Full text: Simeoni, Gabriele: DIALOGO PIO ET SPECVLATIVO,

144.

& della quale nel primo dell'Eneida cosi scriue Virgilio ,

Cùm subitò assurgens fluctu nimbosus Orion,
In vada caeca tulit, penitúsque procacibus Austris,
Pérque vndas superante salo, pérque inuia saxa
Dispulit.

Perche non senza proposito trattò Tolomeo della natura delle stelle fisse. Aristotele ci auertì d'osseruare il nascimento d'Orione, d'Arturo, delle Virgilie, & della Canicula, & Plinio, ragionando della mutatione dell'Aria, scrisse , Nõmeantiũ modò syderum (vt plerique exi stimãt) haec vis est, sed multorũ etiã adhaeren tiũ coelo, quoties errantium accessu impulsa, ac coniectu radiorum stimulata sunt. Volendo inferire che le congiuntioni & aspetti de i pianeti tra loro, col nascimento & testimonio delle stelle fisse circa l'alteratione de i tempi, & massimamente ne i Solstitij (quali sono in Cancro & Capricorno, questo alli vij. di Dicembre, & quello
R. 3


Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer