Full text: Angeloni, Francesco: L' HISTORIA AVGVSTA DA GIVLIO CESARE A COSTANTINO IL MAGNO. Illustrata con la verità dell'Antiche Medaglie DA FRANCESCO ANGELONI

131.

   
   19. T.CAES. VESPASIAN. IMP. PONT. TR. POT. COS. II. IVDAEA. Questo insigne rouescio rappresenta la clemenza, e la benignità di Tito nella Guerra Giudaica, da esso vsata verso i vinti all'espugnatione di Gerusalemme, e de gli altri luoghi soggiogati dalle sue armi, secondo da Flauio Giuseppe egli vien celebrato; Tiene con vna mano l'hasta, e stende l'altra pacificamente à Supplicheuoli, promettendo loro sicurezza, e salute. Auanti vn Vecchio ginocchione, dietro vna Donna stendono le braccia, e le mani, e si raccomandano: appresso vi è l'arbore della Palma.
   
   20. A questo si aggiunge l'altro rouescio compagno d'vna medaglia di Vespasiano, differente solo per la Vittoria che l'Imperadore tiene in mano, e per la corona di raggi, con cui la ‘Donna s'incorona: Pare, che per essa intender si possa la Famiglia Regia d'Izate, che con altri più nobili del Popolo implorarono la fede, e la clemenza di Tito, come si legge appresso l'istesso Gioseppe. Queste due medaglie con le seguenti si conseruano nel Tesoro della Maestà della Regina Christina.
   
   21. Con gl'istessi nomi, e titoli intorno la testa, segue il primo Congiario da Tito distribuito al Popolo Romano: CONGIAR. PRIMVM P.R. DAT. Populo Romano datum.
   
   22. VICTORIA AVGVSTI S.C. La Vittoria tiene il Clypeo, ouero Scudo votiuo appresso l'albero della Palma, & addita il titolo: OB CIVES SER. volendo il Senato dar questo honore à Tito di hauer conseruato i Cittadini Romani nella Guerra Giudaica, rinuouandone i voti.
   
   23. La mede sima insorittione si legge dentro la Corona Ciuica in altro rouescio di vna medaglia mezzana.
   
   24. Per compire questa Tauola non tralasciamo la bella medaglia con la Statua Sedente di Tito Deificato: DIVO AVG. T. DIVI VESP. F. VESPASIANO. Dall'altro lato si legge l'inscrittione di Domitiano: IMP.CAES.DIVI VESP.F.DOMIT.AVG.P.M. TR.P.P.P.S.C.
   
   10.11.. LA Medaglia, che da vn lato dimostra l'Anfiteatro, dall'altro la Statua di Tito sedente, fù senza dubbio impressa dopo la morte di Tito, approuãdolo basteuolmente il titolo: DIVOTITO conforme si legge nell'inscrittione dell Arco suo in Roma erettogli dopo morte, dal Senato, e Popolo Romano, nel cui fornice si vede Tito portato in Cielo dall'Aquila in contrasegno della sua. Consacratione. L'altra Medaglia col Consolato VIII. notato intorno la testa non si approua.
   
   17. Vogliono, che questa Medaglia non appartenga à Martia Fuluia moglie di Tito, mà à Fuluia Plautilla di Caracalla, non costando che la prima foste cognominata Augusta, ed hauendola Tito repudiata quando era priuato.

132.
DOMITIANO.


   FV'Domitiano peruerso d'animo, e di volontà con ciascuno, e con Tito specialmente; poiche non lo hauendo lasciato viuere nell'Imperio senza sollicitudine, volle, che dopo morto, più apparisse il proprio veleno, ordinando, che mentre spiraua, fosse abbandonato; nè fece altra dimostratione in suo honore, che di consacrarlo: anzi procurò di abbattere, in qualunque guisa, il gouerno, e la gloria di lui. Nacque Domitiano, mentre il Padre era disegnato Consolo, nè hebbe inclinatione à studio alcuno fuori della Poesia; nella quale compose, e recitò alcune sue Opere. Da giouinetto fù hauuto in sospetto di dishonesto. Nella Guerra Vitelliana, si ritirò con Sabino suo Zio in Campidoglio: ma essendoui entrati gl'Inimici, & acceso il fuoco nel Tempio, si ricouerò la notte Domitiano appresso colui, che haueua la cura delle cose sacre, & appena potè la mattina saluarsi dalle mani di coloro, che lo cercauano per vcciderlo. Per la quale cagione, fatto Imperadore, edisicò nel Campidoglio il Tempio in honore di Gioue Custode, ò Conseruadore; & il Senato, per serbare la memoria dello scampo di Domitiano,
   1. in così pericoloso caso, decretò la medaglia con testa laureata in età giouanile, e lettere: IMP. CAES. DOMIT. AVG. GERM.COS. XI. cioè: Imperator Caesar Domitianus Augustus, Germanicus,
   2. Consul vndecimum:
e con Gioue in piedi ignudo, che da vn solo piccolo panno gli si vedono coperte le vergogne: appoggia la sinistra ad vn hasta, e stringe il folgore con la destra 

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer