Full text: Simeoni, Gabriele: DIALOGO PIO ET SPECVLATIVO,

25.

vorrei, seti piaceßi, intendere anchora da te che cosa sono
I Pianeti & le stelle sisse?

   
   VR.. Virtù ministre di Dio, casualmente preposte alle concetioni di tutti gl'huomini nascenti.
   DIPIST.. Queste tue risposte sono vn poco troppo sottili & profonde per il mio ceruello.
   VRAN.. Se tu haueßi lettoil Timeo di Platone, Iamblico, Proclo, Porfirio, Psello & Trimegisto autori diuinißimi tradotti di Greco in lingua Latina da Marsilio Ficino, quiui tu haresti veduto dell'anime & de Demoni & del Demone di Socrate misterij marauigliosi & sopra naturali, doue tra gl'altri sono cosi fatte le parole di Proclo, che io non voglio profferire volgari, per non gittare (come dice il Prouerbio) la treggea à i Porci.
Proinde mortalia per hos daemones diuinos nan ciscuntur influxus, atque ita plantae & animalia fabricantur. Haec quidem horũ, illa verò illorum deorũ imagines praeferẽtia. Soggiugnendo il medesimo Autore altroue,
Anima rationalis iracundiae quidem & concupiscentiae dominatur, in rebus verò
C


Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer