Full text: Vico, Enea: DISCORSI DI M. ENEA VICO PARMIGIANO, SOPRA LE MEDAGLIE DE GLI ANTICHI DIVISI IN DVE LIBRI.

15.

gran tempo, di far cio in V.S. Illustriβima, forse con non minor giudicio di quello, che i primi antichi si facessero; conciosia, che non minor lode, et honore si deue, a chi una cosa gia trouata conserua, accresce, et illumina, porgendo aiuto a che di aumentarla s'affatica, di quello, che si conuenga al primo inuentore. Et V.Ε. hauendo fatto, e l'uno, e l'altro; e conseruando non solo rariβime, e belliβime cose antiche, si di medaglie, statue di marmo, e di bronzo; come d'altre cose; e facendone tuttauia fare di nuouò da piu eccellenti di questa età, nell'una, e nell'altra'materia; e raccogliendo anco appo di se con honorati doni, non solamente della Pittura, Architettura, Musica, et d'altre uirtuose arti i professori, ma ancora con stipendij magnifici intertenendo in lettere, et in armi de' piu rari huomini, che habbia l'età nostra: et arrichendo ogni dì piu la patria sua di nuoue arti, et ornandola di ottimi costumi: ( si come io in parte per me medesimo, posso rendermi testimonio, benche minimo sia, per le humaniβ. lettere sue hauendo riceuuta benigna proferta di honesto intertenimento nella Città di Fiorenza ; ) di molta maggior gloria è degna, che alcuni de' sopradetti non furono. Il perche debitamente io non poteua, ne deueua; si per le sue infinite uirtù, e cortesie, ch'ella ogni dì usa ad ogni qualità di uirtuosi, come anco per l'antica seruitù, che io ho con lei, ad altra altezza, che a quella di V.S. Eccellentiβima, questi miei Discorsi dedicare ( come a quello, che niuna altra cosa tanto nobile stima, e degna, quan-

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer