Full text: Lanzi, Luigi Antonio: La Real Galleria di Firenze accresciuta, e riordinata per comando di S.A.R. l'Arciduca Granduca di Toscana

183 
acquisto, perchè a molte bellezze au¬ 
che sopra il suo costume aggiunge 
una perfetta conservazione. 
Comincio da Michelagnolo, on¬ 
de comincia il miglior secolo. Di 
lui è la Vergine ginocchione che 
porge a S. Giuseppe il divino In¬ 
fante; tre figure aggruppate insieme 
con un' arte nuova, ingegnosa, dif- 
ficile, ma riuscita egregiamente; vi 
aggiunse alquant ignudi in molta di¬ 
ſtanza ritti e sedenti come fossero 
usciti del bagno, non altrimenti da 
quel che fece nel cartone lavorato 
a competenza del Vinci ; e ciò per 
un saggio di quella parte della pit- 
tura, nella quale era ed è il princi- 
pe. Questo è quel tondo dipinto per 
Agnol Doni, che certamente delle sue 
pitture in tavola, ancorchè poche sie¬ 
no, è tenuta la più finita, e la più 
bella opera che si trovi. Tal' è il te- 
ſtimonio di Vaſari nella sua vita; e 
siegue narrando, che il prezzo con- 
certato da lui con quel Gentiluomo 
era di 70. Scudi: ma volendo que- 
gli scemarlo, il Bonarruoti lo alzò fi¬ 
no a cento Scudi la prima volta, e
	        
Waiting...

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.

powered by Goobi viewer