, anche di maggior numero delle attioni loro si haurebbe la notitia, che per mancamento di queste, e per la scarsezza de'scrittori, non è giunta a'nostri tempi.    Appresso li due Tempij già detti, altro se ne vede in diuersa medaglia d'Antonino, con quattro

quattro colonne, che formando vn quadro perfetto, sostentano vna ornata testudine; sotto la quale stà, sù la base, il simulacro, non sò se di Adriano in piedi togato, o di vn Dio, che stringe con la sinistra, vn scettro, o mazza, e con la destra vn ramoscello; e vi si legge: COS. III, S. C. Il quale Tempio non mi fò lontano dal credere, che rappresenti quello edificato al Padre Adriano.    Ma nel vero io più fermo l'animo, che fosse l'vno, che io son per descriuere; percioche mi sembra il più nobile per artificio, e'l più adorno de gli altri. Stà questo nel rouescio di    44. vna testa coronata d'alloro, e titoli: IMP. CAES. D. AEL. HADR. ANTONINVS AVG. PIVS P. P. cioè Imperatori Cesari Diuo Aelio Adriano Antoninus Aug. Pius P. P. sostenuto da otto colonne le prime nel difuori dimostrano, verso le basi, due statue sù i lor piedestalli; di doue s'inalzano due gran faci co'fuochi accesi: nel mezo sono due simulacri sedenti, che possono rappresentare Adriano, e Sabina: l'architraue sostenuto dalle suddette colonne è grande, e magnifico; e così nel disopra, come nel vano di dentro, vi si veggono ornamenti di varie figure, leggendouisi: TR. POT. XIIII. COS. IIII. e nel disotto: PIETAS. S. C.    Sopragiunse, in tempo di Antonino, gran penuria di vino, d'olio, e di formento, ond'egli dolendosi con giusto animo dell'altrui calamità, prouedutone co'danari delle proprie entrate, ne dispensò largamente al Popolo, senza ritrarne frutto, oltre la beneuolenza di quello. Seguirono altre auuersità, per le rouine di fabriche notabili, e per molti terremoti, che gittarono a terra le Città dell'Asia, e Rodi: Ma egli con la grandezza dell'animo, e col ristaurare magnificamente il tutto, s'oppose a i moti della Natura, che bene spesso vsa il suo potere, non meno contrale Città abbattendole, che contra gli huomini. Accaddero anche in Roma, in Narbona, in Antiochia, & in Cartagine, di grandi incendij. Innondò il Teuere, e furono riferiti di molti prodigij. Farasmate Rè si trasferì a Roma, solo pervedere Antonino, e maggiori doni gli portò di quello, che già si facesse ad Adriano. Diede Pacoro per Rè a'Lidij; & in virtù di vna sola lettera riuocò il Rè de'Parti dall'espugnatione de gli Armeni; e poscia gli negò la restitutione della facoltà elettiua tolta a quel Regno da Traiano, volendo, che riconoscesse la Corona Regia da'Romani Imperadori. Strinse, con l'autorità, il Rè Abagaro di andare a lui dall'Oriente, e terminò la causa; per la quale lo chiamò. Alli Taurosciti, che con gli Olbiopoliti, popoli dell'Asia, haueuano guerra, mandò de gli aiuti; col calore de' quali restarono gli auuersari superati. Maritò Faustina sua figliuola a Marco Aurelio, e fin col dare il donatiuo a'soldati, rese cotali nozze fuor di modo solenni: hauendo etiandio promesso a Vero, dopo la Questura, il Consolato. E con tutto, che egli procurasse di mantenere in pace l'Imperio; non lasciò nondimeno declinar punto ne'soldati la solita discliplina, e l'essere bene affet ti, e fedeli,    45. raccogliendosi dalla medaglia, con Donna in piedi, che distendendo le braccia, stringe con ciascuna mano vn Insegna militare; cioè il Labaro, e l'Aquila, e v'è scritto: TR. POT. XIX. COS. IIII. S. C.    Per cagione di certa festa, donò Antonino al Popolo varie sorti d'animali stranieri; trà quali de gli Elefanti, e fin cento Leoni. Per segnale della qual munificenza, si vede entro    46. il rouescio di medaglia di lui, vn bellissimo Elefante in atto di caminare, con lettere: MVNIFICENTIA AVG. COS. IIII.    Non sacrificò giamai per le mani altrui Antonino, se non quando era infermo. Si vede il segnale d'vno de'voti per la salute publica, o per quella di se stesso, nel rouescio di medaglia

   47. medaglia, con figura togata, che sacrifica sopra'l Tripode, tenendo, con la destra mano, la Patera, e v'è notato: COS. IIII. VOTA. S. C. Ma quello, che di vantaggio siraccoglie nel sacrificante, è il vederlo con due faccie a guisa di Iano: volendosi in ciò dar'a vedere la molta prudenza dell'Imperadore, che è virtù dell'intelletto, e legame delle virtù morali: ouero, che il sacrificio era fatto per rendimento di gratie delle cose felicemente auuenute nel passato, e per supplicare, che felicissime douessero seguire nel tempo a venire.    Hebbe tale prouidenza Antonino, che non operò mai cosa, che prima non fosse da lui ben considerata, e della quale in Senato, e per editti, non rendesse la ragione, che al deliberarla il conduceua, e ne furono però i Popoli gouernati in modo, che dalla prouidenza del Principe, e dalla rettitudine dell'animo di lui, e della sua pietà, riceueuano solleuamenti grandissimi ne'loro bisogni:allargandosi tal virtù nel prouedere specialmente, che la carestia de' viueri non gli dannificasse, secondo si è già dimostrato, e che tuttauia si    48. raccoglie in medaglia, con Roma; la quale mentre appoggia la destra ad vn timone posto sopra di vn globo, sostiene con l'altra il cesto, o misura, grauato, per quel, che io mi creda, di molte spiche, onde accorre col ginocchio, posato sù vna prua di Naue, a sostenerlo, leggendouisi: TR. POT. XXII. COS. IIII. S. C. Tengo, che tal figura dinoti la Prouidenza; peròche doue fà più bisogno il valersene, che là doue, contra il furore de'venti, conuiene di ben reggere vna sbattuta Naue? e però le si fà il timone, col quale il tutto si regola: posa sopra il globo, cioè sopra il Mondo: dimostrando il regolato, e prouido Gouerno dell'Imperadore verso le Prouincie, e i Popoli suoi: sostiene cotal figura il paniere di spiche, apparendo, che vna prua di Naue, che le giace sotto i piedi, le sia in ciò aiuteuole, per dar' avedere, che nelle grandi penurie, eglifece, e recò da lontanissime parti i prouedimenti necessari al vitto de'Popoli.    La Natura, che ciò, che dona, ritoglie, condotto Antonino all'anno settantesimo, mesi quattro, e giorni diciassette dell'età sua, & ad anni ventidue, mesi sette, e giorni ventisei dell'Imperio; mentre era più degno di vita; già ch'egli solo portaua vtile ad infinite Nationi per la felicità, che col viuere suo a tutto l'Imperio recaua, grauato prima di mortifera febre, ne priuò finalmente il mondo, con vniuersal dolore d'ogni conditione di gente: ma prima di morire, chiamati a se Marco Antonino, e la figliuola Faustina, presenti li Prefetti, raccomandò loro efficacemente la Republica, e l'Imperio; e diede ordine, che il simulacro aureo della Fortuna, solito a tenersi nell'Imperiale Camera, fosse trasferito a quella di Marco. La quale attione, stimo fosse rappresentata dal Senato in medaglia, con    49. Antonino, che porge la destra ad vna Donna, che stringe con la sinistra lo scettro, & egli hà sù l'altra mano la Dea Fortuna in atto di trasportarla, vedendouisi più addentro, due figurine, l'vna d'huomo togato, e l'altra di Donna, che dinanzi ad vn'Ara, si porgono le destre, e vi stà scritto: CONCORDIAE. S C. La Donna, alla quale Antonino porge la mano, giudico esser la Dea Concordia, e che tale atto faccia verso di lei, pregandola ad essere per lo innanzi fauoreuole alle due figurine suddette, stimate Marco, e Faustina, che imitando il Padre loro, si dimostrano in atto di Concordia, mentre dinanzi all'Ara si porgono le destre, quasi che le ammonitioni hauute dal vecchio Padre, sieno, come cosa sacra, pregiate da loro, e che quellea così fatta attione le conducano: la Fortuna, che Antonino sostiene sù la destra, quella per auuentura sarà, che per comandamento di lui, fù trasportata ai due figliuoli, come annuntio, che douessero le attioni loro esser sem- pre

pre accompagnate dalla buona fortuna.    Morto Antonino, e portando il Senato la ricordanza de'beneficij riceuuti da lui insieme con l'animo di mostrarsene grato, lo dichiarò Diuo, non cessando di lodare la pietà, la clemenza, la beniguità, la liberalità, la giustitia, la patienza, e la incredibile prudenza, che in esso regnauano. Gli decretò tutti gli honori attribuiti, per lo innanzi, a qualunque ottimo Principe. Meritò, che gli fossero fatti i giuochi Circetisi, e che vno de'Flamini per suo nome, & vn Tempio, & i Sodali, detti Antoniani, gli fossero instituiti. Egli fù solo de i Principi, che non fece spargere sangue ciuile, nè hostile; e ne fù perciò comparato a Numa Pompilio; al quale nel gouerno della Republica, nella limpidezza de'costumi, e nella purità della vita, affatto si rassimigliò. Appare il testimonio della consecratione fattane    50. dal Senato, nella medaglia, con testa senza corona, e vi si legge: DIVVS ANTONINVS essendoui la Pira, o Rogo adornato riccamente, con lettere: CONSECRATIO. S. C. Intorno il modo delle quali consecrationi, si è fauellato altroue, & Herodiano ne scriue assai diffusamente.    Ma il segnale della medesima Deificatione di Antonino si comprende in altra medaglia,    51. che oltre la testa senza corona, con inscrittione suddetta, contiene vn'Aquila, che ferma gli artigli sopra'l globo, e vi si legge: CONSECRATIO. S. C.    Nè minor testimonio reca di ciò altra medaglia, con testa, e lettere notate, che contiene    52. la Colonna sopra di vn'alta base, e parole: DIVO PIO. S. C. & è quella, che tuttauia ftà in piedi in Roma nella Piazza denominata Colonna, di altezza di cento ottantasei piedi, con scala di cento quattro scaglioni, che gira per entro a chiocciole, e conduce fino alla sommità, essendoui disposte cinquantasei piccole finestre. Veggonsi scolpiti nel difuori li fatti di Antonino, così di guerra, come di pace, e con figure di alquanto maggiore grandezza, che non furono fatte nella Colonna Traiana, e secondo il testimonio delle medaglie, doueua esserui sopra la statua di Antonino:credendosi, & è verisimile, che simile machina facesse fare Marco Aurelio, e ch'egli alla memoria del Padre la dedicasse.

    A Nnia Faustina fù figliuola di Annio Vero, sorella di Lucio Elio, e Zia di Marc'Aurelio, & hebbe per Marito il buono Antonino Pio; di cui ingrauidò di due Maschi che amendue morirono fanciulli, e solamente due femine le soprauissero; la maggiore delle quali fù Moglie di Sillano Consolo, e morì giouanetta: l'altra, che si chiamò Faustina, hebbe per moglie Marco Aurelio, insieme con l'heredità dell'Imperio. Non portò quella di Antonino nome di honesta, si come l'hebbe di bella: ma fù tale la beneuolenza del Senato verso l'Imperadore, che acconsentì, che fosse chiamata Augusta, e solo il terzo anno dell'Imperio di lui visse: hauendola egli molto amata. Deificolla il Senato, e le decretò li giuochi Circensi, il Tempio co'Flamini, e delle statue d'oro, e d'argento, e che l'imagine di lei fosse condotta ne'giuochi suddetti. Poche medaglie di cotal Donna si truouano delle stampate, mentre era in vita: ma nell'vna di quelle, che si vedono dopo morta,    53. stà l'effigie di lei con bellissima conciatura di capo, e lettere: DIVA AVGVSTA FAVSTINA,    54. & hà nel rouescio vna Donna in piedi velaca, che tenendo l'Acerra, su la sinistra mano,

mano, porge con la destra alcun odore, o altra simil cosa, sopra di vn'ara, che le giace dinanzi, con tale elogio: PIETAS AVG. S. C. L'Acerra è su la stessa forma di vna piccola cassetta, e si faceua d'oro, d'argento, e di rame portandouisi l'incenso, e simili odori, per seruitio de'sagrificij, come si è detto altroue. La Pietà si dimostra con opere viue, sacrificando, e pregando per coloro, a' quali gli effetti dilei più conuengono.        55. Appresso a simile rouescio, ve n'è vn'altro di Donna in piedi velata; la quale sostenendo, con la sinistra mano, il l'alladio, posato sopra di vn fianco, stringe con la destra vna lunga face, che arde, nè altro vi si legge, che S. C. Tengo questa possa esser Vesta, dandone inditio la face accesa; benche nel vero la fiamma, significata per Vesta, non possa, con imagine humana rappresentarsi: tuttauia tenendo il Palladio, e conseruandosi questo nel Tempio di lei, non saprei, quale altra Deità potesse esprimere: quando non si volesse attribuire tal simulacro a Cerere, che porta anch'essa la face, mentre tutta sollecita và della perduta Proserpina cercando.    Pretendendosi, che in virtù della Deificatione, che, secondo i superstitiosi riti antichi, soleua farsi, Faustina fosse eterna; viene, con assai gentil maniera ciò espresso nella medaglia di lei; perche due ve ne sono, l'vna con testa velata, e l'altra affatto discoperta, e con    56. la solita sua acconcia tura di capelli, leggendosi in amendue: DIVA AVGVSTA FAVSTINA, e mostrano, nel rouescio, la Luna con le due corna all'insù, e con sette stelle, che le fanno corona, & ornamento, nè altre lettere vi sono impresse, che: S. C. Pare, che ciò possa ben denotare l'eternità; perche, se io non sono errato, le sette stelle rappresentano il Trione da'Greci detto Arctos, e da'nostri l'Orsa minore, ouero Cinosura. Il qual segno Celeste stà verso l'Aquilone, nel circolo Artico; e delle sette stelle, che lo formano, non vi è alcuna, che tramonti giamai nel Clima nostro: la onde si potrebbe dire, che Faustina, figurata nella Luna crescente, truouandosi in cotal segno, non mai tramonterà da gli occhi de'viuenti, e sarà sempre eterna.        57. In altro rouescio anche leggiadramente cotale Eternità di Faustina si và scorgendo, dal vederuisi vna Vergine, la quale tiene il capo, e le spalle coperte da vn velo, e siede sopra il Mondo, che per la fascia del Zodiaco, e per alcune stelle, che lo adornano, tale si palesa. Stringe, con la sinistra vn scettro, mentre allarga, e distende l'altra, e vi si legge: AETERNITAS. S. C. Simile figura rappresentante l'eternità è di Vergine, per esser quella incorrotta: porta il capo coperto, percioche ciò, che è eterno, non hà principio; secondo il coprimento delle spalle dimostra il tempo passato, il quale più non si vede: siede sopra la sfera, stimandosi il mondo essere eterno: & il sedere è parimente inditio di stabilità: distende la destra mano, e tiene nella sinistra lo scettro, per dar' a vedere, che è signora del tutto. E' in fine l'eternità vna stabil fermezza, che non ammette mutatione, nè hà principio, nè fine, per esser nel tutto perfettissima.        58. In medaglia diuersa dell'istessa Faustina, si figura l'eternità con Donna sedente, col capo, e le spalle coperte da vn velo, e che tenendo l'hasta, con la sinistra, sostiene sù la destra vn globo, sopra di cui stà la Fenice vccello, che col rinouarsi, che fà, ben può esser simbolo dell'eternità, già che vccidendo volontariamente sè stesso, dopo hauer lo spatio di cinquecento anni viuuto, si vuole, che del proprio sangue nasca vn vermicello, il quale diuentato pulcino, cresce a simiglianza dell'vccello, da cui è deriuato, e così si perpetua, con marauiglioso modo, fra gli Egittij la Fenice: siede cotal figura dell'eternità, essendo il sedere

sedere inditio di stabilità: tiene il globo, cioè il mondo sù la destra, producendo quella il tempo col suo essere mobile: onde si dà a vedere, che non nel mondo, ma fuori di esso stà l'eternità. Il velo, che le copre le spalle fà apparire, che'l tempo, che non è presente nella eternità, si occulta; benche vi sia eminentemente. Porta l'hasta, già che a tutti i simulacri delle Deità l'aggiunsero gli antichi, per volere quì dimostrare, che con l'aiuto di quella, appoggiandosi più stabile si rende.    Altro rouescio si vede in Faustina di vn bellissimo Tempio; il cui architraue sostenuto    59. da sei colonne è adorno di varie figure. Nel disotto vi si sale per gradi; nell'estrema parte dell'vltimo de'quali, che più è vicino alla soglia, sono allogate due statue, e nell'entrare del Tempio si offerisce quella, per auuentura, che d'oro le decretò il Senato, con lettere: AETERNITAS. S. C.    Vn differente Tempio stà in altro rouescio dell'istessa; perche quantunque sia ornato,    60. come il già detto, di sei colonne, e di varie statue sopra l'architraue, e ne gli angoli; non se ne vede nondimeno alcuna nella parte inferiore, e nè meno all'entrare del Tempio, e vi si legge: PIETAS AVGVSTA. S.C. denotando, che fù dedicato alla Pietà dell'Imperadorice.    Differisce anche la struttura di vn terzo Tempio, in Faustina, dalli due suddetti, essendo    61. di forma qnadra, e senza colonne, e solamente ornato nel disopra di festoni, e stà nel mezo di esso la porta chiusa, sembrando, che dalla superiore parte del Tempio escano alcune piccole fiamme, e v'è notato: PIET. AVG. S. C.    Bellissimo è parimente l'edificio della Pira eretto nel mortorio di Faustina; peroche si dimostra molto ornato nel rouescio della medaglia di lei, leggẽdouisi: CONSECRATIO. S. C.    62. Si ergeuano così fatte Pire, o Catafalchi, nel Campo Marzo, come in luogo assai capace, per simili cerimonie. Era l'edificio quadro, e molto alto, e per alcuni piani, che vi si faceuano, andaua sempre iscemando verso la cima; sù la quale, se era per Imperadore, vn Aquila viua; e se per Imperadrice, vn Pauone in guisa acconciauano, che quando alla machina si daua il fuoco, simile animale veniua disciolto; e volando per mezo il fumo molto in alto, prendeuasi quindi a credere, che sù quello l'anima della persona morta salisse in Cielo: e dall'hora innanzi per Deificata da ciascuno si teneua: che però anche, in altro    63. rouescio si vede l'anima di Faustina su'l dorso del Pauone solleuata in alto, con lettere: CONSECR ATIO. S. C.    Hauendo io ritrouato vna medaglia frà le Greche del mio studio, che quantunque scritta con di que'caratteri, rappresenta nondimeno nell'opera, la maniera Romana, hò    64. voluto, come cosa rara, quì riporla: massimamente, che per mio credere ella moue alcuni dubbij di non piccol rilieuo. Contiene dall'vn lato la testa di Faustina tutta simile alla già scolpita, e v'è scritto: ΔΕ Α ΦΑΥΣΤΙΝΑ. cioè Dea Faustina. Vede si nell'altro vn fanciullo di tenera età, cõ crespa capigliatura, e lettere: Μ. ΓΑΛΕΡΙΟΣ ΑΝΤΟΝΙΝΟΣ ΣΑΥΤΟΚΡΑΤΟΡΟΣ ΑΝΤΟΝΙΝΟΣ VI. cioè M. Galerius Antoninus Imperatoris Antoninus. Il nome Galerius è senza fallo errore contra l'Historia; perche il nome di lui fù Aurelio: l'vltimo Antoninos, vuole scriuersi: ANTONINV, cioè Antonini. essendo ciò corso per solecismo gramaticale; e forse incontrò dall'essere cotal medaglia stampata in alcuna parte della Grecia, nella quale doueua in quel tempo preualere la Barbarie, alla coltiuatione delle buone lettere. Egli è però chiaro, secondo riferiscono gli Autori; che Marco Aurelio fù adottato da Antonino Pio correndo il decimottauo anno; ma detta medaglia non lo dimostra senza fallo di tanta Y età:

età: gli diede dapoi per Donna la propria figliuola nata di Faustina, la quale a così fatte attioni soprauisse moglie di Antonino, solamente tre anni; nel fornir de'quali, secondandosi l'opinione de'scrittori, ne haurebbe Marco compiti vent'vno: Se la medaglia dunque fù decretata, come può credersi, e lo testifica la fanciullezza compresa in Marco, nelle feste dell'Adottione, per cagion delle quali ne furono impresse delle simili col rouescio del la testa d'Antonino, secondo s'è detto a suo luogo, due cose ne seguono: l'vna, che Marco non giungeua alli diciotto anni; e l'altra, che Faustina, che v'appare di fresca età, era fin d'allhora chiamata Diua. Se altri poi volesse la medaglia esser battuta dopo la morte di lei, e quando Antonino le impetrò dal Senato la cerimonia dell'antica Deificatione, essendo di già passati tre anni dell'adottione fatta, vi apparirebbe Marco di maggiore età: oltre che non fù solito, nè io sò esseruene esempio, il coniarsi rouesci di figliuoli viuenti dopo morta, e Deificata la madre, nelle proprie medaglie di quella, che sarebbe per auuentura stato loro di sinistro augurio: ma vi si poneua l'eternità, la Pira, il Pauone, e cose simili, che si vedono nell'altre morte Imperadrici. Ma di Faustina sono anche rarissime le medaglie, che contengono il solo suo nome; e frequenti quelle con: DIVA FAVSTINA AVGVSTA. e queste pur hanno de'rouesci, che dimostrano esser fatti lei viuente, con la Dea Pietà, con la Dea Vesta, con Augusta in piedi, e sedente: & in argento vi sono le Puelle Faustiniane, e sè stessa, e'l marito, che coltitolo di Concordia, si porgono le destre: e Adolfo Occone riferisce di quelle solite stamparsi ad altre Imperadrici viuenti; & in tutte vi è il titolo di Diua Faustina: e pur essendo ella viuuta tre anni col marito nell'Imperio, e da quello teneramente amata, non è da credere, che più frequenti honori, per via di medaglie, e col solo nome Faustina Augusta, ella non riceuesse dal Senato: se non in riguardo di lei, che poco buon nome portò, almeno per l'Imperadore grande per virtù, maggiore per bontà, & ottimo per l'animo, che più alle cose publiche, che alle priuate di se stesso, tenne riuolto: Onde pare, che possa argomentarsi, che viuente Faustina, come si disse d'Augusto, di Tito, e di Traiano, ella fosse chiamata Diua. Ma in questa, & in altre mie dubitationi, che nella presente opera si leggono, io mi rimetto sempre al prudente giuditio de'più intendenti: bastando a me, che si comprenda lo inuestigare, che hò fatto, di quelle cose non fin quì motiuate da alcuno, e ricercatane la verità.

Type: drawing

Type: drawing

Type: drawing

   MArco Aurelio, che per adottione di Antonino Pio, succedette nell'Imperio, nacque in Roma, & hebbe per Padre Annio Vero, che morì nel carico di Pretore, e per Madre Domitia Caluilla figliuola di Caluisio Tullo due volte Consolo. Da fanciullo attese a varie professioni, e tra esse, alla Pictura: ma sopra tutto si auanzò grandemente nella Filosofia, facendo per tali mezi risplendere fra gli eguali la nobile sua fanciullezza; e suscitando, & infiammando gli animi loro al desiderio di honorate lodi: l'anno ottauo dell'età sua hebbe luogo nel Collegio de'Sacerdoti Salij, e si condusse in esso a'primi gradi, hauendoui riceuuto l'augurio dell' Imperio. Di quindici anni, dopo presa la Toga virile, per volontà dell'Imperadore Adriano, condusse per Moglie la figliuola di Lu cio Ceionio Commodo; & entrato poscia Prefetto delle ferie Latine, grande honore gli seguì di quel Magistrato. Per ordine d'Adriano fù Marco nel suo decimottauo anno, da Antonino Pio, insieme con Lucio Vero, adottato e fatto Questore. Morto l'Imperadore, ricusò Marco la Moglie già presa, e disegnato Consolo da Antonino, che l'honorò col nome di Cesare, fù d'ordine del Senato stampata la medaglia, con testa, senza corona, in età giouanile, e lettere: AVRELIVS CAESAR AVG.    1. PII F. COS. Mostrando di rouescio la Dea Giouentù in piedi coronata di fiori, che sacrifica,    2. e vi si legge: IVVENTAS AVG. S. C. Tale Deità fù da'Greci chiamata Hebe, cioè fiore dell'età, e quando spunta ne'giouani la prima lanugine. Il sembiante era di bellissima giouane, con vesti di vari colori, & inghirlandata di fiori; percioche la giouentù spira da per se, vezzi, odori, allegrezza, & è varia ne'mouimenti, così richiedendo il calore del sangue, che in quella si truoua. In simile età doueua essere dunque Aurelio, quando tal medaglia fù dal Senato decretata.        3. Ma il più particolar segnale dell'adottione, stimo, che si raccolga in quella, che contiene    4. la testa di Antonino coronata di alloro, e titolo: ANTONINVS AVG. PIVS P. P. TR. P. COS. III. con l'effigie di Marco Aurelio nel rouescio in età giouanile, e senza corona, con lettere: AVRELIVS CAESAR AVG. PII F. COS.        5. Volendosi fare apparire la pietà di Aurelio, già fatto Cesare, verso li Dei, fù stãpata la medaglia, cõ testa, e lettere descritte, cõ gli stromenti de'sacrifici; il primo de'quali in ordine, e la Secespite, cioè il coltello lungo di ferro, cõ manico tõdo d'auorio, guernito d'argento, o di oro, vsato da'Flamini, cioè da'Sacerdoti di Gioue, e di Marte, & anche da'Pontefici, e da coloro, che a' tali sacrifici assisteuano, così chiamandolo dal secare, o dal diuidere, ch'egli faceua. Seguita l'Asperforio, il quale staua nell'acqua, in cui fosse per prima spento vn torchio acceso, che hauesse seruito nel sacrificio, e con simile acqua, vsando l'Aspersorio, si toccauano. Vi è il Vaso detto Prefericolo, che si portaua da vno de' Ministri del sacrificio pieno di vino. L'altro, che sembra vn bastone ritorto è il Lituo. Conueniua, che tal bastone fosse senza nodi, e nella superiore parte piegato, e lo adoperauano nel prendere gli Augurij, misurando con esso le parti del Cielo. L'vltimo è il Simpolo, Vaso piccolo, con cui il Sacerdote, prima di spargere il vino sù la testa della Vittima, lo assag- giaua;

giaua; & intorno a tal rouescio si legge: PIETAS AVG. S. C. volendo con ciò denotare la pietà, che si dee verso Dio, e che si rappresenta in coloro, che a lui sacrificano.    Ma per dimostrare, quanto fosse Aurelio amatore della sapienza; poiche, nel vero, con grandissima accuratezza, oltre gli studi minori, egli attese alla filosofia, nella quale arriuò a tal colmo di sapere, che per eccellenza, ne fù detto il Filosofo, feceil Senato stamparela    6. medaglia, con l'effigie, e lettere, come di sopra; e nel rouescio è Minerua armata d'elmo, che appoggia la destra ad vn'Hasta, e tiene la sinistra sopra d'vn scudo, nè altro vi si legge, che: S. C. rappresentandosi con ciò, l'esser Marc' Aurelio in concetto dinon meno atto alle scienze, & al gouernar l'Imperio, in tempo di pace, che al prouedere, & al condurre felicemente ciascuna cosa, che in quello di guerra faceua di mestieri. Fù tal volta intesa Minerua perlo Diuino Splendore, che rischiara gli humani intelletti, e donde viene ogni prudenza, & ogni sapere: si vuole, che nascesse dal capo di Gioue; perche stando la virtù intellettiua dell'anima nel ceruello, discende però tutta la sua cognitione dal supremo intelletto di Gioue, venendo pur a noiogni sapiẽza da Dio, e nõ dalle cose terrene. Hebbe Minerua in cura nõ meno l'arte della Guerra, che quella della Pace, e perche vccise il Gigante Pallãte, fù anche detta Pallade, e serbossi sẽpre Vergine; conciosiache la vera sapiẽza, figurata in essa, nõ sente macchia alcuna delle cose mortali, & è sempre in sè tutta pura, e mõ da.    La Hilarità, cioè la giocõdità, che hebbe in sè Aurelio, e per la quale fù a ciascuno accettissimo, si vede rappresentata cõ Donna in piedi, che sostiene vnalunga palma nella destra, e'l Cornucopia nella sinistra mano, e lettere: HILARITAS. S. C. Di questa si scrisse a bastanza in Adriano.    Gli attribuì ancora il Senato altri rouesci, mentre era Cesare, di non piccola sua gloria.    7. L'vno fù dell'Honore, e forse del Militare; poiche si vede vn giouane assai robusto, che appoggiando la destra ad vn'hasta, tiene con la sinistra il Cornucopia; ed è tal figura in habito breue, con lettere: TR. POT. COS. II. HONOS. S.C. Porta l'Honore il Cornucopia, per dimostrare, che'l vero honore vuol essere accompagnato dalle ricchezze. L'hasta, fù segno molto notabile di honore; perche dauasi in premio a i giouani, che vinto in battaglia l'inimico, haueano dato segno di valore.    L'altro, mi pare, che rappresenti parimente la Virtù militare:vedendosi la figura divna    8. giouanetta, ma succintamente vestita, con elmo in testa: posa il piè destro sù vna celata: sostiene, con la mano destra, lo scettro: s'appoggia, con la sinistra, ad vn'hasta, e vi si legge: TR. POT. III. COS. II. VIRTVS. S.C. Sopra di così fatta Virtù si è discorso in altri luoghi.    Anche si vede l'Honore colsembiante d'vn giouane stolato, che porta nella destra mano    9. vn ramoscello di palma, e nell' altra sostiene il Cornucopia, con inscrittione: TR. POT. VI. COS. II. HONOS. S.C. Nell'apparenza dell'honore può stimarsi, che si nasconda la Virtù, già che quegli è seguace di questa, non essendo vero l'honore, che non hà sua origine dalla virtù.    Gli studi di Aurelio, oltre all'essere stati da lui incominciati per tempo, hebbero incontro vna tal velocità dell'ingegno suo, che correndo l'età di dodici anni vestì habito di Filosofo, & all'orare, & ad altre professioni si applicò; e quantunque di Consolati, e di varie dignità fosse ornato; le quali l'officio, e l'assistenza di lui richiedeuano, e che all'attioni del Padre, perageuolarsial gouerno della Republica, interuenisse, non pertanto lasciò giamai di srequentare auidamente gli stessi suoi studi. Ciò non ad altro, che alla grandezza, & alla

alla velocità dell'ingegno, e del sapere di lui può attribuirsi, che fatto dimolte scienze capace, e della filosofia specialmente, qualunque cosa con facilità eseguiua. La velocità, dunque, & il sapere di Aurelio, stimo, che rappresentar si volesse nella medaglia, che contenendo dall'vn lato la testa, senza corona, e lettere: AVRELIVS CAES. AVG. PII F. appare nell'altro vna Sfinge, animale, che hà testa, collo, e petto di Donna, & il resto è alla simigliauza del Leone, con quattro piedi, elunga coda: ma di due grandi ale fornito. Tale fiera fù appresso gli antichi tenuta per sapiente, fingendosinelle fauole, che si stesse vna Ssinge, sù certa rupe, in Tebe, proponendo dubbiosi dettia chiunque di là passaua. Ma oltre a ciò dimostra essere velocissima, massimamente nella medaglia suddetta; perche tenendo l'ale, e le gambe distese; benche grauata sia della Dea Pallade, che armata dilancia, di celata, e discudo, le siede su'l dorso, stà tuttauia intenta al correre, anzi al    10. volare con velocità, e vi si legge: TR. POT. XIIII. COS. II. Per Pallade viene intesa la Sapienza; e dall'essere armata, & in vista fiera, siargomenta il vigore, e la forza del sapere; il quale, appreso dall'ingegno, viene dalui velocemente, in qualunque attione, con prontezza guidato. La Ssinge, che per simbolo dell'istesso ingegno, si crede essere quì posta, essendo velocissima, e varia nel sembiante, dimostra, che l'ingegno veloce apprende facilmente, e quindi si genera la prontezza nel discorso, e la varietà necessaria nella inuentione.    Maritossi Marco Aurelio, fatto Cesare, con Faustina figliuola dell'Imperadore Antonino, e riceuutane vna femina, hebbe dal Padre la Potestà Tribunicia, che in alcuna delle medaglie descritte si vede essere notata, & a parte dell'Imperio, con esso lui, sottentrò; e tanto nella beneu olenza di Antonino auanzossi, che giunto quegli al termine del viuere suo, in presenza de'Prefetti, commendò Aurelio fuor di misura, e volle, che come a successore fosse portata nella stanza di lui la Fortuna d'oro, che nella sua dimoraua. Mancato Antonino, e preso da Marco il gouerno dell'Imperio, dichiarossi per compagno Lucio Vero, e lo chiamò Cesare, & Augusto, essendo questii primi, che di compagnia l'Imperio reggessero; e maritata in Vero la propria figliuola detta Lucilla, stimo, che il rincontro di simili attioni, che denotano vera concordia, appaia entro la medaglia, che    11. dall'vn lato Marco con barba, e testa laureata, e lettere: IMP. CAES. M. AVREL. ANTONINVS    12. AVG. P. M. e dall'altro stanno esso, e Vero in piediamendue togati, che per segnale di concordia si porgono le destre, con inscrittione: CONCORDIA AVGVSTOR. TR. P. XVI COS. III. S. C. essendo la Concordia la vera vnione del volere, e del non volere di molti che viuono, e conuersano insieme; quindi è, che col mezo di quella, si stabilisce maggior forza nelle operationi de gli huomini. Questa dunque annuntiò il Senato, in simile medaglia, alli due Imperadori, ouero perche furono tali, ne volle dimostrare vn così fatto segnale.    Ma per far apparire tuttauia più espressa la vicendeuole Concordia loro, e che qualunque attione, benche fatta da due persone, procedeua nondimeno da vn'animo solo,    13. si veggono in vn mio piombo antico, quasi conuertito in pietra, e che per auuentura seruì di proua del conio, fatto per simile medaglia, due teste, che l'vna, alla destra, è di Vero, e l'altra, alla sinistra, è di Marco, e stanno amendue guatandosi, con alcune lettere, non perciò tanto impresse, che io possa quì riferirle, denotando così fatto modo di guatarsi l'vn l'altro attentamente, vn vicendeuole amore, & vna indissolubile concordia, & vnione

vnione de glianimi, co'quali ben si gouernano, e conseruano con certo ordine tutte le cose.    Le graui difficoltà non più incontrate di tal fatta, ne gli altri Imperadori, e che auuengono nell'aggiustare, co'tempi, le attioni di Marco Aurelio, stimo, che potessero recare delle oscurità da non essere facilmente intese, se non vi si facessero sopra le necessarie considerationi. Non si legge, che a Marco Aurelio fosse participato da Antonino Pio l'intero gouerno dell'Imperio, nè che lo promouesse alla Potestà Tribunicia, se non dopo, che egli prese per moglie Faustina di lui figliuola; e ciò pare, che seguisse all'hora, che per la seconda volta fù Consolo: raccogliendosi da varie medaglie, che Aurelio hebbe, mentre era Cesare, e Consolo, tal Potestà: Vuole Adolso Occone, che fosse dal Padre chiamato Cesare, insieme con Vero, l'anno della fondatione di Roma 892; che riceuesse la Tribunicia Potestà l'anno 898; e che prendesse l'Imperio con Vero, l'anno 913. La onde, secondo tal conto, egli hebbe il Tribunato quindici anni prima, che imperasse, e fù sempre chiamato Cesare, con l'aggiunto di Augusto, di Consolo, e di Tribuno. Morì Aurelio l'anno 632: si che douendosi il principio dicotal dignità congiungere col fine, seguirono in lui, da trentadue Tribunicie Potestà: mase ne truouano tuttauia notate, entro le medaglie vedute da me, il numero di trentaquattro; e ciò stimo essere veridico, non potendo la vera, e sincera medaglia mentire. Nè hà dubbio, che se gl'Historici, quando scrissero le vite de gl' Imperadori, si fossero proposto di hauere in ciò per guida le medaglie, queste haurebbono valuto loro, per molto meglio distinguere i tempi delle attioni, di quel, che ci lasciarono scritto. Tiene Giulio Capitolino, che Aurelio fosse Tribuno, prendesse moglie, & entrasse a parte del Gouerno tutto ad vn tempo, dicendo: Faustinam duxit Vxorem, & suscepta filia, Tribunicia Potestate donatus est, atque Imperio extra Vrbem Proconsulari, addito iure quintae relationis, tantumque apud Pium valuit, vt nunquam quemquam fine eo facilè promouerit. Ma altro vi è, che genera confusione intorno la verità de'tempi, elo cagionarono gli antichi medesimi;li quali pervna sola attione ristamparono molte medaglie sotto vari Consolati, e Tribunitie Potestà, secondo si raccoglie in quelle notate entro vn suo volume, da Adolfo Occone. II che stimo sacessero per solo fine di adulatione, e per secondare il compiacimento de'Principi, rinouando, per tal via, quelle attioni, delle quali mostrauano di essersi più dilettati. Quindi è, che molte cose, circa i tempi, non si possono tanto bene ordinare, e distinguere, quanto il bisogno richiede:nè ciò incontrerebbe, se si potessero hauer seguitamente tutte le medaglie di ciascuno Imperadore, che gli antichi stamparono; perche se in più Tribunicie Potestà, o Consolati, si vedesse rappresentata vn'attione, si raccoglierebbono, per mio parere, i veritempi di essa, dalla prima publicatione di tal medaglia. Simili difficoltà, non sono tanto incontrate ne'passati Imperadori, quanto occorrono in Marco Aurelio; perche nè anche furono, per prima, due Imperadori, egualmente nell'Imperio, come di Marco, e di Vero seguì, etra'quali molte attioni si fanno comuni: nè ciò può ben raccogliersi se non da coloro, che lo scritto della penna procurano di rincontrare col vero testo delle medaglie. E'però verisimile, che molto tempo corresse dal prendere, che fece Aurelio la moglie, all'incominciare del suo imperare con Vero; perche n'hebbe in quel mentre vna figliuola, e quella congiunse all'istesso Vero, quando lo si fece compagno nel gouerno; e molti anni prima debbe godere la dignità Tribunicia, mentre nell'atto Z del

del prendere Moglie, li fù da Pio conceduta.    Per l'allegrezza delle nozze di Vero, con Lucilla, a gran numero di fanciulli, e di fanciulle, fù d'ordine di Marco Aurelio distribuita buona quantità di formento, e gli eserciti hebbero il solito donatiuo de'danari. Di così fatta distributione di sormento, giudico restasse il segnale nella medaglia, con testa laureata, e titoli: M. ANTONINVS AVG. TR. P. XXII. e con la misura detta Congio, entroui delle spiche di grano, nel cui mezo stà il Papauero, del quale altroue si è scritto, e vi si legge: ANNONA AVG. IMP. VII. COS. III. S. C. vn simile rouescio si è veduto in Nerua.    Indi si diede a celebrare solenni essequie ad Antonino, e quelle terminate, si applicò a'fatti dell'Imperio, e versoi cittadini, e sudditi, amoreuolissimo si dimostraua. Ma vn gran portento il corso delle sue attioni interruppe; peròche da vna grandissima innondatione del Teuere furono crollati, e patiro no molti edifici della Città; e dal restarui infiniti animali morti:, nacque la carestia, li quali sinistri, per la particolar cura delli due Imperadori, furono in gran parte temperati. Direi, che per gratitudine del Senato, verso di Marco specialmente, che in tali sciagure beneficò il publico, fosse stampata la medaglia, con testa laureata, e lettere: M. ANTONINVS AVG. TR. P. XXIX, col Teuere mezo giacente, che distende la destra ad vna prua di Naue, mentre posa la sinistra sopra l'vrna, che versa l'acqua, stringendoui vna palustre canna. Miassai più lontana dell'auuenimen to la mi dimostra la Tribunicia Potestà XXIX. che vi è notata; tuttauia, non potendo io giudicare a qual altro fine fosse decretato cotal rouescio, lascio, che corra in questo luogo a gloria di Marco Aurelio, potendo essere, che in più tempi, fosse ristampato, e vi stà scritto: IMP. VI. COS. III. S. C. Tale si è parimente veduto in Antonino.    Nell'istesso tempo, che il Teuere danneggiaua Roma, e'l suo territorio, suscitò gran guerra ne'Parti, sotto Vologeso Rè loro: hauendo discacciato della Siria Apidio Cornelio, che v'era Presidente; nè stette cheta l'Inghilterra; e li Catti si solleuarono nella Germania, e nella Retia. Per le quali cagioni spinsero gl'Imperadori Calfurnio Agricola in Inghilterra; Aufidio Vittorio ne'Catti; e contrai Parti, acconsentendoui il Senato, si tra ferì l'Imperadore Vero:restando Aurelio a sopraintendere le cose dell'Imperio in Roma, quantunque fino a Capua l'accõpagnasse. Ma ritornato, & vdito, Vero trouarsi in Canusio infermo, col voto del Senato, vi andò; & essendo quegli guarito, questi si ricondusse a Roma. Giunto Vero nella Siria, & in Antiochia, diedesi colà in preda de'piaceri. La onde Aurelio, commosso dal timore del dãno publico, hauendo l'incitamẽto della virtù, che lo stimolaua ad inuigilare da pertutto; si diede, accanto la grandezza de glialtri suoi affari, ad apprestare, benche lontano, i bisogni della guerra Partica. In quel tanto sotto Statuto Prisco sortirono buõ sinele cose di Armenia, e fù però a'Principi il nome d'Armeniaco attribuito; il qu ale modestamẽte Marco da principio ricusò:ma poscia accettollo, & il Senato, come se in questa guerra egli fosse di persona interuennto, stampò la medaglia, con testa laureata, e titoli:    14. M. AVREL. ANTONINVS AVG. AR MENIACVS P.M. e vi e vna figura armata di corazza, e di elmo, che appoggia la destra ad vn lungo dardo, come pur la sinistra ad vn gran scudo disten de: leggendouisi: TR. POT. XVIII. IMP. II. COS. III. S. C. La qual persona armata, può facilmente stimarsi essere la Virtù militare di Marco; che quantunque egli non si trasferisse di persona alla guerra suddetta, potè ben col consiglio, con gli auuertimenti, co'Capitani, e Ministri da lui dipendenti, e con altri aiuti, andar producendo quel frutto, che poi

poi con gloriosa vittoria se ne raccolse.    Vedendosi in altra medaglia, con testa, e lettere: M. ANTONINVS AVG. P.M. il simulacro della Vittoria, la quale in atto di caminare, porge con la destra vna corona, e tiene con la sinistra la palma, con inscrittione: TR. P. XVIII. IMP. II. COS. III. stimo, che non essendoui il titolo di Armeniaco, ciò auuenga, perche il medesimo segnale della vittoria ottenuta nell'Armenia, fosse decretato, mentre egli ricusò, per modestia, detto titolo, e che poi indi a non molto accettò. Ma simigliante rouescio si èveduto altroue.    Con testa laureata, e lettere: M. ANTONINVS AVG. ARMENIACVS P. M. altra Vittoria    15. alata và agitando ad ambe mani vn Trofeo, e tiene vn prigione sedente a'piedi, che rappresenta la Prouincia di Armenia, leggendouisi: VICT. AVG. TR. P. XVIII. IMP. II. COS. III. S. C.    In vario rouescio si raccoglie il Marte Gradiuo ignudo, che porta sù la sinistra spalla il Trofeo, e con la destra mano stringe vn dardo, conlettere: TR. P. XVIII. IMP. II. COS: III. S. C. Questi si descrisse basteuolmente in Vitellio.    Simil Marte stà in diuersa medaglia armato, che velocemente camina, portando, sù la sinistra spalla, il Trofeo, e nella destra mano, vna piccola Vittoria alata, leggendouisi le lettere nell'altra descritte. E perche, intorno a simili figure di Marte, si è parlato altroue non se ne dice quì di vantaggio.    Furono decretati a Marco Aurelio i titoli di Padre della Patria, e di Partico, dopo terminata vittoriosamente cotal guerra: ma esso, che più, che le cose erano da lui meritate, più procedeua con moderatione nel riceuerle, ricusò il primo, dichiarandosi di non volerlo accettare, fin che, con la presenza di Vero, non ne fosse egli potuto essere a parte. In queltanto statuì in Roma di molte leggi, & innalzò vari amici a'gradi della Republica, non lasciando di frequentare il Senato, e d'essere per ogni capo vtile a quello, & a'sudditi; e come Principe, a cui appartiene, sopra l'altre virtù, l'vsare munificenza, per ren dersi, secondo lo stato eminente di lui, più perfetto, egli con quella si faceua incontro a tutte le opportunità di porla in atto a pro de'Popoli: procurando specialmente, che delle cose al vitto necessarie, fossero abbondanti; perloche donò a tal fine gran quantità di formento alle Città d'Italia, che n'erano in bisogno, inuentando etiandio de'modi, onde non douesse seguirne altre volte così fatta strettezza. Il rincontro di cotal donatiuo stimo, che restasse acceso nella medaglia, con testa laureata, e lettere: M. ANTONINVS AVG. ARM. PARTH. P. M. col palco nel rouescio sopraui due Imperadori sedenti, cioè Marco, e Vero, & al pari di essi in piedi è il simulacro della Liberalità, col Cornucopia, e la tessera altroue descritta; & vno del Popolo salendo la scala, và a prendere il formento, leggendouisi: CONG. AVG. IIII. TR. P. XXII. IMP. IIII. COS. III.    Come Principe vigilante nel tutto, che potesse a'suoi Popoli recare giouamento, tolse di molti abusi circa i giuochi, & hebbe patticolar cura delle strade di Roma, e di fuori, souuenendo etiandio alli bisogni della Spagna, conle cose d'Italia. Ritornato in quel tanto Vero dalla Siria, fù decretato ad amendue il titolo di Padre della Patria, e conceduto loro la Corona Ciuica: Impetrò Lucio, che'l Fratello trionfasse con esso, e che li suoi figliuoli fossero chiamati Cesari, e che nella pompa interuenissero con habito trionfale; benche la modestia di Marco non tollerasse, morto che fù Vero, d'essere honorato se non col titolo di Germanico già da sè solo acquistato. Facendosila guerra Partica, suscitò in Z 2 tempo

tempo di gran carestia, l'altra de'Marcomanni, per cagione della quale Vero persuase il Senato essere necessario la presenza di Aurelio, e di sè stesso, per ridurre le cose alla quiete: ma ne fù poi ritardata l'esecutione dalla pestilenza, che soprauuenne; la quale, quantunque si studiasse Marco, con testimoni della sua pietà, diandare estinguendo, ne restò nondimeno la Città assai affl itta. Volto egli pertanto l'animo alla propria Religione: così per questo, come per le guerre, che soprastauano; conuocò in Roma li Sacerdoti de'paesi esterni; perche vi esercitassero i sagrifici, secondo il rito di ciascuno: e tutte le parti della Città visitò, e fatte alcune feste publiche, s'incaminarono amendue gl' Imperadori verso i Parti, e li Marcomanni, & altre Nationi solleuate. Inteso poscia in A quilea, che al solo grido della mossa loro, si erano ritirati gl' inimici, alcuni de'quali perduti li propri Rè, non volendo riceuerne altri, che non fossero confirmati da gl' Imperadori, fpedirono per tal conto, e per riceuere il perdono, loro Ambasciadori:ma non stimandosi ferma da'Principi la fede de'Barbari, proseguirono il viaggio oltre le Alpi, e stabilite le cose concernenti all'Italia, & alla Schiauonia, appressatisi ad Aquilea, per di là ricondursia Roma, non lungi da Altino Città situata all'hora su'lidi del Mare Veneto, nell'istessa carrozza, in cui si conduceuano, cadde Vero apopletico; e portato in detta Città, iui in tre giorni morì. Il qual caso dando a vedere, che l'vso della prosperità dee essere d'inseguamento, per stare apparecchiati a riceuere le cose auuerse, turbò molto l'animo d'Aurelio; che quantunque consapeuole de'vitij del Fratello, e che questi potessero cagionare de'mali, & in lui scemare l'amore: persuaso nondimeno dalla propria bontà, compatendonelo, gliandaua al possibile celando a gli altri: ma regolata in fine cotale auuersità col solito suo buon consiglio, non istimò il danno se non per vno de gli vsati crollamenti della Fortuna, auuezza di fare, etiandio alle cose grandissime, hauer fuo fine; e ricondotto il cadauero a Roma, e fattolo Deifi