Full text: Vico, Enea: DISCORSI DI M. ENEA VICO PARMIGIANO, SOPRA LE MEDAGLIE DE GLI ANTICHI DIVISI IN DVE LIBRI.

83.

84.
DE' PREZZI DELLE MEDAGLIE ANTICHE .
C ap. XVI.


    PER questi effetti adunque non mi merauigliai nel principio, che io di queste mi cominciai a dilettare, de' grandiβimi pregi, e della somma d'argento, e d'oro, che io parte uidi, e parte da relatione d'altri, udì essere stata pagata per una M edaglia antica: & accioche da questi pochi esempi si comprendano gli altri molti, ne dirò alquanti.
   M esser A ntonio C apodiuacca , gentil'huomo P adouano, e grand'amatore di queste cose, non ha temuta la spesa di quindici scudi, per una medaglia di rame d'uno A urelio. S imilmente a M. G iouan' A ndrea A ueroldo , M agnifico gentil'huomo di B rescia , e splendido, non è mancato ne l'animo, ne il modo di dare per una M edaglia, pur di rame, d'un C ommodo, che nel lato riuerso haueua il simulacro di M arte pacificato, trenta scudi d'oro; & d'un'altra di C ommodo in habito di H ercole a M. P ier L uigi R omano , sessanta ducati. V n R euerendiβimo nella C ittà di R oma , ho udito dire, per uoler donare un V itellio , un D omitiano , & un C ommodo I mp. in M edaglie di rame, settanta cinque scudi hauer dati. M. A ndrea L oredano nobile di V inegia , gentil'huomo splendidiβimo; e nelle historie G rece, e L atine non meno dotto, che studioso, ilquale de'beni di fortuna essendo molto accommodato, con animo alto, e degno del suo ualore, sprezzata l'ambitione de'magistrati, e la seruitù de B rogli ciuili, ha si fattamente l'animo suo applicato à studij delle cose antiche, che oltre lo hauere nelle sue case rizzato un ricchiβimo, e giuditiosiβimo M useo, tutto di uarie cose antiche, e rare marauigliosamente adorno, di due medaglie antiche di rame, cio è, l'una di V itellio , l'altra di D omitiano I mperar. ottantacinque ducati ha pagati. I l sopra detto A ueroldo pochi di sono, che in una sol uolta comprando di si fatte cose un studio, sborsò mille e cinquecento scudi. M a il R euerendiβ. M ons. G iouanni G rimani , P atriarca d' A quilea , S ignor d'alto gouerno e di molta prudenza: e non meno illustre per le ottime e reali uirtù sue, che chiaro per nobiltà di sangue, e di sacra dottrina, tanto stupisce ogni dì piu del ualore de gli antichi, che per rihauere i fragmenti dell'antichità, che gia furono del morto suo fratello C ardinale, diede tre mila scudi: delle quali, la maggior copia fu di medaglie, e di preciosiβimi C amei di tanta rara, e suprema bellezza, che per il M useo di questo magnanimo S ignore, si puo largamente giudicare la eccellenza, e ricchezza della loro età. M a delle medaglie tutte,

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer