Full text: Erizzo, Sebastiano: DISCORSO DI M. SEBASTIANO ERIZZO. Sopra le Medaglie de gli Antichi.

73.

lute Principum, imò pro salute Principum, ac propter illos pro aeternitate Imperij solebamus. &c.
   Et in questo modo s'intendono quei versi di Oratio.
Voto prosequitur Caesarem,
Profectionem parantem in vltimos Britannos. &c.

   Donde noi uediamo, che erano i Romani soliti di fare, ò di sciogliere questi voti presi, per la eternità dell'Imperio, per la salute de' cittadini, ouero per la salute de' Principi, ò di altri prefetti, Consoli, proconsoli, & magistrati grandi, c'hauessero il gouerno della Republica. La qual cosa esprime mirabilmente Dione al lib. 53. parlando dell'imperio assoluto, che Augusto prese della Romana Republica, con tali parole. Haec omnia eo ferè tempore ita sunt instituta. Atre ipsa Caesar unus in omnibus rebus plenum erat imperium habiturus, cum & pecuniam (nam & si suas ab aerario separatim habebat, tamẽ his quoq; suo arbitrio vtebatur) & milites in sua haberet potestate. Et cùm primum decennium exiuisset, aliud quinquennium, atque eo circumacto rursum aliud quinquennium, post decennium, ac eo finito aliud iterum decretũ est, ita vt continuatis decennijs per totam vitam summam Imperij obtinuerit. Quam ob causam posteriores quoque Imperatores, & si non ad certum tempus, sed per omne vitae spatium ijs Imperium deferatur, tamen singulis decennijs festum pro eius renouatione agunt, quod hodie etiam fit &c. Volendo dimostrarci Dione, che essendo in quel tempo dato per publico decreto il gouerno dell'Imperio da i Romani ad Augusto, quello gli assignauano per cinque, ò per dieci anni, per la conseruatione del quale faceuano le feste ouero i voti publichi, che si chiamauano poi Vota Quinquennalia, & Decennalia. Intende il medesimo ancora lo stesso Dione al lib. 44. parlando di Giulio Cesare, con queste parole. Haec Antonio perorante, populus irritatus primò est, deinde ira commotus, tandem ita exarsit, vt percussores Caesaris quaesitum irent, Senatoresq́; etiam reliquos incusarent, quòd passi essent eum virum interfici, pro quo vti quotannis publice vota conciperentur decreuerãt, perque cuius valetudinem, fortunamq́ue iurabant, quem iuxta Tribunis inuiolabilem esse iusserant. &c. Hora di questi voti presi, & voti sciolti, per la salute de i Principi noi habbiamo vn chiaro testimonio nelle Epistole di C. Plinio Secondo al lib. x. in una Epistola che Plinio scriue à Traiano Imperadore, doue gli scriue. Solennia vota pro incolumitate tua, qua publica salus continetur, & suscipimus domine pariter, & soluimus, precati Deos, vt velint ea semper solui, semperq́; signari. Onde Traiano gli risponde. Et soluisse vos cum prouincialibus diis immmortalibus vota pro mea salute, & incolumitate, & nuncupasse, libenter mi Secunde carissime cognoui ex literis tuis. Et il medesimo Traiano piu oltre scriue cosi ad esso Plinio. Agnosco vota tua mi Secunde Carissime, quibus precaris, vt plurimos, & felicissimos nataleis florente statu Reip. nostrae agam. Noi leggiamo ancora nell'istesso libro in proposito della nuncupatione & solutione de' voti per l'Imperatore & la Republica quello che scriue Plinio à Traiano. Vota domine priorum annorum
nuncupa-

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer