Full text: Lanzi, Luigi Antonio: La Real Galleria di Firenze accresciuta, e riordinata per comando di S.A.R. l'Arciduca Granduca di Toscana

39 
ve le teneva obbligate; e forse era 
un Castore, o altro Eroe, come ve- 
desi in quegli del Quirinale; a' quali 
è tanto simile nella mossa, e tanto 
vicino nel merito della scultura. Ivi 
appresso son le due Donne sedenti, 
l'una di stupendo lavoro, ma con 
teſta moderna; l'altra con antica, che 
tiensi per Agrippina minore. 
L'Augusto in atto di concio- 
nante è una delle più belle statue 
togate, che veggansi ne’ musei; le 
quali non sono comunemente del mi¬ 
glior gusto. La Leda è fra le pri- 
me di tal soggetto. Sieguono un Apol¬ 
lo con hra, un' Atleta con una fia- 
la postagli fra mano per esprimere il 
premio d'una vittoria, che indica 
la vicina palma; e una Baccante ag- 
gruppata con una lince. L'Esculapio 
vi è da un anno, statua di una sem- 
plice, e antica maniera, ma natura- 
lissimi, che lo fa pregiar più dell' 
altro, di cui fra poco. Il Mercurio 
in marmo fu degno di essere copia- 
to in bronzo, e collocato nel Real 
Museo Farnesiano. Il Bacco che sie¬ 
gue è moderno; ma si sostiene fra 
gli antichi col gran nome di Miche-
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer