Full text: Angeloni, Francesco: LA HISTORIA AVGVSTA DA Giulio Cesare infino à Costantino il Magno

47.

nonstructural

48.
Caio Giulio Cesare.


   DI Lucio Giulio Cesare, e d' Aurelia moglie di lui nacque Caio Giulio Cesare; il quale nell'età di sedici anni restò senza Padre, e fù nel decimosettimo eletto Sacerdote di Gioue. Diede licenza, nell'istesso tempo, à Cossutia già sposata giouanetta; e tolse Cornelia figliuola di Cinna, stato quattro volte Consolo, e n'hebbe Giulia. Diuentato Silla Signore del tutto, volle toglierli Cornelia, nè acconsentendoui, elesse, come parente di Mario, il partir di Roma, e verso la Bitinia diuentato preda de'Corsali, se ne riscattò: ma assalitigli poco appresso con le naui Milesie, e presigli, li fece impiccare. Fù eloquente, & acquistò gran riputatione con l'auuocare, nè minor beniuolenza conseguì dalla Plebe; la quale con l'humanità, con la clemenza, con la cortesia, con la, splendidezza de' conuiti, e de' costumi, si fece sua: Conobbe Cicerone l'animo di lui, che à gran cose tendeua: ma pensò ancora, e fù da gli altri creduto, che iscemate le facoltà di Cesare, ben presto suanirebbe il fauore, e l'autorità acquistata, poiche hauendo la Plebe per solo fine l'vtile, ella volge facilmente l'animo verso coloro, che meglio sanno, e possono adescarla; doue per lo contrario mancando la munificenza, e la liberalità, vien di leggieri meno il seguito di lei, e'l fauore. La qual cosa considerata da Cesare, lo pose in pensiero di meglio stabilire allhora la sua autorità, etiandio con l'armi, e spalleggiato però da essa Plebe, conseguì in competenza di Gneo Popilio, il Tribunato de' Soldati; e dall'istessa hebbe singolare applauso, quando, contra il solito de'giouani, egli lodò, con publica oratione, Cornelia sua moglie dopo morta. Passato Questore in Ispagna, prese, al ritorno, Pompea per terza moglie, e rappresentò spettacoli, e pompe, facendo de' conuiti con grandissima spesa, e magnificenza non più vsata; di che gli seguì lode, e fauor grande da ciascuno. Rinouò, e pose in vna notte su'l Campidoglio, le memorie, e li trofei di Mario, hauendo ciò dato animo, con allegrezza del popolo, a' parteggiani di quello, che sbigottiti, & abbattuti viueuano. Morto Metello, fù creato, per suffragi, Pontefice Massimo; e come Pretore, toccatagli la Prouincia della Spagna, vi si trasferì, e soggiogò iui, con la guerra, fino all'Oceano, coloro, ch'ancora non obediuano a' Romani; & assettataui ogni altra cosa, tornò co'l vittorioso esercito, à Roma; doue più si compiacque d'esser eletto Consolo, che di trionfare. Diede à Pompeo la figliuola Giulia per moglie, e riceuuto il gouerno della Gallia per cinque anni, fatto discacciar Cicerone d'Italia, andò all'esercito; col quale mirabilmente superato l'asprezze de'luoghi, la strettezza de'viueri, la perfidia, gli inganni, e la terribilità di quelle Nationi, e la moltitudine de'Nimici, e le doppie rebellioni loro, vsando in queste la mansuetudine, e la clemenza sua, in meno di dieci anni, che vi guerreggiò, fù tale la virtù, e la felicità delle sue armi, che prese à forza mille Città, soggiogò più di trecento Nationi, e combattendo in più fiate contra tre millioni di persone, ne tagliò à pezzi vn millione, e gli altri fece prigioni. Et hauendo largamente premiati, con le ricchezze raccolte nella guerra, gli huomini valorosi, mosso
A da

Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer